Ginecologo

Ultima revisione di: , esperto medico, su 01.06.2018

Una donna è un organismo unico con un meccanismo complesso che è in grado di portare frutto e procreazione. Ma ci sono situazioni in cui ci sono fallimenti o guasti in questo meccanismo. Cosa fare in questa situazione? Abbiamo urgentemente bisogno di correre dal ginecologo! Chi è questo? Che cosa fa? Quali malattie sono trattate da un ginecologo e quando dovrei rivolgermi a lui? Cercheremo di rispondere a tutte queste domande ora.

Chi è un ginecologo?

Un ginecologo è una specializzazione sufficientemente ampia di un medico che copre i problemi del sistema riproduttivo della donna. Comprende aree più ristrette, come il ginecologo, l' ostetrico-ginecologo, il ginecologo-endocrinologo e il chirurgo per la ginecologia.

I medici-ginecologi sono di solito donne, ma ci sono anche uomini. C'è anche una forte opinione che gli esperti di sesso maschile siano più attenti e attenti ai loro pazienti. Ma quale medico scegliere è la tua decisione personale. Dove posso trovare aiuto? Medici e ginecologi sono nella clinica femminile dei policlinici distrettuali, dei reparti ginecologici degli ospedali, degli ospedali per la maternità e nelle cliniche private.

Quando dovrei andare da un ginecologo?

Spesso le donne vanno dal ginecologo quando sono completamente "bloccate". Sfortunatamente, fino ad ora questo dottore causa costrizione e disagio al solo pensiero di lui. Ma devi prenderti cura della tua salute, per questo ti consigliamo vivamente di consultare un ginecologo una volta ogni sei mesi, anche se ti senti perfettamente bene. Inoltre, con un obiettivo preventivo, è necessario rivolgersi a questo specialista nelle seguenti situazioni:

  • all'inizio della prima mestruazione a pieno titolo;
  • dopo l'inizio di una vita sessuale attiva;
  • 3-4 settimane dopo il cambio di partner (per identificare le infezioni nascoste);
  • prima del matrimonio (per valutare la loro salute);
  • quando si pianifica una gravidanza (per identificare infezioni nascoste e trattamento tempestivo);
  • in assenza di gravidanza per mezzo anno con atti sessuali non protetti (per scoprire la ragione);
  • con un ritardo nelle mestruazioni (almeno 7 giorni);
  • all'età gestazionale di 6-8 settimane e in seguito alla nomina di un medico (per la registrazione e il monitoraggio del corso della gravidanza);
  • un mese dopo il parto, l'aborto o l'aborto spontaneo.

Urgentemente, è necessario contattare un ginecologo se:

  • c'erano forti dolori durante le mestruazioni;
  • c'erano dolori all'addome o alla parte bassa della schiena;
  • c'era una macchia nel mezzo del ciclo, dopo un rapporto sessuale, uno stress fisico o durante la menopausa;
  • ci sono state violazioni del ciclo mestruale;
  • c'erano scarichi abbondanti con un odore sgradevole;
  • c'era molto prurito, bruciore, bruciore.

Quando raccogli un'anamnesi da un ginecologo non dovresti essere timido, perché con una possibile malattia, entrambi i partner dovranno essere trattati.

Quali test devo prendere quando chiamo un ginecologo?

Alla prima telefonata al ginecologo il dottore raccoglie un'anamnesi, riempie la scheda, fa dei tamponi sulla flora della vagina e nomina ulteriori studi. Quali analisi, probabilmente, sarà necessario consegnare ripetutamente al riferimento al ginecologo ripetutamente?

  • un esame del sangue è comune (per identificare il processo infiammatorio);
  • PCR di sangue (in presenza di anticorpi per il sospetto: Mycoplasma, Ureaplasma, Clamidia, Trichomonas, Gardnerella, virus del papilloma umano, herpes genitale, e altri);
  • semina batteriologica dal canale cervicale, uretra e vagina con un antibiotico (per la rilevazione della flora patogena e del suo numero);
  • raschiamento dal canale cervicale alla citologia (per determinare il grado di displasia);
  • esame del sangue per ormoni: ormone follicolo stimolante (FSH), ormone luteinizzante (LH), prolattina, progesterone, estrogeni, così come ormoni tiroidei (ormone stimolante la tiroide - TSH) e le ghiandole surrenali;
  • analisi del sangue per l'emostasi (per determinare il fattore di aborto spontaneo);
  • cariotipo degli sposi (per determinare le anomalie genetiche dei cromosomi);
  • analisi per la compatibilità dei partner (con infertilità);
  • analisi del sangue per i marcatori del cancro ovarico (per la definizione di tumori maligni);
  • test per la sifilide, l'epatite, l'HIV (al momento della registrazione per la gravidanza).

Se c'è una violazione della funzione endocrina, il ginecologo darà necessariamente un rinvio a una consultazione con l'endocrinologo e con anomalie genetiche al fornitore di assistenza per la salute riproduttiva.

Quali metodi diagnostici utilizza un ginecologo?

Il primo e più basilare metodo di diagnosi è l'esame ginecologico visivo. Viene prodotto su una sedia speciale con l'aiuto dei cosiddetti "specchi" ginecologici. Grazie a questo metodo di diagnosi, un ginecologo può esaminare le volte vaginali per la presenza di papillomi, verruche genitali, valutare la mucosa vaginale e la cervice. In questa fase, vengono prelevati tamponi per flora, raschiamenti citologici e se è richiesta una biopsia di neoplasie. Viene eseguita un'ulteriore diagnostica bimanuale. Viene eseguito con una mano, la seconda mano si trova sulla cavità addominale. Nell'esame bimanuale vengono rilevate appendici, presenza di neoplasie, cisti, marcatura della posizione dell'utero, dimensioni e forma. E l'ultima fase finale dell'esame ginecologico è l'esame rettovaginale. Consiste nello studio degli organi riproduttivi femminili attraverso il retto. Tale studio è condotto da ragazze che non hanno iniziato la vita sessuale e le donne dopo quaranta anni (per eliminare le malattie del retto).

Quali altri metodi di diagnosi usa un ginecologo?

In caso di necessità di un ulteriore esame del paziente, il ginecologo può prescrivere metodi diagnostici come:

  • colposcopia: esame della cervice da parte di un ginecologo con l'aiuto di uno speciale dispositivo ottico con un'immagine sullo schermo, per un esame più accurato della presenza di displasia;
  • Ultrasound - ultrasuoni ginecologo donne pelvici per diagnosticare uterina e la gravidanza extrauterina, stabilire una precisa età gestazionale, la presenza di malformazioni fetali, le dimensioni delle ovaie, la presenza di cisti su di loro e che stabiliscono il loro tipo, e molto altro ancora;
  • folliculometria - esame con l'ausilio di strumenti ad ultrasuoni dei follicoli del paziente prima e dopo l'ovulazione, per stabilire la data esatta dell'ovulazione (questa procedura è di solito tre volte al giorno);
  • isteroscopia: esame della superficie interna dell'utero del paziente utilizzando un dispositivo con una fotocamera chiamata isteroscopio. In questa procedura, è possibile prendere i tessuti e i tumori dell'utero per la biopsia;
  • isterosalpingografia (GAS) - diagnosi dell'utero e della pervietà delle tube di Falloppio mediante una speciale soluzione fluorescente, che viene introdotta attraverso il canale cervicale;
  • laparoscopia diagnostica - un'operazione cavitaria che viene eseguita da un chirurgo in anestesia generale, utilizzando un dispositivo speciale con una fotocamera - un laparoscopio. In una laparoscopia esaminare gli organi riproduttivi della donna, se necessario rimuovere le cisti, dissezionare i picchi, ripristinare la pervietà delle tube di Falloppio e molto altro. Lo stesso metodo rimuove la gravidanza ectopica.
  • la biopsia e l'esame istologico possono essere eseguiti con vari metodi da un ginecologo. In questa procedura, un pezzo di tessuto d'organo, una neoplasia, un fluido viene campionato ed esaminato istologicamente.

Cosa fa un ginecologo?

La ginecologia, come branca della medicina, esisteva prima della nostra era, ma poi era inseparabile da ostetricia e chirurgia. Nel Medioevo, la completa stagnazione avvenne nella ginecologia e solo nel Rinascimento i medici iniziarono a riprendere la conoscenza della struttura del sistema riproduttivo femminile. La vera fioritura della scienza avvenne nel IX-XX secolo.

Cosa sta facendo un ginecologo? Tutto dipende da una specializzazione ristretta. Ad esempio, ginecologo pediatrica tratta infezioni genitali nelle ragazze, le risposte alle domande più frequenti degli adolescenti durante la pubertà, è impegnato in conversazioni preventiva circa la contraccezione e le malattie sessualmente trasmissibili, se necessario, regolare il ciclo mestruale e così via. Supervisione coinvolti ostetrico delle donne durante la gravidanza, controlli e record del processo di scambio carta di crescita e sviluppo del feto, è impegnato in colloqui prevenzione contro parto e maternità, consulta con i conseguenti problemi di gravidanza, così come guide quando necessario per aborto o mantenere in ospedale, fa aborti e prende in consegna. Il ginecologo-endocrinologo scopre i problemi dei disturbi ormonali nelle donne, prescrive i preparativi per la loro normalizzazione, conduce colloqui preventivi sullo sfondo ormonale del corpo femminile e così via. Il chirurgo pratica per la chirurgia laparoscopica ginecologica addominale o rimozione di cisti, tumori, gravidanza ectopica, restauro pervietà delle tube, nonché taglio cesareo. Allo stesso modo, i ginecologi scelgono il metodo ottimale di contraccezione (contraccettivi orali, dispositivo intrauterino, cappuccio cervicale) e ne stabiliscono l'appuntamento e l'installazione.

Quali malattie tratta un ginecologo?

Tutte le malattie che il medico tratta un ginecologo possono essere suddivise in tre ampi gruppi condizionali:

  1. Malattie degli organi riproduttivi femminili di natura infiammatoria;
  2. Malattie dell'apparato riproduttivo femminile associate a problemi nel sistema endocrino;
  3. Condizioni precancerose e cancerogene degli organi del sistema riproduttivo.

Alle malattie infiammatorie degli organi riproduttivi possono essere attribuiti:

  • processi purulento-infiammatori (endometrite, vaginite, colpite, annessite, ecc.);
  • Malattie a trasmissione sessuale (gonorrea, candidosi, ureaplasmosis, micoplasmosi, tricomoniasi, clamidia, sifilide);
  • malattie di origine virale (papillomavirus umano, herpes genitale, citomegalovirus).

I disturbi endocrinologici del sistema riproduttivo includono:

  • endometriosi (proliferazione delle pareti dell'endometrio);
  • PCOS (sindrome dell'ovaio policistico);
  • amenorrea (assenza di mestruazioni);
  • DMK (sanguinamento uterino disfunzionale);
  • SII (sindrome da esaurimento ovarico);
  • iperandrogenismo (aumento del contenuto di ormoni sessuali maschili);
  • sindrome metabolica (ridotta sensibilità dell'organismo all'insulina);
  • sindrome adrenogenitale (disfunzione della produzione di ormoni surrenali);
  • ipotiroidismo (disfunzione della produzione di ormoni tiroidei).

Le condizioni precancerose e cancerose del sistema riproduttivo femminile includono:

  • erosione e displasia della cervice;
  • neoplasie benigne e maligne degli organi riproduttivi femminili.

Consigli di un ginecologo

Per essere esaminato dal medico-ginecologo è necessario su base regolare! Se niente fa male e niente disturba - non significa che tutto sia in ordine. Come si suol dire, "è meglio perbuffare che non avere cattivo gusto".

Devi sempre pensare alla tua salute, quindi al rapporto sessuale protetto preferito con i contraccettivi di barriera (preservativi, cappucci cervicali).

Al primo sintomo della malattia (prurito, bruciore, scarico con un odore sgradevole), dovresti immediatamente andare dal ginecologo. Molto spesso il decorso acuto della malattia si trasforma in una malattia cronica e praticamente, e non infastidisce, ma può causare infiammazioni croniche e, nel peggiore dei casi, infertilità.

Non abusare di siringhe, uso di antibiotici e farmaci ormonali. Tutto ciò disturba la normale microflora della vagina e comporta una maggiore probabilità di introduzione di flora patogena.

Controlla lo stato generale della tua immunità. Ciò ridurrà la probabilità di contrarre malattie virali (papillomavirus umano, herpes genitale e altri).

Trovati un "tuo" ginecologo. Con chi ti sentirai a tuo agio e le visite non si trasformeranno in torture. Dopo tutto, dicono che il parrucchiere, il dentista e il ginecologo dovrebbero essere controllati!

Osservando questi semplici consigli di un ginecologo, si eviteranno problemi nel sistema riproduttivo.

È importante sapere!

La consultazione con un ginecologo è necessaria per la maggior parte delle donne. I medici sostengono che gli esami ginecologici preventivi sono una garanzia di salute. Tuttavia, ci sono situazioni in cui è urgente la consultazione di un ginecologo. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.