^

Salute

A
A
A

Aterosclerosi dell'aorta addominale e dei suoi rami

 
, Editor medico
Ultima recensione: 20.11.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'aterosclerosi è una malattia ben nota e comune che colpisce le arterie ed è accompagnata dalla formazione di depositi di colesterolo sulle pareti vascolari interne. Se il processo coinvolge la parte addominale del vaso aortico, che passa attraverso la cavità addominale inferiore, il medico diagnostica "l'aterosclerosi dell'aorta addominale". La malattia può causare gravi complicazioni, tra cui disabilità e morte. Tuttavia, non è così facile sospettare una patologia, che è associata a una sintomatologia indistinta e a un corso latente frequente.

Epidemiologia

In ogni secondo paziente con disturbo della circolazione aortica, è la parte addominale del vaso che è interessata. Questo reparto è responsabile dell'apporto di sangue agli organi della cavità addominale, degli arti inferiori e della piccola pelvi.

Negli ultimi anni, l'incidenza dell'aterosclerosi è aumentata in modo significativo e il tasso di mortalità per questa malattia ha superato i tassi dovuti a lesioni, patologie infettive e oncologia. Molto spesso, l'aterosclerosi dell'aorta addominale si trova negli uomini di età compresa tra 45 e 55 anni. Le donne si ammalano circa 3-4 volte meno spesso e il rischio di ammalarsi aumenta in modo significativo con l'inizio del periodo della menopausa. [1]

La malattia è abbastanza comune: viene diagnosticata in circa una ventina di persone di età superiore ai 65 anni.

Nei paesi europei e negli Stati Uniti d'America, l'aterosclerosi dell'aorta addominale è molto più comune che nei paesi africani. La maggiore diffusione della malattia si registra negli Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Finlandia, Australia. L'incidenza più bassa si registra in Giappone. [2]

L'aterosclerosi e le complicanze da essa provocate rimangono attualmente la principale causa di morbilità e mortalità in molti paesi del mondo, compreso lo spazio post-sovietico. La sconfitta dell'aorta addominale si riscontra in oltre il 75% dei casi di autopsia di pazienti deceduti per malattia coronarica. [3] In più della metà dei casi, la patologia è determinata solo sullo sfondo dello sviluppo di un disturbo acuto della circolazione mesenterica.

Le cause aterosclerosi dell'aorta addominale

L'aterosclerosi dell'aorta addominale è una patologia cronica. La malattia è caratterizzata da una lesione specifica del vaso, proliferazione del tessuto connettivo sullo sfondo dell'infiltrazione grassa della parete interna, che generalmente porta a disturbi circolatori d'organo e generali.

Esistono diverse teorie sull'aspetto della patologia - in particolare, la teoria dell'infiltrazione lipoproteica, nonché la più comune - a causa della comparsa di alterazioni patologiche dovute a danni alla parete del vaso. Tale danno non è il risultato di un trauma meccanico all'endotelio, ma una violazione della sua funzione. Si tratta di un aumento della permeabilità, dell'adesività, di un aumento della sintesi di fattori procoagulanti e vasocostrittori. [4]

La violazione della funzione endoteliale può essere innescata da infezione (ad esempio herpesvirus), intossicazione (fumo di tabacco, ecc.),  [5] squilibrio ormonale (iperinsulinemia), disturbi emodinamici (ipertensione), ecc. Ma il collegamento principale gli scienziati considerano all'unanimità l'ipercolesterolemia.

La ragione principale per lo sviluppo dell'aterosclerosi dell'aorta addominale è il metabolismo lipidico-proteico alterato, che provoca la comparsa delle tipiche placche aterosclerotiche. I disturbi nutrizionali comportano disturbi metabolici, danni alle pareti vascolari e un cambiamento nella loro struttura. [6] Ipotermia regolare, immunità indebolita, stress frequente e stress psicoemotivo, processi infettivi e infiammatori, cambiamenti ormonali, traumi, insieme portano a danni alla parete vascolare interna. La situazione può essere aggravata da: stile di vita scorretto con molte cattive abitudini, eccesso di peso, patologie endocrine, assunzione di determinati farmaci. Anche le malattie concomitanti svolgono un ruolo negativo significativo: ipertensione, obesità, diabete mellito,  [7] patologie coronariche.

Gli esperti identificano le seguenti ragioni principali per lo sviluppo della malattia:

  • violazioni alimentari (alimentari);
  • fattori neurogeni (stress, instabilità emotiva, nevrosi);
  • endocrinopatia;
  • aumento prolungato della pressione sanguigna, condizioni ipossiche;
  • patologie autoimmuni;
  • predisposizione ereditaria; (è stata dimostrata l'influenza dell'ipercolesterolemia materna durante la gravidanza sulla progressione delle lesioni aterosclerotiche precoci nell'infanzia)  [8];
  • sovrappeso, diversi gradi di obesità; [9]
  • mancanza di attività fisica;
  • alcolismo, nicotina, tossicodipendenza.

Fattori di rischio

I fattori che possono portare allo sviluppo dell'aterosclerosi dell'aorta addominale possono essere suddivisi in diversi gruppi: fattori intransigenti, transitori e potenzialmente transitori.

I fattori permanenti sono permanenti e non possono essere eliminati:

  • età superiore a 40-45 anni;
  • sesso maschile (gli uomini soffrono di aterosclerosi più spesso delle donne);
  • predisposizione ereditaria (spesso la malattia si trova in persone i cui parenti soffrono anche di aterosclerosi dell'aorta addominale). La formazione di striature grasse si verifica nell'aorta del feto umano ed è significativamente aumentata dall'ipercolesterolemia materna. [10]
  • fattori di rischio etnici. [11], [12]

Gli esperti sottolineano che la predisposizione ereditaria contribuisce a un inizio precoce dello sviluppo della patologia.

I fattori di rischio transitori includono quelli che possono essere eliminati:

  • fumo, il suo effetto negativo sull'elasticità dei vasi sanguigni;
  • dieta malsana, mangiare molti grassi animali;
  • inattività fisica, stile di vita passivo, eccesso di peso.

I fattori potenzialmente transitori includono malattie che possono essere corrette, controllate e prevenute dall'ulteriore sviluppo:

  • ipertensione, che favorisce la deposizione di lipidi nella parete vascolare e la formazione di placche aterosclerotiche; [13]
  • dislipidemia, alterato metabolismo dei grassi, che è accompagnato da un aumento dei livelli di colesterolo, lipoproteine e trigliceridi;
  • diabete mellito, obesità aumentano più volte i rischi di sviluppare l'aterosclerosi dell'aorta addominale, a causa della violazione simultanea del metabolismo lipidico; [14]
  • i processi infettivi e di intossicazione contribuiscono a danneggiare le pareti vascolari.

Se conosci e prendi in considerazione i principali fattori provocatori, puoi determinare le regole di base per la prevenzione della malattia. [15]

Patogenesi

Lo sviluppo dell'aterosclerosi dell'aorta addominale è dovuto a una combinazione di fattori, in particolare disfunzione endoteliale, reazione infiammatoria, processo immunologico, dislipidemia, rottura della placca, influenze negative esterne (ad esempio il fumo).

L'endotelio produce sostanze necessarie per controllare la coagulazione del sangue ei processi metabolici cerebrali, regolare il tono vascolare e la pressione sanguigna, filtrare la funzione renale e l'attività cardiaca contrattile. Il primo stadio nello sviluppo dell'aterosclerosi è provocato da una violazione della funzione vasodilatatrice endoteliale, che, a sua volta, diventa una conseguenza della perdita di ossido nitrico da parte dell'endotelio. La disfunzione dell'endotelio è anche causata da un aumento del contenuto di colesterolo nel sangue, diabete mellito, ipertensione prolungata e dipendenza da nicotina. Il disturbo si verifica sotto l'influenza dell'ossidazione delle lipoproteine a bassa densità. [16]

  • In quasi tutti i casi sono stati osservati processi infiammatori nell'aterosclerosi. Hanno coinvolto macrofagi, citochine, proteina chemiotassi dei monociti, fattori di crescita, interleuchina-1, -3, -6, -8, -18, fattore di necrosi tumorale α, ligando CD40. Lo sviluppo aterosclerotico è anche associato alla proteina C-reattiva sierica. Un aumento del livello di fosfolipasi associata alle lipoproteine aumenta la probabilità di complicanze; non è escluso il coinvolgimento di citochine, che inducono la proliferazione cellulare e stimolano la produzione di forme attive dell'ossigeno, attivano le metalloproteinasi della matrice e l'espressione del fattore tissutale.
  • I disordini lipidici sono un fattore importante nello sviluppo dell'aterosclerosi dell'aorta addominale. Il rischio è particolarmente aumentato con livelli di colesterolo sierico superiori a 3,9 mmol/litro.
  • L'aumento della pressione nei vasi arteriosi cerebrali e coronarici aumenta la tensione della parete vascolare, che influisce negativamente sui processi rigenerativi e contribuisce alla formazione di protrusioni patologiche. [17]
  • La dipendenza dalla nicotina ha un effetto negativo durante tutte le fasi dello sviluppo dell'aterosclerosi, e questo effetto è piuttosto intenso: peggiora la vasodilatazione endotelio-dipendente, aumentano i fattori pro-infiammatori (tra cui proteina C-reattiva, interleuchina-6 e fattori di necrosi tumorale α), NO piastrinico la disponibilità diminuisce, la modificazione ossidativa delle LDL aumenta e l'attività plasmatica della paraoxonasi diminuisce.
  • Un aumento del livello di insulina comporta un aumento del contenuto di citochine (-6 e MCP-1), che contribuiscono alla crescita dei processi aterosclerotici.

Un aumento del colesterolo LDL e una diminuzione del colesterolo HDL sono considerati fattori sottostanti particolarmente importanti. I primi si accumulano nelle placche aterosclerotiche (cellule schiumose), che comportano disfunzione mitocondriale, apoptosi e necrosi, con rilascio di proteasi cellulari, citochine proinfiammatorie e molecole trombotiche. L'ossidazione delle LDL provoca alterazioni infiammatorie e immunitarie, l'aggregazione piastrinica aumenta e le placche diventano instabili. [18]

Le lipoproteine ad alta densità promuovono l'inclusione della transizione inversa del colesterolo, supportano la funzione endoteliale e proteggono dall'aumento della formazione di trombi.

I principali collegamenti patogenetici nello sviluppo dell'aterosclerosi sono:

  • Disturbo del metabolismo dei grassi.
  • Alterazioni del grasso extra (disturbi emodinamici, deterioramento delle proprietà reologiche del sangue, patologie primarie e danni alla parete vascolare, predisposizione genetica).

Ci sono prove che la miostatina (un inibitore della crescita del muscolo scheletrico coinvolto nei disordini metabolici e nella fibrosi cardiaca) può essere considerata come un nuovo attore nella progressione dell'aterosclerosi. Secondo la ricerca, la miostatina media la progressione dell'aterosclerosi dell'aorta addominale, causando la disfunzione delle cellule muscolari lisce vascolari. [19]

Sintomi aterosclerosi dell'aorta addominale

Nella maggior parte dei casi, l'aterosclerosi dell'aorta addominale procede senza determinati sintomi, ma la patologia può essere rilevata durante le misure diagnostiche. Segni aspecifici compaiono con il progredire della malattia:

  • sensazioni di disagio nell'addome e nella parte bassa della schiena;
  • dolore addominale regolare, peggio dopo aver mangiato (soprattutto dopo un pasto abbondante);
  • disturbi digestivi senza motivo apparente (diarrea, stitichezza, gonfiore);
  • eruttazione sgradevole, bruciore di stomaco regolare dopo aver mangiato;
  • dimagrimento progressivo.

Man mano che altri organi vengono coinvolti nel processo, compaiono altri sintomi:

  • dolore ai reni e/o all'inguine;
  • gonfiore degli arti;
  • gonfiore sul viso al mattino;
  • disturbi urinari;
  • aumento della pressione sanguigna.

Poiché questi sintomi non sono specifici, il paziente può essere mal diagnosticato e trattato in modo errato. Inoltre, l'aterosclerosi dell'aorta addominale spesso coesiste con altre patologie, anche croniche, il che complica anche la corretta diagnosi.

Primi segni

Nella maggior parte dei pazienti, l'aterosclerosi dell'aorta addominale inizia a svilupparsi in giovane età, progredendo nel corso degli anni. Inoltre, per molto tempo, il paziente non si lamenta di nulla e i primi segni iniziano a comparire solo quando una grande arteria si restringe o si ostruisce in modo significativo.

Tra i segni patologici più tipici ci sono i seguenti:

  • dolore epigastrico, non associato a malattie dello stomaco, che si irradia alla parte bassa della schiena, all'inguine;
  • disturbi digestivi, bruciore di stomaco, non associati a patologie del tratto gastrointestinale;
  • piedi freddi;
  • sensazione di formicolio, intorpidimento delle gambe;
  • impotenza maschile;
  • diminuzione del tono muscolare degli arti inferiori;
  • letargia o assenza di pulsazione arteriosa nei piedi, nelle ginocchia, nell'inguine;
  • la comparsa di claudicatio intermittens (con la diffusione della lesione ai vasi degli arti inferiori).

Se l'aterosclerosi colpisce non solo la parte addominale, ma anche toracica dell'aorta, il dolore toracico compare dopo uno sforzo fisico o stress, con irradiazione alla schiena o al collo, nonché bruciore di stomaco, sensazione di fastidio al torace, senza connessione con il cuore patologia. [20]

Se la patologia si estende alle arterie renali, si sviluppa l'ipertensione arteriosa. [21] Nello studio delle urine si trovano proteinuria, eritrocituria, cilindruria. La sconfitta delle arterie cerebrali si rivela come un deterioramento della memoria e dell'attività intellettuale, vertigini, disturbi del sonno e, nei casi più gravi, aumentano i rischi di ictus e trombosi.

Con i cambiamenti aterosclerotici nelle arterie mesenteriche, l'afflusso di sangue all'intestino si deteriora, un forte dolore appare poche ore dopo aver mangiato - con localizzazione nella zona ombelicale o nell'epigastrio. Il dolore può durare diverse ore (di solito 1-3 ore), in molti casi scompare dopo l'assunzione di nitroglicerina.

Fasi

Nel suo sviluppo, l'aterosclerosi dell'aorta addominale passa attraverso le seguenti fasi:

  1. Per la deposizione di lipidi nella parete dell'aorta, sono favorevoli i microdanni vascolari, il rallentamento focale del flusso sanguigno. La durata dello stadio lipidico può essere diversa: la deposizione di grasso e l'ispessimento diffuso dell'intima e dei proteoglicani della matrice extracellulare  [22] possono essere visualizzati solo al microscopio. 
  2. Lo stadio della liposclerosi è accompagnato da un aumento delle aree di deposizione di grasso nelle aree del tessuto connettivo. Si forma gradualmente una placca aterosclerotica, la cui composizione è rappresentata da grassi e fibre del tessuto connettivo. In questa fase, le placche possono ancora essere eliminate, poiché sono suscettibili di dissoluzione farmacologica. Tuttavia, frammenti di questi depositi possono ostruire i vasi e la parete aortica nell'area della placca attaccata perde la sua elasticità e viene danneggiata: in questo luogo aumenta il rischio di formazione di trombi.
  3. Lo stadio dell'aterocalcinosi è caratterizzato dalla compattazione delle placche e dalla deposizione di sali di calcio in esse. Le placche aumentano di dimensioni, restringendo il lume del vaso, compromettendo l'afflusso di sangue agli organi. Il rischio di occlusione o aneurisma aumenta.

Le fasi cliniche dello sviluppo dell'aterosclerosi dell'aorta addominale sono le seguenti:

  1. Una persona conduce una vita normale, non ha sintomi associati e la patologia può essere rilevata solo con l'aiuto della ricerca Doppler.
  2. Il paziente inizia a lamentarsi di dolori addominali dopo un pasto pesante.
  3. Il dolore addominale compare anche dopo un pasto normale e povero.
  4. Il dolore diventa costante e dopo aver mangiato aumenta.

Forme

Esistono diverse opzioni per la classificazione dell'aterosclerosi dell'aorta addominale. Quindi, nel corso del processo infiammatorio, la malattia è divisa in complicata e non complicata. Anche il tipo e la posizione del processo patologico differiscono: l'aterosclerosi può interessare il segmento prossimale dell'aorta addominale, la sezione infrarenale o l'intera sezione della parte addominale del vaso.

  • L'aterosclerosi dell'aorta addominale e dei suoi rami è più spesso accompagnata da un quadro clinico di malattia ischemica addominale, che è altrimenti chiamata sindrome dell'ischemia addominale cronica o rospo addominale. Il paziente può lamentare una sensazione di pesantezza e pienezza nell'addome, dolore epigastrico senza irradiazione evidente, disfunzione dello stomaco e dell'intestino, emaciazione stabile. C'è un soffio sistolico funzionale nella zona epigastrica. [23]
  • L'aterosclerosi dell'aorta addominale e delle arterie iliache è chiamata sindrome di Larish. Stiamo parlando di un complesso di sintomi clinici che si sviluppa sullo sfondo di un grave restringimento o blocco completo dell'aorta addominale. Sintomi come claudicatio intermittens, mancanza di polso sul dorso del piede, nonché nelle arterie poplitee e femorali, formazione di ulcere trofiche sulle dita dei piedi e sui piedi, diminuzione della pressione sistolica alle gambe, sensazione costante di freddo alle gambe e libido alterata sono caratteristici. Esternamente, si nota ipotrofia muscolare degli arti inferiori, segni di disturbi trofici sulla pelle e sulle unghie, il soffio sistolico è tracciato nell'aorta addominale e nell'arteria femorale.
  • L'aterosclerosi obliterante dell'aorta addominale è causata dalla sovrapposizione del lume del vaso da parte di una placca aterosclerotica e può essere notata vicino alla zona di ramificazione del tronco di base o nell'area della sua divisione in rami del I e II ordine. La patologia è prevalentemente unilaterale, sebbene si verifichino anche lesioni bilaterali.
  • L'aterosclerosi stenosante dell'aorta addominale è causata dalla stenosi del vaso ed è caratterizzata dalla comparsa di attacchi addominali, che hanno una prognosi sfavorevole e possono provocare disturbi ischemici, distrofia o trombosi intestinale reversibile e infarto intestinale.

Complicazioni e conseguenze

Le conseguenze avverse più comuni dell'aterosclerosi dell'aorta addominale sono lo sviluppo di un aneurisma aortico o un ematoma dissecante dell'aorta. Si tratta di un'espansione locale dell'area vascolare associata alla crescente debolezza delle sue pareti, o di un ematoma intramurale, che porta ad una dissezione del vaso. Una formazione pulsante simile a un tumore appare nella cavità addominale, situata a livello dell'ombelico o leggermente al di sotto di esso, a sinistra. Per un aneurisma, una rottura è pericolosa quando un vaso irrompe nella cavità addominale o nello spazio retroperitoneale. Con l'ematoma dissecante dovuto alla progressiva perdita di sangue, può essere fatale. Il paziente ha un forte dolore, può svilupparsi un collasso, compaiono sintomi di perdita di sangue acuta; tipicamente non ci sono segni di infarto sull'elettrocardiogramma. L'aneurisma può presentarsi con un soffio sistolico ruvido. [24]

Ulteriori segni della comparsa di un aneurisma possono essere:

  • premendo, tirando, dolori dolorosi nell'addome e nella parte bassa della schiena senza una ragione apparente;
  • una sensazione di pulsazione, una sensazione della presenza di una formazione pulsante all'interno dell'addome.

Segni dello sviluppo di complicanze sotto forma di rottura dell'aorta addominale:

  • un aspetto acuto o un'intensificazione della sindrome del dolore;
  • forte dolore lombare che si irradia all'inguine, all'interno delle cosce, ai genitali;
  • sintomi simili a infarto del miocardio
  • diminuzione degli indicatori della pressione sanguigna;
  • segni di anemia crescente;
  • vomitare sangue, ecc.

A causa della mancanza di specificità del quadro clinico, le complicanze vengono spesso scambiate per altre malattie. Pertanto, un approccio qualificato e completo a ciascun paziente è molto importante: secondo le statistiche, nel 70% dei casi con complicanze di un aneurisma, viene effettuata una diagnosi errata, che porta a conseguenze estremamente sfavorevoli. Se l'assistenza medica non viene fornita in tempo, il paziente con una rottura muore entro poche ore. [25]

Tuttavia, l'aneurisma e la dissezione dell'aorta addominale non sono le uniche complicazioni possibili. L'aterosclerosi alla fine porta all'ipossia cellulare, processi necrotici nei tessuti. Le pareti vascolari perdono elasticità, diventano dense e fragili, soggette a danni. Le placche intravascolari aumentano di dimensioni, possono rompersi e ostruire i vasi più piccoli. Le principali complicazioni di questo tipo sono:

  • la diffusione del processo aterosclerotico ai rami vascolari, compresi i capillari;
  • insufficiente apporto di ossigeno al miocardio e al cervello, agli organi della cavità addominale;
  • stenosi vascolare, l'inizio dello sviluppo dei processi necrotici;
  • distacco di placche aterosclerotiche, blocco dei vasi sanguigni;
  • sviluppo di necrosi, cancrena (ad esempio intestino);
  • infarto del miocardio, ischemia cardiaca, ictus, insufficienza renale;
  • Sono stati descritti casi di ulcere aterosclerotiche penetranti dell'aorta addominale. [26]

Una diagnosi precoce e competente consente di identificare le violazioni esistenti e di eseguire prontamente un trattamento appropriato. L'aterosclerosi dell'aorta addominale nelle prime fasi può essere interrotta se vengono seguite tutte le raccomandazioni mediche. 

L'ipertrofia ventricolare sinistra, lo spessore della parete aortica, può essere un rischio prevedibile di malattie cardiovascolari per tutta la vita. [27]

Diagnostica aterosclerosi dell'aorta addominale

L'esame obiettivo dovrebbe includere la palpazione obbligatoria dell'addome, con ulteriori percussioni e l'ascolto della cavità addominale mediante un fonendoscopio. Il polso e la pressione sanguigna vengono misurati separatamente.

I test spesso includono la determinazione del colesterolo totale, LDL, HDL, trigliceridi.

Un esame del sangue aiuta a determinare le condizioni generali del letto aortico e a valutare la probabilità di sviluppare l'aterosclerosi. I più indicativi sono i seguenti criteri di valutazione:

  • indicatore di colesterolo totale ad una velocità di 3,1-5,2 mmol / litro;
  • Indice HDL (colesterolo buono) a un tasso di 1,42 (donne) e 1,58 (uomini);
  • Indice LDL (colesterolo cattivo) fino a 3,9 mmol / litro;
  • indice di trigliceridi ad una velocità di 0,14-1,82 mol / litro;
  • indice aterogenico (colesterolo buono in relazione a quello cattivo) fino a 3.

La diagnostica strumentale include tali studi:

  • Radiografia aortica: aiuta a rilevare i cambiamenti nelle dimensioni della nave, la presenza di depositi di calcio o aneurisma. L'aorta allargata si manifesta con un aumento della dimensione trasversale dell'ombra, un aumento della sporgenza degli archi aortici nei campi dei polmoni. Dalla proiezione obliqua antero-sinistra, l'ombra si dispiega, la finestra aortica aumenta di dimensioni. Il vaso allungato cambia dimensioni verso l'alto e verso destra e forma il contorno in alto a destra dell'ombra vascolare, uscendo con forza nell'area d'ombra del vaso venoso cavo superiore. Con la fluoroscopia dell'aneurisma si nota un aumento della pulsazione.
  • L'aortografia a raggi X con mezzo di contrasto può aiutare a determinare la posizione e le dimensioni degli aneurismi esistenti o delle aree di vasocostrizione. Un segno di dissezione della parete è un contorno raddoppiato dell'aorta addominale.
  • L'ecografia bidimensionale consente di notare tali cambiamenti patologici come ispessimento, indurimento, calcificazione parietale, rugosità della parete vascolare interna, curvatura o allungamento dell'arteria, presenza di placche aterosclerotiche. Si dice aneurisma se vi è una limitata protrusione della parete o un aumento diametrico dell'aorta addominale di due volte, rispetto alla frequenza normale. 
  • La tomografia computerizzata a raggi X e la risonanza magnetica rivelano chiaramente anomalie morfologiche nell'aorta e nei rami di grandi dimensioni. [28] Consente la valutazione degli indici per classificare la posizione, la gravità e la progressione delle lesioni aortiche addominali calcificate. [29]
  • L'angiografia selettiva è prescritta se è previsto un intervento chirurgico. 

Lo studio patologico di una placca aterosclerotica dimostra i seguenti cambiamenti:

  • detriti proteici-grassi al centro;
  • in un cerchio - tessuto connettivo.

Macrofarmaco da considerare: aorta e grandi o piccole arterie di tipo muscolare e muscolo-elastico. Si trovano macchie e strisce lipidiche, strutture fibrose, calcificazioni, meno spesso ulcerazioni, masse trombotiche.

Diagnosi differenziale

La differenziazione dovrebbe essere effettuata con le seguenti patologie:

  • appendicite;
  • infiammazione della cistifellea;
  • infiammazione del pancreas;
  • nefrolitiasi, colelitiasi;
  • ulcera peptica e 12 ulcera duodenale;
  • ischemia pseudo-addominale.

È importante distinguere tempestivamente la patologia da glomerulonefrite, pielonefrite, amiloidosi renale, ipertensione arteriosa renovascolare (vasorenale), aterosclerosi dei vasi renali, malattia del rene policistico, aplasia fibro-muscolare, aortoarteriocitosi aspecifica, insufficienza cardiaca aortoarterocitaria, insufficienza cardiaca congestizia primaria.

Di norma, per chiarire la diagnosi, vengono eseguiti un ECG, un cardiogramma ECHO e un'ecografia degli organi addominali. Meno comunemente, vengono utilizzate l'angiooscopia, l'angiografia a sottrazione digitale, la tomografia a coerenza ottica.

Chi contattare?

Trattamento aterosclerosi dell'aorta addominale

Se il paziente non nota alcun sintomo patologico, ha un basso livello di rischio (inferiore al 5% secondo SCORE) e il valore del colesterolo totale supera i 5 mmol/litro, allora il trattamento prevede solo la correzione dello stile di vita:

  • esclusione del fumo e di altre cattive abitudini;
  • cambiare la dieta;
  • rispetto dell'attività fisica.

Dopo aver normalizzato il livello di colesterolo totale a 5 mmol / litro e LDL a 3 mmol / litro, viene prescritto un esame preventivo regolare ogni 3-5 anni.

Anche i pazienti con un rischio SCORE elevato e colesterolo totale superiore a 5 mmol/litro devono modificare il proprio stile di vita con un follow-up di laboratorio a 3 mesi. Se dopo il periodo specificato la situazione si stabilizza, ogni anno vengono prescritte ulteriori diagnosi preventive. In caso di instabilità degli indicatori o in presenza di sintomi tipici dell'aterosclerosi, viene prescritto un trattamento conservativo.

I farmaci che eliminano l'iperlipidemia sono rappresentati da diverse classi di farmaci: statine (farmaci che inibiscono la HMG-CoA reduttasi), Ezetimibe, sequestranti (farmaci che agiscono sugli acidi biliari), fibrati, farmaci a base di acido nicotinico, acidi grassi polinsaturi, inibitori della lipasi. [30]

  • Le statine sono farmaci che inibiscono la HMG-CoA reduttasi: Lovastatina, Simvastatina, Atorvastatina, Pravastatina, Fluvastatina, Rosuvastatina.
  • Preparazioni inibitori dell'assorbimento del colesterolo nell'intestino: Ezetemib è un agente ipocolesterolemico attivo.
  • I sequestranti degli acidi biliari sono farmaci che migliorano l'escrezione degli acidi biliari dal corpo - il prodotto di base del metabolismo del colesterolo (colestiramina, colestipolo).
  • I fondi derivati dall'acido fibrico - fibrati - sono rappresentati da Gemfibrozil, Bezafibrate, Ciprofibrat, Fenofibrat, Clofibrate.
  • I preparati di acido nicotinico - niacina - hanno proprietà ipocolesterolemizzanti, riducono il contenuto di lipoproteine.
  • Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3 in dosaggi sufficientemente grandi (fino a 4 g al giorno) eliminano l'ipertrigliceridemia.

Con l'aterosclerosi dell'aorta addominale, è appropriata la terapia di combinazione, che consente di interrompere lo sviluppo del processo patologico e prevenire l'insorgenza di complicanze.

Medicinali

Il trattamento conservativo consiste più spesso nell'uso di tali medicinali:

  • Anticoagulanti - ad esempio, eparina a un dosaggio iniziale di 5 mila unità iniettabili sotto il controllo della coagulazione del sangue, o enoxaparina sodica 20-40 mg al giorno sotto forma di iniezioni sottocutanee, o nadroparina calcio 0,2-0,6 ml sotto forma di sottocutaneo iniezioni 1-2 volte al giorno (a seconda del peso del paziente).
  • Agenti antipiastrinici - per esempio, acido acetilsalicilico nella quantità di 75-325 mg al giorno per bocca, o Clopidogrel a 75-300 mg al giorno per bocca, o Dipiridamolo a 50-600 mg al giorno per bocca. I pazienti devono assumere tali farmaci per lungo tempo (a volte per tutta la vita), sotto regolare supervisione di laboratorio. L'assunzione caotica di farmaci in grandi dosi può portare a complicanze emorragiche, la comparsa di segni di insufficienza cardiaca.
  • Per eliminare il dolore, nominare:
    • farmaci antinfiammatori non steroidei, se non ci sono controindicazioni (Ketorol, Ibuprofen), blocco paravertebrale;
    • oppioidi (morfina, fentanil) - nei casi più gravi, se i farmaci antinfiammatori non steroidei non aiutano.
  • Farmaci che normalizzano la microcircolazione e migliorano le condizioni dei vasi sanguigni (angioprotettori):
    • Pentossifillina 100-300 mg per iniezione;
    • Alprostadil 20-60 mcg iniettato giornalmente.

Possibili effetti collaterali durante l'assunzione di angioprotettori possono essere reazioni allergiche, dolori addominali e disturbi digestivi. [31]

  • I farmaci che abbassano il colesterolo vengono assunti per diversi mesi (di solito fino a un anno, a seconda dei livelli di colesterolo nel sangue). La simvastatina e l'atorvastatina sono generalmente prescritte internamente. Gli effetti collaterali sotto forma di allergie, miopatia, sintomi dispeptici sono rari.
  • I farmaci per il trattamento patogenetico sono spesso rappresentati da -bloccanti: propranololo, bisoprololo, metaprololo. Il dosaggio è standard, la terapia viene eseguita sotto monitoraggio regolare della frequenza cardiaca e degli indicatori della pressione sanguigna. L'annullamento di questi farmaci viene eseguito gradualmente.

Dieta per l'aterosclerosi dell'aorta addominale

La correzione della dieta è un modo efficace per fermare lo sviluppo dell'aterosclerosi. E questo metodo non è in alcun modo inferiore alla terapia farmacologica e spesso la supera persino. Molti medici sottolineano che non si dovrebbe fare affidamento solo sui farmaci: senza cambiamenti nella dieta, non si può contare su un effetto stabile e a lungo termine del trattamento.

Di norma, ai pazienti con aterosclerosi dell'aorta addominale viene prescritta la tabella dietetica n. 10 : l'alimento dietetico appropriato normalizza il colesterolo nel sangue e inibisce la progressione della malattia. Inoltre, la dieta comprende una grande quantità di alimenti vegetali ricchi di fibre alimentari e acidi grassi polinsaturi, che aiutano ad aumentare la quantità di colesterolo "buono".

Oltre a seguire una dieta, è importante tenere traccia delle calorie degli alimenti. Con poca attività fisica, non dovresti consumare più di 2500 calorie al giorno. E per i pazienti in sovrappeso, il medico aiuterà a scegliere il contenuto calorico giornaliero.

Con l'aterosclerosi sono vietati animali e grassi idrogenati, che aumentano il livello di colesterolo e la sua deposizione sulle pareti vascolari. È importante escludere tali alimenti dalla dieta:

  • carne grassa, strutto;
  • burro, margarina, miscele di grassi e vegetali, strutto;
  • frattaglie (compreso il fegato);
  • brodi su carne o ossa;
  • salsicce, salsicce, wurstel;
  • qualsiasi parte del pollame, ad eccezione dei filetti senza pelle;
  • latte, formaggio a pasta dura, ricotta grassa, panna, latte condensato, panna acida, gelato;
  • Fast food;
  • Patata;
  • salse;
  • zucchero, prodotti da forno, pasticcini.

Dovresti anche limitare l'uso di alcol, ed è meglio escluderlo del tutto.

La dieta dovrebbe contenere i seguenti alimenti:

  • pollo sbucciato, filetto di tacchino;
  • vitello da latte;
  • pesce, frutti di mare;
  • prodotti a base di latte fermentato (ricotta a basso contenuto di grassi, kefir, yogurt senza additivi);
  • uova (non più di 2 a settimana);
  • qualsiasi verdura, frutta, erbe, bacche;
  • pasta di grano duro;
  • cereali (grano saraceno, riso, orzo, frumento, avena, bulgur, couscous);
  • legumi (fagioli, ceci, fagiolo verde, lenticchie, piselli);
  • pane scuro, crusca;
  • tisane, tè verde, composte di frutta secca, bevande alla frutta;
  • frutta secca.

In nessun caso dovresti trascurare la correzione nutrizionale. La dieta svolge un ruolo fondamentale nel trattamento dell'aterosclerosi e serve anche a prevenire lo sviluppo di complicanze, in particolare l'infarto del miocardio e altre patologie cardiovascolari. [32]

Trattamento fisioterapico

La fisioterapia è un trattamento efficace che utilizza fattori naturali e fisici. Si tratta di influenze termiche, influenze ultrasoniche, campi magnetici, laser, acqua, fanghi terapeutici, massaggi, ecc. I metodi sono generalmente semplici e allo stesso tempo estremamente efficaci: con un minimo di effetti collaterali, si nota un intenso effetto positivo, che permette di ridurre il dosaggio dei farmaci utilizzati. Si nota un effetto particolarmente pronunciato se la fisioterapia viene utilizzata nelle prime fasi dello sviluppo della patologia.

Nell'aterosclerosi dell'aorta addominale, i seguenti tipi di fisioterapia sono considerati i più comuni:

  • Elettroforesi con novocaina, nonché vasodilatatori, antipiastrinici, farmaci antinfiammatori, farmaci antinfiammatori. Sono spesso usati ioduro di potassio, salicilato di sodio, eparina, litio, zinco, multivitaminici, solfato di magnesio, acido nicotinico, mezaton, ecc.
  • La darsonvalutazione ha un pronunciato effetto antispastico sulla parete vascolare, per cui allevia lo spasmo e migliora il flusso sanguigno. L'azione è spiegata dall'irritazione dei recettori nervosi da parte delle correnti impulsive.
  • L'ossigenazione iperbarica è una tecnica di ossigenazione ad alta pressione. Per la procedura vengono utilizzate speciali camere a pressione iperbarica.

Il trattamento termale comprende balneoterapia e fangoterapia. Un effetto positivo pronunciato si trova dopo l'assunzione di bagni di idrogeno solforato, anidride carbonica, iodio-bromo, perla, trementina.

L'applicazione del fango naturale è indicata per i pazienti con gli stadi 1-2 dell'aterosclerosi.

Trattamento a base di erbe

L'aterosclerosi dell'aorta addominale nelle prime fasi dello sviluppo risponde bene al trattamento con mezzi alternativi, soggetti alla correzione dello stile di vita e all'eliminazione delle cattive abitudini. [33] Le ricette di erboristeria più comuni ed efficaci sono:

  • 1 cucchiaio. L. I fiori di grano saraceno vengono preparati in un thermos in 1 litro di acqua bollente, infusi per un'ora, filtrati. Assumere 100 ml tre volte al giorno lontano dai pasti.
  • Sbucciare 300 g di aglio, versarlo in un contenitore e versare 0,5 l di vodka. Si conserva al buio per un mese, dopo di che si filtra e si assume giornalmente, 20 gocce con 100 ml di latte, lontano dai pasti.
  • Prendi 1 cucchiaio. L. Foglie di betulla, preparare 300 ml di acqua bollente, lasciare raffreddare, filtrare. Prendi 100 ml tre volte al giorno per mezz'ora prima dei pasti.
  • Versare 1 cucchiaio. L. Colore biancospino 300 ml di acqua bollente, insistere finché non si raffredda, filtrare. Prendi 100 ml tre volte al giorno mezz'ora prima dei pasti.
  • Prendi 2 cucchiai. L. Rosa canina, versata in un thermos, versare 300 ml di acqua bollente. Insistere per 15 minuti, filtrare. Assumere 100 ml tre volte al giorno 20-30 minuti prima dei pasti.
  • Bevi il succo di un limone al giorno, durante o dopo i pasti.
  • Spremere 200 ml di succo di cipolla, mescolare con 200 ml di miele. Tale rimedio viene conservato in frigorifero e preso in 1 cucchiaio. L. Tre volte al giorno lontano dai pasti, per 8-10 settimane.
  • Preparare una raccolta di 10 g di melissa, 10 g di un capolettera, 40 g di fiori di biancospino, 30 g di foglie di fragola. Preparare 1 °. L. Raccogliendo 300 ml di acqua bollente, bevi al posto del tè durante il giorno (puoi aggiungere miele a piacere).
  • Prendi 100 g di salvia fresca, versa 500 ml di vodka e insisti per un mese e mezzo in un luogo buio. Successivamente, la tintura viene filtrata e presa in 1 cucchiaio. L. Con acqua al mattino e prima dei pasti, solo 3 volte al giorno.
  • Spremere il succo dalla radice di rafano fresca. Mescolare a metà con il miele e prendere 1 cucchiaio. L. Al mattino, un'ora prima del primo pasto. La durata del trattamento è di 1 mese.

Chirurgia

Se la terapia conservativa risulta inefficace o inappropriata, al paziente viene prescritto un trattamento invasivo - aferesi terapeutica - plasmaferesi e aferesi LDL. Il trattamento chirurgico può essere richiesto quando c'è un'alta minaccia o lo sviluppo di occlusione arteriosa - un trombo o una placca. Se l'aterosclerosi colpisce i vasi cardiaci e aumenta il rischio di sviluppare infarto miocardico, viene eseguito un bypass aortocoronarico.

La cardiochirurgia prevede l'esecuzione di interventi aperti o interventi chirurgici endovascolari minimamente invasivi. Ad esempio, per eliminare i processi ischemici nella metà inferiore del corpo e stabilizzare l'emodinamica, viene prescritta un'operazione di stent vascolare. E con l'aneurisma aortico, sono indicate protesi ed endoprotesi dell'aorta addominale. [34]

Se la dimensione diametrale della protrusione patologica nell'aneurisma è inferiore a 50 mm, al paziente viene somministrata una terapia farmacologica finalizzata alla normalizzazione dell'attività cardiovascolare con il suo monitoraggio regolare. Se il diametro dell'aneurisma è uguale o superiore a 50 mm, viene prescritto un trattamento chirurgico per prevenire la rottura dell'aorta. Inoltre, un'indicazione per la chirurgia può essere una sporgenza con un diametro di 30 mm, con un rapido aumento annuale delle dimensioni di 6 mm.

Il trattamento chirurgico può essere eseguito a qualsiasi età, se il paziente non presenta le seguenti controindicazioni:

  • disturbi acuti della circolazione cerebrale o coronarica con evidente insufficienza neurologica;
  • insufficienza circolatoria II-b o III stadio.

Chirurgia dell'aorta addominale per l'aterosclerosi

La protesi dell'aorta addominale viene eseguita con un accesso aperto (incisione 15-20 cm) o un mini-accesso sotto forma di incisione sulla parete addominale di circa 5-7 cm.Il chirurgo elabora il campo operatorio, esegue le necessarie incisioni e comprime l'aorta addominale sopra e sotto l'area interessata. L'aneurisma viene asportato e al posto del segmento rimosso viene cucito un impianto vascolare precedentemente preparato. Dopo essersi assicurati che le cuciture siano strette, il medico installa gli scarichi e sutura la ferita. I più comuni sono gli impianti vascolari impregnati di argento: sono più resistenti alle infezioni. L'intervento dura circa 3,5 ore, poi il paziente viene trasferito nel reparto di terapia intensiva, dove le sue condizioni vengono monitorate per tutta la giornata. Il termine generale per la degenza ospedaliera è di circa una settimana (senza complicazioni).  [35]

L'artroplastica aortica è considerata un metodo chirurgico più moderno. Il segmento danneggiato dell'aorta addominale viene sostituito con una speciale protesi vascolare, che viene posizionata direttamente nella cavità dell'aneurisma sotto osservazione a raggi X. Questa tecnica consente di prevenire un gran numero di complicanze, abbreviare la permanenza del paziente in ospedale e accelerare la riabilitazione. Forse l'unico inconveniente di un tale intervento è il suo costo elevato. [36]

Possibili controindicazioni al trattamento chirurgico:

  • sepsi;
  • gravi disturbi degli organi vitali, come insufficienza epatica o renale acuta, accidente cerebrovascolare, infarto del miocardio, ecc.

Prevenzione

Per determinare la prevenzione più efficace dello sviluppo dell'aterosclerosi dell'aorta addominale, è necessario ricordare i principali fattori di rischio e cercare di influenzarli:

  • sbarazzarsi delle cattive abitudini, in particolare fumare e bere alcolici;
  • mantenere un livello adeguato di colesterolo nel sangue, eseguire regolarmente esami del sangue;
  • monitorare gli indicatori della pressione sanguigna;
  • normalizzare il peso corporeo, condurre uno stile di vita attivo;
  • evitare stress emotivo, stress;
  • mangiare bene e di qualità.

Se elimini i principali fattori predisponenti, puoi prevenire e rallentare lo sviluppo della malattia, prevenire il verificarsi di complicanze avverse.

È importante formulare correttamente una dieta, ridurre l'uso di prodotti che contengono una grande quantità di colesterolo. Questi sono grassi e burro animali, uova, latticini grassi, frattaglie. Dovresti anche rinunciare a carboidrati facilmente digeribili, dolci, zucchero. La preferenza nella dieta dovrebbe essere data a oli vegetali, pesce, carne bianca, frutti di mare, prodotti vegetali. Le fibre e i carboidrati complessi dovrebbero occupare un posto speciale nel menu. La quota di verdure crude, frutta e verdura dovrebbe essere ¾ della dieta, a causa dell'alto contenuto di pectina nei prodotti vegetali, che inibisce l'assorbimento del colesterolo nell'intestino. [37]

Le proteine sono anche una componente molto importante della dieta. Il corpo può ottenerli da carne bianca di pollame, pesce, legumi, verdure.

È importante monitorare il peso corporeo, prevenire lo sviluppo dell'obesità, smettere di fumare e non abusare di alcol.

Un'attività fisica sufficiente è la chiave per la normale funzione cardiaca e un sufficiente apporto di ossigeno al miocardio. Inoltre, l'esercizio fisico regolare previene l'aumento di peso in eccesso e mantiene il normale tono vascolare. L'attività fisica viene misurata in relazione all'età e allo stato di salute generale. È ottimale praticare la camminata per 30-40 minuti al giorno.

Inoltre, la prevenzione dovrebbe essere integrata dall'eliminazione delle situazioni stressanti, dalla prevenzione del superlavoro del corpo. È importante allenare la resistenza allo stress, stabilire un regime di lavoro e riposo di alta qualità e normalizzare il sonno notturno.

Previsione

Oggi, una delle principali aree di attività dei cardiologi è la ricerca di soluzioni per il trattamento ottimale dell'aterosclerosi dell'aorta addominale. Va tenuto presente che questa patologia è un prerequisito per lo sviluppo di processi patologici irreversibili - in particolare, cardiopatia ischemica, stenosi dell'arteria renale, aneurisma aortico, ictus ischemico, ecc. [38]

Le previsioni per i pazienti differiscono, non possono essere univoche, poiché dipendono dall'età del paziente e dalla presenza di malattie concomitanti, dallo stadio del processo patologico, ecc. Se aderisci a tutte le raccomandazioni mediche (cambiamenti nell'alimentazione, esclusione di cattive abitudini, trattamento farmacologico tempestivo e di alta qualità), quindi la prognosi può essere relativamente favorevole, poiché l'ulteriore sviluppo della malattia è spesso rallentato. Se si ignora l'aderenza alle raccomandazioni, si interrompe la dieta, si fuma, ecc., Il rischio di complicanze aumenta in modo significativo: aneurisma aortico, infarto del miocardio, ictus, ecc. [39]

Sfortunatamente, non sarà possibile eliminare completamente la malattia: l'aterosclerosi dell'aorta addominale è una malattia cronica con una graduale progressione dei cambiamenti patologici.

Disabilità

È possibile ottenere un gruppo di disabilità con aterosclerosi dell'aorta addominale se, a seguito di processi patologici, si sono sviluppati gravi disturbi funzionali degli organi e si è verificata una perdita di capacità lavorativa. Nonostante il fatto che la malattia sia molto comune e la sua complicazione sia spesso fatale, la disabilità non viene assegnata a causa della lesione aterosclerotica diretta, ma a causa dello sviluppo di conseguenze avverse.

Un paziente può essere riconosciuto come disabile se presenta le seguenti complicazioni:

  • microstroke, ictus;
  • violazione acuta della circolazione coronarica;
  • stenosi aortica e aneurisma.

Qualsiasi delle condizioni di cui sopra, così come la paralisi degli arti, i disturbi della circolazione cerebrale possono essere un motivo per la registrazione della disabilità sulla base dei risultati di un esame medico e sociale. L'aterosclerosi dell'aorta addominale senza manifestazioni cliniche o con sintomi suscettibili di correzione farmacologica non è un'indicazione di disabilità.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.