^

Salute

A
A
A

Insulina nel siero

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I valori di riferimento (norma) della concentrazione di insulina sierica negli adulti sono 3-17 μED / ml (21,5-122 pmol / l).

L'insulina è un polipeptide la cui forma monomerica è costituita da due catene: A (di 21 amminoacidi) e B (di 30 amminoacidi). L'insulina è formata come prodotto della scissione proteolitica del precursore dell'insulina, chiamata proinsulina. In realtà, l'insulina si forma dopo l'uscita dalla cellula. La scissione della catena C (peptide C) dalla proinsulina avviene a livello della membrana citoplasmatica, in cui sono racchiuse le proteasi corrispondenti. L'insulina è necessaria per le cellule per trasportare glucosio, potassio e amminoacidi nel citoplasma. Ha un effetto inibitorio sulla glicogenolisi e sulla gluconeogenesi. Nell'insulina del tessuto adiposo migliora il trasporto del glucosio e intensifica la glicolisi, aumenta la velocità di sintesi degli acidi grassi e la loro esterificazione e inibisce la lipolisi. Con l'azione prolungata, l'insulina aumenta la sintesi degli enzimi e la sintesi del DNA, attiva la crescita.

Nel sangue, l'insulina riduce la concentrazione di glucosio e acidi grassi, oltre che (anche se in modo insignificante) di aminoacidi. L'insulina si scompone comparativamente rapidamente nel fegato sotto l'azione dell'enzima glutatione insulina transidrogenasi. L'emivita dell'insulina, somministrata per via endovenosa, è di 5-10 minuti.

La causa del diabete è l'insufficienza (assoluta o relativa) dell'insulina. Determinare la concentrazione di insulina nel sangue è necessaria per la differenziazione di varie forme di diabete mellito, la scelta di un farmaco terapeutico, la scelta della terapia ottimale e la determinazione del grado di insufficienza delle cellule beta. Nelle persone sane, quando si esegue PTGT, la concentrazione di insulina nel sangue raggiunge un massimo di 1 ora dopo aver assunto il glucosio e diminuisce dopo 2 ore.

La violazione della tolleranza al glucosio è caratterizzata da un rallentamento dell'aumento della concentrazione di insulina nel sangue rispetto all'incremento della glicemia nel processo di PTGT. L'aumento massimo dei livelli di insulina in questi pazienti è stato osservato dopo 1,5-2 ore dall'assunzione di glucosio. Il contenuto nel sangue di proinsulina, peptide C, glucagone nella gamma normale.

Diabete mellito di tipo 1. La concentrazione basale di insulina nel sangue è entro la norma o ridotta, osservando un aumento minore in esso durante tutti i periodi di PTGT. Il contenuto di proinsulina e C-peptide è ridotto, il livello di glucagone è entro i limiti normali o leggermente elevati.

Diabete mellito di tipo 2. Con una forma lieve, la concentrazione di insulina nel sangue a stomaco vuoto è leggermente aumentata. Nel corso del PTGT, supera anche i valori normali in ogni momento dello studio. Il contenuto ematico di proinsulina, peptide C e glucagone non è stato modificato. Nella forma di moderata gravità, viene rivelato un aumento della concentrazione di insulina nel sangue a stomaco vuoto. Nel processo di PTGT, il rilascio massimo di insulina è osservato al 60 ° minuto, dopo di che si verifica una lenta diminuzione della sua concentrazione nel sangue, pertanto un alto contenuto di insulina si osserva dopo 60, 120 e persino 180 minuti dopo il carico con glucosio. Il contenuto di proinsulina, il peptide C nel sangue è ridotto, il glucagone - aumentato.

Iperinsulinismo. L'insulinoma è un tumore (adenoma), costituito da cellule β di isole pancreatiche. Il tumore può svilupparsi in persone di qualsiasi età, di solito è single, benigno, ma può essere multiplo, combinato con l'ademotosite e, in rari casi, maligno. Nella forma organica dell'iperinsulinismo (insulinoma o nezidioblastoma) c'è un'improvvisa e inadeguata produzione di insulina, che causa lo sviluppo dell'ipoglicemia, solitamente parossistica. L'iperproduzione di insulina non dipende dalla glicemia (solitamente superiore a 144 pmol / l). Il rapporto di insulina / glucosio è superiore a 1: 4,5. Spesso c'è un eccesso di proinsulina e C-peptide sullo sfondo dell'ipoglicemia. La diagnosi non è in dubbio, se il livello di insulina nel plasma è superiore a 72 pmol / l su uno sfondo di ipoglicemia (concentrazione glicemica inferiore a 1,7 mmol / l). Come campione diagnostico, vengono utilizzati carichi di tolbutamide o leucina: nei pazienti con tumori che producono insulina, c'è spesso un aumento della concentrazione di insulina nel sangue e una diminuzione più marcata dei livelli di glucosio rispetto a quelli sani. Tuttavia, la natura normale di questi campioni non esclude la diagnosi di un tumore.

Molti tipi di tumori maligni (carcinomi, in particolare epatocellulari, sarcomi) portano allo sviluppo dell'ipoglicemia. Molto spesso l'ipoglicemia accompagna i tumori di origine mesoderma, simile ai fibrosarcomi e localizzata principalmente nello spazio retroperitoneale.

L'iperinsulinismo funzionale spesso si sviluppa in varie malattie con metabolismo dei carboidrati compromesso. È caratterizzato da ipoglicemia, che può verificarsi in presenza di concentrazioni insuliniche inalterate o addirittura elevate nel sangue e ipersensibilità all'insulina somministrata. I campioni con tolbutamide e leucina sono negativi.

Malattie e condizioni in cui la concentrazione di insulina nel sangue cambia

L'insulina è sollevata

  • Gravidanza normale
  • Diabete mellito di tipo 2 (esordio della malattia)
  • obesità
  • Malattie del fegato
  • acromegalia
  • Sindrome di Isenko-Cushing
  • Distrofia muscolare
  • insulinoma
  • Intolleranza familiare a fruttosio e galattosio

Insulina ridotta

  • Attività fisica prolungata
  • Diabete mellito di tipo 1
  • Diabete mellito di tipo 2

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.