^

Salute

A
A
A

Linfogranuloma venerea. Provoca. Sintomi. Diagnosi. Trattamento

 
, Editor medico
Ultima recensione: 01.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Linfogranuloma venereo (HSV) (sinonimi: quarta malattie veneree, malattie Nicolas-Favre) - infezioni trasmesse sessualmente, che provoca patogeni tipi LI Chlamydia trachomatis, L2, L3. Nel mondo, il linfogranuloma venerea non è comune, sebbene rappresenti il 2-10% dei casi di malattie accompagnate da ulcerazione dei genitali, in India e in Africa. Il più comune si verifica all'età di 20-30 anni. Gli uomini hanno maggiori probabilità di andare in un istituto medico con una forma acuta di linfogranuloma venerea, mentre le donne hanno maggiori probabilità di avere complicanze in uno stadio avanzato della malattia.

Le manifestazioni cliniche più frequenti della linfogranulomatosi venerea negli uomini eterosessuali sono dolorose linfoadenopatia inguinale e / o femorale, spesso da un lato. Le donne e gli uomini omosessuali attivi possono sperimentare proctocolite o alterazioni infiammatorie nel tessuto linfatico peritonale o perianale, che può causare la formazione di fistole e stenosi. La maggior parte dei pazienti che non ricevono un trattamento sviluppa un'ulcera genitale auto-limitante, talvolta al posto dell'inoculazione. La diagnosi viene solitamente eseguita con metodi sierologici e escludendo altre cause di linfadenopatia inguinale o ulcere genitali.

Non è noto esattamente il grado di infettività dell'agente patogeno né il serbatoio della malattia, sebbene si ritenga che la trasmissione del linfogranuloma venerea sia effettuata principalmente da portatori femminili asintomatici.

Sintomi di un limfogranuloma venereo. Il periodo di incubazione va da 3 a 12 giorni prima dell'inizio del primo stadio e 10-30 giorni prima dell'inizio del secondo stadio.

Ci sono 3 fasi nel corso del linfogranuloma venerea. Dopo l'inoculazione appare piccola papula indolore o pustole, che può erodere, formando piccole ulcere erpetiforme (primo linfogranuloma venereo fase). L'obiettivo principale degli uomini sono spesso localizzati al collo del glande, la briglia del prepuzio, il prepuzio, la testa e il corpo del pene, scroto, nelle donne - sulla parete di fondo della vagina, labbra briglia, il labbro posteriore del collo dell'utero e della vulva. Questa lesione di solito guarisce entro una settimana e spesso i pazienti non se ne accorgono. In questa fase si può osservare una scarica mucopurulenta dall'uretra negli uomini e nella cervice nelle donne.

Il secondo stadio del linfogranuloma venerea si verifica entro 2-6 settimane dalla comparsa del focus primario e si manifesta con infiammazione dolorosa dei linfonodi inguinali e / o femorali.

Il linfogranuloma venoso è principalmente una malattia del sistema linfatico, che progredisce fino alla linfoadenite. I macrofagi infetti penetrano nei linfonodi regionali. Questo dà un quadro tipico dell'ampliamento unilaterale dei linfonodi (nel 65% dei pazienti), infezione e ascesso. I linfonodi dolorosi sono chiamati bubboni, possono fondersi e aprirsi in un terzo dei pazienti. In altri casi si trasformano in formazioni solide e non gonfie. Sebbene nella maggior parte dei casi i bubboni guariscano senza complicazioni, alcuni possono progredire formando fistole croniche. Circa un terzo dei pazienti ha un "segno di solco", che deriva dall'aumento dei linfonodi inguinali e femorali situati sopra e sotto il legamento della puarth.

La linfoadenopatia inguinale si verifica nel 20% delle donne con linfogranuloma venerea. Nelle donne sono più comuni le lesioni primarie del retto, della vagina, della cervice o dell'uretra posteriore con coinvolgimento di linfonodi iliaci o peri-rettali profondi.

Il risultato può essere dolore nell'addome o nella parte posteriore. In molte donne, la caratteristica linfoadenopatia inguinale non si sviluppa; circa un terzo di loro va dal medico con segni e sintomi del secondo stadio, mentre la maggior parte degli uomini si rivolge al medico in questa fase della malattia. In questa fase della malattia, si osservano spesso sintomi comuni come lieve febbre, brividi, malessere, mialgia e artralgia. Inoltre, la diffusione sistemica di C. Trachomatis porta talvolta allo sviluppo di artrite, polmonite e periepatite. A rare complicanze sistemiche comprendono lesioni cardiache, meningite asettica e malattie infiammatorie degli occhi.

Il terzo stadio del linfogranuloma venerea è spesso chiamato "sindrome genito-ano-rettale", è più spesso osservato nelle donne. Si sviluppa dapprima proctite - ascesso parodettale, stenosi, stenosi rettale e fistola, che porta alla formazione di "linfonodo" (simile alle emorroidi). In assenza di trattamento, la linfangite cronica porta alla formazione di cicatrici multiple, allo sviluppo di stenosi e fistole, che alla fine può portare all'elefantiasi.

In uno studio di laboratorio su strisci preparati da secrezione purulenta e macchiati secondo Romanovsky-Giemsa, Chlamidia Trachomatis; e anticorpi contro Chlamidia Trachomatis sono stati rilevati usando ELISA. I risultati delle reazioni sierologiche alla sifilide sono negativi.

Diagnostica di laboratorio Metodo batterioscopico: rilevamento dell'agente patogeno in strisci preparati da secrezione purulenta e macchiati ma Romanovsky-Giemsa.

Il metodo di coltura. La diagnosi di LVH può essere effettuata isolando la coltura del microrganismo e digitando le cellule nel campione. Il materiale deve essere prelevato dal linfonodo interessato o dal tessuto interessato con un tampone. La tecnica è relativamente insensibile: positiva del 50%, anche se le cellule trattate con cicloesamide sono cellule di McCoy o cellule HeLa trattate con dietilaminoetil.

Reazione di fissazione del complemento nei sieri accoppiati. Diagnostica è il titolo di reattina 1:64 o 4 volte di aumento del titolo anticorpale dopo 2 settimane (i cosiddetti "sieri accoppiati").

Metodi alternativi sono il metodo di immunofluorescenza utilizzando anticorpi monoclonali e il metodo PCR.

Il flusso è imprevedibile. Molto spesso si verificano remissioni spontanee.

Trattamento del linfogranuloma venerea. Portare il trattamento etiotropico. Ha un buon effetto nelle prime fasi della malattia. Lo schema raccomandato è doxycycline 100 mg 2 volte al giorno per 21 giorni. Come schema alternativo nominare eritromicina 500 mg 4 volte al giorno per 21 giorni.

Il trattamento è diretto alla causa della malattia e per prevenire il danno ai tessuti, dal momento che la cicatrizzazione è possibile. Se sono presenti bubboni, può essere necessaria l'aspirazione o l'incisione attraverso la pelle intatta seguita dal drenaggio. È preferibile usare la doxiciclina per il trattamento.

Schema consigliato

Doxycycline 100 mg per via orale 2 volte al giorno per 21 giorni.

Schema alternativo

Eritromicina 500 mg per via orale 4 volte al giorno per 21 giorni.

L'attività dell'azitromicina nei confronti di C. Trachomatis suggerisce che questo farmaco può essere efficace nel suo uso a dosi multiple per 2-3 settimane, ma i dati clinici sul suo uso in questa malattia non sono ancora sufficienti.

Follow-up

I pazienti devono essere osservati fino alla risoluzione di sintomi e sintomi.

Gestione dei partner sessuali

Partner sessuali di pazienti con malattia di Hodgkin veneree dovrebbero essere valutati, testati per uretrale o infezione da clamidia del collo dell'utero e trattati se avessero rapporti sessuali con i pazienti durante i 30 giorni prima della comparsa degli ultimi sintomi di linfogranuloma venereo.

Osservazioni speciali

Gravidanza

Le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero avere un regime di trattamento con eritromicina.

Infezione da HIV

Le persone con infezione da HIV e linfogranulomatosi venosa dovrebbero essere trattate secondo gli schemi presentati in precedenza. Dati rari sulla combinazione di linfogranulomatosi venosa e associata all'HIV suggeriscono che tali pazienti necessitino di un trattamento più lungo e che sia possibile una lenta risoluzione dei sintomi.

Cosa c'è da esaminare?

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.