Ascesso del cervello

Ultima revisione di: , esperto medico, su 19.06.2018

L'ascesso cerebrale è l'accumulo di pus nella sostanza cerebrale. La malattia si manifesta come mal di testa, inibizione, aumento della temperatura corporea e deficit neurologico focale. La diagnosi è confermata dalla TC con contrasto o risonanza magnetica e talvolta da esame batteriologico. Per il trattamento vengono utilizzati farmaci antibatterici e drenaggio chirurgico.

Le cause ascesso cerebrale

Ascesso cerebrale può verificarsi a seguito di contatto diretto di infezione (come l'osteomielite, mastoiditi, sinusiti, empiema subdurale), con penetrante trauma cranico (compresa neurochirurgia) e via ematogena (in endocardite batterica, malattia cardiaca congenita con RESET diritto di sangue abuso sinistra iniezioni endovenose). A volte il cancello d'ingresso dell'infezione rimane sconosciuta.

Gli agenti infettivi sono di solito anaerobi, a volte una microflora mista, inclusi streptococchi anaerobici o batteriofori. Infezioni da stafilococco più spesso complica il decorso di lesioni craniocerebrali, interventi neurochirurgici o endocardite.

I rappresentanti della famiglia delle Enterobacteriaceae sono isolati durante l'infezione otogena. Gli ascessi possono essere causati da un'infezione fungina (ad esempio, funghi del genere Aspergillus) e da protozoi (ad esempio, Toxoplasma gondii, di solito in individui con infezione da HIV).

L'ascesso cerebrale si forma come risultato della necroticizzazione di un sito di tessuto cerebrale infiammato, attorno al quale glia e fibroblasti formano una capsula. L'edema perifocale può causare un aumento della pressione intracranica.

Sintomi ascesso cerebrale

I sintomi dell'ascesso cerebrale sono dovuti all'aumento della pressione intracranica e all'effetto massa (compressione della sostanza cerebrale). Per diversi giorni o settimane si sviluppano mal di testa, nausea, vomito, ritardo, crisi epilettiche, cambiamenti mentali, dischi ottici congestizi e sintomi neurologici focali.

Febbre, brividi e leucocitosi possono diminuire non appena si forma una capsula attorno al centro dell'infezione.

Diagnostica ascesso cerebrale

Se si sospetta un ascesso cerebrale, viene eseguita TC con contrasto o risonanza magnetica. L'ascesso sembra una massa gonfia, circondata da una formazione anulare, che accumula contrasto, che può essere difficile da differenziare da un tumore o da un infarto cerebrale; potrebbe richiedere semina e drenaggio.

La puntura lombare è controindicata, poiché può causare cuneo transgenico, inoltre i dati di ricerca del CSF non hanno significato diagnostico.

Chi contattare?

Trattamento ascesso cerebrale

La durata della terapia antibiotica va da 1 a 2 mesi. Cefotaxime prescritto empiricamente 2 g per via endovenosa ogni 4 ore o ceftriaxone 2 g per via endovenosa ogni 12 ore; Entrambi gli antibiotici sono efficaci contro le infezioni da streptococco, i rappresentanti della famiglia Enterobacteriaceae, e la maggior parte anaerobi, ma non contro Bacteroides fragilis anaerobi, che è richiesto per coprire, metronidazolo 7,5 mg / kg per via endovenosa ogni 6 ore.

Nel caso di infezioni da stafilococco (Staphylococcus aureus) ascesso cerebrale vancomicina è il farmaco di scelta per 1 g ogni 12 ore fino a quando i risultati della determinazione della suscettibilità alla nafcillina (2 grammi ogni 4 ore).

Il monitoraggio dell'efficacia della terapia antibiotica viene effettuato utilizzando la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica.

Il drenaggio stereotassico o aperto è l'intervento ottimale per ascessi singoli e chirurgicamente accessibili, in particolare di diametro superiore a 2 cm. Con l'aumento della pressione intracranica, al paziente viene somministrato un breve ciclo di alte dosi di glucocorticoidi. Per la prevenzione delle crisi epilettiche prescrivere anticonvulsivanti.

È importante sapere!

La mesofaringoscopia in un paziente con paratonsillite è spesso molto difficile, perché a causa del trisma grave il paziente apre la bocca non con dolore di 1-3 cm. L'immagine osservata qui dipende dalla posizione della paratonzillite. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.