^

Salute

A
A
A

Lesioni intestinali: cause, sintomi, diagnosi, trattamento

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il maggior numero di lesioni traumatiche dell'intestino al periodo della guerra - è per lo più ferite da arma da fuoco e danni chiuse a causa dell'impatto della onda d'urto. Durante la Grande Guerra Patriottica, le lesioni al colon rappresentavano il 41,5% di tutte le ferite degli organi cavi. Tra tutte le lesioni addominali chiuse, il 36% era dovuto a lesioni intestinali chiuse; mentre nell'80% dei casi, l'intestino tenue era danneggiato e nel 20% - spesso.

In tempo di pace, le lesioni intestinali sono molto meno comuni.

Sono stati fatti tentativi per classificare le lesioni traumatiche dell'intestino. Tuttavia, queste classificazioni non sono state utilizzate a causa della loro complessità. Il più accettabile, a nostro avviso, per il lavoro pratico è la classificazione proposta da A M. Aminev (1965), che si basa sul principio eziologico e sulla localizzazione anatomica delle lesioni del retto e dell'intestino crasso. Gli svantaggi di questa classificazione includono l'assenza in esso di indicazioni per danni all'intestino tenue.

Danni all'intestino con trauma addominale chiuso in tempo di pace sono stati osservati in incidenti stradali, cadendo da un'altezza, compressione forte, ad esempio tra i respingenti delle auto. Il grado di danno all'intestino può essere diverso: una contusione della parete intestinale, più e più volte si rompono fino a una completa rottura trasversale dell'intestino.

Nei casi in cui una forza di azionamento è applicata non perpendicolare allo stomaco (direzione obliqua) si può verificare separazione mesentere intestinale in posizioni di fissaggio (digiuno prossimale e distale ileo).

In connessione con il fatto che con il trauma chiuso dell'addome, le lesioni, di regola, sono combinate, nella diagnosi ci sono difficoltà significative. I segni clinici di un intestino squarciato comprendono dolore acuto all'addome al momento della lesione, polso rapido, dolore e tensione dei muscoli della parete addominale durante la palpazione dell'addome. Quando la percussione attira l'attenzione sulla diminuzione delle dimensioni dell'ottusità epatica dovuta all'accumulo di gas nello spazio sub-diaframmatico. Chiari segni di peritonite compaiono qualche tempo dopo l'infortunio.

Le lesioni aperte dell'intestino si verificano a causa della penetrazione delle ferite addominali (colpo d'arma da fuoco, coltello o ferita con qualsiasi oggetto appuntito).

Nel quadro clinico delle lesioni acute, prevale il dolore addominale di varia intensità, il vomito, un impulso rapido (più di 100 in 1 min), una tensione nei muscoli dell'addome, un forte dolore alla palpazione. Quando la percussione dell'addome viene definita stupidità nella regione iliaca a seguito di accumulo di liquidi (versamento di sangue, contenuto intestinale o versamento infiammatorio). C'è un ritardo nelle feci. I gas non partono. Sull'unione della paresi dell'intestino sono evidenti il gonfiore e l'assenza di rumore della peristalsi durante l'auscultazione.

Posto significativo nella diagnosi di lesioni aperte e chiuse intestini rimossi esame raggio della cavità addominale, che permette di rilevare la comparsa di gas libero, accumulo di liquidi nelle parti laterali addome, ileo paralitico.

Il trattamento delle lesioni intestinali è chirurgico. Il metodo dell'intervento chirurgico viene scelto in base alla natura delle lesioni.

Oltre a queste lesioni intestinali, ci sono gli infortuni legati Amineva AM (1965) e BL Kandelisom (1980) alla categoria della famiglia (danno intestinale durante le procedure mediche, fratture del bacino, operazioni in altri organi, danno intestinale da corpi estranei, ustioni dell'intestino, ecc.).

Danni agli intestini durante la manipolazione medica AM Aminev si divide in 3 gruppi:

  1. lieve danno (escoriazione, incrinature, lacerazione dell'ano dell'anello anale e delle mucose). Tali tipi di lesioni non richiedono trattamento, la loro rapida guarigione avviene;
  2. trauma di moderata gravità (dissezioni extraperitoneali del retto, danni all'intestino senza disturbare l'integrità del peritoneo);
  3. grave danno con violazione dell'integrità del peritoneo o degli organi circostanti, complicata dall'infezione della cavità addominale o degli spazi cellulari.

Danni meccanici al retto possono essere osservati con termometria rettale, esame in specchi, clisteri di pulizia e trattamento. Abbiamo spesso dovuto vedere ad un esame sigmoidoscopico danni superficiali traumatici della parete intestinale, causati dalla punta del clistere, quando la procedura non veniva eseguita in modo sufficientemente qualificato. Di regola, si trattava di un difetto della membrana mucosa di forma triangolare, situato lungo la parete anteriore del retto ad una distanza di 7-8 cm dall'ano.

Nonostante il fatto che la ricerca rettoscopia considerato di routine ed è ampiamente utilizzato nella pratica clinica e ambulatoriale, in alcuni casi può essere accompagnata da complicazioni, la più grave delle quali è la perforazione del retto e del sigma.

Diversi motivi possono contribuire alla perforazione: violazione della tecnica di ricerca, pronunciato cambiamenti patologici nella parete intestinale, comportamento irrequieto del paziente durante lo studio.

Le manifestazioni cliniche della complicazione dipendono dalle dimensioni del foro perforato, nonché dalla virulenza della microflora intestinale e dal grado di clearance intestinale prima dello studio.

Al momento del danno alla parete intestinale con una sigmoidoscopia, il paziente ha un lieve dolore all'addome inferiore, a volte nausea. Presto questi fenomeni scompariranno. Solo dopo 2 ore ci sono segni di una complicazione in via di sviluppo.

Nell'ultimo decennio, un metodo come la fibrocolonoscopia è entrato ampiamente nella pratica clinica. L'importanza di questo metodo per la diagnosi delle malattie del colon non può essere sopravvalutata. Tuttavia, ci sono segnalazioni di complicanze durante la colonscopia, di cui perforazione e sanguinamento sono considerati i più formidabili.

La perforazione può verificarsi durante lesioni dell'intestino intestino endoscopio gonfiare intestino aria forzata, alterazione patologica della parete intestinale (cancro, colite ulcerosa, morbo di Crohn, malattia diverticolare).

Il sanguinamento è osservato durante la biopsia da formazioni vascolari (emangiomi), dopo biopsie multiple in pazienti con colite ulcerosa e morbo di Crohn, e anche dopo elettrocoagulazione di polipi.

Secondo gli esperti, qualsiasi complicazione dopo una colonscopia è il risultato di una violazione della tecnica dello studio. La pratica mostra che la frequenza delle complicanze diminuisce quando l'endoscopista accumula esperienza e migliora la tecnica di ricerca.

Il danno all'area anale e al retto con oggetti appuntiti e contundenti è un tipo di trauma raro. Per descrivere un tale trauma nella letteratura del XIX secolo, è stato usato il termine "drop on the count". Descrive i casi di caduta sul manico di una scopa, un bastone da sci, un manico di ombrello. Come risultato della lesione, il dolore acuto si verifica nell'ano, fino a shock da dolore, sanguinamento. C'è un desiderio di defecazione, il passaggio di feci e gas attraverso il canale della ferita. In questo tipo di lesioni si sviluppano lesioni estese e gravi, come la rottura delle pareti del retto e dello sfintere, la perforazione del peritoneo pelvico, il danneggiamento degli organi vicini.

Sono descritti casi di danni al retto e al colon sigmoideo a causa di operazioni ginecologiche e urologiche, aborti medici e cure ostetriche. Lesioni rettali portano a infezioni, con conseguente numerose complicazioni (cistite, pielite, flemmone, retto-vaginale e altre fistole, peritonite).

Danni all'intestino da parte di corpi estranei. Come è noto, corpi estranei entrano nell'intestino quando ingeriti, inseriti attraverso l'ano, penetrano dagli organi vicini e li formano nel lume intestinale (pietre fecali).

I piccoli oggetti ingeriti, di regola, si muovono liberamente lungo il tratto digestivo e vengono espulsi naturalmente. Una situazione di emergenza si verifica quando un corpo estraneo danneggia l'intestino o porta allo sviluppo di ostruzione ostruttiva.

I corpi estranei acuti possono causare la perforazione di qualsiasi parte dell'intestino con la formazione di un ascesso, che può essere preso come un tumore maligno durante l'esame e anche durante l'intervento chirurgico.

Nel retto attraverso l'ano, i corpi estranei a volte entrano in procedure mediche (il più delle volte la punta del clistere), le masturbazioni rettali e sono anche il risultato di atti criminali. I corpi estranei possono anche entrare nell'intestino da organi e tessuti vicini, ad esempio con ferite da arma da fuoco.

Alla casistica sono i casi in cui i tovaglioli e i tamponi di garza lasciati nella cavità addominale sono penetrati nell'intestino attraverso il decubito formato e lasciati naturalmente attraverso l'ano.

E, infine, si dovrebbe parlare di corpi estranei formati nel lume dell'intestino, pietre fecali. Si ritiene che con la normale funzione intestinale, la formazione di feci non sia praticamente possibile. Alcune condizioni sono necessarie per consentire alla pietra di formare e rimanere nel lume intestinale per lungo tempo. Una delle condizioni principali è la difficoltà di evacuare il contenuto intestinale, che si verifica a causa di una serie di ragioni (stenosi cicatriziale dell'intestino, violazione dell'innervazione, atonia intestinale).

Al centro dello sgabello ci sono particelle dense indigeribili. Questo include ossa di frutta, sospensione di solfato di bario, calcoli biliari, ecc. Gradualmente, le pietre "avvolte" con le feci, imbevute di sali, acquistano una notevole densità. Alcuni tipi di medicinali a lunga durata (bicarbonato di sodio, nitrato di bismuto, sali di magnesio) possono contribuire al consolidamento delle pietre. Tali dense pietre impregnate di sale sono chiamate coproliti veri, a differenza di quelli falsi, che non hanno il tempo di essere impregnati di sali e di rimanere più morbidi. I falsi coproliti possono uscire dall'ano solo dopo i clisteri di olio o possono essere estratti attraverso l'ano con un dito (completamente o in parte). Un esempio di falsi coproliti sono le feci, formate in pazienti anziani con atonia intestinale.

Per rimuovere i veri coproliti di grandi dimensioni, bisogna ricorrere alla chirurgia (laparotomia, proctomia). Le feci non riconosciute possono causare perforazione dell'intestino o ostruzioni intestinali.

Rotture spontanee del retto Ciò include le rotture traumatiche del retto a causa dell'aumentata pressione intra-addominale. La causa immediata di tale trauma è di solito un aumento significativo della pressione intra-addominale durante il sollevamento dei pesi, durante la defecazione, la minzione, lo shock addominale, la tosse, la caduta o durante il travaglio. La rottura è più facile da trattare il retto patologicamente alterato. Pertanto, il più delle volte si possono osservare rotture spontanee in persone che soffrono di prolasso del retto, poiché in questa patologia la parete intestinale diventa più sottile e sclerotica.

Segni di rottura dell'intestino sono un dolore acuto nel basso addome e nell'ano nel momento della rottura, l'allocazione del sangue dall'ano. Spesso c'è un prolasso di anse dell'intestino tenue attraverso l'ano.

Ustioni chimiche del retto e dell'intestino crasso. Ustioni della membrana mucosa del retto e dell'intestino crasso si riscontrano quando l'ammoniaca, l'acido solforico concentrato viene erroneamente introdotto nel retto o quando vengono introdotte certe sostanze a scopo terapeutico.

I sintomi clinici caratteristici di un'ustione chimica del retto e dell'intestino crasso comprendono dolore localizzato nell'addome inferiore e nel corso del colon, desideri frequenti, secrezione di sangue e film di sangue dall'ano. Con gravi lesioni, si osservano vomito, brividi, febbre.

Secondo i dati di VI Oskretov e coautori. (1977), l'introduzione di 50-100 ml di ammoniaca nel retto nell'esperimento ha causato una bruciatura del retto e del colon sigmoideo distale, 400 ml - una bruciatura dell'intero colon.

Il trattamento dei pazienti con lesioni chimiche del colon dell'intestino crasso inizia con il lavaggio dell'intestino con acqua calda (3-5 litri) o soluzione neutralizzante (se è nota la sostanza che ha provocato la combustione). Inoltre, vengono somministrati analgesici, sedativi, agenti cardiovascolari. Quindi vengono prescritti microclasti oleosi (olio di pesce, olio di olivello spinoso, rosa canina, tamponi con unguento Vishnevsky). Con gravi ustioni (necrosi della parete intestinale) trattamento chirurgico.

Le discontinuità dell'intestino dagli effetti dell'aria compressa sono note in letteratura dall'inizio del XX secolo. Per la prima volta questo trauma fu descritto da G. Stone nel 1904. Molto spesso, tale danno è il risultato di una manipolazione incauta di un tubo da un cilindro ad aria compressa. Un getto d'aria penetra attraverso l'ano nell'intestino, lo strappa e riempie la cavità addominale. In questo caso, la fiala del retto, che viene protetta quando viene soffiata dalle pareti della piccola pelvi, di solito non è danneggiata. Le discontinuità si verificano nel reparto del pendolo, che si trova sopra il diaframma pelvico e in varie parti dell'intestino crasso.

Molto spesso, gli spazi sono localizzati nell'area delle curve (sezione rettosigmoidea, curvatura del colon sigmoideo, flessione splenica). A seguito di lesioni sotto l'influenza dell'aria compressa, le masse delle feci vengono spruzzate sulla cavità addominale. Se il peritoneo parietale viene rotto simultaneamente con l'intestino, si verifica l'enfisema intermuscolare e sottocutaneo. Vi sono fenomeni in aumento di sanguinamento extra o intraperitoneale associati a danno vascolare. Il ritardo con la chirurgia contribuisce allo sviluppo della peritonite pelvica.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.