Convulsioni (sindrome convulsiva) nei bambini

Ultima revisione di: , esperto medico, su 24.06.2018

La sindrome convulsiva nei bambini è una tipica manifestazione di epilessia, spasmofilia, toxoplasmosi, encefalite, meningite e altre malattie. Le convulsioni si verificano con disturbi metabolici (ipocalcemia, ipoglicemia, acidosi), endocrinopatia, ipovolemia (vomito, diarrea), surriscaldamento.

Per lo sviluppo di convulsioni può causare molti fattori endogeni ed esogeni: intossicazione, infezioni, traumi, malattie del SNC. Nei neonati, la causa delle convulsioni può essere l'asfissia, la malattia emolitica, i difetti congeniti del sistema nervoso centrale. 

Sintomi di una sindrome convulsa

La sindrome convulsiva nei bambini si sviluppa improvvisamente. C'è eccitazione motoria. Lo sguardo diventa vagante, la testa gira all'indietro, le mascelle si chiudono. Caratteristica è la flessione degli arti superiori nelle articolazioni del polso e del gomito, accompagnata dal raddrizzamento degli arti inferiori. Si sviluppa una bradicardia. È possibile smettere di respirare. Il colore della pelle cambia, fino a cianosi. Quindi, dopo un respiro profondo, la respirazione diventa rumorosa e la cianosi lascia il posto al pallore. Le convulsioni possono essere cloniche, toniche o cloniche-toniche in natura, a seconda del coinvolgimento delle strutture cerebrali. Più piccola è l'età del bambino, più frequenti sono le convulsioni generalizzate.

Come riconoscere una sindrome da crisi nei bambini?

Convulsioni nei neonati e nei bambini piccoli è di solito carattere tonico-cloniche e si verifica soprattutto in CNS, forme tossiche di ARI e AEI, almeno - per l'epilessia e spazmofilii.

Le convulsioni nei bambini con febbre sono probabilmente febbrili. In questo caso, la famiglia del bambino è esente da pazienti con attacchi convulsi, non c'è nessuna indicazione di convulsioni nell'anamnesi a temperatura del corpo normale.

Le convulsioni febbrili di solito si sviluppano tra i 6 mesi ei 5 anni. Allo stesso tempo, la loro breve durata e bassa frequenza (1-2 volte durante il periodo di febbre) sono caratteristiche. La temperatura corporea durante un attacco di convulsioni superiore a 38 ° C, non ci sono sintomi clinici di una lesione cerebrale infettiva e delle sue membrane. Sull'elettroencefalogramma, non sono rilevate convulsioni di attività focale e convulsa al di fuori dei sequestri, sebbene vi sia evidenza di encefalopatia perinatale nel bambino.

Al centro delle convulsioni febbrili è la reazione patologica del sistema nervoso centrale all'effetto tossico-infettivo con maggiore prontezza convulsiva del cervello. Quest'ultimo è associato a una predisposizione genetica a condizioni parossistiche, a una lesione cerebrale strutturalmente instabile nel periodo perinatale oa causa di una combinazione di questi fattori. 

La durata di un attacco di convulsioni febbrili, di regola, non supera i 15 minuti (di solito 1-2 minuti). Solitamente convulsioni attacco avviene all'altezza della febbre ed è generalizzato, che si caratterizza per scolorimento della pelle (scottatura, combinato con diverse sfumature cianosi diffusa) e frequenza respiratoria (diventa rauca, almeno - superficie).

Nei bambini con nevrastenia e nevrosi si verificano convulsioni affettivo-respiratorie, la cui genesi è dovuta all'anossia, in connessione con un'apnea a breve termine, che risolve spontaneamente. Questi crampi si sviluppano principalmente in bambini di età compresa tra 1 e 3 anni e sono attacchi di conversione (isterici). Si verificano di solito in famiglie con un iperopo. Gli attacchi possono essere accompagnati da perdita di coscienza, ma i bambini escono rapidamente da questa condizione. La temperatura corporea con convulsioni affettivo-respiratorie è normale, non ci sono segni di intossicazione.

Le convulsioni che accompagnano le condizioni sincopali, le minacce alla vita non rappresentano e il trattamento non richiede. Le contrazioni muscolari (krampi) sorgono come conseguenza di disordini metabolici, solitamente lo scambio di sali. Ad esempio, lo sviluppo di convulsioni ripetute a breve termine tra 3 e 7 giorni di vita ("crampi del quinto giorno") è spiegato da una diminuzione della concentrazione di zinco nei neonati.

Con l'encefalopatia epilettica neonatale (sindrome di Otahara), si sviluppano spasmi tonici, che compaiono in serie sia durante il periodo di veglia che durante il sonno.

Crampi atonici si manifestano in cadute a causa di un'improvvisa perdita di tono muscolare. Con la sindrome di Lennox-Gasto, il tono muscolare che sostiene la testa perde improvvisamente il suo tono e la testa del bambino cade. La sindrome di Lennox-Gastaut fa il suo debutto all'età di 1-8 anni. Clinicamente, è caratterizzato da una triade di crisi: assenze toniche, assenze atipiche e cadute miti. Gli attacchi si verificano con lo stato ad alta frequenza, spesso epilettico, resistente al trattamento.

La sindrome Vesta debutta nel primo anno di vita (una media di 5-7 mesi). Gli attacchi si verificano sotto forma di spasmi epilettici (flessori, estensori, misti) che interessano sia i muscoli assiali che gli arti. Tipica breve durata e alta frequenza di attacchi al giorno, il loro raggruppamento nella serie. Notano il ritardo dello sviluppo mentale e motorio sin dalla nascita.

Cosa c'è da esaminare?

Chi contattare?

Assistenza di emergenza per la sindrome convulsiva nei bambini

Se le convulsioni sono accompagnate da gravi violazioni della respirazione, della circolazione e del metabolismo idrico-elettrolitico, ad es. Manifestazioni che minacciano direttamente la vita del bambino, il trattamento dovrebbe iniziare con la loro correzione.

Per la cessazione delle convulsioni, viene data preferenza ai farmaci che causano la più piccola depressione respiratoria, midazolam o diazepam (seduxen, Relanium e Relium), nonché sodio oxibato. Un effetto rapido e affidabile è la somministrazione di hexobarbital (esenal) o tiopentale sodico. In assenza dell'effetto, è possibile utilizzare un anestetico ossiacido con l'aggiunta di alotano (fluorotanico).

Quando il fenomeno di insufficienza respiratoria grave mostra l'uso di ventilazione prolungata con l'uso di rilassanti muscolari (migliore atracurium bezilat (tramium)). Nei neonati e nei neonati con sospetto di ipocalcemia o ipoglicemia, devono essere somministrati rispettivamente glucosio e gluconato di calcio.

Trattamento di convulsioni nei bambini

Secondo la maggior parte dei neurologi, non è consigliabile prescrivere una terapia anticonvulsivante a lungo termine dopo il primo parossismo convulsivo. Singoli attacchi convulsivi che si verificano sullo sfondo di febbre, disturbi metabolici, infezioni acute, avvelenamento possono essere efficacemente fermati nel trattamento della malattia di base. La preferenza è data alla monoterapia.

Il trattamento principale per le convulsioni febbrili è il diazepam. Può essere somministrato per via endovenosa (sibazon, seduksen, relanium) ad una singola dose di 0,2-0,5 mg / kg (nei bambini è aumentata all'inizio del 1 mg / kg), per via rettale e per via orale (clonazepam) alla dose di 0,1-0,3 mg / (kgsut) per diversi giorni dopo le crisi o periodicamente per la loro prevenzione. Con la terapia prolungata, il fenobarbitale (dose singola da 1-Z mg / kg), viene generalmente prescritto valproato di sodio. I anticonvulsivanti orali più comuni includono Finlepsinum (10-25 mg / kg al giorno), antelepsin (0,1-0, W mg / kg al giorno), suksilep (10-35 mg / kg al giorno), fenitoina (2- 4 mg / kg).

Gli antistaminici e gli antipsicotici aumentano l'effetto degli anticonvulsivanti. Con stato convulsivo, accompagnato da una violazione della respirazione e la minaccia di arresto cardiaco, è possibile utilizzare anestetici e rilassanti muscolari. In questo caso, i bambini vengono immediatamente trasferiti al ventilatore.

Con un obiettivo anticonvulsivante in condizioni di terapia intensiva, il GHB viene somministrato alla dose di 75-150 mg / kg, barbiturici ad azione rapida (sodio tiopentale, esenal) in una dose di 5-10 mg / kg, ecc.

In convulsioni neonatali e infantili (afebrile), i farmaci di scelta sono fenobarbital e difenina (fenitoina). La dose iniziale di fenobarbital 5-15 mg / kg al giorno), sostenendo - 5-10 mg / kg al giorno). Se il fenobarbital è inefficace, viene somministrata la difenina; la dose iniziale di 5-15 mg / (kg-giorno), a supporto - 2,5-4,0 mg / (kg / giorno). La dose della parte 1 di entrambi i farmaci può essere somministrata per via endovenosa, il resto - all'interno. Con l'uso di queste dosi, il trattamento deve essere eseguito nelle unità di terapia intensiva, poiché è possibile smettere di respirare nei bambini.

Dosi singole pediatriche di anticonvulsivanti

La droga

Dose, mg / (kg-giorno)

Diazepam (sibazon, relanium, seduccen)

0,2-0,5

Carbamazepina (finplepsin, tegretol)

10-25

Clobazam

0,5-1,5

Clonazepam (antelepsin)

0,1-0,3

Etosuksimid (suksilep)

10-35

Nitrazepam

0,5-1,0

Fenobarbital

4-10

Fenitoina (difenilene)

4-15

Sodio valproato (konvuleks, depakin)

15-60

Lamidactyl (lamotrigina):

Monoterapia

2-10

In combinazione con valproato

1-5

Il verificarsi di crisi ipocalcemiche è possibile con una diminuzione del livello di calcio totale nel sangue inferiore a 1,75 mmol / lo ionizzato - inferiore a 0,75 mmol / l. Nel periodo neonatale della vita del bambino, le convulsioni possono essere precoci (2-3 giorni) e in ritardo (5-14 giorni). Durante il primo anno di vita, la causa più comune di crisi ipocalciche nei bambini è la spasmofilia, che si manifesta sullo sfondo del rachitismo. La probabilità di sindrome convulsiva aumenta con l'alcalosi metabolica (per rachitismo) o respiratoria (tipica degli attacchi isterici). I segni clinici di ipocalcemia: convulsioni tetaniche, convulsioni, apnea a causa di laringospasmo, spasmo karpopedalny, "ostetrico mano" sintomi positivi Chvostek, Trousseau, lussuria.

Efficace somministrazione per via endovenosa lenta (per 5-10 minuti) di soluzione di cloruro al 10% (0,5 ml / kg) o gluconato (1 ml / kg) di calcio. La somministrazione nella stessa dose può essere ripetuta dopo 0,5-1 ore mantenendo i segni clinici e (o) di ipocalcemia nei laboratori.

Nei neonati, convulsioni possono essere causati non solo da ipocalcemia (<1,5 mmol / l), ma ipomagnesiemia (<0,7 mmol / l), ipoglicemia (<2,2mmol / l), iperbilirubinemia, carenza di piridossina (vitamina B6), che richiede uno screening di laboratorio di emergenza, soprattutto se non c'è tempo o capacità tecnica per confermare le versioni diagnostiche.

È importante sapere!

Una sindrome convulsiva è un complesso di sintomi che si sviluppa con la contrazione involontaria di muscoli striati o lisci.  Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.