^

Salute

Chlamydia trachomatis (Chlamydia trachomatis)

, Editor medico
Ultima recensione: 01.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Attualmente sono noti 14 sierotipi della chlamydia trachomatis (chlamydia trachomatis) biovar, che provocano più di 20 forme nosologiche:

  • i sierotipi A, B, B1, C causano il tracoma e la congiuntivite con inclusioni intracellulari;
  • i sierotipi D, G, H, I, J, K causano la clamidia urogenitale, congiuntivite, polmonite dei neonati, sindrome di Reiter;
  • sierotipi L1, L2, L1a, L2a - causano il linfogranuloma venerea.

Chlamydia trachomatis (Chlamydia trachomatis)

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11], [12], [13]

Tracoma

Il tracoma è una malattia infettiva cronica caratterizzata dall'affetto della congiuntiva e della cornea, risultante, di regola, nella cecità. Quando il trachoma (dalle trachine greche - ruvido, irregolare) la superficie della cornea appare irregolare, tuberosa a causa dell'infiammazione granulomatosa,

L'agente eziologico del tracoma Chlamydia trachomatis (Chlamydia trachomatis) si apre nelle cellule della cornea a 1907 S. L. E Provatsekom Halbershtelterom che si è rivelata kontagioznost questa malattia, infettando oranghi immagini da raschiamenti congiuntivali paziente umano. Il batterio si trova nel citoplasma delle cellule dell'epitelio congiuntivale sotto forma di inclusioni del corpo di Provacek-Halbersthtelter.

Trachoma epidemiologico

Trachoma - antroponosi, trasmessa per contatto domestico (attraverso le mani, vestiti, asciugamani). La suscettibilità è alta, specialmente durante l'infanzia. I focolai della malattia sono identificati. Il tracoma è una malattia di natura endemica. La malattia si verifica nei paesi asiatici e africani. Centro e Sud America con un basso tenore di vita e cultura sanitaria della popolazione.

trusted-source[14], [15], [16], [17], [18], [19], [20], [21]

Patogenesi e sintomi del trachoma

L'agente causale sotto forma di corpi elementari penetra attraverso le mucose degli occhi e si moltiplica intracellularmente. Si sviluppa la cheratocongiuntivite follicolare, che progredisce per molti anni e termina con la formazione di tessuto connettivo cicatriziale , che porta alla cecità. Spesso viene attivata la flora condizionatamente patogena, a seguito della quale il processo infiammatorio assume un carattere misto.

L'immunità dopo una precedente malattia non viene prodotta.

Diagnosi microbiologica del tracoma

Per diagnosticare il tracoma, vengono esaminati i raschiamenti dalla congiuntiva. I preparati sono macchiati secondo Romanovsky-Giemsa, mentre le inclusioni citoplasmatiche di colore viola con un centro rosso, situato vicino al nucleo del corpo di Provacek-Halberstelter, si trovano nelle sbavature.

RIF ed ELISA sono utilizzati per rilevare l'antigene.

È possibile isolare il patogeno in una coltura cellulare in vitro. McGoy, HeLa-229, L-929 e altre culture sono usati per scopi brillanti.

Trattamento del tracoma

Vengono utilizzati antibiotici del gruppo tetraciclina, induttori di interferone e immunomodulatori.

Prevenzione

La profilassi specifica del tracoma non è sviluppata. È importante rispettare le misure di igiene personale e migliorare la cultura igienica e igienica della popolazione.

Chlamydia urogenitale (uretrite non gonococcica)

Chlamydia urogenitale (uretrite non gonococcica) è una malattia sessualmente trasmessa acuta o cronica che colpisce il sistema genito-urinario, caratterizzato da un decorso lento con conseguente sviluppo dell'infertilità.

Chlamydia trachomatis, serovars DK, oltre alla patologia del tratto urogenitale, possono causare danni agli occhi (congiuntivite con inclusioni), così come la sindrome di Reiter.

Epidemiologia della clamidiosi urogenitale

La clamidia urogenitale è un'infezione antropica, la fonte dell'infezione è una persona malata. Il percorso dell'infezione è il contatto, prevalentemente sessuale. Possibile contatto con la famiglia (in questi casi, sviluppa la clamidia familiare), così come l'infezione se si deposita sulla mucosa degli occhi durante il bagno (congiuntivite delle piscine).

La malattia è molto comune (fino al 40-50% di tutte le malattie infiammatorie del sistema genito-urinario, il sistema è causato dalla clamidia ), ma può rimanere non riconosciuta (nel 70-80% dei casi l'infezione è asintomatica).

trusted-source[22], [23], [24], [25], [26], [27], [28], [29], [30]

Patogenesi e sintomi della clamidiosi urogenitale

Chlamydia trachomatis (Chlamydia trachomatis) colpisce l'epitelio della mucosa del tratto urogenitale. Negli uomini, l' uretra è principalmente infetta , nelle donne: la cervice. In questo caso, potrebbe esserci un lieve prurito, scarico mucopurulento. In futuro c'è un'infezione ascendente. Come risultato di processi infiammatori, si sviluppa infertilità maschile e femminile.

La clamidia si presenta come un'infezione, in associazione con gonococchi e altri patogeni patogeni e opportunisti. L'infezione della donna incinta è un pericolo sia per la madre che per il feto: parto prematuro, complicazioni postpartum, i neonati possono avere congiuntivite, meningoencefalite, sepsi, polmonite. Possibile infezione quando si passa un bambino attraverso il canale del parto di una madre infetta.

Insieme al danno ai singoli organi per la clamidia, anche le manifestazioni sistemiche sono caratteristiche (sindrome di Reiter). È caratterizzato da danni agli organi genitourinari (prostatite), malattie degli occhi (congiuntivite) e articolazioni (artrite). La malattia procede con remissioni e attacchi ripetuti. Lo sviluppo della malattia è associato ad antigeni clamidiali, che provocano processi immunopatologici in individui geneticamente predisposti (il 70% dei casi ha l'antigene di istocompatibilità HLA B27).

L'immunità dopo l'infezione trasferita non si forma. Nel sangue delle persone infette si trovano anticorpi specifici che non hanno una funzione protettiva.

Diagnosi microbiologica della clamidiosi urogenitale

Il materiale per lo studio è raschiatura dall'epitelio dell'uretra, canale cervicale, congiuntiva. Un metodo microscopico di indagine è possibile - i preparativi sono macchiati da Romanovsky-Giemsa e Gram. Con l'aiuto di RIF ed ELISA, gli antigeni della clamidia sono determinati nel materiale di prova. Definizione complessa di immunoglobuline delle classi M, G, A in RNGA,. RIF ed ELISA sono il metodo più affidabile e consentono di determinare lo stadio di sviluppo. Usato PCR e il metodo di ibridazione del DNA. Quando viene colpito il tratto urogenitale, viene utilizzata la coltura del patogeno sulle colture cellulari.

Trattamento della clamidiosi urogenitale

Applicare antibiotici tetracicline, macrolidi, fluorochinoloni per lungo tempo (14-21 ceppi), nonché preparati di interferone, induttori di interferone e immunomodulatori.

Profilassi della clamidiosi urogenitale

La profilassi specifica della clamidiosi urogenitale non è stata sviluppata. Misure importanti sono la prevenzione non specifica delle malattie a trasmissione sessuale, l'individuazione tempestiva e la riabilitazione dei pazienti con clamidia urogenitale.

Linfogranuloma venerea

Il linfogranuloma venerea è una malattia caratterizzata da affezione degli organi genitali e dei linfonodi regionali e sintomi di generalizzazione dell'infezione. La malattia è causata da Chlamydia trachomatis (Chlamydia trachomatis), Serovar L1, L2, L1a, L2a

Epidemiologia del linfogranuloma venerea

La fonte dell'infezione è una persona malata. Il sentiero della battaglia è contatto sessuale, molto meno spesso contatto familiare. L'infezione è endemica nei paesi con un clima caldo - nell'Asia orientale, nell'America centrale e meridionale, i singoli casi si trovano ovunque. La suscettibilità della popolazione è elevata.

trusted-source[31], [32], [33], [34], [35], [36], [37], [38]

Patogenesi e sintomi del linfogranuloma venerea

Le porte d'ingresso dell'infezione sono le mucose degli organi genitali, dove la clamidia si moltiplica. Sui genitali compaiono piaghe. Quindi i microbi penetrano nei linfonodi regionali (di solito inguinali). I linfonodi infiammati vengono aperti con la formazione di fistole con secrezione purulenta. Pochi mesi dopo, ci sono cambiamenti distruttivi nei tessuti circostanti - ascessi del retto.

Immunità

Dopo la malattia trasferita c'è una forte immunità.

Diagnosi microbiologica del linfogranuloma venerea

Il materiale per lo studio è il pus dei bubboni, una biopsia dei linfonodi colpiti. Esegui una microscopia di impronte-impronte, isola il patogeno sulle colture cellulari e negli embrioni di pollo. Il metodo sierologico viene utilizzato per determinare gli anticorpi nella reazione di microimmunofluorescenza. Con l'aiuto di un test allergico, viene stabilita la presenza di HRT agli antigeni del patogeno (test intradermico di Frey).

Trattamento del linfogranuloma venerea

Terapia antibiotica con farmaci e macrolidi tetracicline.

Profilassi del linfogranuloma venerea

La profilassi specifica del linfogranuloma venerea non è stata sviluppata, le misure di prevenzione non specifica delle infezioni trasmesse sessualmente sono importanti.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.