^

Salute

Lamponi per diabete di tipo 1 e di tipo 2

, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Tra i molti tipi di bacche, i lamponi sono particolarmente apprezzati non solo per il loro gusto eccellente, ma anche per i loro indubbi benefici. E dato il suo basso indice glicemico, il lampone per il diabete è molto adatto per una dieta volta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

Recenti statistiche mostrano che 30,3 milioni di persone, ovvero il 9,3% della popolazione americana, hanno il diabete. Inoltre, 347 milioni di persone nel mondo hanno attualmente il diabete e si prevede che diventeranno la settima principale causa di morte entro il 2030. [1]

Il profilo nutrizionale dei lamponi rossi e dei loro componenti polifenolici (cioè antociani ed ellagitanine / metaboliti) li rende candidati per l'inclusione regolare nelle diete volte a ridurre il rischio di diabete. [2]

I benefici e i danni dei lamponi nel diabete

Non è inutile che i normali lamponi rossi (Rubus idaeus) siano considerati una bacca piuttosto acquosa, poiché in 100 g di bacche fresche il contenuto di acqua raggiunge quasi 86 g e la quantità di fibra è di 6,5 g. È chiaro che il contenuto calorico è basso: per 100 g - 52 kcal, che è cinque volte inferiore a quella quantità di pane bianco e una volta e mezza in meno rispetto alle patate bollite.

La maggior parte di queste bacche contiene potassio (152 mg / 100 g), seguito da fosforo (29 mg), calcio (25 mg) e magnesio (22 mg). Il contenuto di ferro in 100 g non supera 0,7 mg; quasi altrettanto manganese e leggermente meno zinco. C'è rame (0,09 mg / 100 g) e selenio (0,2 μg / 100 g). Tra le vitamine in primo luogo, acido ascorbico (26,2 g / 100 g) e vitamina B4 o colina (12,3 mg / 100 g). Se la vitamina C protegge le cellule pancreatiche dallo stress ossidativo, la vitamina B4 non solo prende parte al metabolismo dei carboidrati, ma migliora anche le condizioni delle cellule β pancreatiche che producono insulina. [3]

Sono anche disponibili vitamine come alfa-tocoferolo, niacina, acidi pantotenico e folico, piridossina, tiamina, riboflavina, carotene (provitamina A) e vitamina K.

Ma per avere una risposta positiva alla domanda se i lamponi possono essere consumati nel diabete mellito, per essere il più ragionevole possibile e non causare dubbi, la quantità di zucchero dovrebbe essere indicata.

Quando i nutrizionisti raccomandano i lamponi come cibo sano per i pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 e con  diabete gestazionale , sono guidati dal fatto che l'indice glicemico di questa bacca è basso (25) e che solo 100 g di zuccheri sono contenuti in 100 g di bacche. Allo stesso tempo, il 53% (2,34 g) è rappresentato dal fruttosio, in cui l'insulina non è coinvolta; Il 42% (1,86 g) è glucosio (destrosio) e il resto è saccarosio.

Per fare un confronto: nella stessa quantità di fragole o anguria, lo zucchero è di circa 6 g (in questo caso, il 72% sotto forma di fruttosio nell'anguria e il 42% nelle fragole); pesca - 8,6 g (fruttosio 65%); albicocca - 9,3 g (7,6% di fruttosio); arancia - 9,4 g (27% di fruttosio); mirtilli - 7,3 g (49% di fruttosio); uva scura - 18,1 g (42%).

Ovviamente, questi dati ci consentono di dare la risposta corretta alla domanda, il lampone aumenta lo zucchero? Rispetto ad altri prodotti a base di carboidrati, i lamponi hanno molte meno probabilità di causare un aumento della glicemia. Inoltre, gli studi hanno dimostrato che il consumo di queste bacche in pazienti con diabete di tipo 2 aiuta a ridurre l'emoglobina glicata (HbA1c) e migliora la sensibilità all'insulina. Come suggerito, questo è il risultato dell'esposizione ai derivati del flavone lampone - antociani (in particolare cianidina), che si trovano anche in mirtilli, more, fragole, ciliegie e uva scura.

E ora un po 'di altri componenti biologicamente attivi che determinano i benefici dei lamponi nel diabete. La presenza di polifenoli vegetali, tannini, derivati di acidi idrossibenzoici e idrossicinnamici e altri composti è preziosa nella sua composizione. I lamponi rossi hanno un profilo polifenolico unico, caratterizzato principalmente dal contenuto di antociani e ellagitannini. Gli antociani sono composti flavonoidi e hanno uno scheletro di base C6-C3-C6. Sono responsabili del colore rosso vivo dei lamponi rossi. Cianidin-3-sophoroside, cyanidin-3, 5-diglucoside, cyanidin-3- (2 G -glucosylrutinoside), cyanidin-3-glucoside, cyanidin-3-rutinoside, pelargonidin-3-sophoroside, pelargonidin-3- (2 G β-glucosilrutinoside), pelargonidin-3-glucoside e pelargonidin-3-rutinoside sono i principali antociani nel lampone rosso. [4]

Pertanto, uno studio delle potenziali possibilità terapeutiche della genisteina antiossidante fitoestrogenica (4,5,7-triidrossisislavlavone), che è presente anche nei lamponi, ha rivelato la capacità di questo composto non solo di ridurre la formazione di cellule adipose, ma anche di inibire il trasferimento del glucosio in esse da parte dei trasportatori di membrane (GLUT). Gli esperimenti hanno anche dimostrato l'effetto positivo della genisteina sullo stato delle cellule beta del pancreas, che aiuta a ridurre l'iperglicemia.

Il meccanismo proposto per ridurre il glucosio postprandiale è limitare l'assorbimento del glucosio inibendo l'attività dell'α-amilasi e dell'α-glucosidasi. Rispetto ad altri estratti di bacche, gli estratti di lampone rosso erano più efficaci nell'inibire l'α-amilasi. [5]

Un altro antiossidante fenolico è nei lamponi, ed è il resveratrolo (tutti sanno che è abbondante nell'uva scura), che ha dimostrato non solo la sua attività anti-infiammatoria, ma anche la capacità di ridurre la glicemia a digiuno e l'emoglobina glicata nel diabete 2 digitare.

Infine, i lamponi contengono tyliroside - un flavonoide glicosidico, che, secondo studi preliminari, può aiutare i diabetici obesi aumentando l'attività dell'ormone grasso dell'ormone adiponectina e normalizzando glucosio nel sangue, insulina e lipidi.

Studi condotti su modelli animali diabetici confermano i dati in vitro che hanno dimostrato che un'assunzione di 5 settimane di cianidina-3-glucoside (0,2% della dieta) ha ridotto il glucosio a digiuno e ha migliorato la sensibilità all'insulina, misurata con insulina o glucosio. Test di tolleranza rispetto ai gruppi di controllo. [6]Gli effetti sui parametri metabolici sono stati accompagnati da una diminuzione dell'espressione dei geni infiammatori delle citochine nel tessuto adiposo bianco e da un aumento del livello del regolatore del glucosio 4, ma non dell'adiponectina. [7]

Gli studi dimostrano che i componenti dei lamponi rossi hanno attività biologica, che può avere un significato clinico per la prevenzione o il trattamento del diabete. Studi in vitro e su animali in vivo hanno dimostrato effetti antiossidanti, antinfiammatori e sensibilizzanti sull'insulina nei tessuti, in particolare nel tessuto adiposo. Questi effetti hanno portato a una diminuzione della glicemia e delle proteine glicate. [8] L'aumento della secrezione di insulina da parte delle cellule beta del pancreas è un altro meccanismo importante per controllare i livelli di glucosio e rallentare la progressione della malattia. 

Il danno ai lamponi nel diabete può essere in presenza di un'allergia o una violazione del metabolismo dell'acido urico - con la deposizione dei suoi sali (urato) vicino alle articolazioni e alla gotta.

Non è consigliabile mangiare lamponi in caso di insufficienza renale cronica, nonché durante i periodi di esacerbazione delle malattie infiammatorie dello stomaco e in pazienti con asma bronchiale aspirina (poiché le bacche contengono acido salicilico - 5 mg / 100 g).

Gli esperti avvertono che i lamponi contenenti sostanze della classe fitoetrogena sono controindicati in caso di endometriosi o mioma uterino, nonché in malattie oncologiche di organi sensibili agli ormoni: ghiandole mammarie, utero, ovaie.

Su quali bacche sono utili per il diabete mellito di tipo 1, 2, maggiori dettagli nella pubblicazione -  Bacche per diabete mellito di tipo 1 e 2: quali possono e non devono essere consumate?

Se non sai come sostituire i lamponi con il diabete, leggi:

Foglie di lampone per il diabete

Le foglie di Rubus idaeus sono state usate universalmente come rimedio per secoli: raffreddori e febbre, problemi cardiaci e ipertensione, disturbi intestinali, anemia, menorragia, nausea mattutina durante la gravidanza e per alleviare il parto e ridurre l'emorragia postpartum.

Le foglie di lampone contengono tannini (derivati dell'acido ellagico) e flavonoidi. La cui quantità è superiore a quella delle bacche. Sono inclusi anche acidi carbossilici, fenolici e idrossibenzoici organici; terpenoidi, glicosidi, ecc.

La foglia di lampone appartiene alle piante farmacopee, gli studi hanno dimostrato la sicurezza dell'ego  [9]e molti endocrinologi consigliano ai loro pazienti di usare le foglie di lampone per il diabete di tipo 2 e il diabete gestazionale  [10]- per ridurre l'ipoglicemia e la resistenza all'insulina - sotto forma di decotto a base di erbe, infusione o tè. 

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.