^

Salute

A
A
A

Perseveranza

 
, Editor medico
Ultima recensione: 27.11.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La perseveranza mentale consiste in ripetizioni multiple delle stesse azioni, frasi, ecc. Tali ripetizioni riflettono una sorta di "gancio" all'interno della coscienza di determinati pensieri o segmenti attivi che continuano ad esistere oltre il tempo presente, non dipendono dalla direzione dell'attività e continuano la loro attività nella mente umana. La perseveranza patologica è spesso osservata in pazienti con lesioni cerebrali organiche, aterosclerosi cerebrale, schizofrenia, demenza senile, morbo di Alzheimer e morbo di Pick. [1], [2]

Tuttavia, un problema simile è tipico non solo della psichiatria, ma anche di altre aree mediche, in particolare logopedia e neuropsicologia.

Epidemiologia

Non ci sono statistiche speciali sul verificarsi di perseverazioni. Presumibilmente, l'incidenza del disturbo varia da 11 a 65 casi per centomila della popolazione.

Le perseverazioni si riscontrano prevalentemente nell'infanzia e nella vecchiaia, nelle donne un po' più spesso che negli uomini. Il rischio di insorgenza di tali disturbi aumenta dopo i 50 anni e il picco di incidenza si verifica in età avanzata e senile (dopo i 65 anni).

La stragrande maggioranza delle perseverazioni è idiopatica (la causa rimane poco chiara). Solo nel 10-30% dei casi è possibile rilevare i fattori predisponenti allo sviluppo della patologia: trauma craniocerebrale, nevrosi, demenza, ecc. [3]

Le cause perseverazioni

La ragione principale delle perseverazioni è la perdita della capacità di "commutare" il cervello tra processi o azioni separati, secondo il principio di priorità. Il disturbo può essere associato a un fallimento funzionale dell'attività cerebrale, ad esempio a causa di una situazione stressante, superlavoro, formazione del sistema nervoso, patologie nevrotiche. Si notano violazioni stabili e grossolane sullo sfondo del danno cerebrale organico, specialmente se le strutture sottocorticali, le zone corticali terziarie, la corteccia premotoria e prefrontale sono danneggiate. In generale, le cause possono essere classificate in tre categorie di fattori, tra cui fisiologia, psicopatologia e neurologia. [4]

Molte persone, a seconda di un particolare periodo di vita, sono inclini alla comparsa di perseverazioni. Tale violazione può manifestarsi con una ridotta funzione di controllo, in assenza di un chiaro schema di attività, che può essere causato da superlavoro emotivo e fisico, stress prolungato, stanchezza generale e "esaurimento". Tali perseverazioni sono caratterizzate dall'incostanza, il loro corso è facile. Sono espressi principalmente da disturbi mentali, manifestazioni emotive e molto meno spesso da cambiamenti nelle capacità motorie. [5]

Evidenti lesioni cerebrali organiche stanno diventando cause più comuni del disturbo. Quindi, la perseveranza dei movimenti appare con un disturbo nelle sezioni anteriori degli emisferi cerebrali. Se il problema colpisce i siti premotori e le strutture sottocorticali sottostanti, si sviluppa una perseverazione motoria elementare, che è accompagnata da molteplici azioni programmate ripetute. Con la sconfitta delle zone inferiori delle aree premotorie della corteccia dell'emisfero sinistro, si notano perseverazioni del linguaggio. 

I disturbi dell'attività mentale si verificano sullo sfondo del danno ai lobi frontali della corteccia cerebrale: la patologia è accompagnata da un deterioramento nel controllo delle funzioni di intelligenza, una pianificazione impropria delle azioni. I cambiamenti sensibili sono causati da danni organici alle zone analitiche corticali, cioè aree di elaborazione delle informazioni dei dati ricevuti dagli organi di senso. [6]

Gli psichiatri considerano la perseveranza come un segno di scarso adattamento degli atti mentali o dell'attività emotivo-volitiva. Il disturbo è tipico delle persone con tratti di personalità inerti - ad esempio, le perseverazioni si trovano spesso nelle persone con  eccellente sindrome dello studente

Non bisogna dimenticare che episodi perseveranti possono manifestarsi anche con eccessiva stanchezza, prolungata mancanza di sonno, oltre che in persone sotto l'effetto dell'alcol. In tali situazioni, le violazioni sono sempre episodiche, transitorie, di breve durata. [7]

Fattori di rischio

I fattori che possono influenzare lo sviluppo delle perseverazioni possono essere i seguenti:

  • Processi inerti nel sistema nervoso. In alcuni pazienti si nota l'inibizione della commutazione dei processi nel cervello, che è spiegata da caratteristiche fisiologiche. Queste persone hanno difficoltà a passare da un compito all'altro, si adattano lentamente alle circostanze e tendono a sviluppare lievi forme di perseveranza - ad esempio, i loro pensieri sembrano "bloccarsi" nel processo di comunicazione.
  • Stanchezza eccessiva. Se una persona è fisicamente o moralmente esausta, allora ha una violazione dei processi cerebrali di inibizione ed eccitazione e il momento del completamento di una certa azione è ritardato. È per questi motivi che, sullo sfondo di una grave stanchezza, è molto più facile mantenere la monotonia delle azioni piuttosto che passare ad altri compiti.
  • Sistema nervoso immaturo. Nell'infanzia, per caratteristiche fisiologiche, il processo di eccitazione domina e rimane attivo anche dopo la fine del fattore irritante. La reazione del bambino può essere accompagnata da movimenti ripetitivi o esclamazioni.
  • Processi aterosclerotici. Con l'aterosclerosi cerebrale, le placche di colesterolo si depositano nei vasi, il che restringe il lume arterioso, interrompe la circolazione sanguigna e impedisce la nutrizione delle cellule cerebrali. In questa situazione, le perseverazioni si manifestano più spesso con disturbi del linguaggio.
  • Demenza senile, morbo di Parkinson e altre forme di demenza. Le malattie che sono accompagnate da processi atrofici che si verificano nella corteccia delle regioni cerebrali frontotemporali e frontali e nelle strutture sottocorticali portano a gravi disturbi intellettuali, perseverazioni del linguaggio e prassi. [8]
  • Trauma cranico, trauma cranico. Si notano perseverazioni dopo una lesione cerebrale, specialmente con danni alle regioni orbitofrontali laterali, rigonfiamento corticale prefrontale. Il paziente ha ripetizioni involontarie di frasi o singole parole, ma le ripetizioni efficaci si trovano più spesso sotto forma di conseguenze a lungo termine.
  • Disturbi della circolazione cerebrale. Un ictus spesso porta a tutti i tipi di disturbi neurologici: i pazienti perdono la sensibilità e le capacità motorie attive, la parola, la respirazione è compromessa e la deglutizione è difficile. Sono possibili problemi con la selezione del parlato, si perde il controllo su ciò che viene detto.
  • Processi tumorali nel cervello. Nelle oncologie cerebrali che colpiscono i lobi frontali, le regioni basali, i nodi motori sottocorticali, si osservano spesso cambiamenti nel comportamento target, comprensione delle azioni e selettività attiva. Si notano spesso perseverazioni motorie o motorie.
  • Autismo. Nei pazienti con autismo, c'è un cambiamento nella funzionalità sensibile, l'inibizione delle reazioni motorie e mentali e gli stereotipi comportamentali. Le perseverazioni nei pazienti si manifestano con frasi e azioni ripetute prive di qualsiasi significato, nonché con disturbo ossessivo-compulsivo mirato.
  • Disturbo ossessivo compulsivo. I disturbi ossessivo-compulsivi si manifestano con pensieri e azioni ossessivi. Si notano atti motori involontari ripetitivi, accompagnati da ossessioni, immagini, rappresentazioni.
  • Schizofrenia e ritardo mentale. Se i processi di reindirizzamento e eccitazione non funzionano correttamente, l'inerzia appare nei pazienti, la formazione della comunicazione riflessa condizionata diventa più complicata. Nei pazienti con schizofrenia, si notano l'unificazione ideologica, i tentativi di colmare le lacune con idee obsolete e l'automazione del linguaggio e dell'attività mentale. In particolare, sullo sfondo della catatonia, ci sono ripetizioni di parole e frasi, incoerenza del discorso.

Patogenesi

L'origine neurologica è più comune tra le perseverazioni. È caratterizzato da un'ampia gamma di comportamenti umani atipici, che sono associati a danni agli emisferi cerebrali. Questo è ciò che determina la funzione alterata di transizione da un'azione all'altra, un cambiamento nella direzione dei pensieri e nella sequenza delle azioni: la componente perseverante occupa un gradino dominante sull'attività mentale e sulla posizione oggettiva.

La perseveranza in neuropsicologia è, molto spesso, una conseguenza di traumi craniocerebrali, afasia (dopo tumori e processi infiammatori, traumi) e malattie locali con danni ai lobi frontali della corteccia cerebrale.

La perseveranza in psicologia e psichiatria è segni psicologici patologici dal tipo di riproduzione ciclica di azioni motorie, associazioni perseveranti, ripetizioni del discorso. La patologia riflette una conseguenza di stati disfunzionali psicologici e il più delle volte agisce come segno e componente aggiuntivo di sindromi multicomponente e disturbi fobici. [9]

La comparsa di perseverazioni in un paziente senza precedenti traumi craniocerebrali o profonde influenze stressanti può indicare la presenza di problemi sia psicologici che mentali.

I fattori patogenetici di base per lo sviluppo di un disturbo sono molto spesso i seguenti:

  • la tipicità della selettività e dell'ossessione per gli interessi, che si riscontra più spesso nei pazienti con tendenza all'autismo;
  • una sensazione di deficit di attenzione combinato con iperattività, che stimola la comparsa di perseverazioni dal tipo di una reazione protettiva volta ad attirare l'attenzione su di sé;
  • eccessivo desiderio ostinato di apprendimento, la presenza di abilità aggiuntive può portare alla fissazione di una persona su qualsiasi attività;
  • segni di disturbo ossessivo-compulsivo possono coesistere con disturbi perseveranti.

Se una persona è ossessionata da un'idea, ciò può indurla a compiere determinate azioni in modo completamente inconscio. Un esempio lampante sono i disturbi ossessivo-compulsivi, in particolare, il lavaggio ossessivo delle mani, i farmaci costanti presumibilmente per la profilassi, ecc. In questa situazione, è molto importante differenziare la perseveranza da altre patologie, indipendentemente dall'eziologia della malattia. [10]

Cause fisiologiche del problema:

  • disturbo funzionale della corteccia cerebrale nell'area dei lobi frontali;
  • trauma cranico nell'area del rigonfiamento prefrontale;
  • afasia crescente.

Fattori psicologici nella comparsa del problema:

  • stress prolungato;
  • condizioni fobiche;
  • autismo;
  • iperattività acuta.

Spesso sorgono perseverazioni verbali tra gli specialisti scientifici che hanno studiato lo stesso problema per molto tempo. Nei casi difficili, il disturbo può peggiorare fino alla comparsa del disturbo ossessivo-compulsivo, sotto forma di adesione ossessiva a un'idea.

Sintomi perseverazioni

Se le perseverazioni sono causate da qualsiasi malattia, il paziente avrà i sintomi corrispondenti di questa malattia. Successivamente, prenderemo in considerazione i segni tipici di alcune patologie accompagnate da perseverazioni.

Con emorragia cerebrale, circolazione cerebrale alterata, una persona può provare vertigini, debolezza, disturbi del linguaggio e notare una perdita di sensibilità muscolare. La coordinazione motoria è compromessa, la vista si deteriora.

Con le nevrosi, sono possibili sbalzi d'umore, perdita di orientamento, dolore alla testa.

Una fonte così pericolosa di perseverazioni come un processo tumorale nel cervello è caratterizzata da un graduale aumento di vertigini parossistiche, forte dolore alla testa, sviluppo di cecità o sordità unilaterale e esaurimento generale del corpo.

Le lesioni cerebrali traumatiche possono essere caratterizzate da debolezza generale, nausea, cefalea, disabilità visive e uditive e disturbi vestibolari.

Nell'autismo, c'è una mancanza di contatto emotivo (anche con i genitori), ci sono difficoltà con la socializzazione e un debole interesse per i giochi. Sono possibili attacchi isterici e aggressività.

Con la schizofrenia, i pazienti sperimentano stati deliranti, allucinazioni.

I pensieri ossessivo-compulsivi, le fobie e le compulsioni sono caratteristici del disturbo ossessivo-compulsivo. I primi segni di violazione si manifestano come segue: una persona perde la fiducia in se stessa, dubita costantemente delle proprie azioni e azioni. Molti pazienti hanno un perfezionismo inadeguato: queste persone tendono ad appendere i vestiti in base ai colori e allo stesso livello, a disporre pentole con manici in una direzione, a disporre i calzini in base al colore, ecc. Non si tratta del solito desiderio di ordine: il paziente sperimenta un disagio "oltraggioso" dal "disordine" immaginario e può provare a correggere il "violato" anche a una festa.

Perseveranza in un bambino

Le perseverazioni compaiono spesso proprio nell'infanzia, a causa delle peculiarità della psicologia, della fisiologia dei bambini, nonché delle trasformazioni attive delle priorità della vita nei diversi periodi di crescita. A volte è abbastanza difficile per gli specialisti distinguere i veri segni perseveranti da quelli intenzionali, nonché da quelli che indicano la presenza di psicopatologie più complesse. [11]

I genitori svolgono un ruolo importante nell'identificazione delle patologie nei bambini: si consiglia loro di osservare attentamente il bambino, di registrare eventuali manifestazioni di perseveranza, ad esempio:

  • ripetizioni periodiche delle stesse frasi, indipendentemente dalle circostanze e dalle domande poste, nonché la perseveranza delle parole;
  • ripetizioni regolari di determinate azioni, ad esempio toccare un punto del corpo, toccare, ecc.;
  • riproduzione di oggetti identici (immagini, frasi, domande, ecc.);
  • ripetizioni di richieste non adatte a situazioni specifiche.

È importante distinguere i disturbi patologici dalle attività ludiche e dalle normali abitudini infantili. È imperativo parlare con tuo figlio in modo discreto e calmo e, se necessario, consultare uno specialista. [12]

Forme

A seconda delle manifestazioni di perseveranza, i medici distinguono i tipi di disturbi motori e mentali (intellettivi). [13]

Le perseverazioni motorie sono una ripetizione costante dello stesso movimento o un intero gruppo di movimenti ripetitivi. Tali azioni hanno un certo algoritmo che rimane invariato per lungo tempo. Ad esempio, con vani tentativi di accendere la TV, una persona inizia a colpirla con il pugno. Tale azione non porta a nulla, ma, rendendosi conto di ciò, una persona la ripete più e più volte. I bambini possono avere un'altra manifestazione: il bambino sta cercando intenzionalmente un giocattolo dove non può essere.

Le perseverazioni intellettuali si rivelano essere un anormale "bloccarsi" di idee, affermazioni e conclusioni. Si manifestano con la ripetizione costante di parole o frasi. Tale patologia è relativamente facile da rilevare: il medico pone una serie di domande e la persona risponde a tutto usando la primissima risposta. Si verificano anche forme lievi di disturbo, in cui il paziente cerca regolarmente di discutere un problema o un argomento di conversazione a lungo deciso.

Perseverazioni motorie

I tipi di perseverazioni motorie si suddividono secondo il seguente principio:

  • le perseverazioni elementari consistono nella ripetizione di una qualsiasi azione;
  • le perseverazioni sistemiche comportano la ripetizione di un intero complesso di azioni da parte di una persona.

La violazione perseverante del discorso, che si manifesta con la riproduzione della stessa parola (frase), sia orale che scritta, è collocata in una categoria separata.

In generale, motori, sono anche perseverazioni motorie, sono causati da danni alle regioni cerebrali motorie. I pazienti hanno ripetizioni multiple di elementi di qualsiasi movimento o azione.

Perseveranza del pensiero

Questo tipo di violazione è caratterizzato dal "jamming" nella mente umana di un certo pensiero o di qualsiasi idea, spesso manifestato nel processo di comunicazione verbale. Con la stessa parola o frase, il paziente può rispondere a quasi tutte le richieste o domande, anche non correlate tra loro. È possibile pronunciare alcune parole ad alta voce senza alcuna direzione (parlando da soli). Una delle caratteristiche delle perseverazioni mentali: una persona cerca costantemente di tornare a un argomento di conversazione a lungo chiuso, parla di questioni che non sono più rilevanti. Il secondo nome per le perseverazioni mentali è intellettuale.

Parafasia e perseveranza

La parafasia è un disturbo del linguaggio quando le parole o le lettere corrette vengono sostituite da altre, inappropriate e incomprensibili per un particolare momento. Una persona che soffre di parafasia parla in modo innaturale, il suo discorso non è corretto, spesso contiene parole inesistenti. Inoltre, il discorso non solo può essere distorto, ma anche accelerare o rallentare, il che rende ancora più difficile la comprensione dall'esterno. La violazione è spesso accompagnata dalla fusione delle parole, dal loro uso scorretto e dalla confusione, dalle perseverazioni. Le principali cause di patologia sono lesioni alla testa, disturbi circolatori nel cervello, gravi infezioni con complicanze cerebrali, tromboembolia, tumori e processi cistici del cervello, apertura dell'aneurisma. La strategia di trattamento della patologia è individuale.

Perseveranza nell'afasia

Le perseverazioni sono anche caratteristiche dell'afasia amnestica  . Il paziente nomina il primo oggetto che gli viene mostrato, dopodiché chiama tutti gli altri oggetti negli stessi termini. Ad esempio, alla vista di una teiera, un paziente può dire: "Questo è per l'acqua, per far bollire, in modo che tu possa bere più tardi". Dopodiché, gli vengono mostrate le forbici e dice: "Questa è una teiera da tagliare, ne avevo una".

È interessante notare che i pazienti stessi non notano perseverazioni in se stessi, se l'analizzatore della percezione del linguaggio è contemporaneamente interessato, cosa che accade con l'afasia senso-motoria.

Nei limiti della sindrome afasica, le perseverazioni agiscono come una sorta di elemento strutturale, quindi persistono a lungo, anche con la scomparsa dei segni afatici di base. Si notano anche violazioni sullo sfondo di patologie cerebrali organiche non focali, ad esempio in pazienti con aterosclerosi cerebrale,  oligofrenia .

Lettere o parole perseveranti

Le perseverazioni scritte o orali rappresentano la riproduzione della lettera o della sillaba appena scritta o detta al posto di quanto segue necessario. Esempio:  dietro il nodo  - invece che  dietro l'angolooleoso  - invece di  animali. [14]

Una specifica distorsione della composizione fonetica delle parole può manifestarsi sia nel discorso orale che in quello scritto e porta il carattere di assillazione progressiva e regressiva.

La perseverazione di sillabe o lettere è una delle varianti dei disturbi motori perseveranti, poiché consiste nel riprodurre l'attività fisica, ad esempio scrivere parole. [15]

Ma la perseveranza nella logopedia è una persistente confusione di lettere che riduce la qualità complessiva del discorso. Il bambino ha una sorta di lettere "bloccate" - più spesso consonanti, dal tipo di sostituzione in una parola. Esempi di sintomi percettivi della logopedia:

  • in una parola o frase: "dodoga" invece di "strada", "sotto il palo" invece di "sotto il ponte", ecc.;
  • sullo sfondo di inibizione della differenziazione indebolita: "giocato" giocato, "detto" ha detto, "ricchi budi" ricchi.

È possibile che la contaminazione possa anche essere registrata contemporaneamente - mescolando sillabe e parti di parole - ad esempio "dogazin" che combina una  casa + un negozio.

Come la contaminazione, la perseveranza si riferisce a frequenti violazioni della struttura sillabica nell'infanzia. [16]

Perseverazione e verbigerazione

Il termine perseveranza trae origine dalla parola latina  persever tio, che significa  perseveranza, perseveranza. Nel processo del linguaggio, il sintomo si manifesta sotto forma di riproduzione ripetuta degli stessi suoni, parole, frasi.

La coscienza del paziente è, per così dire, "inibita" da una parola o un pensiero, il che porta alla loro ripetizione ripetuta e monotona. Allo stesso tempo, le ripetizioni di solito non hanno nulla a che fare con l'argomento della conversazione o con la situazione. Una simile violazione può manifestarsi per iscritto, in quanto conseguenza dell'associazione di attività. Non può essere paragonato a fenomeni ossessivi, poiché tali includono un elemento di ossessione e la persona stessa percepisce consapevolmente l'erroneità delle sue azioni. [17]

Insieme alle perseverazioni, nella schizofrenia si trovano spesso verbigerazione. Stiamo parlando di problemi mentali, in cui il paziente ripete in modo sonoro e monotono le stesse sillabe, parole, frasi. Ma tali ripetizioni sono automatiche, prive di contenuto e possono durare diverse ore o addirittura giorni.

Il paziente, con un certo ritmo, e talvolta in rima, pronuncia combinazioni sonore o parole completamente prive di significato. È importante distinguere la verbigerazione dalle manifestazioni perseveranti, poiché negli ultimi episodi le ripetizioni sono associate allo stato neuropsichico di una persona e vengono eliminate con la normalizzazione di questo stato.

Una caratteristica della verbigerazione è che una persona ripete interiezioni e suoni senza segni di affetto. La pronuncia è solitamente accompagnata da mimica attiva e disturbi motori. Nella maggior parte dei casi, il problema si verifica in pazienti con demenza e schizofrenia catatonica. [18]

Perseveranza e comportamento situazionale

Nel corso della crescita, un bambino si trova necessariamente di fronte a un fatto che svolge un ruolo importante nello sviluppo della sua attività mentale. Osservando il mondo che lo circonda, nota la regolarità di alcuni fenomeni: ad esempio, se la mamma tira fuori le scarpe dall'armadio, allora ci sarà una passeggiata e se mette i piatti sul tavolo, segue un pasto. I bambini non si rendono immediatamente conto di questa o quella connessione tra i fenomeni: all'inizio sottolineano la solita catena di conseguenze. L'inizio di un evento comporta l'attesa del successivo. Questa sequenza non indica sempre l'interdipendenza dei fenomeni, ma dà origine all'esperienza pratica del bambino, che inizia ad osservare i cambiamenti in atto nel proprio e nell'ambiente.

È importante capire che non stiamo parlando di ripetizioni automatiche degli stessi eventi nella stessa sequenza, ma dei cambiamenti che avvengono nell'ambiente del bambino a seguito di qualsiasi azione.

Se la solita sequenza viene violata, attira l'attenzione del bambino, provoca incomprensioni, fa sorgere la necessità di chiarimenti. Come dovrebbero sentirsi i bambini in una situazione del genere? Questa è una sensazione di sorpresa, curiosità, incomprensibilità. Se il bambino percepisce dolorosamente la violazione del solito ordine (il bambino riporta costantemente tutto al suo posto, nonostante le spiegazioni degli adulti), allora si dovrebbe pensare alla presenza di alcuni problemi perseveranti.

Perseverazioni e stereotipi

Stereotipi significano la tendenza a ripetere le stesse azioni. Possibile ripetizione stereotipata di singole parole o pensiero stereotipato (loop).

I processi di stereotipizzazione differiscono anche per il grado di automazione. Ad esempio, la verbigerazione - manifestazioni stereotipate nel discorso colloquiale dei pazienti con schizofrenia - è caratterizzata da ripetizioni prive di significato, automatizzate e inconsce delle stesse parole o frasi. Anche gli stereotipi motori o allucinatori sono considerati automatici. Le allucinazioni compaiono spesso su uno sfondo di coscienza insufficientemente chiara, ad esempio in caso di avvelenamento acuto o infezioni. Gli stereotipi mentali sono più arbitrari, ma in questa situazione il ruolo principale spetta agli stati di automatismo mentale.

Gli stereotipi non sono perseverazioni. Con le perseverazioni, un'azione già compiuta, in tutto o in parte, cade nell'azione successiva, in un nuovo compito che è completamente estraneo a quello precedente. Per gli stereotipi, è caratteristica la perdita del significato dell'attività (mentale, motoria, linguistica), senza connessione con la soluzione di alcun problema. La capacità di catturare la relazione dei turni stereotipati (mentali o linguistici) è persa.

Gli stereotipi sono di natura a lungo termine, senza cambiare sotto l'influenza di un cambiamento nell'attività. Le perseverazioni, invece, dipendono dal grado di complessità del compito successivo, si manifestano più facilmente, hanno in comune con l'attività precedente. A differenza degli stereotipi, il paziente cerca di contrastare le perseverazioni.

Gli stereotipi non sono esclusivi della schizofrenia. Sono anche diagnosticati con psicosi organica.

Perseveranza e anticipazione

Alcuni disturbi del linguaggio sono considerati fonologici o quelli che riguardano la struttura linguistica del suono. I disturbi fonologici più comuni sono la perseveranza e l'anticipazione (anticipazione).

Durante le perseverazioni, i suoni della prima parola cadono nelle parole successive, ad esempio "suzhnob nevoso" invece di "cumulo di neve", "bolova fa male" invece di "mal di testa".

Se parliamo di anticipazioni, allora stiamo parlando dei processi opposti alle perseverazioni. Ad esempio, una persona nomina erroneamente un suono da qualsiasi parola successiva:

  • il sole splende su se stesso (invece che "nel cielo");
  • Cancellerò la serie (invece di "guardare la serie").

Nella versione perseverante, si può presumere che la persona sia stata semplicemente confusa e abbia accidentalmente pronunciato un suono dalla parola precedente, sebbene non sia così.

Ecoprassia e perseveranza

L'ecoprassia, l'ecocinesia o l'ecocinesi è il cosiddetto sintomo eco, in cui si verifica una ripetizione o imitazione involontaria di qualsiasi atto motorio, gesto, posizione del corpo, ecc. Per la maggior parte dei casi di ecoprassia, ripetizioni di movimenti relativamente semplici eseguiti davanti a un persona sono caratteristici. Questo può essere un applauso, strizzare gli occhi o agitare le mani. La sconfitta della corteccia prefrontale convessa davanti alle zone premotorie è accompagnata da aprassia prefrontale con sintomi ecoprassici.

Questi sintomi sono generalmente indicati come disturbi da tic. Questi si osservano nell'autismo, nella  sindrome di Tourette , nella schizofrenia (principalmente di tipo catatonico), con oligofrenia fenilpiruvica,  nella malattia di Pick , nella depressione clinica e in altre neuropatologie. Il tipo catatonico della schizofrenia, oltre all'ecoprassia, può essere accompagnato da  ecolalia  (ripetizioni vocali per altri) ed eco (ripetizioni mimiche per altri). [19]

Perseveranza comportamentale

Gli esperti chiamano le perseverazioni disturbi comportamentali, mentre le ripetizioni possono riguardare quasi tutte le azioni, frasi, movimenti, domande, richieste, ecc. Non passa al successivo, ma si ripete, il che non consente di raggiungere l'obiettivo originale.

La tendenza agli atti perseveranti viene utilizzata nelle diverse fasi della socializzazione dei bambini affetti da alalia motoria efferente e autismo - patologie con disfunzioni multilivello della corteccia frontale. L'applicazione competente di questa tendenza aiuta a consolidare efficacemente le relazioni durante l'infanzia. Così, in alcuni casi, le perseverazioni comportamentali possono agire non come ostacolo patologico, ma anche come alleato nel lavoro correttivo. [20]

Perseverazioni oculomotorie

Dicono di perseverazioni oculomotorie quando una persona ha uno sguardo "loop" su un argomento precedente. Non è sempre possibile rispondere immediatamente alla domanda sull'origine patologica di un tale sintomo, tuttavia, in molti pazienti, i disturbi mentali e cognitivi possono precedere i disturbi del movimento.

Per fare una diagnosi, si raccomanda:

  • valutare se una persona ha possibili disturbi cognitivi;
  • valutare la presenza di disturbi mentali;
  • chiarirà le informazioni sulla stabilità del sistema nervoso, sull'assenza di malattie neurologiche e sistemiche.

Il deterioramento cognitivo viene valutato utilizzando specifici test neuropsicologici. I disturbi mentali si manifestano più spesso con ansia e/o depressione. Inoltre, i pazienti possono manifestare irritabilità, instabilità dell'umore, apatia, aggressività, perseverazioni mentali e/o motorie, disturbi ossessivo-compulsivi, meno spesso psicosi. La diagnosi finale viene stabilita sulla base dei dati degli studi diagnostici.

Perseveranza nella schizofrenia

È abbastanza comune osservare la perseveranza nei pazienti con  schizofrenia . Tali violazioni coprono una vasta gamma di manifestazioni linguistiche. In questo caso, le perseverazioni nel discorso possono essere singoli suoni e parole, frammenti di frasi, giri di parole complete. Molti esperti associano il verificarsi di perseverazioni negli schizofrenici con un esaurimento delle idee e una tendenza a colmare le lacune mentali formate con idee precedenti. Nell'aspetto patogenetico, un ruolo importante è svolto dal rafforzamento dell'automazione dell'attività intellettuale-eloquio.

I disturbi schizofrenici in generale sono accompagnati da disturbi del pensiero e della percezione, affettività inadeguata o ridotta. Nella maggior parte dei casi, i pazienti rimangono lucidi e mentalmente vigili, sebbene alcuni problemi cognitivi possano svilupparsi nel corso degli anni.

Nella schizofrenia, sono interessate le funzioni fondamentali che danno alle persone normali un senso della propria individualità, intenzionalità. Si notano spesso allucinazioni uditive, deliri esplicativi e percezione alterata di colori o suoni. Il pensiero diventa indistinto, indistinto e discontinuo, e il discorso diventa incomprensibile. Sono possibili disturbi catatonici. [21]

Complicazioni e conseguenze

La comparsa di complicanze delle perseverazioni può essere associata allo sviluppo della malattia sottostante o all'aggiunta di disturbi mentali o di altro tipo.

Ad esempio, se gli stati perseveranti non subiscono o non possono essere corretti per lungo tempo, il paziente può sviluppare disturbi depressivi, patologie d'ansia e persino pensieri suicidi. Ciò è dovuto a molte ragioni:

  • l'incapacità di liberarsi autonomamente delle perseverazioni;
  • sentimento di inferiorità, insicurezza;
  • condanna da parte di persone care, amici, ecc.

Inoltre, spesso parliamo di casi di abuso di sedativi, tranquillanti, sostanze psicotrope, bevande alcoliche, che influiscono in modo estremamente negativo sia sui risultati del trattamento che sullo stato mentale del paziente. Con stati ossessivi pronunciati, processi tumorali, demenza, la qualità della vita delle persone soffre notevolmente. La normale funzione sociale si deteriora, la capacità lavorativa diminuisce, le qualità comunicative sono compromesse. 

Ma è importante notare che in tutti i casi è necessaria una diagnosi differenziale chiara e profonda con vari disturbi mentali, malattie sistemiche, intossicazioni, ecc. Difficoltà con l'autorealizzazione, poiché sperimentano pressioni attive, incomprensioni e opposizione da parte di persone vicine.

Con l'improvviso sviluppo di tali violazioni, è probabile che appaiano altri motivi, inclusi atti di autolesionismo, aggressione, ecc.

Diagnostica perseverazioni

Alla vigilia delle misure diagnostiche, il medico conduce una conversazione con il paziente, i suoi genitori o parenti. [22] Si chiariscono le seguenti domande:

  • casi ereditari di patologie, comprese quelle mentali;
  • l'età in cui sono comparsi i primi segni di violazioni;
  • qualità della funzione sociale;
  • sintomi e malattie accompagnatori, fattori avversi;
  • caratteristiche del comportamento del paziente al momento dell'esame e della conversazione, orientamento nel luogo, nel tempo, ecc.;
  • condizione somatica e neurologica.

Una valutazione dello stato mentale e neurologico di una persona viene effettuata interrogando e raccogliendo anamnesi, sia da se stesso che dai suoi cari. I reclami vengono raccolti, la funzione motoria, le reazioni mimiche, i disturbi viscero-vegetativi vengono esaminati visivamente. [23]Esternamente, viene valutato il livello di perseveranza, ansia, tensione muscolare del paziente. Deve essere rilevata la presenza di stanchezza, debolezza, pignoleria, irritabilità, disturbi del sonno. Tra i cambiamenti vegetativi, l'attenzione è rivolta al battito cardiaco accelerato, tremori alle dita e agli arti, aumento della sudorazione, nausea, disturbi urinari e digestivi. [24]

Per l'esame obiettivo è possibile coinvolgere un terapista o pediatra, psichiatra, neuropatologo. Durante un esame neurologico, viene determinato quanto segue:

  • rottura dei nervi cranici;
  • la presenza e il cambiamento dei riflessi, la presenza di movimenti volontari;
  • disturbi extrapiramidali (ipocinesia, ipercinesia, mioclono);
  • violazioni della coordinazione motoria e della sensibilità;
  • disturbi funzionali del sistema nervoso autonomo.

La diagnostica aggiuntiva include:

  • Esami del sangue clinici e biochimici (compreso il livello di glucosio, ALT, AST, fosfatasi alcalina), test del timolo.
  • Reazione di Wasserman, analisi del sangue per l'HIV.
  • Analisi clinica delle urine.
  • Elettrocardiogramma.
  • Se necessario: analisi batteriche, tamponi nasali e faringei.

Se è necessario escludere la patologia organica del sistema nervoso centrale, viene eseguita la diagnostica strumentale:

  • elettroencefalografia;
  • Risonanza magnetica;
  • TAC.

Una procedura comune per l'elettroencefalografia aiuta a rilevare una tendenza epilettica, nonché a valutare il grado di maturità e l'attività funzionale del cervello. [25]

Diagnosi differenziale

Indipendentemente dall'origine eziologica delle perseverazioni, devono essere distinte da tali patologie e condizioni:

Molto spesso si può osservare quando una persona (soprattutto una persona anziana) tende a ripetere le stesse frasi, parole o azioni solo a causa della scarsa memoria o della ridotta concentrazione.

È importante notare quando il paziente ha sintomi come pensieri ossessivi e azioni compulsive. Tali ossessioni sono percepite dai pazienti stessi come qualcosa di psicologicamente incomprensibile, estraneo.

I pensieri ascessi significano idee dolorose, idee che sorgono indipendentemente dalla volontà di una persona. Sembrano stereotipi e una persona cerca attivamente di resistergli. Le immagini ossessive episodiche sono incomplete, con tutta una serie di alternative: sono dovute alla perdita della capacità del paziente di prendere qualsiasi decisione anche semplice, come le ordinarie faccende quotidiane.

Le azioni compulsive richiedono una diagnostica differenziale obbligatoria: stereotipi sotto forma di azioni ripetute, a volte azioni rituali che svolgono il ruolo di una sorta di protezione e un modo per alleviare l'ansia eccessiva. La stragrande maggioranza delle compulsioni è legata a controlli ripetuti - apparentemente per ottenere una garanzia di ulteriore esclusione di un momento o situazione potenzialmente pericolosa. Spesso la base di tale violazione è la fobia del pericolo - un'aspettativa immaginaria di un programma negativo imprevisto, sia per il paziente stesso che per il suo ambiente.

Chi contattare?

Trattamento perseverazioni

La base per eliminare le perseverazioni è l'applicazione di un approccio integrato e graduale. Va notato subito che non esiste un regime di trattamento standard provato per le deviazioni perseveranti: la terapia viene selezionata individualmente. Se un paziente ha malattie neurologiche del cervello, i farmaci devono essere inclusi nel regime di trattamento. In particolare, è appropriato l'uso di sedativi ad azione centrale, nonché multivitaminici e nootropi.

L'assistenza psicologica può includere i seguenti punti strategici chiave:

  • La strategia attesa consiste nell'osservare e anticipare determinati cambiamenti a seguito di eventuali prescrizioni mediche (farmaci o procedure). Questa misura consente di stabilire il grado di persistenza dei sintomi patologici.
  • Una strategia preventiva prevede la prevenzione della transizione delle perseverazioni mentali ai disturbi motori, nonché la loro combinazione. Il metodo di solito consiste nell'eliminare l'attività fisica più dolorosa per il paziente.
  • Una strategia reindirizzata consiste nel cambiare il focus dell'attività fisica o emotiva di una persona. Con un brusco cambiamento nell'argomento della conversazione, un cambiamento nella natura dell'attività, il paziente viene distratto dagli stati ossessivi.
  • La strategia limitata aiuta a ridurre il grado di attaccamento perseverante limitando le azioni del paziente. L'attività ossessiva è ridotta al minimo: ad esempio, è consentito eseguire alcune azioni provocatorie solo in un periodo di tempo strettamente definito.
  • Una strategia nettamente escludente mira alla cessazione immediata delle perseverazioni introducendo il paziente in uno stato di shock. Ad esempio, ci si può aspettare un effetto simile da improvvise urla forti o dalla visualizzazione di danni diretti da manifestazioni patologiche.
  • Ignorare la strategia implica ignorare completamente le perseverazioni. Tale misura è ideale se il fattore provocante è il deficit di attenzione. Quando il paziente non riceve l'effetto atteso, il significato delle sue azioni scompare.
  • La strategia della comprensione reciproca consiste nel trovare un approccio al paziente, nello stabilire con lui un contatto fiducioso, che aiuti la persona a organizzare i propri pensieri e le proprie azioni.

Spesso è necessaria una terapia antidepressiva. In particolare, con il disturbo ossessivo-compulsivo, la monoterapia antidepressiva viene prescritta nella fase terapeutica iniziale. Se questo approccio non porta l'effetto desiderato, il regime di trattamento viene ampliato con farmaci di altri gruppi e direzioni. In tutti i casi, il paziente deve essere attentamente monitorato da un medico. Nei casi difficili, il paziente viene ricoverato in ospedale e, in caso di lieve decorso della patologia, è preferibile la gestione ambulatoriale.

Uno dei metodi più efficaci è la psicoterapia. Ad oggi, l'effetto positivo della terapia cognitivo-comportamentale è stato dimostrato in diverse direzioni, che a volte si rivela più efficace dell'assunzione di farmaci. Inoltre, la psicoterapia viene spesso utilizzata per migliorare l'effetto dei farmaci, che è particolarmente importante per i pazienti con disturbi gravi.

Sono consentiti sia un regime di trattamento individuale che il lavoro di gruppo, nonché la psicoterapia familiare. Nella maggior parte dei casi, la supervisione medica dovrebbe essere a lungo termine, non inferiore a 12 mesi. Anche se i segni patologici possono essere interrotti entro diverse settimane, è inaccettabile interrompere la supervisione medica.

La tecnica non farmacologica è appropriata come interventi psicosociali, terapia cognitivo-comportamentale.

Medicinali

L'uso di determinati farmaci per la perseveranza è dovuto al decorso della malattia o della condizione sottostante. Pertanto, i farmaci sono prescritti rigorosamente individualmente: non esiste un algoritmo generale per il trattamento conservativo.

Nei processi involutivi nel cervello vengono utilizzati antidepressivi di azione equilibrata con aumento del potenziale timolettico e proprietà ansiolitiche. La scelta dei farmaci deve essere effettuata tenendo conto dei loro effetti collaterali: è preferibile prescrivere farmaci con un effetto ortostatico inferiore (Nortriptilina, Doxepin) e un effetto anticolinergico basso (Trazodone, Desipramina). [26]

Con la malattia di Alzheimer, eseguire:

  • terapia sostitutiva per ricostituire le carenze colinergiche nei sistemi neuronali;
  • terapia neuroprotettiva per migliorare la sopravvivenza e l'adattamento neuronale;
  • terapia vasoattiva e antinfiammatoria.
  • La terapia sostitutiva viene eseguita utilizzando inibitori dell'acetilcolinesterasi:
  • Exelon (Rivastigmina) - preso due volte al giorno, mattina e sera, a partire da 1,5 mg. L'ulteriore dose efficace di mantenimento va da 3 a 6 mg due volte al giorno. Possibili effetti collaterali: confusione, agitazione, vertigini, perdita di appetito, aumento della sudorazione.
  • Aricept (Donepezil) è prescritto per gli adulti a 5 mg al giorno durante la notte. La durata della terapia è determinata dal medico. Possibili effetti collaterali: diarrea, nausea, agitazione, mal di testa, aumento della fatica.

Sullo sfondo del trattamento con questi farmaci, l'eliminazione delle perseverazioni avviene entro le prime 3-4 settimane di terapia.

La gliatilina, un derivato della colina, svolge un ruolo speciale nel potenziamento dell'attività colinergica centrale. L'akatinol memantina è un modulatore del sistema glutammatergico, un elemento importante che fornisce memoria e processi di apprendimento. C'è un buon effetto dell'uso di questo farmaco nelle manifestazioni di demenza da lievi a moderate. Inoltre, il farmaco ha un effetto benefico sullo sfondo emotivo e sulle funzioni motorie dei pazienti. 

La terapia neuroprotettiva ha lo scopo di migliorare la vitalità delle cellule nervose. A tale scopo si raccomandano farmaci nootropici, antiossidanti e agenti neurotrofici, ad esempio Cerebrolysin, che contiene neuropeptidi bioattivi a basso peso molecolare. Questo farmaco ha un effetto multispettrale specifico dell'organo sul cervello: stabilizza i processi metabolici nel cervello e fornisce un effetto neuroprotettivo. La cerebrolisina viene somministrata per via endovenosa o intramuscolare, in dosaggi selezionati individualmente. Possibili effetti collaterali: perdita di appetito, mal di testa, sonnolenza, tachicardia.

La nuova generazione di agenti neuroprotettivi è rappresentata da calcio-antagonisti, antagonisti del recettore NMDA, antiossidanti, lazzaroidi e bloccanti enzimatici. Al momento, continua lo studio degli analoghi di tali farmaci, in particolare i fattori di crescita ottenuti con il metodo del DNA ricombinante.

In alcuni casi, la terapia antinfiammatoria non ormonale è efficace.

In caso di disturbi vascolari, la terapia è diretta a migliorare la circolazione sanguigna nel cervello, ottimizzando i processi trofici, che aiuta ad eliminare le perseverazioni. Al fine di migliorare la circolazione cerebrale, vengono utilizzati Cinnarizin, Actovegin, Cerebrolysin, Nomodipin, medicinali a base di pianta di Ginkgo biloba. La cinnarizina viene assunta 1 compressa tre volte in 

A volte è indicato l'uso di farmaci che influenzano i sistemi di neurotrasmettitori:

  • colinomimetici (Rivastigmina, Galantamina, Donepezil);
  • stabilizzatori della funzione del sistema glutammatergico (Memantyl).

Con periodica confusione di coscienza, vengono utilizzate piccole dosi di aloperidolo, risperidone. Gli antidepressivi sono indicati per i disturbi depressivi e gli antipsicotici per le allucinazioni.

Trattamento fisioterapico

Nel periodo iniziale, con patologie lievi e moderate, con perseverazioni progressive, la fisioterapia viene utilizzata come parte di un trattamento complesso, compresa la dieta, l'assunzione di determinati farmaci (ad esempio antidepressivi, farmaci per migliorare la circolazione cerebrale, ecc.).

I metodi non farmacologici contribuiscono a:

  • inibizione della progressione della patologia, miglioramento della qualità della vita;
  • correzione dell'attività fisica;
  • miglioramento dell'afflusso di sangue cerebrale.

L'effetto positivo dei fattori fisici è noto per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello, aumentare la produzione di dopamina, aumentare la sensibilità del recettore alla dopamina, attivare i processi di rilascio della dopamina dallo spazio presinaptico e aumentare l'attività funzionale. In alcuni casi, l'uso della fisioterapia consente di ridurre il dosaggio dei farmaci, che è importante nelle patologie progressive soggette a complicanze.

Spesso viene prescritta l'elettroforesi di sostanze medicinali per attivare la circolazione cerebrale e ridurre i sintomi patologici. Come medicinali, vengono spesso utilizzati 0,5-1% di acido nicotinico, 2-5% di acido ascorbico, 2-5% di sodio e ioduro di potassio, 1-2% di drotaverina, ecc.. L'elettroforesi viene eseguita utilizzando il metodo del collare o orbitale-occipitale. L'elettroforesi con eparina è appropriata quando è necessario abbassare la coagulazione del sangue e i livelli di colesterolo, nonché per l'azione antisclerotica e antiipossica.

Le correnti modulate sinusoidali sono utilizzate per influenzare l'apparato neuromotorio cerebrospinale. Al completamento del corso di terapia con amplipulse, vengono prescritti bagni di idrogeno solforato o radon, secondo le indicazioni.

Il sonno elettrico sotto forma di impulsi di corrente continua sulle formazioni subcorticali del tronco encefalico migliora la circolazione sanguigna, modifica lo stato funzionale di queste strutture e aumenta la sintesi delle beta-endorfine. Le procedure vengono eseguite secondo il metodo orbito-occipitale, con un corso di 12 sedute. Electrosleep è particolarmente raccomandato per i pazienti con sintomi depressivi.

La darsonvalutazione viene utilizzata per stimolare i centri cerebrali, migliorare il trofismo. L'impatto viene eseguito localmente, giornalmente oa giorni alterni, fino a 15 procedure per corso.

Il campo elettrico UHF ha un effetto termico, aumenta l'escrezione di dopamina e noradrenalina. Viene spesso praticata una combinazione di terapia UHF ed elettrosonno. Questo approccio è ben accettato dai pazienti, ha un effetto positivo sulla sfera psico-emotiva, riduce l'intensità dei sintomi di ansia, depressione e disturbi cognitivi.

Per ottenere un effetto vasodilatatore, antinfiammatorio, desensibilizzante, vengono utilizzate onde elettromagnetiche ad altissima frequenza e, se necessario, vengono prescritti effetti dopamimetici fototerapia.

Trattamento a base di erbe

Gli appassionati di terapie non convenzionali e rimedi alternativi offrono le proprie ricette per eliminare le perseverazioni. In alcuni casi, può davvero essere efficace:

  • tè alla radice di zenzero;
  • una miscela di carota, barbabietola e succo di melograno;
  • tè di semi di prezzemolo.

Il tè viene preparato sulla base di 1 cucchiaino. Materie prime vegetali per 200-250 ml di acqua bollente, in infusione per 6-8 ore. Inoltre, le foglie di menta e melissa, i fiori di tiglio possono essere utilizzati con successo per il trattamento.

Le convulsioni perseveranti, in quanto tali, non rappresentano una minaccia per la vita umana. Tuttavia, in alcuni casi, possono indicare lo sviluppo di gravi patologie. Pertanto, non si può fare completamente affidamento sulla medicina alternativa: è importante consultare i medici in modo tempestivo e, se necessario, sottoporsi a cure qualificate.

Se compaiono perseverazioni in una persona che abusa di alcol, è possibile utilizzare un'infusione di corteccia di cenere di montagna per eliminare il disturbo. Prendi 50 g di rizomi, prepara 200 ml di acqua bollente, insisti in un thermos per cinque o sei ore. Quindi, filtrare l'infusione e assumere 80 ml fino a cinque volte al giorno.

Per i disturbi dovuti alla demenza senile, viene preparata la tintura di elecampane. Prendi 500 ml di vodka e 50 g di materie prime, insisti in una bottiglia per un mese, mescolando periodicamente il prodotto. Dopo un mese, la tintura viene filtrata e assunta per via orale in 1 cucchiaio. L. Tra i pasti, più volte al giorno.

In caso di ansia, si consiglia di preparare una medicina dall'esca. Mescolare 10 g di rizomi vegetali e 100 g di vodka, lasciare in infusione per due settimane, filtrare. Prendi una tintura di 20 gocce tre volte al giorno.

Se le perseverazioni sono dovute a privazione cronica del sonno o demenza, viene trattata la menta. Prepara 1 cucchiaino. Menta in 200 ml di acqua bollente, insistere per 15-20 minuti. Bevono un bicchiere tre volte al giorno, invece del tè.

Con eccessiva eccitabilità, usa un decotto di radice di valeriana e finocchio (una miscela di proporzioni uguali). Prendi 2 cucchiai. Cucchiai di materie prime, versare 0,5 litri di acqua bollente, far bollire a fuoco basso per 10 minuti. Chiudere con un coperchio, lasciare in infusione per un'ora, quindi filtrare. È preso due volte al giorno - al mattino e alla sera - 150-200 ml.

Chirurgia

Il trattamento chirurgico non è essenziale per la comparsa di perseverazioni. Tuttavia, la chirurgia può essere prescritta per alcune patologie che potrebbero causare disturbi perseveranti. Ad esempio, potrebbe essere necessario l'aiuto di un chirurgo:

  • con malformazioni venoso-arteriose dei vasi cerebrali;
  • con aneurismi sacciformi delle arterie cerebrali;
  • con processi tumorali nel cervello, meningioma, tumori metastatici;
  • con alcuni disturbi ischemici della circolazione cerebrale (chirurgia angioplastica);
  • con ematomi intracerebrali di origine traumatica e non traumatica, ecc.

Il metodo operativo endoscopico più comunemente praticato è dovuto al basso trauma e all'efficacia di tale intervento.

Prevenzione

Non esistono misure preventive specifiche per prevenire le perseverazioni, poiché sono note molte ragioni per il loro verificarsi. Pertanto, le raccomandazioni per la prevenzione sono prevalentemente generalizzate.

Le misure preventive possono essere primarie e secondarie.

Le misure primarie includono quelle volte a prevenire lo sviluppo di qualsiasi sintomo psicopatologico e neurologico. Gli esperti raccomandano di prevenire l'insorgere di situazioni traumatiche nell'ambiente domestico e sul luogo di lavoro/studio, di dedicare tempo e attenzione sufficienti ai bambini.

Le misure preventive secondarie mirano direttamente ad evitare il ri-sviluppo di segni perseveranti. Per questo, si consiglia di applicare più tecniche contemporaneamente:

  • con l'aiuto della psicoterapia e di altre procedure e sessioni simili, si forma una risposta adeguata di una persona a tutti i tipi di situazioni traumatiche e stressanti;
  • viene determinata la necessità di rispettare tutte le nomine e le raccomandazioni degli specialisti;
  • viene prescritto un trattamento riparatore, vengono forniti riposo e sonno sufficienti e adeguati;
  • l'assunzione di alcol, bevande stimolanti e droghe è completamente esclusa;
  • vengono apportate alcune modifiche alla dieta: la dieta si arricchisce di vitamine e microelementi, aumenta la proporzione di cibi ricchi di triptofano (precursore della serotonina), e si limita l'uso di cioccolato fondente e caffè.

Per prevenire il ripetersi di perseverazioni, si consiglia ai pazienti di non limitarsi a una dieta nutriente e di aggiungere alla dieta i seguenti alimenti:

  • formaggi a pasta dura (Svizzera, Roquefort, Cheddar, Poshekhonsky);
  • uova di gallina e quaglia;
  • soia;
  • formaggio feta, formaggio feta;
  • caviale rosso;
  • latticini;
  • semi di girasole;
  • carne di tacchino;
  • sesamo;
  • anacardi, pistacchi, nocciole, arachidi;
  • legumi (fagioli, piselli, lenticchie, ceci);
  • salmone rosa, calamaro, aringa, merluzzo, merluzzo, sugarello;
  • cereali;
  • ricotta (non senza grassi);
  • verdure, cavolfiore;
  • frutta secca;
  • funghi.

Tra i cereali, i prodotti a base di cereali e i legumi, la preferenza dovrebbe essere data a piselli, grano saraceno, semola di mais, farina d'avena.

Previsione

La prognosi dipende interamente dalla causa principale della comparsa di disturbi perseveranti. In questo caso, l'acquisizione del decorso cronico della patologia diventa la più sfavorevole. Va notato che in molti pazienti con diagnosi di perseveranza patologica è possibile uno stato stabile a lungo termine, che è particolarmente tipico in relazione a persone che soffrono di qualsiasi forma di ossessione. In tale situazione, c'è una mitigazione delle manifestazioni cliniche e un adattamento sociale ottimale.

Il tipo lieve di perseveranza viene trattato in regime ambulatoriale. Nella maggior parte dei pazienti si nota un miglioramento durante il primo anno di terapia. I casi gravi di disturbo, che hanno ossessioni multiple, stati fobici, rituali nella propria struttura, tendono ad essere resistenti, resistenti alle misure terapeutiche, nonché alle frequenti e ripetute esacerbazioni. Le ricadute possono essere provocate da episodi traumatici ripetuti o nuovi, superlavoro (sia fisico che mentale o emotivo), cachessia generale, mancanza di riposo (anche notturna).

La perseveranza nell'infanzia ha una prognosi più ottimistica rispetto ai pazienti anziani e agli anziani.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.