^

Salute

A
A
A

Sindrome dell'intestino irritabile

 
, Editor medico
Ultima recensione: 24.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una malattia funzionale del tratto gastrointestinale, caratterizzata da dolore e / o disagio nell'addome, che passano dopo l'atto di defecazione.

Questi sintomi sono accompagnati da un cambiamento nella frequenza e consistenza delle feci e sono combinati con almeno due sintomi persistenti di disfunzione intestinale:

  • cambiare la frequenza delle feci (più spesso 3 volte al giorno o meno di 3 volte a settimana);
  • cambiamento nella consistenza delle feci (feci grumose, dense o feci acquose);
  • cambiare l'atto di defecazione;
  • impulsi imperativi;
  • una sensazione di svuotamento incompleto dell'intestino;
  • la necessità di ulteriori sforzi durante la defecazione;
  • secrezione di muco con le feci;
  • gonfiore, flatulenza;
  • brontolio nell'addome.

La durata di questi disturbi dovrebbe essere di almeno 12 settimane negli ultimi 12 mesi. Tra i disturbi dell'atto di defecazione, viene data particolare importanza agli impulsi imperativi, ai tenesmi, alla sensazione di movimento intestinale incompleto, a sforzi supplementari durante la defecazione (criterio romano II).

La causa è sconosciuta e la fisiopatologia non è completamente compresa. La diagnosi è stabilita clinicamente. Il trattamento è sintomatico, consistente in nutrizione dietetica e terapia farmacologica, inclusi farmaci anticolinergici e sostanze che attivano i recettori della serotonina.

La sindrome dell'intestino irritabile è la diagnosi di esclusione, vale a dire la sua istituzione è possibile solo dopo l'esclusione di malattie organiche.

Codice ICD-10

Sindrome dell'intestino irritabile K58.

Epidemiologia della sindrome dell'intestino irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile è particolarmente diffusa nei paesi industrializzati. Secondo le statistiche mondiali, dal 30 al 50% dei pazienti che si recano in stanze gastroenterologiche soffrono di sindrome dell'intestino irritabile; presumibilmente il 20% della popolazione mondiale ha sintomi di sindrome dell'intestino irritabile. Solo 1/3 dei pazienti si rivolgono alle cure mediche. Le donne sono ammalate 2-4 volte più spesso degli uomini.

Dopo 50 anni, il rapporto tra uomini e donne è vicino a 1: 1. L'insorgenza della malattia dopo 60 anni è dubbia.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11], [12], [13], [14]

Che cosa causa la sindrome dell'intestino irritabile?

La causa della sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è sconosciuta. Non c'era alcuna causa patologica. Fattori emotivi, dieta, farmaci o ormoni possono accelerare e aggravare le manifestazioni del tratto gastrointestinale. Alcuni pazienti hanno condizioni ansiose (in particolare ansia di panico, sindrome depressiva maggiore e sindrome di somatizzazione). Tuttavia, lo stress e il conflitto emotivo non sempre coincidono con l'inizio della manifestazione della malattia e la sua ricaduta. In alcuni pazienti con sintomi sindrome dell'intestino irritabile sono individuati, definiti nella letteratura scientifica come sintomi atipici di comportamento dolorosa (es. E., esprimono conflitto emotivo come un disturbo gastrointestinale denunce, dolore di solito addominale). Un medico esamina un paziente con sindromomrazdrazhonnogo intestinale, particolarmente resistente al trattamento, deve analizzare i problemi psicologici irrisolti, compresa la possibilità di abuso sessuale o fisico.

Non ci sono violazioni persistenti della motilità. In alcuni pazienti, c'è un disturbo del riflesso gastrointestinale con attività colonica ritardata e prolungata. In questo caso, potrebbe esserci un ritardo nell'evacuazione dallo stomaco o una violazione della motilità del digiuno. Alcuni pazienti non hanno anomalie oggettivamente dimostrate e in quei casi in cui sono state identificate violazioni, la correlazione diretta con i sintomi potrebbe non essere osservata. Passaggio attraverso il piccolo intestino: a volte il segmento prossimale dell'intestino tenue mostra iperreattività al cibo o ai parasimpaticomimetici. Lo studio della pressione intestinale del colon sigmoideo ha mostrato che il ritardo funzionale delle feci può essere combinato con la segmentazione iperreattiva del haustra (cioè, aumento della frequenza e dell'ampiezza delle contrazioni). Al contrario, la diarrea è associata a una diminuzione della funzione motoria. Pertanto, i tagli forti possono accelerare o ritardare il passaggio di volta in volta.

La produzione eccessiva di muco, che è spesso osservata nella sindrome dell'intestino irritabile, non è associata a lesioni della mucosa. La ragione di ciò non è chiara, ma può essere associata all'iperattività colinergica.

Esiste un'ipersensibilità allo stretching normale e all'aumento del lume intestinale, nonché un aumento della sensibilità al dolore con il normale accumulo di gas nell'intestino. Il dolore, molto probabilmente, è causato da contrazioni patologicamente gravi della muscolatura liscia dell'intestino o da una maggiore sensibilità dell'intestino allo stretching. Può anche essere presente ipersensibilità agli ormoni gastrina e colecistochinina. Tuttavia, le fluttuazioni ormonali non sono correlate con i sintomi. Il cibo ipercalorico può portare ad un aumento della magnitudo e della frequenza dell'attività elettrica della muscolatura liscia e della motilità gastrica. Gli alimenti grassi possono causare un picco ritardato nell'attività motoria, che può essere significativamente aumentata nella sindrome dell'intestino irritabile. I primi giorni di mestruazione possono portare ad un aumento transitorio della prostaglandina E2, che è probabile che stimoli il dolore e la diarrea.

I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile tende ad iniziare negli adolescenti e nei giovani, debuttando con sintomi che hanno una natura irregolare ricorrente. Lo sviluppo della malattia negli adulti non è raro, ma è raro. I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile raramente compaiono durante la notte, possono essere causati da stress o assunzione di cibo.

Caratteristiche flusso sindrome dell'intestino irritabile includono dolore addominale associati al ritardo defecazione, cambiamento nella frequenza feci o consistenza, gonfiore, muco nelle feci, e sensazione di svuotamento incompleto del retto dopo feci. In generale, il carattere e la localizzazione del dolore, i fattori provocatori e la natura delle feci sono diversi per ogni paziente. Cambiamenti o anomalie da sintomi comuni suggeriscono una malattia intercorrente e questi pazienti devono essere sottoposti ad un esame completo. I pazienti con sindrome dell'intestino irritabile possono verificarsi anche ekstrakishechnye sintomi sindrome dell'intestino irritabile (ad es., Fibromialgia, mal di testa, disuria, temporomandibolare sindrome dell'articolazione).

Sono stati descritti due principali tipi clinici di sindrome dell'intestino irritabile.

Nella sindrome dell'intestino irritabile con ritardo sedia predominanza (sindrome dell'intestino irritabile con costipazione prevalenza) nella maggior parte dei pazienti hanno dolore di più di una zona del colon con sedia periodi di ritardo, alternati con la sua frequenza normale. Le feci contengono spesso muco chiaro o bianco. Il dolore ha un carattere parossistico come la colica o il carattere di dolore dolorante; la sindrome del dolore può diminuire dopo la defecazione. Mangiare di solito causa sintomi. Possono verificarsi anche gonfiore, perdite frequenti di gas, nausea, dispepsia e bruciore di stomaco.

La sindrome dell'intestino irritabile con una predominanza di diarrea è caratterizzata da diarrea imperativa, che si sviluppa immediatamente durante o dopo un pasto, specialmente con l'assunzione di fast food. La diarrea notturna è rara. Dolore tipico, gonfiore e improvvisi desideri sulla sedia, è possibile sviluppare feci per l'incontinenza. La diarrea indolore è insolita, questo dovrebbe indurre il medico a considerare altre possibili cause (ad esempio, malassorbimento, diarrea osmotica).

Diagnosi della sindrome dell'intestino irritabile

Diagnosi di sindrome dell'intestino irritabile basa sulla caratteristica di manifestazioni intestinali, la natura e il tempo di insorgenza di dolore e l'esclusione di altre malattie su esame fisico e uno strumento standard. Ricerca diagnostica dovrebbe essere il più veloce possibile, in caso di fattori di rischio ( "sintomi di allarme"): la vecchiaia, la perdita di peso, sanguinamento rettale, vomito. Principali malattie che possono simulare sindrome dell'intestino irritabile, intolleranza al lattosio includono, malattia diverticolare, farmaci diarrea, malattie del tratto biliare, abuso di lassativi, malattie parassitarie, enteriti batteriche, gastrite eosinofila o enterite, colite microscopica e la malattia infiammatoria intestinale.

Ipertiroidismo, sindrome carcinoide, carcinoma midollare della tiroide, vipoma e sindrome di Zollinger-Ellison sono ulteriori possibili cause di diarrea nei pazienti. La distribuzione bimodale dell'età dei pazienti con malattia infiammatoria intestinale consente la valutazione di gruppi di pazienti giovani e anziani. I pazienti di età superiore ai 60 anni devono essere esclusi dalla colite ischemica. I pazienti con ritardo delle feci e assenza di motivi anatomici devono essere esaminati per ipotiroidismo e iperparatiroidismo. Se i sintomi suggeriscono malassorbimento, sprue, celiachia e malattia di Whipple, è necessario un ulteriore esame. È richiesto l'esame dei casi di ritenzione di defecazione in pazienti con disturbi della necessità di sforzi severi durante la defecazione (ad es. Disfunzione dei muscoli del pavimento pelvico).

trusted-source[15], [16], [17], [18], [19], [20], [21], [22], [23], [24], [25], [26], [27]

Storia

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla natura del dolore, alle caratteristiche dell'intestino, alla storia familiare, alle droghe utilizzate e alla natura della nutrizione. È anche importante valutare i singoli problemi del paziente e il loro stato emotivo. La pazienza e la perseveranza del paziente sono la chiave per una diagnosi e un trattamento efficaci.

Sulla base dei sintomi, i criteri romani per la diagnosi della sindrome dell'intestino irritabile sono sviluppati e standardizzati; i criteri si basano sulla presenza, per almeno 3 mesi, di quanto segue:

  1. dolore addominale o disagio che diminuiscono dopo la defecazione o sono associati a un cambiamento nella frequenza o nella consistenza delle feci,
  2. violazione di defecazione caratterizzato da almeno due dei seguenti sintomi: cambiamento nella frequenza di evacuazione, cambiano forma sgabello, la natura mutevole della sedia, la presenza di muco e gonfiore o sensazione di svuotamento incompleto del retto dopo feci.

trusted-source[28], [29], [30], [31], [32], [33], [34], [35], [36], [37], [38]

Esame fisico

In generale, le condizioni del paziente sono soddisfacenti. La palpazione dell'addome può rivelare dolore, specialmente nel quadrante inferiore sinistro, associato alla palpazione del colon sigmoideo. Tutti i pazienti devono sottoporsi a un esame rettale digitale, incluso un esame del sangue occulto nelle feci. Nelle donne, l'esame pelvico (esame vaginale bimanuale) aiuta a escludere i tumori e le cisti ovariche o l'endometriosi, che può simulare la sindrome dell'intestino irritabile.

Diagnosi strumentale della sindrome dell'intestino irritabile

È necessario eseguire proctosigmoscopy con un endoscopio flessibile. L'introduzione di un sigmoidoscopio e l'insufflazione dell'aria spesso causano spasmi e dolori all'intestino. Il quadro mucoso e vascolare nella sindrome dell'intestino irritabile di solito non è cambiato. La colonscopia è più preferibile nei pazienti di età superiore a 40 anni con disturbi che suggeriscono alterazioni nel colon e specialmente nei pazienti senza precedenti sintomi di sindrome dell'intestino irritabile al fine di escludere la poliposi e i tumori dell'intestino crasso. Nei pazienti con diarrea cronica, in particolare donne anziane, la biopsia della mucosa può escludere la possibile colite microscopica.

In molti pazienti con sindrome dell'intestino irritabile, di norma, viene eseguito un esame diagnostico eccessivo. Nei pazienti il cui quadro clinico è coerente con i criteri romani, ma che non hanno altri sintomi o segni che indicano una patologia diversa, i risultati dei test di laboratorio non influenzano la diagnosi. Se la diagnosi è discutibile, devono essere eseguiti i seguenti test: un esame del sangue generale, una VES, un esame del sangue biochimico (compresi test epatici funzionali e amilasi sierica ), un test delle urine e un livello di ormone stimolante la tiroide.

Ulteriori ricerche

(Ultrasuoni, CT, clisma opaco, dell'esofagogastroduodenoscopia e X-ray del piccolo intestino sono anche presenti in caso di incertezza nella diagnosi della sindrome dell'intestino irritabile, per identificare altri sintomi e disfunzioni. Se i cambiamenti strutturali diagnosticati di tenue mostra l'esecuzione del test H2-respiratorio. Semina batteriologica sedia o indagine fecale e antielminti infestazione da parassiti raramente positiva, in assenza di indicazioni per la precedente storia di un comportamento di marcia o particolari (ad es., febbre, letto feci liquide, esordio acuto di grave diarrea).

trusted-source[39], [40], [41], [42], [43], [44], [45]

Malattia intercorrente

Il paziente può sviluppare altri, non harakterinye per la sindrome dell'intestino irritabile, disturbi del tratto gastrointestinale, e il medico deve prendere in considerazione queste lamentele. Cambiamenti nei sintomi (per esempio, nella localizzazione, la natura o l'intensità del dolore ;. In condizione nell'intestino, determinata dalla palpazione nelle feci ritardo e diarrea) e la comparsa di nuovi sintomi o reclami (. Es, diarrea notturna) può segnalare la presenza di altre malattie. Nuovi sintomi Wink che richiedono ulteriore studio includono: sangue fresco nelle feci, perdita di peso, forti dolori addominali o inusuali allargamento addominale, steatorrea, o feci maleodoranti, febbre, brividi, vomito persistente, gematomezis sintomi che disturbano il sonno (ad es. Dolore, sollecitare la sedia), e persistente deterioramento progressivo. Nei pazienti di età superiore a 40 anni più probabilità di sviluppare la patologia somatica rispetto ai pazienti più giovani.

Chi contattare?

Trattamento della sindrome dell'intestino irritabile

Il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile è sintomatico e palliativo. La simpatia e la psicoterapia sono di fondamentale importanza. Il medico dovrebbe spiegare le ragioni principali e convincere il paziente dell'assenza di patologia somatica. Ciò comporta la spiegazione della fisiologia normale dell'intestino, prestando particolare attenzione all'ipersensibilità intestinale, all'effetto del cibo o dei farmaci. Tali spiegazioni costituiscono la base per la nomina di una terapia regolare, standard, ma individuale. Va sottolineato la prevalenza, la natura cronica e la necessità di continuare il trattamento.

In caso di sovraccarico psicologico, ansia o cambiamenti dell'umore, è necessario valutare la condizione e la terapia appropriata. Un'attività fisica regolare aiuta a ridurre lo stress e migliorare la funzione intestinale, specialmente nei pazienti con ritardo delle feci.

Nutrizione e sindrome dell'intestino irritabile

In generale, la nutrizione normale dovrebbe essere mantenuta. Il cibo non dovrebbe essere eccessivamente abbondante e mangiare è lento e misurato. I pazienti con gonfiore e aumento della produzione di gas dovrebbero limitare o escludere l'uso di fagioli, cavoli e altri alimenti contenenti carboidrati che possono essere sottoposti a fermentazione intestinale microbica. Ridurre il consumo di mele e succo d'uva, banane, noci e uvetta può anche ridurre la flatulenza. I pazienti con segni di intolleranza al lattosio dovrebbero ridurre il consumo di latte e prodotti lattiero-caseari. La funzione anormale dell'intestino può essere dovuta al consumo di alimenti contenenti sorbitolo, mannitolo o fruttosio. Il sorbitolo e il mannitolo sono sostituti artificiali dello zucchero utilizzati nei cibi dietetici e nelle gomme da masticare, mentre il fruttosio è un elemento comune di frutti, bacche e piante. I pazienti con dolore addominale postprandiale possono essere raccomandati una dieta a basso contenuto di grassi con alto contenuto proteico.

La fibra alimentare può essere efficace a causa dell'assorbimento e dell'addolcimento dell'acqua delle feci. È indicato per i pazienti con feci ritardate. Possono essere utilizzate sostanze a debole caloria [ad es. Crusca cruda, a partire da 15 ml (1 cucchiaio da tavola) ad ogni pasto, con un maggiore apporto di liquidi]. In alternativa, si può usare un mucilloide idrilico di psillio con due bicchieri d'acqua. Tuttavia, l'uso eccessivo di fibre può portare a gonfiore e diarrea. Pertanto, la quantità di fibra deve essere adattata alle esigenze individuali.

Trattamento farmacologico della sindrome dell'intestino irritabile

La terapia farmacologica della sindrome dell'intestino irritabile è indesiderabile, tranne che per l'uso a breve termine durante i periodi di esacerbazione. I farmaci anticolinergici (ad es., Iosciamina 0,125 mg per 30-60 minuti prima dei pasti) possono essere usati come agenti antispastici. Nuovi antagonisti selettivi dei recettori muscarinici M, inclusi zamifenacina e darifenacina, hanno meno effetti collaterali cardiaci e gastrici.

La modulazione del recettore della serotonina può essere efficace. Gli agonisti del recettore 5HT4 tegaserod e prucalopride possono essere efficaci nei pazienti con ritardo delle feci. Gli antagonisti del recettore 5HT4 (ad es. Alosetron) possono favorire i pazienti con diarrea.

I pazienti con diarrea prima dei pasti possono essere somministrati per via orale diphenoxylate 2,5-5 mg o loperamide 2-4 mg. Tuttavia, l'uso continuato di farmaci antidiarroici è indesiderabile a causa dello sviluppo della tolleranza ai farmaci. In molti pazienti, antidepressivi triciclici (ad es., Desipramina, imipramina, amitriptilina 50-150 mg per via orale una volta al giorno 1) ridurre i sintomi di diarrea e feci ritardo, dolori addominali e flatulenza. Questi farmaci dovrebbero ridurre il dolore attraverso l'attivazione post-attivazione del midollo spinale e impulsi afferenti corticali provenienti dall'intestino. Infine, per alleviare la sindrome dell'intestino irritabile, alcuni oli aromatici che contribuiscono alla fuga di gas possono aiutare ad alleviare lo spasmo della muscolatura liscia e ridurre la sindrome del dolore in alcuni pazienti. L'olio di menta piperita è la droga più comunemente usata di questo gruppo.

trusted-source[46], [47], [48], [49], [50], [51], [52], [53], [54], [55], [56]

Farmaci

È importante sapere!

Il colon ascendente (colon ascendens) ha una lunghezza di 18-20 cm. La posizione del colon ascendente è variabile. Il suo lato posteriore occupa l'estrema posizione laterale destra sulla parete posteriore della cavità addominale. Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.