^

Salute

A
A
A

Alcolismo

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Alcolismo o dipendenza da alcol - consumo eccessivo cronico, consistente in alcolizzazione compulsiva, tolleranza crescente, sintomi da astinenza. 

L'eccessivo consumo di alcol può portare a gravi problemi fisici e mentali. 

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

Epidemiologia

Circa i 2/3 degli adulti americani consumano alcolici. Il rapporto tra uomini e donne è 4: 1. La prevalenza di alcol e abuso di alcol durante tutta la vita è di circa il 15%.

Le persone che abusano di alcol e dipendenti da di solito hanno gravi problemi sociali. L'intossicazione frequente è ovvia e distruttiva, interferisce con la capacità di socializzare e lavorare. Quindi, l'alcolismo e l'alcolismo possono portare alla distruzione dei legami sociali, alla perdita di lavoro dovuta all'assenteismo. Inoltre, a causa dell'ubriachezza, una persona può essere arrestata, ritardata per la guida sotto l'influenza dell'alcool, che esacerba le conseguenze sociali del consumo di alcol. Negli Stati Uniti, la concentrazione di alcol nel sangue, autorizzata per la guida, nella maggior parte degli Stati è di 80 mg / dL (0,08%).

Le donne che soffrono di alcolismo tendono a bere più spesso da sole e meno spesso sono socialmente stigmatizzate. I pazienti che hanno l'alcolismo possono chiedere aiuto medico nel trattamento della loro ubriachezza. In definitiva, possono essere ospedalizzati con delirio alcolico o cirrosi epatica. Spesso si infortunano. Quanto prima questo comportamento diventa evidente per tutta la vita, tanto peggiore è il disturbo.

Il verificarsi di una tale malattia come l'alcolismo è maggiore nei bambini biologici di genitori che soffrono di alcolismo rispetto ai bambini adottati, la percentuale di bambini da genitori alcolizzati che hanno problemi con l'uso di alcol è più alta rispetto alla popolazione generale. Di conseguenza, in alcune popolazioni e paesi la prevalenza dell'alcolismo è più alta. Vi sono prove di una predisposizione genetica o biochimica, inclusa la prova che alcune persone che divennero alcolizzati si svilupparono in intossicazione più lentamente, cioè avevano una soglia più alta di effetti alcolici sul sistema nervoso centrale.

I dettagli sulla prevalenza e le statistiche di alcolismo in diversi paesi del mondo possono essere letti qui.

trusted-source[8], [9], [10], [11], [12]

Le cause alcolismo

L'alcolismo è una malattia così antica che persino la data di 8000 anni aC, quando la bevanda alcolica è menzionata per la prima volta, non è accurata. A giudicare dalla portata della diffusione dell'alcolismo, sembra che questa sia una malattia nel sangue di quasi la metà della popolazione mondiale dai tempi di Adamo ed Eva. Non si tratta di bere cultura, è un argomento separato per la discussione. Il problema è che questa cultura sta scomparendo e l'alcolismo totale si sta muovendo al suo posto a passi da gigante. Giudicate voi stessi: secondo gli standard ONU, bere alcolici oltre i nove litri all'anno è considerato una malattia. Ci sono molte persone che aderiscono a queste norme? L'alcolismo si sviluppa in modo impercettibile e quando passa in una fase minacciosa si forma una dipendenza così stabile da poter essere certamente curata, ma è estremamente difficile e occorre un lungo periodo. Il problema sta nel fatto che la persona che è dipendente dall'alcol non ammette testardamente la sua malattia, nel suo complesso le persone vicine hanno battuto l'allarme. Questo, forse, spiega la bassa percentuale della cura della dipendenza da alcol - in realtà il più delle volte il paziente è semplicemente costretto a consultare un medico, e la sua motivazione personale in questo processo tende quasi sempre a zero.

L'abuso di alcol è generalmente inteso come l'uso incontrollato di bevande alcoliche, che porta all'incapacità di adempiere ai propri obblighi, di trovarsi in una situazione pericolosa, problemi di legge, difficoltà sociali e interpersonali, pur non avendo dati per la dipendenza.

L'alcolismo è il consumo frequente di grandi quantità di alcol, che porta a tolleranza, dipendenza fisica e mentale e una sindrome da astinenza pericolosa. Il termine "alcolismo" è spesso usato come sinonimo di dipendenza da alcol, soprattutto se l'uso di alcol porta a effetti tossici clinicamente pronunciati e danni ai tessuti.

L'uso di alcol al livello di intossicazione o la formazione di stili disadattivi di consumo di alcol, che portano ad abusi, inizia con il desiderio di ottenere sensazioni piacevoli. Alcuni di coloro che consumano alcolici e si divertono poi tendono a ripetere questo stato periodicamente.

Per chi usa costantemente alcool o diventare dipendenti da esso, alcuni tratti di personalità sono più pronunciate: l'isolamento, la solitudine, la timidezza, la depressione, la dipendenza, l'ostilità e impulsività autodistruttivo, l'immaturità sessuale. L'alcolismo viene spesso da famiglie distrutte, questi alcolizzati hanno rotto i rapporti con i loro genitori. I fattori sociali trasmessi attraverso la cultura e l'educazione influenzano le caratteristiche del consumo di alcol e del comportamento successivo.

trusted-source[13], [14], [15], [16], [17]

Patogenesi

L'alcol si riferisce a farmaci che deprimono il sistema nervoso centrale, perché ha un effetto sedativo e provoca sonnolenza. Tuttavia, l'effetto iniziale dell'alcool, specialmente a basse dosi, è spesso di natura stimolante, probabilmente a causa dell'inibizione dei sistemi inibitori. I volontari, che avevano solo un effetto sedativo dopo aver assunto l'alcol, non gli hanno restituito la libertà di scelta. Più recentemente, è stato dimostrato che l'alcol aumenta l'azione del mediatore inibitorio acido gamma-aminobutirrico (GABA) su una certa sottopopolazione di recettori GABA. Inoltre, l'etanolo è in grado di aumentare l'attività dei neuroni dopaminergici del pneumatico ventrale, proiettandosi sul nucleo adiacente, che porta ad un aumento del livello di dopamina extracellulare nello striato ventrale. Questa attivazione può essere mediata tramite i recettori GABA e la soppressione dei neuroni inibitori. È dimostrato che questo effetto è fisso poiché i ratti sono addestrati a ricevere alcol. Allo stesso tempo, il livello di dopamina nella regione del nucleo adiacente aumenta non appena i ratti vengono collocati in una gabbia dove hanno precedentemente ricevuto alcool. Quindi, uno degli effetti farmacologici dell'alcool - aumentando il livello di dopamina extracellulare nel nucleo adiacente ad esso - è simile all'azione di altre sostanze che provocano dipendenza - cocaina, eroina, nicotina.

Esistono prove del coinvolgimento del sistema oppioide endogeno nell'effetto rinforzante dell'alcool. In una serie di esperimenti è stato dimostrato che gli animali addestrati a ricevere alcol cessano di intraprendere le azioni necessarie per questo scopo dopo la somministrazione di antagonisti dei recettori oppioidi di naloxone o naltrexone. Questi dati sono coerenti con i risultati ottenuti di recente e nello studio degli alcolisti - sullo sfondo dell'introduzione di un antagonista a lunga durata d'azione dei recettori oppioidi del naltrexone, la sensazione di euforia con l'assunzione di alcol è indebolita. L'assunzione di alcol in laboratorio provoca un aumento significativo del livello di beta-endorfina periferica solo nei volontari che hanno avuto casi di alcolismo nella storia familiare. Ci sono anche dati sul coinvolgimento del sistema serotoninergico nel fornire un effetto rinforzante dell'alcol. È possibile che l'alcol, raggiungendo il sistema nervoso centrale ad una concentrazione relativamente alta e influenzando la fluidità della membrana cellulare, possa influenzare diversi sistemi di neurotrasmettitori. Di conseguenza, potrebbero esserci diversi meccanismi per lo sviluppo dell'euforia e della dipendenza.

L'alcol indebolisce la memoria per gli eventi recenti e, in alte concentrazioni, causa "tuffi" nella memoria quando le circostanze e le azioni scompaiono dalla memoria durante l'intossicazione. Il meccanismo di influenza sulla memoria non è chiaro, ma l'esperienza dimostra che le relazioni dei pazienti sulle cause del consumo di alcol e sulle loro azioni in stato di intossicazione non sono vere. Gli alcolisti spesso affermano di bere per alleviare l'ansia e la depressione. Tuttavia, le osservazioni mostrano che di solito diventano più disforici all'aumentare della dose ubriaca, il che contraddice la spiegazione sopra riportata.

trusted-source[18], [19], [20], [21], [22], [23], [24], [25], [26], [27], [28], [29], [30], [31], [32], [33], [34], [35]

Sintomi alcolismo

L'alcolismo è considerato una malattia grave, con un corso cronico a lungo termine, che inizia segretamente, in modo asintomatico, e può essere molto triste finire.

Segni di intossicazione acuta da alcol

L'alcol viene assorbito nel sangue principalmente dall'intestino tenue. Si accumula nel sangue, poiché l'assorbimento avviene più rapidamente dell'ossidazione e dell'eliminazione. Dal 5 al 10% di alcol consumato viene escreto immodificato nelle urine, quindi, espira l'aria; il resto viene ossidato in CO 2 e in acqua ad una velocità di 5-10 ml / h di alcool assoluto; ogni millilitro dà circa 7 kcal. L'alcol è principalmente un sedativo del SNC.

A una concentrazione di alcol nel sangue di circa 50 mg / dL si sviluppa sedativi o lenitivi; a una concentrazione da 50 a 150 mg / dL - coordinazione alterata; 150 - 200 mg / dl - delirium; la concentrazione di 300-400 mg / dL porta alla perdita di coscienza. La concentrazione di oltre 400 mg / dL può essere letale. Con l'uso rapido di grandi quantità di alcol, può verificarsi una morte improvvisa a causa di depressione respiratoria o aritmia. Questi problemi sorgono nei college degli Stati Uniti, ma anche in altri paesi dove questa sindrome è più comune.

trusted-source[36]

Segni di alcolismo cronico

I pazienti che spesso consumano grandi quantità di alcol diventano tolleranti ai suoi effetti, vale a dire. Alla fine, la stessa quantità di sostanza porta a una minore intossicazione. La tolleranza è causata da cambiamenti adattivi nelle cellule del SNC (tolleranza cellulare o farmacodinamica). Nei pazienti che hanno sviluppato tolleranza, potrebbe esserci un'incredibilmente alta concentrazione di alcol nel sangue. D'altra parte, la tolleranza all'alcool è incompleta e un certo grado di intossicazione e danno si osserva a dosaggi sufficientemente elevati. Anche i pazienti con alta tolleranza possono morire a causa della soppressione del centro respiratorio, secondaria a un sovradosaggio di alcol. I pazienti con tolleranza sviluppata sono suscettibili alla chetoacidosi alcolica, in particolare durante le bevute. I pazienti sviluppano tolleranza crociata a molti altri depressivi del SNC (ad es. Barbiturici, sedativi di altre strutture, benzodiazepine).

La dipendenza fisica, accompagna di tolleranza, è forte, e quindi la condizione di cancellazione può sviluppare effetti avversi potenzialmente fatali. L'alcolismo alla fine portano a danni d'organo, spesso epatite e cirrosi, gastrite, pancreatite, cardiomiopatia, spesso accompagnata da aritmie, neuropatia periferica, danni cerebrali [tra cui l'encefalopatia di Wernicke, psicosi di Korsakoff, Marchiafawa-Bignami malattia e la demenza alcolica].

Segni e sintomi che accompagnano l'astinenza da alcol compaiono di solito 12-48 ore dopo la sospensione dell'uso. La sindrome di annullamento lieve si manifesta con tremori, debolezza, sudorazione, iperreflessia e sintomi gastrointestinali. Alcuni pazienti sviluppano convulsioni tonico-cloniche, ma di solito non più di 2 convulsioni consecutive (epilessia alcolica).

Sintomi di dipendenza da alcol

Quasi tutte le persone hanno avuto un'intossicazione da alcol moderata, ma le sue manifestazioni sono estremamente individuali. In alcune persone c'è solo una violazione della coordinazione dei movimenti e della sonnolenza. Altri diventano eccitati e loquaci. Con l'aumentare della concentrazione di alcol nel sangue, l'effetto sedativo aumenta fino a quando il coma non si sviluppa. A una concentrazione molto alta di alcol, si verifica un esito letale. La sensibilità iniziale (tolleranza innata) all'alcol varia significativamente e si correla con la presenza di casi di alcolismo nella storia familiare. Una persona con una bassa sensibilità all'alcol può tollerare grandi dosi anche al primo utilizzo, senza disturbare la coordinazione o altri sintomi di intossicazione. Come già indicato, sono queste persone che sono predisposte allo sviluppo di alcolismo in futuro. Con l'uso ripetuto, la tolleranza può aumentare gradualmente (la tolleranza acquisita), quindi anche con un alto livello di alcol nel sangue (300-400 mg / dl), gli alcolizzati non sembrano ubriachi. Tuttavia, la dose letale non aumenta in proporzione alla tolleranza alla sedazione e, pertanto, l'intervallo di dosaggio sicuro (indice terapeutico) si restringe.

Con il consumo di alcool ubriaco, non si sviluppa solo la tolleranza acquisita, ma inevitabilmente sorge anche la dipendenza fisica. Una persona è costretta ad alcolizzare al mattino per ripristinare il livello di alcol nel sangue, che è diminuito a causa del fatto che una parte significativa dell'alcool è stata metabolizzata durante la notte. Nel corso del tempo, tali persone possono svegliarsi nel cuore della notte e bere per evitare l'ansia causata da bassi livelli di alcol. La sindrome da astinenza da alcol, di norma, dipende dalla dose media giornaliera e di solito viene interrotta dall'introduzione di alcol. I sintomi di astinenza sono frequenti, ma di regola non sono gravi e non minacciano la vita a meno che non vengano aggiunti altri problemi, come infezioni, traumi, disturbi alimentari o equilibrio elettrolitico. In tali situazioni, può sorgere delirium tremens bianco.

Segni di un'allucinosi alcolica

L'allucinosi alcolica si sviluppa dopo una brusca cessazione del consumo prolungato ed eccessivo di alcol. I sintomi includono illusioni uditive e allucinazioni spesso di natura accusatrice e minacciosa; i pazienti sono spesso ansiosi e spaventati da allucinazioni e sogni luminosi e spaventosi. Questa sindrome può avere una somiglianza con la schizofrenia, anche se il pensiero non è solitamente rotto e non c'è una storia tipica della schizofrenia. I sintomi non sembrano uno stato delirante con sindrome cerebrale organica acuta, così come il delirio da alcol e altre reazioni patologiche associate alla cancellazione. La coscienza rimane chiara e di solito non ci sono sintomi di labilità autonomica, caratteristica del delirio alcolico. Quando c'è un'allucinosi, di solito segue un delirio alcolico ed è di breve durata. Il recupero di solito avviene tra la prima e la terza settimana; Le ricadute sono possibili se il paziente riprende l'uso di alcol.

Segni di delirio alcolico

delirium tremens inizia di solito 48-72 ore dopo il ritiro di alcol con attacchi di ansia, aumentando la confusione, disturbi del sonno (accompagnati da sogni spaventosi e illusioni della notte), iperidrosi e hanno espresso profonda depressione. Tipiche sono allucinazioni fugaci che causano ansia, paura e persino orrore. Tipico per l'inizio del delirio tremens stato di confusione e disorientamento può diventare una condizione in cui il paziente è che spesso è al lavoro ed è impegnata nella comune. La labilità vegetativa, manifestata da sudorazione, polso rapido, aumento della temperatura, accompagna il delirio e progredisce con esso. Delirio lieve di solito accompagnata da una grave sudorazione, battito cardiaco a 100-120 battiti al minuto, la temperatura 37,2- 37,8 "C. Espresso delirio grossolana disorientamento e deficit cognitivo accompagnato da irrequietezza, una frequenza cardiaca superiore a 120 battiti al minuto, temperatura superiore a 37,8 ° C.

Durante il periodo del delirio alcolico, il paziente può erroneamente percepire vari stimoli, specialmente oggetti nell'ombra. I disturbi vestibolari possono far sì che il paziente sia sicuro che il pavimento si sta muovendo, i muri stanno cadendo e la stanza sta girando. Mentre il delirio progredisce, un tremore si sviluppa nelle mani, a volte diffondendosi alla testa e al corpo. L'atassia è espressa; il monitoraggio è necessario per prevenire l'autolesionismo. I sintomi si manifestano differentemente in pazienti diversi, ma sono simili quando esacerbazioni dello stesso paziente.

Sintomi della sindrome da astinenza da alcol

  • Aumento della brama per l'alcol
  • Tremore, irritabilità
  • nausea
  • Disturbi del sonno
  • Tachicardia, ipertensione arteriosa
  • sudorazione
  • allucinazioni
  • Convulsioni epilettiche (12-48 ore dopo l'ultimo utilizzo di alcol)
  • Delirium (raramente osservato con sindrome da astinenza non complicata)
  • Eccitazione brusca
  • Confusione di coscienza
  • Allucinazioni visive
  • Febbre, tachicardia, sudorazione profusa
  • Nausea, diarrea

L'alcol causa tolleranza incrociata ad altri farmaci sedativi e ipnotici, ad esempio le benzodiazepine. Ciò significa che la dose di benzodia zepin per alleviare l'ansia negli alcolisti dovrebbe essere superiore a quella dei non bevitori. Tuttavia, con la combinazione di alcol con benzodiazepina, l'effetto complessivo è più pericoloso dell'effetto di ciascun farmaco separatamente. Le benzodiazepine stesse sono relativamente sicure in caso di sovradosaggio, ma in combinazione con l'alcol possono causare la morte.

Con l'uso cronico di alcol e altre droghe che deprimono il sistema nervoso centrale, la depressione può svilupparsi, e il rischio di suicidio tra gli alcolizzati è forse il più alto rispetto ad altre categorie di pazienti. L'esame neuropsicologico degli alcolizzati in uno stato sobrio rivela deficit cognitivi, che di solito diminuiscono dopo alcune settimane o mesi di astinenza. Disturbi della memoria più gravi negli eventi recenti sono associati a danni cerebrali specifici causati da carenze nutrizionali, soprattutto da un insufficiente apporto di tiamina. L'alcol ha un effetto tossico su molti organismi e penetra facilmente nella barriera placentare, causando la sindrome fetale alcolica - una delle cause più frequenti di ritardo mentale.

Fasi

L'alcolismo ha diverse fasi classiche.

Alcolismo: fase I (da un anno a tre a cinque anni): 

  • Il livello di tolleranza a qualsiasi bevanda alcolica inizia a salire. Una persona può consumare un bel po 'di bevande calde, ei segni di intossicazione saranno gli stessi di quelli che bevono tre volte di meno. 
  • Sviluppa un vero alcolismo a livello della psiche. Se non c'è alcuna opportunità di bere per ragioni oggettive, una persona mostra tutte le sue qualità più negative - irritabilità, aggressività e così via. 
  • Non esiste una normale reazione di autodifesa da parte del corpo - un riflesso vomitivo all'intossicazione.

Alcolismo: fase II (da cinque a dieci anni, a seconda dello stato di salute e del funzionamento dei sistemi di protezione): 

  • Le classiche sindromi da astinenza mattutina classica iniziano - vuoi bere per rimuovere i sintomi spiacevoli dopo un uso eccessivo il giorno prima. La sbornia può essere accompagnata da segni tipici del secondo stadio - un tremore, un cambiamento nelle caratteristiche personali (una persona è pronta ad umiliarsi per ottenere ciò che vuole). Tali ossessioni (ossessioni) sono un segno formidabile di una malattia trincerata. A differenza della persona sana che è andato troppo in là con la dose e letteralmente "morire" da tutti i classici sintomi di intossicazione, pazienti alcolisti vivendo non solo il desiderio per la dose successiva, e la passione, che è più forte della sua mente e del corpo. 
  • Dal lato della psiche cominciano a comparire sindromi sindromiche tipiche, disturbi della coscienza. Dormire, di regola, superficiale, accompagnato da visioni da incubo, simili alle delusioni. Il carattere e le qualità personali stanno già cambiando in modo più evidente, così che le persone intorno a lui spesso dicono: "Diventò completamente diverso, a differenza di se stesso." Lo sviluppo di disturbi sensoriali - un disturbo della vista, udito. Spesso una persona in questa fase diventa estremamente sospettosa, sospettosa, gelosa. Le manifestazioni psicopatiche possono manifestarsi sotto forma di credenze che qualcuno sta guardando o guardando una persona malata (delusioni sulla persecuzione). Nel delirio della seconda fase (febbre bianca) non è raro. I cambiamenti fisiologici sono già evidenti - gastroduodenite, ingrossamento della milza, possibile epatite di eziologia alcolica. La libido diminuisce (negli uomini la potenza è rotta), la memoria è rotta e spesso la parola.

Alcolismo: fase III (da cinque a dieci anni): 

  • Di norma, questa è la fase terminale, sfortunatamente, durante la quale è quasi impossibile aiutare il paziente. I disturbi mentali sono irreversibili così come la distruzione di organi e sistemi interni. Cirrosi, encefalopatia allo stadio terminale, la demenza, atrofia dei nervi ottici e acustici, ingenti danni del sistema nervoso periferico non lascia speranza di recuperare non solo, ma anche praticamente non danno una possibilità di sopravvivenza.

Trattamento alcolismo

Una persona è chimicamente dipendente, ed è così che un paziente viene solitamente chiamato in un ambiente narcotico medico e deve essere trattato per un lungo periodo di tempo e in modo complesso. Inoltre, si ritiene che l'alcolismo sia una malattia sistemica in senso sociale: se una persona è circondata da una famiglia, idealmente tutti i membri della famiglia dovrebbero partecipare a sessioni speciali, sessioni con uno psicologo o uno psicoterapeuta. Queste persone sono considerate co-dipendenti dalla malattia, cioè soffrono anche solo senza la partecipazione di bevande alcoliche.

Indubbiamente, l'efficacia delle azioni terapeutiche dipende dalla motivazione del paziente stesso. Per quanto il coniuge desideri salvare suo marito dalla dipendenza, fino a quando non capisce l'intera tragedia della situazione, non vuole cambiare vita, tutti gli sforzi si ridurranno solo nella remissione fisiologica. A livello della psiche, la dipendenza rimarrà allo stesso livello, quindi ci sono interruzioni dopo i metodi di trattamento farmacologico. Le condizioni ideali per il trattamento di pazienti con alcolismo sono centri specializzati di riabilitazione medica, in cui il paziente deve essere di almeno tre mesi, o anche di più.

I metodi standard di trattamento sono le seguenti fasi: 

  • Astinenza da neutralizzazione, disintossicazione;
  • L'uso di vari tipi di codifica, la cui scelta dipende dalle condizioni del paziente, dalla durata dell'uso e anche dallo psicotipo; 
  • Assistere alle sedute di psicoterapia è l'aiuto di uno psicologo, uno psicoterapeuta, meglio se è una combinazione di terapia individuale e terapia familiare.

Trattamento dell'intossicazione acuta da alcol

Quando le persone consumano alcol fino al livello di intossicazione, il compito principale del trattamento è smettere di consumare qualsiasi quantità aggiuntiva di alcol, poiché ciò può portare alla perdita di coscienza e alla morte. Il secondo compito è quello di garantire la sicurezza del paziente e degli altri, non permettendo al paziente di guidare veicoli o attività che possono essere pericolose a causa del consumo di alcol. I pazienti calmi possono diventare ansiosi e aggressivi dopo aver abbassato la concentrazione di alcol nel sangue.

Trattamento dell'alcolismo cronico

L'esame medico è necessario principalmente per la diagnosi di malattie concomitanti che possono peggiorare lo stato di astinenza ed eliminare la lesione del SNC, che può nascondersi dietro la maschera della sindrome da astinenza o mimarla. I sintomi della sindrome da astinenza dovrebbero essere riconosciuti e trattati. È necessario prendere provvedimenti per prevenire la sindrome di Wernicke-Korsakov.

Alcuni farmaci usati nello stato di astinenza da alcol hanno somiglianze negli effetti farmacologici con l'alcol. Tutti i pazienti con astinenza possono mostrare depressivi del SNC, ma non tutti ne hanno bisogno. In molti pazienti, la disintossicazione può essere eseguita senza farmaci, a condizione che venga fornito un adeguato supporto psicologico, se l'ambiente e il contatto stesso sono sicuri. D'altra parte, questi metodi potrebbero non essere disponibili negli ospedali generali e nei reparti di emergenza.

Le basi per il trattamento dell'alcolismo sono le benzodiazepine. Il loro dosaggio dipende dallo stato fisico e mentale. Nella maggior parte delle situazioni, il clordiazepossido è raccomandato in una dose iniziale di 50-100 mg per via orale; se necessario, la dose può essere ripetuta due volte dopo 4 ore. In alternativa, il diazepam può essere usato in una dose di 5-10 mg per via endovenosa o per via orale ogni ora fino a quando si ottiene la sedazione. Rispetto ai corto-benzodiazepine (lorazepam, oxazepam) benzodiazepine ad azione prolungata (ad esempio, clordiazepossido, diazepam) richiedono somministrazione meno frequente e inferiore dosa la loro concentrazione nel sangue diminuisce in modo uniforme. Nelle gravi malattie del fegato, sono preferite le benzodiazepine a breve durata d'azione (lorazepam) o metabolizzate dalla glucuronidasi (oxazepam). (Attenzione: benzodiazepine possono causare intossicazione, dipendenza fisica e stato di astinenza in pazienti con alcolismo, quindi dovrebbero essere interrotto dopo un periodo di disintossicazione alternativa, carbamazepina può essere utilizzato a 200 mg per via orale 4 volte al giorno, seguita dal ritiro graduale.).

Le convulsioni isolate non richiedono una terapia specifica; con attacchi ripetuti, diazepam 1-3 mg è efficace. L'uso abusivo di fenitoina non è necessario. La ricezione ambulatoriale di fenitoina è quasi sempre uno spreco inutile di tempo e farmaci, poiché le convulsioni si osservano solo nello stato di sospensione dell'alcool, e il consumo eccessivo o l'annullamento dei pazienti non prendono anticonvulsivanti.

Sebbene il delirio alcolico possa iniziare a risolversi entro 24 ore, può essere letale e il trattamento deve iniziare immediatamente. I pazienti con delirio alcolico sono estremamente suggestivi e rispondono bene alle convinzioni.

Di solito non sono soggetti a restrizioni fisiche. L'equilibrio dei liquidi deve essere mantenuto, è necessario somministrare immediatamente grandi dosi di vitamine B e C, specialmente tiamina. Un significativo aumento della temperatura durante il delirio alcolico è un segno prognostico negativo. Se non si osserva alcun miglioramento entro 24 ore, è possibile sospettare la presenza di altri disturbi, come ematoma subdurale, malattie del fegato e dei reni o altri disturbi mentali.

Trattamento di supporto per l'alcolismo

Mantenere uno stile di vita sobrio è un compito difficile. Il paziente deve essere avvertito che poche settimane dopo, quando si riprende dall'ultima abbuffata, potrebbe avere una scusa per bere. È anche necessario dire che il paziente può provare a controllare le bevande alcoliche per diversi giorni, meno spesso settimane, ma alla fine il controllo, di regola, viene perso nel tempo.

Spesso l'opzione migliore è includere nel programma di riabilitazione. La maggior parte dei programmi di riabilitazione degli infermieri dura 3-4 settimane e viene condotta nel centro, che non è autorizzato a lasciare durante il corso del trattamento. I programmi di riabilitazione combinano osservazione medica e psicoterapia, inclusa la terapia individuale e di gruppo. La psicoterapia include tecniche che migliorano la motivazione ed educano i pazienti ad evitare le circostanze che portano al bere. Importante supporto sociale per uno stile di vita sobrio, incluso il supporto per la famiglia e gli amici.

Alcolisti anonimi (AA) sono l'approccio di maggior successo per il trattamento dell'alcolismo. Il paziente ha bisogno di trovare un gruppo di alkoglyk anonimi, in cui sarà a suo agio. Alcolisti anonimi forniscono al paziente compagni non beventi che sono sempre disponibili, così come l'ambiente non potabile in cui avviene la socializzazione. Il paziente sente anche le confessioni degli altri membri del gruppo su come hanno spiegato le ragioni della loro ubriachezza. L'aiuto che il paziente dà ad altri alcolisti aiuta ad aumentare la sua autostima e la sua sicurezza, in quello che l'alcol lo ha aiutato prima. Negli Stati Uniti, a differenza di altri paesi, molti gruppi anonimi di alcoglyk non sono inclusi volontariamente, ma da una decisione del tribunale o in libertà vigilata. Molti pazienti sono riluttanti a rivolgersi a alkoglyk anonimi, i singoli consulenti o gruppi di terapia familiare sono più adatti a loro. Per coloro che sono alla ricerca di altri approcci terapeutici, esistono organizzazioni alternative, come "The Life Circle of Recovery" (organizzazioni di auto-aiuto che combattono per la sobrietà).

Trattamento farmacologico per l'alcolismo

Per ridurre i sintomi di astinenza, vengono introdotti anche sedativi con tolleranza incrociata all'alcol. A causa di possibili danni al fegato, devono essere utilizzate benzodiazepine a breve durata d'azione, ad esempio l'oxazepam, che è prescritto in dosi sufficienti per prevenire o ridurre i sintomi. Nella maggior parte degli alcolisti, il trattamento con oxazepam è consigliabile iniziare con una dose di 30-45 mg 4 volte al giorno con un'assunzione aggiuntiva di 45 mg per notte. Nella dose successiva corretta a seconda della gravità della condizione. Il farmaco viene gradualmente cancellato entro 5-7 giorni. Dopo l'esame, l'astinenza da alcol non complicata può essere efficacemente trattata in regime ambulatoriale. Nell'individuazione di complicazioni somatiche o di indicazioni anamnestiche per crisi epilettiche, è indicato l'ospedalizzazione. Per prevenire o invertire lo sviluppo di disturbi della memoria, è necessario reintegrare la carenza di cibo e vitamine, soprattutto tiamina.

Il trattamento farmacologico per l'alcolismo deve essere usato in combinazione con la psicoterapia.

Il disulfiram interrompe il metabolismo dell'acetaldeide (un prodotto intermedio dell'ossidazione alcolica), che porta all'accumulo di acetaldeide. Bere alcol entro 12 ore dall'assunzione risultati disulfiram nel rossore al viso entro 5-15 minuti, seguita da un'intensa vasodilatazione del viso e del collo, iperemia congiuntivale, mal di testa lancinante, tachicardia, iperpnea, iperidrosi. Quando si usano dosi elevate di alcol dopo 30-60 minuti, possono verificarsi nausea e vomito, che possono portare a ipotensione, vertigini, a volte a svenimento e collasso. La reazione all'alcool può durare fino a 3 ore: pochi pazienti assumono alcol sullo sfondo di disulfiram a causa di un grave disagio. Inoltre, evitare i farmaci che contengono alcol (per esempio tinture, elisir, alcuni sciroppi per la tosse e raffreddori venduti al banco, che possono contenere il 40% di alcol). Disulfiram è controindicato in gravidanza e in scompenso cardiovascolare. Ambulatoriale, può essere nominato dopo 4-5 giorni di astinenza dal consumo di alcol. La dose iniziale di 0,5 g all'interno 1 volta al giorno per 1-3 settimane, quindi la dose di mantenimento è 0,25 g una volta al giorno. L'effetto può durare da 3 a 7 giorni dopo l'ultimo ricevimento. Gli esami periodici del dottore sono necessari per sostenere la continuazione di ricevimento di disulfiram come parte del programma di sobrietà. In generale, l'uso di disulfiram non è stato stabilito e molti pazienti non seguono il trattamento prescritto. Il rispetto di tale trattamento richiede solitamente un adeguato sostegno sociale, come il monitoraggio dell'assunzione del farmaco.

Naltrexone, un antagonista degli oppioidi, riduce la percentuale di recidive nella maggior parte dei pazienti che la assumono continuamente. Naltrexone viene preso 50 mg una volta al giorno. È improbabile che sia efficace senza il parere di un medico. L'acamprosato, un analogo sintetico dell'acido gamma-amminobutirrico, viene somministrato 2 grammi 1 volta al giorno. Acamprosat riduce il livello di recidiva e il numero di giorni di assunzione di alcolici se il paziente è in un periodo di bevuta; Come il naltrexone, è più efficace se viene somministrato sotto la supervisione di un medico. Nalmefene e il topiromate stanno attualmente studiando la loro capacità di ridurre il desiderio di alcol.

La sindrome da astinenza da alcol è una condizione potenzialmente letale. Per quanto riguarda le manifestazioni polmonari di astinenza da alcol, i pazienti di solito non vanno dal medico, ma nei casi più gravi, un esame generale, il rilevamento e la correzione di squilibrio idrico-elettrolitico, carenza di vitamine, in particolare l'introduzione di tiamina ad alto dosaggio (dose iniziale di 100 mg / m).

L'alcolismo è molto più facile, facile ed economico da prevenire nelle primissime fasi. Per questo, ovviamente, abbiamo bisogno di una strategia di sistema a livello statale. Ma la famiglia può fare molto in questo settore, si dovrebbe iniziare dalla più tenera età - per instillare i principi fondamentali di cultura generale, coltivare la capacità di eliminare lo stress in modo sano - la musica, lo sport, la creazione di un ambiente familiare di fiducia senza pregiudizi verso la dittatura o la connivenza, permissivismo. Il compito è difficile, ma anche più drammatico e persino più tragico può porre fine alla storia di un paziente con alcolismo.

trusted-source[37], [38], [39], [40], [41], [42]

Prevenzione

La disintossicazione è solo il primo passo sulla strada della ripresa. L'obiettivo del trattamento a lungo termine è l'astinenza completa - questo è fornito principalmente da metodi comportamentali. Le possibilità delle droghe nel facilitare questo processo sono attentamente studiate.

trusted-source[43], [44], [45], [46], [47], [48]

Disulfiram

Disulfiram blocca il metabolismo dell'alcool, che porta all'accumulo di acetaldeide, provocando una sensazione soggettivamente sgradevole di vampate di calore subito dopo l'assunzione di alcol. La conoscenza della possibilità di sviluppare questa reazione aiuta il paziente a stare lontano dal bere alcolici. Sebbene il disulfiram sia abbastanza efficace dal punto di vista farmacologico, la sua efficacia clinica non è stata dimostrata negli studi clinici. In pratica, molti pazienti smettono di assumere il farmaco, sia perché vogliono riprendere a prendere alcol, o perché pensano di non aver più bisogno del farmaco per rimanere sobri. Disulfiram è ancora usato in combinazione con tecniche comportamentali, volontarie o obbligatorie, progettate per persuadere l'uso quotidiano del farmaco. Apparentemente, in alcuni casi, il farmaco è utile.

trusted-source[49], [50], [51], [52], [53], [54], [55], [56], [57], [58], [59], [60], [61]

Naltrexone

Un altro farmaco usato come adiuvante nel trattamento dell'alcolismo è il naltrexone. Gli antagonisti degli oppioidi sono stati utilizzati per la prima volta nella dipendenza da oppioidi. Bloccando i recettori oppioidi, indeboliscono l'azione dell'eroina e di altri oppioidi. Di seguito, il naloxone (antagonista degli oppiacei a breve durata d'azione) e il naltrexone sono stati testati sul modello sperimentale di dipendenza da alcol. Questo modello è stato creato sui ratti, ai quali è stato insegnato a bere alcolici per evitare scosse elettriche alle zampe. Un altro modello è stato creato selezionando individui che avevano una predilezione per l'alcol, che è stata effettuata per diverse generazioni. Si noti che alcuni primati sono più facilmente addestrati a scegliere l'alcol nel test a scelta libera - questi animali hanno valutato l'effetto degli antagonisti dei recettori oppioidi. Sia il naloxone che il naltrexone hanno indebolito o bloccato la propensione a bere alcolici su questi modelli sperimentali. Altri studi hanno dimostrato che l'alcol attiva il sistema oppioide endogeno. Il blocco dei recettori oppioidi previene l'aumento del livello di dopamina nel nucleo adiacente causato dall'uso di alcol, cioè il lavoro del meccanismo con il quale si suppone che l'effetto rinforzante dell'alcol sia associato.

Naloxone

Così, i dati sperimentali hanno fornito la base per le successive prove cliniche di naltrexone in alcolisti in cura presso il programma di un giorno in un ospedale. Il naloxone - un antagonista degli oppiacei a breve azione - viene scarsamente assorbito se assunto per via orale. Al contrario, il naltrexone è ben assorbita dall'intestino, ed ha un'alta affinità per i recettori oppioidi, e la sua durata d'azione nel cervello è di 72 ore. I blocchi alcuni dei rinforzo La prova iniziale clinico controllato è stato dimostrato che, rispetto al placebo naltrexone più effetti dell'alcool e riduce la voglia di alcol.

Nello stesso studio, è stato dimostrato che gli alcolizzati che assumevano naltrexone presentavano significativamente meno recidive rispetto a quelli trattati con placebo. Questi risultati sono stati confermati da altri ricercatori e nel 1995 la FDA ha approvato l'uso di naltrexone per il trattamento dell'alcolismo. Tuttavia, è stato sottolineato che l'alcolismo è una malattia complessa e il naltrexone è meglio utilizzato in un programma di riabilitazione completo. In alcuni pazienti, il farmaco aiuta a ridurre significativamente il desiderio e indebolire l'effetto dell'alcol, se il paziente "si rompe" e di nuovo inizia a usarlo. Il trattamento dovrebbe durare almeno 3-6 mesi, mentre la regolarità di assunzione del farmaco deve essere controllata.

Akamprostat

Acamprostate è un derivato di homotaurin, che può anche aiutare nel trattamento dell'alcolismo. L'efficacia del farmaco è stata dimostrata in alcuni modelli sperimentali di alcolismo e in studi clinici in doppio cieco. Secondo i dati sperimentali, l'acamprostato agisce sul sistema GABAergico, indebolendo l'ipersensibilità post-alcolica ed è anche un antagonista del recettore NMDA. Non è chiaro perché questa azione sia utile in questa situazione e se l'effetto clinico del farmaco sia associato ad esso. In un ampio studio in doppio cieco, controllato con placebo, l'acamprostat ha avuto un effetto statisticamente più significativo rispetto al placebo. Il farmaco è già stato registrato in diversi paesi europei. È importante cancellare che l'acamprostato ha un meccanismo d'azione completamente diverso rispetto al naltrexone, il che rende possibile sperare nella possibilità di riassumere il loro effetto in un'applicazione combinata.

trusted-source[62], [63], [64], [65], [66], [67], [68], [69], [70], [71]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.