Poliomielite

Poliomielite [dal greco. polio (grigio), myelos (cervello)] è un'infezione acuta causata da poliovirus. Sintomi aspecifici poliomielite, meningite asettica verifica talvolta senza paralisi (poliomielite nonparalytic), e meno frequentemente paralisi dei gruppi muscolari (poliomielite paralitica). La diagnosi è clinica, sebbene sia possibile una diagnosi di laboratorio di poliomielite. Il trattamento della poliomielite è sintomatico.

Sinonimi. Paralisi epidemica infantile, malattia di Heine-Medina.

Codici ICD-10

  • A80. Poliomielite acuta.
    • A80.0. Poliomielite acuta paralitica associata al vaccino.
    • A80.1. Poliomielite acuta paralitica causata da un virus importato selvatico.
    • A80.2. Poliomielite acuta paralitica causata dal virus naturale selvaggio.
    • A80.3. La poliomielite acuta paralitica è diversa e non specificata.
    • A80.4. Poliomielite acuta non paralitica.
    • A80.9. Poliomielite acuta, non specificata.

Che cosa causa la poliomielite?

La poliomielite è causata da un poliovirus di 3 tipi. Il tipo 1 porta più spesso alla paralisi, ma è meno spesso epidemico. Solo l'uomo è la fonte dell'infezione. Inviato con contatto diretto. Infezione asintomatica o piccola, si riferisce alla forma paralitica come 60: 1 e funge da principale fonte di diffusione. Vaccinazione attiva nei paesi sviluppati eliminerà la poliomielite, tuttavia, i casi di malattia si verificano nelle regioni in cui la vaccinazione non sia stato completamente ultimato, ad esempio in Africa sub-sahariana e in Asia meridionale.

Virus della poliomielite entra nella bocca per via fecale-orale, colpisce tessuto linfoide a causa di viremia primaria, e qualche giorno dopo a sviluppare viremia secondaria, si conclude con la comparsa di anticorpi e dei sintomi clinici. Il virus raggiunge il sistema nervoso centrale con viremia secondaria o spazi perineurali. Il virus si trova nel rinofaringe e nelle feci durante il periodo di incubazione e quando vi sono sintomi di poliomielite, persiste per 1-2 settimane nella gola e per più di 3-6 settimane nelle feci.

Le lesioni più gravi si verificano nel midollo spinale e nel cervello. I componenti dell'infiammazione sono prodotti con un'infezione virale primaria. I fattori che predispongono a gravi danni neurologici includono età, tonsillectomia recente o iniezioni intramuscolari, gravidanza, alterazione della funzione dei linfociti B, superlavoro.

Quali sono i sintomi della poliomielite?

I sintomi della poliomielite possono essere grandi (paralitici e non paralitici) o piccoli. La maggior parte dei casi, soprattutto nei bambini piccoli, sono piccoli, quando entro 1-3 giorni febbre subfebrile, malessere, mal di testa, solletico in gola, si osserva nausea. Questi sintomi di poliomielite compaiono 3-5 giorni dopo il contatto. I sintomi neurologici non accadono. Molto spesso, la poliomielite si sviluppa senza precedenti segni minori, specialmente nei bambini più grandi e negli adulti. La poliomielite ha un periodo di incubazione che dura 7-14 giorni. I sintomi della poliomielite includono meningite asettica, dolore muscolare profondo, iperestesia, parestesia, con mielite attiva - ritenzione urinaria e spasmo muscolare. Sviluppa paralisi flaccida asimmetrica. I primi segni di disturbi bulbari sono disfagia, rigurgito nasale e voci nasali. L'encefalite si sviluppa raramente, e ancor meno spesso, insufficienza respiratoria.

Alcuni pazienti sviluppano la sindrome post-poliomielite.

Come viene diagnosticata la poliomielite?

La poliomielite non pa- tolitica è caratterizzata dal fatto che nel livello del liquido cerebrospinale il livello normale di glucosio, leggermente aumentato di proteine e citosi, è di 10-500 cellule / ml, prevalentemente di linfociti. La diagnosi di poliomielite si basa sull'isolamento del virus dall'orofaringe o sulle feci o sull'accumulo di titoli anticorpali.

Asimmetrico flaccida progressiva, senza perdere sensibilità al tocco paralisi degli arti o paralisi bulbare nei pazienti febbrili con febbre o nei bambini non immuni o giovani si riferisce quasi sempre ai polio paralitica. Gruppi koksakivirusami raramente modello simile può essere causato A e B (soprattutto A7), differente ECHO-virus, tipo enterovirus virus del Nilo occidentale 71 provoca anche una paralisi progressiva, che è clinicamente indistinguibile da poliomielite paralitica causata da poliovirus; Criteri epidemiologici e test sierologici aiutano nella diagnosi differenziale. La sindrome di Guillain-Barre causa la paralisi progressiva, ma di solito senza febbre, debolezza muscolare è simmetrica, disturbi sensoriali si verificano nel 70% dei pazienti, e di proteine nel liquido cerebrospinale sono aumentate in un contesto di normale contenuto di cellule.

Come viene trattata la polio?

Tipicamente, il trattamento antipolio è sintomatico, incluso il riposo, analgesici, farmaci antipiretici se necessario. Si stanno studiando le possibilità di una terapia antivirale specifica.

Con la mielite attiva, si dovrebbe ricordare la possibilità di sviluppare complicanze associate a riposo a letto prolungato (ad esempio, trombosi venosa profonda, atelettasia, infezioni del tratto urinario) e con immobilizzazione prolungata, contratture. L'insufficienza respiratoria può richiedere la ventilazione artificiale con un'attenta toilette dell'albero bronchiale.

Il trattamento della sindrome post-mielite è sintomatico.

Come prevenire la poliomielite?

Tutti i bambini in tenera età dovrebbero essere vaccinati contro la poliomielite. L'American Academy of Pediatricians raccomanda la vaccinazione a 2, 4, 6-18 mesi con una dose di richiamo di 4-6 anni. L'immunità è prodotta in più del 95%. È preferibile utilizzare il vaccino Salk rispetto al vaccino Sabin orale vivo attenuato; quest'ultimo causa poliomielite paralitica con una frequenza di 1 caso per 2 milioni e 400 mila dosi e non viene utilizzato negli Stati Uniti. Con il vaccino Salk, non sono associate reazioni gravi. Gli adulti non sono vaccinati. Gli adulti non immunizzati che viaggiano verso focolai endemici dovrebbero ricevere una vaccinazione primaria con il vaccino Salk, due dosi vengono somministrate separatamente alla 4a e 8a settimana, la 3a dose a 6 o 12 mesi. Una dose viene somministrata immediatamente prima del viaggio. Coloro che hanno ricevuto la vaccinazione in precedenza dovrebbero ricevere solo una dose del vaccino Salk. Le persone immunitarie non devono ricevere il vaccino di Sabin.

Qual è la prognosi della poliomielite?

Con forme non paralitiche di poliomielite, si osserva una guarigione completa. Nelle forme paralitiche, circa i 2/3 dei pazienti presentano fenomeni residui, manifestati come debolezza muscolare. La paralisi bulbare viene risolta più spesso rispetto a quella periferica. Il tasso di mortalità è del 4-6%, ma sale al 10-20% negli adulti o nei pazienti con paralisi bulbare sviluppata.

Sindrome post-polio - una debolezza muscolare e diminuzione del tono spesso associati con la debolezza e atrofia fastsikulitom che si sviluppano nel corso degli anni e decenni dopo la poliomielite paralitica, specialmente nei pazienti più anziani e in quelli con malattia più grave. Il danno si sviluppa nei gruppi muscolari precedentemente colpiti. La ragione può essere correlato alla ulteriore perdita di cellule delle corna anteriori del midollo spinale a seguito dell'invecchiamento della popolazione di neuroni colpiti a seguito di infezione con il virus della polio. La poliomielite con lesioni gravi è rara.

È importante sapere!

Pertosse. Inizia come un comune raffreddore. C'è un piccolo colpo di tosse e naso che cola. Dopo una settimana, i sintomi possono ridursi, ma poi riprendere. Durante la seconda settimana c'è un primo sospetto di pertosse. Leggi di più...

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 24.06.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.