^

Salute

Perdite sanguinolente dopo il ciclo.

, Editor medico
Ultima recensione: 02.07.2024
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Nelle donne in età fertile, le perdite di sangue tra i periodi mestruali non dovrebbero essere normali. La loro presenza è considerata una patologia ginecologica e un prerequisito per l'esame, anche se in realtà, nella maggior parte dei casi, le perdite di sangue dopo le mestruazioni possono essere causate da ragioni abbastanza innocue.

Le secrezioni tra i periodi mestruali dovrebbero apparire come una massa mucosa chiara, senza tracce di sangue, inodore e non irritante per la vagina. Entro la metà del ciclo, questa massa si addensa e diventa più abbondante, e al momento di una nuova mestruazione diventa ancora più viscosa e può acquisire un leggero odore acre. A proposito, la durata delle mestruazioni dovrebbe essere compresa tra tre e sette giorni, la perdita media di sangue è di 250 ml, sangue - scarlatto, verso la fine brunastro, è consentito un piccolo numero di coaguli, lo "striscio" preliminare e finale è assente.

Ma questa è la norma. Tuttavia, circa un terzo delle donne fertili ha perdite di sangue nel periodo intermestruale, non sempre causate da ragioni patologiche, ma non esiste un concetto come norma di perdite di sangue dopo le mestruazioni. Si può presumere che l'assenza di dolore, odore, abbondanza siano segni positivi. In linea di principio, quindi, ma solo secondo indicatori esterni, nessun medico non darà una garanzia di benessere al cento per cento.

Le cause Sanguinamento postmestruale

Lo scarico sanguinante dopo le mestruazioni come variante della norma può apparire a causa di:

  • iniziare o interrompere la contraccezione ormonale , violazione del loro regime;
  • recente inserimento o rimozione di un dispositivo contraccettivo intrauterino ;
  • assunzione di farmaci: anticoagulanti, ormonali, psicotropi e alcuni altri (vedere le istruzioni per il farmaco);
  • recenti miniinterventi ginecologici;
  • Disturbi del ciclo mestruale dovuti a disturbi nervosi, dieta squilibrata prolungata, aumento dello sforzo fisico;
  • nelle donne con cicli mestruali brevi (21-22 giorni), la fuoriuscita di liquidi dopo le mestruazioni può essere un sintomo dell'ovulazione (rottura della parete del follicolo) o un'indicazione di gravidanza (impianto dell'ovulo nella parete uterina);
  • Ristrutturazione ormonale in una ragazza o donna adolescente con declino della fertilità .

Le cause patologiche delle macchie di sangue sul bucato includono:

Fattori di rischio

  1. Contraccezione ormonale e/o intrauterina.
  2. Sesso violento.
  3. Malattie della sfera sessuale di varia genesi.
  4. Fluttuazioni del background ormonale: fisiologiche, farmacologiche, causate da fattori di stress.
  5. Manipolazioni ginecologiche recenti.
  6. Presenza di malattie endocrinologiche, collagenosi sistemica, malattie del sistema emopoietico.
  7. La gravidanza non è naturalmente una malattia, tuttavia può contribuire a perdite sanguinolente premature.

Patogenesi

I fattori scatenanti per lo sviluppo del meccanismo patogenetico che porta alla comparsa di perdite di sangue dopo le mestruazioni sono diversi, ma il risultato della loro azione dovrebbe essere:

  • squilibrio ormonale, che il corpo prende come segnale per un rifiuto straordinario dell'endometrio esaurito;
  • neoplasie dell'utero, della sua cervice e delle appendici, il cui sviluppo porta allo stiramento, ad esempio, del rivestimento interno dell'utero e alla rottura dei vasi, che è densamente permeato, che porta al sanguinamento (tuttavia, non dimenticare che questi tumori sono ormono-dipendenti e le loro “gambe crescono” dal primo punto);
  • Fluidificazione del sangue (riduzione del numero delle piastrine);
  • traumatizzazione della vagina, dell'utero di origine iatrogena o accidentale.

Epidemiologia

Non è noto con quale frequenza si verifichino perdite di sangue esattamente dopo le mestruazioni. Le statistiche mediche tengono conto del numero di sanguinamenti uterini anomali di diversa intensità e in tempi diversi in generale. Nella struttura dei motivi che spingono a rivolgersi a uno specialista per chiedere aiuto, i reclami per perdite vaginali sanguinolente rappresentano circa il 10%. Inoltre, il numero di ricorsi per questo problema ginecologico aumenta con l'età dei pazienti. Se fino a 35 anni un paziente su quattro lamenta perdite di sangue intermestruali, nella fascia di età 35-49 anni con questo problema si applica il 35-55% delle donne. Tra i pazienti che hanno perso la capacità di procreare, la secrezione con tracce di sangue si riscontra nella maggioranza (55-60%) delle donne che si sono rivolte con patologie ginecologiche.

Forme

I primi segni di tracce di sangue nelle secrezioni intermestruali non sono motivo di panico, ma non dovresti ignorare completamente una simile "campana". L'autodiagnosi è impossibile, ma ogni donna può analizzare gli eventi precedenti e osservare se stessa. Le violazioni una tantum, di regola, non sono un segno di patologia, ma se l'evento si ripete di mese in mese, è necessario sottoporsi ad un esame.

Una perdita sanguinolenta un giorno dopo il ciclo mestruale potrebbe semplicemente essere una continuazione del ciclo mestruale. Tale scarica può essere innescata da una notte tempestosa, da forti preoccupazioni, da surriscaldamento o da un'elevata attività fisica. In questi casi, "unge" un giorno o due e passerà. Una situazione occasionale non dovrebbe destare molta preoccupazione.

Anche lo stress, il cambio di fuso orario, il sovraccarico nervoso o fisico possono causare irregolarità mestruali più prolungate. È possibile differenziare tali cause da patologie più gravi solo dopo l'esame.

La comparsa regolare di tracce di sangue un giorno dopo le mestruazioni è già motivo di visita. Soprattutto se sono presenti altri sintomi: dolore, prurito, febbre, debolezza, ipotensione; se il sangue nelle secrezioni appare quotidianamente, ad esempio per diversi giorni, o se l'intensità delle secrezioni aumenta.

Le perdite di sangue 1, 2 settimane dopo il ciclo mestruale possono essere causate dall'ovulazione, poiché non sempre si verifica a metà del ciclo, il suo inizio può essere calcolato. La durata della fase del ciclo prima dell'ovulazione varia a seconda della sua durata, la seconda fase dura 14 giorni per tutti. Pertanto, nelle donne con un ciclo breve (21 giorni), la perdita di sangue una settimana dopo la fine delle mestruazioni coincide con l'inizio dell'ovulazione e può essere abbastanza innocua. Se sono già trascorse due settimane dal ciclo, generalmente si tratta di un periodo ovulatorio abbastanza comune. Di solito tali secrezioni sono piccole saccarosio o brunastre, possono esserci colori più pronunciati e brillanti, possono anche esserci piccoli coaguli e dolore doloroso accompagnatorio nell'addome inferiore. Ma in ogni caso tali sintomi si osservano per un breve periodo, uno o due giorni. Se le perdite di sangue aumentano, non scompaiono, hanno un odore sgradevole, schiuma, calce, pus, quindi è necessario consultare immediatamente un medico.

Una settimana dopo la fine delle mestruazioni, in caso di anovulazione, cioè in assenza di ovulazione , compaiono nuovamente perdite di sangue. La possibilità di ciò è inoltre indicata da un ciclo mestruale abitualmente instabile.

La caratterizzazione quantitativa come secrezione sanguinolenta abbondante o scarsa dopo le mestruazioni non dice nulla sia al paziente che al medico. In primo luogo, la valutazione quantitativa è soggettiva, in secondo luogo, la durata dell'evento e i sintomi che lo accompagnano sono di grande importanza. Le secrezioni ungueali scure, marroni, rosa senza dolore, usa e getta e di breve durata possono essere, nella maggior parte dei casi, abbastanza innocue. Soprattutto se una donna ha iniziato a usare la contraccezione ormonale o ha inserito un dispositivo intrauterino. Se la condizione non si stabilizza dopo diversi mesi, il metodo contraccettivo deve essere cambiato.

Allo stesso tempo, sintomi così piccoli e di breve durata possono indicare la presenza di polipi cervicali / della cavità uterina , erosione cervicale (queste patologie sono qualificate come precancerose!), nonché lo stadio iniziale dello sviluppo del tumore maligno. I sintomi più pronunciati appariranno più tardi, man mano che si sviluppa il processo tumorale.

Le perdite scure o rosa dopo le mestruazioni con odore sono spesso un sintomo di infiammazione. Striature brune o sanguinanti nella massa della cagliata bianca con odore acre indicano la presenza di candidosi vaginale , in grigio-verdastro con odore di pesce - di disbatteriosi della mucosa vaginale , in verde-giallastro - presenza di infezione batterica, in schiumoso - la fase acuta della tricomoniasi . Lo scarico sanguigno con un odore sgradevole è caratteristico dell'endometrite o dell'endocervicite , le mucose con striature di sangue possono essere con erosione cervicale. Quasi sempre le suddette secrezioni provocano prurito nella vagina . Inoltre, le infezioni pure sono rare, di regola sono combinate e, sullo sfondo dell'infiammazione, spesso si formano polipi, si sviluppa l'endometriosi .

Perdite sanguinolente dopo le mestruazioni e tirature addominali possono essere sintomi di endometrite cronica o endometriosi, iperplasia endometriale , mioma uterino , poliposi, gravidanza ectopica, precursori di aborto precoce . Si osservano scarichi con coaguli di sangue con scarsa coagulazione, neoplasie, presenza di un dispositivo intrauterino.

Dopo il ciclo mestruale, le perdite di sangue dopo il rapporto sessuale possono essere il risultato di un danno alla parete vaginale. Una piccola quantità di sangue fresco esce dalle microfessure. Lo stesso quadro clinico dopo il rapporto sessuale può essere in presenza di erosione cervicale o polipo cervicale, infiammazione del canale cervicale.

Le perdite sanguinolente dopo l'ovulazione e prima delle mestruazioni, le perdite scarlatte o sanguinolente sono caratteristiche delle malattie dell'endometrio, così come l'erosione cervicale può sanguinare. Possono essere causate da ipotiroidismo e da altre patologie endocrinologiche. Anche se spesso tutte queste condizioni, soprattutto all'inizio, sono del tutto asintomatiche.

Per un periodo piuttosto lungo (circa un mese) si può osservare una secrezione sanguinolenta dopo interventi ginecologici: aborto , raschiamento diagnostico . Tuttavia, se ad essi si uniscono pus e dolore, è necessario cercare aiuto immediato.

Qualsiasi perdita di sangue dopo le mestruazioni è considerata una potenziale patologia e può essere un sintomo di una malattia grave, quindi non ignorarla, soprattutto se la sua comparsa non è un evento isolato. Non ritardare una visita dal medico, se la perdita di sangue dopo il ciclo è accompagnata da:

  • dolore pelvico;
  • dolore al basso ventre , che si irradia alla gamba;
  • con una condizione febbrile;
  • un calo di energia.

Chi contattare?

Diagnostica Sanguinamento postmestruale

Le perdite di sangue dopo le mestruazioni non sono un sintomo raro e le ragioni che le hanno causate sono piuttosto diverse. La presenza di tracce di sangue nelle secrezioni non sempre indica una patologia grave, ma per escluderla è necessario effettuare un esame con metodi di laboratorio e strumentali. Per scoprire la causa di solito ci vuole tempo. Prima di tutto, la paziente viene intervistata per raccogliere l'anamnesi e conduce una visita ginecologica, durante la quale il medico preleva uno striscio vaginale e lo invia al laboratorio per la coltura e l'esame citologico. Al paziente vengono prescritti esami clinici generali di urina e sangue, se necessario: analisi del sangue , coagulogramma , determinazione del livello degli ormoni sessuali, ormoni tiroidei. Possono essere prescritti altri esami, nonché consultazioni con specialisti specializzati.

La seguente diagnostica strumentale viene spesso prescritta per i pazienti con il problema delle perdite di sangue dopo le mestruazioni: esame ecografico dei genitali, video colposcopia, isteroscopia della cavità uterina , risonanza magnetica degli organi pelvici. Può essere prescritto un raschiamento diagnostico del canale cervicale o della cavità uterina con raccolta di materiale per l'esame istologico.

In base ai risultati dell'esame e ai dati degli studi strumentali, viene effettuata la diagnosi differenziale, escludendo costantemente le condizioni più pericolose.

Trattamento Sanguinamento postmestruale

Non è consigliabile interrompere il sanguinamento intermestruale a casa. È necessario consultare un medico, perché è fortemente sconsigliato assumere farmaci emostatici e ormonali senza la supervisione di un medico.

Quando prescrive il trattamento, il medico sarà guidato dai risultati dell'esame. Se una donna ha una significativa perdita di sangue, anemia, indipendentemente dalla diagnosi, le verranno prescritti agenti emostatici e farmaci che aiutano a ripristinare la composizione del sangue. Questi possono essere complessi vitaminici, minerali, proteici e di ferro.

Estrogeni, progesteroni e le loro varie combinazioni vengono utilizzati per ripristinare i normali livelli ormonali. L’ossitocina, che aumenta la contrattilità dell’utero, può essere prescritta per fermare le abbondanti perdite di sangue.

In caso di sanguinamento indotto da farmaci, il farmaco che lo ha causato viene sospeso o la sua dose viene aggiustata e viene selezionato un metodo alternativo di protezione contro una gravidanza indesiderata.

Quando viene rilevata una patologia non ginecologica che ha causato sanguinamento intermestruale, trattare la malattia di base, compensando parallelamente la perdita di sangue ed eliminando l'interruzione dell'equilibrio ormonale. Se la dimissione è causata da insonnia prolungata, forte stress, al paziente vengono prescritti sedativi.

Le malattie infiammatorie di origine non infettiva e le malattie sessualmente trasmissibili sono trattate in modo conservativo. A seconda dei risultati dell'esame e delle cause riscontrate, viene prescritto un ciclo di trattamento appropriato.

Se la secrezione sanguinolenta è causata da neoplasie, si ricorre al trattamento chirurgico.

Se vengono rilevate neoplasie benigne (polipo della cervice o della cavità uterina, iperplasia endometriale), il tumore viene prima rimosso con l'esecuzione del raschiamento diagnostico del contenuto della cavità uterina. Quindi, dopo l'esame istologico, viene prescritto un trattamento conservativo individuale per prevenire la ricrescita della neoplasia.

Attualmente si privilegiano gli interventi minimamente invasivi. L'isteroscopia ampiamente utilizzata è un'operazione endoscopica eseguita sotto controllo computerizzato, che consente di rimuovere solo parti della mucosa con segni di patologia benigna. La mucosa dell'utero viene traumatizzata molto meno rispetto al raschiamento classico. Dopo l'isteroscopia, i pazienti si riprendono più velocemente, ma non vengono utilizzati se si sospetta un processo maligno. In tal caso, viene eseguita solo la resezione diagnostica con l'aiuto di un isteroscopio.

L'ablazione elettrochirurgica o laser dell'endometrio o, più semplicemente, la bruciatura endometriale, può essere utilizzata per lesioni estese della mucosa uterina interna. Tali interventi vengono solitamente utilizzati in pazienti che hanno perso la capacità di procreare con sanguinamento prolungato e/o controindicazioni alla terapia ormonale. Nei pazienti in età fertile questo intervento viene eseguito su indicazioni rigorose, poiché dopo l'elettroablazione l'endometrio non è recuperabile. Viene utilizzata anche la criodistruzione (congelamento).

Se l'istologia mostra la presenza di cambiamenti maligni nelle cellule dell'organo genitale, di solito è indicato rimuoverlo. Il cancro ginecologico comprende neoplasie maligne del corpo dell'utero, della sua cervice e delle ovaie. L'entità dell'intervento chirurgico dipende dal grado di prevalenza del processo e dalla localizzazione del tumore.

Le giovani donne cercano di preservare il più possibile la loro fertilità. In tutti i casi è preferibile l’intervento laparoscopico in quanto meno traumatico. Molte cliniche sono ora in grado di eseguire ectomie laparoscopiche totali. L'intervento chirurgico è seguito da chemioterapia e/o radioterapia come indicato.

Complicazioni e conseguenze

Se una donna controlla la propria salute e non ignora la comparsa di sintomi allarmanti, non dovrebbero esserci conseguenze gravi per la salute. Qualsiasi malattia in fase iniziale è sempre più facile da trattare e il risultato del trattamento sarà favorevole.

La presenza di sangue nella vagina modifica l'equilibrio acido-base della vagina e della sua microflora: l'ambiente predominante diventa un ambiente opportunistico, che porta a malattie infiammatorie e apre la porta alle infezioni.

In caso di perdite di sangue regolari e prolungate senza intervento medico possono svilupparsi complicazioni associate alla perdita di sangue (anemia), con patologie ginecologiche e sistemiche. Non si esclude il progresso delle malattie e lo sviluppo di condizioni che mettono a rischio la sicurezza della fertilità e perfino la vita della donna.

Prevenzione

  1. Visita preventiva all'ambulatorio ginecologico una volta all'anno, in caso di malattia cronica della sfera sessuale - una volta ogni sei mesi.
  2. Se si verifica un problema, non rimandare troppo a lungo la visita dal medico.
  3. Abbandono delle cattive abitudini, che sono un fattore oncogeno.
  4. Cibi integrali.
  5. Quanta più attività fisica possibile, mantenendo un peso corporeo normale.
  6. Mantenere un calendario di monitoraggio del ciclo mestruale.
  7. Rispetto delle regole di igiene sessuale.
  8. Cerca di evitare lo stress, lo scompenso delle malattie croniche.

Previsione

Nella stragrande maggioranza dei casi che prevedono un trattamento conservativo, le perdite di sangue dopo le mestruazioni vengono eliminate senza perdita di fertilità. La prognosi per la vita è favorevole.

Anche una neoplasia maligna diagnosticata tempestivamente può essere curata completamente, sebbene non sempre la fertilità possa essere preservata. Lo stesso vale per le formazioni benigne. Dopo l'ovario o l'isterectomia, l'ablazione, è possibile vivere in modo abbastanza qualitativo, ma si perde la capacità di procreare.

La prognosi è meno favorevole per la vita nel cancro dell'endometrio e nel processo di cancro disseminato che coinvolge diversi organi.

Letteratura

  • Ailamazyan, EK Ostetricia. Guida nazionale. Edizione breve / a cura di EK Ailamazyan, VN Serov, VE Radzinsky, GM Savelieva. - Mosca: GEOTAR-Media, 2021. - 608 pp.
  • Savelieva, GM Ginecologia: guida nazionale / a cura di GM Savelieva, GT Sukhikh, VN Serov, VE Radzinsky, IB Manukhin. - 2a ed. Mosca: GEOTAR-Media, 2022.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.