^

Salute

A
A
A

Osteocondrosi della colonna cervico-toracica

 
, medical expert
Last reviewed: 07.06.2019
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La patologia vertebrale cervicale inizia quasi sempre con dolore o fastidio al collo.

Il dolore nella regione cervicale (a riposo o sotto carico) è aggravato dopo il riposo, all'inizio del movimento o durante i normali carichi domestici (con movimenti improvvisi).

La gravità del dolore è di tre gradi:

  • I - il dolore si verifica solo quando il volume massimo e la forza dei movimenti nella colonna vertebrale;
  • II - il dolore si calma solo in una certa posizione della colonna vertebrale;
  • III - dolore costante.

Lo stato indica la rigidità della regione cervicale, la posizione forzata della testa, la dolorabilità delle zone della neuroosteofibrosi (con la durata del processo).

Il complesso di sintomi cervicali descritto si riferisce a sindromi vertebrali. Cerebrale, spinale, pettorale e brachiale sono definite sindromi extravertebrali. Possono essere compressi, riflessi o miadattivi (posturale e vicario).

Le sindromi da compressione sono divise in:

  • su radicular (radiculopathy);
  • spinale (mielopatie);
  • neurovascolare.

Le sindromi riflesse a loro volta sono classificate come:

  • muscolo-tonica;
  • neurodistrofica (neuroosteofibrosi);
  • neurovascolare.

Le sindromi vicari mioadattive si verificano quando si sovrastimano i muscoli relativamente sani, quando assumono la funzione inadeguata degli interessati. Nella clinica di patologia extravertebrale cervicale, le sindromi riflesse sono più comuni.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

Periartrosi dell'articolazione della spalla

Oltre al dolore, l'irrigazione delle formazioni vegetative porta allo sviluppo di disturbi neurodistrofici complessi. I cambiamenti distrofici nella capsula articolare e l'infiammazione reattiva provocano dolore al collo e alla spalla. I tentativi di ruotare e muovere il braccio sono solitamente dolorosi, mentre i movimenti della mano a pendolo avanti e indietro rimangono liberi. Dolore specifico quando si cerca di tirare la mano dietro la schiena. Il paziente risparmia la sua mano, e ciò aggrava ulteriormente lo sviluppo della degenerazione cicatriziale dei tessuti periarticolari. C'è una sindrome della "mano congelata". In alcuni casi, dopo che il dolore si è calmato, l'anchilosi dell'articolazione della spalla è determinata in un modo o nell'altro - la spalla e la scapola formano un singolo complesso durante i movimenti passivi, quindi sollevare il braccio sopra il livello orizzontale a volte risulta impossibile. Tutto questo è accompagnato dallo sviluppo di atrofia dei muscoli che circondano l'articolazione e durante la ripercussione - un aumento dei riflessi tendine-periostali sulla stessa mano appare nella capsula articolare.

trusted-source[7], [8], [9]

Sindrome spalla-mano o sindrome di Stein-broker

La condizione principale per lo sviluppo della sindrome della spalla è il coinvolgimento delle formazioni simpatiche cervicali, in particolare del tronco simpatico.

La specificità della sindrome è dovuta alla combinazione di una serie di fattori che portano a danni alla mano e alla spalla. I principali sono:

  • fattori che causano (focolai patologici vertebrali);
  • fattori che implementano (lesioni locali che causano cambiamenti neuro-distrofici e neurovascolari nella spalla e nella mano, nei loro plessi periarticolari simpatici);
  • I fattori che contribuiscono (obschetserebralnye, obschevegetativnye che portano alla realizzazione di processi riflessi specifici).

Le malattie viscerali trasferite nel passato, la preparazione preliminare dei meccanismi vegetativi centrali a causa di traumi, commozione cerebrale, contusione del cervello, ecc., Sono importanti.

Considerando separatamente la natura del processo della spalla e della mano, si dovrebbe notare che nella zona della spalla il processo è principalmente neurodistrofico, e nell'area della mano - neurovascolare.

La clinica consiste nel dolore alle articolazioni e nei muscoli della mano colpita, iperestesia e aumento della temperatura della pelle, gonfiore e cianosi della mano. Più tardi c'è atrofia della pelle e del tessuto sottocutaneo, movimento limitato del braccio con la formazione di contratture in flessione. Infine, nella terza fase, viene rilevata l'atrofia muscolare e l'osteoporosi diffusa delle ossa del braccio (distrofia ossea di Sudek).

trusted-source[10], [11], [12], [13]

Sindrome dello scaleno anteriore

È noto che questo muscolo, partendo dai tubercoli anteriori dei processi trasversali delle vertebre cervicali III-IV, è attaccato alla superficie superiore della costola. Laterale a questa costola è attaccato avendo una direzione simile delle fibre e dello scaleno mediale. Tra questi muscoli sopra il bordo I c'è una fessura triangolare, attraverso la quale passano il plesso brachiale e l'arteria succlavia. Queste relazioni anatomiche determinano la possibilità di compressione del fascio neurovascolare nel caso di spasmo del muscolo scaleno, la cui causa può essere l'irritazione delle radici di C 5 _ 7 che la innervano e le fibre simpatiche. Solitamente il fascio inferiore del plesso brachiale (formato dalle radici C3 e Th1) viene solitamente sottoposto a compressione.

Il paziente si lamenta di una sensazione di dolore, pesantezza nella sua mano. Il dolore può essere leggero, doloroso, ma può essere duro. Il dolore aumenta di notte, specialmente quando fai un respiro profondo, quando inclini la testa in una direzione sana, a volte si estende fino alla cintura della spalla, regione ascellare e al torace (quindi, in alcuni casi, vi è il sospetto di lesioni vascolari coronariche). I dolori sono aggravati dal rapimento del braccio. I pazienti notano formicolio e intorpidimento della mano, di solito lungo il bordo ulnare della mano e dell'avambraccio. Un rigonfiamento della fossa sopraclavicolare, dolore del muscolo scaleno anteriore, il punto del suo attacco alla costola (il test di Vartenberg) viene rilevato all'esame. Il muscolo sotto le dita si sentì compattato, aumentato di dimensioni. Potrebbe esserci un punto debole del pennello. Questo, tuttavia, non è vera paresi, poiché con la scomparsa dei disturbi vascolari e del dolore, anche la debolezza scompare.

Con l'astrazione della testa in una direzione sana, il sangue che riempie l'arteria radiale palpabile può cambiare. Se il dolore si intensifica quando si gira la testa verso il lato malato, è più probabile la compressione della colonna vertebrale.

trusted-source[14], [15], [16]

Epicondilite (epicondilosi) dell'articolazione del gomito

La lesione delle strutture periosteo-legamentose di questa zona facilmente lesionata (il luogo di attacco di un numero di muscoli dell'avambraccio) si manifesta con una triade caratteristica di sintomi: dolore durante la palpazione dell'epicondilo, diminuzione della forza nella mano e aumento del dolore durante la pronazione, supinazione e flessione dorsale della mano.

La debolezza muscolare caratteristica è rilevata dai test seguenti:

  • Sintomo di Thompsen: quando si cerca di mantenere un pennello a pugno chiuso nella posizione dorsale, il pennello cade rapidamente;
  • Sintomo gallese: estensione e supinazione simultanee degli avambracci: resta indietro sul lato colpito;
  • con la dinamometria, la debolezza della mano viene rilevata dal lato interessato;
  • quando si posiziona una mano dietro il dolore alla schiena aumenta.

Quindi, l'epicondilite (epicondilosi) con patologia cervicale fa parte di una vasta gamma di fenomeni neurodistrofici in punti di attaccamento di tessuto fibroso alle sporgenze ossee. Questi fenomeni si verificano sotto l'influenza della colonna vertebrale interessata o di altre lesioni dei tessuti circostanti. La formazione di una sindrome patologica è dovuta allo stato di fondo della periferia, dove il substrato era preparato in precedenza.

trusted-source[17], [18], [19], [20]

Sindrome cardialgica

La patologia delle strutture vertebrali cervicali colpisce le malattie cardiache. L'innervazione del cuore è frequentata dai nervi del cuore superiore, medio e inferiore, che ricevono impulsi dalle ghiandole simpatiche cervicali. Pertanto, in caso di patologia cervicale, può verificarsi una sindrome cardialgica, che dovrebbe essere distinta dall'angina pectoris o dall'infarto del miocardio. Nel nido di questo fenomeno doloroso ci sono due meccanismi principali:

  • è l'irritazione del nervo sinuvertebrale, il ramo postganglionico della catena simpatica, che coinvolge quindi il ganglio stellare, che fornisce l'innervazione simpatica del cuore;
  • dolore nei muscoli della superficie anteriore della parete toracica, innervato dalle radici C5-7.

Il dolore cardiaco è inferiore agli effetti medici e, in particolare, non viene alleviato assumendo nitroglicerina e validolo. L'assenza di cambiamenti sull'ECG ripetuto, che non rivelano alcuna dinamica anche all'altezza del dolore, conferma la diagnosi di sindrome da dolore non coronarico.

trusted-source[21]

Sindrome dell'arteria vertebrale

Una caratteristica della struttura del rachide cervicale è la presenza di fori nei processi trasversali delle vertebre C 2 -C 6. Queste aperture formano un canale attraverso il quale passa il ramo principale dell'arteria succlavia, l'arteria vertebrale con lo stesso nervo.

I rami che prendono parte alla formazione del nervo sinuvertebrale di Lyushka, che innerva l'apparato capsulare-legamentoso del PDS cervicale, il periostio delle vertebre e i dischi intervertebrali, partono dall'arteria vertebrale.

A seconda che si verifichi uno spasmo dell'arteria a causa dell'irritazione delle fibre efferenti del nervo spinale (plesso) oa causa di una risposta riflessa all'irritazione delle strutture afferenti, l'arteria vertebrale può mostrare la sua instabilità clinica in 2 forme:

  • sotto forma di sindrome da compressione-irritativa delle arterie vertebrali;
  • sotto forma di sindrome angiospastica riflessa.

La forma compressiva-irritativa della sindrome si verifica a causa della compressione meccanica dell'arteria vertebrale. Di conseguenza, c'è irritazione delle sue formazioni simpatiche efferenti con alterata circolazione del sangue vertebro-basilare e ischemia delle strutture cerebrali.

L'arteria può essere compromessa a diversi livelli:

  • fino a quando non entra nel canale dei processi trasversali; più spesso la causa della compressione è scalene ristretto;
  • nel canale dei processi trasversali; in questo caso, ciò si verifica con un aumento della deformazione dei processi uncinati che sono diretti lateralmente e comprimono la parete mediale dell'arteria; nel caso delle sublussazioni in Kovac, quando l'angolo superiore anteriore del processo articolare superiore della vertebra slitta anteriore esercita una pressione sulla parete posteriore dell'arteria; un effetto simile sull'arteria ha processi articolari in presenza di escrescenze anteriori dovute a spondiloartro e periartrosi;
  • al posto di un'uscita dal canale dei processi incrociati; compressione delle arterie si verifica quando anomalie delle vertebre cervicali superiori; È possibile che l'arteria venga premuta contro l'articolazione del muscolo obliquo inferiore spasmedato della testa C1-C2.

ATTENZIONE! Questa è l'unica sezione del "canale" dell'arteria vertebrale in cui non è coperta da processi articolari e dove viene palpata ("punto dell'arteria vertebrale").

La sindrome angiospastica riflessa dell'arteria vertebrale insorge in connessione con l'innervazione comune dell'arteria stessa, dei dischi intervertebrali e delle articolazioni intervertebrali. Durante i processi distrofici nel disco, si verifica la stimolazione delle formazioni simpatiche e di altri recettori, il flusso di impulsi patologici raggiunge la rete simpatica dell'arteria vertebrale. In risposta all'irritazione di queste formazioni simpatiche efferenti, l'arteria vertebrale reagisce con lo spasmo.

Le manifestazioni cliniche della sindrome delle arterie vertebrali includono:

  • mal di testa parossistico;
  • irradiazione del mal di testa: a partire dal collo e dalla regione occipitale, si estende fino alla regione della fronte, degli occhi, delle tempie, delle orecchie;
  • i dolori afferrano metà della testa;
  • una chiara connessione del mal di testa con il movimento della testa, un lungo lavoro associato alla tensione dei muscoli del collo, una posizione scomoda della testa durante il sonno;
  • quando la testa si muove (si piega, gira), il dolore spesso si verifica, si sente un "crunch", si osservano disturbi cocleo-vestibolari: vertigini sistemiche, rumore, tinnito, perdita dell'udito, specialmente all'altezza del dolore, nebbia davanti agli occhi, lampi di "mosche" ( menomazione della vista);
  • ipertensione arteriosa ("ipertensione cervicale").

Sebbene le manifestazioni cliniche di entrambe le forme della sindrome siano simili, la sindrome angiospastica riflessa ha le sue caratteristiche distintive. È caratterizzato da:

  • bilateralismo e diffusione dei disturbi vascolari cerebrali;
  • prevalenza di manifestazioni vegetative su focali;
  • relativamente meno associazione di convulsioni con turni di testa;
  • la sindrome da compressione-irritativa è più comune nella patologia del rachide cervicale inferiore e combinata con sindromi brachiali e pettorali, riflesso - con la sconfitta dei livelli cervicali superiore e medio.

Uno dei principali punti nella sindrome clinica Barre occupa i sintomi neuropsichiatrici: debolezza, malessere, irritabilità, disturbi del sonno, costante sensazione di pesantezza alla testa, disturbi della memoria.

A differenza della sindrome simpatica cervicale anteriore, che è caratterizzata dal complesso di Horner, la sindrome simpatica cervicale posteriore è scarsa nei sintomi oggettivi in quanto è ricca di quelli soggettivi.

Sindrome radicolare

La compressione della radice spinale nella colonna cervicale è relativamente rara rispetto alle sindromi riflesse. Ciò è dovuto alle seguenti circostanze:

  • legamenti forti delle "articolazioni" non vertebrali proteggono bene la radice dalla possibile compressione dell'ernia del disco forale;
  • la dimensione del forame intervertebrale è piuttosto piccola e la probabilità di un'ernia che vi cade è la più piccola.

La compressione della radice o dell'arteria radicolare viene effettuata da varie strutture:

  • la parte anteriore del forame intervertebrale viene ristretta a causa dell'ernia del disco o della crescita di osso e cartilagine in caso di artrosi uncovertebrale;
  • l'apertura posteriore si restringe con spondiloartrosi e cervicospondiloperiartrosi;
  • quando l'osteocondrosi diminuisce la dimensione verticale del forame intervertebrale.

La sindrome radicolare può anche verificarsi se la parete dell'arteria radicolare è irritata da uno spasmo di quest'ultimo, che porta all'ischemia della radice.

Alcuni disturbi motori, sensoriali e riflessi sono associati alla compressione di ciascuna radice:

  • La radice di C1 (segmento del motore vertebrale craniovertebrale) si trova nel solco dell'arteria vertebrale. Manifestato nella clinica dal dolore e una violazione della sensibilità nella regione parietale.
  • Radice C2 (segmento motore vertebrale senza disco C1-2). Con la sconfitta c'è dolore nella regione parietale-occipitale. L'ipo-trophy dei muscoli hypoglossal è possibile. Accompagnato da una violazione della sensibilità nella regione parietale-occipitale.
  • C 3 radice (disco, articolazione e forame intervertebrale C 2 _ 3 ). Nel quadro clinico, il dolore prevale nella metà corrispondente del collo e una sensazione di gonfiore della lingua su questo lato, le abilità linguistiche sono difficili. Paresi e ipotrofia dei muscoli ipoglosso. Le violazioni sono causate da anastomosi della radice con il nervo ipoglosso.
  • C 4 radice (disco, giunto e forame intervertebrale C 3 _ 4 ). Dolore alla cintura della spalla, clavicola. Debolezza, tono ridotto e ipertrofia della cintura, trapezio, sollevamento della scapola e dei muscoli più lunghi della testa e del collo. A causa della presenza nella radice delle fibre del nervo frenico, la funzione respiratoria può essere compromessa, così come il dolore nella regione del cuore o del fegato.
  • C 5 radice (disco, giunto e forame intervertebrale C 4 _ 5 ). Il dolore si irradia dal collo alla parte superiore del braccio e alla superficie esterna della spalla. Debolezza e malnutrizione del muscolo deltoide. Sensibilità compromessa sulla superficie esterna della spalla.
  • C 6 radice (disco, giunto e forame intervertebrale C 5 _ 6 ). Il dolore si diffonde dal collo alla scapola, alla cintura della spalla e al pollice, accompagnato da parestesie della zona distale del dermatomo. Debolezza e ipotrofia dei bicipiti. Riduzione o assenza di riflesso dal muscolo specificato.
  • C 7 radice (disco, giunto e forame intervertebrale C 6 _ 7 ). Il dolore si irradia dal collo sotto la scapola lungo la superficie esterna posteriore della spalla e la superficie dorsale dell'avambraccio alle dita II e III, sono possibili parestesie nella parte distale della zona specificata. Debolezza e ipotrofia dei tricipiti, diminuzione o scomparsa del riflesso da esso. Violazione della sensibilità della pelle sulla superficie esterna dell'avambraccio sul pennello al dorso delle dita II-III.
  • C 8 radice (disco, giunto e forame intervertebrale C 7 -Thj). Il dolore si irradia dal collo al bordo ulnare dell'avambraccio e al mignolo, parestesia nelle parti distali di questa zona. Ipotrofia parziale e riduzione del riflesso dai tricipiti, sono possibili i muscoli dell'elevazione del mignolo.

trusted-source[22], [23], [24], [25]

È importante sapere!

Differenze malattia degenerativa del disco della colonna lombare dalle lesioni cervicali da un punto di vista clinico, il seguente: l'assenza del midollo spinale sotto il livello delle vertebre L1, e quindi nelle lesioni lombosacrali sintomi di ossa e legamenti e le radici della cauda equina manifestato; Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.