^

Salute

A
A
A

Attacchi di panico e disturbo di panico

 
, Editor medico
Ultima recensione: 24.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Un attacco di panico è un attacco improvviso di un breve attacco di grave disagio o paura, accompagnato da sintomi somatici o cognitivi. Il disturbo di panico consiste in ripetuti attacchi di panico, solitamente accompagnati dalla paura della loro recidiva o dal loro comportamento che evita situazioni che possono provocare lo sviluppo di un attacco. La diagnosi si basa su dati clinici. Gli attacchi di panico isolati potrebbero non richiedere un trattamento. Nel trattamento del disturbo di panico, della terapia farmacologica, della psicoterapia (ad esempio, terapia dell'esposizione, terapia cognitivo-comportamentale) o entrambi.

Gli attacchi di panico sono abbastanza comuni, circa il 10% della popolazione si ammala durante l'anno. La maggior parte delle persone guarisce senza trattamento, solo alcuni sviluppano il disturbo di panico. Il disturbo di panico è meno comune, il 2-3% della popolazione cade in un periodo di 12 mesi. Il disturbo di panico di solito inizia nella tarda adolescenza, nella prima età adulta; le donne cadono 2-3 volte più spesso degli uomini.

trusted-source[1]

Sintomi di attacchi di panico e disturbi di panico

Un attacco di panico inizia improvvisamente e comprende almeno 4 sintomi su 13. I sintomi di solito raggiungono il picco entro 10 minuti, poi gradualmente, per un periodo di diversi minuti, scompaiono, praticamente senza segni che il medico possa osservare. Nonostante il disagio, a volte molto forte, gli attacchi di panico non rappresentano un pericolo per la vita.

Sintomi di attacco di panico

Conoscitivo

  • Paura della morte
  • Paura di perdere la testa o perdere il controllo
  • Sensazione di irrealtà, insolita, distacco dall'ambiente

Somatico

  • Dolore o disagio al petto
  • Capogiri, instabilità, debolezza
  • Sensazione di soffocamento
  • Sensazione di febbre o brividi
  • Nausea o altre sensazioni spiacevoli nello stomaco
  • Stupore o sensazione di formicolio
  • Palpitazione o impulso rapido
  • Sensazione di mancanza di respiro o mancanza di respiro
  • Aumento della sudorazione
  • Tremore e tremore

Gli attacchi di panico possono verificarsi in altri disturbi d'ansia, specialmente in situazioni associate ai principali segni della malattia (ad esempio, una persona con la paura dei serpenti può sviluppare il panico quando vede un serpente). Con il vero disturbo di panico, alcuni attacchi di panico si sviluppano spontaneamente.

La maggior parte dei pazienti con disturbo di panico ha ansia, paura di un altro attacco (anticipando l'ansia), evita luoghi e situazioni in cui il panico è stato precedentemente osservato. I pazienti con disturbo di panico spesso sentono di soffrire di una grave malattia cardiaca, polmonare o cerebrale; spesso visitano un medico di famiglia o cercano aiuto dai dipartimenti di emergenza. Sfortunatamente, in queste situazioni, l'attenzione si concentra sui sintomi somatici e spesso non viene stabilita la diagnosi corretta. Molti pazienti con disturbo di panico hanno anche sintomi di depressione maggiore.

La diagnosi di disturbo di panico è esposta dopo l'eliminazione delle malattie somatiche che possono presentare sintomi simili quando vengono soddisfatti i criteri per il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 4a edizione (DSM-IV).

Chi contattare?

Trattamento di attacchi di panico e disturbi di panico

Alcuni pazienti guariscono senza alcun trattamento, specialmente se continuano a resistere alle situazioni in cui si osservano attacchi di panico. In altri pazienti, in particolare quelli che rimangono non trattati, la malattia acquisisce un decorso intermittente cronico.

I pazienti devono chiarire che solitamente il trattamento aiuta a controllare i sintomi. Se non si forma il comportamento evitante, allora forse ci saranno abbastanza chiacchiere esplicative sull'ansia, supporto nel tornare indietro e restare nei luoghi in cui sono stati osservati attacchi di panico. Tuttavia, in situazioni di disturbo a lungo termine, con frequenti attacchi di panico ed evitamento del comportamento, è necessaria la terapia farmacologica in combinazione con interventi psicoterapeutici più intensivi.

Molti farmaci possono prevenire o ridurre in modo significativo il preallarme ("ansia avanti"), l'evitamento, la quantità e l'intensità degli attacchi di panico. Varie classi di antidepressivi - SSRI, inibitori della ricaptazione della serotonina e noradrenalina (SNRI), modulatori della serotonina, antidepressivi triciclici (TCA), inibitori della monoamino ossidasi (MAO) circa ugualmente efficace. Allo stesso tempo, SSRI e SIZHS hanno alcuni vantaggi rispetto ad altri antidepressivi a causa di un profilo più favorevole degli effetti collaterali. Le benzodiazepine agiscono più velocemente di quanto gli antidepressivi, ma la loro applicazione, probabilmente lo sviluppo di effetti collaterali fisici e dipendenza come sedazione, atassia, disturbi della memoria. Antidepressivi spesso prescritti in combinazione con benzodiazepine in principio di trattamento, seguita dal ritiro graduale da benzodiazepine dopo l'esordio del effetto antidepressivo. Gli attacchi di panico spesso riprendono dopo l'interruzione del trattamento.

Diversi metodi di psicoterapia sono efficaci. La terapia dell'esposizione, in cui il paziente affronta le proprie paure, aiuta a ridurre la paura e le complicazioni causate dall'evitare comportamenti. Ad esempio, una paura paziente di svenire, la rotazione serve per ottenere una sedia o iperventilazione sensazione di svenimento, dimostrando in tal modo al paziente che lo svenimento sensazione non porta alla perdita di coscienza. La terapia cognitivo-comportamentale comporta insegnare ai pazienti a riconoscere e controllare di pensiero distorto e falsa credenza, e aiuta a cambiare il comportamento del paziente più adattabile. Per esempio, i pazienti che descrivono nella loro polso rapido o una sensazione di soffocamento in certi luoghi o situazioni, e hanno paura che svilupperanno un attacco di cuore, ha spiegato che la loro preoccupazione è infondata e dobbiamo rispondere alla respirazione controllata sostenuta, o con altri mezzi, per indurre il rilassamento.

Farmaci

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.