Tratto - Panoramica delle informazioni

Ultima revisione di: , esperto medico, su 01.06.2018

Stroke - una malattia cerebrovascolare acuta, che è caratterizzata da un improvviso (in pochi minuti, almeno - ore) la comparsa di sintomi neurologici focali (motore, discorso, sensoriale, koordinatornyh, visivi e altri disturbi) e / o disturbi cerebrali generali (disturbi della coscienza, mal di testa, vomito, et al.) che persistono per più di 24 ore, o provocare morte del paziente in un breve periodo di tempo dovute a cause di origine cerebrovascolare. 

L'ictus (insufficienza acuta della circolazione cerebrale) è un gruppo eterogeneo di malattie causate dall'improvvisa cessazione focale del flusso ematico cerebrale, che causa la comparsa di disturbi neurologici. Gli ictus possono essere ischemici (80%), di solito a causa di trombosi o embolia; o emorragico (20%) a causa della rottura della nave (emorragia subaracnoidea o parenchimale). Se i sintomi neurologici focali vengono risolti entro 1 ora, un disturbo della circolazione cerebrale è classificato come un attacco ischemico transitorio (TIA). Quando si verifica un ictus, si verifica un danno al tessuto cerebrale, con TIA, se si verificano le lesioni, sono significativamente meno estese. Nei paesi occidentali, l'ictus è al terzo posto nell'elenco delle cause di morte e il primo tra le malattie neurologiche - nell'elenco delle cause di disabilità.

Con un blocco improvviso dell'arteria cerebrale, fornendo sangue alla regione del cervello, la funzione dell'area interessata del cervello viene immediatamente persa. Se l'occlusione persiste per un certo tempo, il tessuto cerebrale subisce necrosi con lo sviluppo di un infarto cerebrale, che può portare a una perdita irreversibile della funzione. A questo proposito, l'obiettivo del trattamento dell'ictus è quello di ripristinare l'apporto di sangue (riperfusione) dell'area interessata, limitare la quantità di danno aumentando la resistenza del cervello all'ischemia e prevenendo la successiva occlusione arteriosa. Sebbene il raggiungimento di questi obiettivi sia associato a una serie di difficoltà, recentemente si sono registrati progressi nello sviluppo di trattamenti efficaci. Questo capitolo discute i farmaci che prevengono l'ictus ischemico e limitano il danno associato al tessuto cerebrale.

Cosa causa un ictus?

Il rischio di ictus aumenta in presenza di ictus in una storia individuale o familiare di pazienti anziani e un maschio con alcolismo cronico, in presenza di ipertensione arteriosa, fumo, ipercolesterolemia, diabete e l'applicazione di alcuni farmaci (in particolare cocaina, anfetamine). Alcuni fattori di rischio sono associati a specifiche forme di realizzazione accidente cerebrovascolare (ad esempio, ipercoagulabilità più probabile ictus trombotico nella fibrillazione atriale - ictus embolico, nei pazienti con aneurisma intracranico può aspettare un'emorragia subaracnoidea).

Sintomi di un ictus

Nell'ictus, le arterie del bacino vascolare anteriore (costituito dall'arteria carotide interna e dai suoi rami, il bacino vascolare posteriore, costituito da vertebrati e le arterie principali, sono interessate.

La natura dei sintomi neurologici dell'ictus corrisponde alla localizzazione della lesione. L'ictus nel bacino vascolare anteriore, di regola, è accompagnato da sintomi neurologici unilaterali, mentre un ictus nel pool vascolare posteriore spesso causa disordini bilaterali, spesso con una violazione della coscienza.

Focali segni neurologici di ictus in se stessi rendono impossibile determinare il tipo di ictus, tuttavia, alcuni sintomi aggiuntivi permettono di speculare. In particolare, acuto e insopportabile mal di testa, molto probabilmente, è un sintomo di emorragia subaracnoidea. Disturbi della coscienza o coma, spesso accompagnata da mal di testa, nausea e vomito, suggeriscono un aumento della pressione intracranica a causa di edema, lo sviluppo di solito 48-72 ore a vasta ictus ischemico e in una data precedente, nella maggior parte dei casi di ictus emorragico. La crescita dell'edema è gravida dallo sviluppo di un fatale blocco transientoriale del cervello.

Cosa ti infastidisce?

Classificazione secondo ICD-10

  • Ictus ischemico

A seconda dei meccanismi di sviluppo dell'ictus ischemico, si distinguono i seguenti sottotipi: aterotrombotico, cardioembolico, lacunario, emodinamico come micro-occlusione emoreologica.

  • Emorragia intracerebrale
  • Emorragia subaracnoidea
  • Sindromi cerebrali vascolari nelle malattie cerebrovascolari
  • Sindrome dell'arteria cerebrale media, arteria cerebrale anteriore, cerebrale posteriore, sindromi sindrome di ictus del tronco encefalico Benedetto, Claude Fovilya, Miyar - Gyublera, Wallenberg, Weber et al.
  • Effetti degli ictus cerebrali
  • Attacchi ischemici transitori (TIL)

Attacchi ischemici transitori cerebrali (attacchi) e sindromi correlate, sistema arterioso vertebrobasilare sindrome, la sindrome carotidea (emisferica) e multiple sindromi bilaterali e le arterie cerebrali al.

Diagnosi corsa

Lo scopo dell'esame clinico è confermare la diagnosi di un ictus, determinarne la natura (ischemica o emorragica) e valutare la necessità e la portata delle misure urgenti.

L'ictus deve essere sospettato quando si verifica un improvviso sviluppo di un deficit neurologico, corrispondente alla sconfitta di una certa zona del flusso sanguigno arterioso nel cervello; specialmente quando si verificano improvvisamente forti mal di testa, disturbi della coscienza o coma. Viene mostrata una TC di emergenza del cervello per differenziare l'ictus emorragico e ischemico e i segni rivelatori di ipertensione endocranica. La TC ha una sensibilità sufficientemente elevata per rilevare i fuochi dell'emorragia, tuttavia, nelle prime ore dopo un ictus ischemico nel bacino vascolare anteriore, è improbabile che si verifichino cambiamenti patologici nella TC. È anche probabile che la TC non riesca a rilevare un ictus ischemico su piccola scala nella zona del bacino vascolare posteriore e fino al 3% delle emorragie subaracnoidee. Nei casi in cui una violazione della coscienza non è accompagnata da evidenti segni di lateralizzazione, vengono mostrati ulteriori tipi di ricerca per stabilire le cause della malattia che non sono correlate all'ictus. Se la diagnosi clinica di ictus non è confermata dai risultati CT, viene mostrata una risonanza magnetica per verificare la natura ischemica della malattia.

Dopo aver determinato il tipo di ictus, provare a stabilire la sua relazione causale con le malattie e le condizioni concomitanti esistenti del paziente, come infezione, disidratazione, ipossia, iperglicemia, ipertensione).

Cosa c'è da esaminare?

Trattamento dell'ictus

Per condurre un esame completo, potrebbe essere necessario stabilizzare le condizioni del paziente. Come parte delle attività in corso, dovrebbe essere presa in considerazione la fornitura di ventilazione artificiale per i pazienti con coma o condizioni di stordimento, monitoraggio dell'ipertensione intracranica e misure per fermare l'edema cerebrale. La terapia sintomatica e la correzione dei disturbi concomitanti (cioè ipertermia, ipossia, disidratazione, iperglicemia e ipertensione) sono vitali nel periodo acuto e nel periodo di convalescenza. Il trattamento specifico dell'ictus nel periodo acuto varia a seconda del tipo di ictus. Nel periodo di convalescenza, possono essere necessarie misure per prevenire l'aspirazione, trombosi venosa profonda, infezione del tratto urinario, piaghe da decubito ed esaurimento (in pazienti immobilizzati). Viene mostrato l'inizio precoce della ginnastica passiva degli arti paralizzati e della ginnastica respiratoria per la prevenzione della contrattura, l'atelettasia dei polmoni e la polmonite. La maggior parte dei pazienti richiede una terapia farmacologica altamente specializzata con supporto attivo per i metodi fisici di trattamento per ottenere il massimo recupero funzionale. Alcuni pazienti richiedono ulteriori tipi di interventi (ad esempio trattamento dei difetti del linguaggio, terapia dietetica). Per trattare la depressione post-ictus, possono essere richiesti antidepressivi, ma nella maggior parte dei casi esiste un sufficiente sostegno psicoterapeutico. Nel periodo di riabilitazione, l'approccio interdisciplinare è ottimale. È necessario promuovere il miglioramento dello stile di vita del paziente (ad esempio, il rifiuto del fumo) al fine di prevenire un ictus.

È importante sapere!

Nel 1995 sono stati pubblicati i risultati di uno studio sull'attivatore del plasminogeno tissutale (TAP) ottenuto presso l'Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Stroke (NINDS). Questa fu una pietra miliare storica nel trattamento dell'ictus, poiché fu la prima prova indiscussa che il danno cerebrale in ictus può essere limitato all'intervento terapeutico. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.