Supposta anestetica dopo parto

Ultima revisione di: , esperto medico, su 25.06.2018

Nove mesi una donna porta il suo bambino, aspettando con ansia l'inizio del momento cruciale - la nascita di un bambino. Il parto è un processo naturale, accompagnato da un tremendo peso sul corpo femminile. I cambiamenti ormonali, il dolore fisico e lo stress psicologico sono fattori che invariabilmente accompagnano la donna durante il parto. Se la prima nascita, o ripetuta e rapida, grande bambino o ostetrico semiskilled condotto parto naturale, che complicazioni in forma di cricche interne ed esterne, lacrime nella vagina e perineo. Le cause di queste complicazioni possono anche essere il sottosviluppo della vagina (stretto e corto), l'uso illetterato di forcipe ostetrico o estrattore sotto vuoto. Gli spazi vengono eliminati mediante cuciture. Di conseguenza, possono rimanere cicatrici ruvide e dolorose che interferiscono con la vita normale. Per la prevenzione di lesioni alla testa del bambino e spontanee lacrime vaginale o perineale madri usato tattiche chirurgiche ostetriche di consegna - episiotomia. Il perineo e la parete posteriore della vagina sono sezionati chirurgicamente. Dopo la nascita del bambino, i bordi delle incisioni sono uniti e fissati con punti di sutura.

Quando si applicano punti di sutura nel cavallo e nella vagina, è necessario osservare attentamente le regole di igiene personale. Effettuare misure volte a prevenire la microflora patogena di entrare nelle cuciture e il loro gonfiore.

Dopo il parto, una donna può essere disturbata dal dolore e dal sanguinamento delle emorroidi ferite. Questo fatto influisce negativamente sulla condizione generale della madre durante il parto.

Il puerperio intensa, a carattere continuo e fastidioso dolore ossessivo nel perineo, mal di schiena dopo l'anestesia epidurale, dolore e del retto dopo le emorroidi di pregiudizio, il dolore associato con parto cesareo. Alcune settimane dopo la nascita, gli organi riproduttivi della donna torneranno alla normalità. L'utero è ridotta, sarà dolore e gonfiore del perineo e madre con un bambino può godere di socializzare con gli altri.

Il fattore dolore influenza negativamente la regolazione del processo di allattamento e lo stato psicologico del bambino partoriente. La donna nel periodo postpartum è emotivamente instabile ed è nello stato di stress più forte, quindi un punto molto importante sarà il sollievo e l'eliminazione della sindrome del dolore. Per determinare il tipo di analgesia (compresse, supposte, iniezioni), è necessaria una consulenza specialistica. Il medico curante sarà in grado di valutare adeguatamente se il beneficio per la madre superi i potenziali rischi di sviluppare effetti collaterali nel neonato. L'automedicazione è inaccettabile e ha conseguenze imprevedibili e pericolose. Supposte rettali e vaginali possono essere utilizzate per l'anestesia in Puerperia. Hanno effetti anestetici generali e locali. Avere un effetto anti-infiammatorio I nomi delle supposte analgesiche ammesse nel periodo postpartum sono i seguenti: Ketorol, Ketanol, Diclof, Diclofenac, Voltaren.

Le supposte analgesiche più efficaci con successo utilizzate nella pratica ginecologica dopo il parto sono la supposta rettale Diclofenac.

Indicazioni Supposte anestetizzanti dopo il parto

  • Malattie degenerative e distruttive post-traumatiche acute e croniche.
  • Eliminare la sindrome da dolore edematoso nel periodo postoperatorio.
  • Pratica ginecologica: periodo postpartum, algodismenorea (diclofenac è in grado di eliminare la sindrome del dolore e ridurre la gravità della perdita di sangue).
  • Neurologia: eliminazione del dolore acuto alla schiena, emicrania, con sindromi da tunnel.

Farmacodinamica

Il principio attivo è sodio diclofenac. Si riferisce a un gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei, è un efficace strumento multifunzionale utilizzato in vari rami della pratica medica. Il diclofenac ha effetti antiflogistici, analgesici e antipiretici.

L'attività anti-infiammatoria si basa sulla soppressione della sintesi di composti bioattivi che accompagnano qualsiasi processo infiammatorio nel corpo. Il diclofenac inibisce significativamente la secrezione di sostanze che contribuiscono all'emergenza di un processo infiammatorio attivo, aumento della temperatura corporea e dolore.

L'effetto analgesico è spiegato dalla capacità dei metaboliti del sodio diclofenac di influenzare l'intensità delle sensazioni del dolore, influenzando il grado di irritazione di alcuni recettori nel cervello. A parte l'effetto di soppressione del segnale centrale del farmaco dolore e la sensibilità dei recettori periferici, cioè si può concludere che il medicamento raggiunge Diclofenac effetto analgesico causa interruzioni impulsi raznourovnevyh maglie della catena verificarsi di segnali di dolore.

Farmacocinetica

Con la somministrazione rettale, il principio attivo attivo viene rapidamente e completamente assorbito nel flusso sanguigno. Dopo 0,5-1 ore dopo la somministrazione, la concentrazione della sostanza nel sangue raggiunge un livello massimo, che è molto più veloce che con l'assunzione orale di diclofenac sodico a base di compresse (2-4 ore). Viene trasformato dal fegato in metaboliti attivi che agiscono sui recettori del tessuto neuronale. I derivati inattivi di diclofenac sono escreti principalmente dai reni (65%) e in parte dall'intestino (30%).

Nei pazienti con epatite cronica funzionale e alterazioni cirrotiche nel fegato, con una violazione nel lavoro dei reni, non è stata osservata alcuna farmacocinetica.

Con un moderato grado di disturbo della funzione di filtrazione dei reni, si distingue per un allungamento del tempo di eliminazione. Il diclofenac nel corpo non si accumula. Penetra nel latte materno e nel liquido sinoviale.

Controindicazioni

  • ipersensibilità al diclofenac o ad altri farmaci non steroidei (possibilmente una "triade di aspirina");
  • alterazioni distruttive-infiammatorie della membrana mucosa del tratto gastrointestinale superiore (erosione, ulcere gastriche e duodenali nella fase acuta delle manifestazioni o accompagnate da sanguinamento evidente o latente);
  • esacerbazione di proctite e paraprocitite;
  • esacerbazione del decorso delle emorroidi, accompagnata da sanguinamento;
  • violazione dell'ematopoiesi di genesi inspiegabile;
  • condizioni che si verificano con l'oppressione di emopoiesi - anemia aplastica o ipoplastica, trombocitopenia;
  • malattia epatica acuta;
  • malattia renale acuta, accompagnata da un profondo grado di alterata capacità di filtrazione;
  • età da bambini fino a 16 anni;
  • gravidanza (particolarmente III trimestre);
  • periodo di allattamento (se necessario, trattamento a lungo termine con diclofenac, sospensione raccomandata per l'allattamento al seno);
  • la presenza di iperkaliemia confermata.

I fattori di rischio in cui l'appuntamento e la dose di diclofenac devono essere scelti con cura da un medico:

  • Età 65 anni.
  • Malattia ipertensiva
  • Grado moderato e profondo di insufficienza renale cronica con ridotta capacità di filtrazione.
  • Malattie distruttive croniche del fegato.
  • Insufficienza cardiaca.
  • Ricezione di alcol.
  • Fumo.

Effetti collaterali Supposte anestetizzanti dopo il parto

Di solito il farmaco è ben tollerato dai pazienti. Con la somministrazione rettale, possono verificarsi reazioni locali: prurito, bruciore, dolore durante la defecazione, scarico mucoso con una miscela di sangue, gonfiore nel sito di iniezione;

  • sistema ematopoietico - trombocitopenia, leucocitopenia, agranulocitopenia;
  • CNS - vertigini, cefalalgia, tremore delle mani, convulsioni;
  • sistema nervoso - irritabilità, ansia, insonnia, depressione, disorientamento;
  • sistema cardiovascolare - tachicardia, dolore toracico, aumento della pressione sanguigna;
  • respiratorio - mancanza di respiro, asma bronchiale;
  • sistema immunitario - ipersensibilità, shock anafilattico, edema di Quincke;
  • GI - dolori addominali, nausea, vomito, flatulenza, perdita di appetito, proctite, esacerbazione di colite ulcerosa, la stipsi, emorroidi esacerbazione, il verificarsi di HMC;
  • organi digestivi - pancreatite, epatite tossica con un aumento del livello delle transaminasi e della bilirubina, insufficienza epatica acuta;
  • pelle - prurito, eruzione cutanea, orticaria, eritema multiforme, fotosensibilità;
  • sistema escretore: insufficienza renale acuta, comparsa di sangue e proteine nelle urine, comparsa di sindrome nefrosica acuta;
  • la manifestazione di reazioni locali - l'irritazione nel posto in cui la medicina è stata usata.

Gli effetti collaterali durante l'uso di diclofenac si verificano durante l'uso a lungo termine o l'uso di alte dosi.

Se dopo aver applicato la supposta, uno qualsiasi degli effetti indesiderati elencati è comparso o peggiorato, è necessario informare immediatamente il medico curante.

Dosaggio e somministrazione

Diclofenac sotto forma di supposte rettali presenta vantaggi rispetto alla via di somministrazione enterale e parenterale del farmaco. Le supposte non causano complicazioni quando vengono iniettate (infiltrati, ascessi) e vengono assorbite molto più velocemente rispetto alle forme della compressa. Le supposte rettali non hanno un effetto irritante sulle membrane mucose dello stomaco e del duodeno, la funzione barriera del fegato influenza meno intensamente l'attività del farmaco. La dose giornaliera deve essere calcolata dal medico curante in base al problema (non più di 150 mg / die).

Prima di usare le supposte si raccomanda di pulire l'intestino in modo che il principale principio attivo sia assorbito. Rilasciare la supposta dall'imballaggio di plastica del contorno. È necessario iniettare la supposta nell'ano il più profondamente possibile. Si consiglia di effettuare questa manipolazione per la notte o dopo l'introduzione dovrebbe essere in posizione sdraiata 20-30 minuti. In pratica ostetrica (taglio cesareo e per il dolore dopo il parto) ha raccomandato l'uso di diclofenac nel caso in cui i benefici per la madre giustifica il potenziale rischio per il bambino. L'automedicazione in ostetricia può peggiorare significativamente le condizioni della madre. Pertanto, la scelta dei mezzi e dei metodi di anestesia dopo il parto dovrebbe essere affidata a un medico qualificato.

Il dosaggio giornaliero secondo le istruzioni è: 1 supposta (Diclophenacum 0,1 g) una volta per via rettale.

La durata del ciclo di trattamento e la dose del farmaco sono determinate dal medico individualmente, tenendo conto della dinamica e della tollerabilità della terapia.

Overdose

Sintomi di sovradosaggio di diclofenac sodico - disagio nella regione epigastrica, vomito, carcinoma epatico, diarrea, vertigini, tinnito.

Il superamento della dose raccomandata può influire negativamente sul lavoro dei reni (sviluppo della sindrome nefrosica) e danni tossici al fegato.

Trattamento: non esiste antidoto al diclofenac di sodio. Il trattamento di un sovradosaggio consiste nel mantenere le funzioni vitali vitali del corpo e la terapia sintomatica. L'uso dell'emodialisi e della diuresi forzata non ha effetto a causa di un significativo grado di legame del diclofenac e dei suoi metaboliti alle proteine del plasma sanguigno.

Interazioni con altri farmaci

Con uso sincrono di supposte "Diclofenac" con:

  • i farmaci contenenti litio-digossina aumentano il livello della loro concentrazione nel sangue;
  • diuretico e ipotensivo diminuisce la loro efficacia;
  • diuretici risparmiatori di potassio: è probabile che i livelli di potassio nel sangue aumentino;
  • glucocorticoidi - aumenta significativamente il rischio di sviluppare la MGF;
  • ciclosporina, il metotrexato aumenta significativamente il loro effetto tossico sul fegato;
  • anticoagulanti: è necessario un costante controllo della coagulazione del sangue;
  • derivati di chinolo - ci possono essere convulsioni;
  • i farmaci ipoglicemici non hanno quasi alcun effetto sulla loro efficacia, ma è necessario monitorare la concentrazione di glucosio nel sangue;
  • alcool - manifestato da grave intossicazione tossica, pressione arteriosa irregolare, rallentamento del metabolismo ed eliminazione di entrambe le sostanze, disturbi nel lavoro del sistema nervoso.

Condizioni di archiviazione

Le supposte sono immagazzinate in un posto fresco, scuro, a una temperatura di aria di +8 о С - + 15 о С (nel frigorifero). Non permettere il riscaldamento di confezioni singole in plastica. Le supposte in pacchetti con integrità rotta non sono utilizzabili e possono essere infettate. Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Data di scadenza

La durata è di 2 anni. Non utilizzare alla fine del periodo indicato sulla scatola originale di fabbrica.

È importante sapere!

Levodopa. Diidrossifenilalanina (DOPA o DOPA) - sostanza biogene ricavato nel corpo di tirosina e che è un precursore della dopamina, che a sua volta viene convertito in noradrenalina e poi in adrenalina. Leggi di più...

Gruppo farmacologico

Обезболивающие и противовоспалительные лекарственные средства

Effetto farmacologico

Обезболивающие препараты

Attenzione!

Per semplificare la percezione delle informazioni, questa istruzione per l'utilizzo del farmaco "Supposta anestetica dopo parto" è stata tradotta e presentata in una forma speciale sulla base delle istruzioni ufficiali per l'uso medico del farmaco. Prima dell'uso leggere l'annotazione che è arrivata direttamente al farmaco.

Descrizione fornita a scopo informativo e non è una guida all'autoguarigione. La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante. L'automedicazione è pericolosa per la tua salute.

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.