^

Salute

A
A
A

Rinite ipertrofica cronica

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La rinite ipertrofica cronica è intesa come infiammazione cronica della mucosa nasale, la principale caratteristica patologica di cui è ipertrofia, nonché del tessuto interstiziale e dell'apparato ghiandolare, causata da processi degenerativi dei tessuti, che si basano sulla violazione dello IUD. La rinite ipertrofica cronica è caratterizzata da ipertrofia diffusa dei tessuti intranasali con una localizzazione predominante nella concha nasale.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Le cause rinite ipertrofica cronica

La rinite cronica ipertrofica diffusa è più comune negli uomini di età matura ed è dovuta agli stessi motivi della rinite catarrale cronica. Un ruolo significativo nell'insorgenza della rinite cronica ipertrofica diffusa è giocato da focolai di infezione in organi ENT vicini, condizioni climatiche e lavorative sfavorevoli, abitudini domestiche nocive e allergie.

trusted-source[9], [10], [11]

Patogenesi

Nella rinite cronica ipertrofica diffusa, i processi ipertrofici (iperplastici) si sviluppano lentamente e toccano prima il turbinato inferiore e poi il medio e il resto della mucosa nasale. Questo processo è più pronunciato nelle estremità anteriore e posteriore del turbinato inferiore.

Nella patogenesi della rinite cronica ipertrofica diffusa, un ruolo importante è svolto da fattori quali infiammazione cronica, alterata microcircolazione, carenza di ossigeno nei tessuti, distorsione del loro metabolismo, diminuzione dell'immunità locale e attivazione di microrganismi saprofiti.

trusted-source[12], [13], [14], [15], [16], [17], [18]

Sintomi rinite ipertrofica cronica

I sintomi soggettivi non differiscono fondamentalmente da quelli della rinite cronica catarrale, tuttavia, l'ostruzione dei passaggi nasali da parte delle strutture ipertrofiche della cavità nasale causa costanza di difficoltà o addirittura assenza di respirazione nasale. I pazienti lamentano l'inefficacia di deco-tossicanti nasali, secchezza delle fauci, russamento durante il sonno, secrezioni mucose o mucose nasali persistenti, sensazione di corpo estraneo nel nasofaringe, scarso sonno, aumento della fatica, diminuzione o assenza di odori, ecc. A causa della compressione vasi linfatici e venosi del tessuto interstiziale ipertrofico sono alterati e la circolazione sanguigna del flusso linfatico nell'intera cavità nasale e nel proencefalo, che porta a mal di testa, perdita di memoria e prestazioni mentali. Nella prima fase della rinite cronica ipertrofica diffusa, i pazienti spesso lamentano un deterioramento intermittente della respirazione nasale, tipico della rinite vasomotoria, e la difficoltà o assenza di respirazione nasale diventa permanente.

Sintomi oggettivi

Il paziente è costantemente a bocca aperta e lo chiude solo quando attira l'attenzione su questo "difetto". Durante la deambulazione, la corsa e altre attività fisiche, il corpo può essere fornito di ossigeno solo durante la respirazione orale. A riposo, con la bocca chiusa, un paziente con un'ostruzione pronunciata dei passaggi nasali può realizzare la respirazione forzata attraverso il naso solo per pochi secondi in più rispetto a una prova che trattiene il respiro. La voce dei pazienti è un nasale diverso; con questa lesione, a differenza di quella con la paralisi del palato molle, chiamata nasale chiusa (clava del ralallio), con paralisi del palato molle - nasale aperto (rhynolalia operta).

Il decorso clinico della rinite cronica ipertrofica cronica è lungo, lentamente progredendo, che senza un'adeguata terapia può continuare fino all'età avanzata.

trusted-source[19], [20], [21], [22], [23], [24]

Fasi

Ci sono le seguenti fasi del processo ipertrofico:

  • 1a fase - la cosiddetta lieve ipertrofia della mucosa nasale, caratterizzata da iperemia ed edema della membrana mucosa, lesione moderata dell'epitelio ciliare; in questa fase, le fibre muscolari dei plessi venosi del concha nasale inferiore non sono influenzate dal processo degenerativo-sclerotico e la loro funzione vasomotoria è preservata; in questa fase del processo, viene mantenuta l'efficacia dei decorogestori nasali; i turbinati più bassi mantengono l'elasticità e la flessibilità durante la palpazione;
  • La fase 2 è caratterizzata da metaplasia dell'epitelio ciliare, ipertrofia dell'apparato ghiandolare, i primi fenomeni di degenerazione della fibra muscolare vascolare, infiltrazione linfocitica-istiocitica e ispessimento dello strato subepiteliale; questi fenomeni portano alla compressione del linfatico e dei vasi sanguigni, edema del tessuto interstiziale, per cui la mucosa diventa pallida o acquista un colore biancastro-bluastro; in questa fase, l'efficacia degli agenti vasocostrittori viene gradualmente ridotta;
  • 3 ° fase nella letteratura straniera denominata "gonfio", "mixomatosa" o "ipertrofia polipoide", è caratterizzata da fenomeni giperkollagenoza interoccular, infiltrazione diffusa di tutti gli elementi pareti mucose di sangue e vasi linfatici e sistema ghiandolare; Questi cambiamenti patologici sono caratterizzati da vari gradi di gravità, con il risultato che la superficie della concha nasale può assumere un aspetto diverso: liscia, irregolare, polipodiforme o una combinazione di questi tipi di ipertrofia.

trusted-source[25], [26], [27], [28], [29], [30], [31]

Forme

La differenza tra rinite ipertrofica cronica limitata dall'HGDR sopra descritta si trova solo nel fatto che la zona del processo ipertrofico copre un'area limitata della concha, mentre il resto delle loro parti rimane quasi normale. Localizzazione sono diverse varietà di questo stato patologico di ipertrofia posteriori estremità della ipertrofia turbinati inferiore, le estremità anteriori del turbinato inferiore, turbinati ipertrofia mezzo - pituitario o un bollosa conca, con un incremento di etmoide cellulare.

Ipertrofia delle estremità posteriori del concha nasale inferiore è il tipo più comune di rinite cronica ipertrofica limitata. Le ragioni per lo sviluppo di questa condizione patologica sono le stesse della rinite cronica ipertrofica diffusa, ma il più delle volte è un processo infiammatorio cronico nell'apparato linfoide del rinofaringe, nel labirinto etmoide, nel seno sfenoide e nell'allergia. I pazienti lamentano la difficoltà della respirazione nasale, specialmente nella fase espiratoria, quando la parte ipertrofica della conchiglia gioca il ruolo di una specie di valvola che blocca le choanas. Il linguaggio diventa nasale dal tipo di nasale chiuso. I pazienti sentono la presenza nel rinofaringe di un corpo estraneo o di un coagulo di muco, quindi costantemente "sbuffano" il naso, cercando di spingere questo "grumo" in gola.

Con la rinoscopia anteriore, l'immagine può sembrare normale, ma con la rinoscopia posteriore si definiscono formazioni carnose, talvolta polipose modificate che ostruiscono parzialmente o completamente il lume del coro. Il loro colore varia dal bluastro al rosa, ma più spesso è grigiastro-biancastro, traslucido. La loro superficie può essere liscia o simile a bacca di gelso o papilloma. Di norma, il processo è bilaterale, ma è sviluppato in modo asimmetrico. Fenomeni simili possono essere osservati nella regione delle estremità posteriori del turbinato medio.

L'ipertrofia delle estremità anteriori della concha è meno comune dell'ipertrofia delle estremità posteriori di esse ed è più spesso osservata nell'area delle estremità anteriori della concha mediana. Le cause dell'ipertrofia del turbinato medio sono le stesse dell'ipertrofia del concha nasale inferiore. In un processo unilaterale, la sua causa più spesso è concha bollosa unilaterale o latente l'infiammazione corrente di un seno paranasale. Spesso, questo tipo di ipertrofia è combinato con ipertrofia dell'estremità anteriore del concha nasale inferiore.

Ipertrofia della membrana mucosa del margine posteriore del setto nasale. Questo tipo di rinite cronica ipertrofica limitata è nella maggior parte dei casi combinato con ipertrofia delle estremità posteriori del concha nasale inferiore. Al bordo setto nasale rhinoscopy posteriore incorniciato uno, spesso due lati formazioni peculiari penzoloni nel lume di Hoan, galleggiante al ritmo dei movimenti respiratori, perché sono chiamati "ali" o "croce" del setto nasale.

L'ipertrofia della membrana mucosa del setto nasale è il fenomeno più raro ed è un ispessimento della mucosa sotto forma di formazioni a forma di cuscino, più o meno estese. Di norma, il processo è bidirezionale.

trusted-source[32], [33], [34]

Complicazioni e conseguenze

Eustachite acuta e cronica e otite tubarica causata da ostruzione delle bocche nasofaringee del tubo uditivo della membrana mucosa edematosa e ipertrofica del nasofaringe e delle estremità posteriori del conchae nasale inferiore, sinusite, adenoidite, tonsillite, tracheobronchite, dacriocistite, congiuntivite, ecc., Spesso utilizzata frequentemente da pazienti e pazienti, spesso con cistite chitina, congiuntivite e altri. Vie respiratorie, disfunzione degli organi digestivi, sistema cardiovascolare, varie sindromi epatiche e renali.

trusted-source[35], [36], [37], [38], [39], [40], [41], [42], [43], [44]

Diagnostica rinite ipertrofica cronica

La diagnosi nei casi tipici di difficoltà non causa. Si basa sulla storia del paziente, sui reclami dei pazienti e sui dati dell'esame funzionale ed endoscopico della regione del rinosinus. Quando si effettua una diagnosi, si deve tenere presente che la rinite ipertrofica cronica diffusa è spesso accompagnata da sinusite latente corrente, l'ispessimento dell'intero processo poliposo-purulento nei seni anteriori.

Nella rinoscopia anteriore, nella prima fase patomorfologica, è possibile osservare la condizione quasi normale del concio nasale inferiore, nonostante il paziente lamenta difficoltà nella respirazione nasale. Ciò è dovuto alla reazione situazionale adrenergica "al medico" che conserva la sua funzione dei vasocostrittori dei plessi venosi. La stessa reazione in questa fase viene rilevata lubrificando i turbinati inferiori con una soluzione di adrenalina. In futuro, il fenomeno del riflesso e della deconnessione medica diminuisce e scompare completamente. I passaggi nasali sono occlusi da concha nasale allargato, denso inferiore e medio, mentre il concha medio acquisisce un aspetto bolloso o edematoso, scendendo al livello del concha inferiore. Nei passaggi nasali è determinata la secrezione mucosa o mucopurulenta. Nella fase di ipertrofia del tessuto connettivo, la superficie della concha nasale inferiore diventa collinosa, a volte poliposa modificata. Il colore della membrana mucosa della concha nasale evolve a seconda della fase patologica, da iperemia da bluastra a bluastra a accentuata con successiva acquisizione di un colore grigio-bluastro.

Nella rinoscopia posteriore, il colore bluastro della mucosa nasale e le secrezioni mucose, edematose, bluastre, bluastre, le estremità posteriori delle concavità nasali inferiori, spesso sospese nella cavità nasofaringea, attirano l'attenzione. Gli stessi cambiamenti possono interessare anche i turbinati medi. Gli stessi cambiamenti possono essere osservati nel margine posteriore del setto nasale. L'edema e l'ipertrofia della membrana mucosa che si alzano qui si trova su entrambi i lati sotto forma di formazioni nolipo-simili che sono state chiamate "ali" di PeN all'estero.

Con la diafanoscopia e la radiografia dei seni paranasali, si riscontra spesso una diminuzione della trasparenza di questi o di altri seni a causa dell'ispessimento della mucosa o dei livelli di trasudato derivanti dall'assenza di una funzione di drenaggio dei seni paranasali.

Nello studio dei metodi noti dello stato della respirazione e dell'odore nasali, di regola, c'è un significativo deterioramento, fino ad una completa assenza.

La diagnosi di rinite cronica ipertrofica limitata in casi tipici di difficoltà non causa, tuttavia, in caso di forme atipiche di ipertrofia, ad esempio, con condilomi granulomatosi con erosione, la malattia deve essere differenziata principalmente da tumori e alcune forme di tubercolosi e sifilide della cavità nasale.

trusted-source[45]

Cosa c'è da esaminare?

Quali test sono necessari?

Diagnosi differenziale

La diagnostica differenziale viene eseguita con deformazioni del setto nasale, ipertrofia essenziale delle tonsille nasofaringee, angiofibroma del rinofaringe, atresia delle vie nasali e Joan, rinite poliforme, infezioni specifiche del naso (tubercolosi, sifilide terziaria), ciglia nasali maligne, e sezioni).

trusted-source[46], [47], [48], [49], [50], [51], [52]

Trattamento rinite ipertrofica cronica

Il trattamento della rinite ipertrofica cronica è suddiviso in generale e locale; locale - per sintomatico, medico e chirurgico. Il trattamento generale non differisce da quello della rinite catarrale cronica. Sintomatico è l'uso di decohegants, una goccia da rinite, la droga corrisponde al trattamento locale della rinite catarrale cronica sopra descritta. Tuttavia, va notato che con una vera ipertrofia delle strutture anatomiche endonasali, in particolare del turbinato inferiore e medio, il trattamento non chirurgico locale può portare solo un miglioramento temporaneo nella respirazione nasale. Il trattamento principale per la rinite cronica ipertrofica diffusa è chirurgico, che, tuttavia, non sempre porta a un recupero finale, soprattutto con la predisposizione costituzionale dei tessuti corporei ai processi ipertrofici.

Il principio del trattamento chirurgico nella rinite cronica ipertrofica diffusa è l'effetto termico, meccanico o chirurgico sul concha nasale ipertrofico per ripristinare la respirazione nasale, l'olfatto e conseguire cicatrici successive della superficie della ferita, che impedisce il processo ipertrofico ricorrente. L'uso di uno o un altro tipo di influenza è dettato dalla fase del processo ipertrofico.

Nella fase di "lieve ipertrofia", si consiglia di utilizzare la corrosione galvanica, gli effetti criochirurgici, la distruzione laser o ultrasonica, la disintegrazione meccanica intra-carcinoma. Questi metodi mirano a provocare il processo infiammatorio e il conseguente indurimento delle strutture sottomucose (principalmente plessi vascolari) del concha nasale per ridurne il volume.

La galvanoplastica (galvanotermia, elettrocauterizzazione) è un metodo di cauterizzazione dei tessuti con l'ausilio di speciali punte in metallo (iridio-platino o acciaio) riscaldate dalla corrente elettrica, fissate in apposite maniglie dotate di un interruttore di corrente collegato a un trasformatore step-down. L'operazione viene eseguita dopo anestesia applicativa (lubrificazione 2-3 volte di una soluzione di cocaina al 5-10% di CO + 2-3 gocce di soluzione allo 0,1% di adrenalina). Invece di cocaina, puoi usare una soluzione dikanna al 5%. Per un'anestesia più profonda, l'anestesia intratravel può essere applicata con soluzioni di trimecain, ultracain o novocaine ad una concentrazione appropriata. La procedura è la seguente. Sotto la protezione dello specchio nasale, l'estremità del kauter galvanico viene portata nella parte più lontana dei turbinati inferiori, messa in condizioni di lavoro, pressata sulla superficie della mucosa, immersa nei tessuti del guscio e in tale posizione viene rimossa al di fuori dell'intera superficie del guscio, ottenendo un profondo lineare bruciatura dei tessuti coagulati. Di solito passano due righe di masterizzazione parallele, posizionandole una sopra l'altra. Alla fine dell'esposizione, il galvanocauter viene rimosso dal tessuto in uno stato caldo, altrimenti, essendosi raffreddato rapidamente nei tessuti, si attacca a loro e strappa parte della superficie coagulata e dei vasi sottostanti, il che porta al sanguinamento.

L'effetto criochirurgico viene eseguito utilizzando uno speciale cryoapplicatore raffreddato con azoto liquido a una temperatura di -195,8 ° C. La temperatura ultra bassa provoca il congelamento profondo del tessuto e la sua conseguente necrosi asettica e rigetto. Questo metodo ha un uso limitato solo per l'ipertrofia polifera diffusa del conchae nasale inferiore.

La distruzione laser dei turbinati inferiori viene effettuata utilizzando un laser chirurgico, la cui potenza di radiazione raggiunge i 199 watt. Il fattore di esposizione laser al tessuto è un fascio laser focalizzato di una lunghezza d'onda specifica nell'intervallo 0,514-10,6 μm. I più comuni laser ad anidride carbonica. L'intervento chirurgico viene eseguito in anestesia locale e passa senza emorragia.

La distruzione ad ultrasuoni viene effettuata utilizzando speciali risonanze sintonizzate su questi emettitori ultrasuoni a frequenza acuta (strumento chirurgico), vibrati con un potente generatore di ultrasuoni che distrugge la struttura dei tessuti e sovrapposta allo strumento chirurgico sopra menzionato. In questo caso, vengono utilizzate oscillazioni con una frequenza di 20-75 kHz e un'ampiezza di oscillazione della parte operativa di 10-50 micron. Tecnica di distruzione ad ultrasuoni: dopo l'applicazione dell'anestesia, uno strumento chirurgico viene vibrato alla frequenza degli ultrasuoni forniti e lo strumento chirurgico viene inserito nello spessore del turbinato inferiore alla profondità della presunta distruzione di intraracina.

La disintegrazione meccanica intracranica è la più semplice e non meno efficace del metodo sopra descritto. La sua essenza sta nel fare un'incisione lungo l'estremità anteriore del concha nasale inferiore, seguita dall'inserimento di un raspatore attraverso questa incisione e dal danneggiamento del parenchima della conchiglia senza perforazione della sua membrana mucosa. L'operazione termina con un tamponamento anteriore del naso sul lato corrispondente per 1 giorno.

Nella fase di tessuto connettivo o ipertrofia fibrosa, i metodi sopra riportati forniscono un effetto soddisfacente pur mantenendo la funzione contrattile del sistema muscolare delle pareti vascolari. In questo caso, la scelta del metodo di disintegrazione è determinata dal grado di efficacia degli agenti vasocostrittori. In caso di grave ipertrofia dei gusci e assenza dell'effetto decongestionante, viene utilizzato il metodo di resezione della concha. Va notato che oltre alle forbici vengono utilizzati anelli di taglio per rimuovere il turbinato inferiore e per rimuovere i polipi del naso vengono utilizzati anelli di strappo.

La resezione parziale del turbinato inferiore viene eseguita sotto anestesia locale per infiltrazione e infiltrazione in due passaggi. Dopo aver lubrificato la mucosa con una soluzione anestetica, 1-2 ml di una soluzione al 2% di novocaina in una miscela con 2-3 gocce di una soluzione allo 0,1% di adrenalina vengono iniettati nel guscio nasale.

Il primo tempo sta tagliando il guscio dalla sua parte anteriore alla base dell'osso. Quindi sull'area ipertrofica della conchiglia imporre un anello di taglio e tagliarlo. La rimozione dell'estremità posteriore ipertrofica del turbinato inferiore è costituita da un'ansa di taglio.

Con una base ossea aumentata del concha nasale inferiore e ipertrofia dei suoi tessuti molli, quest'ultimo viene rimosso, quindi con l'aiuto del forcipe di Luke, la base ossea del guscio viene rimossa e spostata sulla parete laterale del naso, liberando il passaggio nasale comune da esso.

Spesso, la resezione della concha nasale è accompagnata da un sanguinamento significativo, soprattutto quando vengono rimosse le estremità posteriori del concha nasale inferiore, quindi l'operazione è completata dal ciclo nasale anteriore su Voyachek, e in alcuni casi diventa necessario avere un tamponamento nasale posteriore. Per prevenire l'infezione, i tamponi con una siringa e un ago sono impregnati con una soluzione di antibiotici.

Trattamento della rinite ipertrofica cronica limitata

Il trattamento è a base di farmaci locali e in generale non differisce da quello della rinite cronica ipertrofica diffusa. Il trattamento chirurgico varia a seconda della posizione e del grado di ipertrofia. Quindi, con l'ipertrofia delle estremità posteriore o anteriore della concha nasale inferiore, diagnosticata nella fase dell'edema e soddisfacente funzione vasocostrittrice, i metodi di disintegrazione possono portare buoni risultati. Con questi interventi, si dovrebbe aver paura del danno alla bocca nasofaringea del tubo uditivo, poiché la sua bruciatura durante la galvanizzazione e l'esposizione al laser può portare all'obliterazione cicatriziale con gravi conseguenze per l'orecchio medio. La galvanoplastica è controindicata nell'ipertrofia del turbinato medio a causa del rischio di danno e infezione del passaggio nasale medio.

In caso di ipertrofia fibrosa o poliposa delle estremità anteriore o posteriore della concha nasale inferiore, così come la conchiglia nasale centrale, la conchotomia viene utilizzata con conchiglie, anelli da taglio o forbici nasali.

Farmaci

Previsione

La prognosi è per lo più favorevole, ma può essere seria se si presentano complicazioni.

trusted-source[53], [54], [55], [56], [57], [58], [59], [60], [61], [62]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.