^

Salute

A
A
A

Cancro al colon

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il cancro dell'intestino crasso occupa ora il terzo posto tra le sue altre localizzazioni.

Il cancro del colon rappresenta il 98-99% di tutti i tumori dell'intestino, principalmente adenocarcinoma, forme meno comuni, muco e scirrosi.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9]

Epidemiologia

Negli Stati Uniti, il cancro del colon nella sua prevalenza si è classificato 2 ° dopo tumori cutanei maligni. Tra le altre lesioni maligne dell'intestino crasso, dominano i tumori maligni, che rappresentano il 95-98%, secondo vari autori.

Il cancro del colon varia in larga misura in diverse regioni del mondo. I tassi più bassi in Africa (1,6 - 5,9 casi ogni 100 mila persone), la media nell'Europa meridionale e orientale (23,6 - 33,8 casi ogni 100 mila persone) e la più alta nell'Europa occidentale e Nord America (da 46,3 a 51,7 casi per 100 mila persone).

Con la dinamica delle tendenze temporali, negli Stati Uniti c'è stata una diminuzione del tasso di incidenza negli Stati Uniti, in paesi europei come Portogallo, Grecia, Italia e Spagna. Allo stesso tempo, nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo, c'è un aumento dell'incidenza di questi tumori in uomini e donne.

Il cancro del colon ha il doppio delle probabilità di colpire uomini e donne. La localizzazione del tumore più frequente è sigmoideo (25-30%) e, soprattutto, retto (circa il 40%), alcuni autori indicano un'incidenza piuttosto elevata (basata sulle loro osservazioni) del cancro del cieco. Tutte le altre parti dell'intestino crasso sono colpite più raramente da un tumore canceroso. Questi dati differiscono in qualche modo tra autori diversi, ma in modo insignificante - dal 3 al 6-8% (per il reparto ascendente della curvatura del colon, epatica e splenica, collaterali trasversali e la sua sezione discendente).

Tra la popolazione di Africa, Asia e Sud America, il cancro del colon è molto più raro che in Europa e in Nord America, che è apparentemente a causa di problemi economici - e ancora avuto meno vita nelle regioni di cui sopra (e tumore del colon si verifica in principalmente negli anziani). Si ritiene inoltre che nei paesi economicamente più sviluppati, un più alto tasso di cancro del colon è causato da una serie di caratteristiche cibo che viene supportata da studi di un gran numero di autori (maggiore consumo di grassi animali e carne, alcuni prodotti conservanti e così via. D.), nonché il rilascio nell'aria e acqua da parte di imprese industriali di alcune sostanze tossiche con effetto cancerogeno.

Nello spiegare la differenza nell'incidenza di tumore del colon in regioni del mondo sono importanti anche alcune differenze flora batterica che abitano crasso da varie nazioni, spiegati dalla potenza, principalmente il consumo di alcuni alimenti, ed è noto, in larga misura determina il carattere della intestinale flora, alcune delle quali, forse, nel corso della loro attività vitale, possono rilasciare sostanze che hanno un effetto cancerogeno. Apparentemente, anche le tradizioni dell'elaborazione culinaria di cibo di diverse nazionalità hanno un significato.

Allo stesso tempo, hanno trovato che le sostanze cancerogene trovati in concentrazioni molto basse in alcuni alimenti (aflatossine, composti di N-nitro, idrocarburi policiclici aromatici, ecc), e le sostanze cancerogene, che possono verificarsi durante la preparazione del cibo, l'uso sistematico di questi i prodotti di solito aumentano l'incidenza del cancro dell'esofago, dello stomaco e del fegato e hanno scarso effetto sull'aumento dell'incidenza del cancro del colon. Pertanto si può presumere che alcuni tipi (ceppi) di batteri producono durante i suoi agenti cancerogeni di vita di quelli abbastanza "benigno", vale a dire. E. Non si cancerogeni, prodotti di digestione del cibo che raggiunge il colon e lungo ritardata in esso (prima della prossima defecazione). Infatti, alcuni ceppi batterici sono capaci di produrre agenti cancerogeni e mutageni (metilazoksitonol fenoli volatili, pirrolidina, ecc), e comprendono rispettivi enzimi. Lo sviluppo di agenti cancerogeni nel colon da parte di questi microrganismi dipende dalla natura della nutrizione; quindi un aumento del contenuto di cibo nella crusca riduce la produzione di agenti cancerogeni e riduce l'incidenza del cancro del colon.

Si ipotizza che alcune nazioni che mangiano per lo più alimenti vegetali che hanno una grande quantità di movimenti intestinali è a causa di questo più spesso di persone in Europa e Nord America, a causa del tempo di contatto ridotto di possibili agenti cancerogeni con la mucosa del colon, il loro assorbimento diminuisce e quindi la riduzione della frequenza delle lesioni carcinomatose del colon.

D'altra parte, c'è un'opinione secondo cui l'aspetto del cancro al colon predispone la stitichezza. Tuttavia, poiché il cancro del colon è più comune negli anziani, così come la stitichezza, è difficile individuare l'effetto specifico di ciascuno di questi fattori sull'incidenza della carcinogenesi.

Il cancro del colon può verificarsi a qualsiasi età, compresi bambini e adolescenti. Tuttavia, il più delle volte si riscontra nei gruppi di età più avanzata: tra 60-69 anni e 70-79 anni - rispettivamente il 28 e il 18%. È interessante notare che nelle persone di età più avanzata (80-89 anni e oltre) la sua frequenza diminuisce ancora bruscamente, avvicinandosi a quella dei giovani; Le ragioni di questo cambiamento nell'incidenza del cancro nelle persone anziane e senili non sono chiare.

Pertanto, lo studio dell'epidemiologia del cancro del colon e le caratteristiche specifiche della sua incidenza non permettono di esprimere opinioni sufficientemente chiare e convincenti sull'eziologia e sulla patogenesi di questa malattia.

Se si tenta di connettere l'insorgere di tumori maligni con alcuni cambiamenti locali nell'organo interessato, prima di tutto bisogna tenere a mente i processi infiammatori cronici e le cosiddette malattie precancerose.

Sullo sfondo della colite ulcerosa negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e nei paesi scandinavi, la probabilità di sviluppare tumore del colon aumenta di 8-30 volte e si verifica in età più giovane rispetto alla popolazione generale (una media di 20 anni prima); La sopravvivenza a 5 anni di questi pazienti dopo l'intervento chirurgico è quasi 3 volte inferiore.

Indubbiamente il significato del fattore ereditario, in particolare, molti casi di comparsa del cancro del colon-retto nella prole in famiglie di cui nei precedenti casi di questa localizzazione di un tumore maligno sono stati descritti. In alcune forme di poliposi ereditaria familiare (sindrome di Gardner, poliposi giovanile familiare dell'intestino crasso), la degenerazione dei polipi nel cancro, secondo la letteratura, è osservata con una frequenza estremamente elevata - fino al 95% e oltre.

Da rischi industriali, la dipendenza della frequenza del cancro del colon sull'asbestosi è più chiaramente rivelata. Indubbiamente, l'impatto delle radiazioni croniche sullo sviluppo di tumori maligni, incluso il colon, è anche importante.

Fare attenzione ad un particolare forma di cancro del colon - il cosiddetto multipla primaria cancro (contemporanea presenza di tumori di localizzazione differente, in questo caso, i due punti), che si verifica, secondo diversi autori, circa 5% dei casi. L'apparizione simultanea di focolai tumorali in diversi siti indica indirettamente una singola causa della loro origine.

Così, nonostante l'abbondanza di ipotesi, le cause e patogenesi del cancro del colon così come il cancro in generale, non sono ancora chiari, anche se tutti i fatti e le ipotesi di cui sopra possono in certa misura spiegare l'alta incidenza di cancro in alcune regioni rispetto ad altri.

trusted-source[10], [11], [12], [13], [14], [15], [16]

Le cause cancro al colon

Alcuni ricercatori ritengono che il cancro del colon "si verifica solo nei malati mucose - a causa di infiammatorie, erosivi, processi Scarry ulcerose che portano alla risposta epitelio anormale e contribuisce al tumore."

È stato dimostrato che gli adenomi dell'intestino crasso possono causare il cancro. Un certo numero di autori nota un'interessante dipendenza: maggiore è la dimensione dell'adenoma, maggiore è la probabilità della sua malignità; la più pericolosa è la malignità dei cosiddetti adenomi villosi.

trusted-source[17], [18], [19], [20], [21], [22]

Fattori di rischio

Nello sviluppo del cancro del colon sono importanti fattori dietetici, in particolare attribuiscono grande importanza al consumo di grassi animali, la mancanza di fibra vegetale nella dieta, uno stile di vita passivo. Come risultato del grosso intestino chimo entra in una piccola quantità (che riduce riflesso attività motoria intestino) ad alto contenuto di acidi biliari, acidi grassi, grassi neutri. Questi cambiamenti nella composizione chimica del contenuto intestinale, si muovono lentamente attraverso l'intestino e lungo a contatto con le mucose, oltre a irritante diretto a causare disturbi e microflora, che a sua volta cambia la composizione degli enzimi microbici (beta-glucuronidasi, alfa-degidrooksidaza et al.). Con questi cambiamenti, in generale, e associare l'aumento dell'incidenza di funzionali, infiammatorie, e, soprattutto, i processi novoobrazovatelnyh nel colon.

Recentemente, si ritiene che alcune sostanze abbiano proprietà protettive contro la carcinogenesi nell'intestino crasso.

Questi includono: acido ascorbico, selenio, vitamine A, beta-carotene, vitamina E.

Anche i fattori ereditari svolgono un ruolo importante nello sviluppo di circa il 20% dei casi di tumore del colon-retto, aumentando di 2-3 volte il rischio di insorgenza in parenti di sangue.

La colite ulcerosa è un fattore di rischio stabilito per lo sviluppo del cancro del colon-retto. Con una durata della malattia di oltre 20 anni e una lesione dell'intero colon, la probabilità di un tumore è aumentata al 24%.

Con gli stati precancerose includere anche polipi, atopica poliposi familiare del colon, sindrome di Gardner, Peutz-Dzhigersa, Turk, Cronkite Canada, famiglia poliposi giovanile e adenoma villoso, diverticolosi, la malattia di Crohn, la fistola adrectal (1%), cronica non trattata crepe nel retto.

La frequenza di rilevazione dei polipi adenomatosi del colon varia dall'1,6 al 12%. Con la colonscopia piena, polipi e tumori villi si trovano nel 20-50% delle persone oltre i 50 anni di età, e più vecchio è il gruppo di età, maggiore è la percentuale di rilevamento. È considerato un polipo adenomatoso solitario malattia precancerosa facoltativa e l'adenomatosi diffusa è un precancro obbligato.

C'è un lento sviluppo dei polipi dalla struttura più semplice a vari gradi di atipia e displasia della mucosa fino allo sviluppo del cancro (nel 70% dei casi). Questo processo richiede almeno 5 anni e in media dura 10-15 anni. L'indice di malignità per singoli polipi è 1: 35, per polipi multipli - 1: 3.

I tumori nasali sono formazioni esofitiche di forma rotonda o oblunga, aventi una caratteristica superficie vellutata. Ciò è dovuto all'abbondanza di villi. Di regola, un tumore villoso può essere singolo. Isolare forme nodulari e striscianti di tumori villosi. Il tumore del nodo si trova su un'ampia base, a volte trasformandosi in una gamba. La forma che crolla non ha un singolo nodo tumorale.

La poliposi diffusa appare anche in età prepuberale, ma il ciclo di sviluppo completo termina tra 20-25 anni e fino a 40 anni di età, la malignità si verifica nel 100% dei casi. L'adenomatosi ereditaria dell'intestino crasso ha un alto potenziale di malignità. Nei casi non trattati, in media, la morte si verifica all'età di 40-42 anni, cioè. Quasi 25 anni prima rispetto al carcinoma colorettale convenzionale.

Sindrome Dzhigersa-Peutz - totale poliposi del colon, in combinazione con la pigmentazione della melanina sul viso (guance, intorno alla bocca), la mucosa delle labbra e della bocca, di nuovo la pelle superficie delle dita e piccole articolazioni, intorno alle orifizi. Il cancro colorettale in questa sindrome si sviluppa in circa il 38% dei casi.

Nella sindrome di Turk, i pazienti con poliposi familiare hanno medulloblastomi e glioblastomi (tumori del sistema nervoso centrale). Nel quadro clinico predominano i sintomi neurologici e solo successivamente - i sintomi della poliposi.

Per la sindrome Gardner, descritta nel 1953, in combinazione tipica polipi adenomatosi del colon, anomalie dei denti multipli ganasce osteomi e il cranio, più tumori dei tessuti molli (tipo prevalentemente fibromi); in molti pazienti si riscontrano fibromi multipli nel mesentere dell'intestino tenue, nel lipoma del tessuto sottocutaneo e in altre aree.

Le manifestazioni esterne della sindrome di Gardner spesso precedono lo sviluppo di polipi in 10-20 anni. Circa 10-15 anni dopo la comparsa dei polipi del colon, si sviluppa la degenerazione del cancro.

La sindrome Cronkite-Canada è una poliposi non ereditaria del tratto gastrointestinale degli adulti, in combinazione con iperpigmentazione della pelle, la vitiligine screziato, alopecia, distrofia ungueale, edema, tetania, glossite e la cataratta.

L'eziologia di questa sindrome è sconosciuta. Si presume infezione o immunodeficienza. Il quadro clinico è caratterizzato da proteinuria, alopecia, pigmentazione della pelle, alterazioni delle unghie delle mani e dei piedi. La perdita di albumina è associata ad un aumento della produzione di muco e a numerose necrosi delle terminazioni di polipo. Clinicamente, questo si manifesta con diarrea, perdita di peso, dolore addominale, anoressia, debolezza, scarico periodico di sangue durante un atto di defecazione, vomito. La mortalità è del 60%. Il 15% dei pazienti sviluppa carcinomi colorettali.

trusted-source[23], [24], [25], [26], [27]

Patogenesi

Più frequentemente cancro si sviluppa nel sigma (50%) ed il cieco (15%) intestino, almeno - in sezioni rimanenti (colon ascendente - 12%, destra piegatura - 8%, colon trasverso - 5%, il gomito sinistro - 5 %, colon discendente - 5% dei casi).

Nel retto, il reparto ampollare è più spesso affetto da cancro (73,8% dei casi), meno spesso impopolare (23,3% dei casi) e anale (2,9% dei casi).

Il cancro del colon si verifica nella mucosa. Il tumore si estende leggermente lungo la parete intestinale. Al di fuori delle facce visibili, anche con il cancro endofitico, viene rilevato a una distanza non superiore a 4-5, di solito 1 -2 cm.

Dopo la germinazione di tutti gli strati della parete intestinale, il processo tumorale si diffonde successivamente ai tessuti e agli organi circostanti. Al sito dell'intestino crasso, colpito dal tumore, si può saldare il filo del grande epiploon, dell'intestino tenue o del suo mesentere.

In seguito allo sviluppo della fusione infiammatoria, il tumore si infiltra negli organi che vengono saldati al colon. Spesso c'è anche una diffusione del tumore verso il mesentere del colon. Negli uomini, molto spesso il cancro del retto si estende ai tubercoli seminali e alla prostata, e nelle donne all'utero e alla vagina.

Una caratteristica specifica del cancro del colon è la diffusione locale relativamente lunga del tumore (compresa la germinazione negli organi e nei tessuti circostanti) in assenza di metastasi nei linfonodi regionali, che possono apparire piuttosto tardi.

Il cancro del colon secondo le forme della struttura macroscopica è diviso (AM Ganichkin) in due grandi gruppi: 1) esofitico e 2) endofitico.

Le seguenti forme di cancro del colon sono correlate all'exophytic:

  1. Polipoide nella forma di un tumore sul peduncolo;
  2. nodulare su un'ampia base a forma di fungo, sporgente nel lume dell'intestino; può ulcerare;
  3. varicose-papillare sotto forma di cavolfiore, costituito da diversi nodi di diverse dimensioni.

Nel retto, anche un tumore simile a placca è isolato, quando il nodo piatto lungo la parte centrale superiore ha le stesse dimensioni dei bordi. Ha una superficie piatta o addirittura concava.

Le seguenti forme endofitiche di cancro del colon si distinguono:

  1. Ulcerativo nella forma di un'ulcera piatta con distinti bordi rialzati; può circolare circolarmente l'intestino, stenosante il suo lume;
  2. diffusive-infiltrative, infiltranti l'intero spessore del muro del colon senza confini chiari, causando un restringimento del lume.

Le forme di cancro esofitiche si verificano più spesso nella parte destra del colon, sono nodulari, polipoidi e fleecy-papillari; il tumore cresce nel lume dell'intestino. I tumori endofitici sono più comuni nella parte sinistra del colon. Sono a forma di disco e diffusamente infiltrativi, in quest'ultimo caso, spesso fanno circolare l'intestino circolarmente e restringono il suo lume.

trusted-source[28], [29], [30], [31], [32], [33], [34], [35], [36], [37], [38], [39]

Sintomi cancro al colon

I sintomi del cancro del colon sono diversi, dipendono dalla struttura e dalla posizione del tumore. Il periodo iniziale ( "precoce del cancro") è di solito asintomatica, e se si trova, è soprattutto solo l'esame ambulatorio o sigmoidoscopia, colonscopia, clisma opaco o di studio dell'intestino dito, realizzato sopra l'altra malattia intestinale presunta o esistente.

Qualche tempo dopo, quando il cancro del colon ha già raggiunto abbastanza grande e ci sono i primi segni di intossicazione cancro e alcuni sintomi suggestivi di contenuti ostruzione del colon, v'è una serie di sintomi non specifici generali come la debolezza immotivata, perdita di appetito, perdita di peso, "il disagio intestinale "(pesantezza dopo i pasti, gonfiore e carattere indefinito è il dolore sfocata nello stomaco, brontolio, gonfiore, sedia instabile, e così via. N.). In futuro, i sintomi delle lesioni intestinali tumorali diventano più distinti.

Il cancro del colon sulla destra si verifica spesso con sanguinamento intestinale, anemia ipocromica, spesso con dolore. A palpazione in alcuni casi è possibile sondare un tumore tuberoso che, nonostante le dimensioni abbastanza grandi in questo momento, di solito non elimina l'intestino, quindi i sintomi dell'ostruzione intestinale per questa localizzazione del tumore sono di poco carattere. Ciò è anche facilitato dal contenuto liquido della metà destra dell'intestino crasso, che passa liberamente attraverso la sezione ristretta.

Il cancro dell'intestino crasso a sinistra forma spesso un restringimento anulare del suo lume; il tumore è meno spesso palpabile, può causare un dolore cramping all'addome, alternando diarrea e stitichezza, a volte un quadro di ostruzione ostruttiva parziale. In questo caso, notare il gonfiore limitato della metà sinistra dell'addome e la peristalsi intestinale visibile. In un certo numero di casi, le masse fecali acquisiscono una forma a forma di nastro o una specie di "sgabello di pecora". Il dolore si verifica in precedenza quando il tumore è localizzato nell'anello anale, quando è localizzato nell'ampolla del retto, compare in un periodo successivo. I tumori dell'ano sono accompagnati da violazioni della defecazione. I tumori della parte distale del retto possono essere facilmente rilevati con la ricerca delle dita.

I sintomi del cancro del colon sono caratterizzati da cinque principali sindromi:

  1. sindrome di segni funzionali senza disturbi intestinali;
  2. con disturbi intestinali;
  3. sindrome di pervietà intestinale;
  4. sindrome di scarico patologico;
  5. violazioni delle condizioni generali dei pazienti.

La prima sindrome sono dolore addominale e disturbi addominali fenomeno (perdita di appetito - rimescolamento di cibo, nausea, eruttazione, sensazione sgradevole in bocca, singolo vomito, gonfiore e sensazione di pesantezza nella regione epigastrica).

Il dolore addominale si verifica nella maggior parte dei pazienti (fino al 90%) - i primi sintomi di cancro del colon e del colon. Il dolore può essere permanente, pressante, dolorante, a volte ha un carattere angosciante. Reverse gettando contenuto intestinale in violazione della funzione motoria dell'apparato dell'otturatore ileocecale porta a contrazioni spastiche dell'ileo, che clinicamente manifesta con dolore nella regione iliaca destra.

Il processo infiammatorio nel tumore stesso e accanto a esso può anche causare dolore. Con la localizzazione del dolore nell'area della flessione epatica, il colon trasverso dovrebbe essere eseguito con una diagnosi differenziale con colecistite, esacerbazione dell'ulcera peptica. Se il dolore è localizzato nella regione iliaca destra, deve essere esclusa l'appendicite acuta.

Sintomi iniziali del cancro del colon del cancro del colon - disagio intestinale: nausea, eruttazioni, sensazione sgradevole della bocca, vomito, gonfiore periodico, sensazione di pesantezza e pienezza nella regione epigastrica. I suddetti sintomi del cancro del colon concentrano l'attenzione dei pazienti, e spesso dei medici, sulle malattie dello stomaco e della cistifellea.

I fenomeni di disagio intestinale sono spiegati dalle connessioni neurali-riflesse della regione ileo-cecale con altri organi della cavità addominale. L'infiammazione cancerosa concomitante, così come l'assorbimento dei prodotti di decomposizione, i contenuti intestinali attraverso la mucosa del colon alterata portano a disturbi funzionali dello stomaco, del duodeno e del pancreas, che sono espressi dagli stessi sintomi.

Per la sindrome dei disturbi intestinali sono i sintomi del cancro del colon, indicando una pronunciata violazione del colon: stitichezza, diarrea, costipazione, diarrea, gonfiore e brontolio nell'addome. La causa dei disturbi intestinali sono le violazioni della funzione motoria, la paresi o, al contrario, la peristalsi intestinale accelerata.

I segni clinici di disturbi intestinali sono più spesso osservati con il cancro del colon sinistro. Ciò è dovuto al fatto che i tumori endofitici della metà sinistra portano rapidamente al restringimento dell'area interessata dell'intestino.

La progressione del processo tumorale porta a un restringimento del lume intestinale e una violazione della pervietà intestinale. Dal momento che il diametro del lume del colon destro è di quasi 2 volte il diametro del suo cuore sinistro, restringimento del lume del cancro del colon e violazione del diritto metà della permeabilità intestinale è molto più lento, con l'eccezione di un tumore della valvola ileocecale, dove l'ostruzione può verificarsi molto presto.

Pertanto, l'ostruzione intestinale complica (in circa il 73% dei casi) il tumore della metà sinistra e meno spesso il tumore della metà destra dell'intestino crasso.

L'otturazione completa nell'area del tumore è rara, ma i segni di ostruzione compaiono quando il lume si restringe a 1,0 - 0,6 cm L'ostruzione intestinale di solito si sviluppa negli stadi avanzati del cancro, ma in alcuni casi conduce i pazienti a istituzioni mediche.

Tra i sintomi del cancro del colon, dovrebbe essere data un'importanza significativa agli escrementi patologici. La secrezione di sangue, muco e pus con muffa durante la defecazione è il sintomo più caratteristico del cancro del retto, ma può essere osservato nel tumore del colon, in particolare nella metà sinistra.

Un'analisi delle osservazioni cliniche mostra che il sangue nelle feci può essere non solo negli stadi avanzati del cancro. Con il cancro esofitico, il sangue può comparire nelle prime fasi, con forme endofitiche, con scariche patologiche osservate meno frequentemente. Lo scarico abbondante nel cancro del colon è raro. La perdita di sangue giornaliera è in media di circa 2 ml.

Ci sono violazioni delle condizioni generali dei pazienti. Tra le prime manifestazioni, sintomi come il cancro del colon come anemia, febbre, malessere generale, debolezza ed emaciazione sono in prima linea. Questa immagine è più tipica per il cancro della metà destra del colon, in particolare il cieco e l'ascendente.

Nei pazienti con apparente benessere, malessere generale, debolezza, aumento della fatica e rapida stanchezza compaiono. Dopo questo, si nota il pallore della pelle, nello studio del sangue - anemia ipocromica, a volte la febbre (temperatura corporea 37,5 ° C) è l'unico segno del cancro del colon.

L'aumento della temperatura (a 39 ° C), come il sintomo iniziale relativamente raramente inserito tra i sintomi clinici di cancro del colon ed è dovuto, a quanto pare, infiammatorie e tumorali focolai reattiva circonferenza grasso retroperitoneale, linfonodi regionali, così come i prodotti di assorbimento del tumore disintegrazione.

Secondo la maggior parte clinici, anemia (emoglobina inferiore a 90 g / L) è associata con intossicazione come risultato di assorbimento dei prodotti di decadimento del tumore e contenuto intestinale infetti, ma non può essere escluso e gli effetti neuro-riflesso dall'intestino ileocecale, con conseguente interruzione della funzione ematopoietica.

In un terzo dei pazienti oncologici, l'anemia è l'unico segno clinico di un processo maligno. L'anemia ipocromica come malattia indipendente può essere diagnosticata quando il cancro della metà destra dell'intestino crasso viene escluso clinicamente, radiologicamente e anche operativamente.

Il diradamento si verifica quando il processo del cancro è andato lontano in combinazione con altri sintomi e non ha un grande valore indipendente. Tra i disturbi generali del corpo del paziente nel cancro dovrebbe essere attribuito un tale sintomo come la perdita delle proprietà plastiche del tessuto connettivo, che è espressa dall'aspetto causale di ernia della parete addominale.

Oltre ai cinque gruppi di sintomi elencati in precedenza, occorre prestare attenzione ai sintomi oggettivi importanti del cancro del colon - un tumore palpabile. La presenza di un tumore palpabile indica direttamente un quadro clinico pronunciato del tumore del colon, ma ciò non significa l'impossibilità del trattamento chirurgico radicale. Il tumore è determinato dall'esame obiettivo in quasi un terzo paziente, più spesso con tumore del colon cieco e ascendente, flessione epatica, meno frequente nel colon sigmoideo.

Il rilevamento attento e mirato delle manifestazioni cliniche iniziali consente non solo di sospettare, ma anche con un esame dettagliato appropriato, di riconoscere tempestivamente il cancro del colon.

Il corso e le complicazioni

Il decorso della malattia sta gradualmente progredendo. C'è un aumento di anemia, aumento della VES, si manifesta la febbre, la cachessia cancerosa sta progredendo. Spesso nelle feci ci sono una mescolanza di muco, pus. Ottenere tumore può invadere circostante intestinali cicli premistoppa e vicini organi, il peritoneo dovuta alla reazione e la presenza di adesione, in alcuni casi, un conglomerato si forma piuttosto grande.

L'aspettativa di vita dei pazienti senza trattamento è di 2-4 anni La morte avviene per esaurimento o complicazioni: sanguinamento intestinale profusa, perforazione dell'intestino, con il successivo sviluppo di peritonite, ostruzione intestinale, come pure dalle conseguenze delle metastasi.

trusted-source[40], [41], [42], [43], [44], [45]

Fasi

Ci sono 4 fasi del cancro del colon:

  1. Un piccolo tumore, limitato da uno strato mucoso o sottomucoso;
  2. un tumore che cresce nello strato muscolare e persino nella membrana sierosa, ma non ha metastasi prossimali e distanti;
  3. un tumore che ha metastasi ai linfonodi regionali;
  4. un tumore che si diffonde agli organi vicini o con più metastasi.

Più accuratamente riflette la diversità del processo di tumore primario e del sistema di classificazione internazionale delle metastasi TNM.

A seconda delle dimensioni del tumore primario, si distinguono Tis (carcinoma in situ) e T1-T4. L'assenza o la presenza di metastasi nei linfonodi regionali e distanti è indicata come N0-N1 e N4 (le categorie N2 e N3 non si applicano); assenza o presenza di metastasi a distanza - come M0 e Mi. Viene utilizzata anche la gradazione istopatologica del cancro (secondo l'esame istologico di campioni bioptici) - Gi, G2 e G3, che significa alto, medio e basso grado di differenziazione delle cellule tumorali.

Gli oncologi usano questa classificazione in una versione ancora più dettagliata.

Secondo un quadro macroscopico, si distingue una forma esofitica di cancro (più spesso nella parte destra del colon) e endofitica (più spesso nella parte sinistra del colon). Il cancro esofitico è un tumore tuberoso che si trova più spesso su una base ampia e cresce nel lume dell'intestino, solitamente un cancro polipoide o papillare. Durante la crescita, il tumore a volte può causare otturazione parziale o completa dell'intestino, la sua superficie può essere necrotica, portando a sanguinamento intestinale. Il cancro endofitico si diffonde attraverso la parete dell'intestino, spesso avvolgendolo circolarmente, e verso il peritoneo. Un tumore è uno scirrus o una forma ulcerosa di cancro. Ad un esame istologico, l'adenocarcinoma è il più spesso rilevato, molto meno spesso - il cancro solido e mucoso.

Le metastasi nei linfonodi regionali sono spesso osservate solo nel tardo periodo della malattia. Le metastasi remote si trovano più spesso nel fegato.

Il cancro del retto è il più spesso localizzato nella sua ampolla, ci sono forme ulcerative, papillomatozny, fungiforme e infiltrative. Anche la forma istologica del cancro del colon-retto può essere diversa; adenocarcinoma, carcinoma a cellule squamose, cancro gelatinoso, solido. Aumentando, il tumore germoglia negli organi vicini: la vescica, l'utero, l'osso sacro. Metastasi il cancro del retto nei linfonodi regionali, colonna vertebrale, fegato.

Il cancro del colon è localizzato in uno qualsiasi dei suoi reparti, ma più spesso nel retto. Nel retto è consuetudine allocare una sezione inferiore non popolare, pari a circa 5 cm, mediamente popolare (5-10 cm) e superiore-ampullare (10-15 cm). Il secondo posto in frequenza è occupato dal colon sigmoide, il terzo - dal colon. Nel colon, una delle sue tre parti può essere interessata, ma più spesso il tumore si trova negli angoli epatici e splenici. Tipicamente, il tumore cresce a un nodo, ma è anche possibile lo sviluppo di un tumore multicentrico, solitamente geneticamente correlato alla poliposi.

Classificazione clinica del tumore del colon-retto mediante TNM (IUCN, 2003)

T - tumore primario:

Tx - dati insufficienti per stimare il tumore primario;

T0 - il tumore primario non viene rilevato;

Tis: intraepiteliale o con invasione della mucosa;

T1 - il tumore si infiltra nella parete intestinale nella sottomucosa;

T2 - il tumore si infiltra nello strato muscolare della parete intestinale;

T3 - il tumore si infiltra nella membrana o nel tessuto subsenso delle aree non peritonali del colon e del retto;

T4 - il tumore spunta il peritoneo viscerale o si diffonde direttamente agli organi e alle strutture vicine.

Linfonodi regionali e sono okoloobodochnye nodi linfatici okolopryamokishechnye e situate lungo l'ileo, colon destro, colon mezzo, coliche sinistra, mesenterica inferiore e del retto superiore (emorroidali), le arterie iliache interne.

Nx - dati insufficienti per la valutazione dei linfonodi regionali;

N0 - non ci sono segni di coinvolgimento metastatico dei linfonodi regionali;

N1 - metastasi in 1 - 3 linfonodi regionali; N2 - metastasi in 4 o più linfonodi regionali. M - metastasi distanti:

Mx - dati insufficienti per la definizione di metastasi a distanza;

M0 - nessun segno di metastasi a distanza; M1 - ci sono metastasi distanti.

Raggruppamento per fasi

Stadio 0 - Tis N0 M0

Passo I.

  • T1 N0 M0
  • T2 N0 M0

Fase II

  • TZ N0 M0
  • H4 N0 M0

Fase III

  • Qualsiasi T N1 M0
  • Qualsiasi T N2 M0

Stadio IV - Qualsiasi T Qualsiasi NM

Staging of the Duke (Duke stage) J.Dukes (G.Dukes (1932)) ha identificato quattro fasi del cancro del colon:

  • A. Il tumore è localizzato nella mucosa della parete intestinale, non germinando altri strati. Questo gruppo include tumori polipoidi facilmente rimovibili con superficie ulcerata.
  • B. Il tumore è ulcerato, tutti gli strati della parete intestinale si sviluppano e perfino sono riparati, comunque, di regola, le metastasi in nodi di linfa regionarny non sono osservate.
  • C. Un tumore della stessa natura del gruppo "B", ma con la presenza di metastasi nei linfonodi regionali.
  • D. Questo gruppo è rappresentato da un tumore primario con metastasi a organi distanti.

trusted-source[46], [47], [48], [49], [50], [51], [52], [53]

Classificazione clinica dei tumori del canale anale da parte di TNM (IUCN, 2003)

T - tumore primario:

Tx - dati insufficienti per stimare il tumore primario;

T0 - il tumore primario non viene rilevato;

Tis - carcinoma preinvasivo;

T1 - tumore fino a 2 cm nella dimensione più grande;

T2 - tumore fino a 5 cm nella dimensione più grande;

T3 - tumore più di 5 cm nella dimensione più grande;

T4 - un tumore di qualsiasi dimensione, che germoglia organi adiacenti: la vagina, l'uretra, la vescica (il coinvolgimento di uno sfintere muscolare non è classificato come T4). N - linfonodi regionali:

Nx - dati insufficienti per la valutazione dei linfonodi regionali;

N0 - non ci sono segni di coinvolgimento metastatico dei linfonodi regionali;

N1 - metastasi nei linfonodi circolatori;

N2 - metastasi nei linfonodi iliaci o inguinali su un lato;

N3 - metastasi nel retto e nei linfonodi inguinali e / o in iliaca e / o inguinale su entrambi i lati.

Raggruppamento per fasi

Stage 0

  • Tis N0 M0

Passo I.

  • T1 N0 M0

Fase II

  • T2 N0 M0
  • TZ N0 M0

Stadio IIIA

  • T1 N1 M0
  • T2 N1 M0
  • TZ N1 M0
  • H4 N0 M0

Fase IIIB

  • H4 N1 M0
  • Qualsiasi T N2, N3 M0

Stadio IV

  • Qualsiasi T Qualsiasi NM

trusted-source[54], [55], [56], [57], [58]

Forme

Classicamente, su suggerimento di AM Ganichkin (1970), si distinguono sei forme cliniche di cancro del colon:

  1. tossico-anemico, caratterizzato dalla prevalenza di disturbi generali e progressiva anemia ipocromica;
  2. Enterocolite, caratterizzata da un sintomo complesso dei disturbi intestinali dominanti;
  3. Dispepsia, in cui predominano i disturbi funzionali del tratto gastrointestinale; Tali pazienti vengono spesso esaminati con la diagnosi di gastrite, ulcera peptica, cancro allo stomaco, pancreatite cronica;
  4. obturazionale, che è caratteristico della comparsa precoce del complesso dei sintomi della permeabilità intestinale;
  5. psevdovospalitelnuyu tra manifestazioni cliniche principali di cui i sintomi anteriori di infiammazione nella cavità peritoneale: dolore addominale, irritazione del peritoneo e la sollecitazione dei muscoli della parete addominale, febbre, leucocitosi e aumentare l'accelerazione ESR; Questo complesso di sintomi è una manifestazione clinica del processo infiammatorio, spesso associato al cancro del colon;
  6. tumore atipico, caratterizzato dalla presenza di un tumore palpabile nella cavità addominale con un basso grado di sintomi clinici della malattia.

Forme e schemi di crescita macroscopici

A seconda della natura della crescita, si distinguono le seguenti forme di cancro del colon:

  1. esofitica - placca, polipo, grossolana;
  2. transitorio (eso e endofitico) - cancro a forma di disco;
  3. endofitico - endofitico-ulcerativo e diffuso-infiltrativo

Nella metà destra dell'intestino crasso e nella parte ampollare del retto, i tumori esofitici sono più spesso osservati. Per il cancro della metà sinistra dell'intestino crasso e della divisione rettosigmoidale, la crescita endofitica è più caratteristica.

trusted-source[59], [60], [61], [62], [63], [64]

Struttura microscopica

Secondo la classificazione istologica internazionale dei tumori intestinali (WHO No. 15, Ginevra, 1981), si distinguono i seguenti tumori del colon:

  1. adenocarcinoma;
  2. adenocarcinoma mucinoso (mucoso);
  3. carcinoma a cellule cistiche;
  4. carcinoma a cellule squamose;
  5. carcinoma a cellule squamose ghiandolari;
  6. cancro indifferenziato;
  7. cancro non classificato

L'adenocarcinoma rappresenta oltre il 90% di tutti i carcinomi nel colon e nel retto. Il tumore è costruito da epitelio ghiandolare atipico, che forma varie strutture - tubolari, acinose, papillari. Allo stesso tempo, è possibile un diverso grado di differenziazione del cancro.

Si caratterizza per istologico adenocarcinoma altamente differenziata e caratteristiche citologiche del normale epitelio originale, con lo stesso tipo di strutture ghiandolari tumorali, costruito dai colonociti aspirazione, tra cui Paneth cellule e Kulchytskyy. Nel lume delle ghiandole c'è una quantità sufficiente di secrezione. Scarsamente differenziato adenocarcinoma è caratterizzato da caratteristiche istologiche e citologiche sono assomiglia solo lontanamente normale epitelio - cellule sono estremamente polimorfico, v'è un gran numero di mitosi atipica. Le cellule del calice non vengono rilevate. Le ghiandole che formano queste cellule sono anche molto diverse. L'adenocarcinoma moderatamente differenziato è un tumore, in una serie di segni istologici che occupano una posizione intermedia tra il tumore e i tumori malodifferentsirovannymi.

Il tumore mucoso è l'adenocarcinoma, che è caratterizzato da una pronunciata produzione di muco. Ci sono 2 tipi di questo tumore. Il primo tipo - il tumore ha una struttura ghiandolare, la mucina è contenuta nel lume delle ghiandole, le seconde assomigliano ai "laghi", pieni di muco; inoltre, la mucina è presente nello stroma del tumore. Il secondo tipo è un tumore costituito da filamenti o gruppi di cellule circondati da muco. Per entrambi i tipi di tumore mucocutaneo, è necessaria una valutazione del grado di differenziazione per gli stessi criteri per l'adenocarcinoma.

Il carcinoma a cellule cricoidi è un tumore costituito esclusivamente da cellule cricoidi, nel citoplasma di cui sono contenuti i contenuti mucosi.

Il carcinoma a cellule squamose nel colon e nel colon sigmoideo è estremamente raro. Si verifica principalmente nella zona di transizione tra il retto e il canale anale. Tumore costruito di cellule squamose atipiche, caratterizzate da ponti intercellulari e cheratina - intracellulare (cancro neorogovevayuschy) e extracellulare (carcinoma cheratinizzanti). Il tumore squamoso cheratinizzante squamoso è un tumore estremamente raro.

Il carcinoma a cellule squamose di ferro è una variante estremamente rara del tumore, rappresentata da due componenti: adenocarcinoma e carcinoma a cellule squamose. Nell'adenocarcinoma, a volte si osservano piccoli fuochi della trasformazione delle cellule squamose.

Il cancro indifferenziato è un tumore costruito da cellule epiteliali atipiche che non contengono muco e non formano ghiandole. Le cellule tumorali sono più spesso polimorfe, a volte monomorfe, strati di forma e trefoli separati da uno stroma di tessuto connettivo sparso.

Se il tumore istologicamente rilevato non appartiene a nessuna delle categorie sopra e descritte, parla di cancro non classificato.

La classificazione dell'OMS (1981) identifica anche un gruppo di tumori nell'ano e nell'ano. Nel canale anale si distinguono i seguenti tipi istologici di cancro:

  1. cellula squamosa;
  2. cancro, simile alla cellula basale (basaloide);
  3. mukoepidermoidny;
  4. adenocarcinoma;
  5. indifferenziata;
  6. non classificati.

Il carcinoma a cellule squamose ha spesso la struttura di non cheratinizzazione ed estremamente raro - cheratinizzante. Il cancro simile alla cellula basale (basaloide) è raccomandato per essere chiamato "cancro cloacogenico", secondo la morfologia, varia anche in base al grado di differenziazione. Il tumore mucoepidermoide è una combinazione di muco, cellule epidermoidi e cellule di un tipo intermedio. L'adenocarcinoma nel canale anale è diviso in 3 varietà: tipo rettale, adenocarcinoma delle ghiandole del retto e adenocarcinoma nella fistola rettale.

Per valutare il grado di malignità del tumore del colon, oltre al tipo istologico di tumore e grado di differenziazione, è necessario prendere in considerazione la profondità di invasione della parete, il polimorfismo cellulare, attività mitotica, la reazione dei linfociti e la forma la diffusione del tumore stromale fibroblastica.

Metastatizza il cancro del colon in modo linfatico nei linfonodi regionali ed ematogena nel fegato. Nei casi di cancro avanzato, a volte metastasi ematogene vengono rilevate nelle ossa, nei polmoni, nelle ghiandole surrenali e nel cervello. Tuttavia, di regola, tale localizzazione dei linfonodi secondari è rara, e più spesso anche in caso di morte, il processo è limitato al danno epatico. In alcuni casi, le metastasi di impianto sono possibili sotto forma di carcinomatosi del peritoneo.

Classificazione istologica internazionale dei tumori intestinali

Tumori epiteliali.

  1. Adenocarcinoma (75 - 80% dei casi). Secondo la classificazione istologica internazionale dell'OMS, viene indicato il grado di differenziazione (alto, medio, basso-differenziato).
  2. Adenocarcinoma mucocutaneo (fino al 10-12% dei casi).
  3. Carcinoma delle cellule cricoidi (fino al 3 -4%).
  4. Carcinoma a cellule squamose (fino al 2%).
  5. Cancro indifferenziato
  6. Kartsinoidы.
  7. Carcinoide-adenocarcinoma misto.

Non epiteliali (tumori mesenchimali).

  1. Tumore stromale gastrointestinale (GIST).
  2. Leiomiosarcoma.
  3. Angiosarcoma.
  4. Sarkoma Kaposi.
  5. Melanoma.
  6. Linfoma maligno
  7. Neurilemoma maligno (Schwannoma).

La maggior parte dei tumori maligni del colon adenocarcinoma ha una struttura (circa il 90% dei pazienti), almeno - adenocarcinoma della mucosa (cancro della mucosa), carcinoma a cellule anello con sigillo (mukotsellyulyarnogo cancro), squamose (Stratum e neorogovevayuschy) e il cancro indifferenziato.

Complicazioni e conseguenze

La complicazione più frequente è l'ostruzione intestinale, che si sviluppa a causa dell'ostruzione del lume dell'intestino con un tumore. Si verifica nel 10-15% dei pazienti. Lo sviluppo di ostruzione ostruttiva nel cancro della metà sinistra del colon è osservato da 4 a 6 volte più spesso che con il cancro della metà destra. Occasionalmente, l'ostruzione intestinale può essere causata dall'invaginazione di un tumore in crescita esofitica, la curvatura del ciclo della cerniera, influenzata dal tumore.

L'infiammazione nei tessuti dei tessuti circostanti si sviluppa nel 12 - 35% dei pazienti. Allo stesso tempo, si sviluppa un quadro clinico di un ascesso o di un flemmone. Se il processo patologico è localizzato nel cieco, può procedere sotto l'apparenza di appendicite acuta nella fase di un infiltrato appendicolare.

Alle forme gravi del decorso clinico si annoverano tumori cancerosi complicati da perforazione della parete intestinale (2 - 5% dei casi). La perforazione del tumore può avvenire nella direzione della parete addominale o dello spazio retroperitoneale, nonché nella cavità addominale libera; In rari casi, una perforazione indiretta del tumore nella cavità addominale avviene attraverso la penetrazione dell'ascesso localizzato intorno al tumore.

La ritenzione prolungata di feci dense può portare alla formazione di ulcere da pressione nella parete intestinale direttamente sopra il tumore e alla rottura della parete (perforazione diastatica - perforazione di troppo pieno). Il quadro clinico della perforazione diastatica si distingue per la particolare gravità del flusso. L'aumento del quadro clinico dell'ostruzione intestinale con l'improvviso sviluppo di peritonite a flusso rapido è un indicatore di perforazione da crescita eccessiva dell'intestino.

Poiché lo sviluppo del tumore del colon si diffonde agli organi vicini (nel 15-20% dei casi). Quando il tumore cresce nel tessuto pericardico, sono collegati l'uretere e il rene, i disordini disurici, l'ematuria moderata e l'albuminuria. Nella formazione della fistola urico-colobica, ci può essere pneumaturia e persino fecaluria.

Germinazione parte retroperitoneale del duodeno e del pancreas caratterizzata clinicamente da un aumento del dolore, la comparsa di diarrea, nausea, vomito e il deterioramento delle condizioni generali del paziente. Fistole interne durante la germinazione di cancro al colon si aprono spesso nel piccolo intestino, vescica e dello stomaco, ma possono sviluppare anastomosi patologico con il duodeno, cistifellea e tra le diverse parti del colon.

Con la diffusione del cancro del colon sullo stomaco in pazienti ha notato una sensazione di pesantezza nella regione epigastrica, nausea, eruttazione, vomito ricorrente. Con la germinazione dell'utero e le sue appendici ci sono dolori nella parte inferiore dell'addome, il ciclo mestruale è sconvolto, ci sono perdite dalla vagina sanguinante o mucopurulente.

trusted-source[65], [66], [67], [68], [69], [70], [71], [72]

Metastasi al colon del cancro

La metastasi si presenta linfatica (30% dei casi), ematogena (50% dei casi) e impianto (20% dei casi).

La via principale per metastatizzare il cancro del colon è linfatica, con i linfonodi di primo ordine localizzati nel punto di attacco del mesentere alla parete dell'intestino. Successivamente, i linfonodi nella fissione dei vasi mesenterici e in seguito i linfonodi della radice del mesentere sono interessati.

Le principali zone di metastasi regionali del cancro e del retto sono state identificate da Miles già nel 1908. Ha dimostrato che la diffusione del processo tumorale avviene in tre direzioni: ascendente, laterale e discendente.

Il cancro del colon-retto diffusione Lymphogenic si verifica nel corso dei vasi linfatici rettali superiori in nodi anorettali e quindi ai linfonodi situati alla base dell'arteria mesenterica inferiore e ulteriormente nel preaortalnye retroperitoneale e linfonodi para-aortici. E 'anche possibile metastasi del cancro colorettale durante le arterie emorroidali centrali ai nodi iliaci, nonché retrograda lungo l'arteria inferiore emorroidali nei linfonodi inguinali. I linfonodi regionali in cancro del colon e del retto, secondo vari autori, sono interessati nel 40 - 60% delle osservazioni.

Pedigree metastasi copre adrectal, superiori nodi mesenterici rettali e inferiori, diffusione laterale colpisce i nodi rettali media, otturatore, iliache interna ed iliache comuni, con una propagazione ribasso interessa i linfonodi inguinali.

Un numero di regolarità di metastasi del cancro del colon-retto si distinguono a seconda del reparto in cui il tumore è localizzato. Si ritiene che il cancro verhneampulyarnogo reparto spesso metastasi nodi linfatici colpiti lungo la rettale superiore, l'arteria mesenterica inferiore e l'aorta, il cancro inferiore e dipartimenti sredneampulyarnogo - linfonodi iliaci e linfonodi pelvici, e durante il cancro anale - colon inguinale linfonodi.

Le metastasi linfogene sono uno dei motivi per cui la probabilità di recidiva dopo l'intervento chirurgico per il cancro del colon è molto alta. Pertanto, nella chirurgia del cancro del retto, il sistema di drenaggio linfatico è sempre stato considerato come uno dei principali obiettivi, l'effetto su cui potrebbe migliorare i risultati a lungo termine.

trusted-source[73], [74], [75], [76], [77], [78]

Metastasi ematogena

Al centro della diffusione ematogena del cancro si trova il processo di embolizzazione da parte delle cellule tumorali delle vie di deflusso venoso da organi affetti da tumori maligni. La penetrazione delle cellule tumorali in vasi venosi si verifica principalmente a seguito di invasione e distruzione delle pareti dei vasi da parte del tumore. Come è noto, la maggior parte del sangue venoso nel sistema delle vene mesenteriche superiore e inferiore entra nel portale e solo dalla parte distale del flusso retto nella vena cava inferiore. Queste caratteristiche anatomiche del sistema circolatorio del colon spiegano perché i tumori di questa localizzazione si metastatizzano principalmente al fegato. Le metastasi sincrone nel fegato si sviluppano nel 10-15% dei pazienti con cancro del colon. Il secondo posto nella frequenza delle metastasi a distanza è occupato dai polmoni, con le metastasi che sono il più delle volte multiple. Le metastasi nei polmoni dei tumori del colon sono rilevate alle autopsie del defunto nel 22,3% delle osservazioni.

Meno spesso che nel fegato e polmoni, ma ancora relativamente spesso si verifica metastasi del cancro al colon nelle ossa dello scheletro: al sacro e lombare della colonna vertebrale, le ossa pelviche, le costole, lo sterno, coscia, clavicola, nel cervello.

Metastasi di impianto

Su germinazione l'intero spessore della parete intestinale e le cellule tumorali tumore sierosa uscita può essere impiantato sulla superficie del peritoneo, sulla superficie di una mucosa sana prossimale o distale situata sulle sezioni tumorali dell'intestino, nonché gli organi e tessuti circostanti.

Le cellule tumorali più spesso aderiscono al peritoneo parietale o viscerale, apparendo presto come eruzioni multiple prosyroid caratteristiche su di esso. Gli urti sono densi al tatto e di solito hanno un colore bianco-grigiastro. Nella cavità addominale appare fluido ascitico, che è, di regola, emorragico.

Diagnostica cancro al colon

La diagnosi di tumore del colon svolge i seguenti compiti principali:

  • istituzione di localizzazione del cancro del colon-retto, sua estensione, forma anatomica di crescita e struttura morfologica;
  • determinazione della prevalenza locale e a lungo termine del processo tumorale;
  • Valutazione delle condizioni generali del paziente e funzione degli organi e dei sistemi vitali.

L'esame del paziente inizia con uno studio attento dei reclami, la storia della malattia. In caso di esame obiettivo, si dovrebbe prestare attenzione al colore della pelle, alla condizione dei linfonodi periferici, in misura maggiore in inguinale. Con la palpazione dell'addome, può essere rilevata una formazione simile a un tumore, solitamente con una grande dimensione del tumore, oltre a una dolorosa infiltrazione che indica l'attaccamento dell'infiammazione. Nei pazienti impoveriti, il fegato affetto da metastasi può essere palpabile.

La ricerca oggettiva termina con la palpazione del retto, e nelle donne - con esame vaginale. La ricerca con le dita è efficace nel 70% dei pazienti. Se il tumore viene raggiunto da un dito, è possibile determinarne la localizzazione dal bordo e la mobilità rispetto alle strutture circostanti.

La recto-manoscopia può diagnosticare il cancro del retto e le parti inferiori del colon sigmoideo, determinarne l'estensione, la forma anatomica di crescita e anche effettuare una biopsia per determinare la struttura morfologica del tumore.

L'esame radiografico del colon consente di riconoscere fino al 90% dei tumori. Come agente di contrasto, il solfato di bario è usato più spesso. La sostanza a contrasto può essere presa attraverso la bocca e poi seguendo i suoi progressi lungo il tratto gastrointestinale viene osservata con l'aiuto di ripetuti studi a raggi X. Più spesso usi l'introduzione del contrasto da clisteri. La tecnica di tale esame a raggi X (irrigoscopia) consiste nelle seguenti fasi:

  • lo studio dei contorni dell'intestino quando è pieno di contrasto;
  • studio del rilievo della mucosa dopo evacuazione parziale dell'intestino;
  • studiare dopo l'introduzione nell'intestino d'aria (doppio contrasto).

Segni a raggi X del cancro al colon:

  • ostruzione del lume intestinale con deformazione pronunciata dei contorni;
  • restringimento del lume dell'intestino;
  • riempimento del difetto;
  • "nicchia" piatta nel contorno dell'intestino;
  • cambiamento nel rilievo della mucosa intestinale;
  • assenza di peristalsi sul segmento alterato dell'intestino;
  • Rigidità della parete intestinale;
  • violazione dell'evacuazione del contrasto.

La colonscopia è un metodo endoscopico di ricerca dell'intestino crasso. Questo metodo di diagnosi è disponibile per tumori fino a 1 cm di diametro, che sono spesso determinati mediante irrigoscopia. Sfortunatamente, non è sempre possibile eseguire una colonscopia completa. A questo proposito, l'intero colon dovrebbe essere esaminato sia con l'aiuto di una colonscopia e un'irrigoscopia. Ciò è di particolare importanza nelle lesioni multiple dell'intestino crasso, quando il tumore distalmente localizzato restringe il lume dell'intestino e non consente al colonscopio di oltrepassare il sito di restringimento. Quindi, i tumori di cui sopra sono diagnosticati durante l'intervento chirurgico o, peggio, dopo di esso. La diagnostica visiva alla colonscopia è necessariamente verificata morfologicamente.

Per i criteri di valutazione T teoricamente metodo ideale è l'ecografia endoscopica. Colonscopia ultrasuoni si propone come un metodo per specificare la diagnosi di tumori epiteliali del colon, consentendo criteri ecografia endoscopica per differenziare i tumori benigni e maligni, per determinare la profondità di invasione della parete intestinale, per stabilire la presenza di metastasi nei linfonodi regionali.

Con l'aiuto della colonscopia ecografica è possibile ottenere in precedenza inaccessibile per natura, volume e qualità delle informazioni diagnostiche:

  • rilevazione e valutazione basate sulla semiotica endoscopica nota di varie neoplasie del colon, determinandone la natura, le dimensioni, il tipo di crescita, ottenendo frammenti di tessuto per lo studio morfologico;
  • determinazione dell'assenza o presenza di invasione tumorale (inclusa una valutazione della sua profondità) del tumore rilevato nello spessore della parete dell'intestino crasso;
  • determinazione della prevalenza locale dei tumori maligni rilevati, che coinvolgono in essi adiacenti all'area interessata della parete intestinale di organi e tessuti, linfonodi cavernosi regionali.

È stato trovato che la sensibilità della colonscopia ecografica nella diagnosi differenziale delle neoplasie epiteliali del colon è del 96,7%, specificità dell'82,4%.

La corretta determinazione della profondità dell'invasione tumorale della parete del colon è possibile nel 75,4% dei casi, con i migliori risultati ottenuti nello stabilimento dell'invasione T3 e T4, dove l'accuratezza diagnostica era 88,2 e 100%, rispettivamente.

L'accuratezza della colonscopia ecografica per la visualizzazione dei linfonodi regionali è dell'80,3%, la sensibilità - 90,9%, la specificità - il 74,4%. Nel valutare la natura dei linfonodi cecali visualizzati mediante ultrasuoni, l'accuratezza diagnostica è del 63,6% y

In un aspetto comparativo, è stata studiata la possibilità risolutiva della colonscopia ecografica e di altri metodi diagnostici strumentali.

Secondo tutti i criteri di valutazione dell'efficacia, il metodo della colonscopia ecografica supera la routine (l'accuratezza è superiore del 9,5%, la sensibilità dell'8,2, la specificità dell'11,8%). La colonscopia ecografica per l'efficienza diagnostica è superiore al metodo a raggi X per lo studio delle neoplasie dell'intestino crasso. L'accuratezza della colonscopia ecografica era più alta del 6,7%, la sensibilità del 20, la specificità del 10%.

Così, l'ecografia colonscopia è il non-invasivo, ripetibile, metodo sicuro più informativo di specificare oggettivamente diagnosi di tumori epiteliali del colon, efficienza diagnostica è notevolmente superiore a quella di tutti i metodi di hardware di routine e diagnostica strumentale, finora applicata in oncologia clinica.

La possibilità di determinare la presenza della germinazione tumorale attraverso la parete intestinale con il metodo della tomografia computerizzata (CT) è molto limitata rispetto all'EUS. In effetti, una buona sensibilità di RT (82-89%), mentre adiacente alla bassa specificità (51%), dovuto principalmente al fatto che il tumore ha un bordo esterno di forma irregolare circondata da edematosa del tessuto okolorektalnoy adiposo, a causa di ciò che accade passo rivalutazione distribuzione.

La risonanza magnetica nucleare (MRI) non è in grado di valutare l'infiltrazione del tumore della parete rettale con elevata precisione, ma come CT dà una buona indicazione del coinvolgimento dei tessuti e delle strutture circostanti e nel 81 -82% dei metastasi lesione previsti nei linfonodi regionali.

Riguardo criterio di valutazione N, talune informazioni possono essere ottenute EUS, pelvico CT e NMR. Studi più specifici come limfangiografiya, linfoscintigrafia interstiziale (con Tc-99m soluzione trisolfuro di antimonio colloidale iniettato ad una profondità di 4 cm in ciascuna fossa sedalishno-proctal), linfoscintigrafia rettale (con Tc-99m - soluzione stagno zolfo colloidale è stato iniettato nello strato sottomucosa retto utilizzando un ago speciale attraverso il proctoscopio) immunolimfostsintigrafiya e del retto con anticorpi monoclonali sono utilizzati per migliorare l'accuratezza della diagnosi di linfonodo metastasi.

Infine, per quanto riguarda i criteri di valutazione noti che le metastasi epatiche sincrone verificano nel 10-15% dei pazienti con cancro colorettale, si manifesta con dolore nel quadrante superiore destro dell'addome: il quadrante superiore destro, la parte posteriore destra del torace, o spalla destra. Il dolore può essere cronico o acuto, causato da emorragia o necrosi di metastasi. L'allargamento del fegato può essere diagnosticato mediante esame clinico di routine di pazienti che non si lamentano. Ehotomografiya fegato (US) è il primo metodo per la diagnosi delle metastasi, anche se meno preciso di TAC o RM, soprattutto in pazienti con lesioni epatiche parenchimali diffuse, poiché la fibrosi del tessuto e cicatrici possono mascherare la presenza di piccoli tumori. Tuttavia, CT e NMR non dovrebbero essere usati quando non ci sono indicazioni chiare. I pazienti le cui metastasi nel fegato sono diagnosticate con ultrasuoni devono essere sottoposti a biopsia intraoperatoria dell'ago transcutanea per pianificare meglio il trattamento chirurgico.

Per pianificare il trattamento e determinare la prognosi della malattia, è necessario determinare le caratteristiche dell'aggressività biologica dei tumori con differenti tassi di crescita e, di conseguenza, diverse caratteristiche cinetiche e cliniche.

I più importanti qui sono i marcatori operativi, come CEA, il grado di differenziazione, gli indici di proliferazione cellulare, la ploidia del DNA. Il test con antigene embrionale-cancro (CEA) è utile ed è la base per il monitoraggio del paziente e aiuta la previsione. In effetti, esiste una chiara correlazione tra il livello preoperatorio del CEA, la differenziazione e lo stadio della malattia. Nei tumori altamente differenziati, il CEA è aumentato nel 61% dei casi, mentre nei casi di basso grado solo nel 3,5% dei casi. Inoltre, i valori CEA sono in correlazione con le fasi del processo tumorale (la fase più trascurata, maggiore è il CEA).

Il grado di differenziazione delle cellule tumorali (G) è un altro parametro preoperatorio utile che può aiutare nella valutazione biologica dei tumori del colon. Attualmente, si distinguono quattro gradi di differenziazione: G1 - tumori altamente differenziati; G2 - tumori di media differenziazione; G3 - tumori di basso grado; G4 - tumori indifferenziati. Questa classificazione si basa sull'analisi di diversi criteri gastopatologacheskih cellule tumorali, come l'indice mitotico, la polarità della perdita nel nucleo, la dimensione del giperhromatizm nuclei, ghiandole atipie e cellule, pleomorphism e invasività. Circa il 20% dei tumori del retto sono altamente differenziati, il 50% della media differenziazione, il restante 30% è scarsamente differenziato e indifferenziato. Si sottolinea che il grado di differenziazione è chiaramente correlata con metastasi nei linfonodi: infatti, metastasi nei linfonodi si osservano in Gl, G2 e G3-4 in 25, 50 e 80%, rispettivamente.

L'istogramma di citometria a flusso del cancro del colon-retto DNJ è stato eseguito in confronto con le dimensioni del tumore, la stadiazione di Duke, il grado di differenziazione, il livello preoperatorio del CEA e la sopravvivenza del paziente. Nello studio del DNA diploide nei tumori, la prognosi era statisticamente peggiore (p = 0.017) con DNA non diploide rispetto al DNA diploide, ma la prognosi peggiore è in presenza di DNA tetraploide nelle cellule tumorali.

Screening del cancro del colon

Ad oggi sono ricercate le modalità e i metodi di diagnosi precoce del cancro e delle malattie precancerose del colon. La convenienza di condurre esami preventivi per individuare malattie dell'intestino crasso è fuori dubbio. Tuttavia, durante gli esami il medico affronta una serie di difficoltà e, prima di tutto, la mancanza di volontà di una persona in buona salute di sottoporsi a procedure come la rettoscopia, la colonscopia, ecc. Ecco perché è necessario sviluppare uno studio facilmente realizzabile dall'organizzazione. Questo è attualmente il test per il sangue occulto fecale, che è stato sviluppato all'inizio degli anni '60 e dal 1977 è stato introdotto in un'ampia pratica clinica. Questo metodo è basato sulla famosa reazione del guaiacolo, modernizzata da Gregor e chiamata "test dell'emocultura".

Ad oggi, il test dell'emoccult è l'unico test di screening per la presenza di tumore del colon-retto. È semplice in esecuzione, non richiede grandi spese. Questo test è ampiamente utilizzato in Europa e negli Stati Uniti, così come nel Sud-Est asiatico e in Giappone. Con l'aiuto di un test di emocoltura, è possibile ridurre il tasso di mortalità dal cancro del colon-retto del 14-18%.

Lo screening del cancro del colon-retto deve essere effettuato almeno una volta ogni due anni. Con un risultato positivo, ogni paziente deve eseguire una colonscopia.

Poiché il cancro del colon si sviluppa principalmente da polipi, che possono essere rilevati anche con un test di emocoltura, questo metodo può essere considerato non solo come un metodo di diagnosi precoce del cancro, ma anche come metodo di prevenzione. La rilevazione e il trattamento dei polipi del colon è un'importante misura preventiva nel ridurre il cancro del retto e del colon.

Negli Stati Uniti, viene proposto un altro test di screening per la diagnosi precoce del cancro del retto e del colon. Il metodo si basa sull'analisi del muco, prelevato dal retto. Dipinto con il reagente di Schiff, il muco cambia colore se c'è neoplasia nel colon. Il metodo è semplice, economico, veloce e non fornisce una grande percentuale di risultati falsi positivi e falsi negativi. Al test è allegato un set per la sua esecuzione.

Recentemente, un considerevole interesse è stato causato dallo sviluppo di ricercatori nazionali e stranieri, consentendo lo screening genetico del cancro del colon-retto. Le cellule del cancro colorettale sono secrete con le feci, fornendo il potenziale per la diagnosi precoce della malattia con una tecnica non invasiva.

Il metodo si basa sul rilevamento di geni mutanti TP53, BAT26, K-KA5 isolati da feci e moltiplicati per DNA di reazione a catena della polimerasi (PCR) da tumori del colon-retto. Questa tecnica è in fase di sviluppo, ma quando si tratta di sensibilità e specificità accettabili, così come il costo delle sue prospettive, è molto promettente.

Recentemente, per lo screening del tumore del colon-retto, è stato proposto un esame scrotale del tumore M2-piruvato chinasi. Questo metodo consente di rilevare i tumori necro-intestinali nell'intestino crasso, è caratterizzato da elevata sensibilità e specificità. I risultati dell'applicazione di questa tecnica non sono ancora stati descritti nella letteratura nazionale.

Per migliorare la qualità della diagnostica, è necessario introdurre test di screening nella pratica clinica con la successiva applicazione di metodi radiologici ed endoscopici, nonché un ulteriore sviluppo scientifico di criteri che consentano di formare un gruppo ad alto rischio.

trusted-source[79], [80], [81], [82], [83], [84], [85], [86]

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale del cancro dell'intestino viene eseguita con lesioni tubercolari dell'intestino, tumori benigni, polipi e sarcoma dell'intestino crasso. A volte i due punti è determinata dalla palpazione arrotondato formazione che inesperto medici spesso solo considerato come un tumore, ma è spesso il semplice accumulo di feci nell'intestino, e il giorno dopo prima di un "tumore" palpabile non è definito. Se la formazione del tumore è palpabile nella regione ileale destra, può essere un infiltrato appendicolare.

Trattamento cancro al colon

Il cancro del colon viene trattato chirurgicamente. Nella chemioterapia in casi non resecabili, sono prescritti 5-fluorouracile e fluoroufur; il primo farmaco nella maggior parte dei casi dà il miglior risultato. Tuttavia, l'effetto della chemioterapia è di breve durata e si nota solo nella metà dei pazienti con tumore del colon.

In alcuni casi, la radioterapia viene eseguita prima o dopo l'operazione. Tuttavia, l'efficacia di questo trattamento non è elevata. Nei casi più gravi, quando non è possibile eseguire un intervento chirurgico radicale (resezione della lesione) e alterata permeabilità intestinale funzionamento funzioni palliative che consiste nel spegnere la lesione bypass anastomosi intestinale sovrapposizione o rettale praeternaturalis ano cancro overlay. La terapia sintomatica con farmaci in casi di vasta portata si riduce all'appuntamento degli antispastici e con dolore severo e analgesici narcotici. Con sanguinamento e anemia ipocromica, agenti emostatici, preparazioni di ferro, trasfusioni di sangue sono efficaci.

Il trattamento del cancro del colon è quello di eseguire una procedura chirurgica.

Prima di un intervento chirurgico sul colon, i pazienti hanno bisogno di una preparazione preoperatoria finalizzata alla pulizia dell'intestino. Negli ultimi anni, durante la preparazione dell'intestino, utilizzare fortranet, sciolto in 3 litri di acqua. Applicato anche il lavaggio ortogrado dell'intestino introducendo una soluzione isotonica 6 -8 L attraverso una sonda installata nel duodeno. Meno spesso usi una dieta senza scorie e clisteri purificanti.

Il trattamento chirurgico del cancro del colon dipende dalla posizione del tumore, dalla presenza o dall'assenza di complicanze e metastasi, dalle condizioni generali del paziente. In assenza di complicazioni (perforazione, ostruzione) e metastasi, vengono eseguite operazioni radicali - rimozione delle parti intaccate dell'intestino insieme al mesentere e ai linfonodi regionali.

Nel cancro, la metà destra del colon viene eseguita destro Emicolectomia (rimuovere terminale lunghezza ileo di 15 - 20 cm, il cieco, l'ascendenti e la metà destra del colon trasverso), completando l'operazione di tipo ileotransverzoanastomoza sovrapposizione end-to-lato o da lato a lato. Nel cancro del terzo medio della resezione del colon trasverso viene eseguita colon trasverso, completando la sua kolokoloanastomozom il tipo di end-to-end. Nel carcinoma del colon sinistro emicolectomia del lato sinistro eseguito (rimozione di una parte del colon trasverso, colon discendente e la porzione del sigma) sovrapposti transverzosigmoanastomoza. Nel cancro del colon sigmoideo, la resezione dell'intestino viene eseguita con la rimozione dei linfonodi regionali.

In presenza di complicazioni quali ostruzione intestinale, perforazione o infiammazione con lo sviluppo di peritonite, eseguire una resezione a due stadi del colon con rimozione esterna del contenuto intestinale. Molto spesso, dalla categoria di tali operazioni, viene implementato il manuale operativo di Hartmann. L'operazione è proposta per il trattamento del cancro del colon sigmoideo e della sezione recto-sigmoide. L'intestino viene resecato con una sutura della porzione distale strettamente e l'estrazione verso l'esterno nella forma di una colostomia prossimale. Il ripristino della continuità intestinale viene eseguito dopo un certo periodo di tempo in assenza di recidive o metastasi.

Se c'è tumori permanentemente o metastasi a distanza palliative intervento chirurgico viene eseguito per evitare occlusione intestinale: resezione palliativa, l'imposizione del ileotransverzoanastomoza bypass, transverzosigmoanastomoza, o imporre una colostomia.

La chemioterapia dopo il trattamento chirurgico del cancro del colon è prescritta a pazienti con crescita tumorale dell'intero spessore della parete intestinale e in presenza di metastasi nei linfonodi regionali. Nella fase avanzata della malattia, gli approcci alla chemioterapia dipendono dalle condizioni generali del paziente e sono individuali. In questa situazione, ha lo scopo di migliorare la qualità della vita.

Il principale metodo di trattamento del cancro colorettale rimane chirurgico. La chirurgia radicale per il tumore del colon-retto è finalizzata alla rimozione del tumore e dei linfonodi regionali.

I moderni principi di trattamento chirurgico del cancro del colon-retto sono:

  • rimozione ulcere nella parte interessata di una singola unità con il fascio di fibre e neurovascolare con legatura alta vascolare, partenza a 10 cm sopra il tumore e inferiori 5 cm per i tumori del colon e almeno 2 cm del retto;
  • la mesorectumectomia totale (rimozione del retto con fibre circostanti, strutture nervose vascolari e linfonodi, fascia viscerale limitata) deve essere eseguita in modo acuto;
  • per fornire confini laterali resezione rettale mezorektum cancro necessario rimuovere senza danneggiare i nervi autonomi pelvici (ipogastriche, nervo sacrale e plesso pelvico). Rimozione di tumori nizhneampulyarnogo medio e del retto devono essere accompagnati da un mezorektumektomiey totale, mentre il cancro verhneampulyarnogo reparto sufficiente a limitare la resezione mezorektum oltre 5 cm distalmente al tumore;
  • per il tumore localizzato del retto distale (T1-2 N0M0), situati a più di 2 cm dalla linea dentata, ha permesso la realizzazione di interventi in sfinkterosohranyayuschih controllo morfologico obbligatorio di margini chirurgici.

Più spesso, il cancro del retto comporta l'estirpazione rettale perineale addominale, la resezione rettale rettale; resezione anale addominale del retto con riduzione del colon sigmoideo (o colon trasverso), operazione di Hartmann (resezione ostruttiva).

La scelta del metodo di chirurgia radicale per il cancro del retto è determinata principalmente dalla lontananza del tumore dall'ano. Quando il tumore si trova a una distanza inferiore a 6-7 cm dall'ano, ricorrere all'estirpazione perineale addominale del retto. La posizione del tumore a una distanza di oltre 6-7 cm dall'ano rende possibile eseguire operazioni di risparmio dello sfintere (resezione anale-addominale con riduzione del colon sigmoideo).

Quando il tumore si trova a 10-12 cm dall'ano, è opportuno eseguire la resezione anteriore del retto. Transaddominale resezione retto e sigma sovrapposti singolo cilindro colostomia (Hartmann passo, resezione ostruttiva) viene condotta ad una posizione al di sopra del tumore 10 a 12 cm dal ano e l'impossibilità di eseguire per qualche motivo resezione anteriore del retto (ad esempio, per il funzionamento di emergenza eseguita in connessione con l'ostruzione intestinale, quando l'intervento è condotto su un intestino non preparato).

La chirurgia palliativa viene eseguita con lo sviluppo di gravi sintomi di ostruzione intestinale e l'impossibilità di eseguire un'operazione radicale. Consistono nell'imposizione di una colostomia a doppia canna o sigmostoma nella parete addominale anteriore nella regione ileale sinistra.

Nonostante i numerosi dubbi sulla giustificazione dell'uso di tecnologie laparoscopiche nel trattamento delle malattie maligne, i metodi minimamente invasivi vengono gradualmente introdotti negli interventi per il cancro del colon. Va notato che al momento, la letteratura contiene dati su un'esperienza piuttosto significativa di eseguire resezioni laparoscopiche anteriori per il cancro.

L'esperienza preliminare dimostra che l'uso di interventi laparoscopicamente assistiti sul retto per neoplasie maligne è giustificato e opportuno. L'uso di tecnologie laparoscopiche porta ad una riduzione del numero di complicanze postoperatorie, una diminuzione della gravità della sindrome del dolore e una riduzione della necessità di analgesici narcotici. Le tecnologie laparoscopiche consentono il funzionamento del retto con l'osservanza di tutti i principi oncologici, fornendo i necessari limiti e volumi di resezioni. Alcuni effetti negativi sui benefici attesi delle operazioni laparoscopiche si osservano quando è necessario eseguire incisioni minilaparotomiche per rimuovere il colon resecato.

Per un giudizio finale sulla posizione e il ruolo degli interventi laparoscopici nella chirurgia del cancro del retto, è necessario attendere i risultati di studi comparativi multicentrici, prospettici, randomizzati attualmente in corso.

Nel cancro delle parti distali dello stadio III del retto, vale a dire quando il tumore germina tutti gli strati della parete intestinale e cresce nel tessuto adiposo, e anche quando le lesioni metastatiche dei linfonodi regionali utilizzano metodi combinati di trattamento che migliorano i risultati a lungo termine. Ciò è dovuto al fatto che la recidiva locoregionale dopo trattamento chirurgico del cancro del retto è del 20 - 40%.

L'uscita del tumore oltre la fascia viscerale del retto è un'indicazione per la radioterapia preoperatoria. Quando i linfonodi regionali sono danneggiati, la radioterapia preoperatoria deve essere integrata con chemioterapia o radioterapia postoperatoria.

Al momento, gli scienziati stanno cercando metodi che consentano di aumentare la dose di radiazioni erogata al tumore e le aree delle sue metastasi regionali proteggendo i tessuti sani. Questo metodo è l'ipossirradiazione. Si è constatato che in condizioni di ipossia il corpo diventa più resistente alle aggressioni da radiazioni. Pertanto, come radioprotettore, è stata utilizzata una miscela di gas ipossico contenente il 91% di azoto e il 9% di ossigeno (GGS-9).

In generale, la radioterapia preoperatoria intensiva utilizzando una miscela di gas ipossia (HGM-9) può aumentare del 25% della dose totale fornita al tumore, e le possibili aree di metastasi regionale, senza aumentare il numero e la gravità delle reazioni fascio comuni.

L'aumento delle dosi di radiazioni fino a 25 Gy DOS migliora i parametri di sopravvivenza a cinque anni dei pazienti rispetto al trattamento chirurgico radicale del 16,4% (RNTS chiamato dopo NN Blokhin).

L'irradiazione viene utilizzata per influenzare il tumore e la sua via di distribuzione diretta, cioè E. Zone di metastasi linfogene regionali e la chemioterapia contribuisce alla distruzione delle metastasi subcliniche.

Per la chemioterapia del cancro del colon-retto, il "Mayo Clinic Scheme": una combinazione di 5-fluorouracile e leucovarina è ampiamente utilizzata in tutto il mondo. Questa combinazione aumenta significativamente la sopravvivenza dei pazienti e viene spesso utilizzata come standard di cura.

L'emergere di nuovi citostatici (taxani, gemcitabina, inibitori dei topoisomero I, tirapazamina, SFT, ecc.) Apre la prospettiva alla ricerca per l'ottimizzazione della chemioradioterapia.

Previsione

La sopravvivenza a cinque anni dipende, prima di tutto, dallo stadio della malattia, dalla struttura istologica e dalla forma di crescita del tumore. La prognosi è più favorevole se l'operazione viene eseguita negli stadi I-II della malattia, con un tumore esofitico, soprattutto se ha un alto grado di differenziazione. La prognosi è meno favorevole nei pazienti giovani, in particolare nel cancro anale.

La sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con cancro del retto con metastasi regionali è del 42,7%, mentre in assenza di metastasi - 70,8%.

trusted-source[87], [88], [89], [90], [91]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.