Dysbacteriosis dell'intestino

Ultima revisione di: , esperto medico, su 25.06.2018

Dysbacteriosis dell'intestino - un cambiamento nella composizione qualitativa e quantitativa della flora batterica, causata da una violazione dinamica della microecologia dell'intestino a seguito di interruzione dell'adattamento, violazione dei meccanismi protettivi e compensativi del corpo.

Epidemiologia

La disbacteriosi dell'intestino è molto comune. È rilevato nel 75-90% dei casi di malattie gastroenterologiche acute e croniche.

Le cause disbiosi intestinale

Le cause più frequenti e reali della disbiosi intestinale sono le seguenti:

  1. Chemioterapia antibiotica, uso di glicocorticoidi, citostatici.
  2. Contatto professionale a lungo termine con antibiotici.
  3. Malattie acute e croniche del tratto gastrointestinale di natura infettiva e non infettiva. Il ruolo principale nello sviluppo della disbiosi in questa situazione gioca una flora condizionatamente patogena.
  4. Cambiamenti nella dieta primaria, l'abuso di saccarosio.
  5. Malattie gravi, interventi chirurgici, stress mentale e fisico.
  6. Lungo soggiorno di una persona in insolito per lui (insolito) habitat, condizioni estreme (speleologico, alta quota, spedizioni artiche, ecc.).
  7. Stati di immunodeficienza (con malattie oncologiche, infezione da HIV).
  8. L'effetto delle radiazioni ionizzanti.
  9. Disturbi anatomico-fisici dell'intestino: anomalie anatomiche, complicazioni durante le operazioni sul tratto gastrointestinale, disturbi della motilità intestinale e assorbimento dei nutrienti. Sindromi da malassorbimento e maldigestii creano condizioni favorevoli per la riproduzione di flora condizionatamente patogena.
  10. Polyhypovitaminosis.
  11. Il digiuno.
  12. Sanguinamento gastrointestinale.
  13. Allergia alimentare
  14. Fermentopatia (congenita e acquisita), intolleranza a vari alimenti, incluso latte intero (deficit di lattasi); cereali (glutine entero-patia), funghi (insufficienza trehgalaznaya).

Sotto l'influenza di fattori eziologici c'è un cambiamento qualitativo e quantitativo nella microflora intestinale. Di norma, il numero di simbionti batterici di base dell'intestino - bifidobatteri, acido lattico e E. Coli non patogeno, è significativamente ridotto. Insieme a questo, aumenta il numero di microbi condizionatamente patogeni (enterobatteri, stafilococchi, ecc.), Funghi del genere Candida, assenti nell'intestino o presenti in esso in piccole quantità. La mutata composizione qualitativa e quantitativa della microflora intestinale porta al fatto che le associazioni microbiologiche disbiotiche non svolgono funzioni protettive e fisiologiche e disturbano il funzionamento dell'intestino.

Forme pesanti di disbiosi causano disturbi significativi nelle funzioni digestive e di assorbimento dell'intestino e interrompono bruscamente lo stato generale del corpo. Batteri condizionatamente patogeni, che superano la colonizzazione dell'intestino, interrompono l'assorbimento di carboidrati, acidi grassi, amminoacidi, vitamine. I prodotti del metabolismo (indolo, skatole, ecc.) E le tossine prodotte dalla flora condizionatamente patogena riducono la funzione di disintossicazione del fegato, aumentando i sintomi di intossicazione.

Patogenesi

La biomassa di microbi che abitano l'intestino di un adulto è di 2,5-3,0 kg e comprende fino a 500 specie di batteri, il rapporto tra anaerobi e aerobi è 1000: 1.

Microflora intestinale è diviso in obbligato (microrganismi sono costantemente una parte della flora normale gioca un ruolo importante nel metabolismo e protezione anti-infezione) e opzionali (batteri che spesso si trovano in persone sane, ma sono opportunisti, che è in grado di causare la malattia in declino resistenza del macroorganismo).

I rappresentanti dominanti della microflora obbligatoria sono gli anaerobi non sporeformanti: bifido e lattobacilli, batteroidi. I bifidobatteri costituiscono l'85-98% della microflora intestinale.

Funzioni di microflora intestinale normale

  • crea un ambiente acido (pH del terreno del colon a 5.3-5.8), che impedisce la propagazione della microflora patogena, putrefattiva e formante il gas dell'intestino;
  • promuove la digestione enzimatica degli ingredienti alimentari (bifido e lattobacilli, eubatteri, batteriosi aumentano l'idrolisi delle proteine, saponificano i grassi, fermentano i carboidrati, dissolvono la cellulosa);
  • svolge funzione di formazione di vitamine (escherichia, bifido ed eubatteri partecipano alla sintesi e all'assorbimento di vitamine K, gruppo B, acido folico e nicotinico);
  • coinvolti nella sintesi, digestiva e disintossicante funzioni intestinali (bifidobatteri e lattobacilli riducono la permeabilità delle barriere tessuto vascolare per le tossine di microrganismi patogeni patogeni e condizionale, impediscono la penetrazione dei batteri negli organi interni e sangue);
  • aumenta la resistenza immunologica del corpo (il bifido e il lattobacilli stimolano la funzione dei linfociti, la sintesi di immunoglobuline, interferone, citochine, aumenta il livello di complemento, l'attività del lisozima);
  • migliora l'attività fisiologica del tratto gastrointestinale, in particolare la motilità intestinale;
  • stimola la sintesi di sostanze biologicamente attive, influenzando positivamente la funzione del tratto gastrointestinale, il sistema cardiovascolare, l'emopoiesi;
  • svolge un ruolo importante nelle fasi finali del metabolismo del colesterolo e degli acidi biliari. Nell'intestino crasso, con la partecipazione di batteri, il colesterolo viene convertito in coprostanolo sterolo, che non viene assorbito. Con l'aiuto della microflora dell'intestino si verifica anche l'idrolisi della molecola di colesterolo. Sotto l'influenza degli enzimi della microflora, si verificano i cambiamenti degli acidi biliari: deconiugazione, conversione degli acidi biliari primari in keto derivati dell'acido colanico. Normalmente circa l'80-90% degli acidi biliari viene riassorbito, il resto viene escreto con le feci. La presenza di acidi biliari nell'intestino crasso rallenta l'assorbimento dell'acqua. L'attività della microflora favorisce la normale formazione delle feci.

Obbligare microflora in persone sane è costante, svolge importanti funzioni biologiche utili per il corpo umano (bifidobatteri e lattobacilli, Bacteroides, E. Coli, enterococchi). Microflora opzionali costanti, modificarne la composizione specifica, viene rapidamente eliminato, nessun effetto significativo sulla dell'organismo ospite, perché è contaminazione basso (batteri opportunisti - tsitrobakter, micrococchi, Pseudomonas, Proteus, funghi lievito-simili, Staphylococcus, Clostridium, ecc).

Composizione quantitativa della microflora intestinale normale

Nome di microrganismi

CFU / g di feci

Bifidobatteri

108-1010

Lattobacilli

106-1011

Bacteroides

107-109

Peptococchi e Peggostreptococci

105-10b

Eşerixii

10b-108

Stafilococchi (emolitico, plasma-coagulante)

Non più di 103

Stafilococchi (emolitico, epidermico, coagulasi negativo)

- 104-105

Streptokokki

105-107

Clostridi

103-105

Eubatteri

10Z-1010

Funghi che mangiano il lievito

Non più di 10Z

Enterobatteri condizionatamente patogeni e barre gram-negative non fermentative

Non più di 103-104

Nota. CFU - il numero di unità formanti colonia

Il tratto gastrointestinale è un habitat naturale per i microrganismi nell'uomo e negli animali. Soprattutto un sacco di microrganismi nella parte inferiore dell'intestino crasso. Il numero di microbi nell'intestino crasso dei vertebrati è 10 10 -11 11 per 1 g del contenuto intestinale, multarli significativamente meno a causa di succo gastrico battericida, peristalsi ed è probabile fattori antimicrobici endogeni del piccolo intestino. Nella parte alta e media dell'intestino tenue ci sono solo piccole popolazioni, principalmente aerobie facoltative gram-positive, una piccola quantità di anaerobi, lieviti e funghi. Nelle parti distali dell'intestino tenue (nell'area dell'ammortizzatore ileocecale), lo "spettro microbico" ha una posizione intermedia tra la microflora delle parti prossimali dell'intestino tenue e crasso. La parte inferiore dell'ileo è abitata dagli stessi microrganismi che si trovano nell'intestino crasso, sebbene siano più piccoli. Più accessibile allo studio della microflora fecale, che è in realtà la flora del colon distale. La comparsa di sonde intestinali lunghe ha permesso di esaminare la microflora in tutto il tratto gastrointestinale.

Dopo aver mangiato, il numero di microrganismi aumenta moderatamente, ma dopo poche ore ritorna al suo livello originale.

Nelle feci, la microscopia rivela un numero di cellule batteriche, di cui circa il 10% può moltiplicarsi su terreni nutrienti artificiali. In individui sani circa il 95-99% dei microrganismi che sono suscettibili di coltivazione costituire anaerobi, che sono rappresentati bacterioid (10 5 -10 12 1 g di feci) e bifidobatteri (10 8 -10 10 cellule batteriche per 1 g di feci). I principali rappresentanti aerobici flora fecale è Escherichia coli (10 6 -10 9 ), enterococchi (10 3 -10 9 ), Lactobacillus (10 10 ). Inoltre, meno e meno rilevare Staphylococcus, Streptococcus, Clostridium, Klebsiella, Proteus, lievito-come funghi, protozoi, ecc

In genere, quando uno studio batteriologico delle feci umane sane prestare attenzione non solo al numero totale di E. Coli (300-400,000,000 / g), ma anche sul suo contenuto con lievi proprietà enzimatiche (fino al 10%) e lattosio-negativi enterobatteri (5%) forme cocchi nella quantità totale di microrganismi (al 25%), i bifidobatteri (10 ~ 7 o più). Di enterico famiglia patogeni, hemolyzing Escherichia coli, Staphylococcus hemolyzing, Proteus, funghi del genere Candida e altri batteri nelle feci di umano sano non dovrebbe essere.

Microflora normale, come symbiote, esegue una serie di funzioni che sono essenziali per la vita del microrganismo: protezione non specifico contro i batteri che causano infezioni intestinali, sulla base di antagonismo microbico, partecipazione alla produzione di anticorpi, e la funzione vitaminsinteziruyuschaya di microrganismi, quali le vitamine C, K, B1, B2, Вб, В12, PP, folico e acido pantotenico. Inoltre, i microrganismi che abitano l'intestino rompono la cellulosa; partecipare alla scissione enzimatica di proteine, grassi e carboidrati ad alto peso molecolare; promuovere l'assorbimento di calcio, ferro, vitamina D attraverso la creazione di un ambiente acido; partecipare allo scambio di acidi biliari e alla formazione nell'intestino crasso di sterocilina, coprosterolo, acido desossicolico; inattivare enterokinase e fosfatasi alcalina; partecipare alla formazione di prodotti di decadimento delle proteine (fenolo, indolo, scatol), normalizzando la peristalsi intestinale. La normale flora batterica contribuisce al sistema macrofagi istiocitaria "maturazione", influenzano la struttura della mucosa intestinale e la sua capacità di assorbimento.

La microflora intestinale può variare sotto l'influenza di vari processi patologici o fattori esogeni, che si manifesta con una violazione delle normali relazioni tra diversi tipi di microrganismi e la loro distribuzione in diverse parti dell'intestino. La comparsa di una microflora alterata disbiotica caratterizza una condizione chiamata dysbacteriosis. Quando espresso dysbacteriosis aumenta il numero di microrganismi nel piccolo intestino con una predominanza di batteri del genere Escherichia, Klebsiella, Lactobacillus, Campylobacter ed Enterococcus. Nell'intestino crasso e nei movimenti intestinali, il numero o scompare completamente di bifidobatteri, aumenta il numero di Escherichia, Stafilococco, Streptococco, Lievito, Klebsiella, Protea.

Dysbacteriosis manifesta spesso diminuire il numero totale di microrganismi, talvolta fino alla completa scomparsa di certi tipi di microflora normale, mentre una predominanza di specie che sono normalmente presenti in una quantità minima. Questa predominanza può essere prolungata o verificarsi periodicamente. Nell'emergenza della disbiosi un ruolo essenziale è giocato dalle relazioni antagoniste dei rappresentanti delle associazioni naturali. Piccole fluttuazioni temporali del numero di singoli microrganismi vengono eliminate da sole senza alcun intervento. Le condizioni in cui aumenta la velocità di riproduzione di alcuni rappresentanti delle associazioni microbiche o accumulano sostanze specifiche che inibiscono la crescita di altri microrganismi modificare significativamente la composizione della microflora e il rapporto quantitativo di vari microrganismi, t. E. Si verifica dysbacteriosis.

Con varie malattie, l'intestino tenue è pieno di microrganismi dalle parti distali dell'intestino, e quindi la microflora in esso assomiglia al "paesaggio microbico" dell'intestino crasso.

Sintomi disbiosi intestinale

In molti pazienti, la dysbacteriosis intestinale è latente ed è riconosciuta dallo studio batteriologico delle feci. Le forme clinicamente espresse di dysbacteriosis sono caratterizzate dai seguenti sintomi:

  • diarrea: le feci molli possono verificarsi 4-6 o più volte; in un certo numero di casi, la consistenza delle feci è polposa, nelle feci vengono determinati i pezzi di cibo non digerito. La diarrea non è un sintomo necessario della disbiosi intestinale. Molti pazienti hanno la diarrea, ci possono essere solo feci instabili;
  • flatulenza - un sintomo abbastanza costante di disbiosi;
  • dolore all'addome di natura volubile, incerta, solitamente di media intensità;
  • la sindrome da malassorbimento si sviluppa con un prolungato e grave decorso della disbiosi;
  • gonfiore, brontolio durante la palpazione del segmento terminale dell'iliaco e, più raramente, del cieco.

Dove ti fa male?

Fasi

Il grado di disbiosi può essere valutato dalla classificazione:

  • 1 grado (forma latente, compensata) è caratterizzato da piccoli cambiamenti nella parte aerobica della microbiocenosi (aumento o diminuzione del numero di Escherichia). Bifido e laktooflora non sono cambiati. Di regola, non c'è disfunzione intestinale.
  • 2 ° stadio (forma subcompensated) - mezzo riduzione trascurabile di bifidobatteri rivelato quantitativa e qualitativa cambia Escherichia e aumento della popolazione gruppo livello batteri opportunisti, Pseudomonas e genere funghi Candida.
  • 3 gradi - un livello significativamente ridotto di bifidoflora in combinazione con una diminuzione del contenuto di lattoflora e un brusco cambiamento nel numero di Escherichia. A seguito di una diminuzione del livello di bifidoflora, la composizione della microflora intestinale viene interrotta, si creano le condizioni per la manifestazione delle proprietà aggressive dei microrganismi opportunistici. Di regola, con dysbacteriosis del 3o grado c'è disfunzione dell'intestino.
  • 4 gradi - non bifidoflora, una significativa riduzione della quantità lactoflora e modificare il contenuto di E. Coli (aumento o diminuzione), l'aumento del numero di obbligatorie, opzionali e non tipici per le specie umane sane patogeni opportunisti in associazioni. Interrompe il normale rapporto di composizione intestinale microbiocenosis, riducendo così la sua funzione protettiva e vitaminosinteziruyuschaya vari processi enzimatici, aumenta il livello di prodotti metabolici indesiderati microrganismi patogeni condizionale. Oltre disfunzione del tratto gastrointestinale, che può provocare cambiamenti distruttivi nella parete intestinale, batteriemia e sepsi, come ridurre il grado e la resistenza locale al corpo ed azione patogena attuata microrganismi patogeni condizionale.

Alcuni autori classificano la disbiosi intestinale per il tipo di patogeno dominante:

  1. stafilococco;
  2. klebsiellezny;
  3. Proteaceae;
  4. bakteroidny;
  5. klostridiozny (difficile Cl.);
  6. kandidomikozny;
  7. misto.

Forme latenti e Subcompensated dysbacteriosis flusso sono più tipico per forme lievi e moderate di dissenteria, salmonellosi, colite postdizenteriynyh. Disbiosi scompensata osservato nel corso gravi e di infezioni acute intestinali, patologie concomitanti del tratto gastrointestinale, e la colite ulcerosa, la colite da protozoi protratta.

Le fasi di dysbacteriosis possono essere determinate utilizzando la classificazione:

  • I stage - diminuzione della quantità o eliminazione di bifidobatteri e (o) lattobacilli.
  • II stadio: un significativo aumento della successiva prevalenza della flora colibatterica o del suo netto declino, E. Coli atipico ed enzimaticamente inferiore.
  • III stadio - alti titoli dell'associazione di microflora condizionatamente patogena.
  • Stadio IV: i batteri predominano nel genere Proteus o Pseudomonas aeruginosa in titoli alti.

Di grande interesse è la classificazione della disbiosi secondo AF Bilibin (1967):

La disbacteriosi dell'intestino è di solito un processo patologico localizzato. Tuttavia, in un certo numero di casi, è possibile generalizzare la disbatteriosi. La forma generalizzata è caratterizzata da batteriemia, forse lo sviluppo di sepsi e setticopoiemia.

La disbacteriosi dell'intestino può verificarsi in forme latenti (subcliniche), locali (locali) e comuni (generalizzate) (stadi). Con la forma latente, un cambiamento nella normale composizione dei simbionti nell'intestino non porta alla comparsa di un processo patologico visibile. Con una forma locale di disbiosi, un processo infiammatorio si verifica in alcuni organi, in particolare nell'intestino. Infine, nella forma comune di disbiosi, che può essere accompagnato da batteriemia, generalizzazione dell'infezione, dovuto alla significativa riduzione della resistenza generale dell'organismo, ha interessato una serie di organi, compreso il parenchima, aumenta intossicazione, spesso una sepsi. I moduli compensati, più spesso latenti, subcompensati (di norma locali) e non compensati (generalizzati) sono assegnati in base al grado di compensazione.

Nell'ospite esistono microrganismi nel lume dell'epitelio intestinale alla superficie in cripte. Come si è dimostrato in un esperimento animale, avviene inizialmente "incollamento" (adesione) del microrganismo alla superficie del enterociti. Dopo l'adesione della proliferazione osservata di cellule microbiche e l'isolamento della tossina, che causa rottura del metabolismo idrico-elettrolitico, la comparsa di diarrea, che porta alla disidratazione e alla morte dell'animale. "Attaccare" di microrganismi, in particolare Escherichia coli, producono contribuire fattori di adesione specifici, che comprendono gli antigeni K-antigene o polisaccaridi capsulari o natura proteica, microrganismi fornendo capacità selettiva di aderire ad una superficie mucosale. Eccessivo rilascio di fluido prodotto dall'azione di cellula endotossine batteriche considerato non solo come manifestazione del processo patologico nel piccolo intestino, ma anche come un meccanismo di protezione per facilitare lisciviazione microrganismi dall'intestino. Le reazioni del sistema immunitario del corpo sono anticorpi specifici coinvolti e globuli bianchi che sono stati indicati nella ricerca ottenuti su un loop di Thiry-Vella.

Quando dysbacteriosis violato funzione antagonista della normale microflora intestinale in relazione ai microbi patogeni e putrefattivi, vitamine e funzioni enzimatiche che non possono alterare lo stato generale del corpo in connessione con una riduzione della sua resistenza.

Interessano l'attività funzionale normale della microflora del tratto digestivo alterati porta alla formazione di prodotti tossici, che vengono assorbiti nel piccolo intestino. Si è rivelato un ruolo dei batteri intestinali nello sviluppo del cancro al colon negli esseri umani, con la partecipazione di vari metaboliti batterici ambigui. Ad esempio, metaboliti dell'acido ammino prendono una piccola parte in oncogenesi, mentre allo stesso tempo, il ruolo dei metaboliti acidi biliari prodotti dall'azione di deidrogenasi nucleare e 7 degidroksilazy in questo processo è estremamente importante. La concentrazione di acidi biliari nelle feci in diversi gruppi di popolazione provenienti da diversi continenti, è correlata con il rischio di cancro al colon in via di sviluppo, e la maggior parte di persone provenienti da gruppi con un alto rischio di cancro al colon a livello intestinale presente Clostridium, che possiede la capacità di produrre beta deidrogenasi nucleare oksisteroid- 4,5-deidrogenasi). Nel gruppo di individui a basso rischio rivelare la loro rara. Clostridium rilevata nelle feci della maggior parte dei pazienti con cancro colorettale in confronto al gruppo di controllo.

In fragili, emaciati, bambini malati, specialmente sofferto di qualsiasi malattia, c'è stata intensa moltiplicazione della microflora patogena, che è un abitante permanente degli intestini dell'uomo e degli animali (per esempio, rappresentanti del genere Escherichia) che possono portare a infezioni e persino sepsi. Spesso, con la disbatteriosi, prevalgono microrganismi resistenti a farmaci antibatterici ampiamente utilizzati, che hanno la capacità di diffondersi in una popolazione di associazioni strettamente correlate. Condizioni analoghe si applicano vantaggiosamente permettono flora cocchi, microrganismi putrefattivi (genere Proteus et al.), funghi (Candida più tipo) batteri Pseudomonas, spesso provoca lo sviluppo di complicanze postoperatorie. Fungino più frequente dysbacteriosis, stafilococcica, Proteus, Pseudomonas, ed Escherichia causata da varie associazioni di detti microrganismi.

Diagnostica disbiosi intestinale

Dati di laboratorio

  1. Esame microbiologico delle feci: viene determinata una diminuzione della quantità totale di E. Coli, bifido e lattobacilli; c'è una microflora patogena.
  2. Coprocygram: viene determinata una grande quantità di fibre non digerite, amido intracellulare, steatorrea (saponi, acidi grassi, raramente - grasso neutro).
  3. L'analisi biochimica delle feci - con disbatteriosi, fosfatasi alcalina appare e aumenta il livello di enterocinasi.
  4. Test respiratorio positivo dell'idrogeno - l'eccesso di crescita batterica nell'intestino tenue porta ad un forte aumento del contenuto di idrogeno nell'aria espirata dopo un carico di lattulosio.
  5. La semina dell'intestino magro aspirata sulla flora batterica - per la dysbacteriosis intestinale, è la rilevazione di oltre 1010 microrganismi per ml. La diagnosi di dysbacteriosis è particolarmente probabile in presenza di anaerobi obbligati (clostridi e batteriosi), anaerobi facoltativi o batteri del gruppo intestinale.
  6. Si osserva l'esame del campione bioptico digiunale - appiattimento dei villi e infiltrazione dei leucociti della propria della mucosa.

Chi contattare?

Trattamento disbiosi intestinale

Il trattamento della disbiosi dovrebbe essere complesso e, insieme all'impatto sulla malattia di base e alla crescente resistenza dell'organismo, prevede la nomina di fondi, una varietà dei quali dipende dalla natura dei cambiamenti nella flora microbica dell'intestino. Quando si individuano microrganismi patogeni o condizionatamente patogeni, viene eseguito un ciclo di trattamento con farmaci antibatterici.

Effetto selettivo sul gruppo proteico e su un numero di ceppi di Pseudomonas aeruginosa ampicillina e carbenicillina. Negli ultimi anni sono stati combinati antibiotici sinergizzanti. Così, quando stafilococcica dysbacteriosis particolarmente efficace combinazione di aminoglicosidi (kanamicina, gentamicina solfato, monomycin) con ampicillina in presenza di Pseudomonas aeruginosa - gentamicina solfato con sale carbenicillina disodico; polimixina, pseudomonas batteriofago. Anaerobica e aerobica flora influenzano tetraciclina, cloramfenicolo, eritromicina, lincomicina, clindamicina.

In combinazione con antibiotici o indipendentemente possono essere utilizzati derivati di nitrofurano, sulfonamidi e farmaci, creati sulla base della loro associazione con trimetoprim-biseptolo. È stato stabilito che i preparati sulfanilamide sono ben assorbiti, per lungo tempo si trovano nel corpo nella concentrazione richiesta, non sopprimono la normale microflora dell'intestino e delle vie respiratorie.

Per il trattamento della disbiosi candidata utilizzare antibiotici fungicidi - nistatina, levorina e in corso severo - amfoglucamina, dekamina, amfotericina B.

Quando Proteacee dysbacteriosis formulazioni raccomandate nitrofurani serie - furakrilin, Furazolin, furazolidone, e derivati batteriofago koliproteyny di 8-idrossichinolina (5-NOC enteroseptol) e acido nalidixico (neri). Neri e altamente efficace per grave, disbiosi intestinale non trattabili, causato batteri consorzio microbico del genere Proteus, Staphylococcus, Escherichia lactosonegative, lievito funghi simile.

In precedenza, per la normalizzazione della microflora intestinale, venivano prescritti messicani e mexazas, che erano efficaci per l'enterite cronica e la colite complicata dalla disbiosi. Tuttavia, recentemente, in connessione con gli effetti collaterali di questi farmaci, più spesso a causa di una ricezione eccessivamente lunga e incontrollata, la produzione e l'uso di questi farmaci sono diminuiti drasticamente.

Attualmente, dopo la ricezione di antibiotici e altri agenti antibatterici per il trattamento di disbatteriosi mostrato colibacterin bifidumbakterin, bifikol, laktobakterin, t. E. Preparazioni derivate da rappresentanti delle normali microflora intestinale umana ed applicata con successo ad un dysbacteriosis in varie malattie intestinali. Tutti questi farmaci, o una di esse può essere raccomandata senza previa corso della terapia antibiotica se disbiosi manifesta soltanto la scomparsa o la riduzione del numero dei rappresentanti della normale flora intestinale.

È stata notata l'attività antagonista di questi farmaci in relazione a batteri intestinali patogeni e opportunistici. Pertanto, in un certo numero di casi, quando staphylococcus, funghi e altri abitanti stranieri si trovano nell'intestino in una piccola quantità, sono sufficienti solo preparati batterici contenenti una normale microflora normale.

Se dysbacteriosis accompagna processi cattiva digestione, è consigliabile utilizzare preparati enzimatici (Festalum, panzinorm et al.). Se dysbacteriosis causato da eccessiva, insufficiente o non regolata richiesta giustificata di agenti antibatterici, in particolare antibiotici, desensibilizzante dopo il ritiro viene eseguita, e la terapia disintossicazione stimolante. Prescrivere antistaminici, preparati ormonali, preparazioni di calcio, pentossi, methyluracil, vitamine, trasfusionali, gamma-globuline, vaccini, tossoide, batteriofagi, lisozima, e lo specifico antistafilococco eubiotiki pseudomonas siero e preparazioni batteriche.

In dysbacteriosis scompensato, complicata da sepsi, sono mostrate taktivin levamisolo, antistaphylococcal plasma immunoglobulina antistaphylococcal, trasfusione di sangue, globuli rossi, gemodeza proteine, reopoliglyukina, soluzioni di elettroliti e vitamine.

Prevenzione

Al centro della prevenzione di disbiosi sono igienicamente, i pazienti nutrizione, in particolare indebolito, misure di riparazione, la nomina di farmaci antibatterici solo sotto stretto indicazioni. Antibiotici devono essere combinati con vitamine (tiamina, riboflavina, piridossina, vitamina K, ascorbico e acido nicotinico), un effetto positivo sullo stato funzionale dell'intestino e la sua microflora, così come preparazioni enzimatiche, che impedisce il verificarsi di disbiosi intestinale.

È importante sapere!

Sindromi gastrointestinali a trasmissione sessuale comprendono proctite, proctocolite e enterite. La proctite si osserva principalmente nelle persone che praticano il sesso anale e l'enterite - orale-anale. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.