Distrofia degli occhi

La distrofia dell'occhio comprende una varietà di patologie degenerative che colpiscono la sua cornea - la parte trasparente del guscio esterno, la retina - la membrana interna con cellule fotorecettrici, così come il sistema vascolare degli occhi.

La parte più importante degli occhi è la retina, perché è un elemento che percepisce gli impulsi luminosi dell'analizzatore visivo. Anche se è possibile immaginare una visione normale senza una cornea sana - una lente a rifrazione della luce dell'occhio che fornisce almeno i due terzi della sua potenza ottica. Per quanto riguarda i vasi sanguigni degli occhi, il fatto che l'ischemia vascolare possa provocare un danno significativo della vista parla del loro lontano dall'ultimo ruolo.

Cause di distrofia dell'occhio

Ora nello stesso ordine considereremo le cause della distrofia dell'occhio.

Come sapete, non ci sono vasi sanguigni nella cornea stessa, e il metabolismo nelle sue cellule è fornito dal sistema vascolare del limbus (la zona di crescita tra la cornea e la sclera) e dai liquidi - intraoculare e lacrimale. Pertanto, per molto tempo si è ritenuto che le cause della distrofia corneale dell'occhio - cambiamenti strutturali e ridotta trasparenza - fossero associate esclusivamente a violazioni del metabolismo locale e, in parte, all'innervazione.

Ora, la natura geneticamente determinata della maggior parte dei casi di degenerazioni corneali, che sono trasmesse secondo il principio dell'autosomica dominante, è riconosciuta e manifestata in epoche diverse.

Ad esempio, il risultato di mutazioni nel gene KRT12 o KRT3, che fornisce la sintesi della cheratina nell'epitelio corneale, è la degenerazione della cornea di Mesmann. La causa di maculare distrofia corneale si trova nella CHST6 mutazioni geniche, causando interruzioni di sintesi del polimero dei glicosaminoglicani solfati appartenenti ai tessuti corneali. Una membrana basale distrofia eziologia e tipo a membrana 1 (corneale distrofia Reis-Byuklersa) di Bowman, granulari e distrofia reticolare associato malfunzionamenti TGFBI gene per tessuti corneali fattori di crescita.

Per le principali cause della malattia, gli oftalmologi includono, in primo luogo, i processi biochimici nelle membrane delle sue cellule, associati ad un aumento correlato all'età della perossidazione lipidica. In secondo luogo, la carenza di enzimi idrosolici del lisosoma, che contribuisce all'accumulo nell'epitelio pigmentato del pigmento granulare lipofuscina, che disabilita le cellule fotosensibili.

Si nota in particolare che malattie come l'aterosclerosi e l'ipertensione arteriosa - a causa della loro capacità di destabilizzare lo stato dell'intero sistema vascolare - aumentano il rischio di distrofia centrale della retina di tre e sette volte, rispettivamente. Secondo gli oftalmologi, un ruolo importante nello sviluppo della retinopatia degenerativa è giocato dalla miopia (miopia), in cui si estende il bulbo oculare, l'infiammazione della coroide dell'occhio e l'aumento del livello di colesterolo. La rivista britannica di oftalmologia nel 2006 ha riportato che fumare tre volte aumenta il rischio di sviluppare una distrofia retinica correlata all'età.

Dopo la ricerca fondamentale degli ultimi due decenni, è stata rivelata l'eziologia genetica di molti cambiamenti distrofici nella retina. Le mutazioni geniche autosomiche dominanti provocano un'eccessiva espressione della proteina G transmembrana della rodopsina, il pigmento visivo chiave dei fotorecettori a bastoncino (bastoncelli). Sono le mutazioni del gene per questa cromoproteina che spiegano i difetti della cascata di fototrasduzione nella degenerazione pigmentaria della retina.

Le cause della malattia possono essere associate con la violazione della circolazione sanguigna locale e il metabolismo intracellulare in ipertensione, aterosclerosi, Chlamydia o uveite toxoplasmosi, malattie autoimmuni (artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico), entrambi i tipi di diabete mellito o lesioni agli occhi. C'è anche un suggerimento che i problemi con i vasi sanguigni negli occhi sono una conseguenza del danno cerebrovascolare.

I sintomi della distrofia oculare

I sintomi oftalmici della distrofia corneale includono:

  • sensazioni dolorose di intensità variabile negli occhi;
  • sensazione di contaminazione dell'occhio (presenza di un oggetto estraneo);
  • sensibilità dolorosa degli occhi alla luce (fotofobia o fotofobia);
  • lacrimazione eccessiva;
  • iperemia della sclera;
  • gonfiore della cornea;
  • Ridurre la trasparenza dello strato corneo e ridurre l'acuità visiva.

Con il cheratocono, c'è anche una sensazione di prurito agli occhi e la visualizzazione di diverse immagini di singoli oggetti (polopia monoculare).

Va tenuto presente che la distrofia della retina si sviluppa gradualmente e nelle fasi iniziali non mostra alcun segno di sé. E i sintomi caratteristici delle patologie degenerative della retina possono essere espressi come:

  • affaticamento rapido degli occhi;
  • violazioni temporanee della rifrazione (ipermetropia, astigmatismo);
  • diminuzione o perdita totale della sensibilità al contrasto della vista;
  • metamorfosi (distorsione delle linee rette e distorsione delle immagini);
  • diplopia (raddoppio degli oggetti visibili);
  • niktalopiya (compromissione della visione con illuminazione ridotta e di notte);
  • aspetto davanti agli occhi di macchie colorate, "mosche" o lampi di luce (fotopsia);
  • distorsioni nella percezione del colore;
  • assenza di visione periferica;
  • bovini (l'aspetto nel campo visivo delle aree non percepite dall'occhio sotto forma di macchie scure).

La distrofia centrale della retina (età, vitelliformnaya, progredendo di cono, maculare et al.) A partire di sviluppare nelle persone con modifiche PRPH2 gene che codifica per fornire cellule fotorecettori fotosensibilità (coni e bastoncelli) 2 proteina di membrana periferina.

Molto spesso la malattia si fa sentire dopo 60-65 anni. Secondo l'American National Eye Institute (National Eye Institute), circa il 10% delle persone di età compresa tra 66 e 74 anni hanno i prerequisiti per la comparsa della degenerazione maculare dell'occhio, e nelle persone di età compresa tra 75-85 anni questa probabilità aumenta al 30%.

La peculiarità della distrofia centrale (maculare) consiste nella presenza di due forme cliniche - non essudativa o secca (80-90% di tutti i casi clinici) e umida o essudativa.

La distrofia retinica secca è caratterizzata dalla deposizione di piccoli ammassi giallastri (drusi) sotto la macula, nella zona subretinica. Lo strato di cellule fotorecettrice della macchia gialla a causa dell'accumulo di depositi (prodotti metabolici che non si scindono a causa di una deficienza geneticamente determinata di enzimi idrolitici) inizia a atrofizzarsi e morire. Questi cambiamenti, a loro volta, portano a una distorsione della visione, che è più evidente nella lettura. Molto spesso colpiti da entrambi gli occhi, anche se tutto può iniziare con un occhio e il processo dura abbastanza a lungo. Tuttavia, la distrofia retinica secca di solito non porta ad una completa perdita della vista.

La distrofia umida della retina è considerata una forma più grave, poiché causa disabilità visive in breve tempo. E questo è dovuto al fatto che sotto l'influenza degli stessi fattori inizia il processo di neovascolarizzazione sottoretinica - la crescita di nuovi vasi sanguigni anormali sotto la macchia gialla. Il danno alle pareti vascolari è accompagnato dal rilascio di trasudato ematico-sieroso, che si accumula nell'area maculare e sconvolge il trofismo delle cellule dell'epitelio pigmentato retinico. La visione si sta deteriorando in modo significativo, in nove casi su dieci c'è una perdita di visione centrale.

Gli oftalmologi osservano che nel 10-20% dei pazienti la degenerazione retinica correlata all'età inizia come secca e quindi progredisce in forma essudativa. La degenerazione maculare legata all'età è sempre bilaterale, mentre in un occhio ci può essere la distrofia secca e nella seconda - umida. Il decorso della malattia può essere complicato dal distacco della retina.

Distrofia retinica nei bambini

Uno spettro sufficiente di varietà di patologie degenerative dell'occhio è rappresentato dalla distrofia retinica nei bambini.

La distrofia retinica centrale nei bambini è una patologia congenita associata a mutazione di geni. Prima di tutto, la malattia di Stargardt (giovanile malattia maculare, degenerazione maculare giovanile) - una malattia genetica causata associata a un difetto nel gene ABCA4 ereditaria in base autosomica recessiva. Le statistiche del Royal National Institute of the Blind (RNIB) indicano che questa malattia rappresenta il 7% di tutti i casi di distrofia retinica nei bambini britannici.

Questa patologia colpisce entrambi gli occhi e inizia ad apparire nei bambini dopo cinque anni. Si manifesta in fotofobia, diminuzione della visione centrale e progressiva cecità ai colori - discromatopsia in verde e rosso.

Ad oggi, questa malattia è incurabile, dal momento che il nervo ottico è atrofizzato nel tempo, e la prognosi è solitamente sfavorevole. Tuttavia, le fasi di riabilitazione attiva possono mantenere e mantenere un certo livello di visualizzazione (non più di 0,2-0,1).

Con la malattia di Best (degenerazione maculare maculare), anch'essa congenita, appare una formazione di cisti contenente fluidi nella fossa centrale della macula. Ciò porta ad una diminuzione della nitidezza della visione centrale (immagini sfocate con aree oscurate) mentre si mantiene la visione periferica. I pazienti con la malattia di Best hanno spesso una vista quasi normale per molti decenni. Questa malattia è ereditaria e spesso i familiari non possono sapere di avere questa patologia.

La retinosi giovanile (X-cromosomica) - la scissione degli strati della retina, seguita da danno e degradazione dell'umore vitreo - porta alla perdita della visione centrale e in metà dei casi laterali. I segni frequenti di questa malattia sono strabismo e movimenti oculari involontari (nistagmo); la maggior parte dei pazienti sono maschi. Alcuni di loro conservano una percentuale sufficiente di vista nell'età adulta, mentre altri hanno una significativa compromissione della vista durante l'infanzia.

La retinite del pigmento comprende diverse forme ereditarie della malattia, che causano una diminuzione graduale della vista. Tutto inizia all'età di circa dieci anni con il bambino che si lamenta di problemi di vista al buio o dei limiti della visione laterale. Come sottolineano gli oftalmologi, questa malattia si sviluppa molto lentamente e raramente porta alla perdita della vista.

Amberstein Leber - cecità inguaribile congenita, trasmessa in modo autosomico recessivo, cioè ai bambini nati con questa patologia, il gene mutato RPE65 dovrebbe essere in entrambi i genitori. [Altre informazioni - quando andiamo alla nostra pubblicazione Amavroz Leber].

Distrofia retinica in gravidanza

Possibile distrofia della retina durante la gravidanza minaccia le donne con grave miopia (sopra 5-6 diottrie), poiché la forma del bulbo oculare è deformata. E questo crea i prerequisiti per lo sviluppo di complicanze nella forma di distrofie vitreo-ortoretiniche periferiche, che possono causare rotture e distacco della retina, specialmente durante il parto. Ecco perché in questi casi le ostetriche eseguono un parto cesareo.

Nelle donne in gravidanza con miopia - in assenza di complicanze (gestosi) - i vasi della retina sono leggermente ristretti per supportare la circolazione del sangue nel sistema utero-placenta-feto. Ma quando la gravidanza è complicata dall'aumento della pressione sanguigna, dal gonfiore dei tessuti molli, dall'anemia e dalla sindrome nefrosica, il restringimento della retina è più pronunciato e questo causa problemi con il normale apporto di sangue.

Secondo gli oftalmologi, la distrofia periferica è spesso la conseguenza di una diminuzione del volume di sangue circolante in tutte le strutture oculari (di oltre il 60%) e un deterioramento nel trofismo dei loro tessuti.

Tra le patologie retiniche più comuni durante la gravidanza osservato: distrofia reticolare assottigliamento della retina alla parte superiore esterna della cavità vitreale, il pigmento e le porzioni punto bianco distrofie della retina alla atrofia epiteliale retina e degenerazione dell'occhio con i vasi spasmi capillari e venule. Abbastanza spesso si verifica retinocystis: la retina si allontana dalla coroide dell'occhio (senza rottura o con rottura del guscio della rete).

Qual è la distrofia dell'occhio?

Se segui il principio anatomico, devi iniziare con la cornea. In totale, secondo l'ultima classificazione internazionale, la distrofia corneale dell'occhio conta più di due dozzine di specie - a seconda della localizzazione del processo patologico corneale.

Per superficiale o distrofia endoteliale (in cui depositi di amiloide verificano nell'epitelio corneale) comprendono degenerazione della membrana basale, giovanile distrofia di Messmann (, sindrome Wilke di Messmann), e altri. Distrofia secondo strato corneo (cosiddetta membrana di Bowman) comprendono subepiteliale distrofia Thiel-Behnke, distrofia Flight-booker e altri; con il tempo, spesso entrano in strati superficiali della cornea, e alcuni possono affliggere uno strato intermedio tra lo stroma e endotelio (membrana di Descemet) ed endotelio stessa.

Distrofia corneale con localizzazione nello strato più spesso costituito da fibre di collagene, fibro e cheratociti, è definito come una distrofia stromale, kotoroaya possono essere diverse in danni morfologia: reticolo, granulare, cristallina, imprevedibile.

In caso di danno allo strato interno della cornea, vengono diagnosticate le forme endoteliali della malattia (Fuchsa, distrofia polmonare maculata e posteriore, ecc.). Tuttavia, con la varietà cono della distrofia - cheratocono - i cambiamenti degenerativi e la deformazione si verificano in tutti gli strati della cornea.

La distrofia della retina in oftalmologia domestica nel luogo di origine è divisa in centrale e periferica, e per eziologia - acquisita e condizionata geneticamente. Va notato che fino ad oggi, con la classificazione della distrofia retinica, ci sono molti problemi che portano alla terminologia multivariata. Ecco un esempio solo esemplificativo: la distrofia retinica centrale può essere chiamata età, senile, centrale corioretinica, corioretinite centrale, inversione centrale, degenerazione maculare senile. Mentre gli specialisti occidentali, di regola, dispensano con una sola definizione - degenerazione maculare. Questo è logico, poiché la macula (macula latino - pronti) - una macchia gialla (macula lutea) nella zona centrale della retina, avendo cellule recessi fotorecettori che convertono l'esposizione alla luce e colore in impulsi nervosi e inviano al cranio visivo cervello nervoso al cervello. La distrofia retinica legata all'età (nelle persone di età superiore ai 55-65 anni) è forse la causa più comune di perdita della vista.

Peripheral distrofia retinica presentato in un elenco di "modifiche" che mettono in pieno è problematico in termini di guazzabuglio terminologica. Questo pigmento (tapetoretinalnoy o retinite pigmentosa) del cono-Rod-, Vitreoretinica distrofia Goldmann-Favre, amaurosi congenita di Leber, Leffler-Wadsworth distrofia, retinite punto bianco (punto bianco), etc. Distrofia periferica può provocare la rottura e distacco della retina.

Infine, la degenerazione dei vasi sanguigni dell'occhio, che può influenzare l'arteria oftalmica e si dirama da esso le arterie della retina e la vena e venule occhi centrali. In primo luogo, patologia microscopica manifesta in aneurismi (con prolungamenti delle pareti fanno un problema) è estremamente sottili vasi sanguigni della retina, e successivamente può progredire a forma proliferativa quando in risposta ad ipossia tissutale inizia neovascolarizzazione, cioè la crescita di nuovi vasi sanguigni fragili anormalmente. Da soli, non causano alcun sintomo, ma se l'integrità delle pareti è rotto, allora ci sono seri problemi di vista.

Diagnosi della distrofia oculare

Nelle cliniche oftalmologiche, la diagnosi viene effettuata utilizzando tali metodi e tecniche come:

  • visocontrastometry (determinazione dell'acuità visiva);
  • perimetria (studio sul campo visivo);
  • campimetria (determinazione delle dimensioni di un punto cieco e posizione del bestiame);
  • Test funzionale del campo visivo centrale utilizzando la griglia di Amsler;
  • test della visione dei colori (consente di determinare lo stato funzionale dei coni);
  • testare l'adattamento al buio (fornisce un'immagine obiettiva del funzionamento delle aste);
  • oftalmoscopia (esaminando e valutando le condizioni del fondo);
  • elettrooculografia (dà un'idea dei movimenti degli occhi, del potenziale della retina e dei muscoli dell'occhio);
  • Elettroretinografia (determinazione dello stato funzionale delle varie parti della retina e dell'analizzatore visivo);
  • angiografia fluorescente (consente la visualizzazione dei vasi sanguigni dell'occhio e rileva la crescita di nuovi vasi sanguigni e perdite dai vasi esistenti);
  • tonometria (misurazione del livello di pressione intraoculare);
  • Stati Uniti di strutture interne dell'occhio in due proiezioni;
  • tomografia a strati ottica (esame delle strutture del bulbo oculare).

Per diagnosticare corneale distrofia corneale occhio necessariamente effettuato l'ispezione mediante una lampada a fessura, uso pachimetria (per la determinazione dello spessore corneale) skiascopy (per determinare la rifrazione dell'occhio), korneotopografiyu (per determinare il grado di curvatura della superficie corneale) e biomicroscopia confocale.

Cosa c'è da esaminare?

Chi contattare?

Trattamento della distrofia dell'occhio

Il trattamento sintomatico della distrofia corneale dell'occhio comprende farmaci per migliorare il trofismo dei suoi tessuti:

Taufon - 4% collirio a base di taurina, che contribuisce al ripristino dei tessuti danneggiati da alterazioni degenerative della cornea. Devono essere instillati sotto la congiuntiva - 0,3 ml una volta al giorno, il corso del trattamento - 10 giorni, che si ripete in sei mesi. Taufon sotto forma di soluzione per iniezione è usato in casi più gravi.

Gocce glicosaminoglicani solfati (Balarpan) a causa del contenuto del componente naturale dello stroma corneale attiva la sua rigenerazione. Si prescrivono due gocce in ciascun occhio al mattino e alla sera - per 30 giorni. Stimolare il metabolismo energetico interstiziale e il restauro della cornea danneggiata delle gocce di Katachrom Oftano, costituita da adenosina (componente ATP), acido nicotinico e enzima citocromo-ossidasi; raccomandato dal dosaggio medico - tre volte al giorno per 1-2 gocce per instillazione, cioè nella sacca congiuntivale (inclinando la testa all'indietro e tirando leggermente la palpebra inferiore).

Inoltre, viene utilizzata la magnetoforesi con gocce di Vita-Yodurol che, oltre all'acido nicotinico e all'adenosina, contengono magnesio e cloruri di calcio.

Trattamento della distrofia retinica

In un primo momento, il trattamento con farmaci mira a stimolare la circolazione sanguigna locale - per migliorare la nutrizione dei tessuti (sono prescritte le gocce sopra riportate).

Ad esempio, tale trattamento della distrofia pigmentaria retinica viene eseguito due volte l'anno, ma, secondo gli esperti, il più delle volte non dà l'effetto desiderato. L'ultima parola è lasciata alla microchirurgia oftalmica: si eseguono operazioni per inserire un lembo longitudinale di uno dei sei muscoli oculomotori nella regione vascolare dell'occhio.

La terapia della distrofia retinica dell'occhio localizzata nell'area maculare dovrebbe tenere conto non solo dell'eziologia della malattia e delle patologie accompagnatorie e aggravanti del singolo paziente, ma anche della forma patologica - secca o essudativa.

Adottato nella pratica clinica domestica, il trattamento della distrofia retinica secca può essere eseguito con farmaci antiossidanti. Uno di questi è Emoxipina (sotto forma di 1% e collirio e soluzione iniettabile). La soluzione può essere iniettata attraverso la congiuntiva o l'area oculare: una volta al giorno o a giorni alterni, la durata massima del trattamento dura un mese.

Nel trattamento dei preparati distrofia alla retina, neutralizzando i radicali liberi e prevenire danni alle membrane cellulari, l'antiossidante superossido dismutasi viene utilizzato, parte del farmaco Erisod (in forma di polvere per la preparazione di gocce). Queste gocce devono essere preparate su acqua distillata e scavare in almeno 10 giorni - due gocce tre volte al giorno.

La distrofia umida della retina viene trattata mediante terapia fotodinamica. Questo è un metodo combinato non invasivo volto a fermare il processo di neovascolarizzazione. Per questo fotosensibiliziruschee paziente mezzi Vizudin (verteporfina) viene iniettato per via endovenosa, che dopo attivazione con laser rosso freddo, provoca la produzione di ossigeno singoletto che distrugge le cellule in rapida proliferazione pareti dei vasi sanguigni anomali. Di conseguenza, le cellule muoiono e vi è una stretta occlusione di vasi appena formati.

Oftalmologi sono utilizzati per il trattamento di farmaci essudative maculari degenerative tipo patologie che bloccano la proteina VEGF-A (Vascular Endothelial Growth Factor), prodotti dal corpo per la crescita dei vasi. Sopprimere l'attività di questa preparazione di proteine come Ranibizumab (Lucentis) e Pegaptanib sodico (Makugen),

Che vengono iniettati nell'umore vitreo dell'occhio 5-7 volte durante l'anno.

Un intramuscolare sintetico adrenocorticale ormone triamcinolone acetonide aiuta a normalizzare il catabolismo del tessuto connettivo, ridurre il livello di proteine di membrana divisione delle cellule e fermare l'infiltrazione in umido distrofia retinica.

Trattamento della distrofia retinica con laser

Va tenuto presente che il trattamento laser non può restituire la visione normale, poiché ha un altro scopo: rallentare la progressione della malattia e minimizzare il rischio di distacco della retina. Sì, mentre è impossibile rianimare cellule morte-fotorecettori.

Pertanto, questo metodo è chiamato coagulazione profilattica periferica del laser e il principio della sua azione si basa sulla coagulazione delle proteine delle cellule epiteliali retiniche. In questo modo è possibile rafforzare le sezioni patologicamente alterate della retina dell'occhio e impedire la separazione dello strato interno delle aste fotosensibili e dei coni dall'epitelio pigmentato.

Questo è il modo in cui la distrofia periferica della retina dell'occhio viene trattata mediante coagulazione laser. E la terapia laser per la distrofia secca mira a rimuovere i depositi dalla zona sottoretinica dell'occhio.

Inoltre, la coagulazione laser sigilla la neovascolarizzazione coroideale con degenerazione maculare e riduce la crescita dei vasi sanguigni che "fluiscono", impedendo un ulteriore deterioramento della vista. Dopo tale trattamento c'è una cicatrice che crea un punto cieco permanente nel campo visivo, ma è molto meglio di un punto cieco solido invece di visione.

A proposito, non dovrebbero essere usati rimedi alternativi per la distrofia retinica: non saranno comunque d'aiuto. Quindi non cercare di essere trattati con infuso di buccia di cipolla con miele o lozioni con un decotto di camomilla e ortica ...

Vitamine e nutrizione nella distrofia retinica

Molto importanti sono le vitamine "giuste" per la distrofia retinica. Includono tutte le vitamine del gruppo B (in particolare B6 - piridossina), nonché acido ascorbico (antiossidante), vitamine A, E e P.

Molti oculisti consigliano di assumere complessi vitaminici per la visione contenenti luteina - enzimi giallo naturale di carotenoidi. Non solo ha forti proprietà antiossidanti, ma riduce anche la formazione di lipofuscina coinvolta nell'emergere della distrofia centrale della retina. Il nostro organismo non può produrre autonomamente la luteina, quindi deve essere ottenuto con il cibo.

Mangiare con la distrofia retinica può e dovrebbe aiutare a combattere, e meglio di tutti - per prevenire la distrofia dell'occhio. Ad esempio, la luteina contiene soprattutto spinaci, prezzemolo, piselli verdi, broccoli, zucca, pistacchi, tuorlo d'uovo.

È necessario includere nella vostra dieta frutta e verdura fresca in quantità sufficiente, grassi sani insaturi di oli vegetali e cereali integrali. E non dimenticare il pesce! Sgombri, salmoni, sardine, aringhe contengono acidi grassi omega-3, che possono aiutare a ridurre il rischio di perdita della vista associata alla degenerazione maculare. Questi acidi possono anche essere trovati in ... Noci.

Prognosi e prevenzione della distrofia dell'occhio

La prognosi della distrofia oculare - dovuta alla natura progressiva di questa patologia - non può essere considerata positiva. Tuttavia, secondo gli oftalmologi stranieri, la sola distrofia retinica non porterà alla completa cecità. In quasi tutti i casi, rimane una certa percentuale della vista, per lo più periferica. Bisogna anche tenere conto del fatto che si può perdere di vista, ad esempio, con una forma grave di ictus, diabete o trauma.

Secondo l'American Academy of Ophthalmology, negli Stati Uniti, solo il 2,1% dei pazienti con distrofia retinica centrale ha completamente perso la vista, mentre il resto ha mantenuto un livello sufficiente di visione periferica. Eppure, nonostante il suo successo nel trattamento, la degenerazione maculare può riapparire col tempo.

La prevenzione della distrofia oculare è uno stile di vita sano. Promuovere la degenerazione maculare delle macule degli occhi consumando grandi quantità di grassi animali, colesterolo alto e disordini metabolici sotto forma di obesità.

Il ruolo dello stress ossidativo nelle cellule della retina nello sviluppo della sua distrofia dimostra in modo convincente l'aumento del tasso di sviluppo della patologia nei fumatori e in quelli esposti all'irradiazione UV. Pertanto, i medici consigliano ai loro pazienti di smettere di fumare ed evitare l'esposizione alla cornea della luce solare intensa, cioè indossando occhiali da sole e cappelli.

E gli anziani sono utili per visitare l'oftalmologo una volta all'anno, soprattutto se c'è una distrofia dell'occhio nella storia familiare - la retina, la cornea o le navi.

È importante sapere!

Per i pazienti di ultrasuoni sensori oftalmica Utilizzare profilati con frequenza di funzionamento 7,5-13 MHz, e un microconvex lineare elettronico, e in un apparecchio release precedente la scansione del settore meccanico (con un ugello acqua), permettendo di ottenere una sufficientemente chiara immagine delle strutture superficiali. Leggi di più...

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 26.06.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.