^

Salute

A
A
A

Polmonite cronica

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La polmonite cronica è un processo infiammatorio localizzato cronico nel tessuto polmonare, il cui substrato morfologico è la pneumosclerosi e / o la carnificazione del tessuto polmonare, nonché cambiamenti irreversibili nell'albero bronchiale del tipo di bronchite cronica locale, manifestata clinicamente dalla ricorrenza dell'infiammazione nella stessa parte interessata del polmone. La fibrosi polmonare localizzata asintomatica in assenza di recidiva di infiammazione nella zona interessata è esclusa dal concetto di polmonite cronica.

Attualmente, l'atteggiamento nei confronti della polmonite cronica è ambiguo. Nella moderna letteratura medica straniera tale unità nosologica non è riconosciuta e non coperta. Anche nell'ICD-10, questa malattia non viene chiamata. Tuttavia, un numero di medici ancora distingue la polmonite cronica come unità nosologica indipendente.

Inoltre, nella pratica clinica, si osservano spesso pazienti che, dopo aver sofferto una storia di polmonite, sviluppano sintomi che soddisfano i criteri diagnostici per la polmonite cronica, e prima (prima della polmonite acuta) il paziente era completamente sano.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10]

Cause della polmonite cronica

I principali fattori eziologici e predisponenti della polmonite cronica sono gli stessi di quelli acuti.

trusted-source[11], [12]

Patogenesi della polmonite cronica

La polmonite cronica è il risultato di polmonite acuta irrisolta. Pertanto, lo sviluppo della polmonite cronica può essere rappresentato nella forma delle seguenti fasi: polmonite acuta - polmonite prolungata - polmonite cronica. Pertanto, possiamo supporre che i fattori patogenetici della polmonite cronica siano uguali a quelli protratti, e quelli principali sono, naturalmente, disfunzioni del sistema di protezione broncopolmonare locale (diminuzione dell'attività dei macrofagi e dei leucociti alveolari, diminuzione della fagocitosi, deficit di IgA secretoria, diminuzione delle batteriolizine e altri - per i dettagli, vedi "Bronchite cronica") e la debolezza della risposta immunitaria del microrganismo. Tutto questo crea condizioni favorevoli per la persistenza di un processo infiammatorio infettivo in una certa area del tessuto polmonare, che porta ulteriormente alla formazione di un substrato patologico di polmonite cronica - pneumosclerosi focale e bronchite locale deformante.

trusted-source[13], [14], [15], [16], [17], [18], [19], [20], [21], [22], [23]

Gli agenti patogeni

Sintomi di polmonite cronica

La polmonite cronica è sempre il risultato di una polmonite acuta irrisolta. Va sottolineato che non esiste un criterio temporale rigoroso che suggerisca che in questo paziente la polmonite acuta si trasformi in un processo infiammatorio cronico. Le idee precedenti sui termini di 3 mesi, 1 anno erano insostenibili. Va considerato che il ruolo decisivo nella diagnosi di polmonite cronica non è giocato dall'insorgenza della malattia, ma dall'assenza di dinamiche dei raggi x positive e ripetute esacerbazioni del processo infiammatorio nella stessa area polmonare durante il follow-up a lungo termine e il trattamento intensivo.

Nel periodo di esacerbazione della polmonite cronica, i principali sintomi clinici sono:

  • lamentele di debolezza generale, sudorazione, specialmente di notte, aumento della temperatura corporea, diminuzione dell'appetito, tosse con separazione dell'espettorato purulento; a volte dolore al petto nella proiezione del focus patologico;
  • perdita di peso (opzionale);
  • sintomi del processo infiltrativo-infiammatorio locale nel tessuto polmonare (suono di percussione sordo, sibilo umido di bubbling fine, crepitio sulla lesione), con coinvolgimento pleurico, si sentono suoni di attrito pleurico.

trusted-source[24], [25]

Studi strumentali

  1. Esame a raggi X dei polmoni - è cruciale nella diagnosi di polmonite cronica. La radiografia dei polmoni in 2 proiezioni rivela le seguenti caratteristiche:
    • una diminuzione del volume della sezione polmonare corrispondente, una tenuta e una deformazione del pattern polmonare di tipo fine e medio-cellulare;
    • oscuramento focale dei polmoni (possono essere abbastanza chiari con una pronunciata carnificazione degli alveoli);
    • infiltrazione peribronchiale nel tessuto polmonare interessato;
    • manifestazioni di pleurite adesiva regionale (adesione interlobare, paramediastinale, obliterazione del seno costiero-diaframmatico).
  2. La broncografia è attualmente considerata un metodo diagnostico e diagnostico differenziale obbligatorio per la polmonite cronica. La convergenza dei rami bronchiali nella zona interessata, l'irregolarità del loro riempimento con contrasto, irregolarità, deformazione dei contorni (bronchite deformante) sono rilevati. Nelle bronchiectasie della polmonite cronica, viene rilevata la presenza di bronchiectasie.
  3. Broncoscopia: nel periodo di esacerbazione, viene rilevata bronchite purulenta (nel periodo di remissione catarrale), più pronunciata nel lobo o segmento corrispondente.
  4. Uno studio della funzione della respirazione esterna (spirografia) è obbligatorio nella polmonite cronica, poiché i pazienti spesso soffrono di bronchite cronica ed enfisema polmonare allo stesso tempo. Nel caso di una forma non complicata di polmonite cronica (nella lesione non estesa della lesione), di solito non vi sono cambiamenti significativi negli indicatori spirografici (in rari casi sono possibili disturbi restrittivi - una diminuzione del VC). Con bronchite cronica ostruttiva concomitante, c'è una diminuzione di FVC, indice di Tiffno), con enfisema, il valore di VC è significativamente ridotto.

trusted-source[26], [27], [28], [29], [30], [31], [32], [33], [34], [35], [36], [37]

Dati di laboratorio

  1. Esami del sangue generali e biochimici rivelano i seguenti cambiamenti nella fase di esacerbazione: un aumento di VES, leucocitosi con uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra, un aumento del contenuto di fibrinogeno nel sangue, alfa2 e gamma globuline, aptoglobina, sieromcoide. Tuttavia, va notato che questi cambiamenti sono espressi, di regola, solo con una significativa esacerbazione della malattia.
  2. Microscopia dell'espettorato - nel periodo di malattia acuta ha rivelato un gran numero di leucociti neutrofili.
  3. Esame batteriologico dell'espettorato - consente di determinare la natura della microflora. Il numero di corpi microbici più di 10 in 1 ml di escreato indica la patogenicità della microflora identificata.

Nella fase di remissione della polmonite cronica, il paziente si sente soddisfacente, i pazienti mostrano quasi nessun reclamo, o questi reclami sono molto insignificanti. Un tipico è solo tosse improduttiva principalmente al mattino a causa della presenza di bronchite locale. L'esame fisico dei polmoni determina l'ottusità del suono della percussione e dei rantoli gorgoglianti, il crepitio nel centro della lesione, tuttavia i dati auscultatori nel periodo di remissione sono molto meno brillanti rispetto alla fase acuta. Nella fase di remissione non ci sono anche manifestazioni di laboratorio del processo infiammatorio.

trusted-source[38], [39], [40], [41], [42]

Modulo bronchiectasie

Bronchiectasie di polmonite cronica ha le seguenti manifestazioni:

  • tosse con una grande quantità di espettorato purulento (200-300 ml al giorno o anche più) con un odore sgradevole, più pronunciato in una certa posizione del paziente;
  • episodi frequenti di emottisi;
  • riacutizzazioni frequenti e anche un decorso continuo di un processo infiammatorio attivo, ritardi periodici nella separazione dell'espettorato, accompagnati da un significativo aumento della temperatura corporea; sudorazioni notturne;
  • perdita di appetito e perdita pronunciata di peso dei pazienti;
  • cambiamenti delle unghie (assumono la forma di occhiali da guardia) e ispessimento delle falangi alla fine sotto forma di "bacchette";
  • ascoltando la lesione non solo bolle fini, ma spesso rantoli medio-sibilanti, sono abbondanti e consonanti;
  • evento più frequente rispetto alla forma senza bronchiectasie quali complicanze come empiema, pneumotorace spontaneo, amiloidosi dei reni;
  • scarsa efficacia della terapia conservativa;
  • l'identificazione di bronchiectasie (sotto forma di estensioni sacculari cilindriche, a forma di fuso) durante studi bronchiali e tomografici.

trusted-source[43], [44], [45], [46], [47], [48], [49], [50], [51]

Classificazione della polmonite cronica

Attualmente non esiste una classificazione generalmente accettata di polmonite cronica. Ciò è dovuto al fatto che non tutta l'indipendenza nosologica riconosciuta di questa malattia. Per scopi puramente pratici, è possibile utilizzare la seguente classificazione.

  1. Prevalenza di infiammazione cronica nei polmoni:
    • alopecia
    • segmentale
    • lobare
  2. Fase di processo:
    • esacerbazione
    • remissione
  3. Forma clinica:
    • bronchiectasie
    • senza bronchiectasie

trusted-source[52], [53], [54], [55], [56], [57]

Criteri diagnostici per la polmonite cronica

  1. Una chiara connessione dello sviluppo della malattia con polmonite acuta acuta, che ha avuto un decorso prolungato, ma non è stata risolta.
  2. Infiammazione ricorrente all'interno dello stesso segmento o lobo del polmone.
  3. Natura focale del processo patologico.
  4. La presenza nel periodo di esacerbazione dei sintomi clinici: tosse con espettorato mucopurulento, dolore toracico, febbre, debolezza.
  5. Rilevazione dei sintomi stetacitici del processo patologico focale - bolla fine (e nel caso della forma bronchiectasica della malattia - e bolla media) respiro sibilante e crepitio.
  6. Segni radiografici, broncografici e tomografici di infiltrazione focale e pneumosclerosi, deformando la bronchite (e nel caso della forma bronchiale - bronchiectasie), fusione pleurica.
  7. Immagine broncoscopica di bronchite locale purulenta o catarrale.
  8. L'assenza di tubercolosi, sarcoidosi, pneumoconiosi, anomalie congenite dei polmoni, tumori e altri processi patologici che causano l'esistenza a lungo termine della sindrome di compattazione focale del tessuto polmonare e manifestazioni di laboratorio di infiammazione.

trusted-source[58], [59], [60], [61], [62]

Diagnosi differenziale di polmonite cronica

La diagnosi di polmonite cronica è rara e molto responsabile, richiede un'attenta esclusione di altre malattie che si manifestano nelle foche del tessuto polmonare, principalmente la tubercolosi polmonare e il cancro del polmone.

Nella diagnosi differenziale con carcinoma polmonare, va notato che la polmonite cronica è una malattia rara, il tumore polmonare è molto comune. Pertanto, come giustamente scrive N. V. Putov (1984), "in tutti i casi di un processo infiammatorio prolungato o ricorrente nei polmoni, specialmente negli uomini e nei fumatori anziani, dovrebbe essere escluso un tumore, un bronco stenotico e fenomeni di cosiddetta polmonite paracetosa". Per escludere il cancro ai polmoni, è necessario applicare metodi di ricerca speciali - broncoscopia con biopsia, biopsia transbronchiale o transtoracica del nidulo, linfonodi regionali, broncografia, tomografia computerizzata. Viene inoltre presa in considerazione l'assenza di dinamiche dei raggi x positive in pazienti con carcinoma polmonare durante il trattamento attivo anti-infiammatorio e antibatterico, incluso il trattamento endoscopico dei bronchi. Inoltre, si dovrebbe notare che se si sospetta il cancro, non si dovrebbe perdere tempo prezioso a condurre il follow-up a lungo termine.

Nel condurre una diagnosi differenziale di polmonite cronica e tubercolosi polmonare, devono essere prese in considerazione le seguenti circostanze:

  • nella tubercolosi polmonare non esiste un processo infiammatorio acuto non specifico all'inizio della malattia;
  • la tubercolosi è caratterizzata principalmente dalla localizzazione del lobo superiore del processo patologico; pietrificazione nel tessuto polmonare e linfonodi basali;
  • nella tubercolosi, i batteri della tubercolosi e i test della tubercolina si trovano spesso nell'espettorato.

La polmonite cronica deve essere differenziata dalle anomalie congenite dei polmoni, il più delle volte con ipoplasia semplice e cistica e sequestro dei polmoni.

Semplice ipoplasia polmonare - ipoplasia del polmone senza formazione di cisti. Questa anomalia è accompagnata dallo sviluppo del processo suppurativo nel polmone, che porta allo sviluppo della sindrome da intossicazione, ad un aumento della temperatura corporea, alla comparsa di sintomi fisici di infiammazione del tessuto polmonare - un quadro clinico simile alla riacutizzazione della polmonite cronica. L'ipoplasia polmonare semplice viene diagnosticata sulla base dei risultati dei seguenti metodi di ricerca:

  • radiografia dei polmoni - vengono rilevati segni di diminuzione del volume polmonare;
  • broncografia - vengono contrapposti solo bronchi di 3-6 ordini di grandezza, quindi il broncogramma sembra essere rotto (sintomo di un "albero bruciato");
  • broncoscopia - endobronchite catarrale, restringimento e localizzazione atipica delle bocche dei lobari e dei bronchi segmentari.

L'ipoplasia cistica del polmone è una ipoplasia del polmone o parte di essa con la formazione di molte cisti a parete sottile. La malattia è complicata dallo sviluppo di un processo infettivo-infiammatorio secondario e da una bronchite cronica. La diagnosi di ipoplasia cistica è fatta sulla base dei risultati dei seguenti studi:

  • radiografia dei polmoni - nella proiezione del lobo ipoplasico o segmento del polmone deformità visibile o miglioramento del modello polmonare di natura cellulare; l'esame tomografico rivela cavità multiple a parete sottile con un diametro da 1 a 5 cm;
  • la broncografia rivela l'ipoplasia del polmone e una moltitudine di cavità parzialmente o completamente riempite di contrasto e aventi una forma sferica. A volte vengono determinate estensioni fusiformi dei bronchi segmentali;
  • Angiopulmonografia: rileva l'ipoplasia del piccolo circolo di circolazione del sangue nel polmone ipoplasico o nel suo lobo. Arterie e vene (sottosegmentali prelobulari e lobulari) si piegano intorno alla cavità dell'aria.

Il sequestro polmonare è una malformazione in cui parte del tessuto polmonare alterato cisticamente viene separata (sequestrata) dai bronchi e dai vasi del piccolo cerchio e viene rifornita di sangue dalle grandi arterie che si estendono dall'aorta.

Distinguere tra sequestro intra-lobo e non-lobo del polmone. Nel sequestro intralobulare, il tessuto polmonare anomalo si trova all'interno del lobo, ma non è in comunicazione con i suoi bronchi e viene fornito con sangue dalle arterie che si estendono direttamente dall'aorta.

Nel sequestro non polare del polmone, la porzione aberrante del tessuto polmonare si trova al di fuori del polmone normale (nella cavità pleurica, nel denso del diaframma, nella cavità addominale, sul collo e in altri luoghi) ed è rifornita di sangue solo dalle arterie della circolazione polmonare.

Il sequestro fuori dal lobare del polmone non è complicato dal processo soppressivo e, di regola, non si manifesta clinicamente.

Il sequestro intra-lobare del polmone è complicato dal processo soppressivo e richiede una diagnosi differenziale con polmonite cronica.

Il sequestro polmonare viene diagnosticato sulla base dei risultati dei seguenti studi:

  • la radiografia dei polmoni rivela la deformazione del pattern polmonare e persino una cisti o un gruppo di cisti, a volte oscurando la forma irregolare; l'infiltrazione peribronchiale è spesso rilevata;
  • la tomografia dei polmoni rivela cisti, cavità nel polmone sequestrato e spesso un grande vaso che va dall'aorta alla formazione patologica nel polmone;
  • broncografia - nella zona di sequestro, deformazione o espansione dei bronchi;
  • Aortografia selettiva - rivela la presenza di un'arteria anomala, che è un ramo dell'aorta e fornisce sangue al polmone sequestrato.

Molto spesso, questi cambiamenti radiologici sono rilevati nelle regioni basali posteriori dei lobi inferiori dei polmoni.

La polmonite cronica dovrebbe anche essere differenziata da fibrosi cistica, bronchiectasie e ascesso polmonare cronico. La diagnosi di queste malattie è descritta nei rispettivi capitoli.

trusted-source[63], [64], [65], [66], [67], [68], [69], [70], [71]

Programma di indagine

  1. Prove generali di sangue e urine.
  2. Analisi biochimica del sangue: contenuto proteico totale, frazioni proteiche, acidi sialici, fibrina, seromucoi, aptoglobina.
  3. Radiografia dei polmoni in 3 proiezioni.
  4. Tomografia dei polmoni
  5. Fibrobronchoscopia, broncografia.
  6. Spirography.
  7. Esame dell'espettorato: citologia, flora, sensibilità agli antibiotici, rilevamento di Mycobacterium tuberculosis, cellule atipiche.

trusted-source[72], [73], [74], [75], [76], [77], [78]

Esempio di formulazione della diagnosi

Polmonite cronica nel lobo inferiore del polmone destro (in 9-10 segmenti), forma bronchiettasica, fase acuta.

trusted-source[79], [80], [81], [82], [83]

Cosa c'è da esaminare?

Quali test sono necessari?

Chi contattare?

Trattamento della polmonite cronica

La polmonite cronica è un processo infiammatorio localizzato cronico nel tessuto polmonare, il cui substrato morfologico è la pneumosclerosi e / o la carnificazione del tessuto polmonare, nonché cambiamenti irreversibili nell'albero bronchiale del tipo di bronchite cronica deformante locale, manifestata clinicamente da infiammazione ricorrente nella stessa parte interessata del polmone.

Quando si tratta un paziente con polmonite cronica, si deve presumere che la polmonite cronica sia il risultato di una polmonite acuta irrisolta. Le fasi di sviluppo della malattia: polmonite acuta → polmonite prolungata → polmonite cronica.

Con l'aiuto dei moderni metodi di esame (radiografia dei polmoni in 3 proiezioni, tomografia a raggi X, tomografia computerizzata, broncoscopia con uno studio citologico delle secrezioni bronchiali, broncografia) è necessario assicurarsi che la tubercolosi o una malattia maligna del sistema broncopolmonare, malattia polmonare congenita (anomalia) sviluppo, cisti, ecc.).

Il programma di trattamento per la polmonite cronica è pienamente coerente con il programma di polmonite acuta. Tuttavia, quando si organizza il trattamento di un paziente con polmonite cronica, devono essere considerate le seguenti caratteristiche.

  1. Nel periodo di esacerbazione della polmonite cronica, la terapia antibatterica viene eseguita in modo simile a quello della polmonite acuta. Va ricordato che la polmonite cronica è caratterizzata dalla presenza costante di microflora potenzialmente attiva nel fuoco infiammatorio e negli ultimi decenni la composizione degli agenti causativi della polmonite si è espansa. Oltre alla flora batterica, i virus pneumotropici che causano una grave polmonite virale e virale-batterica, di particolare importanza durante i periodi di epidemie influenzali, hanno acquisito grande importanza. Anche lo spettro della flora batterica è cambiato. Secondo AN cocco (1986), con esacerbazione di polmonite cronica da espettorato e bronchiali pazienti contenuto emolitica frequentemente seminato Streptococcus, Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, Microbial frequente associazione di 2-3 microrganismi con Staphylococcus pneumoniae, con streptococco emolitico con la bacchetta di Friedlander, intestinale e Pseudomonas aeruginosa. Nel 15% dei pazienti con esacerbazione di polmonite cronica, è stato dimostrato il ruolo dei micoplasmi.

Assegnando la terapia antibiotica nei primi giorni di esacerbazione della polmonite cronica, è consigliabile concentrarsi su questi dati, ma poi è imperativo effettuare un test espettorato, batteriologico, batterioscopico, sulla sensibilità della flora agli antibiotici e apportare aggiustamenti alla terapia antibiotica a seconda dei risultati dello studio. È meglio esaminare l'espettorato ottenuto mediante esame fibrobroncoscopico; se ciò non è possibile, si esamina l'espettorato raccolto dal paziente ed elaborato secondo il metodo di Mulder.

Va sottolineato il ruolo importante della riabilitazione endotracheale e broncoscopica nel trattamento della polmonite cronica. Questo è di grande importanza, specialmente con esacerbazioni frequenti e prolungate, poiché la polmonite cronica è un processo infiammatorio localizzato con lo sviluppo della pneumosclerosi nel fuoco infiammatorio. Nella terapia antibatterica orale o parenterale, i farmaci non penetrano sufficientemente nel fuoco dell'infiammazione e solo la somministrazione endotracheale e endobronchiale di farmaci antibatterici consente loro di ricevere la concentrazione desiderata nel tessuto polmonare al centro dell'infiammazione. La combinazione più appropriata di terapia antibiotica parenterale ed eudobronchiale. Questo è particolarmente importante in caso di bronchiectasie di polmonite cronica.

Con una malattia molto grave c'è un'esperienza positiva di introduzione di antibiotici nel sistema emodinamico polmonare.

In caso di grave recidiva di polmonite cronica causata da stafilococco, pseudomonas e altre superinfezioni, l'immunoterapia passiva specifica viene utilizzata con successo insieme a farmaci antibatterici - la somministrazione di appropriati anticorpi antibatterici sotto forma di plasma iperimmune, gamma e immunoglobulina. Il plasma anti-stafilococco-pseudo-purulento-proteico viene iniettato per via endovenosa in una dose di 125-180 ml 2-3 volte a settimana. Il trattamento con plasma iperimmune è combinato con la somministrazione intramuscolare di γ-globulina antistaphylococcal. Prima dell'inizio dell'immunoterapia, il paziente deve essere consigliato da un allergologo e devono essere prescritti antistaminici per prevenire le complicanze allergiche.

  1. La direzione più importante nella polmonite cronica è il ripristino della funzione di drenaggio dei bronchi (farmaci espettoranti, broncodilatatori, drenaggio posizionale, risanamento fibronoscopico, massaggio toracico classico e segmentale). Vedi i dettagli in "Trattamento della bronchite cronica".
  2. Immensamente importante nel trattamento della polmonite cronica sono la terapia immunocorrettiva (dopo aver studiato lo stato immunitario) e l'aumento della reattività generale e delle reazioni protettive non specifiche del corpo (vedere "Trattamento della polmonite acuta"). È estremamente importante condurre ogni anno un trattamento spa.
  3. Molta attenzione dovrebbe essere prestata alla riabilitazione della cavità orale, alla lotta contro l'infezione rinofaringea.
  4. In assenza di controindicazioni, la fisioterapia focalizzata su un processo infiammatorio locale (terapia SMW, induttologia, terapia UHF e altri metodi di fisioterapia) deve necessariamente essere presente nel programma di trattamento. Anche l'irradiazione con raggi ultravioletti e laser del sangue dovrebbe essere ampiamente utilizzata.
  5. Con frequenti recidive di polmonite cronica nelle persone giovani e di mezza età e una forma bronchiectatica della malattia chiaramente localizzata, la questione del trattamento chirurgico (resezione polmonare) dovrebbe essere risolta.

Prevenzione della polmonite cronica

  • stile di vita sano, attività fisica;
  • esordio precoce e trattamento adeguato della polmonite acuta; trattamento efficace della bronchite acuta e cronica; trattamento tempestivo ed efficace dei focolai rinofaringei
  • infezione cronica; igiene orale approfondita;
  • esame clinico corretto e tempestivo dei pazienti con polmonite acuta;
  • eliminazione dei rischi e dei fattori professionali che causano irritazione e danni alle vie respiratorie;
  • smettere di fumare.

Le stesse misure sono anche la prevenzione delle recidive delle esacerbazioni della polmonite cronica. Inoltre, sono raccomandati corsi anti-recidive (la cosiddetta profilassi anti-recidiva durante il follow-up).

L. N. Tsarkova identifica 4 gruppi di pazienti con polmonite cronica soggetti alla registrazione dispensativa, a seconda del grado di compensazione del processo infiammatorio nella fase di remissione, della capacità di lavoro del paziente e della presenza di complicanze.

  1. Il primo gruppo comprende pazienti con polmonite cronica, che nella fase di remissione possono essere considerati praticamente sani e la cui capacità lavorativa è pienamente preservata. I pazienti sono osservati 2 volte all'anno.
  2. Il secondo gruppo comprende pazienti con una tosse rara (secca o con una piccola quantità di espettorato), e in particolare - una sindrome vegetativa, pur preservando la capacità di lavorare. I pazienti sono osservati 2 volte all'anno.
  3. Il terzo gruppo comprende pazienti con tosse persistente, sindrome astuta vegetativa grave e ridotta capacità lavorativa (invalidità di gruppo III). I pazienti sono osservati 4 volte all'anno.
  4. Il quarto gruppo è costituito da pazienti con tosse persistente, con un gran numero di espettorato, febbre bassa, remissioni brevi, complicazioni della malattia, con una diminuzione della capacità lavorativa (invalidità del II gruppo). I pazienti sono osservati 4 volte all'anno.

L'osservazione dell'erogazione viene effettuata da un pneumologo, un terapeuta distrettuale. Metodi di esame raccomandati: radiografia dei polmoni (fluorografia a grande fotogramma), spirografia, pneumotacometria, ECG, emocromo completo, espettorato, urina, esame allergico in presenza di manifestazioni allergiche.

Complesso anti-recidiva per pazienti con polmonite cronica comprende le seguenti attività:

  • il primo gruppo - esercizi di respirazione, massaggio, terapia multivitaminica, adaptogens; in pazienti con frequenti recidive, immunomodulatori (N. R. Paleev, 1985); riabilitazione del rinofaringe; Cassa UFO, galvanizzazione;
  • il secondo e il terzo gruppo sono le stesse misure del primo gruppo, ma, in aggiunta, misure per migliorare la funzione di drenaggio dei bronchi (drenaggio posizionale, lavaggio intratracheale, inalazione di aerosol bronchodilator durante lo sviluppo della sindrome bronco-ostruttiva, mucolitici, espettorante);
  • il quarto gruppo - tutte le misure di cui sopra, ma, in aggiunta, mezzi per prevenire la progressione di complicanze già presenti nel paziente (bronchite ostruttiva, distrofia miocardica, amiloidosi, ecc.): terapia metabolica, calcio antagonisti, broncodilatatori, ecc.

Una misura importante di prevenzione anti-recidiva è il trattamento sanatorio annuale-resort in tutti i gruppi di pazienti.

Gli indicatori dell'efficacia dell'esame clinico sono: una diminuzione della frequenza delle esacerbazioni del processo infiammatorio e il periodo di disabilità temporanea, stabilizzazione del processo.

trusted-source[84], [85], [86], [87], [88]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.