^

Salute

A
A
A

Trattamento della crisi ipertensiva

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La crisi ipertensiva è un improvviso deterioramento della condizione causata da un forte aumento della pressione sanguigna. Crisi ipertensive verificano spesso quando ipertensione secondaria (glomerulonefrite acuta, malattia del tessuto connettivo sistemica, patologia renovascolare, feocromocitoma, trauma cranico, ecc).

I bambini e gli adolescenti sono divisi in due tipi di crisi ipertensive.

  • Il primo tipo di crisi ipertensiva è caratterizzato dalla comparsa di sintomi dagli organi bersaglio (SNC, cuore, reni).
  • Il secondo tipo di crisi ipertensiva si verifica come parossismo simpatico-adrenalinico con sintomi autonomici turbolenti.

Il quadro clinico della crisi ipertensiva è caratterizzato da un improvviso deterioramento delle condizioni generali, un aumento della SBP (più di 150 mm Hg) e / o DBP (più di 95 mm Hg), un forte mal di testa. Possibili capogiri, compromissione della vista (sudorazione davanti agli occhi, mosche tremolanti), nausea, vomito, brividi, pallore o iperemia del viso, senso di paura.

L'obiettivo principale del sollievo dalla crisi ipertensiva è una riduzione controllata della pressione arteriosa ad un livello sicuro per prevenire le complicanze. La rapida riduzione della pressione arteriosa non è raccomandata a causa del pericolo di grave ipotensione, ischemia cerebrale e organi interni. Tipicamente, la riduzione della pressione arteriosa a livelli normali (al di sotto del 95 ° percentile per un dato sesso, età e altezza) viene effettuata per fasi: nelle prime 6-12 ore, la pressione arteriosa si riduce di 1/3 del declino programmato; durante il primo giorno la pressione sanguigna viene ridotta di un altro 1/3; entro i prossimi 2-4 giorni, si ottiene la completa normalizzazione della pressione arteriosa.

Per fermare la crisi ipertensiva, è necessario quanto segue:

  • creare l'ambiente più pacifico;
  • uso di farmaci antipertensivi;
  • applicazione della terapia sedativa.

Per la gestione della crisi ipertensiva nei bambini possono essere utilizzati i seguenti gruppi di farmaci antipertensivi:

  • vasodilatatori diretti;
  • a-bloccanti;
  • beta-bloccanti;
  • bloccanti dei canali di calcio lenti;
  • diuretici.

Vazodilatatorы

Hydralazine è un vasodilatatore ad azione diretta che è più efficace per la somministrazione endovenosa, con effetto immediato, con iniezione intramuscolare che si verifica dopo 15-30 minuti. Il farmaco non aggrava il flusso sanguigno renale, raramente porta a ipotensione ortostatica. Utilizzare nella dose iniziale di 0,15-0,2 mg / kg per via endovenosa. In assenza di effetti, la dose viene aumentata ogni 6 ore fino ad un massimo di 1,5 mg / kg.

Il nitroprussiato di sodio dilata principalmente arteriole e vene. Aumenta il flusso ematico renale, con un effetto minimo sulla gittata cardiaca, controlla la pressione sanguigna quando viene somministrato per via endovenosa. La dose iniziale nei bambini e negli adolescenti è 0,5-1,0 mg / kg al minuto con un aumento sequenziale della dose a 8 mg / kg al minuto. In caso di uso prolungato (> 24 h), può verificarsi acidosi metabolica.

Alfa-adrenoblokator e beta-adrenoceptors

Il prazosina è un alfa-bloccante selettivo. È caratterizzato da un effetto ipotensivo relativamente breve. Rapidamente assorbita dal tratto gastrointestinale, l'emivita di 2-4 ore. Quando si riceve la prima dose osservato effetto terapeutico più pronunciato, ipotensione ortostatica è possibile, a causa della quale dopo l'assunzione del farmaco il paziente deve essere in posizione orizzontale. La dose iniziale di 0,5 mg.

La fentolamina - un alfa-bloccante non selettivo, causa un blocco a breve termine e reversibile di entrambi i recettori alfa1-adrenergici e alfa 2 -adrenocettori. È un farmaco antipertensivo efficace con un effetto a breve termine. Il farmaco è usato per trattare la crisi ipertensiva con feocromocitoma. Gli effetti collaterali sono associati al blocco dei recettori alfa2-adrenergici (palpitazioni, tachicardia sinusale, tachiaritmie, nausea, vomito, diarrea, ecc.). La fentolamina viene somministrata per via endovenosa o lentamente in 20 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% (2 mg, ma non più di 10 mg, ogni 5 minuti) fino a quando la pressione sanguigna non si normalizza.

Atenololo ed esmololo - beta-adrenoblokator. L'obiettivo dell'utilizzo di beta-bloccanti nella crisi ipertensiva è eliminare le influenze simpaticotiche in eccesso. Questi farmaci sono usati in quei casi in cui l'aumento della pressione arteriosa è accompagnato da tachicardia pronunciata e disturbi del ritmo cardiaco. La preferenza dovrebbe essere data ai beta 1 bloccanti selettivi.

Atenololo è usato in una dose di 0,7 mg / kg. Nei casi più gravi, con l'inefficienza di atenololo, vengono utilizzate iniezioni endovenose di esmololo.

L'esmololo è un beta-bloccante selettivo di azione ultracorta, non possiede attività simpaticomomimetica interna e stabilizzante della membrana. L'effetto ipotensivo del farmaco è dovuto ad un effetto crono-inotropico negativo, una diminuzione della gittata cardiaca e OPSS. Con la somministrazione endovenosa, l'effetto si verifica dopo 5 minuti. Entro il primo minuto, il farmaco viene somministrato a una dose iniziale di 500-600 μg / kg. In assenza di effetti, la dose può essere aumentata di 50 μg / kg per min ogni 5-10 minuti (fino ad una dose massima di 200 μg / kg per min). L'emivita del farmaco è di 9 minuti, per 20 minuti completamente distrutte esmololo, e escreti dai reni per 24-48 ore gli effetti collaterali. Ipotensione, bradicardia, decremento della funzione contrattile del miocardio, edema polmonare acuto.

Labetolol, alfa, beta-adrenoblocker è il farmaco di scelta per il sollievo delle crisi ipertensive, poiché non causa tachicardia riflessa. La dose del farmaco non dipende dalle funzioni dei reni. L'effetto si sviluppa in 30 minuti (emivita di 5-8 ore). Il farmaco viene usato per via endovenosa nella dose iniziale di 0,2-0,25 mg / kg. In assenza di effetti, la dose può essere aumentata a 0,5 mg / kg (dose massima 1,25 mg / kg). L'uso del farmaco è limitato al verificarsi di effetti collaterali: nausea, vertigini, broncospasmo, danni al fegato.

Bloccanti di canali di calcio lenti

Nifedipina - un farmaco efficace per la gestione delle crisi ipertensive, il farmaco viene utilizzato sublinguale o verso l'interno ad una dose da 0,25 a 0,5 mg / kg. L'effetto si sviluppa al sesto minuto, raggiungendo un massimo del 60-90 ° minuto.

Verapamil aiuta a ridurre la pressione del sangue a causa di OPSS inferiore, ingrandimento delle arteriole, effetti diuretici e natriuretici. È possibile usare la medicina dentro a una dose di 40 mg, con inefficienza - amministrazione lenta endovenosa dal calcolo di 0,1-0,2 mg / kg.

Diuretico

Furosemide viene somministrato per via endovenosa alla dose di 1 mg / kg.

Terapia sedativa

La terapia di sedazione è un componente ausiliario del trattamento della crisi ipertensiva.

Diazepam (seduxen, Relanium) è usato per via orale in compresse da 5 mg o per via intramuscolare in una soluzione da 1-2 ml.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.