^

Salute

A
A
A

Ulcere trofiche

 
, Editor medico
Ultima recensione: 24.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'ulcera trofica (ulcera) è un difetto della pelle o della mucosa, che è caratterizzato da un decorso cronico senza tendenza alla guarigione spontanea o ricorrenti recidive. Tra le numerose malattie purulento-necrotiche degli arti inferiori, le ulcere trofiche occupano una posizione speciale a causa della loro ampia diffusione e complessità di trattamento. "Le ulcere dello stinco rappresentano una vera croce di chirurghi a causa della loro enorme persistenza e difficoltà nella guarigione", ha scritto l'SI. Spasokukotsky all'inizio del secolo scorso. Tuttavia, fino ad oggi questo problema non ha perso la sua rilevanza.

In Europa e Nord America, solo le ulcere venose degli arti inferiori soffrono almeno dallo 0,8 al 1,5% della popolazione e nella fascia di età superiore ai 65 anni la frequenza raggiunge il 3,6%. I costi associati al trattamento delle ulcere sono l'1-2% del budget sanitario di questi stati. Il decorso persistente e prolungato della malattia, lo sviluppo di complicanze spesso porta alla disabilità. La disabilità è stabilita nel 10-67% dei pazienti con ulcere degli arti inferiori.

Sulla formazione di ulcere dovrebbe essere detto nel caso in cui il difetto della pelle non guarisce per sei settimane o più. La patogenesi della formazione della maggior parte delle ulcere non è stata studiata abbastanza, anche se molto è già stato appreso. Una delle unità principali considerano suoi disturbi circolatori di tessuti a seguito delle seguenti ragioni: la riduzione del flusso di sangue e la consegna di ossigeno, manovra di sangue, disturbi del drenaggio venoso e linfatico, disturbi metabolici e metaboliche, infettive, processi autoimmuni, e altri.

Le ulcere trofiche in più del 95% dei casi si trovano sugli arti inferiori. La loro comparsa sugli arti superiori, sul tronco e sulla testa avviene molto meno spesso e solitamente non è associata ad alcuna malattia vascolare. L'ulcera trofica della pelle non è una condizione patologica indipendente, ma una complicazione di varie (più di 300) malattie e sindromi. La causa di ulcera può essere una varietà di congenita o malattia vascolare acquisita, gli effetti dei traumi, infezioni, malattie sistemiche, e di altri fattori, che sono spesso molto difficile da organizzare a causa del gran numero di malattie e condizioni che portano allo sviluppo dell'ulcera. Di seguito è riportata una classificazione delle principali malattie nella sindrome delle ulcere della pelle.

Che cosa causa le ulcere trofiche?

La causa più comune è l'insufficienza varicosa, seguita da insufficienza arteriosa, neuropatia, diabete mellito. I fattori di rischio sono uno stile di vita sedentario, trauma, esaurimento.

Ulcere trofiche varicose si verificano dopo trombosi venosa profonda, insufficienza delle valvole delle vene superficiali o perforanti. Con l'ipertensione venosa, i capillari diventano convoluti, la loro permeabilità alle grandi molecole aumenta e la fibrina si deposita nello spazio perivascolare. Per questo motivo, la diffusione dell'ossigeno e dei nutrienti è disturbata, il che contribuisce all'ischemia e alla necrosi. Lesioni minori (lividi e graffi) e dermatiti da contatto provocano la formazione di ulcere.

Ulcere neurotrofiche (piede diabetico) si verificano a seguito di ischemia in combinazione con la neuropatia sensoriale. A causa della distribuzione anormale della pressione sul piede, il midollo osseo si forma sulle protuberanze ossee, che successivamente si ulcerano e si infettano rapidamente.

Inoltre, il fattore ereditario è di grande importanza. Di norma, la metà dei pazienti con ulcere trofiche delle gambe soffre anche di parenti stretti. È possibile che la debolezza del tessuto connettivo e le valvole delle valvole venose da essa formate siano ereditate.

Ulcere trofiche miste

Ulcere trofiche miste - il risultato dell'influenza di diversi fattori eziologici sul processo di ulcerazione. Rappresentano non meno del 15% di tutti i difetti ulcerativi degli arti inferiori. Le varianti più comuni che combinano la patologia delle arterie e vene, arterie e neuropatia diabetica, la patologia delle vene e grave insufficienza circolatoria.

Quando diagnostichi ulcere miste, prima di tutto, è necessario determinare il ruolo di ciascuno dei fattori eziologici, per identificare la patologia prioritaria. Il trattamento deve essere finalizzato a correggere tutti i legami patogenetici che formano l'ulcera della pelle. In presenza di patologia arteriosa, il rilevamento del grado di insufficienza arteriosa è considerato il fattore decisivo nella determinazione delle tattiche chirurgiche, in considerazione del reale o potenziale pericolo di perdita degli arti.

Con insufficienza cardiaca congestizia, ulcere trofiche di solito si sviluppano su entrambe le estremità, sono numerose, estese, abbondantemente trasudanti. Questo tipo di ulcere cutanee di solito colpisce pazienti anziani e senili. Le reali prospettive di guarigione di tali ulcere possono essere valutate solo dopo aver compensato l'insufficienza circolatoria ed eliminato l'edema. In considerazione della presenza di una vasta quantità di lesioni dei tessuti degli arti che si sviluppano in uno scenario di grave insufficienza circolatoria combinata con insufficienza venosa cronica o insufficienza arteriosa, le prospettive di guarigione di tali ulcere sono estremamente ridotte. Nella maggior parte dei casi, il successo dovrebbe essere considerato l'eliminazione del processo infiammatorio, una diminuzione dell'essudazione, la transizione del processo della ferita allo stadio II e l'eliminazione della sindrome del dolore.

Di particolare rilevanza sono le ulcere trofiche miste di eziologia venosa arteriosa, che vengono identificate più spesso. Presentano alcune difficoltà per la diagnosi e il trattamento.

Ulcera trofica ipertensiva-ischemica

L'ulcera trofica ipertensiva-ischemica (Martorel) non rappresenta più del 2% di tutte le lesioni ulcerative necrotiche degli arti inferiori. Si verifica in pazienti con forme gravi di ipertensione arteriosa a seguito di ialinosi di piccoli tronchi arteriosi nella pelle degli arti inferiori. L'ulcerazione di questa eziologia viene solitamente rilevata in donne di età compresa tra 50 e 60 anni.

L'ipertensione prolungata porta alla sconfitta delle arteriole, a seguito della quale il flusso sanguigno in quest'area della pelle si indebolisce. Con violazioni della microcircolazione del sangue, un'aumentata permeabilità della membrana vascolare, la formazione di microtrombosi locale, con conseguente formazione di necrosi dei tessuti molli. L'ulcera trofica si trova di solito sulla superficie esterna o posteriore della tibia. Spesso, si verifica nelle aree simmetriche degli stinchi. Le ulcere sono caratterizzate da un forte dolore nel riposo e nella palpazione. L'ulcerazione inizia con la formazione di papule viola o placche, che poi si trasformano in bolle emorragiche. Gli elementi primari della pelle si asciugano e si trasformano in una crosta necrotica secca, che coinvolge la pelle e gli strati superiori del tessuto sottocutaneo nel processo patologico. L'infiammazione perifocale di solito non è espressa.

Con l'ulcera trofica Martorel disturbi emodinamicamente significativi del flusso sanguigno arterioso principale, reflusso venoso venoso patologico, determinato clinicamente, con ecografia Doppler e duplex angioscanning, no. Per stabilire la diagnosi corretta è necessario escludere tutte le altre cause che possono portare allo sviluppo della tibia dell'ulcera (diabete, Malattia di Buerger e aterosclerosi, insufficienza venosa cronica, etc.), con l'eccezione di ipertensione.

L'ulcera trofica di Martorel è caratterizzata dalla durata del decorso della fase I del processo della ferita, dalla sua resistenza a vari metodi e mezzi di terapia locale e generale. Il trattamento non è molto promettente senza stabilizzazione stabile della PA. Nella terapia locale, in presenza di croste necrotiche secche, sono preferite le medicazioni idrogel. Con ampie ulcere trofiche, che si trovano nell'II stadio del processo della ferita, viene presa in considerazione la possibilità di eseguire l'autodermoplastica.

Ulcere trofiche piogeniche

Le ulcere trofiche piogeniche si verificano sullo sfondo di malattie dei tessuti molli purulente non specifiche (piodermite, ferite infette, ecc.) In pazienti appartenenti a gruppi della popolazione socialmente svantaggiati. Questo tipo di ulcere può essere attribuito e difetti della pelle a guarigione a lungo termine che sono sorti dopo una complicata complicanza di segale, carbonchio, ascesso e flemmone. Nella sua versione classica, le ulcere trofiche piogeniche sono molteplici focolai purulenti superficiali che hanno una forma arrotondata e sono coperti da un rivestimento purulento spesso con una risposta infiammatoria perifocale pronunciata. Un importante criterio diagnostico è considerato una sindrome di reazione infiammatoria sistemica in assenza di segni di sconfitta dei sistemi vascolari dell'arto e altre cause di formazione di ulcera. Lo sviluppo di ulcere trofiche di solito causa cocchi Gram-positivi Staphylococcus aureus, Streptococcus spp., Molto meno spesso - Pseudomonas aeruginosa e altre barre gram-negative.

Le ulcere trofiche piogeniche di solito durano a lungo, persistentemente. Principali metodi di trattamento - trattamento di purulenta focolare chirurgica terapia antibatterica (protetto penicilline semisintetiche (amoxiclav 625 mg 2 volte al giorno), cefalosporine generazione II-III et al.), la terapia riparatoria e locale. Nella formazione di estesi difetti della pelle, la pelle è plastificata.

Ulcere trofiche post-traumatiche

Le ulcere trofiche post-traumatiche sono un gruppo piuttosto eterogeneo di difetti cutanei cronici che si verificano dopo l'intervento chirurgico, varie lesioni meccaniche, termiche, radiazioni e altre lesioni cutanee. Negli ultimi anni, l'incidenza di ulcere post-iniezione degli arti nei pazienti con tossicodipendenza è aumentata. E 'necessario distinguere tra le piaghe causate dopo una piuttosto forte impatto di agente traumatico, provocare gravi disturbi di microcircolazione locale, da ulcere che si sono sviluppate dopo un infortunio sullo sfondo di venoso, arterioso, e di altre malattie neurologiche.

Il principale metodo di trattamento delle ulcere post-traumatiche è l'escissione del tessuto cicatriziale e dei tessuti trofici con placcatura dei difetti della pelle. Per chiudere la maggior parte dei difetti utilizzare la plastica con tessuti locali, metodi combinati. Se necessario, la chiusura delle ulcere sulle superfici di supporto dell'arto, le articolazioni, e nel caso di ulcere radiazione utilizzano polnosloynymi innesti vascolarizzati plastica, che vengono utilizzati dosati tessuti trazione pelle rotante e lembi fasciali, dermepenthesis italiano, Filatov gambo lembi liberi trapianto in microvascolare anastomosi.

Ulcere trofiche sullo sfondo di neoplasie maligne

Ulcere trofiche sullo sfondo di neoplasie maligne si trovano in circa l'1-1,5% dei casi. Nascono dalla dissoluzione e l'ulcerazione dei tumori della pelle (melanoma, carcinoma a cellule basali, ecc.), Tumore maligno dei tessuti molli e dell'osso (adenocarcinoma mammario, fibrosarcoma, rabdomisarkomy, osteosarcoma, ecc), metastasi di diversi tumori della pelle e linfonodi sottocutanei. Un certo numero di pazienti con tumori degli organi interni e la leucemia ulcere trofiche sviluppano a seguito di vasculite necrotizzante, che è considerata una delle manifestazioni più suggestive della sindrome paraneoplastica.

Tali ulcere trofiche hanno bordi irregolari e indeboliti, il fondo è profondo, simile a un cratere, infiltrato, pieno di necrosi, abbondante fetido staccabile. Per verificare la diagnosi, viene eseguito un esame istologico dei campioni bioptici prelevati dai bordi. Il trattamento di tali pazienti è principalmente effettuato da oncologi e dermatologi.

I metodi di trattamento per questo vasto ed eterogeneo gruppo dipendono dallo stadio della malattia maligna. In assenza di metastasi a distanza, ampia escissione del tessuto interessato con chirurgia plastica cutanea del difetto della ferita o amputazione (exarticulation) dell'arto, linfadenectomia regionale. In caso di complicazioni sotto forma di sanguinamento, disintegrazione del tumore accompagnata da intossicazione, interventi palliativi sotto forma di rimozione parziale o completa del tumore, amputazione degli arti, semplice mastectomia sono possibili. Questi interventi consentono ai pazienti di prolungare la propria vita e migliorare la qualità della vita.

La prognosi del recupero dipende dallo stadio del processo oncologico ed è associata alla possibilità di eseguire un intervento radicale. Poiché nella maggior parte dei casi le ulcerazioni cutanee nelle malattie maligne sono un segno della fase tardiva della malattia, la prognosi è per lo più sfavorevole non solo per la guarigione dell'ulcera trofica, ma anche per la durata e la qualità della vita.

Ulcere trofiche sullo sfondo delle malattie sistemiche del tessuto connettivo

Le ulcere trofiche sullo sfondo delle malattie sistemiche del tessuto connettivo di solito non hanno segni specifici. Per il riconoscimento della natura, la diagnosi della malattia di base è di grande importanza. L'esame mirato di pazienti deve essere effettuato durante le ulcere atipici prolungate alcuna tendenza alla rigenerazione, e in caso di sindromi, che indica una lesione autoimmune sistemica di organi e tessuti (poliartrite, polisierosite, rene, cuore, polmoni, degli occhi e altri.). Ulcere trofiche si verificano sullo sfondo della sindrome della pelle, in una certa misura presente nei pazienti con collagenosi. Un difetto della pelle si verifica a seguito di vasculite necrotica. La maggior parte delle ulcere trofiche sorprendenti degli arti inferiori (gambe, piedi), ma è possibile e la localizzazione atipica (cosce, glutei, tronco, arti superiori, testa, mucosa orale).

Ulcere trofiche sullo sfondo di altre malattie

Alcune caratteristiche cliniche hanno ulcere trofiche che si sono formate sullo sfondo della pioderma gangrenosa. Più spesso si verificano in pazienti con malattia di Crohn, colite ulcerosa. Circa il 10% di questi pazienti ha una pioderma gangrenosa - una delle manifestazioni extraintestinali più gravi. Per tali ulcere è caratterizzata dalla presenza di molteplici difetti cutanei purulento-necrotici fortemente dolorosi, che aumentano gradualmente di dimensioni. I bordi dell'ulcera trofica hanno bordi edentuli cianotici e un anello di iperemia. Ulcere trofiche localizzate principalmente su piedi e gambe.

Nel 30% dei pazienti è possibile la formazione di difetti ulcerativi su glutei, tronco, arti superiori.

Le ulcere trofiche si distinguono per il flusso persistente di lupus eritematoso. Con una fase I prolungata del processo della ferita. Le possibilità del rigeneratore sono nettamente ridotte, che è connessa sia al decorso della malattia di base, sia alla terapia standard (ormoni corticosteroidi, citostatici, ecc.). Con la stabilizzazione delle condizioni del paziente con il raggiungimento di una remissione stabile, l'autodermoplastica non solo accelera significativamente la guarigione di ampi difetti ulcerativi, ma rende anche possibile questa guarigione. Nei pazienti con una natura progressiva della malattia di base, la prospettiva della loro chiusura è estremamente bassa.

Le ulcere trofiche sullo sfondo di altre malattie più rare sono rilevate in non più dell'1% dei casi, ma causano le maggiori difficoltà nella diagnosi.

La diagnosi di loro richiede uno studio attento di anamnesi, il riconoscimento della malattia sottostante. Un esame speciale deve essere effettuato con un'ulcerazione atipica o progressiva prolungata senza tendenza a rigenerarsi. In casi dubbi vengono mostrati metodi di ricerca biochimici, sierologici, immunologici, istologici e di altro tipo che consentono di rivelare la natura della malattia di base.

I sintomi delle ulcere trofiche

L'ulcera trofica varicosa più comune. Sullo sfondo della compattazione e del rigonfiamento dei tessuti, si formano profili profondi e superficiali, arrotondati, ovali o policiclici, di dimensioni comprese tra 2-3 e 5-10 cm e oltre. I bordi delle ulcere sono irregolari, non tagliati. Sono spesso localizzati nel terzo inferiore o sulla superficie anterolaterale della tibia. Le ulcere trofiche differiscono dalla corrente torpida, piuttosto spesso c'è un'infezione secondaria (erisipela o flemmone). Il fondo è coperto da secrezioni sierose e purulente, granulazioni lente accompagnate da dolore.

Le ulcere trofiche ischemiche presentano bordi ripidi e chiaramente definiti, il loro fondo è solitamente coperto da una crosta, sotto cui si possono osservare i tendini. Magra separata Altri segni di ischemia: mancanza di pelo sul piede e stinco, pelle lucida atrofizzata: non vi è iperpigmentazione, né sclerosi della pelle e del tessuto sottocutaneo. Il fondo è asciutto - grigio o nero. Quando si nota palpazione, dolore e assenza o perdita di polso su arterie periferiche. Le ulcere trofiche si trovano spesso sopra le caviglie e le protuberanze ossee, sulle dita dei piedi.

Con le ulcere neurotrofiche, la pelle del piede è secca, calda, non c'è sensibilità e l'impulso sulle arterie è preservato. Le ulcere trofiche sono profonde, spesso con bordi omozolemici, c'è edema causato da danni ai nervi simpatici e vasodilatazione costante. Il fondo è asciutto - grigio o nero. Quando la palpazione, prima sui pollici e poi sui piedi, la sensibilità si perde. Più tardi il riflesso di Achille e la sensibilità propriocettiva scompaiono. Le ulcere trofiche sono localizzate su aree, piedi, talloni e pollici spesso traumatizzati e deformabili.

Cosa ti infastidisce?

Classificazione delle lesioni cutanee ulcerose-erosive per eziologia

I. Ulcera trofica causata da insufficienza venosa cronica sullo sfondo di:

  • malattia post tromboflebitica;
  • vene varicose;
  • angiodisplasia venosa congenita, sindrome di Klippel-Trenone.

II. Ulcera trofica causata da malattie delle arterie degli arti inferiori (ulcera trofica ischemica):

  • sullo sfondo delle macroangiopatie:
  • aterosclerosi obliterante dei vasi degli arti inferiori;
  • tromboangiite obliterante (malattia Buerger-Vinivarter),
  • occlusione postembolica delle arterie degli arti inferiori.
  • ulcera trofica su uno sfondo di microangiopatie:
  • ulcera trofica diabetica;
  • ulcera trofica ipertensiva-ischemica (sindrome di Martorel).

III. Ulcera trofica causata da fistole artero-venose:

  • congenita (sindrome di Parkes Weber);
  • ulcera trofica post-traumatica.

IV. Ulcera trofica sullo sfondo del deflusso linfatico:

  • linfedema primario (malattia di Milroy, ecc.);
  • linfedema secondario (dopo la faccia trasferita, interventi chirurgici, radioterapia, ecc.);
  • linfedema sullo sfondo della filariosi, ecc.

V. Ulcera trofica posttraumatica:

  • dopo danni chimici, termici e lesioni elettriche;
  • a causa di ferite meccaniche e da arma da fuoco di tessuti molli;
  • a causa di morsi di uomini, animali e insetti;
  • osteomielite;
  • dekubitalnye;
  • ceppi di amputazione del piede, dello stinco, della coscia;
  • cicatrici postoperatorie (ulcere cicatriziali e trofiche);
  • postinaektsionnыe;
  • ray.

VI. neurotrofico yazvya:

  • a causa di malattie e lesioni del cervello e del midollo spinale;
  • Il danno causato dai tronchi dei nervi periferici;
  • sullo sfondo di malattie infettive, congenite, tossiche, diabetiche e di altre polineuropatie.

VII. Ulcera trofica che si manifesta sullo sfondo di malattie comuni:

  • malattie sistemiche del tessuto connettivo (tessuto connettivo) e simili a loro di malattie e sindromi (artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, dermatomiosite, sclerodermia, poliartrite nodosa, malattia di Raynaud, granulomatosi di Wegener, la malattia di Crohn, sindrome anti-fosfolipidi, crioglobulinemia, pioderma gangrenoso e altri. );
  • malattie croniche del sistema cardiovascolare (cardiopatia ischemica, cardiopatie, cardiopatie, ecc.), con grave insufficienza circolatoria;
  • malattie epatiche croniche, malattie renali;
  • grave anemia cronica e altre malattie del sangue (anemia falciforme, sferocitosi ereditaria, la talassemia, ecc);
  • endocrinopatia (ulcere "steroide", ecc.);
  • malattie metaboliche (gotta, amiloidosi, ecc.);
  • beriberi e esaurimento alimentare.

VIII. Ulcera trofica causata da malattie della pelle infettive, virali, micotiche e parassitarie:

  • tubercolare (eritema compattato Bazin, pelle tubercolosi kollikvativny skrofuloderma et al.), sifilitico, la lebbra, l'antrace, se la malattia di Lyme (borreliosi), sape, melioidosi, leishmaniosi cutanea (leishmaniosi), nocardiosi, angiomatosis epitelioide (cat malattia scratch) e ecc.;
  • lesioni erosivo-ulcerative di herpes simplex o varicella zoster,
  • micotico (fungo);
  • piogenico, sviluppato in connessione con malattie infettive non specifiche della pelle e del tessuto sottocutaneo (flemmone, erisipela, piodermite, ecc.).

IX. Ulcere trofiche, che si verificano sullo sfondo di neoplasie:

  • lesioni cutanee benigne (papillomi, nevi, fibromi, ecc.);
  • tumori maligni della cute e dei tessuti molli (sarcoma di Kaposi, e altri sarcomi, melanomi, carcinoma delle cellule basali e altri.);
  • malattie del sangue - vasculiti necrotizzanti (emorragica vasculite, emorragica Henoch-Schönlein, leucemie, micosi fungoide, agranulocitosi et al.);
  • neoplasie maligne di organi interni;
  • decadimento di tumori maligni (ad esempio, carcinoma mammario, ecc.) e metastasi a livello della cute e dei linfonodi sottocutanei.

X. Trofico ulcera, erosive lesioni ulcerative della pelle, derivante durante malattie acute e croniche della pelle - eczema, dermatiti, psoriasi, dermatosi cistica et al.

XI. Ulcera trofica artificiale sulla base di automutilazione, patologia, introduzione di corpi estranei, iniezioni di stupefacenti e altre sostanze, ecc.

XII. Ulcera trofica mista, che combina diverse cause.

XIII. Ulcera trofica cronica di un'altra eziologia difficile da classificare.

trusted-source[1], [2], [3]

Complicazioni di ulcere trofiche

L'esistenza prolungata di un difetto ulcerativo porta spesso a varie complicanze, che sono considerate la principale causa di ospedalizzazione di emergenza di una percentuale significativa di pazienti. Le principali complicazioni includono:

  • dermatite, eczema, cellulite, piodermite;
  • erisipela, flemmone, infezione anaerobica;
  • tendinite, periostite, contatto con l'osteomielite;
  • tromboflebite; linfangite, linfadenite regionale, linfedema secondario;
  • artrite, artrosi;
  • stolbnяk;
  • sanguinamento;
  • malignizaciю;
  • infezione delle larve di insetti (ferita miase).

Quando il trattamento inadeguato locale di ulcere con farmaci a base di unguento, nonché igiene insufficiente periultseroznye possibili complicanze quali dermatite, eczema, pioderma e cellulite. In questa infiammazione acuta sulla circonferenza della pelle appare iperemia diffusa, infiltrazione, moknutie con lo sviluppo di erosioni, pustole. In questa fase deve essere eliminata dalle medicazioni precedentemente applicati e spostare le medicazioni wet-essiccazione con antisettici, iodofori (yodopiron, povidone-iodio, ecc) o multistrato fasciatura assorbente. Cambiare le medicazioni dovrebbe essere fatto 1-2 volte al giorno. In pelle infiammata (ma non all'ulcera!) Applicato unguento glucocorticoidi, crema, pasta o poltiglia contenente salicilati (ossido di zinco, zinco pasta salitsilovo-) [lozione o pomata (Diprosalik, belosalik et al.)]. Le complicanze infiammatorie cutanee più comuni si verificano in pazienti con ulcere trofiche venose localizzate nella fase I del processo della ferita.

Varie forme di facce e le sue complicanze, e linfangite bubonadenitis - il più tipico per i pazienti con ulcere trofiche venose e servono spesso come un'indicazione per il ricovero di pazienti. Per le facce l'acuta che inizia con una predominanza dei primi stadi di sintomi di intossicazione, accompagnati da brividi, febbre alta, grave debolezza. Un po 'più tardi, ci sono cambiamenti caratteristici della forma di iperemia locale della pelle fuoriuscito con forma più o meno chiari confini irregolari. La pelle è infiltrata, idropici, caldo al tatto, aumenta dolorose sopra aree cutanee neporazhonnymi sotto forma di un rullo. Sullo sfondo dell'eritema eritema, possono esserci bolle di superficie di scarico con essudato sieroso. Quando una corrente pesante occorrenza nota di emorragia da piccole e grandi dimensioni emorragie petecchie per formare scarico bolle riempite essudato sieroematica sviluppa trunkulyarny linfangite bacchetta-coscia, bubonadenitis. I principali metodi di trattamento di tali complicanze è considerata terapia antibatterica (penicilline semisintetiche, cefalosporine, ecc), Un'adeguata terapia topica e fisioterapia (UVR). Le recidive dell'erisipela portano alla limepodemia dell'arto. Per evitare il ripetersi volti hanno bisogno di guarigione dell'ulcera (infezione vorotama ingresso) e di assegnazione mensile deposito penicilline sintetiche (ekstentsellin retarpen o 2,4 milioni di unità).

In presenza di difetti ulcerativi profondi e scarsamente drenati, si sviluppa spesso una complicanza così grave come il flemmone. La malattia è accompagnata dallo sviluppo o significativo aumento della sindrome del dolore, la comparsa di edema pronunciato e iperemia diffusa, dolore acuto alla palpazione e talvolta fluttuazioni dei tessuti molli. Vi sono sintomi di grave intossicazione con febbre febbrile, alta leucocitosi e neutrofilia. Phlegmon viene diagnosticato più spesso in pazienti con lesioni diabetiche e osteomielitiche. Con lo sviluppo di flemmone, è indicato un trattamento chirurgico urgente di un focus purulento, l'appuntamento con la terapia antibatterica e di disintossicazione per infusione.

Le infezioni anaerobiche clostridiali e nonclostridiali sono considerate la complicanza più grave. Il più delle volte, si verifica sullo sfondo dell'ischemia degli arti, cura inadeguata del difetto ulcerativo, applicazione locale di unguenti su base grassa (pomata Vishnevsky, ecc.). L'infezione si sviluppa rapidamente, richiede aree degli arti significative con lo sviluppo di dermatocellulite necrotizzante, fascite e miosite, accompagnata da una pronunciata reazione infiammatoria sistemica e grave sepsi. Diagnosi ritardata e ospedalizzazione tardiva portano a frequenti perdite di arti e ad alta mortalità, raggiungendo il 50%.

Nelle condizioni ulcera lungo processo distruttivo esistenti può estendersi a strati più profondi del tessuto molle con lo sviluppo di tendinite, periostite, contatto osteomielite, artrite purulento, complicando notevolmente la possibilità di ferite croniche di auto-guarigione.

Il sanguinamento si verifica spesso in pazienti con insufficienza venosa cronica a seguito dell'erosione dell'arteria sarcoide localizzata lungo i bordi o sul fondo di un'ulcera trofica. Il sanguinamento ricorrente si verifica spesso in pazienti con ulcere trofiche maligne o nei confronti di neoplasie maligne della pelle e dei tessuti molli. La perdita di sangue può essere significativa, fino allo sviluppo di shock emorragico. Quando un arsenico è abbastanza grande e con un'emorragia attiva, è necessario infiammare l'area di sanguinamento o legare il vaso per tutto il tempo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, per un'adeguata emostasi, è sufficiente applicare una benda di pressione con una spugna emostatica, una benda elastica e una posizione elevata dell'arto. Possibile emostasi con terapia di flebosclerosi.

La malignità è nota nell'1,6-3,5% dei casi.

Fattori predisponenti per malignità sono esistenza a lungo termine delle ulcere trofiche (solitamente 15-20 anni), recidive frequenti, terapia inadeguata utilizzando pomate contenenti sostanze irritanti (unguenti Wisniewski, ihtiolovaya et al.), e la superficie dell'ulcera irradiazione laser ultravioletto. Tumore è sospettata in assenza di dinamica positiva di guarigione, con rapida progressione, la comparsa di eccesso, sovrasta sezioni di tessuto avvolte verifica foci di distruzione del tessuto putrida con l'avvento di necrosi, fetida, aumentato sanguinamento. Verificare la diagnosi eseguendo una biopsia di varie aree sospette dei bordi e del fondo.

Molti esperti non considerano la miass della ferita come una complicanza, inoltre le larve di insetti sono utilizzate specialmente per eseguire la necrectomia di ulcere fortemente contaminate. Questo metodo è chiamato biochirurgia. Tuttavia, non vale la pena considerare questo metodo come una seria alternativa a metodi più moderni, efficaci ed economici per la pulizia delle ulcere.

trusted-source[4], [5], [6], [7]

Come riconoscere le ulcere trofiche?

L'ulcera trofica è una delle complicanze più gravi della malattia di base, contro cui si sviluppano. Il punto fondamentale della diagnosi è la definizione di eziologia, che rende possibile condurre un'adeguata terapia etiotropica o patogenetica.

Nella maggior parte dei casi, la caratteristica sintomatologia clinica ci consente di stabilire la vera causa dell'educazione al primo esame del paziente. La diagnosi si basa su informazioni anamnestiche, i risultati dell'esame del paziente e l'area dei cambiamenti della pelle, i dati dei metodi strumentali e di laboratorio di indagine. Quando viene fatta la diagnosi, vengono presi in considerazione i segni clinici e le caratteristiche della lesione locale che sono caratteristici di questa o quella patologia. Così, il rilevamento delle ulcere nella zona del malleolo mediale, seguita da iperpigmentazione e indurimento della cute circostante, la sindrome varicosa, sono più propensi a dire circa lo sviluppo di ulcere trofiche in caso di insufficienza venosa cronica. Il verificarsi di ulcere sulla superficie plantare del piede in un paziente con disturbi della sensibilità della pelle può ragionevolmente sospettare la genesi delle ulcere neurotrofici. In un certo numero di casi, specialmente con un decorso atipico delle lesioni ulcerative, oltre a chiarire la natura della malattia sottostante, sono necessari metodi diagnostici strumentali e di laboratorio. Quando le lesioni dei principali metodi diagnostici vascolari (venose e arteriose) trovano Doppler duplex scansione e al osteomyelitic - neoplasie radiografia delle ossa pobuslovlennyh - tecniche citologici ed istologici.

Non meno importante è la valutazione del difetto ulcerativo stesso con i dettagli della sua localizzazione, dimensione, profondità, stadio del processo della ferita e altri parametri che possono essere specifici per la malattia di base, riflettere la dinamica e l'efficacia del trattamento. Per questo, viene utilizzata una valutazione visiva delle ulcere e dei tessuti circostanti con una descrizione di tutti i cambiamenti disponibili, i metodi planimetrici, la fotografia e la fotometria digitale.

La dimensione dell'ulcera, la profondità del difetto, la sua posizione, il volume e la gravità delle alterazioni microcircolatorie nei tessuti circostanti, lo sviluppo dell'infezione sono fattori importanti nel determinare la gravità della malattia e la sua prognosi. La profondità e l'area delle ulcere della pelle possono essere diverse. A seconda della profondità della distruzione del tessuto associata al processo ulcerativo, distinguere:

  • I grado - ulcera superficiale (erosione) all'interno del derma;
  • II grado: un'ulcera che raggiunge il tessuto sottocutaneo;
  • III grado: un'ulcera che penetra fino alla fascia o si estende alle strutture sottofasciali (muscoli, tendini, legamenti, ossa) che penetra nella cavità della busta articolare, degli organi articolari o interni.

A seconda delle dimensioni distinguere:

  • piccola ulcera trofica, fino a 5 cm2;
  • media - da 5 a 20 cm2;
  • una grande ulcera trofica - da 20 a 50 cm2;
  • vasto (gigantesco) - oltre 50 cm2.

Le prospettive per la guarigione del difetto ulcerativo dipendono in gran parte dalla gravità dei disturbi del flusso sanguigno nella pelle situata intorno all'ulcera. In alcune situazioni, anche quando vengono eliminate le cause alla radice che portano alla formazione di ulcere, si sviluppano disordini irreversibili del microcircolo nei tessuti circostanti, che non lasciano spazio all'autoguarigione del difetto cutaneo. I principali metodi per diagnosticare i disturbi del microcircolo sono la misurazione della tensione transcutanea dell'ossigeno, la flussometria laser Doppler e la termometria.

Tutti i difetti ulcerativi sono infetti. Nel caso delle ulcere piogeniche, il fattore infettivo è la principale causa della malattia. Nella prima fase del processo della ferita, la valutazione dinamica del fattore infiammatorio infiammatorio è estremamente importante per la rilevazione di patogeni batterici o fungini e la selezione della terapia antibiotica mirata. Per fare questo, viene eseguita la microscopia dello striscio, consentendo in breve tempo di determinare la composizione della microflora e il suo numero, la sensibilità agli antibiotici. Se si sospetta una malignità dell'ulcera o della sua natura maligna, viene effettuato un esame istologico dei campioni bioptici prelevati dalle aree sospette dei margini e del fondo dell'ulcera. Altri metodi diagnostici sono utilizzati in base a indicazioni o in caso di rilevamento di rare cause di ulcerazione, che richiedono l'uso di metodi diagnostici aggiuntivi.

La costruzione di una diagnosi clinica con ulcera trofica dovrebbe riflettere le caratteristiche del decorso della malattia di base, le sue complicanze secondo la classificazione internazionale delle malattie. Ad esempio, malattia post tromboflebitica degli arti inferiori, forma ricanalizzata, insufficienza venosa cronica della classe VI, ulcera trofica estesa, dermatite della tibia sinistra; o arteriosclerosi obliterante degli arti inferiori, occlusione iliaco-femorale segmento destra, arteriosa cronica grado insufficienza IV, piede posteriore ulcera trofica; o diabete di tipo II, grave corso, passo scompenso, nefropatia diabetica, retinopatia, sindrome del piede diabetico, forma neuropatico, ulcera trofica plantare, cellulite del piede sinistro.

Diagnosi differenziale delle ulcere trofiche

Quando si esegue la diagnosi differenziale, si deve tenere presente che la maggior parte delle ulcere degli arti inferiori (80-95%) sono venose, arteriose, diabetiche o miste. Altre malattie dovrebbero essere sospettate solo dopo l'esclusione delle cause principali o in caso di inefficacia della terapia standard. Uno dei principali metodi diagnostici differenziali è la determinazione della pulsazione sulle arterie degli arti inferiori, che deve essere eseguita da tutti i pazienti con difetti ulcerativi.

Ulcere trofiche essere distinte da periarteritis nodosa, vasculite nodulare, neoplasie maligne (basali e cancro della pelle a cellule squamose, linfoma cutaneo), traumi, piaghe da decubito, pioderma gangrenoso e altri.

trusted-source[8], [9], [10], [11], [12]

Quali test sono necessari?

Chi contattare?

Trattamento delle ulcere trofiche

Il trattamento delle ulcere trofiche viene effettuato tenendo conto dei principi della terapia delle malattie della pelle. Per il trattamento delle ulcere varicose, è necessaria la terapia della malattia di base, la flebectomia o l'uso quotidiano di calze elastiche, per elevare la pressione venosa - la posizione elevata delle gambe. Ogni settimana imponi una benda di gelatina di zinco. È necessario trattare i fenomeni di dermatite, eczema in accordo con le manifestazioni del processo patologico-cutaneo, per rimuovere i tessuti necrotici. Quando i focolai infetti prescrivono antibiotici di una vasta gamma di azioni. Applicare il trapianto di pelle.

Per il trattamento di ulcere ischemiche, farmaci che migliorano il flusso sanguigno nelle arterie, trattano l'ipertensione arteriosa. Per una cura radicale viene utilizzata la chirurgia ricostruttiva sulle arterie.

Ulcere trofiche in un paziente con atrofia progressiva idiopatica della pelle.

Nel trattamento delle ulcere trofiche, si dovrebbe prestare particolare attenzione all'uso di vitamine, antistaminici, stimolanti biogenici. L'inclusione di phlogenzim (2 capsule 3 volte al giorno) aumenta significativamente l'efficacia del trattamento.

Con ulcere trofiche non cicatrizzanti a lungo termine, si raccomanda di prescrivere corticosteroidi a basse dosi (25-30 mg al giorno). Ampiamente utilizzato fisioterapia (laser a elio-neon, UFO, ionogalvanizatsiya zinco, fanghi locali, ecc), topica -. Mezzi per migliorare il trofismo dei tessuti (Solcoseryl, aktovegin et al.) Che promuovono le ulcere riepitelizzazione.

Il trattamento delle ulcere trofiche è un compito difficile, in alcuni casi con risultati scarsamente previsti. In un gran numero di osservazioni, rimangono resistenti ai moderni metodi di trattamento chirurgico e conservativo complesso. Questo è il motivo per cui la priorità dovrebbe essere considerata la diagnosi precoce della malattia di base e un'adeguata terapia preventiva per prevenire il passaggio della malattia a fasi trascurate, con conseguente formazione di un difetto ulcerativo.

Farmaci

È importante sapere!

Venose ulcere trofiche - il risultato di una lunga e complicata corso di insufficienza venosa cronica o varicosa sui precedenti malattie postthrombophlebitic sia (che è piuttosto raro) angiodisplasie venosi. Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.