^

Salute

You are here

A
A
A

Sindrome di Dressler

 
, Editor medico
Ultima recensione: 25.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La sindrome di Dressler è anche conosciuta in medicina come una sindrome post-infarto. Questa condizione è una complicanza autoimmune dopo il trasferimento di infarto miocardico. Si sviluppa, di solito, dopo due o sei settimane dopo l'inizio di un periodo acuto di infarto del miocardio.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5]

Epidemiologia

In precedenza, i medici ritenevano che solo il 4% dei pazienti soffrisse della sindrome di Dressler dopo infarto miocardico. Ma, se prendiamo in considerazione tutte le forme a basso-sintomo e atipico, possiamo dire che si sviluppa nel 23% dei casi. Alcuni esperti indicano addirittura un più alto tasso di prevalenza del 30%. Negli ultimi anni la frequenza della sindrome postinfartuale è diminuita. Ciò può essere spiegato dall'uso diffuso da parte dei pazienti di farmaci antinfiammatori non steroidei e del metodo di riperfusione della terapia per infarto che aiuta a ridurre il livello del danno miocardico.

Inoltre, uno dei motivi per ridurre il numero di pazienti con questa malattia possono menzionare l'uso di vari mezzi moderni, che sono in terapia complessa (statine, antagonisti dell'aldosterone, inibitori di alcuni enzimi).

trusted-source[6], [7], [8], [9], [10], [11]

Le cause sindrome Dressler

La ragione più importante che si sviluppa questa sindrome è la necrosi o il danneggiamento delle cellule delle fibre muscolari del cuore che si verificano nei pazienti dopo un infarto. I prodotti del decadimento (antigeni miocardici e pericardici) entrano così nel flusso sanguigno, il paziente sviluppa un'autosensibilizzazione alle proteine delle cellule distrutte, cioè si sviluppa un'aggressione autoimmune.

Cellule immunitarie (cardiache anticorpi reattivi) che riconoscono corpo estraneo, o cosiddetti antigeni dovuta identità nella struttura, iniziano ad attaccare le proteine che si trovano nelle strutture a membrana propri organi (cuore, polmoni, articolazioni). Cioè, il corpo considera le proprie cellule aliene e inizia a combatterle. Le membrane articolari diventano altamente infiammate, ma senza il coinvolgimento di batteri o virus patogeni (la cosiddetta infiammazione asettica). Questo provoca dolore abbastanza forte.

La sindrome di Dressler appare non solo dopo attacchi cardiaci transmurali o focali di grandi dimensioni, ma anche dopo un intervento chirurgico cardiaco. Se un paziente ha già una malattia autoimmune, aumenta il rischio di complicazioni.

trusted-source[12], [13], [14], [15], [16], [17]

Patogenesi

In rari casi, questa sindrome può svilupparsi dopo alcune lesioni traumatiche della regione cardiaca (trauma cranico, ferite, un forte colpo alla zona del torace).

Ad oggi, gli specialisti considerano la sindrome di Dressler come una malattia autoimmune causata da antigeni pericardici e miocardici e dall'autosensibilità. Grande importanza è attribuita alle caratteristiche antigeniche del sangue che è entrato nel pericardio. Nei pazienti con questa sindrome, viene rilevato un livello elevato della frazione C3d. Questo può portare a danni tissutali mediati dal complemento.

I pazienti sperimentano anche alcuni cambiamenti nell'immunità cellulare. Secondo gli ultimi dati, con la sindrome di Dressler, il livello delle cellule T aumenta.

trusted-source[18], [19], [20], [21], [22]

Sintomi sindrome Dressler

I primi sintomi possono comparire da due settimane a un mese dopo l'episodio di infarto miocardico. I principali segni di questa malattia sono:

  1. Il paziente avverte stanchezza e debolezza costanti.
  2. Il paziente aumenta la temperatura corporea (fino a 39 gradi), che può diminuire leggermente tra gli attacchi.
  3. Un sintomo comune della sindrome di Dressler è pericardico. Nella zona del torace ci sono dolori urgenti e acuti, che possono intensificarsi durante l'inspirazione o la tosse. Le sensazioni dolorose possono irradiarsi alla spalla e al collo.
  4. Dolori ai polmoni (polmonite), che possono essere accompagnati da tosse secca, mancanza di respiro, comparsa di sangue durante la tosse.
  5. Sensazioni dolorose principalmente sul lato sinistro del petto (pleurite), che sono accompagnate da una tosse secca.
  6. Sindrome cardiovascolare - intorpidimento del braccio sinistro, sensazione di "pelle d'oca" nell'area del pennello, marmo e pelle pallida.
  7. Irritazioni sulla pelle - eruzioni cutanee, che esternamente somigliano a quelle allergiche.
  8. L'area della clavicola e dello sterno sul lato sinistro si gonfia e può ferire.

Sindrome precoce di Dresser

Si sviluppa nel periodo fino a due settimane dall'insorgenza dell'infarto miocardico ed è caratterizzato dallo sviluppo di pericardite secca, che nel 70% dei casi è asintomatica.

Solo una piccola percentuale di pazienti (15%) dopo il primo episodio di infarto miocardico è stata interrotta, potrebbe esserci un dolore opaco e prolungato nella regione del cuore, che ha un carattere crescente.

trusted-source[23], [24], [25], [26], [27], [28], [29]

Dove ti fa male?

Fasi

Ci sono diverse forme di sindrome di Dressler:

  1. Una forma espansa o tipica - di solito caratterizzata da tali disturbi: pleurite, pericardio, poliartrite.
  2. Forma atipica - differisce dai seguenti sintomi: sindrome cardiovascolare, sindrome asmematosa e peritoneale, irritazioni cutanee, artrite.
  3. Malosymptomnaya o forma asintomatica - un cambiamento nella composizione del sangue, febbre, artralgia.

trusted-source[30], [31], [32], [33], [34], [35]

Complicazioni e conseguenze

I pazienti con sindrome postinfartuale possono sviluppare patologie renali, inclusa la glomerulonefrite autoimmune . Possono anche essere colpiti vasi con sviluppo di vasculite emorragica.

Se non si esegue il trattamento con farmaci ormonali, quindi il versamento pericardico può andare alla pericardite adesiva . Questo può portare allo sviluppo di insufficienza cardiaca restrittiva.

trusted-source[36], [37], [38], [39], [40], [41], [42]

Diagnostica sindrome Dressler

Un cardiologo specialista può fare una diagnosi basata sui reclami ricevuti da pazienti con sintomi comuni che si manifestano nei primi due mesi dopo un episodio di infarto del miocardio. Per confermare la diagnosi, viene effettuato un controllo - auscultazione dell'area del torace per ascoltare il possibile rumore dall'attrito del pericardio con la pleura. Potrebbero anche comparire sibili respiratori nei polmoni. Per chiarire la diagnosi, è possibile utilizzare anche i seguenti metodi:

  1. Condurre un esame del sangue approfondito.
  2. Esecuzione di ricerche immunologiche, analisi biochimiche del sangue e test reumatologici. Con la sindrome postinfartuale, ci sarà un aumento del livello di proteina C-reattiva, una frazione di troponina e creatina fosfochinasi.
  3. L'ecocardiografia aiuta a identificare l'ispessimento del pericardio, il fluido nella cavità e il deterioramento della sua mobilità.
  4. Raggi X della regione toracica: è possibile diagnosticare pleurite e polmonite.
  5. In alcuni casi, viene prescritta una risonanza magnetica del reparto toracico.

trusted-source[43], [44]

Analisi

Quando si esegue un esame del sangue, il paziente sperimenterà le seguenti modifiche:

  1. Leucocitosi.
  2. Spesso un aumento di ESR.
  3. Eozinofiliya.
  4. Un forte aumento della proteina C-reattiva.

La sindrome di Dressler deve essere differenziata con le seguenti malattie:

  • Infarto miocardico ricorrente o ripetuto;
  • Polmonite di eziologia infettiva;
  • embolia polmonare;
  • pericardite e pleurite.

trusted-source[45], [46], [47], [48]

Cosa c'è da esaminare?

Chi contattare?

Trattamento sindrome Dressler

Per il trattamento della sindrome di Dressler, che ha avuto origine per la prima volta, è necessario un trattamento ospedaliero. Quando si verificano recidive, è possibile trattare in modo ambulatoriale se le condizioni del paziente non sono gravi.

Il più delle volte si usano farmaci antinfiammatori non steroidei. Se il trattamento con farmaci antinfiammatori non steroidei non ha dato un risultato positivo, il cardiologo può raccomandare le dosi medie di alcuni farmaci ormonali. Il trattamento con anticoagulanti non viene eseguito, ma se è necessario il loro appuntamento, vengono utilizzati dosaggi bassi.

Medicina

Ormoni glucocorticosteroidi:

  1. Il desametasone è disponibile sotto forma di soluzione iniettabile. Il preparato contiene il principio attivo desametasone sodio fosfato. Differisce in effetti anti-allergici, anti-infiammatori, immunosoppressivi. Il dosaggio e la durata del corso sono prescritti dal medico curante. Il farmaco è vietato per l'uso in pazienti con malattie gastrointestinali, malattie virali e infettive, stati di immunodeficienza, malattie cardiache e vascolari, osteoporosi sistemica, insufficienza epatica e renale. Inoltre, non usare per trattare le donne in gravidanza. Durante il trattamento con desametasone sono possibili i seguenti sintomi: vomito, irsutismo, diabete steroideo, cefalea, euforia, allucinazioni, ipocalcemia, petecchie, allergie.
  2. Prednisolone - è disponibile sotto forma di compresse e soluzioni iniettabili. Il preparato contiene il principio attivo prednisolone sodio fosfato. Differisce in effetti anti-allergici, anti-infiammatori e immunosoppressivi. Il dosaggio viene stabilito in base alle condizioni del paziente, quindi è individuale. Non assumere pazienti con malattie virali e infettive, malattie gastrointestinali, stati di immunodeficienza, ipoalbuminemia. Inoltre, il farmaco è proibito durante la gravidanza. Quando si manifestano i seguenti sintomi: aritmia, vomito, mal di testa, irsutismo, euforia, disorientamento, ipernatremia, acne, allergie.

Tra i farmaci antinfiammatori non steroidei, i più efficaci per il trattamento della sindrome di Dressler sono:

  1. Diclofenac - il farmaco contiene diclofenac sodico attivo. Differisce in effetti analgesici, anti-infiammatori e antipiretici. Prende una o due compresse una volta al giorno. La durata del corso è determinata dal medico curante. I pazienti con sanguinamento nel tratto gastrointestinale, ulcere gastrointestinali, emofilia, intolleranza ai componenti per assumere il farmaco sono proibiti. Non usare durante la gravidanza. Alla ricezione possibile: dolore addominale, vomito, mal di testa, tinnito, diploma, allergia, sindrome nefrosica.
  2. L'indometacina è un derivato dell'acido indolacetico. Differisce in effetto analgesico, anti-infiammatorio, antipiretico. Il dosaggio è stabilito dal medico curante individualmente. Non prendere indometacina con intolleranza, pancreatite, proctite, insufficienza cardiaca cronica, ipertensione, durante la gravidanza. Quando si manifestano i seguenti sintomi: nausea, cefalea, tachicardia, reazioni anafilattiche, allergie, disturbi mentali, sanguinamento vaginale.

In alcuni casi, si usa l'acido acetilsalicilico:

  1. Aspirina - il preparato contiene principio attivo acido acetilsalicilico. Si differenzia con effetto antipiretico, analgesico, anti-infiammatorio. Il dosaggio è individuale ed è prescritto dal medico curante. I pazienti con ulcere gastrointestinali, asma bronchiale, diatesi emorragica, intolleranza ai componenti per assumere il farmaco sono proibiti. Non usare durante la gravidanza. Alla ricezione sono possibili: reazioni allergiche, mal di testa, vertigini, vomito, dolore all'addome.

Prevenzione

Al momento non sono state sviluppate misure efficaci per prevenire questa sindrome. Riduce leggermente la possibilità di sviluppare i principali sintomi della sindrome precoce terapia dell'infarto miocardico.

trusted-source[49], [50], [51], [52], [53]

Previsione

Con un trattamento tempestivo e corretto, la prognosi è favorevole. Dovrebbe essere chiaro che i pazienti con sindrome postinfartuale devono condurre uno stile di vita corretto:

  1. Correttamente per mangiare aderendo alla raccomandazione di dietologi - per mangiare frutta fresca e verdure, succhi, bevande alla frutta, cereali, sostituire grassi animali con vegetali. Escludere dalla loro dieta carne grassa, caffè, bevande gassate, piatti salati, fritti, speziati e speziati. Usa il meno sale possibile.
  2. Rifiuta cattive abitudini.
  3. Impegnarsi in attività fisica moderata e terapia fisica (sempre sotto la supervisione del medico curante).

trusted-source[54], [55], [56]

È importante sapere!

L'infarto miocardico è una malattia acuta che deriva da una netta discrepanza tra il fabbisogno miocardico di ossigeno e il suo rilascio attraverso le arterie coronarie, che si traduce nello sviluppo di necrosi di una parte del muscolo cardiaco. Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.