^

Salute

Ippocampo

, Editor medico
Ultima recensione: 23.11.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Se l'antica mitologia greca chiamava l'ippocampo il signore dei pesci, rappresentandolo sotto forma di un mostro marino - un cavallo con una coda di pesce, allora l'ippocampo del cervello, che è la sua struttura importante, ha ricevuto questo nome a causa della somiglianza di la sua forma nel piano assiale con un insolito pesce a forma di ago del genere Hippocampus - il pattino marino.

A proposito, il secondo nome della struttura interna curva del lobo temporale del cervello, datogli dagli anatomisti a metà del XVIII secolo - il corno di Ammon (Cornu Ammonis), è associato al dio egizio Amon (nel Forma greca - Ammon), che era raffigurato con le corna di montone.

La struttura dell'ippocampo e la sua struttura

L'ippocampo è una struttura complessa profonda nel  lobo temporale del cervello : tra il suo lato mediale e il corno inferiore del  ventricolo laterale , formando una delle sue pareti.

Strutture allungate interconnesse dell'ippocampo (pieghe della materia grigia dell'archicorteccia piegate l'una nell'altra) si trovano lungo l'asse longitudinale del cervello, uno in ciascuno dei lobi temporali: l'ippocampo destro e l'ippocampo sinistro controlaterale ad esso. [1]

Negli adulti, la dimensione dell'ippocampo - lunghezza dalla parte anteriore a quella posteriore - varia da 40-52 mm.

Le strutture principali sono l'ippocampo vero e proprio (Cornu Ammonis) e il giro dentato (Gyrus dentatus); evidenziano anche la corteccia subicolare, che è l'area della materia grigia della corteccia cerebrale che circonda l'ippocampo.[2]

Il corno di Ammon forma un arco, la cui parte rostrale (anteriore) è ingrandita ed è definita come la testa dell'ippocampo, che si piega indietro e verso il basso, formando sul lato mediale del lobo temporale un uncino ippocampale o uncus (dal latino uncus - uncino) - (Uncus hippocampi). Anatomicamente, è l'estremità anteriore del giro paraippocampale (Gyrus parahippocampi), che è curvato attorno all'ippocampo stesso e sporge nella parte inferiore del corno temporale (inferiore) del ventricolo laterale.

Anche nella parte rostrale ci sono ispessimenti sotto forma di tre o quattro sporgenze separate della circonvoluzione corticale, che sono chiamate le dita dell'ippocampo (Digitationes hippocampi).

La parte centrale della struttura è definita come il corpo, e la parte di esso, chiamata alveo, è la parte inferiore del ventricolo laterale (corno temporale) del cervello ed è quasi completamente ricoperta dal plesso coroideo, che è una combinazione della pia madre e dell'ependima (il tessuto che riveste la cavità ventricolare). Le fibre della sostanza bianca dell'alveo sono raccolte in fasci ispessiti sotto forma di frangia o fimbria (Fimbria hippocampi), quindi queste fibre passano nel fornice del cervello.

Sotto l'ippocampo c'è il suo sbocco principale: la parte superiore piatta del giro paraippocampale, chiamato Subiculum. Questa struttura è separata da una fessura rudimentale poco profonda o solco dell'ippocampo (Sulcus hippocampalis), che è una continuazione del solco del corpo calloso (Sulcus corporis callosi) e corre tra il giro paraippocampale e dentato. [3]

E il giro dentato dell'ippocampo, chiamato anche paraippocampo, è un solco concavo a tre strati separato dalla fibria e dal subiculum da altri solchi.

Va inoltre tenuto presente che l'ippocampo e il giro dentato e paraippocampale adiacente, il subiculum e la corteccia entorinale (parte della corteccia del lobo temporale) formano la formazione dell'ippocampo - sotto forma di un rigonfiamento nella parte inferiore del corno temporale del laterale ventricolo.

In questa zona - nelle superfici mediali di entrambi gli emisferi del cervello (Hemispherium cerebralis) - è localizzato un insieme di strutture cerebrali incluse nel  sistema limbico del cervello . Il sistema limbico e l'ippocampo, come una delle sue strutture (insieme all'amigdala, all'ipotalamo, ai gangli della base, al giro del cingolo, ecc.), sono collegati non solo anatomicamente, ma anche funzionalmente. [4]

L'apporto di sangue all'ippocampo viene effettuato dai vasi che forniscono sangue ai lobi temporali del cervello, cioè i rami dell'arteria cerebrale media. Inoltre, il sangue entra nell'ippocampo attraverso i rami dell'arteria cerebrale posteriore e dell'arteria coroidale anteriore. E il deflusso del sangue passa attraverso le vene temporali - anteriore e posteriore.

Neuroni dell'ippocampo e neurotrasmettitori

La corteccia eterogenea dell'ippocampo - allocortex - è più sottile della corteccia cerebrale ed è costituita dallo strato molecolare superficiale (strato molecolare), dallo strato intermedio dello strato pyralidae (costituito da cellule piramidali) e da uno strato profondo di cellule polimorfe.

A seconda delle caratteristiche della struttura cellulare dell'Ammone, il corno si divide in quattro diverse aree o campi (i cosiddetti settori Sommer): CA1, CA2, CA3 (l'area dell'ippocampo stesso, ricoperta di dentatura giro) e CA4 (nel giro dentato stesso).

Insieme, formano un circuito neurale trisinaptico (o circuito), in cui le funzioni di trasmissione degli impulsi nervosi sono svolte dai neuroni ippocampali, in particolare: neuroni piramidali eccitatori di CA1, CA3 e campi subiculum caratteristici delle strutture delle regioni anteriori del cervello. I neuroni piramidali glutammatergici con dendriti (processi afferenti) e assoni (processi efferenti) sono il principale tipo di cellule nel  tessuto nervoso  dell'ippocampo.

Inoltre, ci sono neuroni stellati e cellule granulari, concentrate nello strato di cellule granulari del giro dentato; Interneuroni GABAergici - neuroni intercalari (associativi) multipolari del campo CA2 e del paraippocampo; i neuroni basket (inibitori) del campo CA3, nonché gli interneuroni OLM intermedi recentemente identificati nella regione CA1. [5]

I messaggeri chimici che vengono rilasciati dalle vescicole secretorie delle principali cellule dell'ippocampo nella fessura sinaptica per trasmettere impulsi nervosi alle cellule bersaglio - neurotrasmettitori o neurotrasmettitori dell'ippocampo (e l'intero sistema limbico) - sono divisi in eccitatori e inibitori (inibitori ). I primi includono glutammato (acido glutammico), noradrenalina (norepinefrina), acetilcolina e dopamina, mentre i secondi includono GABA (acido gamma-aminobutirrico) e serotonina. A seconda di quali neurotrasmettitori agiscono sui recettori transmembrana nicotinici (ionotropici) e muscarinici (metabotropici) dei circuiti neuronali dell'ippocampo, si verifica l'eccitazione o la soppressione dell'attività dei suoi neuroni. [6]

Posizione nel corpo umano

Funzioni

Di cosa è responsabile l'ippocampo cerebrale, quali funzioni svolge nel sistema nervoso centrale? Questa struttura è collegata con l'intera corteccia cerebrale da vie afferenti indirette che passano attraverso la corteccia entorinale e il subicolo ed è coinvolta nell'elaborazione delle informazioni cognitive ed emotive. Di gran lunga, il legame tra l'ippocampo e la memoria è il più noto, e i ricercatori stanno anche esplorando come sono collegati l'ippocampo e le emozioni.

I neuroscienziati che studiano le funzioni dell'ippocampo lo hanno suddiviso topograficamente nella parte posteriore o dorsale e nella parte anteriore o ventrale. La parte posteriore dell'ippocampo è responsabile della memoria e delle funzioni cognitive e la parte anteriore è responsabile dell'espressione delle emozioni. [7]

Si ritiene che da una varietà di fonti lungo le fibre nervose adesive (commessure) della corteccia del lobo temporale, le informazioni arrivino all'ippocampo, che codifica e combina. Dalla memoria a breve termine,  [8]forma una memoria dichiarativa a lungo termine (su eventi e fatti) a causa del potenziamento a lungo termine, cioè una forma speciale di plasticità neurale - un aumento dell'attività dei neuroni e della forza sinaptica. Anche il recupero delle informazioni sul passato (ricordi) è regolato dall'ippocampo. [9]

Inoltre, le strutture dell'ippocampo sono coinvolte nel consolidamento della memoria spaziale e nell'orientamento mediato nello spazio. Questo processo consiste nella mappatura cognitiva delle informazioni spaziali e, come risultato della sua integrazione nell'ippocampo, si formano rappresentazioni mentali della posizione degli oggetti. E per questo esiste anche un tipo speciale di neuroni piramidali: posiziona le cellule. Presumibilmente, svolgono anche un ruolo importante nella memoria episodica, fissando le informazioni sull'ambiente in cui si sono verificati determinati eventi. [10]

Per quanto riguarda le emozioni, la più importante delle strutture cerebrali che sono direttamente correlate ad esse è il sistema limbico e la sua parte integrante: l'ippocampo. [11]

E a questo proposito, dovrebbe essere chiarito cos'è il cerchio dell'ippocampo. Non è la struttura anatomica del cervello, ma la cosiddetta catena limbica mediale o circolo emotivo Papesiano. Considerando l'ipotalamo come la fonte dell'espressione emotiva umana, il neuroanatomista americano James Wenceslas Papez ha proposto il suo concetto di formazione e controllo corticale delle emozioni e della memoria negli anni '30. Oltre all'ippocampo, questo cerchio includeva i corpi mastoidi della base dell'ipotalamo, il nucleo anteriore del talamo, il giro del cingolo, la corteccia del lobo temporale che circonda l'ippocampo e alcune altre strutture. [12]

Ulteriori studi hanno chiarito le connessioni funzionali dell'ippocampo. In particolare, l'amigdala (Corpus amygdaloideum), che si trova nel lobo temporale (di fronte all'ippocampo), è stata riconosciuta come il centro emotivo del cervello responsabile della valutazione emotiva degli eventi, della formazione delle emozioni e delle decisioni emotive. Come parte del sistema limbico, l'ippocampo e l'amigdala/amigdala/amigdala lavorano insieme in situazioni di stress e quando sorgono sentimenti di paura. Anche il giro paraippocampale è coinvolto nella reazione emotiva negativa e il consolidamento dei ricordi (terribili) espressi emotivamente si verifica nei nuclei laterali dell'amigdala. [13]

Numerose connessioni sinaptiche si trovano nel mesencefalo  dell'ipotalamo  e dell'ippocampo, che determina la loro partecipazione  alla risposta allo stress . Pertanto, la parte anteriore dell'ippocampo, fornendo un feedback negativo, controlla le risposte allo stress dell'asse neuroendocrino funzionale dell'ipotalamo-ipofisi-corteccia surrenale. [14]

Alla ricerca di una risposta alla domanda su come sono correlati l'ippocampo e la visione, gli studi neuropsicologici hanno stabilito la partecipazione al riconoscimento visivo di oggetti complessi e alla memorizzazione di oggetti del giro paraippocampale e della corteccia peririnale (parte della corteccia della Lobo temporale).

E quali connessioni hanno l'ippocampo e il cervello olfattivo (Rhinencephalon) è noto per certo. Innanzitutto, l'ippocampo riceve informazioni dal bulbo olfattivo (Bulbus olfattorius) attraverso l'amigdala. In secondo luogo, l'uncino ippocampale (uncus) è il centro olfattivo della corteccia cerebrale e può essere attribuito al rinencefalo. In terzo luogo, il giro paraippocampale, che memorizza le informazioni sugli odori, è incluso anche nella regione corticale, responsabile dell'olfatto. [15]Leggi di più -  Odore

Malattie dell'ippocampo e loro sintomi

Gli esperti attribuiscono l'ippocampo a una struttura piuttosto vulnerabile del cervello, il suo danno (comprese le lesioni cerebrali traumatiche) e le malattie correlate possono causare vari sintomi: neurologici e mentali.

I moderni metodi di neuroimaging aiutano a identificare i cambiamenti morfometrici nell'ippocampo (il suo volume), che sono presenti nel danno ipossico e in alcune malattie del cervello, nonché nelle sue deformità di riduzione.

L'asimmetria dell'ippocampo è considerata un segno clinico importante, poiché, presumibilmente, l'ippocampo sinistro e destro sono interessati in modo diverso durante l'invecchiamento. Secondo alcuni studi, l'ippocampo sinistro svolge il ruolo principale nella memoria verbale episodica (ricordo verbale dei ricordi) e l'ippocampo destro svolge un ruolo importante nel consolidamento della memoria spaziale. Secondo la misurazione, nelle persone di età superiore ai 60 anni, la differenza nei loro volumi è del 16-18%; aumenta con l'età e, rispetto alle donne, gli uomini hanno più asimmetria. [16]

Una leggera diminuzione dell'ippocampo che si verifica con l'età è considerata normale: i processi atrofici nel lobo temporale mediale e nella corteccia entorinale iniziano a verificarsi più vicino alla settima decade. Ma ridurre drasticamente il cervello del cavalluccio marino aumenta il rischio di demenza, i cui primi sintomi sono brevi episodi di perdita di memoria e disorientamento. Leggi di più nell'articolo -  I sintomi della demenza

La riduzione dell'ippocampo è molto più pronunciata nella  malattia di Alzheimer . Tuttavia, non è ancora chiaro se questo sia il risultato di questa malattia neurodegenerativa o sia un prerequisito per il suo sviluppo. [17]

Secondo gli studi, nei pazienti con disturbo depressivo generalizzato   e disturbi da stress di eziologia post-traumatica, c'è una diminuzione bilaterale e unilaterale del volume dell'ippocampo - del 10-20%. La depressione a lungo termine è anche accompagnata da una diminuzione o compromissione della neurogenesi nell'ippocampo. [18]Secondo i neurofisiologi, ciò è dovuto all'aumento dei livelli di cortisolo. Questo ormone viene prodotto e rilasciato dalla corteccia surrenale in risposta a stress fisico o emotivo e il suo eccesso influisce negativamente sui neuroni piramidali dell'ippocampo, compromettendo la memoria a lungo termine. È a causa dell'alto livello di cortisolo che l'ippocampo si restringe nei pazienti con  malattia di Itsenko-Cushing . [19], [20]

Una diminuzione del numero o un'alterazione delle cellule nervose nell'ippocampo può essere associata anche a processi infiammatori (neuroinfiammazione) del lobo temporale del cervello (ad esempio con meningite batterica, con encefalite da virus herpes simplex di tipo I o II) e prolungata attivazione della microglia, le cui cellule immunitarie (macrofagi) rilasciano citochine proinfiammatorie, proteinasi e altre molecole potenzialmente citotossiche.

Il volume di questa struttura cerebrale può essere ridotto nei pazienti con  gliomi  cerebrali, poiché le cellule tumorali producono il neurotrasmettitore glutammato nello spazio extracellulare, un eccesso del quale porta alla morte dei neuroni dell'ippocampo.

Inoltre, numerosi studi con analisi volumetrica MRI dell'ippocampo hanno registrato la sua diminuzione di lesioni cerebrali traumatiche, epilessia, deterioramento cognitivo moderato, malattie di Parkinson e Huntington,  schizofrenia , sindromi di Down e Turner. [21]

La malnutrizione del tessuto nervoso - ipotrofia dell'ippocampo - può avere un'eziologia ischemica dopo aver subito un ictus; nella tossicodipendenza, in particolare, si osserva oppioide, ipotrofia, a causa del metabolismo alterato della dopamina da parte di sostanze psicoattive.

I disturbi causati dalla mancanza di alcuni elementi influenzano il trofismo del tessuto nervoso dell'intero ippocampo, influenzando negativamente il funzionamento del sistema nervoso centrale. Quindi, la vitamina B1 o tiamina e l'ippocampo sono collegati dal fatto che in caso di carenza cronica di questa vitamina, i processi di formazione della memoria a breve termine vengono interrotti. Si è scoperto che con una mancanza di tiamina (il cui rischio è aumentato negli alcolisti) nel giro dentato e nei campi ippocampali CA1 e CA3, il numero di neuroni piramidali e la densità dei loro processi afferenti possono diminuire, motivo per cui ci sono interruzioni nella trasmissione degli impulsi nervosi. [22],  [23]Lungo fallimento tiaminovaya può causare la  sindrome di Korsakoff .

Una progressiva diminuzione del volume del tessuto nervoso con la perdita di neuroni - atrofia dell'ippocampo - si verifica in quasi le stesse malattie, comprese le malattie di Alzheimer e di Itsenko-Cushing. I fattori di rischio per il suo sviluppo sono considerati malattie cardiovascolari, depressione e condizioni di stress, stato epilettico, diabete mellito, ipertensione arteriosa,  [24]obesità. I sintomi includono perdita di memoria (nell'Alzheimer, prima dell'amnesia anterograda  )  [25],  [26]difficoltà con processi familiari, definizione spaziale ed espressione verbale. [27]

Se l'organizzazione strutturale delle cellule dei campi del corno di Ammone e della regione subiculum è disturbata e si perde una parte dei neuroni piramidali (atrofia) - con l'espansione dell'interstizio e la proliferazione delle cellule gliali (gliosi) - la la sclerosi dell'ippocampo è determinata - sclerosi mesiale dell'ippocampo, sclerosi temporale mesiale o del lobo temporale mesiale. La sclerosi si verifica nei pazienti con demenza (che causa la perdita della memoria episodica ea lungo termine) e porta anche  all'epilessia del lobo temporale . [28]A volte è definita come limbica temporale o ippocampale, cioè epilessia ippocampale. Il suo sviluppo è associato alla perdita di interneuroni inibitori (GABAergici) (che riduce la capacità di filtrare i segnali afferenti della corteccia entorinale e porta a ipereccitabilità), neurogenesi alterata e proliferazione degli assoni delle cellule granulari dello zilin dentato. Maggiori informazioni nell'articolo -  Epilessia e crisi epilettiche - Sintomi

Come evidenziato dalla pratica clinica, i tumori dell'ippocampo si trovano raramente in questa struttura cerebrale e nella maggior parte dei casi si tratta di un ganglioglioma o di un tumore neuroepiteliale disembrioplastico - una neoplasia glioneuronale benigna a crescita lenta, costituita principalmente da cellule gliali. Il più delle volte si verifica durante l'infanzia e la giovane età; i sintomi principali sono cefalea e convulsioni croniche intrattabili.

Anomalie congenite dell'ippocampo

Con tali malformazioni della corteccia cerebrale, come displasia corticale focale, emimegalencefalia (allargamento unilaterale della corteccia cerebrale), schizencefalia (presenza di fessure corticali anormali), polimicrogiria (diminuzione delle circonvoluzioni), nonché accompagnata da convulsioni e disturbi visivi disturbi spaziali dell'ippocampo nodulo periventricolare.

L'ingrandimento anomalo dell'amigdala e dell'ippocampo è stato identificato dai ricercatori in presenza  di sindrome autistica della prima infanzia . L'allargamento bilaterale dell'ippocampo è osservato nei bambini con  lissencefalia cerebrale , ispessimento anomalo della circonvoluzione (pachigiria) o con eterotopia laminare sottocorticale - un raddoppio della corteccia cerebrale, una manifestazione della quale sono le crisi epilettiche. Maggiori informazioni nei materiali:

L'ipoplasia dell'ippocampo, e spesso del corpo calloso, associata a sottosviluppo del cervello, viene rilevata nei neonati con grave encefalopatia con una mutazione del gene WWOX che codifica per l'enzima ossidoriduttasi. Questa anomalia congenita, che porta alla morte prematura, si manifesta con la mancanza di movimento spontaneo e di risposta agli stimoli visivi del bambino, nonché con convulsioni (che compaiono diverse settimane dopo la nascita).

L'inversione dell'ippocampo - un cambiamento nella sua posizione e forma anatomica - rappresenta anche una malformazione intrauterina dell'ippocampo stesso (Cornu Ammonis), la cui formazione dalle pieghe della materia grigia dell'archicorteccia si completa entro la 25a settimana di gravidanza.

L'inversione incompleta dell'ippocampo, così come la malrotazione dell'ippocampo o l'inversione dell'ippocampo con malrotazione, è la formazione di un ippocampo sferico o piramidale, che si osserva più spesso nel lobo temporale sinistro - con una diminuzione delle dimensioni. Si possono osservare alterazioni morfologiche nei solchi vicini. L'anomalia viene rilevata nei pazienti con e senza convulsioni, in presenza di altri difetti intracranici e nei casi della loro assenza.

Un'anomalia congenita è anche una cisti ippocampale - una piccola cavità piena di liquido cerebrospinale (uno spazio perivascolare espanso delimitato da una parete sottile) di forma arrotondata. Le cisti residue dell'ippocampo, sinonimo di cisti del solco residuo (Sulcus hippocampalis), si formano con involuzione incompleta della fessura ippocampale embrionale durante lo sviluppo intrauterino. La localizzazione caratteristica delle cisti è lateralmente all'apice del solco ippocampale, tra Cornu Ammonis e Gyrus dentatus. Non si manifestano in alcun modo e sono spesso scoperti per caso durante gli studi di routine della risonanza magnetica del cervello. Secondo alcuni rapporti, vengono rilevati in quasi il 25% degli adulti.

Ippocampo e coronavirus

Dall'inizio della diffusione del covid-19, i medici hanno notato in molti pazienti guariti dimenticanza, ansia, umore depressivo, spesso sentono lamentele di "nebbia alla testa" e aumento dell'irritabilità.

È noto che il coronavirus che causa il covid-19 entra nelle cellule attraverso i recettori nel bulbo olfattivo (Bulbus olfactorius), provocando sintomi come anosmia o perdita dell'olfatto.

Il bulbo olfattivo è associato all'ippocampo e, secondo i ricercatori sulle malattie neurodegenerative dell'Alzheimer's Association, il suo danno è dovuto al deterioramento cognitivo osservato nei pazienti con covid-19, in particolare, problemi di memoria a breve termine.

Recentemente, è stato annunciato che intendono avviare uno studio su larga scala sugli effetti del coronavirus sul cervello e sulle cause del declino cognitivo nel prossimo futuro, a cui parteciperanno scienziati di quasi quattro dozzine di paesi - sotto la guida tecnica e coordinamento dell'OMS.

Leggi anche - Il  coronavirus resta nel cervello anche dopo la guarigione

Diagnostica delle malattie dell'ippocampo

I principali metodi per diagnosticare malattie associate a determinati danni alle strutture dell'ippocampo includono lo  studio della sfera neuropsichica , la risonanza magnetica e la  tomografia computerizzata del cervello .

I medici preferiscono visualizzare l'ippocampo alla risonanza magnetica: con immagini assiali pesate in T1 standard, coronali, pesate in diffusione, immagini assiali pesate in T2 dell'intero cervello e immagini coronali pesate in T2 dei lobi temporali. Per identificare cambiamenti patologici nei campi dell'ippocampo stesso, giro dentato o paraippocampale, viene utilizzata la risonanza magnetica 3T; potrebbe essere necessaria una risonanza magnetica con un campo più alto. [29]

Inoltre effettuato:  ecografia Doppler dei vasi cerebrali , EEG -  encefalografia  del cervello.

Dettagli nelle pubblicazioni:

Trattamento delle malattie dell'ippocampo

Le anomalie congenite dell'ippocampo associate al sottosviluppo e alle deformità da riduzione del cervello non possono essere curate: i bambini sono destinati alla disabilità a causa di  disturbi cognitivi di  varia gravità e disturbi comportamentali associati.

Come vengono trattate alcune delle malattie sopra elencate? Leggi nelle pubblicazioni:

Nei casi in cui gli anticonvulsivanti, cioè  i farmaci antiepilettici,  non affrontano le convulsioni nell'epilessia del lobo temporale mesiale,  [30]ricorrono almeno al trattamento chirurgico.

Le operazioni includono: ippocampectomia - rimozione dell'ippocampo; ectomie limitate o estese delle zone epilettogene (resezione o escissione delle strutture colpite); lobectomia temporale con conservazione dell'ippocampo; resezione selettiva dell'ippocampo e delle tonsille (amigdala-ippocampectomia). [31]

Secondo le statistiche cliniche straniere, nel 50-53% dei casi dopo l'intervento chirurgico, le crisi epilettiche nei pazienti si fermano, il 25-30% dei pazienti operati ha convulsioni 3-4 volte l'anno.

Come addestrare l'ippocampo?

Poiché l'ippocampo (il suo giro dentato) è una delle poche strutture cerebrali in cui si verifica la neurogenesi o la rigenerazione dei nervi, ovvero la formazione di nuovi neuroni, l'esercizio fisico può influenzare positivamente il processo di compromissione della memoria (se viene trattata la malattia di base).

È stato dimostrato che  l'esercizio sportivo aerobico  e qualsiasi attività fisica praticabile (e soprattutto in età avanzata) contribuiscono alla sopravvivenza dei neuroni e stimolano la formazione di nuove cellule nervose nell'ippocampo. A proposito, l'esercizio riduce lo stress e migliora la depressione. [32],  [33], 

Inoltre, la stimolazione cognitiva aiuta ad allenare l'ippocampo, cioè esercizi mentali: memorizzare poesie, leggere, fare cruciverba, giocare a scacchi, ecc.

Come ingrandire l'ippocampo, perché in età avanzata diventa più piccolo? Un rimedio provato dai ricercatori è l'esercizio, che aumenta la perfusione dell'ippocampo e la formazione di nuove cellule del tessuto nervoso è più attiva.

Come ripristinare l'ippocampo dopo lo stress? Impegnati nella meditazione di consapevolezza, che è una pratica di allenamento mentale volta a rallentare i pensieri in esecuzione, rilasciare la negatività e raggiungere la pace della mente e del corpo. Uno studio di un'università dell'Asia orientale ha dimostrato che la meditazione può aiutare a ridurre i livelli di cortisolo nel sangue.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.