^

Salute

A
A
A

Difterite

 
, Editor medico
Ultima recensione: 24.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Difterite (difterite, soffocando malattia) - malattia infettiva acuta anthroponotic con meccanismo di trasmissione aerosol patogeno, caratterizzata da una lesione primaria dell'orofaringe e delle vie aeree con lo sviluppo di infiammazione fibrinoso nel sito di introduzione del patogeno e lesioni tossiche del sistema cardiovascolare, sistema nervoso e reni.

La difterite è un'infezione acuta faringea o cutanea causata dal Corynebacterium diphtheriae che produce tossine , alcuni ceppi che sono in grado di produrre esotossina. I sintomi della difterite sono o infezioni cutanee aspecifiche o faringite pseudomembranosa, accompagnate da danno secondario al miocardio e al tessuto nervoso. Il danno di quest'ultimo è dovuto all'azione di esotossina. La diagnosi di difterite si basa sulla clinica ed è confermata dalla ricerca sulla cultura. La difterite viene trattata con antitossina e penicillina o eritromicina. La vaccinazione nell'infanzia dovrebbe essere una routine.

Codici ICD-10

  • A36. Difterite.
    • A36.0. Difterite della faringe
    • A36.1. Difterite del rinofaringe
    • A36.2. Difterite della laringe
    • A36.3. Difterite della pelle
    • A36.8. Altra difterite
    • A36.9. Difterite, non specificata.

Che cosa causa la difterite?

La difterite è causata dal Corynebacterium diphtheriae, che infetta il rinofaringe (difterite respiratoria) o la pelle. I ceppi di Corynebacterium diphtheriae infettati da un betafago (portano un gene che codifica per la formazione di una tossina) producono una potente tossina. In primo luogo, questa tossina provoca infiammazione e necrosi dei tessuti locali, dopo di che il cuore, i nervi e i reni sono interessati.

Gli umani sono l'unico serbatoio conosciuto di Corynebacterium diphtheriae. L'infezione si diffonde con una sospensione aerea formata da starnuti, per contatto diretto con secrezioni orofaringee o lesioni cutanee o, più raramente, con la pelle staccabile. La maggior parte dei pazienti diventa portatore nasofaringeo asintomatico. Cattive cure e igiene pubblica contribuiscono alla diffusione della difterite cutanea. Negli Stati Uniti, le popolazioni indigene che vivono in focolai endemici sono in un gruppo particolarmente ad alto rischio.

Quali sono i sintomi della difterite?

I sintomi della difterite sono variabili e dipendono dal luogo dell'infezione e dalla presenza o meno di tossine. La maggior parte dei casi di difterite respiratoria è causata da ceppi produttori di tossine. La maggior parte dei casi di difterite cutanea è dovuta a ceppi non produttori di tossine. La tossina è scarsamente assorbita dalla superficie della pelle, quindi le complicazioni dovute alla tossina sono rare nella forma cutanea di difterite.

La difterite ha un periodo di incubazione che di solito dura 2-4 giorni e un periodo prodromico che dura 12-24 ore. Dopo questo, il paziente ha i primi sintomi di difterite: moderata intensità di mal di gola, disfagia, febbre minore e tachicardia. Nausea, vomito, starnuti, mal di testa e febbre sono più comuni nei bambini. Se la difterite è causata da un ceppo che produce tossine, una membrana caratteristica compare nella regione delle tonsille palatine. Inizialmente, la membrana può essere un essudato bianco, ma di solito diventa grigio sporco, fibroso e così attaccato alle tonsille che la sua rimozione è accompagnata da sanguinamento da esse. L'edema locale può essere espresso in un aumento visivamente determinato del collo (collo bovino), raucedine, stridore e dispnea. La membrana può diffondersi alla laringe, alla trachea e ai bronchi e causare un'ostruzione parziale delle vie aeree, oltre a un'ostruzione completa, che porta alla morte improvvisa.

Le lesioni cutanee di solito si verificano sugli arti. Differiscono nel loro aspetto e sono spesso indistinguibili dalla patologia cutanea cronica (eczema, psoriasi, impetigine). In alcuni casi, si formano ulcere sporgenti con un rivestimento grigiastro. Dolore, dolore, eritema ed essudato tipici. Nei casi in cui vi è produzione di esotossina, i siti delle lesioni possono perdere sensibilità. L'infezione concomitante rinofaringea è rilevata nel 20-40% dei casi.

La miocardite si sviluppa spesso nell'intervallo tra il decimo e il quattordicesimo giorno della malattia, ma può verificarsi in qualsiasi momento dalla 1a alla 6a settimana della malattia. Modifiche dell'ECG minori si riscontrano nel 20-30% dei pazienti, ma possono verificarsi blocco atrioventricolare, blocco cardiaco completo e aritmie ventricolari, che è spesso associato ad alta mortalità. Si può anche sviluppare insufficienza cardiaca acuta.

Il danno al sistema nervoso di solito inizia entro la prima settimana della malattia dalla paresi bulbare, che porta alla disfagia e al rigurgito nasale. La neuropatia periferica compare nel periodo dalla 3a alla 6a settimana della malattia. La neuropatia ha carattere sia motorio che sensoriale, ma predominano i disturbi motori. Il recupero completo dell'attività nervosa si verifica molte settimane dopo.

Dove ti fa male?

Cosa ti infastidisce?

Come viene diagnosticata la difterite?

L'aspetto della membrana dovrebbe suggerire una diagnosi di difterite. La colorazione di Gram della membrana può consentire il rilevamento di bacilli gram-positivi con colorazione metocromatica. Il materiale per il test della coltura deve essere preso sotto la membrana, o una parte della membrana stessa può essere presa per l'esame. Il laboratorio deve essere informato che è necessario cercare Corynebacterium diphtheriae.

La difterite cutanea deve essere sospettata quando il paziente sviluppa lesioni cutanee durante la diffusione della difterite respiratoria. Un materiale di striscio o biopsia deve essere inviato per cultura.

Cosa c'è da esaminare?

Come viene trattata la difterite?

I pazienti sospettati di avere difterite devono essere immediatamente ospedalizzati nell'unità di terapia intensiva, per monitorare le complicanze respiratorie e cardiache. È richiesto l'isolamento con le vie respiratorie e le precauzioni di contatto. L'isolamento continua fino a quando 2 studi di coltura effettuati 24 e 48 ore dopo la cancellazione antibiotica sono negativi.

L'antitossina della difterite deve essere somministrata senza attendere la conferma della coltura, poiché l'antitossina è in grado di neutralizzare solo la parte della tossina che non è legata alle cellule. L'uso di antitossina nella forma cutanea di difterite, in assenza di evidenza di malattia respiratoria, è di valore discutibile. La sequenza patologica causata dall'azione di esotossina è raramente osservata nella forma cutanea di difterite, tuttavia alcuni esperti raccomandano l'uso di un antitossina in questa forma. Negli Stati Uniti, l'antitossina dovrebbe essere ottenuta tramite CDC. Avvertenza: la difterite antitossina è ottenuta dai cavalli, pertanto prima dell'iniezione deve essere eseguito un test cutaneo o congiuntivale per determinare la sensibilità all'antitossina. La dose di antitossina, che varia tra 20.000 e 100.000 unità per via intramuscolare o endovenosa, è determinata dalla gravità della malattia, dai sintomi e dalle complicanze. Quando compare una reazione allergica alla somministrazione di un antitossina, iniettare immediatamente da 0,3 a 1 ml di epinefrina ad una diluizione da 1 a 1000 (0,01 ml / kg). L'introduzione di adrenalina può essere endovenosa per via sottocutanea, intramuscolare o lenta. Nei pazienti altamente sensibili all'antitossina, la somministrazione endovenosa di un antitossina è controindicata.

Gli antibiotici sono prescritti per ottenere l'eradicazione e prevenire la diffusione dell'infezione. Non possono sostituire l'antitossina. Gli adulti possono essere prescritti sia procaine penicillina G 600 000 ED per via intramuscolare ogni 12 ore, o eritromicina 250-500 mg per via orale ogni 6 ore per 14 giorni. Neonati devono essere assegnati procaina penicillina G alla dose di 12 500-25 000 U / kg ogni 12 ore per via intramuscolare o eritromicina 10-15 mg / kg (massimo di 2 g al giorno) ogni 6 ore per via orale o per via endovenosa. Eliminazione Corynebacterium diphtheriae considerata completa quando, dopo aver completato un ciclo di antibiotici in due successive coltura studia materiale dalla gola e / o patogeni nasali non rilevato (risultato negativo).

Il recupero dalla difterite acuta è lento, quindi i pazienti devono essere avvisati di non spostarsi rapidamente alle attività attive. Anche una normale attività fisica può danneggiare un paziente che si sta riprendendo dalla miocardite.

Quando la forma cutanea di difterite è raccomandata pulizia approfondita del sito di danno con acqua e sapone e la nomina di antibiotici sistemici per 10 giorni.

Come viene impedita la difterite?

Tutte le persone dovrebbero essere vaccinate in tempo. Per i bambini viene utilizzato un vaccino contro la difterite e difterite, per gli adulti - vaccino DS. La difterite posticipata non garantisce lo sviluppo di immunità, quindi le persone che sono state sottoposte a difterite devono essere vaccinate dopo il recupero. Inoltre, gli aggiornamenti delle vaccinazioni dovrebbero essere forniti a tutte le persone di contatto, compreso il personale ospedaliero. L'immunità protettiva può essere prevista non più di 5 anni dopo un'iniezione di richiamo. In quei casi in cui lo stato di vaccinazione è sconosciuto, è necessario effettuare la vaccinazione.

È necessario esaminare tutti i contatti più stretti; le colture dalla gola e / o nasopharynx devono essere prese per l'esame in tutte le persone di contatto indipendentemente dallo stato di vaccinazione. Avendo nessun sintomo di contatti difterite dovrebbe ricevere eritromicina 250-500 mg per via orale ogni 6 ore per gli adulti (10-15 mg / kg per bambini) entro 7 giorni di una singola somministrazione o benzatina penicillina G (600.000 unità intramuscolare per chi di peso corporeo inferiore a 30 kg, e 1,2 milioni di unità per via intramuscolare per quelli con una massa corporea superiore a 30 kg. Nei casi in cui i risultati dello studio di laboratorio sono positivi, il trattamento è completato con corso di 10 giorni di eritromicina. è necessario effettuare un costante monitoraggio dei pazienti tempo l cheniya. I vettori non dovrebbero ricevere l'antitossina. Dopo 3 giorni dall'inizio del trattamento con antibiotici considerati sicuro ritorno al lavoro, ma è necessario continuare a prendere i farmaci. Ricerca Re-culturale viene effettuato 2 settimane dopo la sospensione di antibiotici. Quei vettori, seguita da osservazione non è possibile, prescrivere la penicillina G benzatina, e non eritromicina, che è dovuta al fatto che non vi è certezza nella compliance del paziente.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.