^

Salute

A
A
A

Carcinoma a cellule basali (carcinoma a cellule basali)

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Carcinoma a cellule basali (sinonimo: carcinoma a cellule basali, epitelioma delle cellule basali, ulcus rodens, epitelio basocellulare) è un tumore cutaneo comune con pronunciata crescita distruttiva, una tendenza a recidiva, di regola, non metastatizza, e quindi nella letteratura domestica è più accettata il termine "basalioma".

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11], [12], [13], [14]

Le cause carcinoma a cellule basali

La questione dell'istogenesi non è risolta: la maggior parte dei ricercatori aderisce a una teoria dell'origine della disenogenetica, secondo cui il carcinoma a cellule basali si sviluppa dalle cellule iPS. Possono differenziarsi in diverse direzioni. Nello sviluppo del cancro, l'importanza è attribuita a fattori genetici, disordini immunitari, influenze esterne avverse (insolazione intensiva, contatto con sostanze cancerogene). Può svilupparsi su pelle clinicamente invariata, nonché sullo sfondo di varie patologie cutanee (cheratosi senile, radiodermite, lupus eritematoso, nevi, psoriasi, ecc.).

Il basalioma è un carcinoma a cellule basali a crescita lenta e raramente metastatico che si verifica nell'epidermide o nei follicoli piliferi le cui cellule sono simili alle cellule basali dell'epidermide. È considerato non come un cancro o una neoplasia benigna, ma come un tipo speciale di tumore con crescita distruttiva locale. A volte, sotto l'influenza di forti agenti cancerogeni, principalmente raggi X, il basalioma entra nel carcinoma a cellule basali. La questione dell'istogenesi non è ancora stata risolta. Alcuni credono che i carcinomi a cellule basali si sviluppino dalla gemma epiteliale primaria, altri da tutte le strutture epiteliali della pelle, compresi i germogli e le malformazioni embrionali.

trusted-source[15], [16], [17], [18], [19], [20], [21]

Fattori di rischio

I fattori che provocano sono l'insolazione, i raggi UV, i raggi X, le ustioni, l'assunzione di arsenico. Pertanto, il basalioma si trova spesso nelle persone con il tipo I e II di pelle e albini, che sono a lungo esposti ad un'insolazione intensa. È stato dimostrato che un'insolazione eccessiva durante l'infanzia può portare allo sviluppo di un tumore in molti anni.

trusted-source[22], [23], [24], [25], [26], [27], [28]

Patogenesi

L'epidermide è leggermente atrofica, a volte ulcerata, c'è una proliferazione di cellule basofile tumorali, simili alle cellule dello strato basale. L'anaplasia è meno pronunciata, c'è poca mitosi. Il basalioma raramente metastatizza, dal momento che le cellule tumorali intrappolate nel flusso sanguigno non sono in grado di proliferare a causa della mancanza di un fattore di crescita prodotto dal tumore stromale.

trusted-source[29], [30], [31], [32], [33], [34], [35], [36], [37], [38]

Patomorfologia del carcinoma a cellule basali

Istologicamente, il carcinoma a cellule basali è diviso in indifferenziato e differenziato. Il gruppo indifferenziato comprende carcinomi basici solidi, pigmentati, morfoidi e superficiali, differenziati - cheratosici (con differenziazione piloidale), cistica e adenoide (con differenziazione ghiandolare) e con differenziazione grassa.

Nella classificazione internazionale dell'OMS (1996), si distinguono le seguenti varianti morfologiche del carcinoma basocellulare: superficiale multicentrico, codulare (solido, adenocistosi), infiltrante, non sclerotico, sclerosante (desmoplastico, morfo-simile), fibro-epiteliale; con differenziazione dell'appendice - follicolare, eccrina, metatypica (basosquamosa), cheratosica. Tuttavia, il confine morfologico di tutte le varietà è sfocato. Così, in un tumore immaturo ci possono essere strutture adenoide e, al contrario, con la sua struttura organoidale, si trovano spesso focolai di cellule immature. Inoltre, non esiste una corrispondenza completa tra le immagini cliniche e istologiche. Di solito c'è una corrispondenza solo in forme come superficiale, fibroepiteliale, simile alla sclerodermia e pigmento.

Per tutti i tipi di basaliomi, il principale criterio istologico è la presenza di complessi tipici di cellule epiteliali con nuclei ovali di colore scuro nella parte centrale e situati a forma di palizzata lungo la periferia dei complessi. In apparenza, queste cellule assomigliano a cellule epiteliali basali, ma differiscono da quest'ultima per l'assenza di ponti intercellulari. I loro nuclei sono solitamente monomorfici e non soggetti ad anaplasia. Lo stroma del tessuto connettivo prolifera insieme al componente cellulare del tumore, situato sotto forma di fasci tra i fili cellulari, dividendoli in lobuli. Lo stroma è ricco di glicosaminoglicani, colorando metacromaticamente il blu di toluidina. Contiene molti basofili tissutali. Spesso tra il parenchima e lo stroma appaiono lacune di retrazione, che molti autori considerano un artefatto di fissazione, sebbene la probabilità di esposizione ad eccessiva secrezione di ialuronidasi non venga negata.

Il carcinoma a cellule basali solido tra le forme indifferenziate è più comune. Istologicamente, consiste di varie forme e dimensioni di corde e cellule di cellule basaloidi localizzate in modo compatto con confini sfocati, simili a quelli del sincizio. Complessi simili di cellule epiteliali basali sono circondati perifericamente da elementi allungati che formano una caratteristica palizzata. Le cellule al centro dei complessi possono subire cambiamenti distrofici con la formazione di cavità cistiche. Quindi, insieme a strutture solide, possono esistere strutture cistiche, formando una solida variante cistica. A volte masse distruttive sotto forma di detriti cellulari sono incrostate di sali di calcio.

Il carcinoma a cellule basali pigmentate è istologicamente caratterizzato da pigmentazione diffusa e dovuta alla presenza di melanina nelle sue cellule. Nello stroma del tumore c'è un gran numero di melanofagi con un alto contenuto di granuli di melanina.

Una maggiore quantità di pigmento viene solitamente rilevata nella variante cistica, meno spesso con un multicentrico solido e superficiale. I basaliomi con pigmentazione pronunciata contengono molta melanina nelle cellule epiteliali sopra il tumore, nel suo intero spessore fino allo strato corneo.

Il carcinoma basocellulare superficiale è spesso multiplo. Istologicamente si compone di piccoli, molteplici complessi solidi associati all'epidermide, come se "sospeso" ad esso, occupa solo la parte superiore del derma per lo strato reticolare. Infiltrati linfoistiocitici si trovano spesso nello stroma. La molteplicità di fuochi indica una genesi multicentrica di questo tumore. Il basalioma superficiale spesso ricorre dopo il trattamento lungo la periferia della cicatrice.

Il carcinoma basocellulare tipo sclerodermia, o tipo "morfea", si distingue per l'abbondante sviluppo del tessuto connettivo da parte di una specie simile a scleroderma, in cui stretti strali di cellule epiteliali basali, per così dire, sono incorporati nel derma, fino al tessuto sottocutaneo. Le strutture Polysad possono essere viste solo in grandi file e celle. L'infiltrazione reattiva attorno ai complessi tumorali localizzati tra gli stroma massivi del tessuto connettivo è, di regola, scarsa e più pronunciata nella zona di crescita attiva nella periferia. L'ulteriore progressione dei cambiamenti distruttivi porta alla formazione di piccole cavità cistiche (forma cribrosa) e più grandi. A volte masse distruttive sotto forma di detriti cellulari sono incrostate di sali di calcio.

Il carcinoma basocellulare con differenziazione ghiandolare, o tipo adenoideo, è caratterizzato dalla presenza, oltre alle aree solide, di strette corde epiteliali, costituite da più, e talvolta 1-2 righe di cellule, che formano strutture tubolari o alveolari. Le cellule epiteliali periferiche di quest'ultimo hanno una forma cubica, con il risultato che il carattere di poly-caddis è assente o meno distinto. Le cellule interne sono più grandi, a volte con una cuticola pronunciata, la cavità dei tubi o le strutture alveolari sono piene di mucine epiteliali. Una reazione con un antigene carcinoembrionico dà una colorazione positiva della mucosa extracellulare sulla superficie delle cellule che rivestono le strutture simili a quelle del dotto.

Il carcinoma basocellulare con differenziazione cloide è caratterizzato dalla presenza di foci di cheratinizzazione nei complessi delle cellule epiteliali basali circondate da cellule simili a spinosi. L'incarnazione in questi casi si verifica bypassando lo stadio cheratoialino, che assomiglia alla zona dell'istmo cheratogeno dei follicoli piliferi normali e può avere differenziazione tricoidale. A volte ci sono immaturi sotto i follicoli con i primi segni della formazione di bastoncelli. In alcune forme di realizzazione, vengono formate strutture simili a boccioli di capelli embrionali, nonché cellule epiteliali contenenti glicogeno corrispondenti alle cellule dello strato esterno del follicolo pilifero. A volte può essere difficile differenziare con l'amartoma basaloide follicolare.

Il carcinoma basocellulare con differenziazione sebacea è raro, caratterizzato dalla comparsa di focolai o singole cellule tipiche delle ghiandole sebacee tra le cellule epiteliali basali. Alcuni di questi sono grandi, cricoidi, con citoplasma brillante e nuclei di eccentricità. Quando colorano il Sudan III rivelano il grasso. I lipociti sono molto meno differenziati rispetto alla normale ghiandola sebacea, si osservano forme transizionali tra loro e le cellule epiteliali basali circostanti. Questo suggerisce che questo tipo di cancro è istogeneticamente associato alle ghiandole sebacee.

Il tipo fibroepiteliale (sinonimo: fibroepithelioma di Pincus), un raro tipo di carcinoma a cellule basali che si verifica più spesso nella regione lombosacrale, può essere combinato con cheratosi seborroica e carcinoma basocellulare superficiale. Clinicamente, può sembrare fibropapilloma. Sono descritti casi di lesioni multiple.

Istologicamente, nel derma, rivelano strette e lunghe ciocche di cellule epiteliali basali, che si estendono dall'epidermide, circondate da uno stroma iperplastico, spesso edematoso, modificato con muco, con un gran numero di fibroblasti. Lo stroma è ricco di capillari e basofili tissutali. Corde epiteliali anastomizzate tra loro, consistono in piccole cellule scure con una piccola quantità di citoplasma e nuclei arrotondati o ovali, intensamente colorati. A volte tali piccole cisti piene di contenuti eosinofili omogenei o di masse di corno si trovano in tali corde.

La sindrome neobasocellulare (sindrome di Sindrome di Gordin-Golts) è una sindrome polioorganotropica, autosomica dominante correlata alla phacomatosis. Si basa su un complesso di alterazioni iper o neoplastiche sulla base delle violazioni dello sviluppo embrionale. Un sintomo cardinale è l'emergenza nel primo periodo di vita di più basaliomi, accompagnato da cisti odontotenny delle mascelle e anomalie delle costole. Mot essere una cataratta e cambiamenti nel sistema nervoso centrale. È anche caratterizzato da frequenti cambiamenti delle palme e delle suole sotto forma di "depressioni", in cui anche le strutture basali si trovano istologicamente. Dopo una fase iniziale di nevoid-basalioma in pochi anni, di solito nella pubertà, le forme ulcerative e localmente disgreganti appaiono in queste aree come un indicatore dell'inizio della fase oncologica.

I cambiamenti istologici in questa sindrome sono praticamente indistinguibili dalle varietà di basalioma sopra elencati. Nell'area delle "depressioni" palmare e plantare ci sono difetti dello strato corneo con assottigliamento degli altri strati e la comparsa di ulteriori processi epiteliali da piccole cellule basaloidi tipiche. Il carcinoma basocellulare di grandi dimensioni in questi luoghi raramente si sviluppa. I singoli focolai delle cellule basali di natura lineare comprendono tutte le varianti dei basaliomi organoidi.

trusted-source[39], [40], [41], [42], [43], [44], [45], [46], [47], [48]

Carcinoma a cellule basali di istogenesi

Il basalioma può svilupparsi sia dalle cellule epiteliali che dall'epitelio del complesso pilosebateum. Nelle sezioni seriali M. Hundeiker e N. Berger (1968) hanno dimostrato che nel 90% dei casi il tumore si sviluppa dall'epidermide. Uno studio istochimico di vari tipi di cancro mostra che il glicogeno, i glicosaminoglicani nello stroma del tumore si trovano nella maggior parte delle cellule, specialmente nelle immagini adamantinoidi e cilindromatose. Le glicoproteine sono costantemente rilevate nelle membrane del seminterrato.

La microscopia elettronica ha rivelato che la maggior parte delle cellule di complessi tumorali contiene un set standard di organelli: piccoli mitocondri con matrice scura e polibosomi liberi. Nei punti di contatto, i ponti intercellulari sono assenti, ma si riscontrano escrescenze simili a dita e un piccolo numero di contatti simili a Desmosome. Nei luoghi di cheratinizzazione, ci sono strati di cellule con ponti intercellulari intatti e un gran numero di tonofilamenti nel citoplasma. Occasionalmente, si trovano aree di cellule contenenti complessi di membrana cellulare, che possono essere interpretate come una manifestazione di differenziazione ghiandolare. La presenza di melanosomi in alcune cellule indica la differenziazione dei pigmenti. Nelle cellule epiteliali basali, gli organuli caratteristici delle cellule epiteliali mature sono assenti, a indicare la loro immaturità.

Attualmente, si ritiene che questo tumore si sviluppi da cellule epiteliali germinative pluripotenti sotto l'influenza di vari stimoli esterni. Istologicamente e istochimicamente, l'associazione del carcinoma a cellule basali con lo stadio anagen della crescita dei capelli è stata dimostrata, e la somiglianza con i boccioli embrionali proliferanti è enfatizzata. R. Hohlunar (1975) e M. Kumakiri (1978) ritengono che questo tumore si sviluppi nello strato germinale dell'ectoderma, dove si formano cellule immature basali dell'epitelio con potenza per la differenziazione.

trusted-source[49], [50], [51], [52], [53], [54], [55], [56], [57], [58], [59]

Sintomi carcinoma a cellule basali

Il basalioma della pelle ha l'aspetto di una formazione solitaria, una forma emisferica, spesso arrotondata, leggermente elevata sopra la pelle, rosa o grigio-rosso con sfumatura perlacea, ma potrebbe non differire da quella normale. La superficie del tumore è liscia, al centro di solito c'è una leggera depressione, ricoperta da una crosta sottile e poco adiacente della scala del sangue, che, una volta rimossa, di solito mostra l'erosione. Il bordo dell'elemento ulcerato è fortemente ispessito, costituito da piccoli noduli di colore biancastro, comunemente indicati come "perle" e con valore diagnostico. In questo stato, il tumore può esistere per anni, lentamente aumentando.

Il bazalioma può essere multiplo. Forma plurale primario, secondo K.V. Daniel Beck e A.A. Kolobyakova (1979), si trova nel 10% dei casi, il numero di focolai tumorali può raggiungere diverse dozzine o più, che può essere una manifestazione della sindrome neobasocellulare Gorlin-Goltz.

Tutti i sintomi del carcinoma basocellulare cutaneo, inclusa la sindrome di Gorlin-Holtz, ci permettono di distinguere le seguenti forme: nodulo-ulcerosa (ulcus rodens), superficiale, sclerodermica (morpheus), pigmento e fibroepiteliale. Con più lesioni, questi tipi clinici possono essere osservati in varie combinazioni.

trusted-source[60], [61], [62], [63], [64], [65]

Forme

L'aspetto della superficie inizia con l'apparizione di una macchia rosa a peeling limitata. Quindi il punto diventa chiaro con contorni, forma ovale, rotonda o irregolare. Lungo il bordo del fuoco compaiono noduli densi, piccoli e scintillanti, che si uniscono e formano un bordo a forma di rullo sopra la pelle. Il centro del focolare si affonda leggermente. Il colore del cuore diventa rosa scuro, marrone. Le lesioni possono essere solitarie o multiple. Tra le forme superficiali, c'è un basalioma auto-perforante o pedzhoidnoy con una zona di atrofia (o cicatrizzazione) al centro e una catena di elementi piccoli, densi, opalescenti, simili a tumori lungo la periferia. Le lesioni raggiungono una quantità significativa. Di solito ha carattere multiplo e flusso persistente. La crescita è molto lenta. Clinicamente, potrebbe assomigliare alla malattia di Bowen.

Nel caso del pigmento, il colore della lesione ha un colore bluastro, viola o marrone scuro. Questo tipo è molto simile al melanoma, specialmente nodulare, ma ha una consistenza più densa. L'esame dermatoscopico può fornire assistenza sostanziale in questi casi.

L'aspetto del tumore è caratterizzato dalla comparsa di un nodulo, che aumenta gradualmente di dimensioni, raggiungendo 1,5-3 cm o più di diametro, acquisendo un aspetto arrotondato, un colore rosa stagnante. La superficie del tumore è liscia con grave telangiectasia, a volte coperta da squame grigiastre. Qualche volta la sua parte centrale ulula e si ricopre di croste fitte. Raramente, il tumore sporge sopra il livello della pelle e ha una gamba (tipo fibroepiteliale). A seconda delle dimensioni, ci sono forme piccole e grandi di seta.

La forma ulcerosa si presenta come una variante primaria o come risultato dell'ulcerazione delle forme superficiali o tumorali della neoplasia. Una caratteristica caratteristica della forma ulcerosa è un'ulcera a forma di imbuto, che ha un massiccio infiltrato (infiltrazione tumorale) con bordi indistinti legati ai tessuti sottostanti. La dimensione dell'infiltrato è molto più grande dell'ulcera stessa (ulcus rodens). C'è una tendenza all'ulcera profonda e alla distruzione dei tessuti sottostanti. A volte la forma ulcerosa è accompagnata da crescite papillomatose e verrucose.

Il tipo sclerodermico, o cicatriziale-atrofico, è una piccola, ben definita lesione con un sigillo alla base, quasi non elevato sopra la pelle, di un colore biancastro-biancastro. Cambiamenti atrofici, la discromia può essere rilevata al centro. Periodicamente, attorno alla periferia di un elemento, possono verificarsi focolai di erosione di varie dimensioni, ricoperti da una crosta facilmente separabile, che è molto importante per la diagnosi citologica.

Il tumore fibroepiteliale di Pincus è classificato come basalioma, sebbene il suo decorso sia più favorevole. Clinicamente, si manifesta come un nodulo o placca color pelle, con una consistenza densamente elastica, ed è praticamente non soggetto ad erosione.

trusted-source[66], [67]

Cosa c'è da esaminare?

Diagnosi differenziale

Basalti devono essere distinte da cheratoacantoma, spinnotsellyulyarnoy zpiteliomy, shankriformnoy piodermite, malattia di Bowen, cheratosi seborroica, lichen sclerosus, maligna il melanoma, limfotsitomy pelle.

trusted-source[68], [69], [70], [71], [72], [73], [74], [75], [76], [77], [78]

Trattamento carcinoma a cellule basali

Il trattamento del carcinoma a cellule basali è la rimozione chirurgica di un tumore all'interno della cute sana. In pratica, viene spesso utilizzata la criodistruzione. La radioterapia viene utilizzata nei casi in cui l'operazione porta a un difetto estetico.

Utilizzato esternamente prospidinovuyu, pomata Kolkhaminovuyu.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.