Emicrania

Ultima revisione di: , esperto medico, su 24.06.2018

L'emicrania è la diagnosi più frequente di cefalea, che è caratterizzata da attacchi di dolore pulsante nella testa che durano da diverse ore a diversi giorni, per lo più in una metà della testa, più spesso nelle donne, e anche in giovani e adolescenti.

Quanto è comune l'emicrania?

L'eziologia di questa malattia rimane un mistero fino ad oggi, così come i suoi meccanismi patogenetici. Il risultato dello studio delle fonti d'informazione secolari, comprese quelle antiche, è diventato un dato statistico piuttosto esteso e dettagliato. Debutta la malattia in giovane età, di solito fino a 20-25 anni. Anche i bambini piccoli possono soffrire di attacchi di mal di testa. Uno dei motivi che possono spiegare la mancanza di conoscenza delle emicranie è il successivo ricorso alle cure mediche: solo il 15% di tutte le persone che soffrono di emicrania ricevono un trattamento tempestivo e la supervisione di medici qualificati. Tutti gli altri cercano di far fronte a dolori insopportabili da soli. Il trattamento con farmaci analgesici convenzionali dà un effetto temporaneo e provoca la resistenza del corpo alla terapia con mezzi simili. L'emicrania è un disturbo grave che riduce significativamente la qualità della vita e la capacità di lavoro del paziente. Nella classifica dell'OMS, che identifica le malattie più disastrose, si classifica al 12 ° posto tra le malattie femminili e 19 tra gli uomini.

L'emicrania si verifica nel 38% delle persone, più spesso nelle donne rispetto agli uomini (3: 1). È ereditato dal tipo dominante e meno spesso dal tipo recessivo.

L'emicrania è al secondo posto in frequenza dopo un mal di testa da tensione. La sua prevalenza varia dall'11% al 25% nelle donne e tra il 4% e il 10% negli uomini. Di solito l'emicrania compare per la prima volta all'età di 10 o 20 anni. Prima della pubertà, la prevalenza dell'emicrania è più alta nei maschi, poi aumenta più rapidamente nelle ragazze e rimane significativamente più alta nelle donne che negli uomini, anche dopo 50 anni.

Dopo 50 anni, l'emicrania non è praticamente una malattia indipendente . Tuttavia, in letteratura ci sono riferimenti all'esordio di tipici attacchi di emicrania a 65 anni di età. Nella stragrande maggioranza dei casi, l'emicrania colpisce le donne; nel periodo da 20 a 50 anni, il rapporto tra donne e uomini è 3: 2 o 4: 2, e dopo 50 anni, non c'è quasi nessuna differenza nel sesso. L'emicrania è più comune tra la popolazione urbana, specialmente tra le persone che hanno uno stile di vita sedentario. Oltre all'età e al sesso, un certo ruolo è giocato da fattori ereditari, che ora sono senza dubbio provati: nei parenti dei migranti, l'emicrania è molto più comune che nella popolazione. Quindi, se l'emicrania era in entrambi i genitori, il rischio di malattia discendente raggiunge il 60-90% (mentre nel gruppo di controllo - 11%); se gli attacchi di emicrania erano in una madre, il rischio della malattia è del 72%, se un padre - il 20%. Il meccanismo del fenomeno descritto non è abbastanza chiaro: alcuni autori indicano la predominanza del tipo dominante di eredità, altri - a carattere recessivo.

Si ritiene inoltre che l'ereditarietà non sia l'emicrania stessa, ma la predisposizione a un certo tipo di risposta del sistema vascolare a vari stimoli. Allo stesso tempo, ci sono dati contraddittori che i genitori di chi soffre di emicrania hanno più probabilità di avere ipertensione, anche se ci sono indicazioni di ipotensione arteriosa.

Dove ti fa male?

Classificazioni e criteri di emicrania

Ad oggi, ICGS-2 - la classificazione internazionale del mal di testa ha stabilito due forme: 1.1 - emicrania senza aura (disturbi sensoriali, vegetativi). Questa forma è caratteristica dell'80% di tutti i malati di emicrania; 1.2 - emicrania con disturbi sensoriali, che ha sottotipi:

  • Disturbi autonomici tipici con dolore emicranico;
  • Un'aura tipica con dolore non emicranico;
  • Disturbi sensoriali tipici senza dolore;
  • SGM - emicrania emiplegica familiare (con paralisi dei muscoli nella metà colpita del dolore);
  • Emicrania emiplegica sporadica (convulsioni accidentali e imprevedibili);
  • Emicrania basilare

I sintomi e i criteri per la diagnosi devono essere attentamente e attentamente studiati per escludere completamente gli elementi patologici del sistema nervoso centrale. Il criterio dell'emicrania senza disturbi sensoriali è il carattere, e la localizzazione del dolore, l'emicrania con disturbi autonomici comporta lo studio delle manifestazioni cliniche dell'aura stessa. Inoltre, dovrebbe essere esclusa la possibilità di somiglianza dei sintomi con un mal di testa da tensione. Inoltre, con alcuni tipi di emicrania, il dolore può essere del tutto assente, questo tipo è chiamato emicrania "decapitata".

Come differenziare un'emicrania?

Emicrania, non avendo disturbi vegetativi - almeno cinque episodi con convulsioni: 

  • Il dolore dura da 4 ore a 3 giorni; 
  • Due segni obbligatori di quanto segue: dolore unilaterale, increspatura, dolore intenso, dolore che si manifesta durante l'attività fisica; 
  • Uno dei seguenti sintomi obbligatori - vomito, nausea, irritazione, provocato da suoni - fonofobia, luce - fotofobia; 
  • Non ci sono lesioni organiche del cervello.

Emicrania con aura: 

  • Due episodi con convulsioni; 
  • Tre segni obbligatori di quanto segue sono alcuni (o uno) sintomo di disturbi vegetativi-sensoriali, sviluppo di un'aura che dura non più di un'ora, un mal di testa si verifica dopo un attacco o lo accompagna; 
  • Non esiste una patologia organica del cervello.

Fattori (inneschi) che possono scatenare un'emicrania: 

  • Fattori ormonali (terapia sostitutiva, contraccezione, ovulazione, ciclo mestruale); 
  • Fattori alimentari (cacao, noci, uova, vini rossi secchi, fame, cioccolato, formaggio e altri prodotti); 
  • Fattori psicogeni (ansia, depressione, stress); 
  • Fattori sensoriali (luce intensa del sole, bagliori di luce - stimolazione visiva, odori, suoni); 
  • Fattori esterni - dipendenza meteorologica; 
  • Fattori di regime: saltare pasti, mancanza di sonno, insonnia; 
  • Fattori farmacologici (istamina, farmaci contenenti estrogeni, nitroglicerina, ranitidina); 
  • Fattori neurogeni - TBI (danno craniocerebrale), superlavoro, sia intellettuale che fisico; 
  • Fattori somatici - malattia cronica nell'anamnesi.

Chi contattare?

Come viene trattata l'emicrania?

La strategia terapeutica per il trattamento dell'emicrania è molto individuale e dipende dalla forma della malattia, dai sintomi, dalla durata del periodo della malattia e da molti altri fattori. I farmaci più efficaci sono ampiamente utilizzati nella pratica e hanno mostrato un buon risultato: 

  • Gli agonisti 5-HT1 sono un gruppo di triptani (zolmitriptan, sumatriptan, zolomigren); 
  • Antagonisti della dopamina - aminazina, domperidone, metoclopramide, droperidolo; 
  • FANS, inibitori delle prostaglandine.

Maggiori informazioni sul trattamento

Farmaci

Come prevenire un'emicrania?

Se una persona ha avuto un attacco di emicrania almeno due volte al mese, ha bisogno di imparare come prevenire questa malattia. La terapia preventiva dura almeno due mesi e può durare fino a sei mesi. La prevenzione è necessaria per risolvere uno, il compito principale - per ridurre il numero di episodi di emicrania. Inoltre, la terapia farmacologica preventiva aiuta a minimizzare i sintomi del dolore, aumentando la sensibilità alla terapia di base. Prescritto, di regola, le medicine che bloccano canali di calcio, β-blockers, antidepressivi dal gruppo tritsiklichesky, antagonisti di serotonin. Inoltre, ad eccezione delle medicine, è necessario seguire una dieta dietetica e attenersi ad essa per sei mesi. Nel menu, è severamente vietato includere alimenti contenenti amina-tiramina biogenica. Vengono mostrati speciali esercizi di ginnastica terapeutica, sessioni psicoterapeutiche. L'emicrania, nonostante la sua origine "misteriosa" e il kurabelnost medio, è una malattia gestibile. A condizione di avere una chiamata tempestiva a un medico e di seguire tutte le raccomandazioni terapeutiche, comprese quelle preventive, è possibile controllare l'emicrania e mantenere la qualità della vita al livello adeguato.

Cos'è un'emicrania?

L'emicrania è un dolore lancinante che può manifestarsi all'improvviso, in modo parossistico e, di regola, colpisce metà della testa. Da qui il nome della malattia - emicrania o "metà del cranio" (in latino hemi cranion). Secondo le statistiche, quasi il 20% delle persone ne soffre, indipendentemente dalla razza, dal paese di residenza e dallo status sociale.

Gli attacchi durano da 4 a 72 ore, l'emicrania spesso (ma non sempre) unilaterali, palpitante, amplificato ad una tensione ed è accompagnata da sintomi autonomici (nausea, fotofobia, fonofobia e iperacusia e hyperospheresia). Il mal di testa può essere preceduto da tremolii scotomi e altri disturbi neurologici focali. La diagnosi di emicrania si basa su un quadro clinico caratteristico. Per il trattamento vengono utilizzati agonisti del recettore della serotonina 1B, 1D, antiemetici e analgesici. Le misure preventive comprendono il cambiamento dello stile di vita (sonno e nutrizione) e l'assunzione di farmaci per beta-bloccanti, amitriptilina, valproato, topiramato).

Mal di testa è diversa notevole intensità, accompagnato da nausea, vomito, a volte caratterizzato da iperestesia agli stimoli audio e visivi (luci scarsa tolleranza, i suoni forti) dura da alcune ore fino a 1-2 o anche fino a 3 giorni. Dopo un attacco, di solito, letargia, sonnolenza, a volte sonno porta sollievo. Sebbene di solito ogni paziente abbia un lato "preferito" del dolore, tuttavia, può cambiare, e talvolta l'emicrania coglie entrambe le metà della testa nella fronte, nelle tempie e nella temenia.

Emicrania: informazioni storiche

L'emicrania era familiare ai nostri antenati, è stata citata dai cronisti negli antichi papiri egiziani. Trattati in quei giorni, l'emicrania piuttosto modi esotici, come un esempio può essere un metodo di applicazione alla metà malata della testa di pelli di coccodrillo o la pelle di un giovane rospo. Più di cinquemila anni fa le lettere sumeriche descrivevano in modo dettagliato i segni ei sintomi di una malattia incomprensibile, che periodicamente stupiva sia le donne che i guerrieri. La causa del mal di testa, secondo gli antichi governanti e guaritori, era l'influenza degli spiriti malvagi e onnipotenti. Di conseguenza, in fila e misure terapeutiche - fumigazione del paziente con sostanze aromatiche e l'uso di amuleti magici. Misure spesso usate e più radicali - qualcosa come lo spirito di trepidazione, ovviamente, ha lasciato il corpo del sofferente e del figurativo, e letteralmente delle parole. Più tardi un guaritore greco, Aretei di Cappadocia, contribuì alla descrizione e allo studio della malattia, che suggerì che il mal di testa di questa natura si chiamasse eterocrania - un altro, un'altra testa. Il medico greco Claudius Galen diede un nome più preciso alla malattia, che identificò la localizzazione del dolore nel nome e chiamò la malattia "emicrania". Fu il primo a suggerire che la causa dei sequestri si trova nello spasmo, nei vasi sanguigni della testa. Nel corso del tempo, l'emicrania ha acquisito lo status di malattia aristocratica "alla moda", che poteva essere offerta solo da rappresentanti delle classi superiori. Nel XVIII secolo, le emicranie venivano trattate con una soluzione acetica, e le donne coprivano accuratamente le fragili teste fragili con cappelli squisiti, che in linea di principio era corretto, perché un sole splendente può provocare un attacco di emicrania. Più tardi, i medici hanno isolato diverse forme: mestruale, emiplegica e oculare. Sono state anche identificate cause più specifiche e sintomi clinici.

Il diciannovesimo secolo fu segnato da una svolta nella terapia dei parossismi di mal di testa. Le emicranie cominciarono a essere trattate con una medicina speciale, dal nome del suo autore - la medicina di Govers. Era una soluzione alcolica debole di nitroglicerina. Il dottor Hovers, ingegnoso, alla ricerca di un metodo efficace di terapia, non ha esitato a sperimentare con cocaina e marijuana. In Russia questo periodo di emicrania veniva trattato con un popolare rimedio universale: il chinino. Solo nel secolo scorso nel trattamento delle emicranie ha iniziato a utilizzare i FANS - farmaci anti-infiammatori non steroidei. A metà del XX secolo la preparazione rivoluzionaria - l'ergotamina alcaloide è stata sintetizzata. Questo gruppo di farmaci ha avuto molti effetti collaterali e il mondo della medicina scientifica ha cercato di ridurli al minimo.A fine del secolo scorso sono comparsi farmaci assolutamente nuovi che hanno dato un risultato terapeutico duraturo e non hanno praticamente nessuna controindicazione. Triptani attivano le zone di inclusione della serotonina nei vasi, di conseguenza si restringono e hanno un effetto bloccante sul processo infiammatorio neurogenico. Non si può dire che i preparati trriptano curino completamente l'emicrania, ma l'industria farmaceutica sta lavorando duramente per creare nuovi e più sofisticati mezzi per sconfiggere definitivamente l'emicrania.

È importante sapere!

Come con altri cefalea primari, la diagnosi di "emicrania" si basa interamente su disturbi e dati di anamnesi e nella maggior parte dei casi non è necessario condurre ulteriori metodi di ricerca. Un'attenta indagine è la base della diagnosi corretta di emicrania. Durante la diagnosi, è necessario fare affidamento sui criteri diagnostici di MKGB-2 (i criteri diagnostici delle due forme più comuni sono elencati di seguito: emicrania senza aura ed emicrania con aura). Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.