^

Salute

A
A
A

Morbillo: anticorpi IgM e IgG contro il virus del morbillo nel sangue

 
, Editor medico
Ultima recensione: 31.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Gli anticorpi di IgM verso il virus del morbillo nel siero del sangue sono normalmente assenti.

Morbillo ( morbilla ) - appartengono alla classe di virus a RNA. I bambini in età prescolare hanno maggiori probabilità di contrarre il morbillo. Tuttavia, coloro che non sono infetti dal morbillo rimangono altamente suscettibili ad esso per tutta la vita e possono ammalarsi a qualsiasi età. Per esprimere antigeni morbillo nel rilevamento utilizzando cellule scarico del rinofaringe o pelle (eruzione di elementi) di immunofluorescenza (usato nella reazione etichettati morbillo fluorocromi IgG). Un'ulteriore conferma dell'infezione può essere l'individuazione di cellule multinucleate nello scarico nasofaringeo o impronte-stampe dopo essere state macchiate da Romanovsky-Giemsa o Pavlovsky. L'identificazione degli anticorpi contro il patogeno del morbillo viene effettuata nell'inibizione dell'emoagglutinazione (RTGA), RSK, RPGA ed ELISA.

I metodi sierologici di indagine sono usati per confermare la diagnosi di morbillo, specialmente le forme atipiche cancellate. I più usati sono RTGA e RSK. La diagnosi specifica è retrospettiva, poiché queste reazioni tengono conto della crescita del titolo anticorpale nei sieri accoppiati. Il primo campione di sangue viene prelevato non oltre il 3 ° giorno dell'eruzione cutanea, il secondo dopo 10-14 giorni. La diagnosi è considerata verificata solo quando il titolo anticorpale aumenta 4 volte o più. Quando si applica il metodo ELISA, vengono rilevati anticorpi delle classi IgM e IgG.

Gli anticorpi IgM anti-morbillo sono rilevati nel periodo acuto dell'infezione (entro 6 giorni dall'esordio dell'eruzione cutanea - nell'80%, in 7 giorni - nel 95% dei pazienti), raggiungono il picco a 2-3 settimane, si mantengono per 4 settimane e poi gradualmente scompare (il 50% dei pazienti diventa sieronegativo dopo 4 mesi). Gli anticorpi IgG anti-morbillo compaiono nel periodo di convalescenza, in quelli che hanno recuperato persistono fino a 10 anni. La rilevazione degli anticorpi IgG alla fine del periodo acuto della malattia è un sintomo prognosticamente favorevole. La rilevazione di anticorpi IgM nel siero o un aumento del livello di anticorpi IgG nei sieri accoppiati indica più di 4 volte l'infezione corrente. Risultati falsi positivi della determinazione degli anticorpi IgM possono essere ottenuti con epatite cronica attiva, lupus eritematoso sistemico, mononucleosi infettiva.

La determinazione del titolo anticorpale IgG per il morbillo viene utilizzata per la diagnosi retrospettiva del morbillo e la valutazione dell'intensità dell'immunità di morbillo.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.