^

Salute

A
A
A

Prostatite congestizia

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Per vari motivi, i processi patologici, compresi quelli infiammatori, possono verificarsi nella ghiandola prostatica e la prostatite congestizia o congestizia si riferisce a uno dei tipi clinici più comuni negli uomini di età inferiore ai 50 anni.

Epidemiologia

Data la mancanza di informazioni epidemiologiche generali sulla prostatite cronica non batterica e sulla sindrome del dolore pelvico cronico, gli esperti, sulla base delle statistiche cliniche dell'ultimo decennio, affermano che la prostatite cronica congestizia colpisce uomini di tutte le età, ma la malattia è più comune all'età di 35-50 anni (con danno 9-16% degli uomini di tutti i gruppi etnici) e rappresenta l'80-90% di tutti i casi di prostatite cronica.

Secondo alcune stime, ogni anno vengono diagnosticati 5 milioni di nuovi casi di prostatite con una prevalenza del 2,2-9,7% in tutto il mondo. Nel 5,4% dei casi viene rilevata prostatite non batterica cronica.

Secondo gli urologi stranieri, in generale, circa il 10-14% degli uomini presenta alcuni sintomi simili alla prostatite. [1]

Le cause prostatite congestizia

Lo sviluppo di una forma speciale di reazione patologica sotto forma di prostatite congestizia, definita nella terminologia moderna come  prostatite cronica non batterica , prostatodinia, prostatosi o  sindrome non infiammatoria del dolore pelvico cronico  (secondo la classificazione dell'American National Institute of Health, tipo III B prostatite), non è associata a danni alla ghiandola da parte di microrganismi patogeni, cioè non esiste un agente infettivo invasivo. Pertanto, non esiste una formulazione della diagnosi: prostatite batterica congestizia, nonostante la possibilità di unire l'infezione durante la progressione dei processi stagnanti. [2]

Maggiori informazioni sulla classificazione della prostatite cronica e le sue varianti nella pubblicazione -  Prostatite: tipi

Sebbene l'esatta eziologia di questa malattia non sia stata ancora stabilita, gli esperti vedono le cause della prostatite congestizia (in latino congestio significa "accumulo") nei problemi di circolazione sanguigna nell'emodinamica venosa regionale compromessa dalla prostata, nonché nel ristagno della secrezione prodotta dalla prostata, che porta ad edema e sindrome della prostatosi.

Esiste una relazione causale tra questo tipo di prostatite e irritazione dei tessuti e violazione dell'integrità dell'urotelio causata dall'accumulo di urina che entra nella ghiandola prostatica a seguito del reflusso uretrostatico; con testosterone insufficiente (deficit di androgeni) o difetti nei suoi recettori; con cambiamenti distrofici o  diffusi nel parenchima della ghiandola prostatica ; con una precedente infezione batterica, che al momento del trattamento del paziente non viene rilevata nelle analisi pertinenti; con infiammazione delle terminazioni nervose della prostata.

Fattori di rischio

Tra i fattori che predispongono ai disturbi circolatori e alla congestione secretoria nella ghiandola prostatica, notare:

  • mancanza di attività fisica e lavoro sedentario;
  • ipotermia frequente;
  • astinenza e mancanza di sesso regolare;
  • svuotamento incompleto della ghiandola durante l'eiaculazione;
  • interruzioni del rapporto sessuale;
  • frequenti rapporti sessuali prolungati, masturbazione;
  • la presenza di cisti o calcoli nella ghiandola (con lo sviluppo di cambiamenti patologici nel parenchima);
  • espansione delle vene negli organi pelvici, accompagnata da congestione venosa;
  • problemi con l'intestino (tendenza alla costipazione, infiammazione del colon, ecc.);
  • formazioni cistiche del tratto urinario e compromissione dell'apporto di sangue al tratto urinario inferiore;
  • obesità addominale e insulino-resistenza;
  • disturbi del sistema immunitario;
  • alto livello di stress.

Il ristagno nella prostata può essere innescato da un consumo eccessivo di caffeina (che accelera la minzione), cibo piccante (che aumenta l'acidità delle urine) e, naturalmente, alcool, che può causare ectasia di alto grado (vasodilatazione persistente) della ghiandola prostatica con conseguente ischemia e deterioramento del tessuto trofico.

Patogenesi

Ad oggi, la patogenesi della prostatite congestizia cronica / prostatite cronica non batterica è spiegata dalla compressione dei dotti escretori, acini e parte prostatica dell'uretra a causa di un aumento della ghiandola prostatica e gonfiore del suo parenchima con ristagno di sangue o accumulo di secrezione.

Diversi meccanismi fisiopatologici e biochimici possono essere combinati nello sviluppo della sindrome del dolore che accompagna la prostatite cronica congestizia non infettiva. Quindi, i ricercatori hanno rivelato il coinvolgimento nel processo infiammatorio della risposta autoimmune agli antigeni prostatici (PAg), che aumenta il livello dei mediatori infiammatori (citochine pro-infiammatorie) e delle cellule prostatiche immunocompetenti (cellule Th1 helper, linfociti B, mastociti), che contribuiscono all'attivazione dell'immunità cellulare; lo stress ossidativo sta aumentando, danneggiando i tessuti prostatici e le proteine dello sperma; aumento della secrezione di neurotrofina, che stimola i neuroni e provoca sensibilizzazione nervosa, che può causare dolore pelvico cronico. [3]

Sintomi prostatite congestizia

I sintomi della prostatite congestizia o congestizia cronica possono riguardare l'uretra, i genitali e le loro funzioni, il retto e le condizioni generali. Questo è dolore o disagio urologico nell'area pelvica associato a minzione e / o disfunzione sessuale.

E i primi segni nella maggior parte dei pazienti si manifestano con difficoltà a urinare e sensazione di svuotamento incompleto della vescica, nonché dolore durante la minzione e pressione nella regione perianale. [4]

L'elenco dei sintomi più caratteristici comprende anche:

  • minzione frequente (pollakiuria), anche di notte;
  • minzione imperativa (insopportabile);
  • dolori opachi e dolenti persistenti o periodici - nel perineo e all'inguine, nell'addome inferiore, nel pene e nello scroto, nel retto, nel coccige e nella parte bassa della schiena;
  • disfunzione sessuale (mancanza di erezione); [5]
  • diminuzione della libido, eiaculazione precoce, dolore o sensazione di bruciore durante l'eiaculazione, anorgasmia parziale;
  • emospermia (sangue nello sperma).

La temperatura periodicamente leggermente elevata con prostatite congestizia non è esclusa; debolezza generale e disturbi del sonno; sindrome da affaticamento cronico; depressione e disturbi d'ansia.

In caso di congestione e presenza  di calcoli prostatici  (che possono bloccare i dotti della ghiandola), viene determinata la prostatite congestizia con calcificazioni. Si manifesta anche come minzione dolorosa, disagio nel perineo e nel pene, dolore doloroso alla prostata durante i movimenti intestinali ed eiaculazione.

Vedi anche -  Sintomi della prostatite cronica.

Complicazioni e conseguenze

La stasi cronica nella prostata causa non solo problemi urogenitali, ma può avere conseguenze e complicazioni significative sia per la sua morfologia e funzioni, sia per la fertilità maschile (che causa infertilità).

Forse lo sviluppo della sindrome di stasi venosa intra-pelvica, distrofia e patologia neuromuscolare (atonia) della ghiandola prostatica, ischemia o alterazioni del tessuto sclerotico, formazione di cisti parenchimali o diverticoli.

Secondo gli oncologi, la prostatite cronica è strettamente associata allo sviluppo dell'adenocarcinoma prostatico e del cancro del colon-retto. [6]

Diagnostica prostatite congestizia

La diagnosi di prostatite congestizia / prostatite cronica non batterica / prostatosi inizia con un chiarimento dell'anamnesi, fissando le lamentele del paziente e le caratteristiche della sua vita sessuale, l'esame fisico dei genitali e  l'esame rettale digitale  della ghiandola prostatica.

Tali test vengono eseguiti come: esami del sangue generali e biochimici; test per malattie sessualmente trasmissibili; Analisi del PSA - il livello di un  antigene prostatico specifico nel sangue ; livelli sierici di testosterone; analisi delle urine (compresa la coltura batterica); analisi microscopica e semina batterica della secrezione prostatica; analisi dell'eiaculato. [7]

La diagnostica strumentale comprende:  esame ecografico transrettale (TRUS) della  ghiandola prostatica; Dopplerografia degli organi pelvici e  dopplerografia ad ultrasuoni dei vasi della prostata ; Ultrasuoni della vescica e cistotonometria; uretrografia retrograda e uroflometria; elettromiografia dei muscoli del pavimento pelvico. In casi complessi, ricorrere all'endocistoscopia, alla TC o alla risonanza magnetica della vescica, del tratto urinario, della prostata e degli organi pelvici.

Vedi di più -  Diagnosi della prostatite cronica.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale è progettata per escludere altre patologie che causano sintomi simili: cistite cronica , uretrite, disfunzione della vescica neurogena, stenosi del collo vescicale, stenosi uretrale , ipertrofia prostatica, infiammazione del follicolo seminale (collicolite), ecc. Inoltre, in assenza di agenti patogeni e microflora nella secrezione prostatica, sono possibili sintomi simili ai segni di prostatite a causa della mialgia della tensione muscolare del pavimento pelvico - sindrome miofasciale del bacino.

Chi contattare?

Trattamento prostatite congestizia

Nel trattamento sintomatico della prostatite congestizia - dolore genito-urinario in assenza di batteri uropatogeni - vengono utilizzati farmaci di vari gruppi farmacologici. Quindi, per normalizzare la minzione e ridurne il dolore, vengono prescritti farmaci del gruppo di antagonisti dei recettori α-adrenergici (alfa-bloccanti), che riducono il tono dei muscoli lisci della ghiandola prostatica, del collo vescicale e dell'uretra prostatica: Adenorm (altri nomi commerciali - Tamsulosin, Bazetam, Omix, Omniks, Ranoprost, Tamsonik, Urofrey), Alfuzosin (Dalfaz, Dalfuzin), Prazosin, Terazosin (Alfater, Kornam), Phentolamine hydrochloride (Alfinal), Doxazosin. Questi farmaci sono controindicati nella bassa pressione sanguigna e nell'insufficienza epatica. I loro effetti collaterali si manifestano sotto forma di nausea, vomito, costipazione, diarrea, vertigini, mal di testa, tachicardia, compromissione della vista, rinite, orticaria, ecc. Il dosaggio è determinato dal medico curante. [8]

Allo stesso scopo, possono essere usati anticolinergici (miorilassanti) Tolperisone (Tolizor, Midokalm), Baclofen, Fesoterodin. La loro assunzione, oltre a nausea e vomito, può causare mal di testa, debolezza muscolare, effetto ipotensivo ai pazienti.

Per ridurre i sintomi disurici con prostatite congestizia con calcificazioni e ingrossamento della prostata, possono essere prescritti farmaci che sopprimono l'attività dell'enzima 5-α-reduttasi: Finasteride (Prosterida) o Avodart (Dutasteride) - una capsula al giorno. [9]

L'ibuprofene può essere assunto con prostatite congestizia? Questo farmaco antinfiammatorio non steroideo con effetto analgesico - a causa dei potenziali effetti collaterali dei farmaci di questo gruppo (irritazione e ulcerazione delle pareti dello stomaco) - può essere usato occasionalmente: con intenso dolore. Per una descrizione dettagliata delle controindicazioni di questo farmaco e di altri effetti collaterali, vedere -  Ibuprofene .

Gli antidepressivi triciclici (a un dosaggio minimo) possono alleviare il disagio o il dolore; aiuta ad alleviare il dolore e normalizza il flusso sanguigno nei vasi della prostata con antispasmodici (No-shpa, Bentsiklan o Galidor).

Riduce l'edema, stimola il metabolismo e promuove la normale emodinamica nell'olio di semi di zucca della prostata   o nelle capsule di Tykveol (Garbeol, Granufink uno).

Informazioni più utili nel materiale -  Trattamento patogenetico della prostatite cronica .

Nella complessa terapia della prostatite congestizia, viene utilizzato anche un trattamento fisioterapico, volto a migliorare la circolazione sanguigna nella ghiandola prostatica e il trofismo dei suoi tessuti. Dettagli nelle pubblicazioni:

È stata dimostrata l'efficacia dell'ossigenazione iperbarica nel trattamento di pazienti con prostatite congestizia cronica. [10]

Un trattamento alternativo consiglia di ingerire succo di aloe (o consumare foglie di piante fresche), succo di cipolla diluito a metà con acqua e mangiare semi di zucca crudi.

Per alcuni pazienti, il trattamento di erbe e altre piante medicinali aiuta a ridurre l'intensità dei sintomi della prostatite congestizia. Pertanto, si consiglia agli erboristi di essere trattati con un estratto acquoso di foglie di ribes rosso (Arctostaphylos uva-ursi) e verde invernale (Pyrola umbellate); un decotto o estratto di radici e foglie di ortica; infuso di semi di piantaggine di grandi dimensioni (Plantago major) e senape bianca (Sinapis alba); tintura della radice di galangal officinalis (Alpínia officinárum), un decotto delle parti macinate di lussureggianti chiodi di garofano (Dianthus superbus), alpinista o knotweed (Polygonum aviculare), nonché fireweed a foglie strette (Epilobium).

Inoltre, la fitoterapia dei sintomi disurici può essere raccomandata usando un estratto di frutti di palma di serenium o sabal (Serenoa repens o Sabal serrulata), che contengono capsule Prostamol Uno, Prostaplant, Palprostes, ecc.

Usato in terapia e omeopatia:

  • gocce Berberis-Homaccord, Populus compositium SR, Sabal-Homaccord, Gentos, Ursitab Edas-132;
  • compresse sublinguali Prostata di Biolina con estratti di ombrelli di ombrelli (Chimaphila umbellate), clematide diritta (Clematis erecta), verga d'oro (Solidago virgaurea) e frutti di palma sabal.

Il trattamento chirurgico mediante interventi transuretrale - incisione laser della ghiandola prostatica o sua resezione - viene effettuato solo con l'inefficacia della terapia conservativa. E i calcoli prostatici vengono rimossi dalla litotripsia (frantumazione di calcoli con ultrasuoni, onde elettromagnetiche o laser).

Prevenzione

Non esiste un modo affidabile per prevenire l'insorgenza di questa malattia, ma alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare a ridurne il rischio. Coloro che hanno un lavoro sedentario dovrebbero fare brevi pause per alzarsi e camminare per alcuni minuti.

Come prevenzione generale dei problemi con la ghiandola prostatica, gli sport (ad eccezione del sollevamento pesi e del ciclismo), sono utili semplici attività fisiche (tranne il sollevamento pesi) e il sesso regolare.

Devi controllare il peso corporeo, consumare abbastanza acqua, aderire ai principi di una dieta sana e stare lontano da alcol, caffeina e cibi piccanti.

Previsione

È difficile dare una prognosi della malattia, la cui eziologia esatta non è ancora chiara, tuttavia i medici sono sicuri che la prostatite congestizia o congestizia non rappresenti una minaccia per la vita. Ma la qualità della vita a causa del dolore pelvico cronico, che può essere trattata con difficoltà, è significativamente ridotta e i pazienti devono lottare con essa per mesi o addirittura anni.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.