^

Salute

A
A
A

Violazione di un'ovulazione: le ragioni, i segni, la diagnostica, il trattamento

 
, medical expert
Last reviewed: 25.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La violazione dell'ovulazione è un'ovulazione patologica, irregolare o assente. In questo caso, le mestruazioni sono spesso irregolari o assenti. La diagnosi è basata sull'anamnesi o può essere confermata dalla misurazione dei livelli ormonali o dell'ecografia pelvica. Il trattamento dei disturbi dell'ovulazione viene eseguito mediante induzione dell'ovulazione con clomifene o altri farmaci.

Malattia cronica di ovulazione Tempi premenopausa nella maggioranza dei casi è associata con la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), ma ha anche molte altre cause, come ad esempio iperprolattinemia e disfunzione ipotalamico (amenorrea ipotalamica).

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5]

I sintomi del disturbo dell'ovulazione

È possibile sospettare la violazione dell'ovulazione nei casi in cui le mestruazioni sono irregolari o assenti, non vi è alcun precedente gonfiore delle ghiandole mammarie, non vi è alcun allargamento o irritabilità addominale.

La misurazione della temperatura basale giornaliera mattutina aiuta a determinare i tempi dell'ovulazione. Tuttavia, questo metodo è impreciso e potrebbero verificarsi errori entro 2 giorni. Metodi più precisi includono l'uso di prove domestiche per rilevare l'aumento dell'escrezione urinaria di LH 24-36 ore prima dell'ovulazione, ecografia pelvica, osservare la crescita del diametro del follicolo ovarico e la sua rottura. Inoltre aiuta determinazione dei livelli di progesterone nel siero di 3 ng / ml (9,75 nmol / L) o la determinazione dei livelli elevati di pregnandiolo metabolita glucuronide nelle urine (possibilmente misurata 1 settimana prima dell'inizio del mese successivo); questi indicatori indicano l'inizio dell'ovulazione.

Con l'ovulazione irregolare, vengono rilevati disturbi ipofisari, ipotalamici o ovarici (ad es. PCOS).

Cosa ti infastidisce?

Cosa c'è da esaminare?

Trattamento del disturbo dell'ovulazione

L'ovulazione può essere indotta con farmaci. Di solito, in presenza di anovulazione cronica a causa di iperprolattinemia, il trattamento iniziale viene eseguito con la nomina di un antiestrogeno, clomifene citrato. In assenza di sanguinamento uterino mensile è causato dalla nomina di medrossiprogesterone acetato 5-10 mg per via orale una volta al giorno per 5-10 giorni. Assegna il clomifene a 50 mg dal quinto giorno del ciclo mestruale per 5 giorni. L'ovulazione si osserva di solito il 5 ° -10 ° giorno (di solito il 7 ° giorno) dopo l'ultimo giorno di assunzione di clomifene; se si verifica l'ovulazione, la successiva mestruazione viene annotata 35 giorni dopo il precedente sanguinamento mestruale. La dose giornaliera di clomifene citrato può essere aumentata di 50 mg ogni 2 cicli con un dosaggio massimo di 200 mg / dose per indurre l'ovulazione. Il trattamento può essere continuato secondo necessità per 4 cicli ovulatori.

Gli effetti avversi di clomifene - vasomotoria di lavaggio (10%), distensione addominale (6%), tensione mammaria (2%), nausea (3%), sintomi visivi (2,1%), cefalea (2,1%). Sindrome da iperstimolazione ovarica (gemelli) e ovarica multipla si verificano nel 5% dei casi. Più spesso sviluppano le cisti ovariche. L'ipotesi preliminare secondo cui esiste un legame tra la nomina di clomifene per più di 12 cicli e il carcinoma ovarico non è stata confermata.

Per i pazienti con PCOS, la maggior parte dei quali ha insulino-resistenza, prescrivono farmaci che aumentano la sensibilità all'insulina prima dell'induzione dell'ovulazione. Questi includono metformina 750-1000 mg per via orale una volta al giorno (o 500-750 mg per via orale 2 volte al giorno), meno frequentemente prescritto thiazolidinedione (ad esempio rosiglitazone, pioglitazone). Se la sensibilità all'insulina è inefficace, può essere aggiunto clomifene.

I pazienti con disfunzione ovulatoria che non rispondono al clomifene possono essere prescritti farmaci della gonadotropina umana (ad esempio, contenente FSH purificato o ricombinante e quantità variabili di LH). Questi farmaci sono prescritti per via intramuscolare o sottocutanea; di solito contengono 75 UI di FSH in combinazione con o senza LH attivo. Questi farmaci vengono solitamente prescritti 1 volta al giorno, dal 3-5 ° giorno dopo il sanguinamento indotto o spontaneo; idealmente stimolano la maturazione di 1-3 follicoli, determinati mediante ultrasonografia entro 7-14 giorni. L'ovulazione è anche indotta da HCG 5000-10 000 ME per via intramuscolare dopo la maturazione del follicolo; i criteri per l'induzione dell'ovulazione possono variare, ma un criterio più tipico è un aumento di almeno un follicolo a un diametro maggiore di 16 mm. Tuttavia, l'induzione dell'ovulazione nei pazienti ad alto rischio di gravidanze multiple o con sindrome da iperstimolazione ovarica non viene eseguita. I fattori di rischio includono la presenza di più di 3 follicoli con un diametro di 16 mm e un preovulatory livelli di estradiolo nel siero di più di 1500 pg / ml (superiore a 1000 pg / ml in donne con diversi piccoli follicoli ovarici).

Dopo la terapia con gonadotropina, il 10-30% delle gravidanze di successo sono multiparticolari. La sindrome da iperstimolazione ovarica si verifica nel 10-20% dei pazienti; le ovaie aumentano significativamente di dimensioni con la presenza di fluido nella cavità peritoneale, causando ascite potenzialmente potenzialmente letale e ipovolemia.

I disturbi maggiori richiedono un trattamento (ad es. Iperprolattinemia). In presenza di amenorrea ipotalamica per l'induzione dell'ovulazione, gonadorelin acetato (sintetico GnRH) viene prescritto come infusione endovenosa. Le dosi di bolo assegnabili di 2,5-5,0 μg (frequenza cardiaca) regolarmente ogni 60-90 minuti sono le più efficaci. L'acetato di gonadorelina causa raramente gravidanze multiple.

È importante sapere!

Ti permette di determinare chiaramente il momento dell'ovulazione, ed è in questo momento per eseguire rapporti sessuali, che aumenteranno significativamente le possibilità di concepimento. Con questo metodo, è possibile ottenere rapidamente i risultati desiderati. Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.