^

Salute

A
A
A

Sindrome vertebro-basilare

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Se una persona è spesso tormentata da vertigini, sperimenta instabilità durante la deambulazione, c'è motivo di sospettare che abbia una violazione del flusso sanguigno nelle arterie vertebrali. Ciò significa che una persona sviluppa una sindrome vertebro-basilare, la cui mancanza di trattamento può portare a una terribile malattia - un ictus le cui conseguenze sono imprevedibili.

La diagnosi può suonare diversamente: insufficienza vertebrobasilare (VBI), sindrome vertebrobasilare, sindrome sistema arterioso vertebrobasilare, sindrome da insufficienza vertebrobasilare, ma tutti questi nomi riferirsi ad una patologia, ignorare tutto ciò non è necessario. Questa patologia indica che per qualche ragione c'è stata una riduzione di apporto di sangue al corpo, si estende dal vertebrale (vertebrati) e (principale) arterie basilari, al che c'erano errori nel cervello.

Epidemiologia

Gli studi dimostrano che i pazienti con una diagnosi di "osteocondrosi cervicale" sono particolarmente vulnerabili all'IVB. Un terzo di questi pazienti trova sintomi della sindrome vertebro-basilare confermati. Inoltre, la sindrome vertebro-basilare è responsabile di quasi un terzo dei casi di ictus.

Per quanto strano possa sembrare, i VBN sono esposti a persone di età diverse, compresi i bambini di 3 anni. Ci sono spesso casi di sviluppo della sindrome vertebro-basilare in età scolare, quando i bambini sono particolarmente mobili, il che può provocare lesioni durante attività di gioco o sessioni di allenamento (lezioni di educazione fisica).

trusted-source[1], [2], [3], [4]

Le cause sindrome vertebro-basilare

La riduzione dell'afflusso di sangue al cervello è più spesso dovuta al rallentamento del flusso sanguigno in alcune parti del sistema vertebro-basilare. Ciò fornisce motivi per implicare lo sviluppo di VBI. Ma per quale motivo può diminuire il flusso di sangue?

Ci possono essere molte ragioni per questo, ma alcuni di essi sono abbastanza comuni, e altri devono essere considerati come una sorta di eccezione. Ecco i motivi più comuni per lo sviluppo della sindrome vertebro-basilare:

  • In primo luogo, la popolarità è, naturalmente, l' osteocondrosi della regione cervicale, dove il VBI è osservato in più del 30% dei casi.
  • Una causa frequente di sviluppo di varie patologie dei vasi sanguigni negli adulti e nei bambini sono lesioni spinali nella regione cervicale. Di solito questo accade durante le attività sportive o tutti i tipi di incidenti, così come con una terapia manuale scorretta.
  • La sindrome vertebro-basilare può svilupparsi sullo sfondo di una malattia comune come il diabete mellito quando le piccole arterie cerebrali sono esposte al pericolo di lesioni.
  • L'ipertensione arteriosa (stabilmente alta pressione sanguigna), particolarmente comune negli adulti, può facilmente provocare VBI e, quindi, un ictus.
  • L'aterosclerosi dei vasi indica una diminuzione della pervietà dei vasi dovuta alla deposizione di colesterolo sulle pareti delle arterie circolatorie.
  • Per prevenire il flusso di sangue attraverso i vasi può e varie reazioni infiammatorie che interessano le pareti delle arterie (arterite).
  • Prevenire e persino arrestare il flusso di sangue può formare trombi all'interno della nave, specialmente nel caso di trombosi dei vertebrati e dell'arteria principale. L'aumento della formazione di trombi si riscontra spesso in giovani ancora.
  • Danni alle arterie del sistema vertebrale-basilare, quando c'è una stratificazione delle loro pareti e perdite di sangue nel tessuto.
  • La spina dorsale cervicale erniata, la spondilosi e malattie simili possono portare alla compressione delle arterie vertebrali e basilari, con conseguente interruzione del flusso sanguigno.
  • Patologie congenite della struttura delle navi e del letto vascolare o anomalie del loro sviluppo.
  • Fattore ereditario

Le alterazioni patologiche in diverse regioni del cervello (lesioni atrofiche della corteccia cerebrale, la prova di morte neuronale, le piccole lesioni focali del cervello, nota come infarti lacunari), identificati in pazienti con VBI quando gli studi indicano che è necessario non solo per diagnosticare la patologia, ma anche in in ogni caso concreto, per determinare la causa che ha causato il suo sviluppo. E, se possibile, è necessario trattare prima di tutto la causa principale.

trusted-source[5], [6], [7]

Fattori di rischio

I fattori di rischio per lo sviluppo della sindrome vertebro-basilare includono alcune patologie vascolari congenite e traumi alla nascita (ad esempio traumi della colonna vertebrale durante il parto) e predisposizione genetica.

C'è un'opinione che nessuno è assicurato da VBN, poiché alcune posizioni della testa possono portare alla trasmissione vascolare, se vengono ripetute spesso o se la persona in questa posizione è piuttosto lunga. Ciò riguarda un forte ribaltamento della testa indietro, la massima rotazione della testa di lato dalla posizione prona sull'addome, che avviene incontrollabilmente durante il sonno, rotazione attiva della testa.

trusted-source[8], [9], [10], [11], [12]

Patogenesi

Il sistema vertebro-basilare dell'organismo rappresenta un insieme di 2 arterie vertebrali e principali con rami che partono da esso. Di conseguenza, qualsiasi violazione in uno dei componenti è un duro colpo per il funzionamento dell'intero sistema e, ovviamente, per il cervello, dal momento che il sistema fornisce la sua nutrizione.

Primo disturbo circolatorio manifesta sotto forma di piccoli disturbi dell'apparato vestibolare, ma se non trattata patologia potrebbe verificarsi nel futuro completa sospensione della fornitura di sangue attraverso il vaso danneggiato, che di solito è la causa di ictus.

Una caratteristica distintiva della sindrome vertebrobasilare è la presenza di lesioni nel cervello. Ie la violazione dell'erogazione di sangue causa danni al tronco o al ponte del cervello, così come il cervelletto, i lobi occipitali o il midollo allungato. A volte il processo può interessare le aree della circolazione sanguigna adiacente, come indicato dalle tracce di ischemia cerebrale in alcuni pazienti.

La struttura anatomica della colonna vertebrale è tale che i vasi che lo attraversano sono sottoposti a flessione nella regione della prima vertebra cervicale. È in questo posto che molto spesso c'è un'inflessione della nave, a causa della quale il flusso di sangue si indebolisce e il cervello "affama".

trusted-source[13], [14], [15], [16]

Sintomi sindrome vertebro-basilare

La sindrome vertebro-basilare è caratterizzata da due tipi di sintomi: permanenti e temporanei. I sintomi temporanei sono i satelliti dei cosiddetti attacchi ischemici transistor (TIA), che rappresentano un disturbo circolatorio cerebrale limitato nel tempo, che prende una via acuta e spesso porta ad un ictus.

Tipicamente, questi sintomi persistono per diverse ore, a volte giorni (di solito fino a 2 giorni). In questo momento il paziente sperimenta:

  • dolori piuttosto forti di carattere pressante nella regione occipitale,
  • disagio nella regione cervicale,
  • vertigini abbastanza forti.

I sintomi permanenti sono quelli che il paziente sperimenta da molto tempo. La loro gravità dipende dal grado di sviluppo della patologia. Tali sintomi includono:

  • dolore ripetuto o pulsante ripetuto nella parte occipitale della testa,
  • rumore nelle orecchie, accompagnato da problemi di udito, che, in casi trascurati, diventa permanente,
  • patologia della visione: perdita di oggetti dal campo visivo (spazi vuoti), sfocatura dell'immagine, raddoppiamento di oggetti, "mosche" o un film davanti agli occhi,
  • violazione di concentrazione di attenzione, deterioramento di memoria, così la persona diventa molto sparsa,
  • violazione della coordinazione del movimento, manifestata in una sistematica perdita di equilibrio,
  • all'atto di un'uscita da una posizione scomoda lunga di un collo ci possono essere le vertigini, spesso accompagnate da una nausea e arrivando a una condizione incosciente,
  • affaticamento rapido, una significativa riduzione del carico di lavoro nel pomeriggio,
  • instabilità dell'umore, attacchi di irritabilità, che durante l'infanzia si manifestano sotto forma di pianto senza causa,
  • aumento della sudorazione e aumento della frequenza cardiaca senza cause ovvie, sensazione di calore,
  • sudore in bocca, sensazione di un nodo alla gola, un cambiamento nella voce (diventando leggermente rauco).

Nell'infanzia, i primi segni di sviluppo di VBI sono disturbi di postura, irritabilità, pianto, stanchezza cronica e sonnolenza, intolleranza al soffocamento.

Quanto prima il paziente presta attenzione a queste manifestazioni di patologia, tanto più favorevole sarà la prognosi del trattamento. Nelle prime fasi di sviluppo della sindrome vertebro-basilare la correzione può essere effettuata anche senza l'aiuto di farmaci, il che non può essere detto a proposito del decorso cronico, che richiede l'uso di vari tipi e metodi di terapia, fino all'intervento chirurgico.

Sindrome vertebro-basilare con osteocondrosi

Lo sviluppo della sindrome vertebro-basilare sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale non sorprende i medici, perché questo accade molto spesso. In questo caso l'ossigeno per fame del cervello si verifica proprio a causa della trasmissione delle arterie vertebrali modificate a causa della malattia dalle vertebre della regione cervicale, oltre le quali si trova il percorso dei vasi.

Collo con situazione osteocondrosi è la seguente: ci sono violazioni nei dischi intervertebrali della colonna vertebrale cervicale, vengono modificate, v'è un anello distruzione cartone collega le vertebre e formazione di ernia intervertebrale. Il tessuto cartilagineo viene sostituito dall'osso. Che cresce gradualmente, limitando il movimento del collo e causando dolore.

Questi cambiamenti non possono che influenzare le navi vicine. Sono minacciati se non spasmo, quindi un'inflessione dovuta alla deformazione della colonna vertebrale, caratteristica del terzo stadio dell'osteocondrosi. E poiché l'osteocondrosi è ancora considerata una malattia correlata all'età, nonostante l'aumentata incidenza della malattia in età abbastanza giovane, i sintomi dell'aterosclerosi vascolare, che si sviluppa anche con l'età, possono unirsi ai cambiamenti degenerativi della colonna vertebrale. Ciò aggrava solo la situazione e i sintomi della sindrome vertebro-basilare si manifestano con una forza raddoppiata.

L'impatto negativo del rachide cervicale modificato sui vasi sanguigni vicini riduce il flusso di sangue al cervello, determinando varie parti di esso. Il cervelletto, per esempio, è responsabile del coordinamento dei movimenti, che significa che il digiuno provoca vertigini e perdita di equilibrio, e la corteccia cerebrale associato con il centro visivo, da cui c'è visione offuscata, visione doppia, etc.

La ragione principale per lo sviluppo dell'osteocondrosi e, quindi, VBN, è il modo di vivere sbagliato. La mancanza di esercizio fisico, dieta povera con eccesso di grassi e carboidrati, la postura alterata a causa della posizione non corretta durante le lezioni al tavolo, il ritmo della vita attiva con tensione nervosa e lo stress - questi sono i fattori che provocano lo sviluppo di alterazioni patologiche della colonna vertebrale. A loro è possibile aggiungere varie lesioni, infezioni, ipotermia, allenamento fisico insufficiente, duro lavoro fisico.

Molti sintomi di osteocondrosi e VBI sono molto simili. Si tratta di vertigini, accompagnate da nausea, alterazioni della pressione sanguigna, alterazione della coordinazione dei movimenti, dolore nella regione occipitale, disturbi visivi e uditivi, alterazioni della voce, compromissione della concentrazione. Se il trattamento dell'osteocondrosi viene avviato in tempo, senza innescare il problema prima dell'intervento chirurgico, le manifestazioni della sindrome vertebro-basilare sullo sfondo dell'osteocondrosi partiranno abbastanza rapidamente.

Dove ti fa male?

Complicazioni e conseguenze

Dato che la sindrome vertebrobasilare è accompagnata da sintomi spiacevoli, le cui conseguenze è la funzione anormale e ridotta qualità della vita in generale, ha senso quanto prima di iniziare il trattamento molto patologia e le sue cause, evitando complicazioni. Pertanto, la diagnosi tempestiva e completa è così importante.

Inoltre, la diagnosi precoce non solo aiuterà ad alleviare la terapia di VBI, ma prima di tutto, preverrà varie complicazioni gravi nella forma di un ictus e persino la morte.

trusted-source[17], [18]

Diagnostica sindrome vertebro-basilare

L'intero problema nella diagnosi della sindrome vertebro-basilare è che la combinazione dei suoi sintomi non è unica. Sintomi simili sono comuni a molte malattie, prendere almeno la stessa osteocondrosi. Inoltre, ci sono un paio di sfumature, esacerbando ulteriormente la situazione. In primo luogo, le manifestazioni della sindrome sono puramente individuali e i sintomi nei diversi pazienti possono differire leggermente. In secondo luogo, le storie dei pazienti possono differire dalla realtà, poiché qui il fattore soggettivo viene alla ribalta.

E anche se il lavoro del medico non è facile, è necessario non solo per diagnosticare VBN, ma, soprattutto, per determinare la causa di esso causato. Affrontare questo compito aiuta la diagnostica strumentale, che ha nel suo stock molti metodi e strumenti efficaci, che includono:

  • Radiografia della colonna vertebrale, in particolare del rachide cervicale. Aiuta non solo a determinare la condizione della colonna vertebrale e le sue parti, ma anche a determinare il luogo in cui si verifica l'inflessione o la compressione delle arterie vertebrali.
  • Computer / risonanza magnetica. Aiuta a stabilire la presenza di un'ernia sulla colonna vertebrale.
  • Test funzionali "pieghevoli". Permettono di rivelare lo spostamento delle vertebre l'uno rispetto all'altro, il che può causare la compressione delle arterie.
  • Dopplerografia ad ultrasuoni. Con il suo aiuto, il flusso di sangue attraverso i vasi del sistema vertebro-basilare è già stimato: qual è il suo tasso, se ci sono violazioni nella pervietà delle navi, ecc.
  • Termografia a infrarossi. Aiuta a valutare lo stato delle singole parti del corpo tramite i loro campi termici.
  • Scansione duplex, angiografia e angiografia MR. Questi metodi di ricerca consentono di esaminare le arterie dall'interno: il diametro dei vasi, lo stato delle loro pareti e anche di studiare in dettaglio il canale dei vasi del cervello.
  • Arteriografia sottrattiva digitale. Uno dei metodi innovativi più efficaci per determinare il lume nei vasi.
  • Rheoencephalography. Questo metodo di ricerca è finalizzato allo studio dell'afflusso di sangue al cervello.
  • Dopplerografia transcranica (TCDG). Permette di determinare le capacità adattive del cervello (riserva emodinamica).
  • Esame neurologico con l'uso di attrezzature speciali. Fornisce informazioni sullo stato delle strutture del tronco cerebrale.

Se si sospetta una cardiopatia, possono essere necessari test funzionali con iperventilazione per identificare le disfunzioni cardiovascolari che possono anche influenzare l'apporto di sangue al cervello.

E, naturalmente, alcune informazioni utili possono essere fornite da test, in questo caso un esame del sangue biochimico, che viene effettuato in primo luogo.

Poiché i sintomi nella sindrome vertebrobasilare e di altre malattie caratterizzate da, è molto importante che il paziente quanto più possibile descritto con precisione i suoi sentimenti: la posizione, la natura e la durata del dolore, vertigini, osservandolo come un tempo di durata rispetto sono accompagnati da, etc. Questo è molto importante per escludere simili nella patologia sintomatica.

Per valutare l'obiettività delle lamentele del paziente è aiutato dal test neuropsicologico, che fornisce un quadro chiaro di come una persona percepisce la sua malattia, quale sia il suo stato psicologico.

trusted-source[19], [20], [21], [22]

Diagnosi differenziale

Il compito della diagnosi differenziale è di sistematizzare le informazioni ricevute dal paziente e come risultato degli studi assegnati al fine di dare una conclusione corretta sulle patologie esistenti che causano la sindrome vertebro-basilare sulla base di un'attenta analisi.

trusted-source[23], [24], [25], [26], [27]

Chi contattare?

Trattamento sindrome vertebro-basilare

La scelta dei metodi e dei mezzi per il trattamento della sindrome vertebrobasilare dipende dallo stato dei vasi e dalle malattie concomitanti che hanno causato il VBI. Ma qualunque sia la diagnosi aggiuntiva, l'inizio del trattamento implica un cambiamento nello stile di vita del paziente:

  • rifiuto delle cattive abitudini,
  • esercizio praticabile,
  • una dieta speciale ricca di frutta, verdura e frutti di mare con la restrizione del sale, del pane e della cottura a base di farina premium, sottaceti, prodotti affumicati, ecc.

Un altro requisito della terapia vascolare è la misurazione regolare della pressione sanguigna.

In alcuni casi, già una di queste misure è già sufficiente per far recedere la malattia. Se il miglioramento non viene osservato, dopo 3-6 mesi il medico può prescrivere un trattamento medico e fisioterapico, che può essere eseguito fuori paziente o in ospedale.

Il trattamento farmacologico viene effettuato utilizzando diversi gruppi di farmaci. Il ruolo più importante nella terapia del VBI è svolto dai farmaci vasodilatatori, che prevengono la formazione nei vasi di aree con scarsa permeabilità, provocando la carenza di ossigeno nel cervello. Questi farmaci includono acido nicotinico, che è una soluzione di vitamina PP (altrimenti vitamina B3), anche se ha un effetto vasodilatatore breve ma forte.

L'acido nicotinico è presentato sotto forma di soluzione iniettabile, che contribuisce all'espansione di entrambi i vasi e vasi del cervello. Il farmaco viene solitamente somministrato per via endovenosa in un dosaggio di 10 mg (1 fiala) 1 o 2 volte al giorno. La dose giornaliera massima è di 300 mg. Il corso terapeutico dura circa 2 settimane.

L'ammissione del farmaco può essere accompagnata dai seguenti effetti indesiderati: arrossamento della testa, arrossamento del viso, mal di testa e sensazione di calore, diminuzione significativa della pressione sanguigna, capogiri, varie manifestazioni allergiche, dolore iniettato.

Precauzioni. Il farmaco influisce sulla concentrazione dell'attenzione, quindi durante il trattamento non deve eseguire attività che richiedono una maggiore concentrazione.

Controindicazioni all'uso del farmaco sono l'epatite, la gotta, lesioni ulcerative gastrointestinali in fase acuta, cirrosi, diabete acuta, aterosclerosi, ipersensibilità al farmaco. Si deve osservare cautela nei pazienti durante la gravidanza e l'allattamento, con gastrite, bassa pressione sanguigna, glaucoma.

Dal momento che la niacina non è adatto per il trattamento di pazienti con il VBI sullo sfondo di aterosclerosi, la presenza di questa diagnosi è quello di dare la preferenza a tali farmaci come "Papaverine cloridrato", "teobromina", "Cavinton" et al.

"Papaverine cloridrato" - un farmaco nel suo effetto è solo una scoperta per un paziente con una diagnosi di "sindrome vertebro-basilare". Essendo contemporaneamente un farmaco antispasmodico, antiipertensivo e vasodilatatore, anche in sé può alleviare i sintomi della malattia.

"Papaverin" è disponibile come soluzione per iniezioni, compresse per adulti e bambini e supposte rettali.

Metodo di applicazione e dosaggio. Con la somministrazione orale del farmaco, una singola dose è di 40-60 mg. Le compresse devono essere assunte da 3 a 5 volte al giorno.

La dose singola per la somministrazione rettale è leggermente inferiore - 20-40 mg. La procedura viene eseguita 2 o 3 volte al giorno.

Sotto forma di iniezioni, il farmaco viene somministrato per via intramuscolare, endovenosa o sottocutanea. In questo caso, la dose singola varia da 20 a 40 ml. Con l'iniezione endovenosa, la soluzione di papaverina viene miscelata con soluzione salina e iniettata molto lentamente (il processo deve essere controllato da un medico!). Il momento delle iniezioni è di almeno 4 ore. Tali iniezioni possono essere prescritte da 2 a 4 al giorno.

Il ricevimento del farmaco può essere accompagnato dai seguenti effetti indesiderati: aumento della nausea, violazione della defecazione, iperidrosi, diminuzione significativa della pressione sanguigna, aumento della sonnolenza. Se le iniezioni endovenose non vengono eseguite abbastanza lentamente, potrebbe esserci un disturbo nella frequenza cardiaca.

Controindicazioni all'uso del farmaco sono: blocco atrioventricolare, glaucoma, gravi violazioni del fegato, intolleranza alla papaverina. Il farmaco è progettato per il trattamento di pazienti di età superiore a 6 mesi. Per gli anziani, la dose del farmaco deve essere minima, il trattamento deve essere effettuato sotto la supervisione di un medico con un aggiustamento della dose. Lo stesso vale per i pazienti sottoposti a trauma craniocerebrale, con insufficienza renale, con tachicardia sopraventricolare, ipotiroidismo, adenoma prostatico.

Quando VBI addizione farmaci vasodilatatori compresse e iniezioni, riducendo la pressione somministrati (agenti antipertensivi), riducendo la coagulazione del sangue (antipiastrinici) nootropic e agenti metabolici ( "Pyracetam", "Aktovegin", etc.), e, naturalmente, farmaci per aiutare a rimuovere I sintomi principali (antiemetici, vertigini, analgesici, antidepressivi e altri.).

Come spesso un agente antiaggregante agisce come "Aspirina" (acido acetilsalicilico) in un piccolo 50-100mg dosaggio. Ma, in primo luogo, non tutti i pazienti hanno l'effetto desiderato dalla presa esso, e in secondo luogo, "atsetilka" un impatto negativo sulla mucosa gastrica. Ecco perché è spesso sostituito con altri agenti antipiastrinici come "dipiridamolo," "ticlopidina" o almeno "Cardiomagnyl" in cui grazie alla speciale proiettile ridotto effetto negativo dell'acido acetilsalicilico sulla mucosa, e il dosaggio più conveniente.

"Dipiridamol" è un antiaggregante con un'azione vasodilatatrice pronunciata, intesa per il trattamento e la prevenzione dei disturbi della circolazione cerebrale.

Le dosi assegnabili del farmaco possono variare da 50 a 600 mg al giorno. Dipende dalla diagnosi e dal grado di sviluppo della patologia. Quale dovrebbe essere il dosaggio del farmaco e la frequenza del suo uso determina il medico curante.

Il farmaco può causare effetti collaterali quali nausea e vomito, disturbi delle feci, vampate di calore e abbassamento della pressione sanguigna, aumento della frequenza cardiaca, mal di testa e vertigini, eruzioni cutanee allergiche.

Precauzioni. "Dipiridamolo" non è usato in pazienti con infarto miocardico acuto, aterosclerosi coronarica, stenocardia e altre malattie cardiache. E anche sotto pressione ridotta, aumento del sanguinamento, grave compromissione della funzione renale.

Non è auspicabile applicare il farmaco parallelamente a caffeina, dobutamina, farmaci che riducono l'acidità del succo gastrico.

"Piracetam" si riferisce a un gruppo di farmaci noortopici che sono stati usati nel trattamento dei sintomi della sindrome vertebro-basilare. È progettato per migliorare i processi metabolici nei tessuti e nella circolazione sanguigna del cervello. Il farmaco ha un effetto stimolante sulla microcircolazione del sangue nei capillari colpiti, agisce come una specie di difensore del cervello per il suo danno associato a una mancanza di ossigeno, migliora l'attività cerebrale in generale.

Il metodo di somministrazione e dosaggio del farmaco dipende dallo stadio della malattia e dall'età del paziente. La terapia negli adulti di solito inizia con una piccola dose: 1 compressa 3 volte al giorno, aumentando gradualmente fino a 2 compresse per ricezione. Quando la condizione migliora, dopo 2-3 settimane tornare alla dose originale. Quando viene mantenuto un ictus, la dose di mantenimento di 12 compresse, divisa in 3 dosi divise.

I bambini sotto i 5 anni ricevono metà della dose iniziale per adulti del farmaco.

Gli effetti collaterali del farmaco si fanno sentire molto raramente. Qualche volta sulla base dell'accoglienza di "Piracetam" le vertigini si intensificano, c'è un leggero tremore. Il paziente può diventare più irritabile e irritabile, il suo sonno si deteriora, si sviluppano debolezza e sonnolenza. Occasionalmente, ci sono vari disturbi del tratto digestivo. Nei pazienti più anziani possono verificarsi casi di insufficienza coronarica.

Il farmaco non è prescritto a pazienti che hanno un grave grado di insufficienza renale, ictus emorragico o ipersensibilità al farmaco. Non è auspicabile usare Piracetam nei bambini al di sotto di 1 anno di età, nelle donne in gravidanza e in allattamento.

Se vertigini, soprattutto sullo sfondo della malattia degenerativa del disco cervicale, il medico può prescrivere il farmaco "Betaserk", che riduce la frequenza e la gravità dei sintomi di VBI, riduce la nausea e tinnito.

Il farmaco deve essere assunto con il cibo. Il dosaggio è selezionato individualmente.

"Betaserk" per comodità d'uso sarà in vendita in compresse 8, 16 e 24 mg. La dose giornaliera varia da 24 a 48 mg, viene utilizzata per 1 o più ricevimenti.

Il ricevimento del farmaco è spesso accompagnato dai seguenti effetti collaterali: mal di testa, nausea, indigestione (dispepsia). A volte ci possono essere reazioni allergiche.

Precauzioni. Il farmaco è destinato alla terapia in pazienti adulti e non è raccomandato per l'ammissione a persone di età inferiore ai 18 anni. È controindicato con un tumore ormone attivo della ghiandola surrenale e l'ipersensibilità al farmaco. Con cura trascorrere una terapia in pazienti con asma bronchiale e lesioni ulcerative gastrointestinali.

Fisioterapia con sindrome vertebro-basilare

Il trattamento fisioterapeutico con VBN non è solo una misura terapeutica aggiuntiva. Questo è uno dei metodi principali per trattare questa malattia. Senza la ginnastica terapeutica e la fisioterapia, è quasi impossibile ottenere un risultato positivo duraturo.

La ginnastica terapeutica (LFK) è particolarmente utile per l'osteocondrosi, contro cui si sviluppa la sindrome vertebro-basilare. Aiuta a rafforzare la colonna vertebrale, correggere la postura, fermare gli spasmi muscolari.

Il massaggio terapeutico, condotto da specialisti, contribuirà a migliorare significativamente la circolazione del sangue.

Non stare da parte e terapia manuale, spesso utilizzata per patologie della colonna vertebrale. Se c'è una malattia vascolare, un effetto positivo darà l'irudoterapia attraverso le sanguisughe.

Tra i metodi di riflessoterapia, l'effetto maggiore si ottiene con l'agopuntura, che aiuta ad alleviare efficacemente gli spasmi e il dolore nei muscoli del rachide cervicale.

Con VBI e osteocondrosi cervicale, vengono mostrati metodi di magnetoterapia. L'influenza delle basse frequenze aiuta a rimuovere vertigini, dolore nella regione occipitale, migliorare le prestazioni.

In alcuni casi, il medico prescrive una misura così conservativa come indossare un corsetto cervicale, che impedisce ai vasi sanguigni di circondare il collo.

Se l'effetto positivo non si verifica anche dopo un trattamento prolungato con farmaci e metodi di fisioterapia, viene nominato un trattamento chirurgico, il cui scopo è quello di migliorare la circolazione del sangue nelle arterie vertebrali e basilari.

Il più delle volte, è richiesta angioplastica (stenting dei vasi sanguigni). In questo caso, uno stent speciale viene inserito nell'arteria, che impedisce il restringimento del lume all'interno del vaso e la violazione della circolazione sanguigna.

In presenza di un'ernia nel rachide cervicale, molto spesso viene prescritta una microdiscectomia (rimozione di un piccolo pezzo di tessuto osseo), che impedisce la compressione delle navi che forniscono ossigeno al cervello.

Endarterectomia - un'operazione chirurgica che consente di rimuovere dai vasi delle placche aterosclerotiche. È indicato per l'aterosclerosi, nei confronti della quale può anche svilupparsi una sindrome vertebro-basilare.

Trattamento alternativo della sindrome vertebro-basilare

Gli specialisti della medicina alternativa hanno da tempo notato che ci sono molti alimenti che possono influenzare la coagulazione del sangue. Tali prodotti comprendono frutti di bosco (olivello spinoso, mirtillo, mirtillo, ribes, ecc), frutta (limone, arancia, kiwi, ecc), e verdure ad alto contenuto di vitamina C. Sono ben liquefare il sangue e prevenire la formazione di coaguli nei vasi sanguigni.

Riduce la coagulabilità del sangue e di tutto il noto medico amaro - l'aglio. Per fare questo, 3 buone teste di una verdura in cottura vengono fatte scorrere in un tritacarne, piegate in un barattolo e poste su un ripostiglio di 2-3 giorni in un luogo fresco senza accesso alla luce. Quindi aggiungere alla composizione la stessa quantità di miele e succo di limone appena spremuto. Utilizzare la miscela per una notte in una quantità di 1 cucchiaio. Conservare in frigorifero.

Per lo stesso scopo, con una sindrome vertebro-biliare, viene utilizzato un decotto o una tintura di semi di ippocastano. Per una tintura di 100 g di semi, versare 300 g di vodka e insistere per 7 giorni, dopo di che viene filtrato e preso 2-3 volte al giorno per mezz'ora prima dei pasti.

Infusi di rosa canina, cenere di montagna o ribes, ricchi di flavonoidi e vitamina C contribuiscono a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, aumentando la loro elasticità.

Riduce la pressione sanguigna aiuta alghe, chokeberry, biancospino e infusione di trifoglio. Per la preparazione di infusione 2 cucchiai. L. Le erbe versano un bicchiere di acqua bollente e insistono per circa un'ora. Prendere l'infusione dovrebbe essere prima di mangiare 2 cucchiai. Cucchiaio.

Con VBI si ottengono buoni risultati con un trattamento a base di erbe. Per ridurre la pressione, è possibile consigliare tali raccolte di erbe: melissa e stigmi di mais o ruta, menta, stimmi di mais e valeriana. E come una collezione di vasodilatatori - la composizione di erba di San Giovanni, camomilla, immortelle, achillea e germogli di betulla, presi in uguali quantità (1 cucchiaio da tavola di raccolta per 0,5 litri di acqua bollente).

trusted-source[28], [29], [30], [31], [32], [33]

Omeopatia con sindrome vertebro-basilare

Gamma di rimedi omeopatici che possono aiutare in qualche modo per migliorare il flusso sanguigno cerebrale è molto grande, è importante scegliere proprio quei prodotti che danno il migliore effetto nel trattamento della malattia esistente in un determinato paziente che ha portato allo sviluppo della sindrome vertebrobasilare.

Ad esempio, nel osteocondrosi del rachide cervicale un buon effetto si osserva quando si utilizza un rimedio omeopatico per la ricca composizione vegetale "Traumeel S", che rimuove il dolore, allevia l'infiammazione e aiuta a ripristinare dischi spinali danneggiati.

Metodo di applicazione e dosaggio. Come ogni compressa omeopatica "Traumeel C", è necessario mettere il pavimento della lingua e tenerlo lì fino a quando non è completamente sciolto. Prendi la pillola un quarto d'ora prima di un pasto. La dose giornaliera - 3 compresse, utilizzata per 3 dosi.

Parallelamente all'assunzione delle compresse, è possibile utilizzare l'unguento e fare un'iniezione endovenosa del farmaco (1-2 fiale da 1 a 3 volte a settimana).

Il corso del trattamento dura non più di 8 settimane.

Durante l'assunzione del farmaco, possono verificarsi reazioni allergiche, irritazione nel sito di iniezione, aumento della salivazione.

Precauzioni: il farmaco non viene utilizzato per tubercolosi, leucemia, sclerosi multipla, malattie autoimmuni e ipersensibilità ai componenti. Non è indicato nella terapia di bambini sotto i 12 anni.

Per ridurre le vertigini nella terapia aterosclerotica con "Edas-138" è mostrato sotto forma di gocce omeopatiche.

Il farmaco può essere utilizzato in 2 modi: 5 gocce cadono su un pezzo di zucchero o si sciolgono in un cucchiaio d'acqua. Prendere il farmaco è raccomandato 3 volte al giorno.

Il farmaco è ben tollerato se non vi è alcuna reazione di intolleranza ai componenti del farmaco.

Quando viene mostrata l'aterosclerosi dei vasi e la preparazione a base di erbe "Diidroquercetina", che rafforza i vasi sanguigni e migliora la microcircolazione del sangue e del colesterolo nei vasi. Assumere in dosaggio: 2-3 compresse da 1 a 4 volte al giorno.

I farmaci più popolari ed efficaci per migliorare la circolazione sanguigna sia cerebrale che periferica sono i rimedi omeopatici basati sul ginkgo biloba. Uno di questi farmaci è "Bilobil", che riduce la permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni e impedisce la formazione di coaguli di sangue.

Il farmaco viene rilasciato sotto forma di capsule, che deve essere assunto 3 volte al giorno, lavato con acqua. Singola dose - 1 capsula.

Rimedio omeopatico è preso per un lungo periodo. Nonostante il miglioramento sia già entro 1 mese di trattamento, il corso terapeutico dovrebbe essere condotto per almeno 3 mesi.

Gli effetti collaterali del farmaco includono sintomi come mal di testa, disturbi del sonno, sanguinamento sullo sfondo di ridotta coagulabilità, reazioni allergiche.

Il farmaco è controindicato nelle reazioni di ipersensibilità, bassa coagulabilità del sangue, erosioni e ulcere nel tratto gastrointestinale, infarto miocardico, nonché nei disturbi acuti della circolazione cerebrale. Non è usato in pediatria e terapia in donne in gravidanza.

Per ricostituire le riserve del corpo di vitamine del gruppo B, che è così necessario per il trattamento della sindrome vertebro-basilare, è possibile utilizzare un rimedio omeopatico che si è dimostrato un medicinale per gli occhi. Si tratta di pillola "Blueberry Forte".

Prendi il farmaco di cui hai bisogno 2 compresse 2 volte al giorno. Questo è meglio fatto con il cibo. Il corso del trattamento dura fino a 4 mesi.

Nell'infanzia, la possibilità di usare il farmaco e la dose deve essere concordata con il medico.

L'unica controindicazione all'uso del farmaco è l'intolleranza dei suoi componenti, contro cui possono svilupparsi reazioni allergiche.

Prevenzione

L'obiettivo delle misure preventive per prevenire la sindrome vertebro-basilare è prevenire lo sviluppo di malattie nei confronti dei quali si osservano i sintomi del VBN. Per questo è necessario:

  • Pratica nutrizione razionale con una limitazione su cibi fritti e grassi, pane bianco, salsicce e carne affumicata, sottaceti.
  • Rifiuta cattive abitudini.
  • Ridurre l'assunzione di sale al minimo.
  • Condurre uno stile di vita attivo con moderata attività fisica e stare all'aria aperta.
  • Evita situazioni stressanti.
  • Segui la posa durante il sonno e la veglia.
  • Monitorare costantemente la pressione.

trusted-source[34], [35], [36], [37], [38], [39]

Previsione

La prognosi della sindrome vertebro-basilare dipende direttamente dal grado di sviluppo della malattia sottostante, che è diventata la causa dell'IVB. Tuttavia, è influenzato dai seguenti fattori: la correttezza e la tempestività della diagnosi, l'efficacia del trattamento prescritto, la qualità della prescrizione del medico da parte del paziente.

trusted-source[40], [41], [42]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.