^

Salute

A
A
A

Retina dell'occhio

 
, Editor medico
Ultima recensione: 31.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La retina (retina, membrana reticolare) è la parte periferica dell'analizzatore visivo. Si sviluppa dalla parte anteriore della vescica cerebrale, quindi può essere considerata parte del cervello, che viene trasportato alla periferia.

(. Tunica interna, s sensoriale bulbi) interna (sensibile) guaina del bulbo oculare, o della retina, aderisca bene con il lato interno alla coroide nella sua interezza - dal luogo di uscita del nervo ottico al bordo della pupilla. Nella retina, la parete anteriore della vescica sviluppo cerebrale separava due strati (di foglie): pigmento esterno parte (pars pigmentosa), ed è difficile disposto all'interno fotosensibile, detta porzione nervoso (pars nervosa). Operato conseguenza vschelyayut gran parte visiva posteriore della retina (pars optica retine), comprendente elementi sensibili - kolbochkovidnye cellule visive e rodshaped (coni e bastoncelli), e inferiore - retina "cieco" privo di bastoncelli e coni. La parte "cieco" della retina (pars ciliaris retina) unisce la parte ciliare della retina (pars ciliaris retine) e parte raduzhkovuyu della retina (pars iridica retine). Il confine tra la visuale e parti "cieche" è chiaramente visibile sul bordo dentato preparazione bulbo oculare esposta (oga serrata). Esso corrisponde al luogo di transizione choroid cerchio ciliare in coroide.

Nella retina si distinguono la parte esterna del pigmento e la parte interna del nervo fotosensibile.

Il primo strato di epitelio pigmentato appartiene alla membrana Bruch-coroide. Le cellule del pigmento circondano i fotorecettori. Le cellule dello strato di pigmento fagocitano i segmenti esterni di rifiuto dei fotorecettori, trasportano metaboliti, sali, ossigeno, sostanze nutritive dalla coroide ai fotorecettori e viceversa.

La membrana di Bruch separa l'epitelio pigmentato retinico dai capillari chorio e, secondo la microscopia elettronica, consiste di 5 elementi:

  • Lamina basale dell'epitelio pigmentato retinico.
  • Lo strato di collagene interno.
  • Strato spesso di fibre elastiche.
  • Strato di collagene esterno
  • Placca basale dello strato esterno dei capillari chorio.

L'epitelio pigmentato della retina è un singolo strato di cellule esagonali, il cui apparato villoso, che circonda i segmenti esterni dei fotorecettori, assicura il loro rinnovamento. La densità cellulare dell'epitelio pigmentato retinico nella fovea è inferiore, sono più grandi e contengono melanosomi più grandi rispetto alle cellule dell'epitelio pigmentato retinico di altre parti della retina. La relazione tra epitelio pigmentato retinico e fotorecettori è meno densa rispetto all'epitelio pigmentato della retina e alla sottostante membrana di Bruch. Lo spazio condizionale tra l'epitelio pigmentato della retina e la retina sensoriale è chiamato subretinico. L'assenza di fluido nello spazio sottoretinico è supportata in due modi:

  • cellule dell'epitelio pigmentato retinico e, stretto legame complesse (occludentes zonula) intermedi formano la barriera emato-retinica esterno che impedisce al fluido extracellulare da uno spazio horiokaiillyarov subretiialnoe.
  • Trasporto attivo di ioni e acqua dallo spazio sottoretinico.

Il secondo strato è formato dai segmenti esterni di fotorecettori, coni e bastoncelli. Gli stick hanno una sensibilità alla luce molto elevata, quindi forniscono una visione crepuscolare. Inoltre, le barre costituiscono la maggior parte delle cellule del neuroepitelio e si trovano in tutta la retina fino ai limiti della sua parte ottica, fornendo una visione periferica. I coni svolgono una funzione più sottile dell'occhio: visione centrale e sagomata e percezione del colore. I coni si trovano principalmente nella regione della fovea centrale della macchia gialla.

Il terzo strato. Nella direzione verso la periferia, il numero di coni diminuisce e aumenta il numero di aste. Nella fovea centrale ci sono alcuni coni, poi i coni sono trovati tra le aste, e nella zona periferica del guscio della maglia, i coni sono assenti. Ecco perché la fossa centrale ha la migliore nitidezza della visione sagomata, e il campo visivo per i colori è molto più stretto del bianco.

Il terzo strato, la membrana di bordo esterna, è la fascia di aderenze intercellulari. È chiamato membrana fenestrated Verhora poiché segmenti esterni dei bastoncelli e coni passano attraverso il foro nello spazio subretipalnoe (lo spazio tra lo strato di barre e coni e dell'epitelio pigmentato retinico), dove sono circondati da materiale ricco di mucopolisaccaridi.

Retin A

Il quarto strato, lo strato nucleare esterno, è formato dai nuclei dei fotorecettori.

Il quinto strato - il plesso esterno (o maglia) - occupa una posizione intermedia tra gli strati nucleari esterni e interni.

Il sesto strato consiste di cellule bipolari, ognuna delle quali ha due processi. Le cellule di questo strato connettono due neuroni: il primo con il terzo. Il numero di cellule bipolari è inferiore al numero di barre, quindi una cellula bipolare è collegata da diverse cellule di elementi a forma di bastoncino, mentre ciascun cono ha la sua gabbia bipolare. I nuclei delle cellule bipolari formano lo strato nucleare centrale del guscio della rete.

Il settimo strato - lo strato plessiforme interno - separa lo strato nucleare interno dallo strato delle cellule gangliari e consiste in un groviglio di processi neuronali complessi intrecciati e intrecciati. Delimita la parte vascolare interna della retina da quella avascolare esterna, a seconda della circolazione coroidale di ossigeno e sostanze nutritive.

L'ottavo strato è formato da cellule gangliari. Si trovano nella stessa fila con spazi vuoti, ad eccezione della zona immediatamente attorno alla fossa centrale, dove lo strato di cellule gangliari si trova in 3-4 file, quindi in questa regione è più spesso del resto. I nuclei delle cellule gaplio costituiscono lo strato nucleare interno della retina, le cellule gangliari della retina, come altre cellule della retina, hanno una struttura tipica. Queste sono cellule rotonde, ricche di protoplasma, con un nucleo rotondo e una struttura della cromatina ben sviluppata. Lo spessore dello strato di cellule gangliari diminuisce notevolmente mentre si allontana dalla fossa centrale verso la periferia. Intorno alla fossa questo strato consiste di cinque file di cellule gangliari o più. In questa area, ogni fotoconceptor ha una relazione diretta con le cellule bipolari e gangliari.

Il nono strato consiste di assoni di cellule gangliari che formano il nervo.

Il decimo strato - la membrana interna del bordo - copre la superficie della retina dall'interno. È la principale membrana formata dalle basi dei processi delle cellule neuroglial di Muller. Queste cellule attraversano tutti gli strati della retina, hanno dimensioni giganti e svolgono funzioni di supporto e isolate, svolgono il trasporto attivo dei metaboliti a diversi livelli della retina, partecipano alla generazione di correnti bioelettriche. Queste cellule riempiono completamente lo spazio tra i neuroni della retina e servono a separare le loro superfici ricettive.

Punti di riferimento

  1. La macula è una zona arrotondata sul polo posteriore dell'occhio con un diametro di circa 5,5 mm. Istologicamente contiene più di uno strato di cellule gangliari e pigmento xantofilo.
  2. Fovea - una depressione sulla superficie interna della retina al centro della macula con un diametro di 1,5 mm (1 diametro del disco ottico). Oftalmoscopicamente ha la forma di un riflesso di luce ovale, i cui confini sono dovuti all'ispessimento della retina e della membrana di bordo interna.
  3. Foveola con un diametro di 0,35 mm costituisce la parte centrale della fovea. Questa è la parte più sottile della retina, priva di cellule gangliari e costituita solo da coni.
  4. La zona avascolare foveale si trova all'interno della fovea, sporgendo oltre i confini della foveola. Il diametro della zona avascolare foveale è variabile e può essere determinato con precisione solo mediante angiografia fluorescente.
  5. La fossa è una piccola depressione nel centro della foveola corrispondente al riflesso foveolare. L'assenza di un riflesso può a volte essere interpretata come un sintomo precoce della malattia.

Internucleare strati retinici costituiti da strutture fibrose, germinazione e formazioni sinaptiche cellule nervose e cellule di gliale retina nucleo, le fibre che si estendono perpendicolarmente agli strati attraverso lo spessore retinico da una membrana limitante esterna, che separa il nucleo neuroepithelium di astiformi e di terminazioni cono verso l'interno, separando la retina dal vitreo.

Il numero totale di aste è di circa 130 milioni: sono i recettori della visione crepuscolare. Per bastoncelli caratterizzati dalla presenza di un nucleo relativamente piccolo, circondato da un bordo del citoplasma. I dendriti dello stelo hanno un orientamento radiale e si trovano tra i processi dell'epitelio pigmentato retinico. Il dendrite consiste nei segmenti esterni e interni (parti) collegati da un cilio. Il segmento esterno ha una forma cilindrica. Consiste di numerose membrane doppie sovrapposte l'una all'altra con la formazione di dischi chiusi. Nelle membrane dei segmenti esterni c'è rodopsina, un pigmento visivo. Axon attacca le estremità nello strato reticolare esterno reticolare con sinapsi con cellule bipolari.

Il numero di coni nella retina è di 6-7 milioni: sono recettori per la visione del giorno (a colori). A differenza dei bastoni di un cono di dimensioni maggiori (fino a 75 micron di lunghezza), hanno un nucleo più grande. Il segmento esterno dei coni è rappresentato da mezzi dischi formati come conseguenza dell'intussuscezione del plasmolemma. Le membrane dei dischi a cono contengono un altro pigmento visivo: iodopsina. Nel segmento interno dei coni, c'è un ammasso di mitocondri con una goccia lipidica situata qui (ellissoide). L'assone dei coni forma anche sinapsi con dendriti di neuroni bipolari.

Nella parte posteriore della retina nella parte inferiore del bulbo oculare da una persona vivente coll'ottalmoscopo può vedere macchia biancastra con un diametro di circa 1,7 mm - disco ottico (discus nervi optici) con bordi rialzati in forma di un rullo e una leggera rientranza (excavatio disci) al centro. Il disco è il luogo in cui le fibre del nervo ottico lasciano il bulbo oculare. Il nervo ottico è circondato da un guscio (segue meningi) e diretto verso il canale visivo, apertura nella cavità cranica Queste membrane formano l'esterno e la guaina interna del nervo ottico (vaginale externa et vaginale inlerna n. Optici). Campo del nervo ottico a causa della sua mancanza di cellule visive fotosensibili (coni e bastoncelli), chiamato un punto cieco. Al centro del disco, è visibile l'arteria centrale che entra nella retina (a) centralis retinae). Lateralmente al disco ottico circa 4 mm, che corrisponde al polo posteriore dell'occhio, è macchia giallastra (macula) con piccola rientranza - una fovea centrale (fossa centrale). La fossa centrale è una migliore visione luogo: si è concentrata solo coni e senza aste.

Funzioni della retina: trasformazione della stimolazione della luce in eccitazione neurale e elaborazione del segnale primario.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Cosa c'è da esaminare?

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.