^

Salute

A
A
A

Cause e patogenesi della sindrome da iperventilazione

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La sindrome da iperventilazione o iperventilazione prolungata prolungata può essere causata da numerose cause. È consigliabile distinguere tre classi di tali cause (fattori):

  1. malattie organiche del sistema nervoso;
  2. malattie psicogene;
  3. fattori e malattie somatiche, disturbi del sistema endocrino-metabolico, intossicazioni esogene ed endogene.

Nella stragrande maggioranza dei casi, le cause principali che determinano l'insorgenza della sindrome da iperventilazione sono psicogene. Pertanto, nella maggior parte delle pubblicazioni, il termine sindrome da iperventilazione implica una base psicogenica. Tuttavia, non tutti i ricercatori concordano con questa valutazione.

Si possono distinguere tre concetti della genesi della sindrome da iperventilazione:

  1. La sindrome da iperventilazione è una manifestazione di ansia, paura e disturbi isterici;
  2. sindrome di iperventilazione - è il risultato di variazioni biochimiche complesse nel sistema di minerale (principalmente calcio e magnesio) omeostasi causa di un cambiamento nella natura del cibo, ecc, che porta ad uno squilibrio dei sistemi enzimatici respiratorie espongono iperventilazione; ..
  3. La sindrome da iperventilazione è il risultato dell'abitudine di respirare impropriamente, che è associata a molti fattori, inclusi i fattori culturali.

Apparentemente, tutti e tre i fattori sono coinvolti nella patogenesi della sindrome da iperventilazione. Indubbiamente, il fattore psicogeno svolge un ruolo di primo piano in questo. Questo è confermato dalla nostra ricerca. Quindi, l'esame dei pazienti con sindrome da iperventilazione ha rivelato che la stragrande maggioranza di loro ha psicotraumi - reali e infantili. Le peculiarità delle psicogenesi dei bambini consistevano nel fatto che la funzione respiratoria era inclusa nella loro struttura. Questa - l'osservazione di attacchi di asma nei propri cari, mancanza di respiro, soffocamento annegamento agli occhi dei malati, ecc Inoltre, una storia di molti pazienti sono spesso isolati esercizio, la maggior parte di nuoto, che indica una certa iperattività del sistema respiratorio in passato ... Questo potrebbe aver giocato un ruolo nella formazione dei sintomi.

E 'stato dimostrato [Moldovanu IV, 1991], che, oltre ai noti cambiamenti fisiologici che accompagnano l'iperventilazione (ipocapnia, alcalosi, squilibrio minerale et al.), Grande importanza ha motivo di violazione del respiro, le cui principali caratteristiche sono disturbi rapporto inspiratorio ed espiratorio fasi del ciclo respiratorio e alta instabilità della regolazione respiratoria.

La patogenesi della sindrome da iperventilazione dalla posizione di un neurologo appare multidimensionale e multilivello. A quanto pare, fattori psicogeni pesantemente perturbare il normale e ottimale per modello di respirazione di ogni paziente, con conseguente aumento della ventilazione polmonare, e ci sono persistenti cambiamenti biochimici. I disordini biochimici, che sono i fattori più importanti della formazione dei sintomi, violano ulteriormente il modello cerebrale-respiratorio, che supporta i disturbi mentali attraverso il meccanismo di feedback. Così formato "circolo vizioso" in cui i meccanismi (aumento della eccitabilità del centro respiratorio e violazione della sua sensibilità adeguata per stimoli gas) stelo erettile e violazione suprasegmentar integrare meccanismi (responsabili della regolazione dei processi respirazione attivazione-comportamentali e autonomiche) sono combinati con alterazioni biochimiche risultante ventilazione aumentata. Come vediamo, i meccanismi neurogenici sono i più importanti nella patogenesi della sindrome da iperventilazione. Pertanto, ci sembra il più adeguato per designare la sindrome da iperventilazione come una sindrome di iperventilazione neurogenica, o semplicemente iperventilazione neurogenica.

La diagnosi di iperventilazione neurogenica si basa sui seguenti criteri:

  1. La presenza di disturbi al sistema respiratorio, vegetativo, tonico-muscolare, disturbi algici, alterazioni della coscienza, disturbi mentali.
  2. Assenza di malattie organiche del sistema nervoso e malattie somatiche, inclusa la malattia polmonare.
  3. Presenza di un'anamnesi psicogena.
  4. Test di iperventilazione positivo: la respirazione profonda e frequente riproduce la maggior parte dei sintomi del paziente entro 3-5 minuti.
  5. Scomparsa di una crisi indotta spontanea o da iperventilazione con inalazione di una miscela di gas contenente il 5% di CO2 o quando si respira in una busta di cellophane. La respirazione nella sacca contribuisce all'accumulo della propria CO2, che compensa la mancanza di CO2 nell'aria alveolare e migliora le condizioni del paziente.
  6. La presenza di sintomi di aumentata eccitabilità neuromuscolare (tetania): i sintomi del Khvostek, un test Trusso-Bonsdorff positivo, un test EMG positivo per la tetania latente.
  7. Ridurre la concentrazione di CO2 nell'aria alveolare, modificando il pH (spostamento verso l'alcalosi) del sangue.

La diagnosi differenziale nella sindrome da iperventilazione, di regola, dipende dalla sua manifestazione principale. In presenza di parossismi di iperventilazione, diventa necessario differenziarlo dall'asma bronchiale e cardiaco.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.