^

Salute

A
A
A

HIV e AIDS

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'infezione da HIV è un'infezione causata dall'infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( infezione da HIV). L'infezione da HIV è una malattia antroponotica che progredisce lentamente con una trasmissione di contatto, caratterizzata dalla sconfitta del sistema immunitario con lo sviluppo dell'AIDS. Le manifestazioni cliniche dell'AIDS che portano alla morte di una persona infetta sono infezioni opportunistiche (secondarie), neoplasie maligne e processi autoimmuni.

L'infezione da HIV è causata da uno dei due retrovirus (HIV-1 e HIV-2), che distruggono i linfociti CD4 + e interrompono la risposta immunitaria cellulare, aumentando così il rischio di alcune infezioni e tumori. Inizialmente, l'infezione può manifestarsi come febbre febbrile non specifica. La probabilità di manifestazioni successive dipende dal grado di immunodeficienza ed è proporzionale al livello di linfociti CD4 +. Le manifestazioni spaziano dal flusso asintomatico alla sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), che si manifesta con gravi infezioni opportunistiche o tumori. La diagnosi dell'infezione da HIV viene effettuata rilevando antigeni o anticorpi. L'obiettivo del trattamento dell'HIV è di sopprimere la replicazione dell'HIV con una combinazione di farmaci che inibiscono l'attività degli enzimi del virus.

Codici ICD-10

  • 820. Malattia causata dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV), manifestata come malattie infettive e parassitarie.
  • 821. Malattia causata dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV), manifestata come neoplasie maligne.
  • 822. Malattia causata dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV), manifestata come altre malattie specificate.
  • 823. Malattia causata dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV), manifestata come altre condizioni.
  • 824. Malattia causata dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV), non specificato.
  • Z21. Stato infettivo asintomatico causato dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV)

Epidemiologia dell'infezione da HIV e AIDS

HIV si diffonde attraverso il contatto con fluidi corporei umani: sangue, sperma, secrezioni vaginali, latte materno, saliva, staccabili da ferite o lesioni della pelle e delle mucose, che contengono virioni liberi o cellule infettate. Trasmissione del virus tanto più probabile, maggiore è la concentrazione di virioni, che può essere molto elevata durante l'infezione primaria da HIV, anche se è asintomatica. Trasmissione attraverso la saliva o goccioline prodotte da tosse e starnuti, è possibile, ma molto improbabile. L'HIV non viene trasmesso attraverso la normale comunicazione e nemmeno con stretti contatti non sessuali sul lavoro, a scuola, a casa. L'infezione avviene attraverso il trasferimento diretto dei fluidi corporei durante il rapporto sessuale, l'uso di articoli sangue contaminato acute uso domestico, parto, allattamento, manipolazioni mediche (trasfusionali, uso di strumenti contaminati).

Alcuni metodi sessuali, come la fellatio e il cunnilingus, hanno un rischio relativamente basso di trasmissione del virus, ma non sono completamente sicuri. Il rischio di trasmissione dell'HIV non è significativamente aumentato dalla deglutizione dello sperma o delle secrezioni vaginali. Tuttavia, se ci sono ferite aperte sulle labbra, aumenta il rischio di trasmissione dell'HIV. Le tecniche sessuali che causano traumi alla mucosa (ad esempio, rapporti sessuali) hanno un rischio molto alto. Il più alto rischio di trasmissione dell'HIV durante il sesso anale. L'infiammazione delle membrane mucose promuove la trasmissione del virus; IST come la gonorrea, clamidia, tricomoniasi, così come quelli che causano ulcerazioni delle mucose (chancroid, herpes, sifilide), aumentare il rischio di trasmissione di HIV.

L'HIV si trasmette da madre a figlia transplacentare o quando passa attraverso il canale del parto nel 30-50% dei casi. L'HIV entra nel latte materno e l'allattamento al seno può trasmettere il 75% dei neonati a rischio che non sono stati infettati prima.

L'infezione di un gran numero di donne in età fertile ha portato ad un aumento dei casi di AIDS nei bambini.

Il rischio di trasmissione dell'HIV dopo un danno alla pelle da parte di uno strumento medico contaminato con sangue infetto è in media 1/300 senza trattamento speciale; La terapia antiretrovirale urgente riduce probabilmente questo rischio a 1/1500. Il rischio di infezione aumenta se la ferita è profonda o se c'è un'inoculazione del sangue (ad esempio, utilizzando un ago contaminato). Il rischio di infezione da parte del personale medico infetto, a condizione che le misure appropriate per prevenire l'infezione dei pazienti non siano completamente comprese, è comunque minimo. Negli anni '80. Uno dei dentisti ha infettato l'HIV 6 o più dei suoi pazienti in un modo non identificato. Tuttavia, ampi studi su pazienti trattati con medici infetti da HIV, inclusi i chirurghi, hanno trovato diverse altre ragioni.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

Il rischio di trasmissione dell'HIV per vari tipi di attività sessuale

In assenza di ferite

Il rischio di trasmissione dell'HIV è assente

  • bacio e massaggio amichevoli
  • uso di dispositivi sessuali individuali
  • (con partner di masturbazione, senza spermatozoi e secrezioni vaginali)
  • bagno comune e doccia
  • contatto con la pelle intatta di feci o urina

Il teorico rischio molto basso di trasmissione dell'HIV

In presenza di ferite

  • bacio bagnato
  • sesso orale a un uomo (senza / con eiaculazione, senza / con l'ingestione di sperma)
  • sesso orale a una donna (senza / con una barriera)
  • contatto anale-orale
  • stimolazione delle dita della vagina o dell'ano in o senza un guanto
  • uso di dispositivi sessuali non infetti da prodezina non individuale

Basso rischio di trasmissione dell'HIV

  • rapporti vaginali o anali (con uso corretto del preservativo)
  • uso di dispositivi sessuali non individuali e non disinfettati

Alto rischio di trasmissione dell'HIV

  • rapporti vaginali o anali (senza / con eiaculazione, senza o con un preservativo usato in modo errato)

Sebbene lo screening dei donatori abbia ridotto al minimo il rischio di trasmissione del virus attraverso le trasfusioni di sangue, c'è ancora un piccolo rischio, poiché i test di screening possono essere negativi nelle prime fasi dell'infezione da HIV.

L'HIV è diviso in due gruppi epidemiologicamente distinti. Il primo gruppo comprende preferibilmente a contatto con il sangue di uomini omosessuali infetti e persone (tossicodipendenti endovenosa che usano aghi contaminati, destinatari di sangue, prima della somministrazione di efficaci metodi di screening donatore). Questo gruppo prevale negli Stati Uniti e in Europa. Nel secondo gruppo prevale la trasmissione eterosessuale del virus (l'infezione di uomini e donne è approssimativamente la stessa). 
 
Questo gruppo prevale in Africa, Sud America e Asia meridionale. In alcuni paesi (ad esempio, Brasile, Tailandia) non esiste un metodo di trasferimento preferito. Nei paesi in cui predomina la trasmissione eterosessuale, l'HIV si diffonde attraverso le rotte commerciali e di trasporto, così come le rotte della migrazione economica, prima verso le città e solo successivamente verso le aree rurali. In Africa, in particolare nell'Africa meridionale, l'epidemia di HIV ha causato la morte di milioni di giovani. I fattori che predeterminano questa situazione sono povertà, scarsa istruzione, un sistema di supporto medico imperfetto e la mancanza di farmaci efficaci.

Molte infezioni opportunistiche sono la riattivazione di infezioni latenti, quindi i fattori epidemiologici che causano l'attivazione di malattie latenti aumentano anche il rischio di sviluppare specifiche infezioni opportunistiche. Toxoplasmosi e la tubercolosi sono molto diffuse nella popolazione generale nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo, così come coccidioidomycosis nel sud-ovest degli Stati Uniti, e istoplasmosi - nel Midwest degli Stati Uniti. Negli Stati Uniti e in Europa, il virus dell'herpes simplex di tipo 8, che causa il sarcoma di Kaposi, è comune negli uomini omosessuali e bisessuali, ma non è presente in altre categorie di HIV infetti. Ad esempio, oltre il 90% delle persone infette da HIV negli Stati Uniti che hanno sviluppato il sarcoma di Kaposi erano a questo rischio.

Cosa causa l'HIV e l'AIDS?

L'infezione da HIV è causata da retrovirus. I retrovirus sono virus contenenti RNA, alcuni dei quali causano malattie negli esseri umani. Si differenziano dagli altri virus dal meccanismo di replicazione, mediante la trascrizione inversa di copie del DNA, che vengono quindi incorporate nel genoma della cellula ospite.

L'infezione da virus T-linfotropico di tipo 1 o 2 causa leucemie e linfomi a cellule T, linfoadenopatia, epatosplenomegalia, danno alla pelle e raramente immunodeficienza. Alcuni dei pazienti con immunodeficienza sviluppano infezioni simili a quelle che si sviluppano nell'AIDS. HTLV-1 può anche causare mielopatia. HTLV-1 può essere trasmesso attraverso il contatto sessuale e attraverso il sangue. Nella maggior parte dei casi, il virus viene trasmesso da madre a figlio con l'allattamento al seno.

L'AIDS è un'infezione da HIV che provoca uno qualsiasi dei disturbi elencati nelle categorie B, C o una diminuzione del numero di CD4-pimfociti (T-helper) di meno di 200 in 1 μl. Disturbi elencate categorie B e C - è infezioni opportunistiche gravi, alcuni tumori come il sarcoma di Kaposi e corpetto di Hodgkin, che sono causati da diminuzione di risposte immunitarie cellulari, così come disturbi del sistema nervoso.

L'HIV-1 rappresenta la maggior parte dei casi nell'emisfero occidentale, Europa, Asia, Africa centrale, meridionale e orientale. L'HIV-2 è comune in alcune parti dell'Africa occidentale ed è meno virulento dell'HIV-1. In alcune parti dell'Africa occidentale, entrambi i tipi di virus sono comuni, a seguito del quale una persona può essere infettata contemporaneamente da HIV-1 e HIV-2.

L'HIV-1 apparve per la prima volta tra i contadini dell'Africa centrale nella prima metà del XX secolo, quando il virus circolò prima che solo tra gli scimpanzé colpisse un uomo. La diffusione globale del virus è iniziata alla fine degli anni '70 e la diagnosi di AIDS è stata sollevata per la prima volta nel 1981. Attualmente, oltre 40 milioni di persone sono infette nel mondo. Ogni anno muoiono 3 milioni di pazienti e ogni giorno 14.000 persone vengono infettate. Il 95% delle persone che vivono con l'HIV vive nei paesi in via di sviluppo, metà delle quali donne e 1/7 - bambini sotto i 15 anni.

Cosa succede con l'infezione da HIV?

L'HIV si lega e penetra nei linfociti T dell'ospite, interagendo con le molecole CD4 e i recettori delle chemochine. Dopo aver penetrato la cellula ospite, vengono attivati RNA e gli enzimi del virus. La replicazione virale inizia con la sintesi del DNA provirale mediante trascrittasi inversa, una DNA polimerasi RNA-dipendente. Nel corso di questa copia, ci sono molti errori causati da frequenti mutazioni. Il DNA provirale penetra nel nucleo della cellula ospite ed è integrato nel suo DNA. Questo processo è chiamato integrazione. Con ogni divisione cellulare, il DNA provirale integrato è raddoppiato insieme al DNA della cellula ospite. Il DNA provirale serve come base per la trascrizione dell'RNA virale e per la traduzione delle proteine virali, incluse le glicoproteine dell'involucro virale, dr 40 e dr120. Le proteine virali si raccolgono nei virioni dell'HIV sul lato interno della membrana cellulare, e quindi germogliano dalla cellula. In ogni cellula si formano migliaia di virioni. Un altro enzima della proteasi dell'HIV - divide le proteine virali, trasformando il virione in una forma attiva.

Nei linfociti CD4 affetti, si formano oltre il 98% dei virioni dell'HIV circolanti nel plasma. La popolazione di linfociti CD4 + infetti è la riserva del virus e causa la riattivazione dell'infezione da HIV (ad esempio, con l'interruzione della terapia antiretrovirale). L'emivita dei virioni dal plasma è di circa 6 ore. In media, con grave infezione da HIV, si formano da 10 8 a 10 9 virioni al giorno e vengono distrutti . Data la rapida replicazione del virus, così come la maggiore frequenza di errori nella trascrizione inversa causata da mutazioni, aumenta il rischio di sviluppare resistenza alla terapia e la risposta immunitaria.

La principale conseguenza dell'infezione da HIV è l'inibizione del sistema immunitario, cioè la perdita dei linfociti T CD4 +, che causano l'immunità cellulare e, in misura minore, l'immunità umorale. L'esaurimento dei linfociti CD4 + è dovuto all'effetto citotossico diretto del virus, alla citotossicità cellulare immune e anche al timo, con conseguente riduzione della formazione dei linfociti. L'emivita dei linfociti CD4 + infetti è di circa 2 giorni. Il livello di diminuzione dei linfociti CD4 + è correlato alla carica virale. Ad esempio, nel prodromico o nel periodo dell'infezione primaria da HIV, la carica virale è massima (> 106 copie / ml), e di conseguenza la quantità di linfociti CD4 + diminuisce rapidamente. Il livello normale di linfociti CD4 + è di 750 cellule / μl. Per mantenere un'adeguata risposta immunitaria, il livello di linfociti CD4 + deve essere superiore a 500 cellule / μl.

La concentrazione dei virioni dell'HIV nel plasma si stabilizza a un certo livello (set point), che varia ampiamente nei diversi pazienti (in media 4-5 1 10 / ml). È determinato dal metodo di amplificazione degli acidi nucleici ed è registrato come il numero di copie dell'HIV RNA in 1 ml di plasma. Più è alto il set point, più velocemente il livello dei linfociti CD4 + scende a quei valori in cui l'immunità è compromessa (<200 cellule / μl) e, di conseguenza, si sviluppa l'AIDS. Con ogni aumento della carica virale 3 volte (0,5 log 10 ) in pazienti che non ricevono terapia antiretrovirale (APT), il rischio di sviluppare AIDS e morte nei prossimi 2-3 anni aumenta di quasi il 50%, se non avviato da APT .

Influisce anche sull'immunità umorale. Nei linfonodi, le cellule B (che producono anticorpi) sono iperplastiche, portando a linfoadenopatia e ad un aumento della sintesi di anticorpi verso antigeni di organismi precedentemente noti, con conseguente sviluppo di iperglobulinemia. Anticorpi totali (particolarmente IgG e IgA), nonché il titolo di anticorpi contro gli antigeni "vecchi" (per esempio, anti-citomegalovirus) possono essere estremamente elevata, mentre la risposta ai "nuovi antigeni" compromesso o assente. La risposta alla stimolazione immunitaria diminuisce insieme a una diminuzione del livello dei linfociti CD4 +.

Gli anticorpi anti-HIV possono essere rilevati diverse settimane dopo l'infezione. Allo stesso tempo, gli anticorpi non possono eliminare l'infezione dovuta alla formazione di forme mutanti di HIV, che non sono controllate dagli anticorpi circolanti nel corpo del paziente.

Il rischio e la gravità di infezioni opportunistiche, AIDS e tumori associati all'AIDS sono determinate da due fattori: il livello di linfociti CD4 + e potenziale suscettibilità del paziente a microrganismi opportunisti. Ad esempio, il rischio di sviluppare polmonite da Pneumocystis carinii, encefalite toxoplasmic, meningite criptococcica si verifica quando il livello di linfociti CD4 + di circa 200 cellule / ml, e il rischio di infezione causata da Mycobacterium avium, o citomegalovirus, - a livello di 50 cellule / microlitro. Senza trattamento, il rischio di progressione dell'infezione da HIV ad AIDS è -2% l'anno nei primi 2-3 anni dopo l'infezione, e il 5-6% l'anno in futuro. In ogni caso, l'AIDS si sviluppa.

L'HIV colpisce non solo i linfociti, ma anche le cellule dendritiche della pelle, i macrofagi, la microglia del cervello, i cardiomiociti, le cellule renali, causando malattie nei sistemi corrispondenti. I virioni dell'HIV in alcuni sistemi, come il nervoso (cervello e liquido cerebrospinale) e il sesso (sperma), sono geneticamente diversi da quelli che circolano nel plasma sanguigno. In questi tessuti, la concentrazione del virus e la sua resistenza possono differire da quelli del plasma sanguigno.

Quali sono i sintomi dell'infezione da HIV e AIDS?

L'infezione primaria da HIV può essere asintomatica o causare sintomi transitori non specifici dell'infezione da HIV (sindrome retrovirale acuta). La sindrome retrovirale acuta di solito inizia nella 1-4 ° settimana dopo l'infezione e dura da 3 a 14 giorni. Si manifesta con febbre, debolezza, eruzione cutanea, artralgia, linfoadenopatia generalizzata e talvolta si sviluppa una meningite asettica. Questi sintomi dell'infezione da HIV sono spesso scambiati per mononucleosi infettiva o manifestazioni aspecifiche di sintomi di infezione virale respiratoria.

La maggior parte dei pazienti ha un periodo da diversi mesi a diversi anni, durante i quali i sintomi dell'infezione da HIV sono praticamente assenti, sono lievi, intermittenti e non specifici. Questi sintomi dell'infezione da HIV vengono successivamente spiegati quando si sviluppano altre manifestazioni di HIV o infezioni opportunistiche. Il più delle volte si sviluppa la linfoadenopatia generalizzata asintomatica, la candidosi della cavità orale, l'herpes zoster, la diarrea, la debolezza e la febbre. In alcuni pazienti, l'esaurimento si sviluppa e progredisce. Di solito c'è citopenia moderata asintomatica (leucopenia, anemia, trombocitopenia).

Alla fine, quando la conta dei linfociti CD4 + scende al di sotto di 200 cellule / mm3, i sintomi dell'infezione da HIV diventano più pronunciati e si sviluppa una, e più spesso, una malattia con indicatore dell'AIDS (categorie B, C nella Tabella 192-1). Il rilevamento di infezioni causate da Mycobacterium spp, Pneumocystis jiroveci (precedentemente P. Carinn), Cryptococcus neoformans o altre infezioni fungine è cruciale. Le restanti infezioni non sono specifiche, ma suggeriscono la presenza di AIDS a causa di una rara gravità o di un decorso ricorrente. Questi includono: herpes zoster, herpes simplex, candidosi vaginale, sepsi ricorrente alla salmonella. Alcuni pazienti sviluppano tumori (ad esempio, sarcoma di Kaposi, linfomi a cellule B) che si verificano più frequentemente, hanno un decorso più grave o una prognosi incerta nei pazienti con infezione da HIV. Alcuni pazienti possono avere una disfunzione del sistema nervoso.

Gruppi clinici di infezione da HIV

Categoria A

  • Corrente asintomatica
  • Sintomi di infezione primaria da HIV primaria
  • Linfoadenopatia generalizzata persistente
  • Criptosporidiosi, lesione gastrointestinale cronica (> 1 mese)
  • Infezione da CMV (senza lesioni del fegato, milza, linfonodi)

Categoria B

  • Angiomatosi batterica
  • Cytomegalovirus retinite (con perdita della vista)
  • Candidosi orofaringea
  • Candidosi vulvovaginale: persistente, frequente, poco trattabile
  • Displasia cervicale (moderata o grave) / cancro cervicale in situ
  • I sintomi più comuni sono febbre> 38,5 ° C o diarrea che dura più di 1 mese
  • Leucoplachia pelosa della bocca
  • Herpes zoster - almeno 2 episodi accertati di infezione o lesione di più di 1 dermatoma
  • Porpora trombocitopenica autoimmune
  • listeriosi
  • Malattie infiammatorie degli organi pelvici, specialmente se complicate da un ascesso tubo-ovarico
  • Neuropatia periferica
  • Encefalopatia correlata all'HIV
  • Herpes simplex: eruzioni croniche (di durata superiore a 1 mese) o bronchite, polmonite, esofagite
  • Istoplasmosi comune o extrapolmonare
  • Isosporiasis (lesione gastrointestinale cronica> 1 mese)
  • Sarkoma Kaposi
  • Berkitt Lymphoma
  • Linfoma immunoblastico
  • Linfoma primario del sistema nervoso centrale
  • Lesioni comuni o extrapolmonari causate da Mycobacterium avium o Mycobacterium kansasii
  • Malattie polmonari ed extrapolmonari causate da Mycobacterium tuberculosis
  • Danno comune o extrapolmonare causato da Mycobacterium di altre specie o specie non specificate

Categoria C

  • Candidosi di bronchi, trachea, polmoni
  • Candidosi dell'esofago
  • Cancro cervicale invasivo
  • Coccidioidomicosi comune o extrapolmonare
  • Criptococcosi extrapolmonare
  • La polmonite causata da Pneumocystis ha dimostrato (prima di P. Carinii)
  • Polmonite ricorrente
  • Leucoencefalopatia multifocale progressiva
  • Setticemia ricorrente alla salmonella
  • Toxoplasmosi del cervello
  • Cachexy causato dall'HIV

Le sindromi neurologiche più frequenti nell'infezione da HIV

  • SPID demenza
  • Meningite criptococcica
  • Encefalite da Cytomegalovirus
  • Linfoma primario del sistema nervoso centrale
  • Leucoencefalopatia multifocale progressiva
  • Meningite tubercolare o encefalite focale
  • Encefalite toxoplasmatica

trusted-source[8], [9], [10], [11], [12], [13], [14], [15], [16]

I tumori si trovano spesso in pazienti con infezione da HIV

Il sarcoma di Kaposi, il linfoma non Hodgkin, il cancro cervicale sono tumori indicativi dell'AIDS in pazienti con infezione da HIV. Altri tumori: linfomi (limfopenichesky e sottotipi soprattutto smeshannokletochny) di Hodgkin, linfoma primario del sistema nervoso centrale, il cancro anale, cancro ai testicoli, il melanoma e altri tumori della pelle, il cancro del polmone si verificano con maggiore frequenza e sono caratterizzate da più gravi. Leiomiosarcoma è una rara complicazione dell'infezione da HIV nei bambini.

Linfoma non Hodgkin

L'incidenza del linfoma non Hodgkin nei pazienti con infezione da HIV aumenta da 50 a 200 volte. La maggior parte di questi sono linfomi istologicamente altamente differenziati di tipo B-cell aggressivo. In questa malattia, il processo coinvolto struttura extralinfonodale come midollo rosso, tratto gastrointestinale e di altri organi, che in non-HIV-associata linfoma non-Hodgkin raramente influenzata, - CNS e la cavità del corpo (pleurico, pericardico e addominale).

In genere, la malattia si manifesta rapido aumento nei linfonodi o formazioni extranodali o manifestazioni sistemiche come la perdita di peso, sudorazione notturna, e la febbre. La diagnosi viene stabilita mediante biopsia con esame istologico e immunochimico delle cellule tumorali. Linfociti anormali nel sangue o citopenia inspiegabile indicano il coinvolgimento del midollo nel processo e richiedono una biopsia. Determinare lo stadio del tumore può richiedere lo studio del CSF, così come la TC o la risonanza magnetica del torace, la cavità addominale e tutte le altre localizzazioni in cui si sospetta un tumore. Previsione male quando il numero di linfociti CD4 + <100 cellule / UL, 35 anni, povero stato funzionale, le lesioni del midollo osseo, infezioni opportunistiche e una storia di altamente differenziato sottotipo istologico di linfoma.

Linfoma non-Hodgkin è trattata con dosi di chemioterapia sistemica (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina e prednisone), di solito in combinazione con farmaci antiretrovirali, fattori di crescita, sangue, somministrazione profilattica di antibiotici e agenti antifungini. La terapia può essere limitata allo sviluppo di grave mielosoppressione, specialmente quando si utilizza una combinazione di farmaci antitumorali mielosoppressivi e farmaci antiretrovirali. Un'altra opzione possibile è l'uso di anticorpi monoclonali anti-CD20 per via endovenosa (rituximab), che sono efficaci nel trattamento del linfoma non-Hodgkin in pazienti senza infezione da HIV. La radioterapia riduce le dimensioni dei tumori di grandi dimensioni e riduce la probabilità di dolore e sanguinamento.

Linfoma primario del sistema nervoso centrale

I linfomi primari del sistema nervoso centrale si sviluppano in pazienti con infezione da HIV a una frequenza più elevata rispetto alla popolazione generale. Il tumore consiste di cellule B maligne moderatamente e altamente differenziate derivate dal tessuto del SNC. Si manifesta con i seguenti sintomi: mal di testa, crisi epilettiche, difetti neurologici (paralisi dei nervi cranici), cambiamento dello stato mentale.

La terapia urgente include la prevenzione dell'edema cerebrale e la radioterapia del cervello. Un tumore è solitamente sensibile alla radioterapia, ma l'aspettativa di vita media non supera i 6 mesi. Il ruolo della chemioterapia antitumorale è sconosciuto. L'aspettativa di vita aumenta con l'uso di HAART.

Cancro cervicale

Il cancro cervicale nei pazienti con infezione da HIV è difficile da trattare. Nelle donne con infezione da HIV aumento dell'incidenza di papillomavirus umano, la persistenza dei suoi sottotipi oncogeni (tipi 16, 18, 31, 33, 35 e 39), e displasia intraepiteliale cervicale (VDSHM) (frequenza raggiunge il 60%), ma non hanno un significativo aumento dell'incidenza del cancro cervicale. Il cancro cervicale in queste donne è più grave, più difficile da trattare e ha una maggiore incidenza di recidiva dopo la cura. Fattori di rischio generalmente riconosciuti in pazienti affetti da HIV sono infettati da sottotipi di virus del papilloma umano 16 o 18, il numero di linfociti CD4 + <200 cellule / UL, età superiore a 34 anni. L'infezione da HIV non peggiora il decorso del VIDM e del cancro cervicale. Per controllare la progressione del processo è importante prendere spesso delle macchie su Papanicolaou. HAART può causare la cessazione di infezione da papillomavirus umano, effetto VDSHM regressione in quanto non è stato studiato in cancro del collo dell'utero.

trusted-source[17], [18], [19], [20], [21], [22], [23]

Carcinoma a cellule squamose dell'ano e della vulva

Il carcinoma a cellule squamose dell'ano e della vulva è causato dal papillomavirus umano ed è più comune nei pazienti con infezione da HIV. La ragione per l'alta frequenza di questa patologia nei pazienti con infezione da HIV è il frequente verificarsi di comportamenti ad alto rischio tra loro, cioè il rapporto anale e non l'HIV stesso. Spesso c'è displasia anale, contro cui il carcinoma a cellule squamose dell'ano può essere molto aggressivo. Il trattamento include estirpazione chirurgica del tumore, radioterapia, chemioterapia modale combinata con mitomicina o cisplatino in combinazione con 5-fluorouracile.

Come viene diagnosticata l'HIV e l'AIDS?

I test di screening per l'HIV (per la rilevazione di anticorpi) vengono periodicamente raccomandati alle persone a rischio. Le persone appartenenti al gruppo ad alto rischio, in particolare sessualmente attive, che hanno molti partner sessuali e che non praticano sesso sicuro, dovrebbero essere esaminate ogni 6 mesi. Questo sondaggio è anonimo, disponibile e molto spesso gratuito in molte istituzioni pubbliche e private in tutto il mondo.

Infezione da HIV è sospettata nei pazienti con inspiegabile linfoadenopatia generalizzata persistente, o se una delle condizioni elencate nelle categorie B o C e l'HIV in pazienti ad alto rischio deve essere sospettata se hanno sintomi non specifici che possono essere una manifestazione di primaria acuta Infezione da HIV Dopo la diagnosi di infezione da HIV deve essere determinata la fase della malattia in base al livello di carica virale nel plasma sanguigno e al numero di linfociti CD4 +. Il livello di linfociti CD4 + viene calcolato in base al numero di leucociti, alla percentuale di linfociti e alla percentuale di linfociti con CD4. Il livello normale di linfociti CD4 + negli adulti è di 750 ± 250 cellule / μl. La determinazione degli anticorpi contro l'HIV è un test sensibile e specifico, ad eccezione delle prime settimane dopo l'infezione. L'analisi di immunoassorbimento enzimatico (ELISA) -analisi per anticorpi anti-HIV è altamente sensibile, ma a volte può dare risultati falsi positivi. Questo è il motivo per cui il risultato positivo del test ELISA dovrebbe essere confermato da un test più specifico come il Western blotting. Nuovi test rapidi per sangue e saliva sono prodotti in modo rapido, non richiedono manipolazioni e attrezzature tecnicamente sofisticati, così come permettono per il test in condizioni diverse e comunicare immediatamente il risultato del paziente. I risultati positivi di questi test dovrebbero essere confermati da esami del sangue standard.

Se l'infezione da HIV è probabile nonostante l'assenza di anticorpi nel sangue (entro le prime settimane dopo l'infezione), il plasma può essere testato per l'HIV RNA. I test basati sull'amplificazione degli acidi nucleici sono sensibili e specifici. L'individuazione dell'antigene dell'HIV p24 mediante ELISA è meno specifica e sensibile rispetto alla determinazione diretta dell'HIV nel sangue. Determinare la concentrazione di HIV RNA (virioni) richiede metodi così complessi come la PCR trascrizionale inversa (RT-PCR) o un test del DNA del pennello che è sensibile a livelli molto bassi di HIV RNA. La determinazione quantitativa dell'HIV RNA nel plasma viene utilizzata per determinare la prognosi e controllare l'efficacia del trattamento. Il livello di HIV nel plasma o la carica virale riflette l'attività di replicazione. Set alto livello del punto (un livello relativamente stabile di carica virale rimane allo stesso livello durante l'infezione primaria) indica un elevato rischio di abbassare il livello di linfociti CD4 + e lo sviluppo di infezioni opportunistiche, anche in pazienti senza segni clinici, così come nei pazienti immunocompetenti (pazienti con conta dei linfociti CD4 +> 500 cellule / μl).

L'infezione da HIV è divisa allo stadio sulla base delle manifestazioni cliniche (in ordine crescente di gravità - categorie A, B, C) e il numero di linfociti CD4 + (> 500, 200-499, <200 cellule / μl). La categoria clinica viene impostata in base alle condizioni più gravi che il paziente ha o sta vivendo. Pertanto, il paziente non può essere trasferito in una categoria clinica inferiore.

La diagnosi di varie infezioni opportunistiche, tumori e altre sindromi che si sviluppano nei pazienti con infezione da HIV è descritta nella maggior parte delle linee guida. La maggior parte dei problemi specifici dell'infezione da HIV.

I disturbi ematologici si verificano frequentemente e pertanto la puntura e la biopsia del midollo osseo rosso possono essere molto utili per spiegare alcune sindromi (ad esempio citopenia, linfoma, cancro). Aiutano anche nella diagnosi delle infezioni diffuse causate da MAC, Mycobacterium tuberculosis, Criptococcus, Histoplasma , B19 parvovirus umano, Pneumocystis jiroveci (ex P. Carinii), Leishmania. Nella maggior parte dei pazienti, il midollo osseo rosso è normale rigenerativo o iperregenerativo, nonostante la citopenia periferica, che riflette la distruzione periferica delle cellule del sangue. Il livello di ferro è solitamente normale o elevato e riflette l'anemia di una malattia cronica (una violazione del riutilizzo del ferro). Di solito ci sono plasmacitosi leggera o moderata, aggregati linfoidi, un gran numero di istiociti, cambiamenti displastici nelle cellule ematopoietiche.
La diagnosi delle sindromi neurologiche associate all'HIV richiede spesso CT con contrasto o risonanza magnetica. 

Come vengono trattati l'HIV e l'AIDS?

L'obiettivo di HAART è sopprimere il più possibile la replicazione virale. È possibile sopprimere completamente la replicazione a livelli non rilevabili, a condizione che i pazienti assumano farmaci> il 95% delle volte. Tuttavia, è difficile raggiungere un tale livello di conformità. La soppressione parziale della replicazione (mancata riduzione del livello plasmatico dell'HIV RNA a livelli non rilevabili) indica la stabilità dell'HIV e l'elevata probabilità di inefficacia del successivo trattamento. Dopo l'insorgenza di HAART, alcuni pazienti deteriorano il loro stato clinico nonostante un aumento del numero di linfociti CD4 +. Ciò è dovuto alla reazione del sistema immunitario a infezioni opportunistiche pre-esistenti subcliniche o agli antigeni di microrganismi che sono rimasti dopo la loro efficace cura. Queste reazioni possono essere espresse e sono chiamate sindromi infiammatorie della rigenerazione immunitaria (IRIS).

L'efficacia di HAART è stimata dal livello di RNA virale nel plasma dopo 4-8 settimane nei primi mesi, e successivamente in 3-4 mesi. Con una terapia efficace, l'RNA dell'HIV scompare entro 3-6 mesi. L'aumento della carica virale è il primo segno di fallimento del trattamento. Se il trattamento è inefficace studiando la sensibilità (resistenza) ai farmaci, è possibile stabilire la sensibilità della variante dominante dell'HIV a tutti i farmaci disponibili per correggere adeguatamente il trattamento.

Aumentando il numero dei pazienti che ricevono regime trattamento inadeguato contribuisce alla formazione di forme mutanti di HIV, che hanno una maggiore resistenza ai farmaci, tuttavia, sono simili al tipo selvaggio HIV e mostrano meno capacità di ridurre il livello di linfociti CD4 +.

I preparati di tre classi su cinque inibiscono la trascrittasi inversa, bloccando la sua attività polimerasi dipendente dal DNA o dipendente dal DNA. Gli inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI) sono fosforilati e convertiti in metaboliti attivi che competono per l'inclusione nel DNA virale. Essi inibiscono competitivamente la trascrittasi inversa dell'HIV e bloccano la sintesi delle catene del DNA. Gli inibitori nucleotidici della trascrittasi inversa lo inibiscono proprio come il nucleoside, ma, a differenza di quest'ultimo, non richiedono una precedente fosforilazione. Gli inibitori della trascrittasi inversa non nucleosidici si legano direttamente all'enzima stesso. Gli inibitori della proteasi inibiscono la proteasi virale, che è fondamentale per la maturazione dei virioni della figlia dell'HIV all'uscita dalla cellula ospite. Gli inibitori della fusione bloccano il legame dell'HIV ai recettori degli αfmociti CD4 +, che è necessario per la penetrazione del virus nelle cellule.

Per sopprimere completamente la replicazione dell'HIV selvatico, è generalmente necessaria una combinazione di 3-4 farmaci di classi diverse. La terapia antiretrovirale viene selezionata tenendo conto delle malattie concomitanti (ad esempio, una violazione della funzionalità epatica) e di altri farmaci usati dal paziente (per prevenire interazioni farmacologiche). Per raggiungere il massimo accordo tra il medico e il paziente, è necessario utilizzare regimi terapeutici disponibili e ben tollerati, nonché applicare i farmaci 1 volta al giorno (preferibilmente) o 2 volte. Le raccomandazioni degli esperti sull'iniziazione, selezione, sostituzione e interruzione della terapia, nonché sul trattamento specifico di donne e bambini, sono regolarmente aggiornate e presentate sul sito web www. AIDSinfo. NIH. Gov / linee guida.
Con l'interazione di farmaci antiretrovirali tra loro, la loro efficacia può aumentare sinergicamente. Ad esempio, la dose sub-terapeutica di ritonavir (100 mg) può essere combinato con qualsiasi altro farmaco dalla classe di inibitori della proteasi (lopinavir, amprenavir, indinavir, atazonavir, tipronavir). Ritonavir inibisce l'attività degli enzimi epatici che metabolizzano altri inibitori della proteasi, aumentando così la concentrazione e l'efficacia di questi ultimi. Un altro esempio è la combinazione di lamivudina (ZTS) e zidovudina (ZDV). Con l'uso di questi farmaci sotto forma di monoterapia, la resistenza si sviluppa rapidamente. Tuttavia, una mutazione che causa lo sviluppo di resistenza in risposta all'uso di ZTS, aumenta contemporaneamente la sensibilità dell'HIV all'HFA. Quindi, questi due farmaci sono sinergici.

Tuttavia, l'interazione tra farmaci antiretrovirali può portare a una diminuzione dell'efficacia di ciascuno di essi. Uno dei farmaci può accelerare l'escrezione di un altro (inducendo enzimi epatici del sistema del citocromo P-450 responsabile dell'eliminazione). Il secondo meccanismo di interazione poco conosciuto di alcuni NRTI (zidovudina e stavudina) è una diminuzione dell'attività antivirale senza accelerare l'eliminazione del farmaco.

La combinazione di farmaci spesso aumenta il rischio di effetti collaterali, rispetto alla monoterapia con gli stessi farmaci. Una delle possibili ragioni è il metabolismo dei farmaci di classe degli inibitori della proteasi nel fegato nel sistema del citocromo P-450, in conseguenza del quale il metabolismo (e, di conseguenza, la concentrazione) di altri farmaci è inibito. Un altro meccanismo è quello di riassumere la tossicità dei farmaci: la combinazione di tali NRTI come d4T e ddl aumenta la probabilità di sviluppare effetti metabolici indesiderati e neuropatia periferica. Dato che abbastanza farmaci possono interagire con i farmaci antiretrovirali, è sempre necessario verificare la loro compatibilità prima di iniziare un nuovo farmaco. Inoltre, va detto che il succo di pompelmo e il decotto di erba di San Giovanni riducono l'attività di alcuni farmaci antiretrovirali e pertanto dovrebbero essere esclusi.

Effetti collaterali: anemia grave, pancreatite, epatite, ridotta tolleranza al glucosio - possono essere rilevati negli esami del sangue prima della comparsa delle prime manifestazioni cliniche. I pazienti devono essere monitorati regolarmente (clinicamente e con appropriati test di laboratorio, in particolare con la nomina di un nuovo farmaco o la comparsa di sintomi incomprensibili.

Le patologie metaboliche comprendono sindromi interconnesse di ridistribuzione del grasso, iperlipidemia e insulino-resistenza. Molto spesso si sta sviluppando una ridistribuzione del grasso sottocutaneo dal viso e segmenti distali degli arti sul tronco e sull'addome. Ciò porta alla deturpazione e allo sviluppo dello stress nei pazienti. La terapia cosmetica con l'iniezione di collagene o acido polatico ha un effetto benefico. Iperlipidemia e iperglicemia dovute all'insulino resistenza, così come la steatoepatite non alcolica possono essere accompagnate da lipodistrofia. I preparati di tutte le classi sono in grado di causare questi disturbi metabolici. Alcuni farmaci, come ritonavir o d4T, di solito aumentano i livelli lipidici, mentre altri, come l'atazanavir, hanno un effetto minimo sul loro livello.

Ci sono probabilmente molti meccanismi che portano a disturbi metabolici. Uno di questi è la tossicità mitocondriale. Il rischio di tossicità mitocondriale e disturbi metabolici pertanto varia a seconda della classe di farmaci (alti del NRTI e PI), così come in ogni categoria: per esempio, tra i più alti NRTI rischio - quando prendendo d4T. Questi disturbi sono dose-dipendenti e si verificano di solito nei primi 1-2 anni di trattamento. Non sono stati studiati i disturbi a distanza e la terapia ottimale dei disturbi metabolici. È possibile utilizzare farmaci ipolipemizzanti (statine) e farmaci che aumentano la sensibilità delle cellule all'insulina (glitazoni).

Le complicanze ossee di HAART comprendono l'osteopenia asintomatica e l'osteoporosi, che sono comuni tra i pazienti con disturbi metabolici. Raramente sviluppa necrosi avascolare di grandi articolazioni (anca, spalla), accompagnata da dolore severo e disfunzione articolare. Le cause delle complicanze ossee sono poco conosciute.

L'interruzione di HAART è relativamente sicura, a condizione che tutti i farmaci vengano cancellati contemporaneamente. L'interruzione della terapia può essere necessaria per il trattamento chirurgico, così come quando la tossicità del farmaco non può essere trattata o è necessario eliminarlo. Dopo l'interruzione della terapia per stabilire un farmaco tossico, gli stessi farmaci vengono prescritti in monoterapia per diversi giorni, il che è sicuro per la maggior parte dei farmaci. Un'eccezione è abacavir: nei pazienti con febbre e rash sulla somministrazione primaria di abacavir possono verificarsi reazioni di ipersensibilità gravi e persino potenzialmente letali se ripetute.

Cura a vita

Nonostante il fatto che grazie ai nuovi metodi di trattamento, le speranze di sopravvivenza delle persone affette da HIV siano aumentate in modo significativo, la condizione di molti pazienti è peggiorata e sono deceduti. La morte nell'infezione da HIV è raramente improvvisa. I pazienti di solito hanno il tempo di pensare alle loro intenzioni. Nonostante ciò, le intenzioni dovrebbero essere registrate il prima possibile sotto forma di procura a lungo termine per il trattamento con chiare istruzioni per l'assistenza permanente. Tutti i documenti legali, incluse le procure e la volontà, devono essere presenti. Questi documenti sono particolarmente importanti per i pazienti omosessuali a causa della totale mancanza di protezione dei diritti ereditari e di altri diritti (incluse le visite e il processo decisionale) del partner.

Quando i pazienti sono deceduti, i medici dovrebbero prescrivere farmaci antidolorifici, farmaci che alleviano l'anoressia, la paura e tutti gli altri sintomi di stress. Una significativa perdita di peso nei pazienti negli stadi avanzati dell'AIDS rende particolarmente importante una buona cura della pelle. Il supporto completo per gli ospizi è una buona opzione per le persone che muoiono di AIDS. Tuttavia, fino ad ora gli ospizi sono supportati solo da donazioni individuali e l'aiuto di tutti coloro che vogliono solo e possono aiutare, quindi il loro sostegno è ancora a casa.

Come si previene l'HIV e l'AIDS?

I vaccini contro l'HIV sono molto difficili da sviluppare a causa dell'elevata variabilità delle proteine di superficie dell'HIV, che fornisce un'ampia varietà di varianti antigeniche dell'HIV. Nonostante ciò, un gran numero di potenziali vaccini si trova in diverse fasi della ricerca sulla capacità di prevenire o migliorare il decorso dell'infezione.

Prevenzione della trasmissione dell'HIV

L'educazione delle persone è una misura molto efficace. Ha ridotto significativamente la prevalenza dell'infezione in alcuni paesi del mondo, specialmente in Tailandia e Uganda. Dato che il contatto sessuale nella maggior parte dei casi è la causa dell'infezione, la formazione volta ad eliminare la pratica del sesso non sicuro è la misura più appropriata. Anche se è noto che entrambi i partner non sono infetti da HIV e non si sono mai cambiati, il sesso sicuro è ancora obbligatorio. I preservativi offrono la migliore protezione, ma i lubrificanti possono danneggiare il lattice, aumentando il rischio di rottura del condom. L'APT dei pazienti con infezione da HIV riduce il rischio di trasmissione sessuale del virus, ma il grado di riduzione non è noto.

Il sesso sicuro rimane appropriato per la protezione sia delle persone con infezione da HIV che dei loro partner. Ad esempio, il sesso non protetto tra HIV-infetti può provocare la trasmissione di ceppo resistente o più virulento di HIV e altri virus (virus CMV, Epstein-Barr, HSV, virus dell'epatite B) che causano la malattia grave nei pazienti affetti da AIDS.

I consumatori di droghe che usano droghe per via endovenosa dovrebbero essere avvisati del rischio di usare aghi e siringhe non sterili. La prevenzione può essere più efficace in combinazione con la fornitura di aghi sterili e siringhe, trattamento di tossicodipendenza e riabilitazione.

La ricerca anonima sull'infezione da HIV con la possibilità di consultare uno specialista prima o dopo il test dovrebbe essere disponibile a tutti gli altri. Le donne incinte, il cui risultato del test era positivo, spiega il rischio di trasmissione del virus dalla madre al feto. Il rischio è ridotto di 2/3 quando si usa la monoterapia con ZDV o nevirapina e forse anche di più quando si utilizza una combinazione di 2-3 farmaci. Il trattamento può essere tossico per la madre o il feto e non può essere garantito per impedire la trasmissione del virus. Alcune donne preferiscono interrompere la loro gravidanza per questi o altri motivi.

Nei paesi del mondo in cui sangue e organi donatori vengono sottoposti a screening in tutto il mondo utilizzando metodi moderni (ELISA), il rischio di trasmissione dell'HIV durante la trasfusione di sangue è probabilmente tra 1: 10.000 e 1: 100.000 trasfusioni. La trasmissione è ancora possibile, perché i test per la rilevazione degli anticorpi possono essere falsi negativi all'inizio dell'infezione. Allo stato attuale, lo screening del sangue per la rilevazione di entrambi gli anticorpi e l'antigene p24 è introdotto negli Stati Uniti e, possibilmente, riduce ulteriormente il rischio di trasmissione del virus. Per ridurre ulteriormente il rischio di trasmissione dell'HIV per le persone con fattori di rischio per l'infezione da HIV, anche quelli che non hanno ancora rilevato anticorpi contro l'HIV nel sangue, viene loro chiesto di non diventare donatori di sangue e organi.

Per prevenire la trasmissione dell'HIV dai pazienti, i medici dovrebbero indossare i guanti in situazioni in cui sia possibile il contatto con le mucose o i liquidi corporei del paziente e anche come prevenire punture e tagli. Gli assistenti sociali che si prendono cura dei pazienti a casa dovrebbero indossare i guanti se esiste la possibilità di contatto con i liquidi biologici. Le superfici o gli strumenti contaminati con sangue o altri fluidi corporei devono essere sciacquati e disinfettati. Disinfettanti efficaci sono: riscaldamento, perossidi, alcoli, fenoli, ipoclorito (candeggina). L'isolamento dei pazienti con infezione da HIV non è necessario, tranne quando ciò è indicato da infezioni opportunistiche (ad es. Tubercolosi) che si sono sviluppate. Non è stato ancora raggiunto un accordo che preveda misure per impedire la trasmissione del virus da parte di operatori sanitari affetti da HIV ai pazienti.

Profilassi post-esposizione dell'infezione da HIV

Trattamento profilattico di HIV è mostrato in ferite penetranti rientrare nel sangue ferita con infezione da HIV (solitamente diesis) o contatto di massa di sangue HIV-infettati con le mucose (occhi, bocca). Il rischio di infezione a causa di danni alla pelle supera lo 0,3% e dopo il contatto con le membrane mucose è di circa lo 0,09%. Il rischio aumenta proporzionalmente a seconda della quantità di materiale biologico (superiore quando oggetti visibilmente sporchi danneggiati diesis cava), la profondità del danno e carica virale nel sangue intrappolato. Attualmente, per ridurre il rischio di infezione si raccomanda una combinazione di due NRTI (AZT e ZTS) o 3 farmaci (NRTI + PI o NNRTI; nevirapina non viene utilizzato, in quanto causa epatite (rara ma grave)) per 1 mese. La scelta della combinazione dipende dal grado di rischio causato dal tipo di contatto. ZDV monoterapia, può ridurre il rischio di trasmissione del virus dopo l'infortunio con oggetti appuntiti di circa l'80%, anche se non v'è alcuna prova conclusiva di questa.

Prevenzione di infezioni opportunistiche

Efficace chemioprofilassi dell'infezione da HIV è disponibile per molte infezioni opportunistiche. Riduce l'incidenza di malattie causate da P. Jiroveci, Candida, Cryptococcus e MAC. Nei pazienti con risveglio immunitario sullo sfondo della terapia, riducendo la quantità di linfociti CD4 + al di sopra dei valori soglia> 3 mesi, la prevenzione può essere interrotta.

I pazienti con il numero di linfociti CD4 + <200 cellule / ml dovrebbero essere la profilassi primaria contro la polmonite da P. Carinii, e l'encefalite toxoplasmica. Per fare questo ad alta efficienza viene applicata una preparazione combinata che comprende sulfametossazolo e trimetoprim, ogni giorno o 3 volte a settimana. Gli effetti collaterali possono essere ridotti al minimo applicando il farmaco 3 volte a settimana o aumentando gradualmente la dose. Alcuni pazienti che non tollerano il trimetoprim-sulfametossazolo tollerano il dapsone (100 mg una volta al giorno). Per un po 'i pazienti po' in trattamento con questi farmaci hanno sviluppato i loro effetti collaterali disturbanti (febbre, neutropenia, eruzione cutanea), possono essere utilizzate pentamidina aerosol (300 mg 1 volta al giorno), o atovaquone (1500 mg 1 volta al giorno).

I pazienti con il numero di linfociti CD4 + <75 cellule / ml dovrebbe essere la prevenzione primaria contro diffusione MAC azitromicina, claritromicina e rifabutina. L'azitromicina è più preferibile, poiché può essere somministrata sotto forma di due compresse da 600 mg a settimana, fornendo una protezione (70%) paragonabile a quella fornita giornalmente dalla claritromicina. Inoltre, non interagisce con altri farmaci. I pazienti con sospetta tubercolosi latente che scorre (in qualsiasi numero di linfociti CD4 +) devono essere trattati con rifampicina o rifabutina pirazinamide per 2 mesi, tutti i giorni, o isoniazide al giorno per 9 mesi per prevenire processo di riattivazione.

Per la prevenzione primaria delle infezioni fungine (candidosi esofagea, meningite criptococcica e polmonite) è stato utilizzato con successo fluconazolo per os al giorno (100-200 mg 1 volta al giorno) o settimanale (400 mg). Tuttavia, non dovrebbe essere usato spesso a causa dell'elevato costo del corso preventivo, della buona diagnosi e del trattamento di questa patologia.

La profilassi secondaria con fluconazolo viene somministrata ai pazienti se sviluppano candidosi orale, vaginale o esofagea o infezioni da criptococco. L'istoplasmosi trasferita è un'indicazione per la prevenzione di itraconazolo. I pazienti con latente toxoplasmosi scorre, con la presenza di anticorpi (IgG) di Toxoplasma gondii assegnato trimetoprim-sulfametossazolo (alle stesse dosi per la prevenzione della polmonite da Pneumocystis carinii) per impedire processo di riattivazione e successiva encefalite toxoplasmic. L'infezione latente negli Stati Uniti è meno comune (circa il 15% degli adulti) rispetto all'Europa e ai paesi più sviluppati. La prevenzione secondaria è indicato anche per pazienti con precedentemente trasferita polmonite da Pneumocystis infezione da HSV e possibilmente aspergillosi.

Qual è la prognosi dell'infezione da HIV e AIDS?

Come menzionato sopra, il rischio di sviluppare l'AIDS e / o la morte è predeterminato per il numero di linfociti CD4 + nel breve termine e il livello di HIV RNA nel plasma sanguigno nel lungo periodo. Per ogni tre volte (0,5 log10) aumento della carica virale, la mortalità aumenta del 50% nei prossimi 2-3 anni. Se l'infezione da HIV viene trattata efficacemente, ciò porta ad un aumento del numero di linfociti CD4 + e il livello di HIV RNA nel plasma diminuisce molto rapidamente. HIV-associata morbilità e mortalità è rara quando il numero di linfociti CD4 +> 500 cellule / basso quando 200-499 cellule / ml, moderati a 50-200 cellule / ml e elevato numero di caduta dei linfociti CD4 + a meno di 50 per 1 mm.

Poiché un'adeguata terapia antivirale per l'infezione da HIV può causare effetti indesiderati pronunciati ea lungo termine, non deve essere somministrata a tutti i pazienti. Indicazioni contemporanei per iniziare la terapia antivirale di infezione da HIV: il numero di linfociti CD4 + <350 cellule / ml e il livello di HIV RNA nel plasma di> 55.000 copie / ml. Utilizzando combinazioni convenzionali di farmaci antiretrovirali per il trattamento dell'infezione da HIV (terapia antiretrovirale altamente attiva - HAART) è finalizzata a ridurre il livello di HIV RNA nel plasma e l'aumento del numero di linfociti CD4 + (ripresa o recupero immunitario). Ridurre il numero di linfociti CD4 + e aumentare il livello di HIV RNA rispetto a questi parametri prima del trattamento riduce la probabilità dell'efficacia della terapia prescritta. Tuttavia, alcuni miglioramenti sono possibili nei pazienti con grave immunosoppressione. Un aumento del numero di linfociti CD4 + significa una corrispondente riduzione del rischio di sviluppare infezioni opportunistiche, altre complicazioni e morte. Con il restauro di immunità può essere migliorata anche per gli Stati che non sono trattati in modo speciale (per esempio HIV-indotta disfunzione cognitiva) o quelle che erano considerate incurabili (ad esempio, leucoencefalopatia multifocale). Anche la prognosi dei tumori (ad esempio linfoma, sarcoma di Kaposi) e le infezioni opportunistiche sta migliorando. I vaccini che potrebbero aumentare l'immunità all'HIV nei pazienti infetti sono stati studiati per molti anni, ma sono ancora inefficaci.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.