^

Salute

A
A
A

Stupore catatonico

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La totalità dei sintomi psicomotori, le cui manifestazioni principali sono l'immobilità, la rigidità dei muscoli scheletrici e il rifiuto di parlare, è chiamata stupore catatonico. Associato, di regola, alla schizofrenia,  [1] ma può essere osservato in varie malattie, non solo direttamente correlate al sistema nervoso centrale, ma anche somatiche: infettive, autoimmuni, metaboliche. Lo stato subforico è più comune: impoverimento delle capacità motorie, del pensiero e della parola. Lo stupore catatonico è una sindrome grave e potenzialmente pericolosa per la vita. [2]

Lo stupore catatonico può essere accompagnato dalla catalessia, quando il corpo del paziente può essere posto in qualsiasi posizione, spesso ridicola e molto scomoda, in cui si congela a lungo; negatività, quando la postura del paziente non può essere modificata a causa della sua opposizione. Uno stupore catatonico con intorpidimento si distingue anche quando il paziente si congela in un tipo di posa innaturale (molto spesso assume la posizione di un embrione) e vi rimane, senza muoversi o parlare.

Nella stragrande maggioranza dei casi, lo stato stuporoso ha un decorso benigno ed è rapidamente interrotto dai farmaci del gruppo benzodiazepinico.

Epidemiologia

La catatonia è una sindrome clinica complessa che si verifica in oltre il 9-17% dei pazienti con malattia mentale acuta ed è associata a molte complicazioni potenzialmente letali. [3],  [4] In generale, dall'8 al 15% di tutti i casi diagnosticati come catatonia associato con epilessia. [5]

Le cause stupore catatonico

La catatonia, un caso particolare di cui è stupore, è una manifestazione di un disturbo psicotico ed è osservata in una serie di malattie, non solo mentali e neurologiche. Gravi malattie somatiche: febbre tifoide, tubercolosi, sifilide, infezioni virali (AIDS, mononucleosi, influenza), endocrinopatie, collagenosi, vari disturbi metabolici e ormonali influenzano il metabolismo dei neurotrasmettitori nella corteccia e nel subcortex del cervello, a causa del quale l'equilibrio tra le funzioni di eccitazione è tra le eccitazioni e frenare a favore di quest'ultimo. Un sub-stupore o stupore si sviluppa con una mancanza limitata o completa di attività motoria, linguaggio e indurimento dei muscoli scheletrici. [6]. [7]

I fattori di rischio patologico per lo sviluppo della sindrome catatonica sono ridotti dagli psichiatri americani Fink e Taylor a un elenco piuttosto lungo di malattie e condizioni che possono causarlo. Lo spettro catatonico di patologie, prima di tutto, includeva disturbi mentali e, in primo luogo, non schizofrenia. Cadere in uno stupore catatonico, secondo fonti moderne, le persone con depressione, isteria o dopo aver consumato sostanze neurotossiche, inclusi i farmaci, hanno molte più probabilità degli schizofrenici. Abbastanza spesso, i sintomi catatonici sono osservati negli autisti, non è raro nei bambini con disturbi dello sviluppo e ritardo mentale. [8]

Con l'epilessia del lobo temporale, può verificarsi un attacco sotto forma di stupore catatonico. È noto che in alcuni pazienti con stato non convulsivo si osserva stupore catatonico epilettico. [9]

Molte malattie in cui si sviluppa una condizione patologica suggeriscono una predisposizione ereditaria (epilessia, schizofrenia, disturbi dello spettro autistico, ecc.), Molte delle quali acquisite. Questi stati stuporoznyh possono essere conseguenze encefalite  [10],  [11] tumori, emorragie, lesioni cerebrali ischemiche, emorragia subaracnoidea ed ematoma subdurale,  [12] lupus o la sindrome da anticorpi antifosfolipidi, complicanze secondarie (malattie del fegato o malattie renali)  [13] l'elenco è ancora possibile continuare, è piuttosto esteso, ma, in un piccolo numero di pazienti, la causa dello stupore catatonico non è ancora chiara, è trattata come idiopatica.

Patogenesi

Anche la patogenesi di questo fenomeno è ipotetica. Tutte le ipotesi si basano sull'osservazione dei pazienti, sull'analisi dell'efficacia della terapia, ad esempio benzodiazepine o stimolanti della dopamina; situazioni associate allo sviluppo di stupore catatonico (abolizione della clozapina, assunzione di antipsicotici, antidepressivi); lo studio di tomogrammi cerebrali che mostrano violazioni dei processi neurobiologici nella parte superiore della zona talamica del diencefalo, lobi frontali della corteccia cerebrale, piccole strutture del cervelletto, sistema limbico. Tuttavia, l'esatto meccanismo per lo sviluppo di uno stupore catatonico non è stato ancora descritto.

C'è anche un'ipotesi che considera lo stupore catatonico come una reazione del corpo a uno stato di pre-morte. In effetti, spesso si sviluppa in pazienti gravemente malati (catatonia letale), tuttavia uno stato stupendo è lungi dall'essere sempre valutato come senza speranza.

La catatonia è più comunemente associata a schizofrenia e altre malattie mentali, come depressione grave, disturbo bipolare e psicosi. Tuttavia, le cause della catatonia sono numerose: dalle malattie psichiatriche a quelle mediche. Pertanto, non sorprende che vi siano diversi meccanismi sottostanti suggeriti di catatonia, tra cui la modulazione al ribasso, l'iperattività colinergica e serotoninergica, il blocco improvviso e massiccio della dopamina e l'iperattività del glutammato.

Una teoria suggerisce che la catatonia comporta una "modulazione top-down" nell'autotrattamento dei gangli della base a causa di una carenza di acido gamma-aminobutirrico (GABA). [14] La modulazione al ribasso è descritta come un processo bidirezionale che determina la nostra capacità di concentrarci su incentivi adeguati alle nostre esigenze e ignorare le informazioni di riferimento. Pertanto, l'interazione riuscita tra amplificazione e soppressione dell'attività neuronale crea il contrasto necessario per la corretta presentazione delle informazioni pertinenti. Le benzodiazepine si legano a un sito recettore GABA specifico, rendendolo più efficace. Di conseguenza, si verifica un aumento degli ioni cloro, che porta ad un aumento della polarizzazione dei neuroni postsinaptici, che li rende meno eccitabili e più in grado di filtrare gli stimoli corrispondenti. Un rapporto afferma che la catatonia maligna può verificarsi quando la benzodiazepina viene ritirata. [15] Un altro studio suggerisce che l'iperattività del glutammato può essere diversa, alla base della disfunzione chimica  [16], in particolare con una diminuzione del recettore N - metil d-aspartato. [17]

Sebbene la fisiopatologia della catatonia non sia ancora chiara, sono state proposte diverse teorie basate sui dati disponibili. Una possibile interpretazione della catatonia è che la sindrome è una manifestazione esterna di grave ansia. [18]

Studi di imaging funzionale hanno dimostrato che la catatonia è associata ad attività alterata nelle regioni orbitofrontale, prefrontale, parietale e motoria della corteccia, suggerendo che queste strutture corticali possono anche svolgere un ruolo nella fisiopatologia della catatonia. Questa interpretazione è supportata dalle osservazioni secondo cui il legame GABA-A diminuisce nelle regioni corticali dei pazienti con catatonia, i sintomi motori e affettivi sono correlati a questi disturbi nel legame GABA-A e i disturbi corticali nei pazienti con catatonia si normalizzano dopo l'esposizione al lorazepam. [19]

Qualunque sia la fisiopatologia della catatonia, è chiaro che un'ampia varietà di disturbi di base può essere associata alla comparsa di segni catatonici. Questi includono disturbi dell'umore, disturbi psicotici non affettivi, una serie di condizioni mediche e neurologiche e disturbi genetici. [20] Come - o se - queste diverse eziologie convergono sull'ultimo percorso comune che causa la catatonia è sconosciuto, ed è possibile che le variazioni nel quadro clinico della catatonia siano meccanismi sottostanti diversi che risponderanno prevalentemente a diversi tipi di trattamento. Ad esempio, studi futuri potrebbero consentire ai medici di identificare i pazienti che difficilmente risponderanno al trattamento con lorazepam e dovrebbero ricevere ECT o altri trattamenti farmacologici come opzione di prima linea.

Sintomi stupore catatonico

Lo stupore catatonico è associato a segni che riflettono la mancanza di movimento, tra cui immobilità, sguardo, mutismo, rigidità, astinenza e rifiuto di mangiare, nonché caratteristiche più bizzarre come postura, smorfia, negativismo, flessibilità cerosa, ecolalia o echopraxia, stereotipia, letteratura e obbedienza automatica. [21]. [22]

La manifestazione principale e più evidente dello stupore è l'immobilità. Il paziente può improvvisamente congelarsi in qualsiasi momento nella posizione più inaspettata e scomoda e mantenerlo a lungo - per settimane e mesi. I suoi muscoli sono ridotti in schiavitù, il che aiuta a mantenere la posizione del corpo. Tace e la comunicazione con lui durante questo periodo è difficile e spesso semplicemente impossibile. L'immobilità e il mutismo sono stati nuovamente identificati come i sintomi più comuni osservati nel 90,6% e 84,4%, rispettivamente, dei pazienti con malattia catatonica.

A volte l'aumento dei sintomi si verifica per gradi. Inizialmente si sviluppa uno stadio secondario, i cui primi segni si manifestano con l'inibizione nei movimenti e nel linguaggio. La gamma dei movimenti diminuisce e la mobilità stessa è notevolmente ridotta, il linguaggio è lento, scarso, le parole sono pronunciate con difficoltà, a volte sembra che il paziente pensi lentamente ad ogni parola. L'inibizione può aumentare gradualmente fino a quando non termina in completa immobilità. Una caratteristica dello stato sub-stupido è che i pazienti non avvertono inconvenienti a causa dell'inibizione, non si lamentano se vedono un medico. Questa condizione viene percepita da loro in modo abbastanza naturale e non li grava, come in altri casi in cui l'inibizione si sviluppa per altri motivi, ad esempio, come effetto collaterale dei farmaci psicotropi.

Lo sviluppo di un sub-stupore non significa affatto che si svilupperà un vero stupore catatonico. Nella pratica clinica, la cosiddetta piccola catatonia è più comune. I sintomi di uno stadio secondario si manifestano nella povertà delle espressioni facciali, nella parola, nella limitazione e nell'angolarità dei movimenti. Il paziente comunica anche con il medico solo involontariamente, si allontana quando parla, cercando di non guardare di fronte a sé, seleziona le parole con grande difficoltà, rispondendo alle domande.

I sintomi di uno stupore catatonico possono variare. È dai sintomi prevalenti che si distinguono i tipi di stupore catatonico:

  • catalepico (con fenomeni di flessibilità della cera) - quando la postura del paziente può essere cambiata in qualsiasi, la più bizzarra e scomoda, e questa posizione del corpo sarà fissata a lungo; la flessibilità della cera di solito controlla gradualmente tutti i gruppi muscolari: prima di tutto, tali fenomeni muscolari si verificano nei muscoli masticatori, spostandosi dall'alto verso il basso sui muscoli cervicali delle braccia e delle gambe; una posa caratteristica per uno stupore catalepico: la testa del paziente è sospesa in aria, come se si appoggiasse su un cuscino invisibile; [23]
  • negativistico: il paziente diventa insensibile in una certa posizione e resiste a qualsiasi tentativo di cambiarlo; il negativismo passivo si distingue quando la posizione del corpo viene mantenuta attraverso una forte tensione muscolare e attiva quando il paziente non solo resiste, ma cerca anche di fare un movimento opposto a quello imposto;
  • stupore per intorpidimento: il paziente si congela nella posizione fetale nell'utero materno o nel cuscino d'aria con la tensione muscolare più grave (completa immobilità e assenza di reazioni agli stimoli, incluso il linguaggio).

Lo stupore catalepico può essere sostituito da un intorpidimento negativo e quindi completo in una posizione embrionale. Qualsiasi tipo di stupore può essere accompagnato da una mancanza di parola, nonostante il fatto che il paziente non perda la sua capacità di esprimersi. Il mutismo può essere completo, periodico e selettivo, con opzioni inspiegabili per rompere il silenzio.

Nella struttura dello stupore catatonico, si osservano una serie di sintomi specifici, la loro differenza è incontrollabilità e mancanza di scopo:

  • umiltà automatica: il paziente obbedisce assolutamente a qualsiasi istruzione dall'esterno (l'opposto della negatività);
  • stereotipie: una costante ripetizione di qualsiasi azione (movimenti, suoni, parole), senza perseguire alcun obiettivo visibile, in particolare lo yaktion;
  • sintomi di eco - una ripetizione costante di qualcuno le loro azioni;
  • Il sintomo di Pavlov - con l'inizio dell'oscurità, i pazienti stupidi iniziano a parlare, mangiare e muoversi, alla luce del giorno - cadono di nuovo in uno stupore;
  • un sintomo di una scala: perdita della scorrevolezza dei movimenti, ad esempio, un paziente catalepico cambia la posizione di una parte del corpo con un aiuto esterno, ma non uniformemente, ma in porzioni, a scatti;
  • sintomo di "proboscide", caratteristica di uno stupore con intorpidimento: le labbra del paziente sono allungate con un tubo, simile alla proboscide di un elefante;
  • Il sintomo di Bernstein: quando un arto di un paziente viene sollevato, e poi un altro, il primo viene abbassato;
  • Sintomo di Bumke - l'assenza di una reazione della pupilla a uno stimolo del dolore;
  • sintomo del cappuccio: il paziente è recintato con tutti i mezzi a portata di mano, ad esempio, appeso con un asciugamano, una vestaglia, tirando l'orlo di una camicia o una coperta sopra la testa.

Anche le posture frequentemente incontrate di pazienti stupendi hanno i loro nomi: un sintomo beduino, un sintomo di "cuscino d'aria" e "crocifisso" (una manifestazione estrema di catalepsia).

Lo stupore catatonico con mutismo ha anche caratteristiche, ad esempio, i pazienti ostinatamente silenziosi danno una reazione, rispondendo alle domande se vengono premuti sugli occhi (sintomo di Wagner-Yauregg) o se vengono rivolti a un'altra persona (sintomo di Saarma). A volte rispondono alle domande poste in un sussurro. [24]

In un paziente stupore, si osservano anche alcuni sintomi e segni somatici di un disturbo del sistema nervoso autonomo. Si possono osservare labbra e unghie blu, ipersalivazione e iperidrosi, diminuzione della pressione sanguigna, gonfiore, ecc.

Lo stupore catatonico può avere profondità e durate diverse; a volte acquisisce un decorso cronico. Molti sono interessati alla domanda: una persona è consapevole di uno stupore catatonico?

Su questa base, esiste anche una classificazione della sindrome catatonica .

La catatonia vuota è caratterizzata dal complesso di sintomi descritto in varie combinazioni senza l'aggiunta di disturbi produttivi (visioni illusorie, delusioni e allucinazioni). Dopo essere uscito dall'attacco, il paziente può dire cosa stava succedendo intorno, cioè la sua coscienza non era disturbata.

La presenza di sintomi allucinatori deliranti non significa che la coscienza del paziente sia necessariamente compromessa. Lo stupore catatonico, quando il paziente è cosciente, cioè, si identifica correttamente e può successivamente riprodurre correttamente gli eventi che si sono verificati, si riferisce alla catatonia lucida o pura. Senza coscienza alterata, uno stupore catatonico di solito si sviluppa con la schizofrenia (lucida catatonia).

Gli attacchi con stupore comprendono lo stupore onirico-catatonico con un delirio visivo-figurativo dell'immaginazione. Il paziente in questo caso vive un sogno catatonico in cui è il personaggio principale. È saturo di eventi irreali luminosi, con un'intensa colorazione emotiva e il sogno ha un certo contenuto. Uscendo dallo stato onirico-catatonico, il paziente non riesce a ricordare cosa gli è successo nella realtà, ma può descrivere gli eventi accaduti in un sogno in modo molto preciso. Lo stupore onirico-catatonico continua per molto tempo - diversi giorni e talvolta settimane. Onyroid si sviluppa con stupore negli epilettici, pazienti con lesioni e tumori, dopo gravi infezioni e avvelenamenti, con demenza paralitica. Più spesso in tali pazienti, i nuclei basali del cervello sono interessati.

Lo stupore catatonico letale si sviluppa negli schizofrenici e nelle persone con affetto alterato sotto forma di psicosi acuta. Esternamente, i sintomi assomigliano allo stupore onirico, ma lo sviluppo è rapido e non solo le manifestazioni psicotiche, ma anche quelle somatiche stanno crescendo. È anche chiamato febbrile, poiché uno dei sintomi principali è l'ipertermia o la temperatura di salto (con catatonia normale, la temperatura corporea del paziente è normale). Oltre alla febbre, il paziente ha un polso frequente e una respirazione rapida, sul viso: la cosiddetta "maschera di Ippocrate" (colore grigio terroso, lineamenti appuntiti, occhi infossati, occhi erranti, labbra secche, goccioline di sudore sulla fronte, placca sulla lingua). La condizione è reversibile, ma richiede misure urgenti (nelle prime ore), altrimenti può seguire un corso maligno. [25]

La sindrome catatonica nei bambini si manifesta principalmente con lo sviluppo dell'eccitazione, e quindi in forme rudimentali - azioni uniformi: rimbalzare, accarezzare, camminare come un pendolo da un oggetto all'altro, grida insensate, pretenziosità, smorfie, ecc. Più spesso, tale eccitazione comprende i bambini nel tardo pomeriggio o quando arrivano gli ospiti. Casi adulti non spiegati di stupore catatonico si osservano già nell'adolescenza. Eppure questo è raro. Pertanto, lo stupore catatonico nell'infanzia non è stato studiato e descritto abbastanza, sebbene in generale la sintomatologia non differisca da questa patologia negli adulti.

Complicazioni e conseguenze

Lo stupore catatonico si verifica nel decorso grave di molte malattie e può finire fatalmente,  [26]quindi, ai primi segni del suo sviluppo, è necessario consultare un medico. I pazienti con stupore catatonico sono generalmente ricoverati in ospedale. Richiedono un trattamento intensivo e misure di cura speciali, perché spesso rifiutano di mangiare, non seguono le regole igieniche e igieniche di base.

L'alimentazione forzata attraverso un tubo è irta di interruzioni del tratto gastrointestinale e insorgenza di problemi metabolici. La conseguenza di mentire o sedersi prolungati nella stessa posizione può essere piaghe da decubito, polmonite ipostatica, trombosi; la mancata osservanza delle norme di igiene personale porta allo sviluppo di infezioni nella cavità orale, negli organi genito-urinari, nella dermatite.

Lo stupore catatonico porta allo sviluppo di disturbi dei muscoli scheletrici, ad esempio contratture muscolari, appare la paresi, il lavoro dei nervi periferici viene interrotto, si sviluppano vari disturbi della salute somatica.

Su complicazioni mediche dovute catatonia, riportati in studi  [27],  [28]inclusa la rabdomiolisi  [29],  [30] insufficienza renale  [31],  [32] decubito,  [33] coagulazione intravascolare disseminata (DIC),  [34] tachicardia, bradicardia, collasso cardiovascolare, acuta sindrome da distress respiratorio, insufficienza respiratoria, infarto miocardio, sepsi, convulsioni, ipoglicemia, sanguinamento dal tratto gastrointestinale superiore, danno al tratto gastrointestinale, danno epatocellulare a livello intestinale, danno epatocellulare, tro mbosi venosa profonda e tromboembolia polmonare. [35],  [36] Tuttavia, nonostante l'esistenza di queste condizioni di pericolo di vita in alcune segnalazioni di casi di pazienti con catatonia, studi relativi a complicazioni mediche specifici derivanti dopo la catatonia, non erano effettuate, e per quanto ne sappiamo, uno studio su larga scala la loro identificazione e il più grande studio le serie di casi riguardavano solo 13 casi di catatonia. Inoltre, restano da vedere i meccanismi alla base dello sviluppo di queste malattie nei pazienti con catatonia.

Diagnostica stupore catatonico

La condizione di uno stupore o di uno stadio secondario viene diagnosticata da manifestazioni cliniche: il paziente rimane immobile in una posizione, mancanza di linguaggio, presenza di altri sintomi specifici.

Oltre a stabilire il fatto della permanenza del paziente in uno stupore catatonico, la determinazione della causa, cioè la malattia che ha portato allo sviluppo di questa condizione, diventa fondamentale per determinare le tattiche del trattamento. Viene studiata la storia del paziente, vengono intervistati parenti stretti, vengono prescritti i test necessari e gli studi hardware.

Tutti i pazienti con sospetta catatonia devono sottoporsi a test EEG come screening per altre condizioni neurologiche. L'elettroencefalogramma nella catatonia è di solito normale, a meno che non vi sia una condizione concomitante che potrebbe essere la causa dell'anomalia. [37],  [38] Considerando che catatonia può svilupparsi nel contesto di una vasta gamma di condizioni neurologiche negativa imaging cerebrale, preferibilmente tramite MRI. [39] In caso di stupore catatonico, l'immobilità di solito rende questi studi facili da eseguire. 

I test di laboratorio dovrebbero includere un emocromo completo, azoto ureico nel sangue, creatinina, enzimi muscolari ed epatici, test di funzionalità tiroidea, elettroliti, glucosio nel sangue e test delle urine per valutare condizioni concomitanti, cause o complicanze della catatonia. La marcata disidratazione non è rara nei pazienti con malattia catatonica e occorre prestare attenzione a loro. I segni vitali devono essere valutati frequentemente, poiché l'ipertensione e la febbre (spesso accompagnate da elevati livelli di creatinfosfochinasi, riduzione del ferro sierico e leucocitosi) possono presagire l'insorgenza di catatonia maligna o sindrome maligna antipsicotica se il paziente ha ricevuto farmaci antipsicotici. [40],  [41],  [42] Se possibile, ci dovrebbe essere una approfondita analisi di farmaci dell'ultimo del paziente e le eventuali modifiche. È importante determinare se il paziente ha ricevuto farmaci antipsicotici o benzodiazepine, come abbiamo riportato e continuiamo a vedere, lo sviluppo della catatonia dopo un'improvvisa cessazione delle benzodiazepine. [43]

Sfortunatamente, la natura della catatonia rende impossibili alcuni aspetti dell'esame fisico e neurologico. I componenti di un esame neurologico che di solito possono essere valutati comprendono la reazione della pupilla, i movimenti oculari, il riflesso corneale, la reazione al dolore, la salivazione, la risposta immediata a una minaccia, la reazione alla luce o al suono, i segni di espulsione frontale, la valutazione del tono, i riflessi tendinei profondi e la risposta plantare.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale dovrebbe includere malattie che imitano la catatonia, come la malattia akinetic del Parkinson, l'ipertermia maligna, la sindrome di rigidità, il disturbo di conversione, il mutismo selettivo (il mutismo selettivo è un disturbo d'ansia sociale in cui le persone che possono parlare normalmente in alcune situazioni non possono parlare in altre situazioni - specialmente in scenari di performance), sindrome di blocco e altre condizioni ipocinetiche e ipercinetiche. [44]

La diagnosi differenziale viene effettuata con un epistato convulso (secondo l'elettroencefalografia), con sindrome di rigidità muscolare e altre manifestazioni di sindromi ipocinetiche nei disturbi mentali.

Anche le cause dello stupore catatonico si differenziano tra loro. Innanzitutto, la schizofrenia e i disturbi affettivi nella fase depressiva sono esclusi. La risonanza magnetica consente di escludere o confermare i tumori cerebrali e le conseguenze delle sue lesioni traumatiche, test di laboratorio - intossicazione, disturbi ormonali e metabolici.

Dopo un esame completo, al paziente viene prescritto un ciclo di trattamento secondo la patologia identificata. Accade che la causa della catatonia rimanga sconosciuta (stupore catatonico idiopatico).

Trattamento stupore catatonico

Lo stupore catatonico risponde bene alle benzodiazepine a basso dosaggio. [45] Le compresse di Lorazepam sono risultate particolarmente efficaci, secondo i ricercatori. Una risposta terapeutica positiva al lorazepam è stata dimostrata da 4/5 pazienti e i sintomi sono scomparsi completamente e molto rapidamente, due ore dopo la somministrazione. Questo tranquillante, come altri derivati della benzidiazepina, migliora l'azione dell'acido γ-aminobutirrico, la principale inibizione dei neurotrasmettitori. Con un basso dosaggio, ha un effetto sedativo, anti-ansia, un po 'anticonvulsivante e rilassante per i muscoli. È efficace non solo con lo stupore catatonico, ma anche con l'eccitazione. Elimina i sintomi negli schizofrenici, nei pazienti con depressione e danni organici al cervello. Ma i pazienti con dipendenza (droga, alcol, medicine) e con avvelenamento con queste sostanze non sono prescritti. 

Il trattamento della catatonia di prima linea si basa sui farmaci GABAergici, in particolare le benzodiazepine. Il tasso di risposta al lorazepam è quasi dell'80%. L'efficacia di Olanzapina,  [46]  Risperidone e terapia elettroconvulsiva modificata (MECT) è stata dimostrata. [47] L'ECT deve essere preso in considerazione nei pazienti che non rispondono alle benzodiazepine pochi giorni dopo l'inizio del trattamento. Un'eccezione a questa strategia sono i pazienti con catatonia maligna, in cui l'ECT dovrebbe essere prescritto in una fase precoce, poiché la malattia ha un alto tasso di mortalità. [48]

Sebbene il lorazepam e l'ECT siano stati a lungo riconosciuti come trattamenti efficaci per i pazienti con catatonia, sono state proposte altre opzioni. In alcuni casi, i pazienti sono stati descritti, efficace lechivshiesya zolpidem  [49],  [50] che è tipico e benzodiazepine, può trattare catatonia attraverso l'interazione con i recettori GABA A. Inoltre, l'amantadina e la memantina, che agiscono come antagonisti NMDA ma interagiscono anche con un numero di altri sistemi di neurotrasmettitori, hanno dimostrato di essere efficaci in un piccolo numero di pazienti. [51],  [52] Non è chiaro se queste opzioni di trattamento per essere utile per una piccola percentuale di pazienti che non rispondono a lorazepam o ECT.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.