^

Salute

A
A
A

Metastasi nei polmoni

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Nei tessuti dei polmoni, l'ossigeno viene introdotto nel sangue e il biossido di carbonio viene rilasciato. L'apporto di sangue attivo crea condizioni eccellenti per la riproduzione di microrganismi e cellule tumorali. I polmoni si riferiscono al secondo posto (alcune fonti tendono al primo) in termini di numero di metastasi di lesioni (tumori secondari). La localizzazione delle neoplasie primarie influenza la frequenza e la natura delle metastasi. La quota di un processo metastatico isolato nel tessuto polmonare rappresenta dal 6 al 30% dei casi. La localizzazione di un numero di cellule tumorali (con sarcoma dei tessuti molli, cancro del rene, coroepitelioma dell'utero) porta alla formazione di metastasi distanti nei tessuti polmonari e rappresenta il 60-70% della pratica clinica.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Le cause metastasi nei polmoni

I tessuti polmonari sono dotati di una rete capillare estesa e ramificata. Come parte del sistema vascolare, e attivamente partecipare al processo del microcircolo, sistema linfatico trasporta linfa (attraverso i vasi sanguigni, i nodi e collezionisti nel sistema venoso) e agisce come un sistema di drenaggio che spiega le cause di metastasi polmonari. La linfa è il canale principale per lo spostamento delle cellule tumorali e l'origine della patologia. Dagli organi interni / tessuti l'uscita della linfa è dovuta ai capillari che passano nei vasi linfatici, che a loro volta formano i collettori linfatici.

I linfonodi, come componenti del sistema immunitario, svolgono un ruolo di primo piano nell'esecuzione delle funzioni protettive ed ematopoietiche. Circolandosi costantemente attraverso i linfonodi, la linfa si arricchisce di linfociti. I nodi stessi sono una barriera per qualsiasi corpo estraneo - particelle di cellule morte, qualsiasi polvere (domestica o tabacco), cellule tumorali.

trusted-source[9], [10], [11], [12], [13], [14]

Sintomi metastasi nei polmoni

Le metastasi nei polmoni sono rilevate in pazienti non operati o dopo la rimozione del focus del tumore primario. Spesso la formazione di met è il primo segno della malattia. Di regola, lo sviluppo di metastasi polmonari procede senza sintomatologia significativa. Solo una piccola percentuale di pazienti (20%) nota manifestazioni forti e dolorose: 

  • tosse persistente; 
  • mancanza di respiro; 
  • tosse con espettorato o sangue; 
  • sensazione di dolore e rigidità del torace; 
  • aumento della temperatura corporea fino a 38 С; 
  • perdita di peso.

La presenza di dispnea dovuta al coinvolgimento nel processo patologico della maggior parte del tessuto polmonare a causa della compressione o l'occlusione del lume del bronco che porta al collasso segmento / la proporzione di tessuto polmonare.

Se il tumore copre la pleura, la colonna vertebrale o le costole, si verifica la sindrome del dolore.

Questo indica un processo di vasta portata. Nella maggior parte dei casi, solo con l'esame regolare a raggi X (dopo il trattamento del centro del cancro primario) i mets sono identificati in una fase iniziale, quando è possibile il massimo effetto terapeutico. A questo proposito, i pazienti che sono stati trattati con qualsiasi neoplasma maligno devono sottoporsi a una fluorografia o esame a raggi X della regione toracica almeno due volte l'anno.

Tosse con metastasi nei polmoni

Come i casi del processo del tumore primario, la tosse con metastasi polmonari è il primo segno di una patologia e nella pratica clinica si verifica nell'80-90% dei casi.

Nonostante il fatto che la tosse sia un compagno inalienabile di tutte le malattie broncopolmonari, quando metastatizza nel tessuto polmonare il suo carattere ha un certo numero di caratteristiche.

Inizialmente, i pazienti soffrono di tosse secca, isterica e dolorosa. Gli attacchi sono frequenti, di regola, di notte. Inoltre, la tosse viene trasformata in un umido, con un espettorato muco-purulento, che è inodore. Nel separato, ci può essere una mescolanza di vene di sangue. Come restringimento del lume dei bronchi, l'espettorato diventa purulento. Ci sono segni di emorragia polmonare.

All'inizio, la dispnea si preoccupa durante gli sforzi fisici, ma presto diventa un compagno delle attività quotidiane (ad esempio, quando si cammina su una scala).

Le metastasi nei polmoni possono germinare nella pleura, esercitare una pressione sui bronchi, che intensificherà la tosse e causerà un forte dolore, non dando il sonno. La metastasi dei nodi mediastinici sulla sinistra porta a raucedine improvvisa e afonia. La localizzazione dei mets sulla destra esercita una pressione sulla vena cava superiore, causando gonfiore del viso, degli arti superiori, una sensazione della gola compressa e la comparsa di un mal di testa durante una tosse.

trusted-source[15], [16]

Carcinoma polmonare e metastasi

Le metastasi si formano praticamente in tutti i pazienti con neoplasie maligne nelle ultime fasi. Succede che il processo di metastasi si manifesti spesso all'inizio dello sviluppo del tumore. Lo screening delle cellule tumorali dal tumore primario in organi distanti è una complicanza pericolosa dell'oncologia.

Il carcinoma polmonare occupa un posto di primo piano nella diffusione diretta delle cellule maligne oltre il confine del polmone colpito, così come la capacità di metastasi precoci ed estese. Quest'ultimo è dovuto alla presenza di un gran numero di vasi sanguigni e linfatici nei tessuti polmonari.

Secondo i risultati dell'autopsia, il cancro polmonare e le metastasi si verificano dall'80 al 100% dei casi.

La metastasi si verifica per via linfatica, ematogena, aerogenica e mista. Secondo la maggior parte degli oncologi, l'ultima è la più comune.

I medici hanno convenuto che la formazione di questo processo oncologico ha una serie di regolarità: 

  • l'influenza dell'età del paziente sulla velocità di diffusione degli agenti patogeni; 
  • la frequenza dipende dalla struttura della formazione del tumore.
  • Ad esempio, il carcinoma polmonare a piccole cellule indifferenziato dà più risultati.

Carcinoma polmonare e metastasi nel cervello

Il più grande screening di met (30-60%) nel cervello è causato da neoplasie maligne del tessuto polmonare, in particolare per il cancro di tipo a piccole cellule. Il gruppo di rischio comprende pazienti di età superiore ai 50 anni e il tasso di incidenza aumenta di anno in anno. Tale processo oncologico contribuisce allo sviluppo di disturbi mentali e fisici.

Il danno cerebrale metastatico è la causa: 

  • aumento della pressione intracranica, che si manifesta come un dolore alla testa di una specie dilatata, una sensazione di nausea e vari disturbi della coscienza (stordimento, coma); 
  • convulsioni epilettiformi; 
  • disordini neurologici locali - i segni della malattia compaiono sul sito opposto a quello colpito. Ad esempio, la metastasi del cancro del polmone nel cervello a sinistra viene rilevata dai sintomi (cambiamento di sensibilità, paralisi, disturbi del linguaggio, ecc.) Sul corpo a destra.

Spesso, le metastasi nel cervello indicano la manifestazione dell'oncologia primaria. Quindi circa il 10% dei pazienti con oncologia polmonare si rivolge ai medici per disturbi neurologici.

I sintomi neurologici possono assumere la forma di un ictus man mano che la malattia progredisce.

Va notato che ogni paziente oncologico con sintomi di mal di testa, convulsioni, nausea, disturbi dell'andatura, indebolimento della memoria, debolezza agli arti inferiori deve essere esaminato mediante TC / RM.

Cancro ai polmoni e metastasi nel fegato

I tumori oncologici del tessuto polmonare schermano le cellule maligne nel fegato, nei linfonodi, nei reni, nel cervello, nelle strutture ossee e in altri organi / tessuti. Nella fase iniziale, le metastasi epatiche non si manifestano. Con la graduale sostituzione delle cellule epatiche, i mets riducono significativamente la funzionalità dell'organo, mentre il fegato diventa più denso e acquisisce una pronunciata tuberosità. Il danno massiccio spesso causa l'ittero e l'intossicazione intrinseca.

La presenza di patologia può essere assunta dalla seguente sintomatologia: 

  • una sensazione di debolezza, una diminuzione di efficienza; 
  • perdita di peso; 
  • mancanza di appetito, anoressia; 
  • sensazione di nausea, vomito, protrusione di asterischi vascolari, pelle di ombra terrosa; 
  • gravità, pressione della regione del fegato, dolori di carattere opaco; 
  • presenza di temperatura, tachicardia; 
  • vene aumentate sull'addome, ittero, ascite; 
  • prurito della pelle; 
  • la comparsa di flatulenza, disfunzione intestinale; 
  • tipo gastroesofageo di vene varicose sanguinanti; 
  • ingorgo delle ghiandole mammarie (il fenomeno della ginecomastia).

Il fegato nel corpo umano svolge la funzione di disintossicazione mediante una circolazione sanguigna intensiva (volume al minuto - oltre un litro e mezzo), che spiega la frequenza dello sviluppo dei mets nell'organo.

La sconfitta di un organo vitale esclude l'uso del trattamento chirurgico radicale in mente con una maggiore generalizzazione e un rapido indebolimento del corpo (spesso si osserva cardiopalmonare e insufficienza respiratoria).

Carcinoma polmonare e metastasi ossee

Nella pratica clinica, circa il 40% del processo oncologico nelle strutture ossee è rilevato in oncologia primaria del tessuto polmonare. La metastasi è suscettibile a: una colonna vertebrale, ossa dell'anca, regione pelvica e spalle, sterno e costole. La natura della distribuzione lungo l'asse scheletrico è dovuta alle peculiarità della localizzazione del midollo osseo rosso. La presenza di cellule tumorali nel letto vascolare del midollo osseo non è una condizione sufficiente per la comparsa dei focolai mets, è richiesta la connessione di fattori biologici. Questi includono l'aumento dell'espressione della proteina paratiroidea (attiva i processi metabolici nelle strutture ossee) secreta dalle cellule tumorali.

Le metastasi nelle ossa sono osteolitiche, osteoblastiche e miste. L'immagine clinica è inerente: 

  • forte dolore; 
  • deformazione delle strutture ossee e fratture patologiche; 
  • ipercalcemia (sovrasaturazione del calcio nel plasma).

In rari casi, la formazione di met è asintomatica. Il dolore difficile causa l'uso di antidolorifici narcotici e il trattamento ospedaliero.

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule e le metastasi ossee fungono da criterio per la prognosi sfavorevole quando la sopravvivenza media non supera i tre mesi.

Carcinoma polmonare e metastasi nella colonna vertebrale

La lesione metastatica del midollo spinale si riferisce alla formazione di malignità secondaria, che si verifica più spesso rispetto all'oncologia primaria. A volte in ogni decimo caso non è possibile determinare la fonte primaria di cancro.

Il cancro del polmone e le metastasi nella colonna vertebrale si trovano nel 90% della pratica clinica. Inoltre, il processo oncologico è di natura multipla e il percorso di penetrazione delle cellule tumorali - più spesso con il flusso sanguigno, meno spesso - con la linfa. Lo sviluppo di mets causa la sindrome del dolore nella zona corrispondente delle vertebre, è espressa dalla presenza di dolori nevralgici, la cui comparsa è associata alla pressione sulle radici nervose del midollo spinale.

Spesso le tasche si accumulano nella regione lombare, causando dolore (come la sciatica) e persino la paralisi delle gambe. Il dolore aumenta gradualmente, si intensifica durante la notte. Senza un trattamento tempestivo e appropriato, il dolore diventa intollerabile. L'apparizione dei primi sintomi di alterazioni neurologiche - radicolopatia o mielopatia - è un'occasione per eseguire una radiografia che rileva la distruzione di corpi e processi vertebrali. Visualizzazione più accurata delle metastasi nella colonna vertebrale consente la tecnica di scansione ossea.

Metastasi nel fegato e nei polmoni

Le lesioni metastatiche compaiono spesso negli stadi avanzati del cancro. La distribuzione dei met è effettuata per mezzo di sangue, linfa o in modo misto. La maggior parte dei fuochi sono localizzati nei tessuti polmonari, nel fegato, nel cervello, nelle ossa.

Il processo di metastasi consiste in una complessa sequenza di azioni in cui le cellule tumorali cambiano la loro posizione dal focus oncologico, migrando con il sangue, il flusso linfatico o mediante espansione diretta in altri tessuti. Inizialmente, la cellula tumorale è separata dal tumore e provoca la degradazione delle proteine, con conseguente capacità di movimento.

Tre sono le modalità di movimento conosciute dalla cellula umana: collettiva, mesenchimale e ameboide. Le cellule tumorali sono dotate di una speciale mobilità che consente di passare da un tipo di movimento a un altro.

In una fase iniziale, la metastasi si sviluppa in modo asintomatico. La sensazione di pesantezza nella zona dell'ipocondrio destro si verifica solo quando cresce l'attenzione patologica.

I casi di carcinoma mammario metastatico in alcuni pazienti causano una patologia progressiva degli organi vitali che porta alla morte, mentre in altri - il lento sviluppo della malattia con lunghi periodi di stabilizzazione (l'aspettativa di vita raggiunge i 10 anni). Frequenti cause di morte dei pazienti con carcinoma mammario sono le metastasi nel fegato e nei polmoni.

Cancro renale e metastasi ai polmoni

La malattia renale tumorale è più comune tra i pazienti maschi, a causa della dipendenza dal fumo e del lavoro in produzione dannosa. L'età media dei pazienti è di 40-60 anni, anche se recentemente c'è stata una tendenza verso la rilevazione del cancro del rene nelle giovani generazioni. Il tipo più comune di cancro è la cellula renale (più del 40%), il secondo posto è costituito da tumori della pelvi renale e dell'uretere (20%), i casi di sarcoma non superano il 10% dei casi.

I fattori che influenzano lo sviluppo dei processi tumorali nel rene sono suddivisi in: ormonale, radiante e chimico. In un gruppo speciale di fumatori a rischio cadono in cui le metastasi sono numerose e la malattia è più grave.

Le cellule tumorali si diffondono ematologicamente e linfogenicamente. L'incidenza del cancro del rene sulla diffusione dei met è osservata in metà dei pazienti. Nella maggior parte dei casi clinici di danno renale maligno, si evidenziano metastasi nei polmoni, strutture ossee, fegato e cervello, che è spiegato dall'interazione esistente tra il sistema renale venoso e i vasi principali delle zone toracica e addominale.

Il cancro del rene, metastasi ai polmoni è rilevato dalla caratteristica emottisi. Un solido processo tumorale con un esame a raggi X può assomigliare a un cancro di una specie bronchogena, e la presenza di più mets è una condizione di polmonite o tubercolosi.

Cancro al seno e metastasi polmonari

Le malattie oncologiche sono classificate in base agli stadi di sviluppo, il che consente ai medici curanti di orientarsi nella scelta del trattamento efficace e di giudicare la prognosi. Con il cancro al seno di terzo grado, ci sono metastasi ai polmoni, i linfonodi sono colpiti e il tumore stesso può avere dimensioni diverse. Tuttavia, fino a quando i linfonodi si sono fusi in un unico materiale, l'esito della malattia è considerato favorevole.

Oncologia del cancro al seno del terzo stadio ha due sotto-fasi: 

  • processo invasivo con formazione di tumori, non superiore a cinque centimetri. I linfonodi sono ingranditi, hanno una stretta connessione con i tessuti vicini; 
  • il secondo stadio secondario è caratterizzato dalla germinazione delle cellule tumorali nei linfonodi della zona toracica, che è determinata dal colore rossastro della pelle.
  • Il cancro al seno e le metastasi polmonari devono essere sospettati quando si verificano i seguenti sintomi: 
  • un tipo invalicabile di tosse progressiva di tipo secco o con scarico (muco, impurità di sangue); 
  • molti pazienti riportano mancanza di respiro; 
  • dolore al petto; 
  • diminuzione dell'appetito e del peso.

La maggior parte delle metastasi colpiscono le parti periferiche del polmone, il che spiega la complessità del loro rilevamento nella diagnosi differenziale. La ragione del trattamento tardivo dei pazienti è la mancanza di manifestazioni cliniche di metastasi nei casi di germogliamento singolo e solitario.

Per le metastasi del cancro al seno usare la chemioterapia e la terapia ormonale, ma i casi di guarigione completa sono rari. Pertanto, l'obiettivo principale del trattamento è quello di eliminare i sintomi e la capacità del paziente di condurre una vita piena, che si ottiene con uno schema più tossico.

trusted-source[17], [18], [19], [20], [21]

Multiple metastasi nei polmoni

Le metastasi nei polmoni sono nodi singoli o multipli di forma arrotondata, la cui dimensione raggiunge i cinque centimetri o più.

Le osservazioni sullo sviluppo della malattia hanno portato alla conclusione che più metastasi nei polmoni sono distribuite equamente in entrambe le parti. Il rapido sviluppo del processo patologico dimostra la malignità delle neoplasie metastatiche. Entro un anno dalla conferma della diagnosi del tumore primitivo, i mets nei pazienti sono stati trovati nei seguenti rapporti: 

  • circa il 30% - del tipo oligarchico; 
  • più del 35% - sconfitta singola; 
  • Il 50% dei casi è multiplo

Un fenomeno caratteristico in focolai di piccole dimensioni, senza germinazione nei tessuti dei bronchi e della pleura, è che le metastasi multiple nei polmoni non causano alcun inconveniente al paziente. La debolezza generale, il disagio nella forma di mancanza di respiro, la stanchezza rapida, la temperatura avvengono con la progressione della malattia.

In rari casi di metastasi multiple, un metastasi si deposita sulla parete del bronco. Con un tale corso del processo patologico, si manifesta una tosse di natura arida, che si sviluppa in una sintomatologia di oncologia primaria bronchogena con espettorato di muco.

Cancro allo stomaco e metastasi ai polmoni

Attraverso la circolazione sanguigna metastasi si osserva nelle ultime fasi della malattia con cancro allo stomaco, escludendo la vena porta. Quindi ci sono più metastasi nei polmoni, strutture ossee, reni, cervello, milza, pelle.

L'oncologia dello stomaco è al secondo posto nella frequenza di rilevamento negli uomini e il terzo nella popolazione femminile. In alveolite idiopatica, il cancro allo stomaco e le metastasi ai polmoni a causa della via linfatica compaiono nel 70% dell'incidenza. Durante macroexamination scoperto che le cellule tumorali si formano nella linea di conglomerati linfatiche (peribronchiale e vasi subpleuriche) che rappresenta biancastre noduli biancastri grigi e fili sottili.

Spesso, i multipli, round mets sono caratterizzati da piccole dimensioni e crescono lentamente. Nella maggior parte dei casi, vengono rilevati bilaterali, germinanti isolati o sullo sfondo di lesioni metastatiche di broncopolmonari, linfonodi biforcazione. Spesso c'è un versamento pleurico isolato (unilaterale / bilaterale) o linfangite con diffusione ai nodi broncopolmonari e mediastinici.

Metastasi ai polmoni e alla colonna vertebrale

La metastasi nella colonna vertebrale è una recidiva dopo il trattamento di oncologia primaria, in cui i mets non sono stati completamente distrutti. Stanno progredendo attivamente, interessando i tessuti vicini. Le metastasi nella colonna vertebrale possono penetrare dagli organi vicini.

La formazione di metastasi nei polmoni e nella colonna vertebrale è causata da un flusso sanguigno attivo nei tessuti e nelle ossa del polmone. Le cellule tumorali con flusso sanguigno penetrano nel midollo osseo e nel tessuto osseo, attivando il lavoro delle cellule osteoclastiche, che dissolvono la struttura delle ossa. Attraverso il tessuto polmonare, il sangue viene continuamente pompato, il che li rende il secondo posto disponibile (dopo il fegato) per la crescita dei met.

Nel suo quadro clinico, le metastasi ai polmoni e la colonna vertebrale all'inizio non si rivelano. Metastasi polmonari durante lo sviluppo (più spesso con forme trascurate) possono essere rilevate da tosse, inclusioni di sangue nell'espettorato, condizione di subfebrile, esaurimento, difficoltà di respirazione.

La progressione delle metastasi ossee è espressa dalla sindrome del dolore, fratture non fuse, disordini metabolici, ipercalcemia. Il sintomo più spiacevole e grave, l'ipercalcemia, è una combinazione di sintomi: sete, secchezza delle fauci, formazione di urina attiva (poliuria), nausea, vomito, inibizione, perdita di coscienza. La sconfitta dei metastasi della colonna vertebrale è gravata da un aumento della pressione sul midollo spinale, così come da problemi neurologici - cambiamenti nella mobilità degli arti, la funzione delle ossa pelviche.

Per un risultato favorevole della metastasi a livello polmonare e della colonna vertebrale, è importante riconoscere le manifestazioni patologiche all'inizio dello sviluppo e prescrivere un trattamento efficace.

Cancro dell'intestino e metastasi ai polmoni

Sotto i processi cancerosi dell'intestino si intende una malattia maligna della mucosa. L'oncologia si verifica in qualsiasi area dell'intestino, ma più spesso nella sezione spessa. Una malattia oncologica abbastanza comune colpisce sia le popolazioni maschili che quelle femminili oltre i 45 anni di età.

Come molti tumori, il cancro intestinale è asintomatico e i primi segni della malattia sono spesso confusi con la colite. Il sintomo principale delle lesioni intestinali è la presenza di cancro nelle feci di sangue.

Le manifestazioni cliniche sono diverse a seconda di quale dei siti è coinvolto nel processo patologico e nelle fasi di sviluppo dell'oncologia. I processi tumorali a destra sono caratterizzati da diarrea, sindrome del dolore addominale, inclusioni fecali nelle feci, anemia da carenza di ferro (a causa della costante perdita di sangue). Oncologia a sinistra - stitichezza, gonfiore. Malattie intestinali cancerose dovrebbero essere sospettate di manifestazioni dispeptiche prolungate (due settimane o più): eruttazioni, nausea, sensazione di pesantezza allo stomaco, diminuzione dell'appetito, una sedia irregolare.

Un sintomo altrettanto importante del cancro dell'intestino sarà antipatia per la carne. Il cancro intestinale e le metastasi ai polmoni indicano la progressione della malattia, la transizione verso una forma intrattabile. Ai sintomi generali si aggiungono debolezza, scottature della pelle, perdita di peso, nervosismo eccessivo.

trusted-source[22], [23], [24], [25], [26], [27], [28], [29], [30], [31], [32]

Cancro alla prostata e metastasi ai polmoni

I Mets, che colpiscono gli organi vitali, sono considerati disastrosi nel cancro alla prostata. E la causa della mortalità è la diagnosi successiva della malattia (al terzo e anche al quarto stadio).

Il processo di metastasi inizia già in una fase precoce della malattia, in cui sono coinvolti i linfonodi, le strutture ossee, i tessuti polmonari, le ghiandole surrenali e il fegato. Sintomatico si verifica anche quando trascurato oncologia, quando il trattamento è difficile o addirittura impossibile.

Con malattia maligna della prostata è annotato: minzione frequente, sindrome di dolore della zona perineale, impurità di sangue in urina e sperma. Il cancro alla prostata e del polmone metastasi oltre a unire i sintomi polmonari (tosse, espettorato di sangue, dolore toracico, etc.) nelle fasi successive di sviluppo del tumore sono i segni comuni di intossicazione: drammatica perdita di peso del paziente, debolezza, stanchezza, pelle pallida con ombra terrosa. La metastasi nel carcinoma della prostata è rilevata con edema delle gambe (zona dei piedi, caviglie).

Avere problemi a urinare è un'occasione per visitare un urologo. Le lesioni cancerose nella prostata hanno maggiori probabilità di colpire gli uomini in età avanzata.

Metastasi del sarcoma nei polmoni

Il sarcoma dei tessuti molli è un ampio gruppo di tumori maligni che si formano da un tipo primitivo di mesoderma embrionale. Il mezoderma è incluso nel mesoderma, il materiale primario per la formazione del tessuto connettivo, che costituisce tendini, legamenti, muscoli e simili.

Il sarcoma è caratterizzato da una crescita lenta e mancanza di dolore. Molto spesso, i sarcomi sono metastatizzati nel tessuto polmonare, meno spesso nei linfonodi del tipo regionale. Un luogo comune di localizzazione del sarcoma è gli arti inferiori, la regione pelvica, lo spazio retroperitoneale. La dimensione del tumore stesso viene giudicata sulla probabilità di diffondere met (maggiore è la lesione, maggiore è la probabilità di metastasi).

Il sarcoma esterno è una formazione in rapida crescita, inattiva, indolore e morbida al tatto. La superficie del tumore è liscia o irregolare. Gli stadi successivi sono descritti da una caratteristica tonalità viola-cianotica, e le vene sono espresse ed espanse. L'interno viene rilevato all'avvio del processo schiacciando gli organi circostanti con i fuochi.

Il percorso di penetrazione delle metastasi nei polmoni e negli altri organi interni è ematogeno. La quota di metastasi linfogene rappresenta solo il 15% di tutti i casi.

Metastasi nei polmoni del 4 ° stadio

Il cancro del 4 ° stadio è un processo patologico irreversibile, caratterizzato dalla penetrazione dell'oncologia negli organi vicini, nonché dall'apparizione di metastasi distanti.

Criteri per la diagnosi: 

  • progressione del cancro con danni alle strutture ossee, fegato, pancreas, cervello; 
  • tumore in rapido aumento; 
  • qualsiasi tipo di cancro alle ossa; 
  • formazione cancerosa fatale (melanoma, tipo di tumore pancreatico, ecc.).

Il livello di sopravvivenza a cinque anni dal momento della diagnosi di cancro della fase 4 non supera il 10%. Ad esempio, il cancro allo stomaco e le metastasi nei polmoni del 4 ° stadio hanno una prognosi favorevole con un tasso di sopravvivenza del 15-20%. La durata massima della vita è osservata in pazienti con tumori della parte cardinale, specialmente di tipo squamoso. Mentre la prognosi positiva per i processi tumorali dell'intestino non supera il 5%. Il principale problema dei pazienti con carcinoma della prostata sono le violazioni del fegato, dei reni, che portano ad un esito fatale nei primi cinque anni dopo la conferma della diagnosi.

Come sono le metastasi nei polmoni?

La diagnostica a raggi X consente di determinare quali metastasi nei polmoni sono simili. Secondo il quadro clinico, si distinguono i seguenti cambiamenti di forma: 

  • nodoso; 
  • diffusamente linfa; 
  • misto.

La forma nodulare comprende tipi solitari (grandi nodulari) o multipli (focali). I focolai di una specie solitaria sono arrotondati con nodi di contorno chiari localizzati principalmente nella regione basale. Tali mets si trovano spesso nel corso asintomatico del processo del cancro. In base alle caratteristiche di sviluppo e alla velocità dello sprawl, i metidi solitari assomigliano al tumore originale.

La forma focale delle metastasi è incontrata più spesso dai medici che da una nodale di grandi dimensioni. Nella maggior parte dei pazienti si osservano metastasi a bassa focale nei polmoni contemporaneamente alla linfangite dei tessuti polmonari circostanti, pertanto i sintomi clinici (dispnea, debolezza generale, tosse senza scarica) si manifestano nei primi periodi.

Flusso diffusivo-linfatico (pseudo-pneumatico) è caratterizzato da cambiamenti nel modello pesante, che appare sui raggi X con tenute lineari sottili. La progressione del processo patologico porta alla crescita delle ombre focali. Tali pazienti sono considerati i più pesanti.

La forma pleurica di Mets all'inizio può essere confusa con la pleurite essudativa. Il roentgenogram rivela un tipo nodoso di biancheria da letto, la presenza di un massiccio versamento. I processi patologici della pleura sono caratterizzati da insufficienza polmonare, deterioramento del benessere, temperatura subfebrilare.

In forma mista, oltre alle lesioni del nodo, si verificano linfangite e versamento della zona della pleura. I nodi mediastinici sono spesso coinvolti nel processo. Questi fuochi nei polmoni sono chiamati polmonare-pleurico o polmonare-mediastinico.

Metastasi nei polmoni alla radiografia

L'esame del torace con il metodo della radiografia consente di studiare la struttura del tessuto polmonare, identificare i blackout sospetti, i cambiamenti nella posizione degli organi dello sterno, determinare la dimensione dei linfonodi.

Per determinare la posizione e la dimensione dei met, vengono prese due varianti delle immagini: le viste frontale e laterale. Le metastasi nei polmoni della radiografia sono arrotondate (come una moneta) di diverse dimensioni (singole o multiple), suddivise in tipi:

  • nodulare, compresa una forma nodale (solitaria) e focale (multipla); 
  • diffusive-linfatico (pseudopneumatico); 
  • plevralynaya; 
  • misto.

Per una specie solitaria, sono caratteristici i contorni chiaramente definiti dei nodi interessati, localizzati principalmente nelle parti basali del polmone. Tuttavia, la struttura del tessuto polmonare non viene modificata. La forma focale è più diffusa, essendo associata alla linfangite dei tessuti circostanti.

Tipo diffusivo-linfatico radiograficamente rivelato da un modello pesante di tenute lineari sottili della zona peribronchiale. La crescita dell'attenzione patologica trasforma i fili in vaghi e ulteriormente con chiari confini dell'ombra, localizzati diffusamente lungo i campi dei polmoni.

La forma pleurica di mets nei polmoni in una fase precoce viene spesso scambiata per una foto di pleurite essudativa. In rari casi, vi è il coinvolgimento della pleura nell'attenzione patogena. Ai raggi X forma visibile hillocky strati copre il tessuto polmonare o versamento (talvolta bilaterali), la cui natura varia da trasudato / essudati a grave emorragica.

La specie mista è caratterizzata dalla presenza di nodi nel tessuto polmonare insieme a linfangite e versamento della zona pleurica.

Forme

Tumori secondari - metastasi polmonari (metastasi, met) - sono classificati come segue: 

  • dalla natura della lesione: focale o infiltrativa; 
  • su base quantitativa - solitario (1pc), singolo (2-3pc) o multiplo (oltre 3); 
  • dal grado di aumento - piccolo o grande; 
  • per posizione: uno / due lati.

L'aspetto e lo sviluppo delle metastasi si verifica a seguito della diffusione di cellule tumorali da altri organi. Il tumore si concentra su milioni di cellule infette che penetrano nei tessuti polmonari attraverso il flusso di sangue o linfa. Qualsiasi oncologia è in grado di metastatizzare nei polmoni, più spesso tali processi vengono rilevati in neoplasie maligne: 

  • cancro al seno; 
  • la vescica; 
  • stomaco ed esofago; 
  • rene; 
  • melanoma cutaneo; 
  • casi di cancro del colon-retto.

Secondo il grado di sensibilità a questo o quel metodo di trattamento delle neoplasie primarie, le metastasi nei polmoni sono divise in gruppi: 

  1. efficaci sono la chemioterapia e l'esposizione alle radiazioni (cancro testicolare / ovarico, lesione trofoblastica, sarcoma osteogenico); 
  2. resistente a chemiopreparati (melanoma, carcinoma a cellule squamose della cervice, ecc.); 
  3. suscettibile di metodi conservativi (tumori del tessuto polmonare, della mammella).

trusted-source[33], [34], [35], [36]

Cosa c'è da esaminare?

Quali test sono necessari?

Chi contattare?

Trattamento metastasi nei polmoni

La scoperta di un focus secondario di tumori maligni fino a poco tempo fa era una frase per il paziente. Tali pazienti hanno cercato di migliorare la qualità della vita per anestesia, spesso con l'uso di stupefacenti. Nella moderna pratica medica sono diventati noti metodi per eliminare le metastasi nei polmoni, che nel caso della diagnosi precoce portano al completo recupero.

La scelta del trattamento influisce su una serie di fattori: la localizzazione e il modello istologico del focus del tumore primario, la natura e l'efficacia dell'effetto terapeutico iniziale, lo stato somatico del paziente.

Le tattiche terapeutiche si basano sull'esperienza oncologica a lungo termine, che include: 

  • La chemioterapia è la tecnica più comune nella lotta contro le cellule tumorali, che controlla il processo di crescita dei met. Il corso del trattamento dipende dal periodo di prescrizione della terapia precedentemente passata e dei farmaci usati; 
  • terapia ormonale - il fattore decisivo è la sensibilità del tumore primario a questo metodo. Il massimo effetto positivo si osserva con il cancro al seno / cancro alla prostata; 
  • trattamento chirurgico - è raramente prescritto, se i fuochi hanno localizzazione conveniente e sono resectable. Una condizione importante è l'assenza di met da parte di altri organismi; 
  • radioterapia - più spesso per alleviare / alleviare i sintomi; 
  • radiochirurgia - trattamento efficace con l'aiuto di un cyber coltello; 
  • resezione laser: è consigliabile l'uso in situazioni in cui il tumore è la principale ostruzione respiratoria (compressione della gola respiratoria e dei bronchi).

Se il tumore preme sulla zona vicino ai bronchi principali, viene utilizzata la brachiterapia endobronchiale - consegna di capsule radioattive con l'aiuto di un broncoscopio.

Trattamento del cancro del polmone con metastasi

L'oncologia dei polmoni è una malattia comune indipendentemente dal sesso, che si verifica due volte più spesso nella popolazione maschile rispetto alle donne.

Nei pazienti con cancro del polmone, le metastasi sono spesso osservate nel cervello. Al fine di aumentare l'efficacia della terapia di irradiazione, in questo caso viene sottoposta all'intera regione del cervello e viene utilizzata la radiochirurgia stereotassica in presenza di lesioni multifocali. Il prossimo passo nel trattamento standard sarà la chemioterapia. Il rifiuto della terapia a pieno titolo e il trattamento non tempestivo riducono le possibilità di sopravvivenza (la durata della vita varia da uno a diversi mesi in questo caso).

Il trattamento del cancro del polmone con metastasi al fegato (nella pratica clinica si verifica nel 50%) viene condotto in modo operativo e complesso, compresa la chemioterapia.

L'effetto chirurgico nel carcinoma polmonare con metastasi è suddiviso in: 

  • radicale - rimozione dell'intera struttura maligna (focus primario, linfonodi regionali); 
  • radicale condizionale - allega radiazioni e terapia farmacologica; 
  • palliativo - si basa sul mantenimento della qualità della vita del paziente. È appropriato in quei casi in cui nessuno dei metodi sopra riportati ha prodotto risultati.

Il trattamento radicale non viene applicato se non è tecnicamente possibile rimuovere il tumore (sono coinvolti organi e tessuti adiacenti), vengono rilevate anomalie del sistema respiratorio e cardiovascolare, si verificano malattie degli organi scompensate.

Il trattamento con radiazioni del cancro del polmone con metastasi è designato come risultato della sua apparenza inutilizzabile, in caso di rifiuto del paziente per intervento chirurgico, in caso di pronunciate controindicazioni al metodo chirurgico. I migliori risultati della radioterapia sono osservati nei casi di tipi squamosi e indifferenziati di cancro. Questa forma di esposizione è appropriata per radicale (irradiare il tumore stesso e metastasi regionali) e terapia palliativa.

Un tipo non operabile di carcinoma metastatico non a piccole cellule con controindicazioni alla radioterapia è trattato con chemioterapia. Il medico fa uno schema individuale per l'assunzione di farmaci (cisplatino, bleomicina, paclitaxel, ecc.) Per un massimo di sei sedute. La chemioterapia è impotente quando metastatizza le strutture ossee, il fegato e il cervello.

L'obiettivo delle cure palliative è quello di mantenere la qualità della vita del paziente, tra cui: effetto anestetico locale, supporto psicologico, metodi di disintossicazione e alcune forme di intervento chirurgico (nefrostomia, gastrostomia, ecc.).

Le metastasi nei polmoni sono trattate?

I metodi di chemioterapia attiva e l'esposizione alle radiazioni sono mezzi indispensabili per prevenire la comparsa / diffusione di focolai di cancro in una fase precoce. Certo, il trattamento del cancro con metastasi ha alcune difficoltà. La maggior parte dei met ha una resistenza alla chemioterapia.

La scelta della tecnica di trattamento è influenzata dalle dimensioni e dalla localizzazione dei met, dalle caratteristiche del tumore primario, dall'età del paziente e dalle sue condizioni fisiche in generale, nonché dai precedenti effetti medici.

Recentemente i pazienti oncologici con metastasi nei polmoni sono stati considerati senza speranza. E l'uso della chemioterapia e degli effetti chirurgici ha una serie di carenze. Quindi durante l'operazione, il tessuto sano è ferito e con l'uso di medicinali insieme al cancro, anche le cellule sane muoiono. Tuttavia, i metodi più recenti consentono di ridurre al minimo gli effetti collaterali del trattamento e migliorare la sopravvivenza dei pazienti.

I tumori del tessuto polmonare di piccole dimensioni possono essere trattati con ablazione con radiofrequenza. L'applicazione riuscita della tecnica è associata alla possibilità di concentrare la radiazione RF nel sito a causa dello spazio aereo che circonda i fuochi. Un'altra tecnologia relativamente nuova è un cyber-coltello che irradia metastasi nei polmoni con precisione, senza catturare tessuti sani più di un millimetro. Questa precisione riduce il rischio di reazioni indesiderate e conseguente fibrosi del tessuto polmonare.

Le tecnologie di cui sopra sono mostrate per mets fino a 5 cm di diametro. I pazienti con grandi tumori sottoposti a terapia mirata per ridurre le dimensioni dei fuochi.

trusted-source[37], [38], [39], [40], [41], [42], [43]

Come trattare le metastasi nei polmoni?

Metastasi del tipo solitario dell'area polmonare che cresce dopo l'intervento chirurgico per un focus o radioterapia primaria cancerosa vengono rimosse chirurgicamente, in cui il segmento / lobo con il nodo tumorale viene asportato. La comparsa di più mets determina l'inclusione nel decorso terapeutico dei farmaci contenenti ormoni (carcinoma mammario / prostatico) o l'uso della chemioterapia sotto la condizione di sensibilità delle cellule tumorali. Il trattamento con radiazioni viene mostrato in entrambe le metastasi singole e multiple (sarcoma, reticolosarcoma).

Il successo del trattamento dipende dal rilevamento tempestivo dei met. I tumori del quarto stadio sono meno suscettibili alla terapia. Tali pazienti sono considerati inoperabili e l'effetto terapeutico è mirato ad alleviare ed eliminare i principali sintomi: tosse, emottisi, malattie respiratorie, sindrome del dolore. Abbastanza spesso è necessario eliminare in parallelo lo sviluppo, come un'esacerbazione dopo radiazione e chemioterapia, polmonite e polmonite.

Chemioterapia con metastasi nei polmoni

La chemioterapia nella pratica oncologica viene eseguita prima e dopo l'intervento chirurgico. Questo metodo ha un posto importante in un tumore non operabile, quando i linfonodi del mediastino sono già affetti da metastasi.

La chemioterapia avviene:

  • neoadiuvante - immediatamente prima dell'operazione, per ridurre le dimensioni del tumore. Identifica il grado di sensibilità delle cellule tumorali ai farmaci; 
  • adiuvante - dopo l'intervento chirurgico per prevenire ricadute sotto forma di metastasi;
  • terapeutico - per ridurre i met.

La chemioterapia con metastasi nel polmone migliora la qualità e prolunga la vita del paziente. La convenienza del trattamento farmacologico dipende dalla struttura istologica del tumore. Il tipo di tumore a cellule piccole si presta alla terapia farmacologica e i tumori del tessuto polmonare non a piccole cellule sono assolutamente insensibili ai farmaci.

L'effetto maggiore si osserva quando si utilizzano prodotti a base di platino. La costruzione del regime si basa su: il grado della malattia, l'efficacia dell'operazione, la suscettibilità delle cellule maligne ai farmaci, le condizioni generali del paziente.

I regimi di trattamento più comuni ed efficaci per le lesioni metastatiche del tessuto polmonare:

  • CMFVR - una combinazione di cinque farmaci: ciclofosfamide - 2mg / kg (per via intramuscolare / vtechenie verso l'interno 28 giorni), metotrexato - 0.75 mg / kg (per via endovenosa una volta alla settimana), 5-fluorouracile - 12mg / kg (per via endovenosa una volta alla settimana), vincristina - 0,025 mg / kg (per via endovenosa una volta alla settimana), prednisolone - 0.25-0.75mg / kg (tre settimane all'interno, poi un'altra settimana 10mg);
  • CMF - ciclofosfamide (100 mg / m2, al giorno per due settimane), metotrexato (40 mg / m2 per via endovenosa il primo e l'ottavo giorno), 5-fluorouracile (600 mg / m2 per via endovenosa prima e ottavo giorno);
  • AC - adriamicina (40 mg / m2 per via endovenosa il primo giorno), ciclofosfamide (200 mg / m2 per via orale / per via intramuscolare per il terzo o il sesto giorno);
  • FAC - 5-fluorouracile (500 mg / m2 primo e l'ottavo e.v. Giorno), adriamicina (50 mg / m2 per via endovenosa il primo giorno), ciclofosfamide (500 mg / m2 per via endovenosa il primo giorno).

Va notato che i cicli si ripetono dopo tre o quattro settimane.

trusted-source[44], [45], [46], [47]

Alternative per metastasi nei polmoni

Le basi per il trattamento della medicina tradizionale e alternativa sono veleni che distruggono le cellule tumorali. I componenti chimici e naturali possono contemporaneamente avere un effetto negativo su cellule e tessuti sani. Per evitare conseguenze negative, non è consigliabile utilizzare più infusioni in parallelo, utilizzare agenti altamente concentrati. Ogni agente viene preso separatamente e osserva attentamente la risposta del corpo ad esso.

Alternative per metastasi nel polmone: 

  • piantaggine (grande, lanceolata) - è una misura preventiva contro il cancro del tessuto polmonare ed è indispensabile nelle metastasi. Un potente restauratore delle difese del corpo, che è importante nella lotta contro il cancro e dopo la chemioterapia. Foglie secche o fresche (1 °) versare un bicchiere di acqua bollente, dopo due ore di scolo. Bere fino a quattro volte al giorno per un cucchiaio (per 20-30 minuti prima di mangiare). Radici fresche di piantaggine macinare, prendere 1 cucchiaio. Un bicchiere d'acqua, fai bollire per cinque minuti, un'ora dopo la tintura è pronta. Bevi uno o due oggetti. Cucchiai tre volte al giorno per emottisi; 
  • Celidonia - usare infusi, decotti e non succo fermentato. Elimina efficacemente la tosse, viene utilizzato come immunomodulatore. La pianta è velenosa, è importante osservare le dosi! Controindicato agli epilettici. L'erba secca schiacciata (1 cucchiaio) richiede un'ora e mezzo di acqua bollente. La composizione filtrata è presa fino a quattro volte al giorno su un cucchiaio. Forse, per aggiungere parti uguali di ortica e calendula; 
  • radice di liquirizia - l'attività antitumorale è associata alla presenza di cumarine. In piatti smaltati 10g. Root pour 200ml. Acqua bollente, brodo sul bagno di vapore (sotto un coperchio denso) per circa 20 minuti. Dopo 40 minuti filtrare e strizzare il resto, diluire al volume originale con acqua bollita. Bevi 1 cucchiaio. Brodo per almeno dieci giorni per 4-5 volte al giorno.

trusted-source[48], [49], [50], [51]

Maggiori informazioni sul trattamento

Previsione

Le metastasi nei polmoni non molto tempo fa riflettevano il fattore di disseminazione del processo patologico e rappresentavano un verdetto per il paziente. I pazienti con questa diagnosi hanno ricevuto solo un trattamento sintomatico o costituito da un gruppo non soggetto a effetti terapeutici attivi. La medicina moderna, il trattamento tempestivo e competente con metodi chirurgici, l'ormone e l'immunoterapia, la chemioradioterapia possono prolungare la vita del paziente, migliorarne la qualità e spesso guarire completamente.

La prognosi per le metastasi nei polmoni dipende da una serie di fattori: 

  • localizzazione e area di interesse primario; 
  • popolazione; 
  • valore; 
  • tempestività della diagnosi e dell'efficacia del trattamento.

Se il paziente non riceve il trattamento necessario, quasi il 90% dei casi include un esito fatale a due anni dalla diagnosi. L'uso di metodi chirurgici provoca un tasso di sopravvivenza del 30%. Identificare l'obiettivo principale e i mets all'inizio dello sviluppo aumenta le possibilità di successo. La radioterapia congiunta, la terapia chirurgica e l'uso di farmaci aumentano il livello di sopravvivenza a cinque anni al 40%.

Quanti vivono con metastasi nei polmoni?

Sulla base delle statistiche mediche, le metastasi polmonari mostrano dati deludenti - l'aspettativa di vita media dei pazienti operati con cancro metastatico è di cinque anni.

Con la rimozione del focus del tumore del sistema digestivo, la sopravvivenza fino a dieci anni è osservata nel 50% dei casi. La durata massima (fino a 20 anni) si verifica in pazienti con oncologia dell'area genitale.

Posizione del tumore primitivo

Tasso medio di sopravvivenza,%

3 anni

5 anni

Danno maligno alle ossa

43

23

Cancro dei tessuti molli

38

30

Cancro ai reni

58

32

Formazioni del corpo uterino maligne

65

44

Cancro del retto

38

16

Cancro ai polmoni

31

13

Cancro al seno

49

26

Cancro al colon

38

15

Analizzando la tabella, possiamo notare i migliori risultati della sopravvivenza a 5 anni nei pazienti con corpi maligni dell'utero, dei reni, dei tessuti molli, della mammella e delle strutture ossee.

I dati di rimozione chirurgica delle metastasi nei polmoni confermano la convenienza di utilizzare il metodo come parte di un complesso di trattamento per i pazienti oncologici.

trusted-source[52], [53], [54], [55], [56], [57], [58], [59]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.