^

Salute

L'occhio

, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'occhio (oculo, oftalmio greco) consiste nel bulbo oculare e nel nervo ottico con le sue membrane. Il bulbo oculare (bulbus oculi) è rotondo, con pali anteriori e polus posteriori in esso. Il polo anteriore corrisponde al punto più prominente della cornea, il polo posteriore è laterale al punto di uscita dal nervo ottico del nervo ottico. La linea che collega questi punti è chiamata asse esterno del bulbo oculare (asse bulbi esterno). È di circa 24 mm ed è nel piano del meridiano del bulbo oculare. L'asse interno del bulbo oculare (asse bulbi interno), che si estende dalla superficie posteriore della cornea alla retina, è 21,75 mm. In presenza di un asse interno più lungo, i raggi di luce dopo la rifrazione nel bulbo oculare si concentrano di fronte alla retina. Una buona visione degli oggetti è possibile solo a distanza ravvicinata - miopia, miopia (dal greco myop - un occhio avvitante). La lunghezza focale del miope è più corta dell'asse interno del bulbo oculare.

Se l'asse interno del bulbo oculare è relativamente corto, i raggi di luce dopo la rifrazione si concentrano a fuoco dietro la retina. La visione in lontananza è migliore che vicina, è ipermetropia, ipermetropia (dal metron greco - misura, ops - genere, opos - visione). La lunghezza focale delle persone lungimiranti è più lunga della lunghezza dell'asse interno del bulbo oculare.

La dimensione verticale del bulbo oculare è 23,5 mm, la dimensione trasversale è 23,8 mm. Queste due dimensioni sono nel piano dell'equatore.

Isolare l'asse ottico (asse ottico) del bulbo oculare - la distanza dal suo polo frontale alla fossa centrale della retina - i punti della migliore visione.

Il bulbo oculare è costituito da membrane che circondano il nucleo dell'occhio (umidità acquosa nelle camere anteriore e posteriore, la lente, il corpo vitreo). Esistono tre gusci: fibrosi esterna, vascolare medio e fotosensibile interno.

trusted-source[1], [2]

Membrana fibrosa del bulbo oculare

La membrana fibrosa del bulbo oculare (tunica fibrosa bubi) svolge una funzione protettiva. La parte anteriore di esso è trasparente e si chiama cornea, e la grande parte posteriore dovuta al colore biancastro è chiamata cistifellea, o sclera. Il confine tra la cornea e la sclera è un solco circolare poco profondo di scorbuto (sulcus sclerae).

La cornea (cornea) è uno dei media trasparenti dell'occhio ed è privo di vasi sanguigni. Ha la forma di un vetro da orologio, convesso davanti e dietro concavo. Il diametro della cornea è di 12 mm, lo spessore è di circa 1 mm. Margine periferico - l'arto della cornea (hmbus crenella) è inserito nella parte anteriore della sclera, in cui passa la cornea.

cornea

Sclera (sclera) consiste in un denso tessuto connettivo fibroso. Nella parte posteriore di esso ci sono numerosi fori attraverso i quali i fasci di fibre del nervo ottico escono e passano i vasi. Lo spessore della sclera nel punto di uscita del nervo ottico è di circa 1 mm, e nella regione dell'equatore del bulbo oculare e nella sezione anteriore è di 0,4-0,6 mm. Al confine con la cornea nello spessore della sclera c'è uno stretto canale circolare pieno di sangue venoso, il seno venoso della sclera (sinus venosus sclerae), o il canale dell'elmo.

sclera

La membrana vascolare del bulbo oculare (tunica vasculosa bulbi oculi) è ricca di vasi sanguigni e pigmento. È direttamente dall'interno alla sclera, con cui è saldamente fusa nel punto di uscita dal nervo ottico del nervo ottico e al confine della sclera con la cornea. Nella coroide si distinguono tre parti: la vascolarizzazione stessa, il corpo ciliare e l'iride.

trusted-source[3], [4], [5], [6], [7], [8]

In realtà la coroide

(chroidea) rivestimento della grande parte posteriore della sclera, che è spliced sciolto, e limita all'interno del cosiddetto spazio circumvascolare (spatoum perichoroideale) che esiste tra i gusci.

Nella composizione della membrana vascolare stessa, si distinguono tre strati di lamina: supervascolare, vascolare e vascolare-capillare. La piastra supervascolare è attaccata alla sclera. È formato da un tessuto connettivo fibroso sciolto con un gran numero di fibre elastiche, fibroblasti e cellule pigmentate. La placca vascolare è costituita da arterie e vene intrecciate situate in un tessuto connettivo fibroso sciolto. In questa piastra sono presenti anche fasci di miociti e cellule del pigmento lisci. La piastra capillare vascolare è formata da capillari di diverso diametro, tra i quali vi sono fibroblasti appiattiti.

Tra la coroide e la retina c'è un cosiddetto complesso basale con uno spessore di 1-4 μm. Lo strato esterno (elastico) di questo complesso è costituito da sottili fibre elastiche, provenienti dalla piastra capillare vascolare. Lo strato medio (fibroso) del complesso basale è formato prevalentemente da fibre di collagene. Lo strato interno adiacente alla retina è una piastra basale.

Il corpo ciliato (corpus ciliare) è la sezione media ispessita della membrana vascolare situata dietro l'iride nella forma di un cuscino circolare nella zona della transizione corneale nella sclera.

Il corpo ciliare si distingue per la sua parte posteriore - il cerchio ciliare e la parte anteriore - la corona ciliare. La cervice (orbiculus ciliaris) ha l'aspetto di una striscia circolare ispessita larga 4 mm, che passa nella parete vascolare vera e propria. La parte anteriore del corpo ciliare forma circa 70 orientate radialmente addensate alle estremità delle pieghe fino a 3 mm ciascuna - il processo delle ciglia ciliares. Questi processi consistono principalmente di vasi sanguigni e formano una corona ciliare (corona ciliaris).

Dai processi ciliari, che sporgono liberamente nella cavità della camera posteriore dell'occhio, partono le fibre del tessuto connettivo che formano la fascia ciliare (zonula ciliaris), o il legamento dello zinn. Queste fibre sono intrecciate nella capsula della lente lungo l'intera circonferenza. Tra le fibre della fascia ciliare vi sono strette fessure piene di umidità acquosa, che emergono dai capillari dei processi ciliari.

Muscolo ciliare si verifica nel corpo ciliare è più spessa (m. Ciliaris), costituito da fasci intrecciati difficili da cellule muscolari lisce. Con la contrazione del muscolo, avviene la sistemazione dell'occhio - un adattamento ad una visione chiara di oggetti situati a distanze diverse. Il muscolo ciliare è isolato meridionale, travi circolari e radiarnye neischerchennyh cellule (liscio) muscolari. I meridionali fasci (longitudinale) muscolari - (Fibrae méridionales, s Fibrae longitudinales "fibra» .) Di questo muscolo origine sul bordo della cornea e della sclera e intessuti nella porzione anteriore della coroide. Riducendo questi fasci muscolari coroide spostato anteriormente, con conseguente riduzione della tensione ciliare cintura, che ha rafforzato lente. In cui la capsula del cristallino è rilassato, obiettivo modifica la sua curvatura diventa più convessa, mentre aumenta la sua potenza di rifrazione. Circolare "fibra» (Fibrae circulares), iniziando con meridionali 'fibre' sono disposte verso l'interno da quest'ultimo in senso circolare. Con la loro contrazione, restringono il corpo ciliare, avvicinandolo all'obiettivo, che aiuta anche a rilassare la capsula del cristallino. Radiale "fibra» (Fibrae radiales) inizia dalla cornea e la sclera nell'angolo iridocorneale. Questi fasci muscolari lisce sono posti tra la meridionale e fasci muscolari ciliari circolari, riunendo i loro fasci a loro riduzione. Presente nello spessore del corpo ciliare, le fibre elastiche diffondono il corpo ciliare rilassandone i muscoli.

L'iride è la parte più anteriore della coroide, visibile attraverso una cornea trasparente. Ha la forma di un disco con uno spessore di circa 0,4 mm, posizionato nel piano frontale. Nel centro dell'iride c'è un foro rotondo - la pupilla (pupilla). Il diametro della pupilla è instabile.

iris

trusted-source[9], [10], [11]

Il guscio interno del bulbo oculare

(. Tunica interna, s sensoriale bulbi) interna (sensibile) guaina del bulbo oculare, o la retina (retina), si adatta strettamente con il lato interno alla coroide nella sua interezza - dal luogo di uscita del nervo ottico al bordo della pupilla. Nella retina, la parete anteriore della vescica sviluppo cerebrale separava due strati (di foglie): pigmento esterno parte (pars pigmentosa), ed è difficile disposto all'interno fotosensibile, detta porzione nervoso (pars nervosa). Operato conseguenza vschelyayut gran parte visiva posteriore della retina (pars optica retine), comprendente elementi sensibili - kolbochkovidnye cellule visive e rodshaped (coni e bastoncelli), e inferiore - retina "cieco" privo di bastoncelli e coni.

Retina dell'occhio

La parte interna del bulbo oculare è piena di umidità acquosa, che si trova nelle camere anteriore e posteriore del bulbo oculare. Insieme alla cornea, tutte queste formazioni sono mediamente rifrangenti del bulbo oculare. La camera anteriore del bulbo oculare (camera anteriore bulbi) contenente umorismo acquoso (humus aquosus) si trova tra la cornea nella parte anteriore e la superficie anteriore dell'iride dietro. Sulla circonferenza, dove i bordi della cornea e dell'iride si incontrano, la camera è delimitata da un legamento a pettine (lig.Pectinatum iridis). Tra i fasci di fibre di questo legamento vi sono fessure confinate da cellule piatte - spazi dell'angolo angolare-iris (spatia anguli iridocornealis, spazi di fontane). Attraverso questi spazi umore acqueo dalla camera anteriore scorre via nella sclera seno venoso (seno venoso sclere, canale di Schlemm), e da lì entra nella vena ciliare anteriore.

Attraverso l'apertura della pupilla, la camera anteriore comunica con la camera posteriore del bulbo oculare (camera posteriore bulbi), che si trova dietro l'iride ed è delimitata da dietro dalla lente. La camera posteriore comunica con gli spazi tra le fibre della fascia ciliare che collega la capsula della lente (capsula) con il corpo ciliare. Gli spazi della cintura (spatia zonularia) hanno l'aspetto di una fessura circolare (il canale minuta) che passa lungo la periferia della lente. Loro, così come la camera posteriore, sono pieni di umidità acquosa, che è formata con la partecipazione di numerosi vasi sanguigni e capillari, che giace nello spessore del corpo ciliato.

Situato dietro i bulbi oculari, la lente ha la forma di una lente biconvessa, che ha una grande potenza rifrattiva della luce. La superficie frontale della lente (facies anteriore lentis) e il punto più prominente di esso - il polo anteriore (polus anteriore) sono rivolti verso la camera posteriore del bulbo oculare. La superficie posteriore più convessa (facies posteriore) e il polo posteriore del cristallino (polenta posteriore lentis) aderiscono alla superficie anteriore del vitreo.

lente

Il corpo vitreo (corpo vitreo), che è coperto alla periferia dalla membrana, si trova nel bulbo vitreo del bulbo oculare dietro la lente, dove è densamente attaccato alla superficie interna della retina. L'obiettivo viene premuto nella parte anteriore dell'umore vitreo, che in questo luogo ha una depressione chiamata fossa ialoidea. L'umor vitreo è una massa gelatinosa, trasparente, priva di vasi sanguigni e nervi. Il potere rifrattivo del vitreo è vicino all'indice di rifrazione dell'umore acqueo che riempie la camera oculare.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.