^

Salute

A
A
A

Geliofobiya

 
, Editor medico
Ultima recensione: 26.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La paura ossessiva della luce solare e l'evitamento dell'esposizione al sole sono l'eliofobia (derivata dalla combinazione delle parole greche "helyos" - il sole e "phobeo" - temo). Questa fobia è una conseguenza della paura psicologica - tali pazienti temono che il sole possa danneggiare fisicamente la loro salute e il loro benessere. Sentono che i raggi del sole li premono e li bruciano.

trusted-source[1]

Fattori di rischio

Di regola, le cause di eliofobia sono altre fobie o malattie:

  • paura del sole, che è parte della paura di varie malattie - ad esempio, lo sviluppo di cataratta o melanoma;
  • la presenza di patologie oculari in una persona, a seguito della quale la reazione acuta degli occhi (dolore da taglio) si sviluppa in una luce intensa, e in aggiunta anche danni agli occhi. Questi fattori possono causare la paura del sole - a causa dell'esperienza negativa personale della persona;
  • agorafobia (questa è la paura di vasti spazi aperti), che provoca la paura dei raggi del sole.

In alcuni casi, questa fobia si sviluppa come patologia indipendente - improvvisamente, senza apparenti altre malattie o paure, una persona inizia a provare ansia quando è al sole. E questo allarme alla fine si riduce alle dimensioni di una fobia - l'evitare qualsiasi contatto con la luce del sole inizia, una persona si rifiuta di lasciare la stanza durante il giorno. La base di questa fobia è un incidente spaventoso che è successo a una persona, e lui stesso allo stesso tempo lo collega all'effetto della luce solare.

L'eliofobia può anche essere uno dei sintomi di una persona che sviluppa la schizofrenia.

trusted-source[2], [3], [4]

Sintomi geliofoʙii

In heliophobia osservato - una, pelle pallida malsana-looking con sintomi di carenze vitaminiche (deformazione delle ossa e dei denti, così come la carie, la comparsa di crampi muscolari, perdita di peso, lo sviluppo di forti sudorazione, sensazione di debolezza e di chinarsi, inibizione della crescita, e oltre a fratture frequenti) .

Tra i segni più caratteristici della malattia - il rifiuto di stare al sole, che è accompagnato da tali manifestazioni:

  • residenza permanente in un appartamento o in una casa;
  • completo cambiamento nel regime del giorno - veglia di notte, sonno durante il giorno;
  • comparsa di un sintomo "cappuccio" in un paziente.

Oltre ai segni di carenza di vitamina D, così come le caratteristiche manifestazioni esterne, gli eliofobi hanno spesso attacchi di panico. Se una persona che ha paura della luce del sole entra improvvisamente nel sole, di solito ha un tale complesso di sintomi:

  • aumento della frequenza cardiaca e respirazione;
  • vertigini;
  • nausea con vomito;
  • il panico tenta di fuggire e rifugiarsi in un posto sicuro per lui;
  • paura irrazionale per la propria vita e salute.

In una tale situazione è urgente avere un uomo nell'ombra (camera oscura o posto), perché altrimenti si può peggiorare in modo significativo la condizione - possibile perdita di coscienza, lo sviluppo di aritmie o crisi ipertensiva.

trusted-source[5], [6], [7]

Complicazioni e conseguenze

La paura del sole è una fobia sociale piuttosto pericolosa, perché costringe una persona a isolarsi dal mondo e limitare in molti aspetti. Vi è un netto restringimento del circolo delle conoscenze e della comunicazione, molte professioni diventano inaccessibili, così come l'istruzione a scuola / università, ecc., Perché la maggior parte di loro lavora durante il giorno.

La fobia ha un impatto negativo sulla salute del paziente, perché senza la luce solare nel corpo è impossibile la sintesi di calciferolo.

L'eliofobia, che è aggravata da una carenza di calciferolo, provoca lo sviluppo di depressione persistente, mal di testa persistente e senso di affaticamento cronico.

Qual è la differenza tra la malattia di Gunther e l'eliofobia

A differenza dell'eliofobia, che ha solo un'origine psicologica, e in cui il sole non causa alcun danno fisico al paziente, la malattia di Günter è una patologia genetica trasmessa in modo autosomico recessivo. Con questa malattia, dopo il contatto con il sole sulla pelle di un uomo, appaiono ulcere e cicatrici. Insieme a questo, si sviluppa anche una forte deformazione dei tendini (di conseguenza, le dita a volte si torcono), le orecchie e il naso. Questi sintomi si manifestano a causa di una mutazione recessiva nel cromosoma non sessuale, che diventa la causa dell'aumentata fotosensibilità della pelle, nonché dei disturbi nei processi metabolici.

trusted-source[8], [9]

Chi contattare?

Trattamento geliofoʙii

Gli eliofobs, di norma, prescrivono farmaci che costituiscono una deficienza di calciferolo. Questo aiuta a prevenire le complicanze che si sviluppano a causa di ipovitaminosi.

Inoltre, con questa fobia, è necessario sottoporsi a un corso di terapia con lo psicoanalista, perché influenza fortemente l'interazione sociale della persona ed è irto di conseguenze pericolose per lo stato della sua salute.

Il problema viene eliminato gradualmente diventando abituati al fenomeno che spaventa il paziente e alla progressiva uscita alla luce del giorno. Ciò accade con il coinvolgimento di farmaci e metodi di trattamento psicoterapeutico nel processo.

Metodi psicoterapeutici:

  • l'ipnosi: il paziente viene iniettato in trance e poi infonde in lui l'idea che una ragionevole sospensione al sole non costituisca un pericolo per lui;
  • metodo cognitivo-comportamentale - in questo caso, il medico determina le impostazioni dolorose della persona e quindi le regola usando il metodo di incoraggiamento. Di conseguenza, il paziente sviluppa un diverso atteggiamento positivo rispetto ai raggi solari e ai loro effetti sul corpo;
  • procedura di programmazione neurolinguistica - questo metodo si basa sulla copia del modello comportamentale di qualsiasi persona sana, nella cui esecuzione il paziente inizia ad abituarsi alle reazioni comportamentali corrette;
  • auto-allenamento - procedure di auto-ipnosi con pensieri che il sole e i suoi raggi sono al sicuro.

Il trattamento con farmaci consiste nella nomina di tranquillanti, farmaci sedativi, nonché beta-bloccanti e antidepressivi.

È anche importante condurre esercizi indipendenti che aiutano a sbarazzarsi di eliofobia. Con l'aiuto della fede nelle proprie forze, così come con un ritiro graduale oltre la zona di comfort, è del tutto possibile liberarsi della paura del sole. Se il paziente avverte l'attacco di un attacco di panico, dovrebbero essere utilizzate procedure di rilassamento: spostare l'attenzione su qualcos'altro ed eseguire la ginnastica respiratoria.

Previsione

L'eliofobia ha una prognosi favorevole con un recupero completo, ma solo con il trattamento tempestivo tempestivo. Una corretta terapia può salvare una persona dalla fobia, che gli permetterà di tornare alla società, e anche di preservare la salute fisica e mentale.

trusted-source[10]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.