^

Salute

A
A
A

Piede

 
, Editor medico
Ultima recensione: 31.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il piede (pes) è diviso in 3 dipartimenti: tarso, metatarso e dita. Lo scheletro di questi reparti sono le ossa di tarsi (ossa tarsi), le ossa del metatarso (ossa metasarsalia) e le ossa delle dita dei piedi (ossa digitorum pedis).

Le ossa del tarso. Il tarso consiste di sette ossa spugnose disposte in due file. La fila prossimale (posteriore) consiste di due grandi ossa: l'ariete e il tallone. Le restanti cinque ossa tarsali formano una fila distale (anteriore).

Talus ha un corpo (corpus tali), una testa (caput tali) e una stretta parte di collegamento - un collo (collum tali). Sulla superficie superiore è un blocco dell'osso talus (trochlea tali), costituito da tre superfici articolari. La superficie superiore (facies superiore) è destinata all'articolazione con la superficie articolare inferiore della tibia. Le superfici articolari si trovano sui lati del blocco: la superficie mediale malleoli (facies malleolaris mediale) e la superficie del malleolo laterale (facies malleolaris lateralis) - articoli con le corrispondenti superfici articolari della tibia e perone caviglia. Sulla superficie laterale del corpo si trova il processo laterale dell'osso talusare (processus lateralis tali).

Dietro il blocco, dal corpo dell'astragalo, si trova il processo posteriore dell'osso dell'astragalo (processus posterior tali). Durante il processo, un solco è visibile per il tendine del lungo flessore dell'alluce. Sul lato inferiore dell'astragalo si trovano tre superfici articolari per l'articolazione con l'osso del tallone: superfici articolari calcaneali anteriori, medie e posteriori (faciei articolari calcanei anteriori, media et posteriori). Tra le superfici articolari medie e posteriori è presente una scanalatura dell'osso talus (sulcus tali). Il capo dell'astragalo è diretto in avanti e medialmente. Per articolarlo con l'osso scafoide serve come una superficie articolare navicolare arrotondata (facies articularis navicularis).

Il calcagno calcagno è l'osso più grande del piede. Si trova sotto l'osso del talus e si estende da sotto di esso. Dietro il corpo del calcagno c'è un tuberone calcaneo inclinato verso il basso. Nella parte superiore del calcagno, si distinguono tre superfici articolari: le superfici articolari della ram anteriore, centrale e posteriore (faciei articulares talaris anterior, media et posterior). Queste superfici corrispondono alle articolazioni del tallone dell'astragalo. Tra le superfici articolari medio e posteriore, è visibile il solco calcagno (sulcus calcanei), che insieme allo stesso solco sull'osso dell'astragalo forma il seno tarsi (seno tarsi). L'entrata di questo seno si trova sul retro del piede dal suo lato laterale. Dal margine anteriore del calcagno, dal lato mediale, parte un processo corto e denso - il supporto dell'osso del talento (sustentdculum tali). Sulla superficie laterale del calcagno c'è un solco del tendine del lungo muscolo fibulare (sulcus tendinis m.peronei longi). Sull'estremità distale (anteriore) del calcagno, per l'articolazione con l'osso cuboide, vi è una superficie articolare cuboidea (facies articularis cuboidea).

L'osso navicolare (os naviculare) è situato medialmente, tra l'osso dell'astragalo dietro e tre ossa a forma di cuneo nella parte anteriore. La superficie concava prossimale è articolata con la testa dell'astragalo. Sulla superficie distale dell'osso scafoide ci sono tre aree articolari per il collegamento con le ossa a forma di cuneo. Al margine mediale vi è la tuberosità dell'osso scafoide (tuberositas ossis navicularis) - il punto di attacco del muscolo tibiale posteriore.

Le ossa sfenoidali (ossa cuneiformia) - mediale, intermedio e laterale - sono anteriori all'osso scafoide. L'osso a cuneo mediale (os cuneiforme mediale), il più grande, si unisce alla base dell'osso metatarsale. Intermedio cuneiforme (os cuneiforme intermedium) articolato con II metatarso osso, laterale osso cuneiforme (os cuneiforme laterale) - III con metatarso osso.

L'osso cuboide (os cuboideum) si trova nella parte laterale del piede, tra il calcagno e le ultime due ossa metatarsali con cui forma le articolazioni. Sul lato mediale dell'osso cuboide si trova un sito di articolazione per l'osso sfenoidale laterale, e un po 'posteriormente per l'articolazione con l'osso scafoide. Sul lato inferiore (plantare) dell'osso cuboide si trova il solco del tendine del lungo muscolo fibulare (sulcus tendinis M. Peronei longi).

Plenick Bones (ossa metatarsi). Includono cinque ossa corte tubolari. L'osso metatarsale più corto e più spesso, il più lungo - II. Ogni osso ha un corpo (corpo), un caput e una base. I corpi delle ossa metatarsali hanno una convessità, girati nella parte posteriore. Le basi sono dotate di superfici articolari per l'articolazione con ossa tarsali. La testa I dell'osso metatarsale dal lato plantare è divisa in due siti, a cui contigui ossa sesamoidi. La base dell'osso metatarsale forma un'articolazione con un osso a cuneo mediale. Le basi delle ossa II e III sono articolate con le ossa intermedie e laterali a forma di cuneo, e le basi delle ossa metatarsali IV e V sono con l'osso cuboide. Sul lato laterale dell'osso metatarsale V è la tuberosità V dei metatarsi (tuberositas ossis metatarsali) per il fissaggio del muscolo fibulare corto.

Nelle dita dei piedi, come dita, sono falange prossimale (falange proximalis), falange media (supporti falange) e la falange distale (distalis falange). Lo scheletro del primo dito (alluce) consiste di sole due falangi: prossimale e distale. Le falangi distinguono tra corpo, testa e base. La base di ciascuna falange prossimale ha una fossa appiattita che serve per articolare con la testa del corrispondente osso metatarsale. Sulla base delle falangi medie e distali ci sono pozzi per l'articolazione con una testa di falange localizzata più prossimalmente. Ogni falange distale (unghia) termina con un tubercolo (tuberositas phalangis distalis).

Le ossa del tarso e del metatarso non giacciono sullo stesso piano. L'osso dell'astragalo si trova sul tallone e l'osso scafoide si trova sopra il tallone e le ossa cuboide. Le ossa del margine mediale del tarso sono elevate rispetto al margine laterale. Con questa disposizione delle ossa, si formano gli archi del piede, che forniscono un supporto a molla per l'arto inferiore. L'arco del piede ha un convesso, rivolto verso l'alto. Il margine laterale del piede è inferiore al bordo mediale, che è leggermente rialzato e aperto sul lato mediale. Infatti, solo pochi punti servono nel piede per il supporto: il tallone del calcagno - nella parte posteriore, le teste metatarsali, principalmente I e V, - nella parte anteriore. Le falangi delle dita toccano solo leggermente il terreno.

Fermati nel suo complesso Il piede è adattato per svolgere una funzione di supporto, che è facilitata dalla presenza di articolazioni "strette" e legamenti potenti. Le ossa del piede sono collegate, formando archi rivolti verso l'alto orientati nelle direzioni longitudinale e trasversale. Tutti e cinque gli archi longitudinali iniziano sul calcagno, si avviano a ventaglio, lungo le ossa del tarso fino alle teste delle ossa metatarsali. Nella direzione trasversale, tutti gli archi hanno altezze diverse. Al livello dei punti più alti degli archi longitudinali, si forma un arco trasversale arcuato. A causa della vigilanza del piede, il piede non poggia su tutta la superficie della suola, ma ha tre punti di appoggio: il tubercolo calcaneale, la testa I e V delle ossa metatarsali nella parte anteriore.

Gli archi del piede sono tenuti dalla forma di ossa adiacenti, legamenti (i cosiddetti "soffi" passivi di archi) e tendini muscolari ("sbuffi" attivi). I più potenti sbuffi passivi degli archi longitudinali del piede sono un lungo legamento plantare, un calcagno plantare-navicolare e altri legamenti. L'arco trasversale del piede è rafforzato da un metatarso profondo e trasversale e da altri legamenti situati nella direzione trasversale.

trusted-source[1]

Dove ti fa male?

Cosa c'è da esaminare?

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.